God can SPEAK to You in your DESERT Experiences. / Dio può PARLARE nelle tue Esperienze di Deserto.

In the desert.jpg

Shalom,

The Hebrew language is full of fascinating revelations, yet few believers know what they are. 

For example, a Christian who reads an English Bible would not realize that the Hebrew word for desert and speaking are the same Hebrew word —מדבר — transliterated in English as MDBR

By inserting different vowels into this Hebrew word, we pronounce desert (מִדבָּר) as meed-bar and speaking (מְדַבֵּר) as meda-ber.

It is no coincidence that these two words are one, since it is in the most desolate places where God has made His most significant appearances and where He speaks into the lives of His people.

This had been especially true at Mount Horeb.

Mount Horeb.jpg

Mount Horeb, Har Charev, is also known as Mount Sinai or “the mountain of God.” Charev comes from the Hebrew word charab, which means to make desolate.

This desolate mountain of God is the place where Moses is redeemed, even after committing murder (Exodus 2:11-15).

It is his encounters with God in the desert that molded his character and allowed him to see the Glory of God, not only in his own lifetime here on earth but also 1,500 years later when he appeared with Yeshua (Jesus) and Elijah on the mountain of Yeshua’s transfiguration (Matthew 17).

We can encounter God in the desolation of our desert experiences, too. Let’s discover how.

In the Desert, the Lord Redeems Our Desolation

We often think of redemption in terms of freeing us from the eternal damnation and desolation that our sin requires. But, Yeshua already did that when He died and rose again.

Abba, Father God, is our Redeemer from other forms of desolation and desperation.

We saw this when He delivered Moses out of his exile as a shepherd in the land of Midian and brought the Israelites out of slavery in Egypt.  

Moses had spent the first 40 years of his life learning how to be a prince (only to be exiled for murder). He spent another 40 years as a shepherd in the wilderness of Midian, learning how to lead and guide his flock with patience and compassion.

After being fully trained for his life-calling and purpose, Moses the shepherd “led the flock to the far side of the wilderness and came to Horeb, the mountain of God.” (Exodus 3:1)

There at Horeb, he heard the voice of God calling him from within a burning bush (Exodus 3:2).

God Appears to Moses in the Burning Bush.jpg

Imagine . . . In the desert, at 80 years old, Moses sees a bush on fire, but the fire is not consuming the bush, and out of that fire comes God’s voice speaking to him! In that encounter, God redeemed Moses out of the wilderness as a shepherd of sheep and placed him in a new role as shepherd of 600,000 men, plus the women and children (anywhere from 2.5 to 4 million Israelites).

To shepherd this nation, God hands Moses a new kind of staff to lead, protect, and intervene on behalf of His chosen people.

With staff in hand, Moses goes back to Egypt and challenges Pharaoh to set his people free so that they can worship and serve their God. Finally, after ten plagues, Pharaoh allows the Israelites to leave Egypt. 

The Jews are set free. End of story. Or is it? No, this is just the beginning. God has more to say.

In the Desert, the Lord Set Us Truly Free

“The LORD our God made a covenant with us at Horeb.” (Exodus 5:2)

Moses leads the Israelites across the Red Sea and where does he take them? To the same mountain in the desert of Horeb where God spoke to him from the supernatural burning bush that did not become consumed.

At that mountain of God, Moses tells the people God’s conditions for their freedom: “You yourselves have seen what I did to Egypt, and how I carried you on eagles’ wings and brought you to myself. Now if you obey me fully and keep my covenant, then out of all nations you will be my treasured possession. Although the whole earth is mine, you will be for me a kingdom of priests and a holy nation.’” (Exodus 19:4-6)

“The people all answered as one: ’Everything that the Lord has spoken we will do.’” (verse 8)

In saying, “We do”, the redeemed nation entered into a marriage contract with their Redeemer. Securely under His authority, the Jewish people are finally truly free to worship and serve their new Master under His terms, not Pharaoh’s.

All this happened when God spoke to His people in the desert.

In Our Prosperity, the Lord Asks Us to Remember Him

“Remember that you were slaves in Egypt and the LORD your God redeemed you from there.” (Deuteronomy 24:18)

The precise reason that God allowed His beloved prophets and people to be in the desert was to cause them to be dependent on Him and Him alone.

Just as Moses was in the desert for 40 years, now the people of Israel are in the desert for 40 years, relying on their new Master to provide them with heavenly bread (manna), fresh water, shelter from the sun in a pillar of cloud by day, and a pillar of fire to lead them by night.

And they had to depend on their marriage contract, His Torah (Word of God), to know how to live holy and righteous lives so they would stay in their Master’s protection, provision, and blessing.

It is in the desert that the Lord taught the Israelites valuable lessons so they would know how to receive His protection and provision.

It is in the desert, where God wants to teach us valuable lessons, too, so that we can possess all that God has for us.

Too often, however, we focus on getting out as fast as possible: “Lord, deliver me from this terrible place or situation that I’m in,” we pray.

Instead, we need to embrace what God has for us in times of trial. We need to say to Him, “Grow me, train me, build me so I can stand strong for you!

As we listen and learn from our Father in Heaven how to move forward, we are to take note of how He and He alone sustains us with supernatural power to endure these times of growth, as He did with Moses and the Israelites.

In the desert1

In the middle of all of this heavenly instruction and provision that our Father brings us through, it is the righteous jealousy of the loving Father that says,

Please don’t forget Me when things are going well!

However, the Israelites did just that. And if we are honest, quite often we forget Him as well.

In Our Forgetfulness, the Lover Calls His Beloved Aside

“[Israel] … went after her lovers, and forgot me, says the Lord. Therefore, I will now allure her, and bring her into the wilderness, and speak tenderly to her.” (Hosea 2:13-14)

Perhaps one of the most touching passages in the Bible is when God refers back to the wilderness days, as with the longing of a abandoned lover, remembering how He drew His beloved to Himself: “Go and proclaim in the hearing of Jerusalem, ‘Thus says the Lord: I remember the devotion of your youth, your love as a bride, how you followed Me in the wilderness, in a land not sown.’” (Jeremiah 2:2)

How amazing it is that Almighty God remembers us and longs for us to cling to Him in those desert days. Our tendency to forget Him is why He is so strict about idolatry.

In fact, “God yearns jealously for the Spirit that He has placed in us.” (James 4:5)

When we forget Him, He will lead us back into the wilderness, the place where we must again be dependent on hearing His voice and His alone.

There, He will speak tenderly to us. And whatever He says we must do so we can move into all that He has waiting for us in our own Promised Land.

 

Shalom,

La lingua Ebraica è piena di meravigliose rivelazioni, eppure pochi credenti in Yeshua conoscono queste rivelazioni e significati profondi nella scrittura Biblica. Ad esempio, un cristiano che legge una Bibbia in Italiano non si rende conto che le parole deserto  parlare sono la stessa parola Ebraica – מדבר – che traslitterato in Italiano sta per MDBR. Inserendo diverse vocali in questa parola Ebraica, noi pronunciamo la parola deserto (מִדבָּר) come meed bar e parlare (מְדַבֵּר) come meda-ber. Non è un caso che queste due parole siano una cosa sola, poiché è nei luoghi più solitari in cui Adonai ha fatto le Sue apparizioni più significative e dove Egli ha parlato nelle vite della Sua gente. Questo si è verificato particolarmente sul Monte Horeb. Il Monte Horeb, Har Charev, è anche conosciuto come Monte Sinai o “la montagna di Adonai”. Charev viene dalla parola Ebraica charab, che significa rendere desolato. Questa desolata montagna di Adonai è il luogo in cui viene riscattato Mosè, anche dopo aver commesso un omicidio (Esodo 2:11-15). È il suo incontro con Adonai nel deserto che ha plasmato il suo personaggio e gli ha permesso di vedere la Gloria di Adonai, non solo nella sua vita qui sulla terra, ma anche 1500 anni dopo quando è apparso con Yeshua (Gesù) ed Elia sulla montagna della trasfigurazione di Yeshua (Matteo 17).

Possiamo incontrare Adonai nella desolazione delle nostre esperienze nel deserto. Scopriamo come.

Nel Deserto, il Signore Riscatta la Nostra Desolazione

Spesso pensiamo alla redenzione in termini di liberazione dalla dannazione eterna e dalla desolazione che il nostro peccato richiede. Ma, Yeshua compì questo già quando morì e risuscitò. Abba, nostro Padre, è il nostro Redentore da altre forme di desolazione e disperazione. Abbiamo visto questo quando Adonai ha liberato Mosè dal suo esilio come pastore nel paese di Madian e ha portato gli Israeliti fuori dalla schiavitù dell’Egitto. Mosè aveva passato i primi 40 anni della sua vita a imparare come diventare un principe (nel suo esilio per omicidio). Trascorse altri 40 anni come pastore nel deserto di Madian, imparando a guidare il suo gregge con pazienza e compassione. Dopo essere stato completamente addestrato per la sua vita e il suo scopo, Mosè, il pastore “Condusse il gregge verso il lato più lontano del deserto e venne a Horeb, la montagna di Dio.” (Esodo 3:1)

Là, a Horeb, udì la voce di Adonai che lo chiamava dall’interno di un roveto ardente (Esodo 3:2). Immagina… Nel deserto, a 80 anni, Mosè vede un cespuglio in fiamme, ma il fuoco non sta consumando il cespuglio, e da quel fuoco arriva la voce di Adonai che gli parla! In quell’incontro, Adonai ha redento Mosè dal deserto come pastore di pecore e lo ha inserito in un nuovo ruolo come pastore di 600.000 uomini, oltre a donne e bambini (da 2,5 a 4 milioni di Israeliti). Per pascere questa nazione, Adonai consegna a Mosè un nuovo tipo di bastone per guidare, proteggere e intervenire a nome del Suo popolo eletto. Con il bastone in mano, Mosè torna in Egitto e sfida il faraone a liberare il suo popolo in modo che possano adorare e servire il loro Dio. Alla fine, dopo dieci piaghe, il faraone permette agli Israeliti di lasciare l’Egitto. Gli Ebrei sono liberati. Fine della storia. Davvero? No, questo è solo l’inizio. Adonai ha altro da dire.

Nel Deserto, il Signore ci ha Resi Liberi

“Il Signore nostro Dio fece un’alleanza con noi a Horeb.” (Esodo 5:2)

Mosè guida gli Israeliti attraverso il Mar Rosso e dove li porta? Alla stessa montagna nel deserto di Horeb, dove Adonai gli parlava dal roveto soprannaturale che non si consumava. A quella montagna di Adonai, Mosè dice al popolo le condizioni di Adonai per la loro libertà: “Voi stessi avete visto ciò che ho fatto in Egitto, e come vi ho trasportato nelle aquile e vi ho portato a me stesso. Ora se mi obbedisci pienamente e osservi la mia alleanza, allora tra tutte le nazioni sarai la mia amata riserva. Anche se tutta la terra è mia, tu sarai per me un regno di sacerdoti e una nazione santa”. (Esodo 19:4-6)“Alla gente tutti risposero come uno: ‘Tutto ciò che il Signore ha detto faremo.’” (versetto 8)

Nel dire, “Noi lo faremo”, la nazione redenta entrò in un contratto di matrimonio con il loro Redentore. In modo sicuro sotto la Sua autorità, il popolo di Israele è finalmente libero di adorare e servire il Suo nuovo padrone sotto i tutti i punti di vista, non Faraone. Tutto questo accadde quando Adonai parla al Suo popolo nel deserto.

Nella Nostra Prosperità, il Signore ci Chiede di RicordarLo

“Ricordati che eri schiavo in Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha redento da lì.” (Deuteronomio 24:18)

La ragione precisa per cui Adonai permise ai suoi amati profeti e alla gente di essere nel deserto era di farli dipendere da Lui e da Lui solo. Proprio come Mosè era nel deserto da 40 anni, ora il popolo di Israele è nel deserto da 40 anni, facendo affidamento sul Suo nuovo Maestro per fornire loro pane celeste (manna), acqua fresca, riparo dal sole in una colonna di nuvola di giorno e una colonna di fuoco per guidarli di notte. Essi dovevano dipendere dal loro contratto di matrimonio, la Sua Torah (Parola di Dio), per sapere come vivere vite sante e rette in modo da rimanere nella protezione, nelle provvigioni e nelle benedizioni del loro Maestro. È nel deserto che il Signore ha insegnato agli Israeliti preziose lezioni in modo che essi potessero sapere come ricevere la Sua protezione e provvidenza. 

È nel deserto, dove Adonai vuole insegnarci anche preziose lezioni, in modo da poter possedere tutto ciò che Adonai ha per noi.

Troppo spesso, però, ci concentriamo su come ottenere il più velocemente possibile: “Signore, liberami da questo luogo o situazione terribile in cui mi trovo”, preghiamo. Invece, dobbiamo abbracciare ciò che Adonai ha per noi nei momenti di prova. Dobbiamo dirgli, “Crescimi, allenami, costruiscimi così che io possa resistere fortemente in Te!” Mentre ascoltiamo e impariamo dal nostro Padre in cielo su come procedere, dobbiamo prendere nota di come Lui solo ci sostiene con il Suo potere soprannaturale nel sopportare questi tempi di crescita, come ha fatto con Mosè e con gli Israeliti. Nel mezzo di tutta questa istruzione e disposizione celeste che nostro Padre ci porta attraverso, è la giusta gelosia del Padre che vaga, che dice: Per favore, non dimenticarti di me quando le cose stanno andando bene! Tuttavia, gli Israeliti hanno fatto proprio questo. E se siamo onesti, molto spesso noi stessi lo dimentichiamo.

Nella Nostra Dimenticanza, l’Amante Chiama il suo Beneamato

“[Israele] … inseguì i suoi amanti e mi dimenticò, dice il Signore. Perciò, ora la affascinerò, e la porterò nelle terre selvagge, e le parlerò teneramente.” (Osea 2:13-14)

Forse uno dei passaggi più toccanti della Bibbia è quando Adonai rimanda ai giorni della natura selvaggia, come guidato dal desiderio di amore di un amante abbandonato, ricordando come Egli abbia attirato la Sua amata a sé stesso: “Va’ e grida alle orecchie di Gerusalemme, dicendo: Così dice l’Eterno: Io mi ricordo di te, della tenera attenzione della tua giovinezza, dell’amore al tempo del tuo fidanzamento, quando mi seguivi nel deserto, in una terra non seminata’.” (Geremia 2:2)

Com’è sorprendente Adonai l’Onnipotente ci ricorda e desidera ardentemente che noi ci concentriamo su di Lui nei nostri giorni di deserto. La nostra tendenza a dimenticarlo è il motivo per cui è così severo riguardo l’idolatria. Infatti, “Dio desidera ardentemente lo Spirito che ha messo in noi.” (Giacomo 4:5)

Quando Lo dimenticheremo, Egli ci ricondurrà nel deserto, il luogo in cui dobbiamo nuovamente dipendere dall’ascoltare la Sua voce ed essere soli nella Sua presenza. Lì, ci parlerà teneramente. E qualunque cosa Egli ci darà da eseguire dovrà essere fatto con esattezza secondo quando da Lui comandato così noi potremo entrare in tutto ciò che Adonai ha preparato per noi nella Terra Promessa.