What is Messianic Judaism? Cos’è il Giudaismo Messianico?

Pozzuoli HOPdefinitivo

 

What Is Messianic Judaism? is adapted from Messianic Judaism: Questions and Answers, a booklet written by Rabbi David Chernoff. What Is Messianic Judaism? answers some of the questions frequently asked about Messianic Judaism.

DEFINITIONS

What Is Messianic Judaism?

Messianic Judaism is a movement of Jewish people who believe that Yeshua (Jesus’ original name in Hebrew) is the Messiah of Israel and the Savior of the world. Yeshua is the most Jewish of Jews. Yeshua was a descendant of both Abraham and King David, was raised in a Jewish home and went to synagogue. He perfectly kept the entire Torah (see Galatians 4:4). He taught that He came to fulfill, not set aside, the Torah (see Matthew 5:17-19). He was a rabbi who performed unparalleled miracles, bringing great blessing to the nation of Israel. All His early disciples also lived very Jewish lives. The Messianic movement was entirely Jewish at its inception, and continued to exist as an authentic Jewish movement for 700 years after Yeshua’s death and resurrection. Messianic Jews have not stopped being Jewish. On the contrary, we remain strongly Jewish in our identity and lifestyle! The Tanach (the Old Testament Scriptures) provides the foundation of our Jewish faith, and the New Covenant Scriptures (which were also written by Jews) the completion of our Jewish faith. In fact, the Hebrew Scriptures themselves affirm that they are not complete, but that Hashem (God was going to make a New Covenant with the Jewish people (Jeremiah 31:31-34). We believe that the Sinai covenant, upon which much of traditional (Rabbinic) Judaism is based, is a broken covenant. There is no Temple and there are no sacrifices by which we can be brought near to God and experience genuine atonement. Non-Messianic Judaism is based on this broken covenant, which cannot save us. In contrast, we believe that God already established this New Covenant by means of Yeshua’s death and resurrection. He died and rose again to atone for our sins, so that we can enter into this New Covenant relationship with God. We believe that Yeshua ascended to the right hand of God the Father and is coming back to Earth to reign from Jerusalem over Israel and all the nations of the world. At that time the fullness of the New Covenant will be realized.

What Is The Difference Between Messianic Judaism And The Various Non-Messianic Judaisms?

Non-Messianic or Rabbinic Judaism is a religion centered around the teachings and writings of the non-Messianic rabbis. Its formation began during the Babylonian Captivity (around 550 BC) and solidified nearly 2,000 years ago when the Second Temple was destroyed in 70 AD. Prior to that, “Judaism”, or the faith of the Jewish people, was centered around the Temple and the sacrificial system, and brought genuine atonement. After the destruction of the Temple, the non-Messianic rabbis decided to radically restructure Judaism, substituting synagogues, rabbis, prayers, study and commandments for the Temple, priests and sacrifices. They also added many of their own laws, rules and traditions. Sadly, they left us with a man-made religion that is powerless to save us. Today their writings and commentaries (the Talmud, etc.) form the foundation of traditional (non-Messianic) Judaism. Rabbinic Judaism consists of several branches: Orthodox (traditional), Chassidic (Orthodox with influences from eastern mysticism, including belief in reincarnation – a non-Biblical concept), Conservative, Reform (liberal), Reconstructionist (emphasizing Jewish culture over theology) and Secular Humanistic (denying the existence of God). Very few within these “Judaisms” are actually awaiting the Messiah, and those who are, are the exceptions. Messianic Judaism differs from Rabbinic Judaism in that we rely completely on the Scriptures. Our faith is the Judaism of the Bible (Biblical Judaism) and is centered on Messiah and the salvation He brings. We are brought near to God because of the atoning work of Yeshua, Israel’s Chief Rabbi, who has fulfilled us as Jewish believers and fulfilled Judaism itself.

Is There A Difference Between Messianic Judaism And Christianity?

In one sense, Messianic Judaism and Christianity are the same thing. There is only one faith. Messianic Jews and Christians share the same core beliefs. Messianic Judaism is the same faith but it is expressed within the Jewish heritage.

 THE ORIGINS OF MESSIANIC JUDAISM

When Did Messianic Judaism Begin?                                                                                    

Messianic Judaism is actually 2,000 years old, dating to the time of Yeshua Himself. Yeshua was (and is) Jewish. He was raised in a Jewish home and ministered to Jewish people in the land of Israel. His disciples were Jewish. The apostles were Jewish. The writers of the Brit Chadashah (New Covenant or Testament) were Jewish (with the possible exception of Luke, and a good case can be made that he too was Jewish), and for a time, the faith was strictly Jewish. By the middle of the first century AD, tens of thousands of Jewish people believed that Yeshua was the Messiah (see Acts 2:37-42, 4:4, 21:20).

If, At First, Messianic Judaism Was Made Up Entirely Of Jewish People, How Did Gentiles Come Into The Faith?

It was always God’s will for the Gentile nations to share in His salvation (Isaiah 42:6, 49:6). God told Abraham that through him all the nations of the Earth would be blessed (Genesis 12:1-3). The Lord set apart the Jewish people to bring the knowledge of God, the Word of God, and the Savior to the rest of the world. At first the early Messianic Jews did not understand that this was God’s will and they proclaimed the Good News only to other Jewish people. Ironically, the big controversy in the first century was not whether Jews could believe in Yeshua (naturally they could), but whether Gentiles could come into the faith without having to “become Jewish”! When Messianic Jews finally understood that salvation was also intended for the Gentiles, they began to share the Good News with non-Jews as well as with Jews. As a result, many Gentiles began to come into the faith.

How Did A Jewish Movement Come To Be Regarded As So Non-Jewish?

When the early Messianic Jews took the Good News to the Gentiles, many became believers. By the end of the first century, Gentile believers outnumbered the Jewish believers. This occurred primarily because there are far more Gentiles than Jewish people. However, as more and more Gentiles came into the Messianic faith, some had little understanding or regard for its Jewish roots and God’s eternal covenant with Israel. A “de-Judaizing” process (a separation from the Jewish roots of the faith and from the Jewish people) set in. As the number of Gentile believers increased, they began to dominate the faith until the Gentile expression of Christianity emerged as the dominant expression of the faith. Then, in what can only be regarded as one of the greatest paradoxes of history, Christianity made it seem alien for a Jewish person to be loyal to the King of the Jews!

When Did The Early Messianic Jews Disappear And Why?

In spite of the many pressures put upon Jewish believers to give up their faith, it seems that Messianic Judaism continued into the seventh century AD. First, non-Messianic rabbis pressured Messianic Jews to relinquish their faith in Yeshua as the Messiah. In addition, the dominant Gentile expression of Christianity pressured Messianic Jews to abandon their Jewishness. Finally, in the seventh century AD, the rise of Islam caused distress for Messianic Jews. Despite all this, the real reason for the disappearance of early Messianic Judaism was that Messianic Jews lost their “vision” – no longer regarding it as important to remain Jewish after accepting Yeshua. Consequently, they assimilated into the Gentile expression of Christianity.

MODERN MESSIANIC JUDAISM

When Did The Modern Messianic Jewish Movement Begin?

Though Messianic Judaism as a distinct movement faded in the seventh century, there have always been individual Jewish believers in Yeshua. Beginning in the early 1800s increasing numbers of Jewish people began believing in Yeshua. The modern Messianic Jewish movement came to fruition in the 1960s and 1970s. We believe that this could be part of the salvation of the Jewish people predicted to occur in the Last Days (see Hosea 3:4-5, Joel 2:28-29, Deuteronomy 30:1-5, Romans 11:25-27).

How Many Messianic Jews Are There?

While there are no concrete figures, it has been estimated by those involved in the movement (and even by those outside the movement) that there are approximately 40,000 to 50,000 Jewish believers in the Messiah in the United States. Even though there are approximately 300 Messianic synagogues in the U.S., the majority of Messianic Jews join evangelical churches and do not attend Messianic congregations. The Messianic congregational movement is still relatively small, but it is growing. In 1948, when Israel was reestablished as an independent nation, there were fewer than 100 Messianic Jews living in Israel. Today, there are approximately 8,000 Messianic Jews in Israel in 50 congregations! The Messianic Jewish movement is also growing in other countries, Beit Shalom is the first Messianic House Of Prayer in Italy. If you are interested in getting involved in a Messianic House of Prayer or Synagogue, discernment is required, since not all are theologically sound.

MESSIANIC TERMINOLOGY

Why Do We Use The Name “Yeshua” As Well As “Jesus”?

Yeshua never heard the name “Jesus” in His lifetime! Yeshua is His given Hebrew name! It means “salvation” or “the L-rd is salvation” (see Matthew 1:21). He was always called “Yeshua”, a common Hebrew name at that time. When Latin-speaking missionaries, who called the Messiah “Yesu”, brought the Good News to the British people, “Yesu” became “Jesus” in English.

What Does “Christ” Mean?

Some people mistakenly believe that “Christ” is Yeshua’s last name! Rather, “Christ” is His title in much the same way as we might refer to a “President” or “King”. This title is taken from the Hebrew word “Mashiach” or “Anointed One”, which was translated into the Greek “Christos” and later anglicized to “Christ”. The actual English translation of Mashiach is “Messiah” and means an anointed, God-appointed leader. Prophets, priests and kings were anointed. The Messiah is the ultimate Prophet, Priest and King! Examples of this title in the Tanach are found in Daniel 9:25 and Psalm 2:2. In the New Covenant, Yeshua claimed the title of Messiah (see Mark 14:61-62 and John 4:25-26).

Why Do Many Messianic Jews Prefer To Identify As Messianic Jews?

The term “Christian” originally meant “follower of the Christ” or “follower of the Messiah”. By itself “Christian” is a good term. Theologically, Messianic Jews are Christians and many of us do identify as Christians and call ourselves Christians. But sadly, over time the term “Christian” came to be used over-broadly and inaccurately. Many people today have a false dichotomy in their minds, that on the one hand there are Jews and Judaism, and on the other hand there are Gentiles and Christianity; and supposedly one must choose between the two. Accordingly, when a Jewish person accepts Yeshua he is thought to have “switched over” from the Jew-Judaism side to the Gentile-Christianity side; and is therefore no longer regarded as a Jew, but as a Gentile-Christian. For all intents and purposes the term “Christian” has become synonymous with “non-Jew” or “Gentile”. We believe the opposite to be true. Nothing could be more Jewish than to follow Israel’s Messiah! Consequently we also choose to call ourselves “Messianic Jews”, which identifies us as Jewish people who follow Messiah Yeshua.

If I’m Jewish And Believe in Jesus, Will I Stop Being Jewish?

Yeshua is the Messiah and believing in Him is the most Jewish thing that you could do! How could a Jewish person who acknowledges the Jewish Messiah become a non-Jew? Contrary to certain claims, the Jewish identity of many Messianic Jews has been strengthened by their faith in the King of the Jews. Many of us can claim that Jesus made us kosher! Faith in Yeshua is Jewish, no matter what men (even a majority of men) may say, because truth is determined by G-d, not by a majority vote! In fact, in every generation it has always been the remnant minority of Jewish people who had true faith in God. The majority almost always went astray (as examples, see Numbers 14:1-10, Exodus 32:25-26, Romans 11:2-10). If you are Jewish, it is because God made you a Jew and no one can ever change that.

MESSIANIC JEWISH LIFESTYLE

What Is The Importance Of Messianic Congregations?

Just as Messianic Judaism is not new, neither are Messianic synagogues new. Biblical and historical records demonstrate that there were Messianic synagogues throughout the Roman Empire and beyond as early as 50 AD (James 1:1, 2:2, Hebrews 10:27). Messianic congregations help foster community life. They enable Messianic Jews to worship the God of Israel within the Jewish heritage. Assimilation is a problem for Messianic Jews (as well as for other Jews), and Messianic congregations help combat the forces of assimilation. Historically, Messianic Jewish families that make no effort to live a Jewish lifestyle or to be involved in Jewish evangelism almost always assimilate within a couple of generations. Messianic congregations can help us maintain our Jewish identity and pass it on to the following generations.

What About Messianic Jewish Ministries?

Jewish ministries are also part of the Messianic Jewish movement. The Lord has used organizations like Jews for Jesus to bring the truth to many Jewish people, start Messianic synagogues and help Gentile Christians learn about the Jewishness of Christianity. Messianic congregations and Jewish ministries need to work together.

Do Messianic Jews Believe They Should Keep The Law Of Moses?

The covenant upon which much of the Torah is based is the broken Sinai covenant. There is no Temple, and therefore no sacrifices by which we may draw near to God and obtain eternal life. Therefore, it is impossible to keep all the laws of the Mosaic Covenant today. In addition, most Jews live outside of Israel, and many of the laws only apply to life within Israel. Nevertheless, the laws that are part of the covenant mediated by Moses are still valuable and relevant. The Torah continues to inform and guide the life of the Jewish people. It teaches us the right things to do and gives us a good way to live. It helps us live an authentic Jewish lifestyle. It helps us remain part of the Holy People. The early Messianic Jews had a favorable view of the Torah, and many were zealous to live in accordance with it (see Acts 21:20-26). History documents that Messianic Jews continued to live a distinctly Jewish, Torah-based lifestyle for centuries after the arrival of Messiah Yeshua. There is no incompatibility with being “zealous for the Torah” and being a Messianic Jew. Therefore, we are pro-Torah, while recognizing that the Covenant made at Sinai is a broken covenant. We are pro-Torah, valuing the great wisdom that is found in the Torah. we are pro-Torah, recognizing that all believers are in some sense to fulfill the Law (Romans 8:4), but that not all of us are obligated to fulfill the same requirements of the Law (for example, Gentiles need not be circumcised). We are pro-Torah, recognizing that nobody (Jewish or otherwise) can be saved by the works of the Law. We are pro-Torah, recognizing that Messiah’s teaching helps return us to the Torah’s original intent regarding issues such as a man being married to only one woman. We are pro-Torah, understanding that one of the main purposes of the Torah is to point us to Messiah. We are pro-Torah, accepting the fact that Messianic Jews who choose not to keep every aspect of the Law, particularly the ceremonial laws, do not lose their salvation. Our personal experience is that we have become more observant over time, but it was a process that took years. We encourage Messianic Jews to identify with and embrace their Jewish heritage, which in large part is based on the Torah; and We encourage Messianic Jews and Christians to be gracious to each other regarding others’ level of Torah observance.

Do Messianic Jews Celebrate The Jewish Holidays And, If So, Why?

Most Messianic Jews celebrate the Biblical holidays such as Passover, Shavuot (Pentecost), Rosh HaShanah (the traditional Jewish New Year, but actually the Feast of Trumpets), Yom Kippur (the Day of Atonement), Sukkot (the Feast of Tabernacles), Chanukkah (the Feast of Dedication) and Purim. We celebrate the holidays because it is written in the Torah for Israel to observe these festivals forever (Leviticus 23:21, 31, 41; Exodus 12:14). Yeshua observed these festivals, as did the early Messianic Jews and apostles such as Rabbi Paul (Acts 20:16, 27:9; 1 Corinthians 16:8). We also believe that when Messiah Yeshua returns to Earth, some of these holidays will be reestablished worldwide (Zechariah 14:11-21). As Messianic Jews celebrate the holidays, we do so with the understanding that Yeshua is thefulfillment of each of them. For example, He is our Passover Lamb, who died on Passover. He is the Firstfruits of the resurrection, who came back to life on the holiday of Firstfruits. He is our Atonement on Yom Kippur, etc.

What Is The Relationship Of Gentile Christians To The Laws Of The Torah?

Messiah’s Holy Community of Jews and Gentiles (the Church), while having much in common with Israel, is not identical to Israel. The New Covenant is not the same as the Old Covenant. Jews who enter the New Covenant remain Jews, and Gentiles who enter the New Covenant remain Gentiles. Gentile believers are not the same as the Gentile foreigners who lived in the nation of Israel under the Old Covenant. Gentile Christians have an elevated status compared to the aliens who lived in the nation of Israel under the Old Covenant. They are fully co-heirs of the Kingdom with the Jewish saints. Being grafted into Israel doesn’t mean that Gentile believers become Israel or are required to live the same way as the Jewish people. Jews and Gentiles are one because of our one God and Father of all: “one Lord, one faith and one Baptism”. We share equally in the Spirit of God, who lives in all of us, and have the same hope of living forever in the New Jerusalem. Being one doesn’t negate the differences in roles and calling and lifestyle between Jews and Gentiles. Keep in mind that most of the laws of the Torah were directed specifically to the Jewish people and not to the other nations. The laws formed Israel’s constitution. The laws were meant to keep Israel distinct from the other nations. So what relationship does the Gentile Christian have to the 613 laws of the Torah? The book of Acts records that Messiah’s Emissaries (the Apostles) and the Elders of Messiah’s Holy Community met to decide this very issue. In the Messianic Jewish community we commonly refer to this meeting, recorded in Acts 15, as “the First Jerusalem Council”. According to the binding, Holy Spirit-inspired decision issued by the Emissaries and Elders, apart from saving faith in Messiah Yeshua, only four essential practices are necessary for Gentile Christians: abstaining from food dirtied by idolatry, from sexual immorality, from eating blood and from the meat of animals that have been strangled (see Acts 15, especially verses 19-20, 28-29). In addition to these Four Essentials, obedience to the Moral Law (for example, not stealing, not murdering, not committing adultery and not bearing false witness) is required. The Creator has written these moral laws on everyone’s heart (see Romans 2:14-15). Apart from these Four Essential Practices and the Moral Law, everything else – including the Sabbath, holidays and dietary laws – is to be regarded as non-essential, and comes under the area of Christian freedom and liberty. If someone wants to observe a Biblical holiday or custom, there is freedom, but no obligation, to do so. Gentile Christians have the freedom to celebrate the Sabbath and the Jewish holidays, or not observe them. If someone says, “Messiah is my Passover and I don’t need to celebrate a Passover Seder” – that’s fine. If someone says, “Messiah is my Sabbath, and I’m resting in Him, and therefore I don’t need to rest on the Sabbath” – that’s OK. If someone wants to observe the first day of the week as a day of rest and worship, he has every right to do so. If someone says, “I want to observe the Sabbath and celebrate the Passover to help me better remember and appreciate Messiah, my Passover Lamb” – that’s fine, too. This does not make the Torah irrelevant for Christians. The Torah is full of great wisdom. In the Torah are found the principles for salvation, atonement and God-ordained ways of worship. The initial prophecies and God-ordained qualifications for the Messiah are found here. True and accurate historical accounts – the history of the Creation, the Fall and the Flood; the origins and dispersing of the nations and their languages; the foundation and calling of Israel; the covenants made with Noah, Abraham and Moses – are all contained in this great Book. Basic laws of morality and  justice, and principles for godly living – principles that can be applied to the life of every nation and every Christian – are found in the Torah. Every Christian should be well-versed in the Torah.

Can Gentiles Be Members Of A Messianic Synagogue?

Most Messianic congregations have non-Jewish members. To be a member of a Messianic synagogue, a Gentile believer should have a love for the Jewish people, an understanding of what God is doing with the Jewish people, and have a “Ruth-like” calling to the Chosen People. That does not mean Gentile believers need to live exactly like Jewish people.

Are Messianic Jews Zionists?

Most Messianic Jews support Israel, not only because we believe the Jewish people need a national homeland, but also because we believe the reestablishment of Israel is a direct fulfillment of ancient Biblical prophecies (Ezekiel 36:24, 37:1-14, Zechariah 12). We believe the reestablishment of the nation of Israel is part of the divine plan and not a historical accident. We reject Replacement Theology, the false teaching that God has replaced Israel with the Church and God’s promises of restoration to our God-given land are not to be taken literally. Therefore everyone, especially Christians, should support Israel’s right to our ancient land because God’s promise to Abraham is still in effect: “I will bless those who bless you and curse those who curse you” (Genesis 12:3).

HOW DO YOU KNOW THAT YESHUA IS THE MESSIAH?

The prophecies in the Hebrew Scriptures assure us that Yeshua is the Messiah. God wanted us to be able to recognize the Messiah when He came:

  • The Messiah had to be born in Bethlehem (Micah 5:1-2). See Matthew 2:1-6, Luke 2:1-20.
  •  The Messiah would be more than a man. He would be God in human form (Isaiah 9:6-7, Jeremiah 23:5-6, Psalm 110:1, Proverbs 30:4). See John 1:1, 20:28; Hebrews 1:8.
  •  The Messiah had to come before Jerusalem was destroyed in 70 AD (Daniel 9:24-27). See Luke 1:5, 2:1-7.
  • The Messiah had to be a direct descendant of King David, a member of the royal family of Israel (Jeremiah 23:5-6, Isaiah 9:6-7). See Matthew 1.
  • The Messiah was to be tried and unfairly condemned, even though He was perfectly innocent (Isaiah 53:8). See Matthew 27:1-2, Luke 23:1-25.
  • The Messiah would die to make atonement for the sin of Israel and the world (Isaiah 53:5-6, 8, 10-12; Daniel 9:24-27; Zechariah 9:9, 12:10; Psalm 16:10, 22). See John 1:29, 11:49-52; 1 Corinthians 15:53.
  • The Messiah was to be a light to the nations, so that God’s salvation could reach to the ends of the Earth (Isaiah 49:6). Yeshua is the most popular, the most studied and the most influential figure in the history of mankind. He is the most famous Jew who ever lived: more famous than Abraham, more famous than Moses, more famous than King David or any of the prophets, more famous than Freud or Einstein! If people throughout the world know about Israel, or pray to the God of Israel, or read the Holy Scriptures of Israel, it is because of Yeshua. No Jewish person should be indifferent to the fact that this Jewish man has had such a tremendous part in the history of mankind. The love He has inspired, the comfort He has given, the good He has engendered, the hope and joy He has kindled are unequaled in human history. He truly has become the light of the world! 
  • The Messiah would rise from the dead (Isaiah 53:8-12; Psalm 16:10, 118:21-24; Zechariah 12:10). The New Testament records that after His death and resurrection, Yeshua appeared to a wide variety of Jewish people in varying numbers and under varying circumstances. He appeared to Mary (John 20:11-18); to some other women (Matthew 28:8-10); to Simon Peter (Luke 24:34); to two on the road to Emmaus (Luke 24:13-35); to 10 of the apostles (Luke 24:36-43); to all 11 apostles eight days later (John 20:24-29); then to seven by the Kinneret (the Sea of Galilee – see John 21:1-23). Yeshua appeared to 500 people at once, most of whom were alive and could verify the event when the New Testament was written (1 Corinthians 15:6)! Yeshua appeared to His brother James, who became the leader of the Jerusalem Congregation (1 Corinthians 15:7), and to Rabbi Paul of Tarsus, who became better known as the Apostle Paul (Acts 9:1-16). Since the first century there have been millions of people, both Jews and Gentiles (including some of the greatest thinkers, philosophers and scientists), who have claimed to have encountered the resurrected Yeshua. What transformed all of these people? Only one explanation makes sense – He is alive today!

Yeshua’s resurrection makes Him absolutely unique in the history of the world and puts him on a level far higher than any of the prophets of Israel or any other religion or any philosopher. Buddha is still in his tomb. Mohammed is still in his grave. Confucius is still dead. Marx, Lenin and Freud are still in their graves. Only Yeshua has been raised from death! Since God would never allow a liar, a deceiver, or a false Messiah to be resurrected, Yeshua’s resurrection validates His person, His ministry and His message. His resurrection is God’s seal of approval on everything that Yeshua did and taught, and God’s declaration to the world that Yeshua is Messiah and Savior of mankind. Therefore, we ought to pay attention to every word He uttered, since He spoke the truth without any error. History tells us that only one man, Yeshua of Nazareth, fulfilled these prophecies and many others. No other man in history even comes close. The probability that one person could fulfill all these prophecies by chance is infinitesimally small. There is only one rational conclusion: Yeshua is the Messiah of Israel whom the prophets told us to expect.

WE WELCOME YOUR INVOLVEMENT!

We are encouraged by the growth of Messianic Judaism and by the growth of the Messianic House of Prayer Beit Shalom. We invite you to join us through your prayers, support, encouragement and participation. We appreciate all of you who stand with us. May the Three-In-One God of Israel bless and reward you for your faithfulness! From the bottom of our hearts – thank you!

If you are not a Messianic Jew or Gentile, please contact us and we will try to help you have the wonderful kind of relationship with the God of Israel that He wants you to have!

Beit Shalom

A Messianic House of Prayer Staff

https://villageofhopejusticeministry.org/contact/

Cos’è il Giudaismo Messianico? È adattato da Ebraismo Messianico: Domande e risposte, un opuscolo scritto dal rabbino David Chernoff. Cos’è il Giudaismo Messianico?  Risponde ad alcune delle domande più frequenti sul Giudaismo Messianico.

DEFINIZIONI

Cos’è il Giudaismo Messianico?

Il Giudaismo Messianico è un movimento di Ebrei che credono che Yeshua (il nome originale di Gesù in Ebraico) sia il Messia di Israele e il Salvatore del mondo. Yeshua è il più Ebreo degli Ebrei. Yeshua era un discendente di Abramo e di Davide, era cresciuto in una casa Ebraica e andò in sinagoga. Egli rispettava perfettamente l’intera Torah (vedi Galati 4:4). Egli insegnava dicendo che era venuto per adempiere, non mettere da parte, la Torah (vedi Matteo 5:17-19). Era un rabbino che compiva miracoli ineguagliabili, portando grande benedizione alla nazione di Israele. Tutti i suoi primi discepoli vivevano vite nel rispetto dell’Ebraismo. Il movimento Messianico era interamente Ebraico sin dalla sua nascita con Yeshua (Gesù) e continuò ad esistere come un autentico movimento Ebraico per 700 anni dopo la morte e la risurrezione di Yeshua. Gli Ebrei Messianici non hanno smesso di essere Ebrei. Al contrario, rimaniamo fortemente Ebrei nella nostra identità e nello stile di vita! Il Tanach (le Scritture dell’Antico Testamento) fornisce le fondamenta della nostra fede Ebraica e le Scritture del Nuovo Patto (Nuovo Testamento che furono anche scritte dagli Ebrei) il completamento della nostra fede Ebraica. Infatti, le stesse Scritture Ebraiche affermano che non sono complete, ma che Dio avrebbe fatto una nuova alleanza con il popolo Ebraico (Geremia 31:31-34). Crediamo che l’alleanza del Sinai, sulla quale si basa gran parte del Giudaismo (rabbinico) tradizionale, sia un’alleanza infranta. Non c’è Tempio e non ci sono sacrifici per i quali possiamo essere avvicinati a Dio e sperimentare l’autentica espiazione. Il Giudaismo non Messianico si basa su questo patto rotto, che non può salvarci. Al contrario, crediamo che Adonai abbia già stabilito questa Nuova Alleanza mediante la morte e la risurrezione di Yeshua (Gesù). Questi è morto e risorto per espiare i nostri peccati, così da poter entrare in questa relazione di Nuova Alleanza con Dio. Noi crediamo che Yeshua sia asceso alla destra di Dio Padre e stia tornando sulla Terra per regnare da Gerusalemme sopra Israele e tutte le nazioni del mondo. A Suo tempo si realizzerà la pienezza della Nuova Alleanza.

Qual è la differenza tra l’Ebraismo Messianico e il Giudaismo non Messianico?

Il Giudaismo non Messianico o rabbinico è una religione incentrata sugli insegnamenti e gli scritti dei rabbini non Messianici. La sua formazione iniziò durante la cattività Babilonese (attorno al 550 aC) e si consolidò quasi 2000 anni fa, quando il secondo tempio fu distrutto nel 70 d.C. Prima di ciò, il “giudaismo”, o la fede del popolo Ebraico, era concentrato attorno al Tempio e al sistema sacrificale, e portava una vera espiazione. Dopo la distruzione del Tempio, i rabbini non Messianici decisero di ristrutturare radicalmente l’Ebraismo, sostituendo sinagoghe, rabbini, preghiere, studi e comandamenti per il tempio, i sacerdoti e i sacrifici. Hanno anche aggiunto molte delle loro leggi, regole e tradizioni. Purtroppo, ci hanno lasciato con una religione creata dall’uomo che è impotente per salvarci. Oggi i loro scritti e commenti (il Talmud, ecc.) Costituiscono il fondamento dell’Ebraismo tradizionale (non-Messianico). L’Ebraismo rabbinico consiste di diversi rami: Ortodosso (tradizionale), Chassidico (Ortodosso con influenze dal misticismo orientale, inclusa la credenza nella reincarnazione – un concetto non Biblico),  ConservatoreRiforma (liberale), Ricostruttivista (sottolineando la cultura ebraica sulla teologia) e Umanista secolare (negando l’esistenza di Dio). Pochissimi all’interno di questi “Giudaismi” sono in realtà in attesa del Messia, e quelli che lo sono, sono le eccezioni. Il Giudaismo Messianico differisce dal Giudaismo rabbinico in quanto si fonda esclusivamente sulle Scritture Bibliche. La nostra fede è il Giudaismo Messianico fondato sulla Bibbia (Ebraismo Biblico) ed è centrata sul Yeshua il Messia e sulla salvezza che Egli porta. Siamo riconciliati ad Adonai grazie all’opera espiatoria di Yeshua, il nostro Sommo Sacerdote e Rabbino capo di Israele, che ci ha resi completi come Ebrei ed ha adempiuto l’Ebraismo stesso.

C’è una differenza tra Ebraismo Messianico e il Cristianesimo?

In un certo senso, il Giudaismo e il Cristianesimo Messianici sono la stessa cosa. C’è solo una fede in Yeshua. Ebrei e Cristiani Messianici condividono le stesse convinzioni fondamentali. Il Giudaismo Messianico ha la stessa fede in Yeshua ma è espressa all’interno dell’eredità Ebraica.

LE ORIGINI DEL GIUDAISMO MESSIANICO

Quando ha avuto inizio il Giudaismo Messianico?

Il Giudaismo Messianico ha in realtà 2000 anni e risale ai tempi di Yeshua stesso. Yeshua era (ed è) Ebreo. È cresciuto in una casa Ebraica e sin da bambino ha prestato servizio al popolo Ebraico in Israele e per Israele. I suoi discepoli erano Ebrei. Gli apostoli erano Ebrei. Gli scrittori del Brit Chadashah (Nuova Alleanza o Nuovo Testamento) erano Ebrei (con la possibile eccezione di Luca, e si può fare un buon esempio che anche lui fosse Ebreo) e per un certo periodo la fede era strettamente Ebraica. Verso la metà del I secolo DC, decine di migliaia di Ebrei credevano che Yeshua fosse il Messia di Israele (vedi Atti 2:37-42, 4:4, 21:20).

Se, inizialmente, il Giudaismo Messianico era costituito interamente da Ebrei, in che modo i Gentili sono entrati nella fede?

È sempre stata la volontà di Dio per le nazioni in cui vivevano i Gentili di condividere la Sua salvezza (Isaia 42:6, 49:6). Dio disse ad Abramo che attraverso di lui tutte le nazioni della Terra sarebbero state benedette (Genesi 12:1-3). Il Signore mette a parte il popolo Ebraico per portare la conoscenza di Dio, la Parola di Dio e il Salvatore al resto del mondo. All’inizio i primi Ebrei Messianici non capirono che questa era la volontà di Dio e proclamarono la Buona Novella solo ad altri Ebrei. Ironia della sorte, la grande controversia del primo secolo non era se gli Ebrei potessero credere in Yeshua (naturalmente potevano), ma se i gentili potevano entrare nella fede senza dover “diventare Ebrei”! Quando infine gli Ebrei Messianici capirono che la salvezza era destinata anche ai Gentili, cominciarono a condividere la Buona Novella con i non Ebrei e con gli Ebrei. Di conseguenza, molti Gentili iniziarono ad entrare nella fede in Yeshua (Gesù).

In che modo un movimento Ebraico viene considerato così non Ebreo?

Quando i primi Ebrei Messianici hanno portato la Buona Novella ai pagani (Gentili), molti divennero credenti. Entro la fine del primo secolo, il numero di Ebrei credenti era minore di quello dei credenti Gentili. Ciò è avvenuto principalmente perché ci sono molti più pagani che Ebrei. Tuttavia, mentre sempre più gentili entravano nella fede Messianica, alcuni avevano poca comprensione o considerazione per le sue radici Ebraiche e l’eterna alleanza di Dio con Israele. Vi è stato un processo “de-giudaizzante” (una separazione dalle radici Ebraiche della fede e dal popolo Ebraico). Poiché il numero di Gentile aumentata, questi hanno cominciato a dominare la fede fino a quando l’espressione Gentile del Cristianesimo è emerso come l’espressione dominante della fede. Quindi, in quello che può essere considerato solo uno dei più grandi paradossi della storia, il Cristianesimo ha fatto sembrare alieno che un Ebreo sia fedele al Re degli Ebrei!

Quando scomparvero i primi Ebrei Messianici e perché?

Nonostante le numerose pressioni esercitate sui fedeli Ebrei per rinunciare alla loro fede, sembra che il Giudaismo Messianico sia continuato nel settimo secolo d.C. In primo luogo, i rabbini non Messianici hanno fatto pressione sugli Ebrei Messianici per rinunciare alla loro fede in Yeshua come Messia. Inoltre, l’espressione dominante del Cristianesimo faceva pressione sugli Ebrei Messianici per abbandonare la loro Ebraicità. Infine, nel settimo secolo d.C, l’ascesa dell’Islam causò angoscia agli Ebrei Messianici. Nonostante ciò, la vera ragione della scomparsa del Giudaismo Messianico è stata che gli Ebrei Messianici hanno perso la loro “visione” – non considerano più importante rimanere Ebrei dopo aver accettato Yeshua. Di conseguenza, si sono assimilati all’espressione gentile del Cristianesimo.

IL GIUDAISMO MESSIANICO MODERNO

Quando iniziò il moderno movimento Ebraico Messianico?

Anche se il Giudaismo Messianico come un movimento distinto si è sbiadito nel settimo secolo, ci sono sempre stati singoli credenti Ebrei in Yeshua. All’inizio del 1800 un numero crescente di Ebrei cominciò a credere in Yeshua. Il moderno movimento Ebraico Messianico ha avuto successo negli anni ‘60 e ‘70. Crediamo che questo potrebbe essere parte della salvezza del popolo Ebraico che si prevede che si verifichi negli Ultimi Giorni (vedi Osea 3:4-5, Gioele 2:28-29, Deuteronomio 30:1-5, Romani 11:25-27).

Quanti Ebrei Messianici ci sono?

Mentre non ci sono immagini concrete, è stato stimato da coloro che sono coinvolti nel movimento (e anche da quelli esterni al movimento) che ci sono all’incirca dai 40.000 a 50.000 Ebrei nel Messia negli Stati Uniti. Anche se ci sono circa 300 sinagoghe Messianiche negli Stati Uniti, la maggioranza degli Ebrei Messianici si unisce alle chiese Evangeliche e non partecipa alle congregazioni Messianiche. Il movimento delle congregazione Messianiche è ancora relativamente piccolo, ma sta crescendo. Nel 1948, quando Israele fu ristabilito come nazione indipendente, c’erano meno di 100 Ebrei Messianici che vivevano in Israele. Oggi ci sono circa 8.000 ebrei messianici in Israele in 50 congregazioni! Il movimento Ebraico Messianico sta crescendo anche in altri paesi, Beit Shalom è la prima Casa di Preghiera Messianica in Italia. Se sei interessato ad essere parte di una Casa di Preghiera Messianica o in una sinagoga Messianica, è necessario discernimento, poiché non tutte le Congregazioni sono teologicamente solide.

TERMINOLOGIA MESSIANICA

Perché usiamo il nome “Yeshua” e “Gesù”?

Yeshua non ha mai sentito il nome “Gesù” durante la sua vita! Yeshua è il Suo nome Ebraico originale! Significa “Salvezza” oppure “il Signore è Salvezza” (vedi Matteo 1:21). Fu sempre chiamato “Yeshua”, un nome Ebraico comune in quel momento. Quando i missionari di lingua Latina, che chiamavano il Messia “Yesu”, portavano la Buona Novella al popolo Britannico, “Yesu” divenne “Gesù” in Italiano.

Cosa significa “Cristo”?

Alcune persone credono erroneamente che “Cristo” sia il cognome di Yeshua! Piuttosto, “Cristo” è il suo titolo più o meno allo stesso modo in cui potremmo riferirci a un “Presidente” o “Re”. Questo titolo è tratto dalla parola Ebraica “Mashiach” o “Unto”, che è stato tradotto poi in Greco “Christos” e successivamente anglicizzato in “Cristo”. L’attuale traduzione Inglese del nome  Mashiach è “Messia” e significa un capo unto e nominato da Dio. Profeti, sacerdoti e re furono unti. Il Messia è l’ultimo profeta, sacerdote e Re! Esempi di questo titolo nel Tanach si trovano in Daniele 9:25 e Salmo 2:2. Nella Nuova Alleanza, Yeshua rivendica il titolo di Messia (vedi Marco 14:61-62 e Giovanni 4:25-26).

Perché molti Ebrei Messianici preferiscono identificarsi come Ebrei Messianici?

Il termine “Cristiano” in origine significava “seguace del Cristo” o “seguace del Messia”. Di per sé “Cristiano” è un buon termine. Teologicamente, gli Ebrei Messianici sono Cristiani e molti di noi si identificano come Cristiani e si definiscono Cristiani. Ma purtroppo, col passare del tempo il termine “Cristiano” è stato usato in modo troppo ampio e inaccurato. Molte persone oggi hanno una falsa dicotomia nelle loro menti, che da una parte ci sono Ebrei e il Giudaismo, e dall’altra parte ci sono i pagani e il Cristianesimo; e presumibilmente si deve scegliere tra i due. Di conseguenza, quando una persona Ebrea accetta Yeshua, si ritiene che sia “passato” dal lato Ebraico-Giudaico al lato Gentil-Cristiano; e quindi non è più considerato un Ebreo, ma un gentiluomo Cristiano. A tutti gli effetti il ​​termine “Cristiano” è diventato sinonimo di “non Ebreo” o “Gentile”. Crediamo che sia vero il contrario. Niente potrebbe essere più Ebreo che seguire il Messia di Israele! Di conseguenza, scegliamo di chiamarci “Ebrei Messianici”, che ci identifica come Ebrei che seguono il Messia Yeshua.

Se io sono Ebreo e credo in Gesù, smetterò di essere Ebreo?

Yeshua è il Messia e credere in Lui è la cosa più Ebraica che tu possa fare! Come potrebbe una persona Ebrea che riconosce il Messia Ebreo diventare un non Ebreo?  Contrariamente a certe affermazioni, l’identità Ebraica di molti Ebrei Messianici è stata rafforzata dalla loro fede nel Re dei Giudei. Molti di noi possono affermare che Gesù ci ha resi kosher! La fede in Yeshua è Ebraica, qualunque cosa possano dire gli uomini (anche la maggioranza degli uomini), perché la verità è determinata da Dio – non dalla maggioranza! In effetti, in ogni generazione è sempre stata la rimanente minoranza del popolo Ebraico che aveva vera fede in Dio. La maggioranza quasi sempre andava fuori strada (come esempi, vedi Numeri 14:1-10, Esodo 32:25-26, Romani 11:2-10). Se sei Ebreo, è perché Dio ti ha fatto Ebreo e nessuno potrà mai cambiarlo.

STILE DI VITA EBREO MESSIANICO

Qual è l’importanza delle congregazioni Messianiche?

Proprio come il Giudaismo Messianico non è nuovo, le sinagoghe Messianiche non sono nuove. Documenti Biblici e storici dimostrano che vi erano sinagoghe Messianiche in tutto l’Impero Romano e oltre, già nel 50 d.C. (Giacomo 1:1, 2:2, Ebrei 10:27). Le congregazioni Messianiche aiutano a promuovere la vita della comunità. Permettono agli Ebrei Messianici di adorare il Dio di Israele all’interno dell’eredità Ebraica. L’assimilazione è un problema per gli Ebrei Messianici (come per gli altri Ebrei), e le congregazioni Messianiche aiutano a combattere le forze di assimilazione. Storicamente, le famiglie Ebraiche Messianiche che non fanno nessuno sforzo per vivere uno stile di vita Ebraico o per essere coinvolte nell’Evangelismo Ebraico si assimilano quasi sempre in un paio di generazioni. Le congregazioni Messianiche possono aiutarci a mantenere la nostra identità Ebraica e trasmetterla alle generazioni successive.

Che dire dei ministeri Ebrei Messianici?

I ministeri Ebrei fanno anche parte del movimento Ebraico Messianico. Il Signore ha usato organizzazioni come Ebrei per Gesù per portare la verità a molti Ebrei, avviare sinagoghe Messianiche e aiutare i Cristiani Gentili a conoscere l’Ebraicità del Cristianesimo. Le congregazioni Messianiche e i ministeri Ebrei devono lavorare insieme.

Gli Ebrei Messianici credono che dovrebbero rispettare la legge di Mosè?

L’alleanza sulla quale si basa gran parte della Torah è l’alleanza del Sinai che è stata spezzata. Non c’è un tempio, e quindi nessun sacrificio per il quale possiamo avvicinarci a Dio e ottenere la vita eterna. Pertanto, è impossibile mantenere tutte le leggi dell’Alleanza Mosaica oggi. Inoltre, la maggior parte degli Ebrei vive al di fuori di Israele e molte delle leggi si applicano solo alla vita in Israele. Tuttavia, le leggi che fanno parte dell’alleanza mediata da Mosè sono ancora valide e rilevanti. La Torah continua a informare e guidare la vita del popolo Ebraico. Ci insegna le cose giuste da fare e ci dà un buon modo di vivere. Ci aiuta a vivere un autentico stile di vita Ebraico. Ci aiuta a rimanere parte del Popolo Santo. I primi Ebrei Messianici avevano una visione favorevole della Torah, e molti erano zelanti nel vivere in accordo con essa (vedi Atti 21:20-26). La storia documenta che gli Ebrei Messianici continuarono a vivere uno stile di vita chiaramente Ebraico basato sulla Torah per secoli dopo l’arrivo del Messia Yeshua. Non c’è incompatibilità con l’essere “zelanti nell’osservare la Torah” ed essere un Ebreo Messianico. Pertanto, siamo osservanti della Torah, pur riconoscendo che l’alleanza fatta al Sinai è un’alleanza infranta. Siamo osservanti della Torah, valutando la grande saggezza che si trova nella Torah. Siamo osservanti della Torah, riconoscendo che tutti i precetti in essa servono ad adempiere la Legge (Romani 8:4), ma che non tutti noi siamo obbligati a soddisfare gli stessi requisiti della Legge (ad esempio, i Gentili non devono essere circoncisi). Siamo osservanti della Torah, riconoscendo che nessuno (Ebreo o altro) può essere salvato dalle opere della Legge. Siamo osservanti della Torah, riconoscendo che l’insegnamento del Messia ci aiuta a riportarci all’intenzione originale della Torah su questioni come un uomo sposato con una sola donna. Abbiamo una rinnovata comprensione della Torah, la comprensione che uno degli scopi principali della Torah è per noi il compimento delle scritture in essa in Yeshua il Messia. Siamo osservanti della Torah, accettando il fatto che gli Ebrei Messianici che scelgono di non osservare ogni aspetto della Legge, in particolare le leggi cerimoniali, non perdono la loro salvezza. La nostra esperienza personale è si essere diventati più osservanti nel tempo, ma è stato un processo che ha richiesto anni. Incoraggiamo gli Ebrei Messianici ad identificarsi ed abbracciare la loro eredità Ebraica, che in gran parte si basa sulla Torah; e incoraggiamo Ebrei e Cristiani Messianici ad essere gentili gli uni con gli altri per quanto riguarda il livello di rispetto della Torah degli uni e degli altri.

Gli Ebrei Messianici celebrano le feste Ebraiche e, se sì, perché?

La maggior parte degli Ebrei Messianici celebra le festività Bibliche come Pesach (Pasqua Ebraica), Shavuot (Pentecoste), Rosh HaShanah (il tradizionale Capodanno Ebraico, ma in realtà la Festa delle Trombe), Yom Kippur (il Giorno dell’Espiazione), Sukkot (la Festa dei Tabernacoli), Chanukkah (la festa della Dedicazione) e il Purim (Festa di Ester). Celebriamo le feste perché è scritto nella Torah che Israele debba osservare queste feste per sempre (Levitico 23:21, 31, 41, Esodo 12:14). Yeshua osservò queste feste, così come i primi Ebrei Messianici ed apostoli come Rabbi Paolo (Atti 20:16, 27:9; 1 Corinzi 16:8). Riteniamo, inoltre, che quando il Messia Gesù ritorna sulla Terra, alcune di queste festività saranno ristabilite in tutto il mondo (Zaccaria 14:11-21). Come gli Ebrei Messianici celebrano le festività, lo facciamo con la comprensione che Yeshua è il compimento di ognuno di queste festività. Ad esempio, Egli è il nostro Agnello pasquale, che è morto in occasione di Pesach (Pasqua). Lui è la primizia della risurrezione, che è tornata in vita durante le festività dei Primi Frutti. Lui è la nostra espiazione su Yom Kippur, ecc.

Qual è la relazione dei Cristiani Gentili con le leggi della Torah?

La Santa Comunità di Ebrei e Gentili del Messia (la Chiesa), pur avendo molto in comune con Israele, non è identica in Israele. La Nuova Alleanza non è la stessa dell’Antica Alleanza. Gli Ebrei che entrano nella Nuova Alleanza rimangono Ebrei, e i Gentili che entrano nel Nuovo Patto rimangono Gentili. I credenti Gentili non sono come i Gentili stranieri che vivevano nella nazione di Israele sotto l’antica alleanza. I Cristiani Gentili hanno uno status elevato rispetto agli alieni che vivevano nella nazione di Israele sotto l’antica alleanza. Sono pienamente coeredi del Regno con i santi Ebrei. Essere innestati in Israele non significa che i Gentili diventino Israele o che debbano vivere allo stesso modo del popolo Ebraico. Ebrei e Gentili sono uniti sotto il nostro unico Dio e Padre di tutti: “un solo Signore, una sola fede e un solo battesimo”. Condividiamo allo stesso modo lo Spirito di Dio, che vive in tutti noi e abbiamo la stessa speranza di vivere per sempre nella Nuova Gerusalemme. Essere uno non nega le differenze nei ruoli, nelle chiamate e nello stile di vita tra Ebrei e Gentili. Bisogna tener presente che la maggior parte delle leggi della Torah erano dirette specificamente al popolo Ebraico e non alle altre nazioni. Le leggi formarono la costituzione di Israele. Le leggi avevano lo scopo di mantenere Israele distinto dalle altre nazioni. Quindi quale rapporto ha il Gentile Cristiano con le 613 leggi della Torah? Il libro degli Atti riporta che gli seguaci del Messia (gli Apostoli) e gli Anziani del Messia si sono incontrati per decidere proprio questo problema. Nella comunità Ebraica Messianica facciamo comunemente riferimento a questo incontro, registrato in Atti 15, come “il primo Concilio di Gerusalemme”. Secondo la rilegatura, la decisione ispirata dallo Spirito Santo emessa dagli Emissari e dagli Anziani, a parte salvare la fede nel Messia Yeshua, solo quattro pratiche essenziali sono necessarie per i Cristiani Gentili: astenersi dal cibo dilaniato dall’idolatria, dall’immoralità sessuale, dal mangiare sangue e dalla carne degli animali che sono stati strangolati (vedi Atti 15, specialmente versetti 19-20, 28-29). Oltre a questi Quattro Elementi Essenziali, l’obbedienza alla Legge Morale (ad esempio, non rubare, non uccidere, non commettere adulterio e non supportare il falso testimone) è richiesto. Il Creatore ha scritto queste leggi morali sul cuore di tutti noi (vedi Romani 2:14-15). A prescindere da queste quattro pratiche essenziali e dalla legge morale, tutto il resto – compreso il Sabato, le festività e le leggi dietetiche – deve essere considerato non essenziale, e rientra nell’area della libertà e della libertà Cristiane. Se qualcuno vuole osservare una festa o una consuetudine Biblica, c’è la libertà, ma non l’obbligo, di farlo. I Cristiani Gentili hanno la libertà di celebrare lo Shabbat e le festività Ebraiche, o di non osservarli. Se qualcuno dice “Il Messia è la mia Pasqua e non ho bisogno di celebrare un Seder pasquale”, va bene. Se qualcuno dice: “Il Messia è il mio Shabbat, e sto riposando in Lui, e quindi non ho bisogno di riposare di Shabbat”, va bene. Se qualcuno vuole osservare il primo giorno della settimana come un giorno di riposo e adorazione, ha tutto il diritto di farlo. Se qualcuno dice: “Voglio osservare lo Shabbat e celebrare la Pasqua per aiutarmi a ricordare meglio e apprezzare il Messia, il mio Agnello pasquale”, anche quello va bene. Ciò non rende la Torah irrilevante per i Cristiani. La Torah è piena di grande saggezza. Nella Torah sono stati trovati i principi per la salvezza, l’espiazione e i precetti ordinati da Dio. Le profezie iniziali e i precetti di Dio riguardo il Messia si trovano qui. Veri e accurati resoconti storici: la storia della Creazione, della Caduta e del Diluvio; le origini e la dispersione delle nazioni e delle loro lingue; la fondazione e la chiamata di Israele; le alleanze stipulate con Noè, Abramo e Mosè – sono tutte contenute in questo grande Libro. Leggi fondamentali di moralità e giustizia, e principi per la vita divina – principi che possono essere applicati alla vita di ogni nazione e di ogni Cristiano – si trovano nella Torah. Ogni Cristiano dovrebbe essere esperto nella Torah.

I Gentili possono essere membri di una sinagoga Messianica?

La maggior parte delle congregazioni Messianiche ha membri non Ebrei. Per essere un membro di una sinagoga Messianica, la persona interessata dovrebbe avere un amore per il popolo Ebraico, una comprensione di ciò che Dio sta facendo attraverso il popolo Ebraico e avere un cuore come quello  di “Ruth” che desidera essere parte del Popolo di Adonai ed essere di benedizione ad Israele. Ciò non significa che i Gentili debbano vivere esattamente come gli Ebrei. 

Gli Ebrei Messianici sono Sionisti?

La maggior parte degli Ebrei Messianici sostiene Israele, non solo perché crediamo che il popolo Ebraico abbia bisogno di una patria nazionale, ma anche perché crediamo che il ristabilimento di Israele sia un diretto adempimento delle antiche profezie Bibliche (Ezechiele 36:24, 37:1-14, Zaccaria 12 ). Crediamo che il ristabilimento della nazione di Israele sia parte del piano divino e non un incidente storico. Rifiutiamo la Teologia della sostituzione, il falso insegnamento che Dio ha sostituito Israele con la Chiesa e le promesse di restaurazione di Dio alla nostra terra donata da Dio non devono essere prese alla lettera. Quindi tutti, specialmente i Cristiani, dovrebbero sostenere il diritto di Israele di vivere nella nostra antica terra perché la promessa di Dio ad Abramo è ancora in vigore: “Benedirò coloro che ti benediranno e maledirò quelli che ti maledicono” (Genesi 12:3).

COME SAPETE CHE YESHUA È IL MESSIA?

Le profezie nelle Scritture Ebraiche ci assicurano che Yeshua è il Messia. Dio voleva che fossimo in grado di riconoscere il Messia quando venne:

  • Il Messia doveva nascere a Betlemme (Michea 5:1-2). Vedi Matteo 2:1-6, Luca 2:1-20.
  • Il Messia sarebbe più di un uomo. Sarebbe Dio in forma umana (Isaia 9:6-7, Geremia 23:5-6, Salmo 110:1, Proverbi 30:4). Vedi Giovanni 1:1, 20:28Ebrei 1:8.
  • Il Messia doveva venire prima che Gerusalemme fosse distrutta nel 70 d.C. (Daniele 9:24-27). Vedi Luca 1:5,2:1-7.
  • Il Messia doveva essere un diretto discendente di Re Davide, un membro della famiglia reale di Israele (Geremia 23:5-6, Isaia 9:6-7). Vedi Matteo 1.
  • Il Messia doveva essere giudicato e condannato ingiustamente, anche se era perfettamente innocente (Isaia 53:8). Vedi Matteo 27:1-2, Luca 23:1-25.
  • Il Messia sarebbe morto per fare espiazione per il peccato di Israele e del mondo (Isaia 53:5-6,8,10-12, Daniele 9:24-27, Zaccaria 9:9, 12:10, Salmo 16:10, 22). Vedi Giovanni 1:29, 11:49-521 Corinzi 15:53.
  • Il Messia doveva essere una luce per le nazioniin modo che la salvezza di Dio potesse raggiungere le estremità della terra (Isaia 49:6). Yeshua è la figura più popolare, più studiata e più influente nella storia dell’umanità. È l’Ebreo più famoso che sia mai vissuto: più famoso di Abramo, più famoso di Mosè, più famoso del re David o di uno qualsiasi dei profeti, più famoso di Freud o di Einstein! Se le persone in tutto il mondo sanno di Israele, o pregano il Dio di Israele, o leggono le Sacre Scritture di Israele, è a causa di Yeshua. Nessun Ebreo dovrebbe essere indifferente al fatto che questo Ebreo abbia avuto una parte così tremenda nella storia dell’umanità. L’amore che ha ispirato, il conforto che ha dato, il bene che ha generato, la speranza e la gioia che ha acceso non hanno eguali nella storia umana. È veramente diventato la luce del mondo!
  • Il Messia sarebbe risorto dalla morte (Isaia 53:8-12, Salmo 16:10, 118:21-24, Zaccaria 12:10). Il Nuovo Testamento riporta che dopo la sua morte e resurrezione, Yeshua apparve a un’ampia varietà di Ebrei in numero variabile e in circostanze diverse. È apparso a Maria (Giovanni 20:11-18); ad alcune altre donne (Matteo 28:8-10); a Simon Pietro (Luca 24:34); a due sulla via di Emmaus (Luca 24:13-35); a 10 degli apostoli (Luca 24:36-43); a tutti e undici gli apostoli otto giorni dopo (Giovanni 20:24-29); poi a sette dal Kinneret (il Mare di Galilea – vedi Giovanni 21:1-23). Yeshua apparve a 500 persone contemporaneamente, la maggior parte delle quali erano vive e potevano verificare l’evento quando fu scritto il Nuovo Testamento (1 Corinzi 15:6)! Yeshua apparve a suo fratello Giacomo, che divenne il capo della congregazione di Gerusalemme (1 Corinzi 15:7), e al rabbino Paolo di Tarso, che divenne meglio conosciuto come l’apostolo Paolo (Atti 9:1-16). Dal primo secolo ci sono stati milioni di persone, sia Ebrei che Gentili (inclusi alcuni dei più grandi pensatori, filosofi e scienziati), che hanno affermato di aver incontrato il risorto Yeshua. Cosa ha trasformato tutte queste persone? Solo una spiegazione ha senso: è vivo oggi! 
  • La resurrezione di Yeshua lo rende assolutamente unico nella storia del mondo e lo pone ad un livello molto più alto di qualsiasi altro profeta di Israele o di qualsiasi altra religione o filosofo. Buddha è ancora nella sua tomba. Mohammed è ancora nella sua tomba. Confucio è ancora morto. Marx, Lenin e Freud sono ancora nelle loro tombe. Solo Yeshua è stato risorto dalla morte! Poiché Dio non permetterebbe mai la risurrezione di un bugiardo, un ingannatore o un falso Messia, la resurrezione di Yeshua convalida la sua persona, il suo ministero e il suo messaggio. La sua risurrezione è il sigillo di approvazione di Dio su tutto ciò che Yeshua ha fatto e insegnato, e la dichiarazione di Dio al mondo che Yeshua è il Messia e il Salvatore dell’umanità. Pertanto, dovremmo prestare attenzione ad ogni parola che ha pronunciato, dal momento che ha detto la verità senza alcun errore. La storia ci dice che solo un uomo – Yeshua di Nazareth – ha realizzato queste profezie e molte altre. Nessun altro uomo nella storia vi si avvicina nemmeno. La probabilità che una persona possa soddisfare tutte queste profezie per caso è infinitamente piccola. C’è solo una conclusione razionale: Yeshua è il Messia di Israele che i profeti ci hanno detto di aspettare. 

DIAMO BENVENUTO ALLA TUA PARTECIPAZIONE!

Siamo incoraggiati dalla crescita del Giudaismo Messianico e dalla crescita dello stesso nelle nazioni. Ti invitiamo ad unirti a noi alla Casa di Preghiera Messianica Beit Shalom  attraverso le tue preghiere, il tuo supporto, il tuo  incoraggiamento e la tua partecipazione. Apprezziamo tutti voi che siete interessati a stare insieme a noi alla Sua presenza. Possa Adonai Dio di Israele benedirti e ricompensarti per la tua fedeltà! Dal profondo dei nostri cuori, grazie!

Se non sei un Ebreo o un Cristiano (Gentile), ti preghiamo di contattarci e cercheremo di aiutarti a ricevere il meraviglioso tipo di relazione con il Dio di Israele che Egli vuole che tu abbia!

Beit Shalom

Lo Staff della Casa di Preghiera Messianica

Contact us! Contattaci!

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00