Change The World School Of Prayer/ Scuola di Preghiera Cambia Il Mondo

Torah Portion B’RESHEET

Village of Hope & Justice Ministry

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

B ResheetWelcome to B’resheet (In the Beginning), this week’s Parasha (Torah Portion), which will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service.

Please read along with us. We know you will be blessed as the Word of God gives you a fresh start!

B’RESHEET (In the Beginning)

Torah Portion: Genesis 1:1-6:8

Haftarah (Prophetic Portion): Isaiah 42:5-43:10

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): John 1:1-18; Revelation 22:6-21

In the beginning [B’resheetGod [Elohim] created the heavens and the earth.” (Genesis 1:1)

Isn’t it wonderful to have a fresh start? To have an opportunity to begin again?

This is the precious gift we are given each year at the completion of the fall feasts with Simchat Torah (Rejoicing in the Torah), when we start our cycle of Parashiot (Torah study portions) all over again, from the…

View original post 4,430 more words

Torah Portion Bechukotai/Porzione di Torah Bechukotai

bechukotai.jpg

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Torah study, Bechukotai (In My Statutes).

Please read with us the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world this Shabbat (Saturday). We know you will be blessed!

Bechukotai (In My Statutes)

Torah Portion: Leviticus 26:3-27:34

Haftarah (Prophetic) Portion: Jeremiah 16:19-17:14

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Luke 22:7-20

“If you follow My decrees [chukkotand are careful to obey My commands [mitzvot], I will send you rain in its season, and the ground will yield its crops and the trees their fruit.” (Leviticus 26:3-4)

Last week in Parasha Behar, God instructed Israel to give the land a Sabbath rest in the seventh year. This Sabbatical year is called Shemitah (release). As well, God commanded that every 50th year also be a Shabbat year, the Yovel, commonly called the Year of Jubilee. Behar ends with God’s directive to observe His Shabbats and reverence His sanctuary.

This week’s Parasha, Bechukotai, which is the last reading from the book of Leviticus, details the blessings of obedience and the curses of disobedience.

God promises the people that they will be blessed, enjoying prosperity and security in the land, if they keep His statutes (chukkot) and commandments (mitzvot).

He also warns that if they reject the Torah and abandon His covenant, they will be cursed.

This ominous exhortation is called the Tochacha (rebuke or reproof) and is one of two Torah portions in which such a warning is given. The other is Ki Tavo  (Deuteronomy 26:1-29:8).

Walking in His Blessings

Parasha Bechukotai begins with ten verses that describe the general blessings that reward obedience to God’s commandments.

The first of God’s promises is seasonable rain in the land, which will produce such an abundance of fruit that the time for threshing will extend until the time for sowing seed.

“I will send you rain in its season, and the ground will yield its crops and the trees their fruit.” (Leviticus 26:4)

The book of Ecclesiastes reminds us that there is a time and season for everything.  (Ecclesiastes 3:1)

One needs to look no further than a season of drought in their land to understand how it brings destruction rather than blessing. God’s blessings are always delivered on time.

God also promises that if the Jewish people keep His commandments (Torah), then they will live in peace in their land, They will chase their enemies, who will fall before them: “I will give peace in the land, and you shall lie down, and none will make you afraid; I will rid the land of evil beasts, and the sword will not go through your land. You will chase your enemies, and they shall fall by the sword before you.” (Leviticus 26:6-7)

This comforting section of blessing concludes with God’s promise of a reciprocal relationship with His people. If they walk in His ways, He will accept them as His people and put His Tabernacle among them, walking in their midst.

“I will walk among you and be your God, and you will be My people.” (Leviticus 26:12)

The blessings that result from obedience are framed by the metaphor of walking (halak) in His chukkot (divine decrees or statutes that defy reason, such as the law of the Red Heifer) and keeping (shamar) His mitzvot (commandments). The list of 13 blessings ends with a curious reminder that God set the Israelites free from the bondage of slavery in Egypt.

“I am the Lord your God, who brought you out of Egypt so that you would no longer be slaves to the Egyptians; I broke the bars of your yoke and enabled you to walk with heads held high.” (Leviticus 26:13)

We understand from this verse that it is God who enabled the Israelites to walk uprightly by revealing Himself to them and setting them free from slavery.

It is only within this covenantal relationship that they could walk in His ways.

These verbs “walking” and “keeping” in this Torah portion imply that blessing comes from deliberate action on our parts. Nevertheless, keeping His commandments is only possible because He has set us free. 

It is wonderful to claim the blessings of God; however, these promises are conditional upon our obedience. It is futile to walk in disobedience and still claim the blessings that result from our relationship with God. Disobedience is a symptom of a broken relationship.

Disobedience, Curses, and Exile

A 28-verse section detailing about 30 specific curses that result from disobedience follows the blessing section of this parasha.

It is a list of ever-worsening consequences that will come upon God’s people if they disobey His commandments. These passages are recited in the synagogue with fear and trembling: “I will bring on you sudden terror, wasting diseases and fever that will destroy your sight and sap your strength. You will plant seed in vain, because your enemies will eat it. I will set My face against you so that you will be defeated by your enemies; those who hate you will rule over you, and you will flee even when no one is pursuing you.” (Leviticus 26:16-17)

This Torah portion underlines the importance of giving the Holy Land its Shemitah year of rest by emphasizing that it would finally be able to rest when God exiled His people because of their disobedience.

“Then the land will enjoy its sabbath years all the time that it lies desolate and you are in the country of your enemies; then the land will rest and enjoy its Sabbaths.” (Leviticus 26:34)

Indeed, God brought upon His people the worst punishment ever, exile from their own land.

Although a remnant remained in the land, the Jewish people were scattered to the four corners of the earth where they have been persecuted in the nations.

“I will scatter you among the nations and will draw out My sword and pursue you. Your land will be laid waste, and your cities will lie in ruins.” (Leviticus 26:33)

While the Jewish people remained in exile, the land itself received the rest that the people denied it when they inhabited it.

Despite the excruciating description of severe punishments and terrible calamities that would come on Israel for her disobedience, God ends with a word of comfort and consolation: “Yet in spite of this, when they are in the land of their enemies, I will not reject them, nor will I so abhor them as to destroy them, breaking My covenant with them; for I am the LORD their God. But I will remember for them the covenant with their ancestors, whom I brought out of the land of Egypt in the sight of the nations, that I might be their God. I am the LORD.” (Leviticus 26:44-45)

God’s love for His people is not based on the fickleness of human emotion; it is based on the bedrock of covenant.

Although the covenant blessings promised to the Israelites when they left Egypt came with specific if/then conditions, the Abrahamic Covenant upon which they were based was given without conditions.

For evidence of the reliability of the Bible and the faithfulness of God, we need to look no further than the establishment of the modern-day state of Israel, the restoration of the land to amazing fruitfulness, and the drawing of His people home to the Promised Land from the four corners of the globe.

Trusting in God

“Cursed is the one who trusts in man, who draws strength from mere flesh and whose heart turns away from the LORD.” (Jeremiah 17:5)

The prophetic portion of Bechukotai follows the theme of the blessings associated with walking with God in a covenantal relationship and the curses associated with walking away from Him.

In this portion, the prophet Jeremiah rebukes the people of Israel for idolatry and faithlessness, telling them that they will go into exile.

But the Haftarah section ends with a note of anticipation when Jeremiah shows his trust in the Hope of Israel by praying, “Heal me, O Lord, and I shall be healed; save me, and I shall be saved, for You are my praise.” (Jeremiah 17:14)

Elsewhere in Jeremiah, God promises through this prophet a New Covenant (Brit Chadashah), in which the law of God would be written on the heart.

“‘The days are coming,’ declares the LORD, ‘when I will make a new covenant (Brit Chadashah) with the people of Israel and with the people of Judah. It will not be like the covenant I made with their ancestors when I took them by the hand to lead them out of Egypt, because they broke My covenant, though I was a husband to them.’” (Jeremiah 31:31-32)

This New Covenant was sealed in the blood of Yeshua the Messiah when he died on the Roman execution stake.

On the Passover, less than a day before His death, Yeshua held up the Cup of Redemption and said, “This cup is the new covenant in My blood, which is poured out for you.” (Luke 22:20)

Under the strength of this covenant, our sins are forgiven and remembered no more. (Isaiah 43:25)

But does this new-found freedom in Messiah give us a license to sin, forsaking the standards set forth in God’s law? The Jewish Rabbi Sha’ul (apostle Paul) answers this question with a resounding chas v’chalilah! (God forbid!)

“What shall we say, then? Shall we go on sinning so that grace may increase? By no means! We died to sin; how can we live in it any longer?” (Romans 6:1-2) 

While Yeshua has paid the price for our sins and the resulting curse of the law, and we can abide in God’s love through faith, the New Covenant in no way nullifies our call to walk in holiness.

He has set us free from slavery to sin and we need no longer serve that evil master, suffering the curses of the law.

Neither do we need to serve God in fear of punishment; rather, we are now free to enjoy the relationship promised in this Torah portion. He walks among us, and we are His people who serve Him out of love, devotion, and gratitude for all He has done for us.

The apostle Paul wrote in the book of Romans that there is nothing, absolutely nothing, which can separate us from the love of God that is in Messiah Yeshua.

“For I am convinced that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor things present, nor things to come, nor powers, nor height, nor depth, nor any other created thing, will be able to separate us from the love of God, which is in Messiah Yeshua Adoneinu (our Lord).” (Romans 8:38-39)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti allo studio della Torah di questa settimana, Bechukotai (Nei miei Statuti).

Bechukotai (Nei miei Statuti)

Porzione di Torah: Levitico 26:3-27:34

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Geremia 16:19-17:14

Brit Chadashah (Nuovo Testamento / Patto): Luca 22:7-20

“Se vi comportate secondo i miei statuti [chukkot] osservate i miei comandamenti [mitzvot], e li mettete in pratica, io vi darò le piogge nella loro stagione la terra darà i suoi prodotti e gli alberi della campagna daranno i loro frutti.” (Levitico 26:3-4)

La settimana scorsa nella Parasha Behar, Hashem ha incaricato Israele di dare alla terra un riposo sabbatico nel settimo anno. Questo anno sabbatico è chiamato Shemitah (rilascio). Inoltre, Hashem ha comandato che ogni 50° anno sia anche un anno di Shabbat, lo Yovel, comunemente chiamato l’Anno del Giubileo. Behar termina con la direttiva di Hashem di osservare i suoi Shabbat e riverire il Suo santuario.

La Parasha di questa settimana, Bechukotai, che è tratta dall’ultima lettura del libro del Levitico, descrive in dettaglio le benedizioni dell’obbedienza e le maledizioni della disobbedienza. Hashem promette al popolo di Israele che sarebbero stati benedetti, avrebbero goduto di prosperità e sicurezza nella terra, se avessero osservato i Suoi statuti (chukkot) e i Suoi comandamenti (mitzvot).

Inoltre avverte che se avessero rifiutato la Torah e abbandonato la Sua alleanza, saranno maledetti. Questa infausta esortazione è chiamata Tochacha (rimprovero) ed è una delle due parti della Torah in cui viene dato un tale avvertimento. L’altro è Ki Tavo (Deuteronomio 26:1-29:8).

Camminare nelle Sue Benedizioni

La Parasha Bechukotai inizia con dieci versetti che descrivono le benedizioni generali che premiano l’obbedienza ai comandamenti di Hashem. La prima delle promesse di Hashem è la pioggia stagionale nella terra, che produrrà una tale abbondanza di frutta che il tempo per la trebbia si estenderà fino al momento della semina.

“Io vi darò le piogge nella loro stagione, la terra darà i suoi prodotti e gli alberi della campagna daranno i loro frutti.” (Levitico 26:4)

Il libro di Ecclesiaste ci ricorda che c’è un tempo e una stagione per ogni cosa. (Ecclesiaste 3:1)

Basta guardare ad una stagione di siccità nella propria terra per capire come essa porti distruzione piuttosto che benedizione. Le benedizioni di Hashem vengono sempre date al tempo giusto.

Hashem promette anche che se il popolo di Israele osserva i suoi comandamenti (Torah), allora essi vivranno in pace nella loro terra, inseguiranno i loro nemici, che cadranno davanti a loro: “Io farò regnare la pace nel paese; vi coricherete e nessuno vi spaventerà; farò sparire dal paese le bestie cattive e la spada non passerà per il vostro paese. Voi inseguirete i vostri nemici, ed essi cadranno davanti a voi trafitti dalla spada.” (Levitico 26:6-7)

Questa confortante sezione di benedizione si conclude con la promessa di Hashem di una relazione reciproca con il Suo popolo.

“Camminerò tra di voi e sarò il vostro DIO, e voi sarete il mio popolo.” (Levitico 26:12)

Le benedizioni che derivano dall’obbedienza ad Hashem sono inquadrate dalla metafora del camminare (halak) nel suo chukkot (decreti divini o statuti che sfidano la ragione, come la legge della Giovenca Rossa) e mantenendo (shamar) le sue mitzvot (comandamenti).

La lista delle 13 benedizioni termina con un curioso richiamo che Hashem ha liberato gli Israeliti dalla schiavitù in Egitto.

lo sono l’Eterno, il vostro DIO, che vi ho fatto uscire dal paese d’Egitto, perché non foste più loro schiavi; ho spezzato il vostro giogo e vi ho fatto camminare a testa alta. (Levitico 26:13)

Comprendiamo da questo versetto che è Hashem che ha permesso agli Israeliti di camminare rettamente rivelando se stesso a loro e liberandoli dalla schiavitù. È solo all’interno di questa relazione di alleanza che essi possono camminare nelle Sue vie. Questi verbi “camminare” e “mantenere” in questa parte della Torah implicano che la benedizione provenga da un’azione deliberata da parte nostra. Tuttavia, osservare i suoi comandamenti è possibile solo perché Hashem ci ha liberati. È meraviglioso reclamare le benedizioni di Hashem sulle nostre vite; tuttavia, queste promesse sono condizionate dalla nostra obbedienza a Lui. È inutile camminare nella disobbedienza e rivendicare ancora le benedizioni che derivano dal nostro rapporto con Hashem. La disobbedienza è un sintomo di una relazione interrotta.

Disobbedienza, Maledizione ed Esilio

Una sezione di 28 versi che descrive circa 30 maledizioni specifiche che risultano dalla disobbedienza ad Hashem segue la sezione della benedizione di questo Parasha. È una lista di conseguenze sempre peggiori che verranno sul popolo di Hashem se essi disobbediranno ai Suoi comandamenti.

Questi passaggi sono recitati nella sinagoga con paura e tremore: “A mia volta, farò questo a voi: manderò contro di voi il terrore, la consunzione e la febbre, che vi consumerà gli occhi e farà languire la vostra vita; e seminerete invano la vostra semente, perché la mangeranno i vostri nemici. Volgerò la mia faccia contro di voi e voi sarete sconfitti dai vostri nemici; quei che vi odiano vi domineranno, e vi darete alla fuga senza che alcuno vi insegua.” (Levitico 26:16-17)

Questa parte della Torah sottolinea l’importanza di dare ad Israele il suo anno di riposo Shemitah sottolineando che alla fine Israele riposerà in Lui. Hashem ha portato in esilio il Suo popolo a causa della sua disobbedienza a Lui.

“Allora la terra godrà i suoi sabati per tutto il tempo in cui rimarrà desolata e voi sarete nel paese dei vostri nemici; così la terra si riposerà e godrà i suoi sabati.” (Levitico 26:34)

In effetti, Hashem ha portato sul Suo popolo la peggiore punizione di sempre, esiliati dalla propria terra. Sebbene un residuo rimase nella terra di Israele, il popolo di Israele fu disperso fino ai quattro angoli della terra dove è stato perseguitato nelle nazioni (diaspora).

“Disperderò voi fra le nazioni e trarrò fuori la spada contro di voi; il vostro paese sarà desolato e le vostre città saranno deserte.” (Levitico 26:33)

Mentre il popolo di Israele rimase in esilio, la terra stessa ricevette il resto che la gente negò quando lo abitarono. Nonostante la descrizione straziante di punizioni severe e terribili calamità che sarebbero venute in Israele per la sua disobbedienza, Hashem finisce con una parola di conforto e consolazione: Nonostante tutto questo, quando saranno nel paese dei loro nemici, io non li disprezzerò e non li detesterò fino al punto di annientarli del tutto e di rompere il mio patto con loro; poiché io sono l’Eterno, il loro DIO; ma per loro amore mi ricorderò del patto stabilito con i loro antenati, che feci uscire dal paese d’Egitto sotto gli occhi delle nazioni, per essere il loro DIO. Io sono l’Eterno”. (Levitico 26:44-45)

L’amore di Hashem per il Suo popolo non è basato sulla mutevolezza delle emozioni umane; è basato sulla roccia fresca dell’alleanza. Sebbene le benedizioni dell’alleanza promesse agli Israeliti quando lasciarono l’Egitto arrivassero con specifiche condizioni se/poi, l’alleanza di Abrahamo su cui erano basate fu data senza condizioni. A testimonianza dell’affidabilità della Scrittura Biblica e della fedeltà di Hashem, non dobbiamo guardare oltre l’istituzione dello stato moderno di Israele, la restaurazione della terra fino alla sorprendente fecondità della terra di Israele e il disegno del Suo popolo che torna a casa nella Sua Terra Promessa, Israele, dai quattro angoli del globo (diaspora).

Confidando in Hashem

“Così dice l’Eterno: ‘Maledetto l’uomo che confida nell’uomo e fa della carne il suo braccio, e il cui cuore si allontana dall’Eterno!’” (Geremia 17:5)

La parte profetica di Bechukotai segue il tema delle benedizioni associate al camminare con Hashem in una relazione di alleanza e le maledizioni associate a allontanarsi da Lui. In questa parte, il profeta Geremia rimprovera il popolo di Israele per idolatria e infedeltà, dicendo loro che andranno in esilio. Ma la porzione di Haftarah termina con una nota di anticipazione quando Geremia dimostra la sua fiducia nella Speranza di Israele pregando, “Guariscimi, o Eterno, e sarò guarito, salvami e sarò salvato, perché tu sei la mia lode.” (Geremia 17:14)

Altrove in Geremia, Hashem promette attraverso questo profeta una Nuova Alleanza/Nuovo Testamento (Brit Chadashah), in cui la legge di Hashem sarebbe stata scritta sul cuore del popolo di Israele.

“Ecco, verranno i giorni’, dice l’Eterno, ‘nei quali stabilirò un nuovo patto con la casa d’Israele e con la casa di Giuda, non come il patto che ho stabilito con i loro padri nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dal paese di Egitto, perché essi violarono il mio patto, benché io fossi loro Signore’ dice l’Eterno.” (Geremia 31:31-32)

Questa nuova alleanza fu suggellata nel sangue di Yeshua il Messia quando morì sulla croce di esecuzione Romana. Durante la Pasqua Ebraica (Pesach), meno di un giorno prima della Sua morte, Gesù sollevò la Coppa della Redenzione e disse: “Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che è versata per voi”. (Luca 22:20)

Sulla base della forza di questa alleanza, i nostri peccati sono stati perdonati e non se ne ricordano più. (Isaia 43:25)

Ma questa nuova libertà ritrovata nel Messia ci dà libertà per peccare, abbandonando le norme stabilite nella legge di Hashem? Il rabbino Ebreo Sha’ul (apostolo Paolo) risponde a questa domanda con un clamoroso chas v’chalilah! (Hashem non voglia!)

“Che diremo dunque? Rimarremo nel peccato, affinché abbondi la grazia? Niente affatto! Noi che siamo morti al peccato, come vivremo ancora in esso?” (Romani 6:1-2)

Mentre Yeshua ha pagato il prezzo per i nostri peccati e la conseguente maledizione della legge, e possiamo dimorare nell’amore di Hashem attraverso la fede, la Nuova Alleanza o Brit Chadashah non annulla in alcun modo la nostra chiamata a camminare in santità. Egli ci ha liberati dalla schiavitù del peccato soffrendo le maledizioni della legge.

Né abbiamo bisogno di servire Hashem nella paura della punizione; piuttosto, ora siamo liberi di godere della relazione promessa in questa porzione della Torah. Hashem cammina tra di noi e noi siamo il Suo popolo che Lo serve per amore, devozione e gratitudine per tutto ciò che Egli ha fatto per noi. L’apostolo Paolo scrisse nel libro di Romani che non c’è nulla, assolutamente nulla, che può separarci dall’amore di Hashem che è nel Messia Yeshua.

“Infatti io sono persuaso che né morte né vita né angeli né principati né potenze né cose presenti né cose future, né altezze né profondità, né alcun’altra creatura potrà separarci dall’amore di Dio che è in nostro Signore Messiah Yeshua Adoneinu (nostro Signore).” (Romani 8:38-39)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00