Beit Shalom Messianic Congregation/Beit Shalom Congregazione Messianica

us

Cosa-vedere-Pozzuoli.jpg
Pozzuoli (Puteoli)

BRIEF HISTORY OF OUR CONGREGATION: 

Our Messianic Congregation started in September 2014 in Pozzuoli (Naples), Italy as a Messianic House of Prayer and Hospitality. It is a strategic point since this is where the Apostle Paul landed and stayed for seven days before going to Rome, as this was the first messianic congregation in Italy started by Kefa (Peter) and engcouraged by Shaul (Paul). Over time, people started to come to Beit Shalom to pray and study the Torah and Brit Chadashah with us, also to celebrate Shabbat and the Biblical Feasts with us. Some of them came to accept Yeshua as Messiah, others were already believers in Yeshua. We have also recorded most of our messianic bible studies for people in other parts of Italy and overseas in English and Italian which cannot attend our services and studies locally due to long distances. We have people who attend our services online via Skype or other Social media (Our YouTube Channel and Sound Cloud Channel). 

Shabbat at Beit Shalom is a unique experience and significant experience. Our Shabbat Evening Service provides an intimate and participatory worship setting to learn and celebrate with our b’nei mitzvah families. All of our members and guests also enjoy the Sanctuary on Saturday Mornings as the congregation and our welcome visitors join in worship and song. Our Messianic Congregation has also Online Members which attend the Services via Skype and other Social Media as SoundCloud and our YouTube Channel.

Please findhereour Shabbat Services Schedule and our Shabbat Blessings Songs and Prayers

We are praying for further growth of our Messianic Congregation, also for the official recognition as Rabbi and Rebbetzin with full ordination through the IAMCS in order to be equipped and aligned to MJAA and the will of G-d. We have already taken one Yeshiva course at the MJAA conference 2019, and we will continue the studies online.

CONGREGATIONAL AFFILIATION​

The Beit Shalom Messianic Congregation is affiliated with and a member of the:

IAMCS LOGO        MJAA LOGO

Certificate IAMCS

Where to find us on IAMCS Congregations Map: Kehilat Beit Shalom

We are HERE: GOOGLE MAP

Messenger link: m.me/beitshalommessianiccongregation

Skype ID:villageofhopeandjusticeministry

———————————————————————————————————————————-

OUR VIEW OF MESSIANIC JUDAISM:

Messianic Judaism is a movement of Jewish people who believe that Yeshua (Jesus’ original name in Hebrew) is the Messiah of Israel and the Savior of the world. Yeshua is the most Jewish of Jews. Yeshua was a descendant of both Abraham and King David, was raised in a Jewish home and went to synagogue. He perfectly kept the entire Torah (see Galatians 4:4). He taught that He came to fulfill, not set aside, the Torah (see Matthew 5:17-19). He was a rabbi who performed unparalleled miracles, bringing great blessing to the nation of Israel. All His early disciples also lived very Jewish lives. The Messianic movement was entirely Jewish at its inception, and continued to exist as an authentic Jewish movement for 700 years after Yeshua’s death and resurrection. Messianic Jews have not stopped being Jewish. On the contrary, we remain strongly Jewish in our identity and lifestyle! The Tanach (the Old Testament Scriptures) provides the foundation of our Jewish faith, and the New Covenant Scriptures (which were also written by Jews) the completion of our Jewish faith. In fact, the Hebrew Scriptures themselves affirm that they are not complete, but that God was going to make a New Covenant with the Jewish people (Jeremiah 31:31-34). We believe that the Sinai covenant, upon which much of traditional (Rabbinic) Judaism is based, is a broken covenant. There is no Temple and there are no sacrifices by which we can be brought near to God and experience genuine atonement. Non-Messianic Judaism is based on this broken covenant, which cannot save us. In contrast, we believe that God already established this New Covenant by means of Yeshua’s death and resurrection. He died and rose again to atone for our sins, so that we can enter into this New Covenant relationship with God. We believe that Yeshua ascended to the right hand of God the Father and is coming back to Earth to reign from Jerusalem over Israel and all the nations of the world. At that time the fullness of the New Covenant will be realized.

Who We Are:
Beit Shalom is part of a world-wide movement of Messianic congregations of Jews and people from all ethnic groups, who worship Yeshua (Jesus) as the Messiah in the context of Jewish covenantal lifestyle and identity. This is in accordance with the ancient promise of Tehillim (Psalm) 147:2-3 that “Adonai is rebuilding Yerushalayim (Jerusalem), gathering the dispersed of Israel. He heals the brokenhearted and binds up their wounds.”
Since our covenantal roots go back to B’resheet (Genesis) 12, we are fundamentally a Judaism, not a Christianity as is often construed. We are defining Christianity as the religious movement that:
 Finds its genuine core in the spiritual principles of the Messiah and His redemption which correlates with Judaism.
 Substitutes other religious practice in place of Torah holidays, etc.
 Takes the spiritual promises of holiness and eternal life, given to all believers, as the fulfillment and termination of Hashem’s unique, Land-centered covenant with Israel.
 Substitutes the body of believers for the people of Israel, therefore, our lot is fixed with those who share the Abrahamic promises, that is, the Jewish people.

Why We Exist:
The purpose of the Beit Shalom Messianic Congregation is to participate in and to promulgate the covenant Hashem made with Avraham and his offspring in B’resheet (Genesis) 12:1-4, and confirmed in Yirmeyahu (Jeremiah) 31:2-4, 31-37, to establish the Jews as His people, redeemed by their Messiah, and energized by His Spirit to keep His Torah.
We invite non-Jews to affiliate with us, and share in the glory, the work, and the sufferings of Israel, in the role of gerim, the assimilated foreigners among the people of Israel. There is no differentiation of role, in terms of participation in the community, and we believe there is no confusion of identity. For as it says in 1 Corinthians 7:19-20 “Being circumcised means nothing [in eternity], and being uncircumcised means nothing; what does mean something is keeping Hashem’s commandments. Each person should remain in the condition he was in when he was called.”

What We Do to Fulfill Our Purpose:
In Mishlei (Proverbs) 29:18 quoted above, the Hebrew word transliterated yipaara can be understood as “to abandon, disturb.” Therefore it is crucial for a congregation to be focused on accomplishing its vision and purpose, so it is energized and functional, not disturbed and dissipated. Those who mentor leaders urge us to summarize. People don’t remember whole sermons, they remember key phrases and statements.

Therefore, the vision summary for Beit Shalom is:
Building a pipeline of Jewish Yeshua Renewal, fulfilling Romans 11:15
• Building: all are [or should be] actively involved — in prayer, spirit, word, sacrifice, and action.
• Pipeline: a connected sequence of works of love and blessing.
• Jewish our heart is to bless the Jewish people, first of all. All peoples are welcome at Beit Shalom, but our passion is to bless and be blessed by Israel.
• Yeshua: without Him we are nothing. Yochanan (John) 15:4
• Renewal: our work must be in the Ruach, Z’kharyah (Zechariah) 4:6
• Romans 11:15 When Jews believe in their Messiah and live Jewishly, doing so fulfills Hashem’s purposes and releases a blessing to all the world. When Jews believe in their Messiah, and assimilate into the church world, they do not participate in the power of this promise of scripture, and in fact, contribute to the diminution and demise of Israel.
The outworking of this is to follow the words of the Tanakh and Messianic Writings. These inspired words are summarized by the Messiah when He was asked which is the greatest commandment Mark 12:29-31. He responded by reciting the Sh’ma and the V’ahavta Devarim (Deuteronomy) 6:4-5, to which He joined Vayikra (Leviticus) 19:18. The Torah commands are that we are to love Hashem with all our heart, mind, soul, and strength, and we are to love our neighbors as ourselves.
 By evangelism: leading our children and our surrounding Jewish and non-Jewish community to the Messiah and His resurrection power in the Ruach HaKodesh. Personal relationship and intimacy with the Messiah and the Ruach is the first task.
 By Messianic Jewish, Torah centered worship and lifestyle, which reflects Hashem’s love of Israel Yochanan (John) 4:22, Romans 11:18), and provides a spiritual home for Jewish believers in the Messiah.
 By educating:
 Communicating the vision of the covenantal torch and Torah living. L’dor va-dor.
* Imparting at least the portions of the vast wealth of Jewish knowledge that are relevant to understand Tanakh and Messiah.
* Community building: men’s khavurah [group], sisterhood, youth group, home groups, counseling, encouraging individuals in their callings and giftings in the Ruach, assisting the poor.

What We Believe:

A-nee ma-a-meen beh-eh-mu-nah sh’lay-ma

“I believe with a perfect faith.” [Maimonides]
1. We believe in the Scripture [the Tanakh and the Messianic Writings] as the inspired Word of God. Tehillim (Psalm) 119:105
2. We acknowledge the uni-plurality of Adonai, yet that He is also One. Devarim
(Deuteronomy) 6:4. (a supra-rational, but not irrational understanding of HaKadosh, the Holy One.)
3. We recognize the deity, virgin birth (miraculous births were not uncommon in the Tanakh, such as Sarah’s son Yitzchak, Hannah’s son Shmuel, etc.), miracles, sinless life, vicarious death, resurrection, ascension, and expected return of the Messiah Yeshua.
4. We believe in the atoning death of the Messiah as our own kapparah, our atoning sacrifice, and experienced the regeneration of the Holy Spirit. Yeshayahu (Isaiah) 53
5. We believe in the indwelling of the Holy Spirit, empowering us to live a holy and effective life. Yirmeyahu (Jeremiah) 31:33
6. We understand that there is a life to follow this one. Daniel 12:2-3
a. For the saved it will be eternity in Hashem’s presence.
b. For those separated from Hashem, they will stay eternally separated in a condition of damnation.
7. We believe we are in unity with all believers, Gentile or Jewish.
8. We believe there is a scriptural process of conflict resolution. When a conflict arises, we will go to the individual in a loving, appreciative spirit, and try to get reconciliation. If that fails, we will seek the help of the “one or two” intermediaries appointed by the elders Mattityahu (Matthew) 18:15-18.
9. We affirm that Yahadut, Jewishness, is fundamentally a sense of the calling of God to fulfill the human side of the covenants G-d made with Avraham, Yitzchak, and Yaakov, and Moshe. God is keeping His side of the covenants, which center on the command and promise that Israel should serve Hashem to all generations, as Israel, with rights to the Land and other blessings (B’resheet (Genesis) 12:1-3, Yirmeyahu (Jeremiah) 33:25-26). Faith in the Messiah of Israel in no way conflicts with these covenants. Hashem also prompts Gentile people to identify with the Jews, as did Ruth, to bless, help, and serve Hashem Yeshayahu (Isaiah) 49:22. It is appropriate for Messianics, Jewish and Gentile, to be identifiably Jewish in practice.
10. In accordance with Jewish custom, as observed by the Messiah Himself, we will use circumlocutions such as “Adonai” in place of the sacred Name of Hashem,. i.e., the Tetragrammaton. That is, we will say such terms as “HaShem” or “Adonai” and avoid using “Yahweh” or “Jehovah” or other speculative pronunciations of the YHVH.
11.The tribes of Ephraim and Manasseh are not the nations of Britain and the United States. In general, the 12 tribes have been absorbed into the people called by the term “Jews.” For example, in the book of Ester “[there] was a Jew, whose name was Mordechai the son of Yahir, the son of Shim‘i, the son of Kish, a Binyamin.”
12.Those who rightly call themselves Jews are of Jewish descent or formal conversion. Thus far, Messianics have not done formal conversions.

What We Practice:

Worship Style
Our goal is to worship Hashem in Spirit and in Truth-that is, Judaically, as defined in scripture and interpreted over the millennia. Therefore our pattern of worship includes such items as:
 Biblical holidays
 Sabbath [Saturday] as our worship day
 Banners Tehillim (Psalm) 20:5, 60.4
 Dance Tehillim (Psalm) 149:3, Yirmeyahu (Jeremiah) 31:13
 Reading or singing of scripture Nekhemyah (Nehemiah) 8:8, including honoring the Torah scroll in procession around the sanctuary (Revelation 1:12-13)
 Written prayers from the prayer book, the Siddur, of our people, modified as necessary (Acts 6:4 lit. “the prayers,” also Acts 3:1)
 Wearing the ‘fringes’ of Bamidbar (Numbers) 15:38-40, as a “garment of praise”
 Wearing of the kippah (the skullcap, which takes its scriptural precedent from Sh’mot (Exodus) 28:1-4, its rabbinical authenticity from the Talmud (Rosh HaShannah 17b) as a symbol of humility before Hashem, and its Jewish cultural validity from I Corinthians 9:20)
 Hebrew in the prose and poetry, as much as possible.
 Reverence for the place and time of worship
 Dressing up for synagogue attendance. Tehillim (Psalm) 29:2 Worship Adonai in holy splendor hadrat kodesh, holy attire of beauty and modesty. These and related practices are part of the worship style that King David, the prophets, and the
Messiah Himself knew and loved. It is prophesied that such ancient worship would be restored Tz’fanyah (Zephaniah) 3:9, ‘Amos 9:11) in the, a-kha-reet ha-ya-meem, the last days.
Incorporating these things into worship has been a spontaneous outgrowth of the Jewish spiritual restoration. We experience a great deal of divine joy being Biblical Jews.

Jewish God Talk:

Certain words that are commonly used to describe the Kingdom of the Messiah of Israel, have come to have highly negative nuances to Jewish ears, due to the  Antisemitism of those called Christians. The terms we are recommending for use at Beit Shalom reflect the original richly nuanced Biblical/Hebraic source significance.
We say ……………………………………..instead of
Yeshua………………………………………Jesus
Messiah or Mashiach …………………Christ
congregation or synagogue………..church
Good news…………………………………gospel
Believer…………………………………….Christian
Tanakh or Hebrew scriptures ……Old Testament
Completed Jew…………………………..convert
Adonai………………………………………Lord

Hebrew Language: 

There is something elegant, powerful, and non-translatable about the Hebrew idiom. It is likely the language of the Garden of Eden, and the only language, in scripture, that Hashem chose to use to speak audibly. For all these reasons, Jews have continued to make Hebrew their language of worship, praise, and prayer. We are committed to making the Hebrew intelligible to all by transliterating it into Latin characters (so it can be pronounced), and translating it, often to be sung to the same melodies, so the thoughts can be expressed as worship. Below is a pronunciation guide, and a glossary of some frequently used terms.
Divine names are usually hyphenated, in conformity to the custom that it would be irreverent to put Hashem’s Name on any paper that is likely to be discarded.

Pronunciation Guide to transliterations 

a, aw or ah …………………………short a
ay……………………………………..long a
e or eh……………………………….short e
ee ……………………………………..long e
i ……………………………………….long i
o……………………………………….long o
u or oo ………………………………as in “goo”
kh………………………………..guttural sound, like clearing the throat.
There is no soft “g” or “j” sound, in Hebrew. All “g’s” are hard.

Limited Glossary of Hebrew words frequently used:

ah-men……………………………………amen
Adonai……………………………………The L-rd
Brit Chadashah………………………..New Covenant
HaMashiach ……………………………The Messiah
matzah……………………………………unleavened bread
Pesach ……………………………………Passover
Shabbat…………………………The Sabbath, Friday sundown to Saturday sundown
Shavuot………………………… Pentecost
Sukkot ……………………………………Feast of Tabernacles
Yeshua……………………………………Jesus

Our Life Development Process to Facilitate Growth: 

As mentioned in our vision statement above, we are building a pipeline of Jewish Yeshua-ish renewal, fulfilling Romans 11:15. The pipeline can be considered to have five sequential pieces:
1. The inlet of contact, possibly by pre-evangelism.
2. The life impartation of evangelism, sharing the redemption of the Messiah.
3. Discipleship and mentoring
4. Nurture through weekly studies.
5. Leadership training.

Our Structure: 

A) Our Governing Philosophy
The objective of the By-Laws of Beit Shalom is that our body is to be governed by Adonai,
through the rabbi and his advisers. This structure is theologically described as a theocracy. We acknowledge that we do not have a true and perfect theocracy, for we only grasp His will “seeing but a poor reflection as in a mirror” 1 Corinthians 13:12 NIV. But the term is a useful summary of the focus and intent of the government.
It has been stated by some in high positions of leadership that an effective organization is not possible unless loyalty to the leader is more important to the workers than loyalty to the organization. This very strong statement can be the source of great power, both for good and bad. Loyalty to the leader, or rabbi, means loyalty to tell him his faults as necessary. “Wounds from a friend can be trusted.” Mishlei (Proverbs) 27:6 NIV That is, prayerful, friendly advice and admonition is welcome. Angry criticism is unfruitful. “A hot- tempered man stirs up strife, but the slow to anger calms a dispute.” Mishlei (Proverbs) 15:18
Diverse ideas and divergent opinions about policy should be freely aired. It is important to dialogue differences, rather than leave seeds of bitterness to fester and ultimately erupt.

K’hee-lah M’shee-kheet Beit Shalom
Beit Shalom Messianic Congregation

Foremost in the operation of this Corporation and its By-Laws is the Word of Hashem as taught in the Tanakh and Messianic Writings (Old and New Testaments).
This congregation shall be governed, to the extent that humans can successfully formulate such an institution, as a theocracy, having Hashem at its head with the Rabbi and Rebbetzin as Messianic Pastors and their appointed Boards as assistants.
The congregational Governing Structure shall consist of
● Board of Directors
The Rabbi’s Ministering Staff shall consist of:
● Board of Elders
● Board of Deacons

MEMBERSHIP ELIGIBILITY

Individuals shall be eligible for membership who:
● give evidence of their spiritual new birth and faith in Adoneinu Yeshua Ha-Mashiach, our Lord Yeshua the Messiah, as defined by the congregational Statement of Faith.
● who commit themselves to support this congregation by their attendance and their tithe.
● agree to be governed by its By-laws as herein set forth.
Members will be received by signing the commitment, after an interview with the Rabbi or someone delegated by him, and taking such discipleship classes as shall be determined by the Rabbi or someone delegated by him.

DISCIPLINE OF MEMBERSHIP 
● Members out of unity with the body or are not submissive to the Rabbi and/or staff (Proverbs) 6:16-19 shall be approached according to Mattityahu (Matthew) 18:15-18 with final decision by Rabbi in counsel with the Board.
● Membership is subject to yearly review by the Rabbi and the Board and may be renewed, or discontinued if the member is inactive.
● Membership may be terminated after 30 days’ notice if the reconciliation process above is not successful.

MEETINGS:
● There shall be an annual meeting of the members of the congregation at which time financial and other reports shall be read. The time and place to be announced by the Rabbi and Rebbetzin as Messianic Pastors.
● Special business meetings of the congregation may be called only with the Rabbi and Rebbetzin’s approval.

RABBI’S ROLE:
The Rabbi and Rebbetzin as Messianic Pastors are elected to serve for an indefinite period of time. The Rabbi and Rebbetzin as Messianic Pastors will be the spiritual overseer of the congregation and will direct all of its activities. They will be the President of the Corporation and shall act as chairman of all the business meetings of the congregation and also of the Board of Directors, Board of Elders and Board of, Deacons. They will appoint all members of the various Boards in the congregation. They will be an ex-officio member of all committees or departments. They will provide for all the services of the congregation and will arrange for all special meetings, conventions, or concerts. No person shall be invited to speak or preach in the congregational body without their approval.

Our Affiliation:
Beit Shalom is part of the International Alliance of Messianic Congregations and Synagogues [IAMCS] since December 2019. The IAMCS is the congregational association of the Messianic Jewish Alliance of America [MJAA], which is a fellowship of individuals and not congregations. 
What is the MJAA? [Transcribed from MJAA website MJAA.org]
The Messianic Jewish Alliance of America (MJAA), founded in 1915, is the largest association of Messianic Jews in the world. Its purpose is threefold:
1. To testify to the large and growing number of Jewish people who believe that Yeshua (Jesus) is the promised Jewish Messiah and Savior of the world;
2. To bring together Jews and non-Jews who have a shared vision for Jewish revival; and 
3. Most importantly, to introduce our Jewish brothers and sisters to the Jewish Messiah Yeshua.
Why is this necessary? For many centuries Jews have frequently suffered at the hands of those calling themselves followers of Jesus. At the same time, the “Good News” or gospel of Yeshua was often presented without mention of this gospel’s roots in Hashem’s relationship with His Jewish people throughout Scripture, and His promise of salvation through the Jewish Messiah.
These factors lead many Jews to assume that to follow Yeshua is to leave the faith of their fathers and become non-Jews. The MJAA has worked to combat this misperception for nearly 90 years.
Most MJAA members attend independent Messianic Jewish congregations and synagogues. The MJAA is also affiliated with Messianic Jewish alliances in fifteen countries, including Israel.
What is the IAMCS? [Transcribed from the IAMCS website IAMCS.org]
Since 1967, when Jerusalem came back into Jewish hands, tens of thousands of Jewish people have come into the kingdom of Hashem. Many of these Messianic Jews did not want to assimilate and immediately began to form themselves into Messianic congregations to retain their Jewish heritage and to be a light to their Jewish people.
By the early 1970’s the MJAA was already deeply involved with assisting, encouraging, counseling, and even training leaders for Messianic congregations.
As more and more congregations were formed, many within the MJAA had a desire to form a fellowship of Messianic congregations or synagogues under the auspices of the MJAA. The purpose of such an organization would be to strengthen one another, unite in the Lord, and work together in this End time Jewish revival.  Intermediate steps were taken with the formation of the Messianic Pastor’s Fellowship with the dual purpose of (1) sponsoring the National Conference of Messianic Pastors (held annually in Philadelphia) and (2) providing training seminars at the annual Messiah conferences. Both of these events have a tremendous impact upon the congregational movement.
The L-rd has been speaking to the hearts of those within the Alliance that NOW is the time to move ahead with this fellowship of Messianic congregations. As a result, in the spring of 1986, The International Alliance of Messianic Congregations and Synagogues (IAMCS) was formed.

IAMCS Vision:
The spiritual vision of the IAMCS is to see the outpouring of Hashem’s Spirit upon our Jewish people through Messianic congregations. The IAMCS is not designed to be a denominational structure, but rather to be an instrument in promoting Messianic revival and to provide for the needs of its members, whatever their affiliations.
IAMCS Purpose
To work together with Messianic congregations and Messianic pastors to encourage Hashem’s great ENDTIME JEWISH REVIVAL.
 To promote UNITY among Messianic congregations and Messianic rabbis.
 To STRENGTHEN and assist in the spiritual growth and general welfare of Messianic congregations and their spiritual leaders.
 To assist in the formation and establishment of NEW Messianic synagogues as the L-rd enables us.
 To establish a worldwide PRAYER FELLOWSHIP among Messianic brethren for the outpouring of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) upon our Jewish people.
 To encourage and support Messianic Pastors, Rabbis and Rebbetzins through regular LEADERSHIP CONFERENCES and TRAINING SEMINARS.
 To promote the return of Messianic DAVIDIC PRAISE AND WORSHIP within
Messianic congregations.
 To provide materials and EDUCATIONAL RESOURCES for Messianic congregations and their leaders. Membership application is reviewed by the IAMCS Steering Committee. Once approved a $100.00 annual membership fee and a minimum $25.00 monthly support is required. Acceptance into the IAMCS is accompanied by a document of certification.

To know more about what Messianic Judaism is, please visit our page:

What is Messianic Judaism?

Membership_Class_booklet

To join our congregation, please fill out the form below and send it back to us via E-mail at beitshalomkehilat@gmail.com

Beit Shalom Membership_Commitment_Form

UNA BREVE STORIA DELLA NOSTRA CONGREGAZIONE:

La nostra Congregazione Messianica è iniziata a Settembre 2014 a Pozzuoli (Napoli), in Italia, come Casa di Preghiera Messianica e di Accoglienza. È un punto strategico poiché è qui che l’apostolo Paolo è sbarcato e rimasto per sette giorni prima di andare a Roma, poiché questa è stata la prima Congregazione Messianica in Italia avviata da Kefa (Pietro) e incoraggiata da Shaul (Paolo). Nel corso del tempo, le persone hanno iniziato a venire a Beit Shalom per pregare e studiare la Torah e Brit Chadashah con noi, oltre a celebrare il Culto di Shabbat e le Feste Bibliche con noi. Alcuni di loro hanno riconosciuto Yeshua come loro Salvatore e Messia di Israele, altri erano già credenti in Yeshua. Abbiamo inoltre registrato la maggior parte dei nostri studi biblici Messianici per tutte le persone che si trovano in altre parti d’Italia e all’estero e che non possono partecipare alla Congregazione di persona a causa delle lunghe distanze. Abbiamo persone membri della nostra congregazione, che frequentano i nostri Culti Online tramite Skype o altri social media (Il nostro canale YouTube e il canale Sound Cloud).

Shabbat a Beit Shalom è un’esperienza unica e significativa. Il nostro Culto Serale del Venerdi’ sera di Shabbat offre un luogo di culto intimo e partecipativo per imparare e festeggiare con le nostre famiglie b’nei mitzvah. Tutti i nostri membri e ospiti godono anche del Santuario il Sabato mattina, mentre la congregazione ei nostri visitatori benvenuti si uniscono al culto e al canto. La nostra congregazione Messianica ha anche membri online che frequentano i servizi tramite Skype e altri social media come SoundCloud e il nostro canale YouTube.

Qui troverete gli orari dei Culti di Shabbat oltre alle nostre Benedizioni, Preghiere e Canti di Shabbat 

Stiamo pregando per un’ulteriore crescita della Congregazione Messianica Beit Shalom, oltre che per il riconoscimento ufficiale rabbinico in qualità di Rabbino e Rebbetzin con l’ordinamento ufficiale attraverso la IAMCS per essere equipaggiati e allineati alla MJAA e alla volontà di Dio. Abbiamo già seguito un corso di Yeshiva alla conferenza MJAA 2019 e continueremo gli studi online.

AFFILIAZIONE CONGREGAZIONALE

Beit Shalom Congregazione Messianica è affiliata e membro di:

IAMCS LOGO                             MJAA LOGO

Certificate IAMCS

Dove trovarci su IAMCS Congregations Map: Kehilat Beit Shalom

Siamo QUI: GOOGLE MAP

Messenger link: m.me/beitshalommessianiccongregation

Skype ID: villageofhopeandjusticeministry

LA NOSTRA VISIONE DEL GIUDAISMO MESSIANICO:

Il Giudaismo Messianico è un movimento di Ebrei che credono che Yeshua (il nome originale di Gesù in Ebraico) sia il Messia di Israele e il Salvatore del mondo. Yeshua è il più Ebreo degli Ebrei. Yeshua era un discendente di Abramo e di Davide, era cresciuto in una casa Ebraica e andò in sinagoga. Ha mantenuto perfettamente l’intera Torah (vedere Galati 4:4). Insegnò che era venuto ad adempiere, non mettere da parte, la Torah (vedere Matteo 5:17-19). Era un rabbino che compiva miracoli ineguagliabili, portando grande benedizione alla nazione di Israele. Tutti i suoi primi discepoli vivevano anche vite molto Ebraiche. Il movimento Messianico era interamente Ebraico al suo inizio e continuò a esistere come un autentico movimento Ebraico per 700 anni dopo la morte e la risurrezione di Yeshua. Gli Ebrei Messianici non hanno smesso di essere Ebrei. Al contrario, rimaniamo fortemente Ebrei nella nostra identità e stile di vita! Il Tanach (le Scritture dell’Antico Testamento) fornisce il fondamento della nostra fede Ebraica e le Scritture della Nuova Alleanza (che furono anche scritte dagli Ebrei) il completamento della nostra fede Ebraica. Infatti, le stesse Scritture Ebraiche affermano che non sono complete, ma che Dio stava per fare una Nuova Alleanza con il popolo Ebraico (Geremia 31:31-34). Crediamo che l’alleanza del Sinai, sulla quale si basa gran parte del Giudaismo (rabbinico) tradizionale, sia un’alleanza infranta. Non c’è Tempio e non ci sono sacrifici con cui possiamo essere avvicinati a Dio e sperimentare l’autentica espiazione. Il Giudaismo non Messianico si basa su questa patto rotto, che non può salvarci. Al contrario, crediamo che Dio abbia già stabilito questa Nuova Alleanza per mezzo della morte e della risurrezione di Yeshua. È morto e risorto per espiare i nostri peccati, così da poter entrare in questa relazione di Nuova Alleanza con Dio. Crediamo che Yeshua sia asceso alla mano destra di Dio il Padre e stia tornando sulla Terra per regnare da Gerusalemme sopra Israele e tutte le nazioni del mondo. A quel tempo si realizzerà la pienezza della Nuova Alleanza.

Chi siamo:
Beit Shalom fa parte di un movimento mondiale di Congregazioni Messianiche di Ebrei e persone di tutti i popoli, che adorano Yeshua (Gesù) come il Messia nel contesto dello stile di vita e dell’identità dell’alleanza Ebraica. Questo è in accordo con l’antica promessa dei Tehillim (Salmo) 147:2-3 che “Adonai sta ricostruendo Yerushalayim, radunando i dispersi di Israele. Guarisce i cuori spezzati e fascia le loro ferite”. Poiché le nostre radici dell’alleanza risalgono a B’resheet (Genesi) 12, siamo Ebrei Messianici fondati quindi sul Giudaismo, non sul Cristianesimo come spesso viene interpretato. Definiamo il Cristianesimo come il movimento religioso che:
• Trova il suo vero nucleo nei principi spirituali del Messia e la Sua redenzione in correlazione con l’Ebraismo.
• Sostituisce altre pratiche religiose al posto delle feste della Torah, ecc.
• Prende le promesse spirituali di santità e vita eterna, date a tutti i credenti, come
l’adempimento e la cessazione dell’alleanza unica di Hashem, incentrata sulla Terra, con Israele.
• Sostituisce il corpo dei credenti al popolo di Israele.
Pertanto, il nostro destino è fissato con coloro che condividono le promesse di Abrahamo, cioè il popolo Ebraico.

Perché Esistiamo:
Lo scopo della Congregazione Messianica di Beit Shalom è partecipare e promulgare l’alleanza con Hashem fatta con Abramo e la sua prole in B’resheet (Genesi) 12:1-4 e confermata in Yirmeyahu (Geremia) 31:2-4, 31-37, per stabilire gli Ebrei come il Suo popolo, redento dal loro Messia, ed energizzato dal Suo Spirito per mantenere la Sua Torah. Invitiamo i non Ebrei ad affiliarsi con noi e condividiamo la gloria, l’opera e le sofferenze di Israele, nel ruolo di gerim, gli stranieri assimilati tra il popolo di Israele. Non c’è differenziazione di ruolo, in termini di partecipazione alla comunità, e crediamo che non ci sia confusione di identità. Perché come si dice in 1Corinzi 7:19-20 “19 La circoncisione non conta nulla, e l’incirconcisione non conta nulla; ma ciò che conta è l’osservanza dei comandamenti di Dio. 20 Ognuno rimanga nella condizione in cui era quando fu chiamato.”

Cosa facciamo per soddisfare il nostro scopo:
In Mishlei (Proverbi) 29:18 sopra citato, la parola Ebraica traslitterata yipaara può essere intesa come “abbandonare, disturbare”. Perciò è cruciale per una congregazione concentrarsi sulla realizzazione della Sua visione e del Suo scopo, quindi è energizzata e funzionale , non disturbata e dissipata. Coloro che guidano sono esortati a riassumere. Le persone non ricordano interi sermoni, ricordano frasi e frasi chiave.

Pertanto, il riassunto della visione di Beit Shalom è:
Costruire un canale unico di sostegno alla Rinnovamento degli Ebrei attraverso la Salvezza in Yeshua, secondo l’adempiendo Romani 11:15.
• Cosa è l’Edificio:tutti sono [o dovrebbero essere] attivamente coinvolti – nella preghiera, nello spirito, nella parola, nel sacrificio e nell’azione.
• Il canale: una sequenza collegata di opere d’amore e di benedizione.
• Come Ebrei in Yeshua, il nostro cuore è di benedire il popolo Ebraico, prima di tutto. Tutti i popoli sono benvenuti a Beit Shalom, ma la nostra passione è benedire e essere benedetti da Israele.
• Yeshua: senza di Lui non siamo nulla. Yochanan (Giovanni) 15:4
• Rinnovamento: il nostro lavoro deve essere nel Ruach, Z’kharyah (Zaccaria) 4:6
• Romani 11:15 Quando gli Ebrei credono nel loro Messia e vivono come Ebrei, questo soddisfa gli scopi di Hashem e rilascia una benedizione a tutto il mondo. Quando gli Ebrei credono nel loro Messia ma si conformano al mondo della Chiesa, non partecipano al potere di questa promessa delle Scritture e, di fatto, contribuiscono alla diminuzione e alla morte di Israele.
Lo sviluppo di tutto questo sta nel seguire le parole del Tanakh e degli scritti Messianici. Queste parole ispirate sono riassunte dal Messia quando gli fu chiesto qual è il più grande comandamento in Marco 12:29-31. Ha risposto recitando lo Sh’ma e il V’ahavta Devarim (Deuteronomio) 6:4-5, a cui si è unito a Vayikra (Levitico) 19:18. I comandi della Torah sono che dobbiamo amare Hashem con tutto il nostro cuore, mente, anima e forza, e dobbiamo amare il nostro prossimo come noi stessi. 
• Come portiamo l’evangelo: guidando i nostri figli e la nostra comunità Ebraica e non Ebraica verso il Messia e il Suo potere di risurrezione nel Ruach HaKodesh. La relazione personale e l’intimità con il Messia e il Ruach sono il primo compito per ognuno di noi.
• Come Ebrei Messianici, il nostro culto e stile di vita sono incentrati sulla Torah, che riflette l’amore di Hashem per Israele, Yochanan (Giovanni) 4:22, Romani 11:18), e fornisce una casa spirituale per i credenti Ebrei nel Messia.
• Educhiamo: o Comunichiamo la visione della torcia e della Torah viventi. L’dor va-dor.
• Impartiamo almeno le parti della vasta ricchezza di conoscenza Ebraica che sono rilevanti per comprendere il Tanakh e il Messia.
• l’Edificio della comunità: khavurah maschile [gruppo], sorellanza, gruppo giovanile, gruppi familiari, Counseling, ogni persona è incoraggiato/a nella sua chiamata e dono/i nel Ruach, assistenza ai poveri.

Ciò in cui Crediamo:

sh’lay-ma beh-eh-mu-nah ma-a-meen

“Credo con una fede perfetta.” [Maimonide]
1. Crediamo nella Scrittura [il Tanakh e gli Scritti Messianici] come la Parola ispirata di Dio. Tehillim (Salmo) 119:105
2. Riconosciamo l’unicità di Adonai, eppure Egli è anche Uno. Devarim (Deuteronomio) 6:4. (una comprensione sovra-razionale, ma non irrazionale, di HaKadosh, il Santo.)
3. Riconosciamo la divinità, la nascita verginale (le nascite miracolose non erano rare nel Tanakh, come il figlio di Sara Yitzchak, il figlio di Hannah Shmuel, ecc.), Miracoli, vita senza peccato, morte per procura, risurrezione, ascensione e ritorno previsto del Messia Yeshua.
4. Crediamo nella morte espiatoria del Messia come nostra kapparah, il nostro sacrificio espiatorio, e abbiamo sperimentato la rigenerazione dello Spirito Santo. Yeshayahu (Isaia) 53
5. Crediamo nella presenza dello Spirito Santo, che ci autorizza a vivere una vita santa ed efficace. Yirmeyahu (Geremia) 31:33
6. Comprendiamo che c’è una vita a seguire da questa. Daniele 12:2-3
A. Per i salvati sarà l’eternità nella presenza di Hashem.
B. Per quelli separati da Hashem, rimarranno eternamente separati in una condizione di dannazione.
7. Crediamo di essere in unità con tutti i credenti, i Gentili e gli Ebrei.
8. Crediamo che esista un processo scritturale di risoluzione dei conflitti. Quando sorge un conflitto, andremo dall’individuo con uno spirito amorevole e riconoscente e cercheremo di ottenere la riconciliazione. Se ciò fallisce, cercheremo l’aiuto degli “uno o due” intermediari nominati dagli anziani Mattityahu (Matteo) 18:15-18.
9. Affermiamo che Yahadut, l’Ebraicità, è il fondamento della chiamata di Dio a soddisfare il lato umano delle alleanze che Dio ha fatto con Avraham, Yitzchak, Yaakov e Moshe. Dio sta tenendo fede alla Sua parte delle alleanze, che si basa sul comando e promette che Israele dovrebbe servire Hashem in tutte le generazioni, come Israele, con diritti sulla Terra e ricevere altre benedizioni (Beresheet (Genesi) 12:1-3, Yirmeyahu (Geremia) 33:25-26). La fede nel Messia di Israele non è in alcun modo in conflitto con queste alleanze. Hashem induce anche le persone Gentili ad identificarsi con gli Ebrei, come fece Ruth, per benedire, aiutare e servire Hashem Yeshayahu (Isaia) 49:22. È appropriato che Messianici, Ebrei e Gentili, siano in pratica identificati in modo Ebraico.
10. Secondo l’usanza Ebraica, come osservato dal Messia stesso, useremo circonlocuzioni come “Adonai” al posto del sacro Nome di Hashem. (Tetragrammaton). Cioè, useremo termini come “HaShem” o “Adonai” ed eviteremo di usare “Yahweh” o “Jehovah” o altre pronunce speculative del YHVH.
11. Le tribù di Efraim e Manasse non sono le nazioni della Britannia e degli Stati Uniti. In generale, le 12 tribù sono state assorbite dal popolo chiamato con il termine “Ebrei”. Ad esempio, nel libro di Ester “[c’era] un Ebreo, il cui nome era Mordechai figlio di Yahir, figlio di Shim, il figlio di Kish, un Binyamin.”
12. Coloro che si definiscono giustamente Ebrei sono di origine Ebraica o di conversione formale. Finora, i Messianici non hanno fatto conversioni formali.

Ciò che pratichiamo:

Stile di culto
Il nostro obiettivo è adorare Hashem nello Spirito e nella Verità, cioè, Giudaicamente, come definito nelle Scritture e interpretato nel corso dei millenni. Pertanto il nostro modello di culto include elementi come:
• Festività Bibliche
• Sabbath [Sabato] è il giorno del nostro culto
• Uso delle bandiere – Tehillim (Salmo) 20:5, 60.4
• Danza – Tehillim (Salmo) 149:3, Yirmeyahu (Geremia) 31:13
• Lettura o canto delle Scritture – Nekhemya (Neemia 8:8), incluso onorare il rotolo della Torah in processione attorno al santuario (Apocalisse 1:12-13)
• Preghiere scritte dal libro di preghiere, il Siddur, del nostro popolo, modificate secondo la necessità (Atti 6:4 lett. “Le preghiere”, anche Atti 3:1)
• Indossiamo le “frange” di Bamidbar (Numeri) 15:38-40, come “indumento di lode”
• Indossiamo la kippah (la calotta cranica, che prende il suo precedente scritturale da Sh’mot (Esodo) 28:1-4, la sua autenticità rabbinica dal Talmud (Rosh HaShannah 17b) come simbolo di umiltà davanti ad Hashem, e il suo patrimonio culturale Ebraico validata in I Corinzi 9:20)
• Usiamo l’Ebraico nella prosa e nella poesia, il più possibile.
• Riveriamo il luogo e il tempo di culto
• Vestiamo in maniera decorosa nella intera area della sinagoga Messianica. Tehillim (Salmo) 29:2 Adoriamo Adonai nel santo splendore hadrat kodesh, con un santo abbigliamento fatto di bellezza e modestia.
Queste e le pratiche correlate fanno parte dello stile di adorazione che il re Davide, i profeti e il Messia stesso conoscevano e amavano. È stato profetizzato che un culto così antico sarebbe stato restaurato da Tz’fanyah (Sofonia 3:9, Amos 9:11) nel, a-kha-reet ha-ya-meem, negli ultimi giorni.
Incorporiamo queste cose nella adorazione come una conseguenza spontanea della restaurazione spirituale Ebraica. Sperimentiamo una grande quantità di gioia divina nel vivere come Ebrei secondo i principi Biblici.

Parliamo al Dio di Israele:

Alcune parole comunemente usate per descrivere il Regno del Messia di Israele, sono arrivate ad avere sfumature molto negative per le orecchie degli Ebrei, a causa dell’antisemitismo di coloro che sono chiamati Cristiani. I termini che raccomandiamo per l’uso a Beit Shalom riflettono il significato originario della fonte Biblica / Ebraica, ricco di sfumature.
Diciamo………………………………….invece di
Yeshua……………………………………Gesù
Messia…………………………………….Cristo
Congregazione o Sinagoga………..chiesa
Buone notizie………………………….vangelo
Credente………………………………..Cristiano
Scritture Tanakh o Ebraiche …..Antico Testamento
Ebreo completato…………………..Convertito
Adonai…………………………………..Signore

Lingua Ebraica:

C’è qualcosa di elegante, potente e non traducibile nell’idioma Ebraico. È probabilmente la lingua del Giardino dell’Eden e l’unica lingua, nelle Scritture, che Hashem ha scelto di usare per parlare in modo udibile. Per tutti questi motivi, gli Ebrei hanno continuato a fare dell’Ebraico la loro lingua di culto, lode e preghiera. Ci impegniamo a rendere l’Ebraico intelligibile a tutti, traslitterandolo in caratteri Latini (quindi può essere pronunciato), e traducendolo, spesso per essere cantato alle stesse melodie, così i pensieri possono essere espressi come culto. Di seguito è riportata una guida alla pronuncia e un glossario di alcuni termini utilizzati di frequente. I nomi divini sono solitamente composti da trattini, in conformità con l’abitudine che sarebbe irriverente mettere il nome di Hashem su qualsiasi carta che è probabile che venga scartata.

Pronuncia Guida alle traslitterazioni:
a, aw o ah a breve
a a lunga
e o eh e breve
ee e lungo
io lungo
o o lungo
u o oo come in “gu”
kh suono gutturale, come schiarirsi la gola
Non c’è alcun suono “g” o “j” morbido, in Ebraico. Tutte le “g” sono dure.

Glossario limitato delle parole Ebraiche usate frequentemente
ah-men……………………amen
Adonai……………………Il Signore
Brit Chadashah……….Nuovo Testamento/Patto
HaMashiach……………Il Messia
Matzah…………………..pane non lievitato
Pesach……………………Pasqua
Shabbat ………………… Il Sabato, il tramonto del venerdì al tramonto del sabato
Shavuot ………………… Pentecoste
Sukkot……………………Festa dei Tabernacoli
Yeshua……………………Gesù

Il nostro processo di sviluppo della vita per agevolare la crescita:

Come menzionato nella nostra dichiarazione di visione di cui sopra, stiamo costruendo canale unico di rinnovamento del popolo di Israele in Italia per gli Ebrei in Yeshua e per i Gentili che avessero un cuore per Israele negli ultimi tempi, che adempie ai Romani 11:15. Si può considerare che il canale abbia cinque pezzi sequenziali:
1. L’ingresso di contatto, condivisione della buona novella di Yeshua.
2. La testimonianza della nostra fede, condividendo la redenzione del Messia.
3. Discepolato e tutorato
4. Sviluppo dello stesso attraverso studi settimanali.
5. Formazione alla leadership (guida).

La Nostra Struttura:

A) La nostra filosofia di governo
L’obiettivo del Regolamento di Beit Shalom è che il nostro corpo sia governato da Adonai, attraverso il Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici e i loro consiglieri. Questa struttura è teologicamente descritta come una teocrazia. Riconosciamo di non avere una teocrazia vera e perfetta, perché comprendiamo solo la Sua volontà “vedendo solo un povero riflesso come in uno specchio” 1 Corinzi 13:12. Ma il termine è un utile sommario della nostra attenzione reale e dell’intento del governo. È stato affermato da alcuni in alte posizioni di leadership (guida) che un’organizzazione efficace non è possibile a meno che la lealtà verso il leader (capo) sia più importante per i lavoratori rispetto alla lealtà verso l’organizzazione. Questa affermazione molto forte può essere la fonte di un grande potere, sia nel bene che nel male. Lealtà verso i capi, il Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici, significa lealtà per dire loro i loro difetti, se necessario. “Le ferite di un amico possono essere considerate attendibili”.
Mishlei (Proverbi) 27:6 Cioè, oranti, consigli amichevoli e ammonimenti sono i benvenuti. La critica arrabbiata è infruttuosa. “Un uomo irascibile scatena la lotta, ma il lento all’ira calma una disputa.” Mishlei (Proverbi) 15:18.
Diverse idee e opinioni divergenti sulla politica dovrebbero essere liberamente messe in discussione. È’ importante dialogare sulle differenze, piuttosto che lasciare semi di amarezza facendo finta che vada tutto bene e alla fine si esploda.

K’hee-lah M’shee-kheet Beit Shalom
Beit Shalom Congregazione Messianica

Il ruolo più importante nel funzionamento di questa Corporazione e dei suoi statuti è la Parola di Hashem come insegnata negli Scritti Tanakh e Messianico (Vecchio e Nuovo Testamento). Questa congregazione sarà governata, nella misura in cui gli uomini possono formulare con successo una tale istituzione, come la teocrazia, avendo Hashem alla testa con il Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici e le loro commissioni nominate come assistenti.
La struttura governativa congregazionale sarà composta da:
● Consiglio di amministrazione
Il personale ministeriale del Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici sarà composto da:
● Consiglio degli anziani
● Consiglio dei Diaconi

IDONEITÀ DELL’ ISCRIZIONE

Gli individui devono essere idonei all’adesione che:
● Dare evidenza della loro nuova nascita e fede spirituali in Adoneinu Yeshua Ha-Mashiach, il nostro Signore Yeshua il Messia, come definito dalla Dichiarazione di fede congregazionale.
● Che si impegnano a sostenere questa congregazione con la loro presenza e la loro decima.
● accetta di essere soggetto allo statuto congrezionale come qui esposto.
I membri saranno ricevuti firmando l’impegno, dopo un colloquio con il Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici o qualcuno da loro delegato, e prendendo lezioni di discepolato che saranno determinate dal Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici o da qualcuno da loro delegato.

DISCIPLINA DI APPARTENENZA 
I membri fuori dall’unità con il corpo o non sottomessi al Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici e / o allo staff (Proverbi) 6:16-19 saranno avvicinati secondo Mattityahu (Matteo) 18:15-18 con la decisione finale del Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici in consiglio con il collegio.
● L’iscrizione è soggetta a revisione annuale da parte del Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici e del Consiglio e può essere rinnovata o interrotta se i membri sono inattivi.
● L’iscrizione può essere disdetta dopo un preavviso di 30 giorni se il processo di riconciliazione non ha esito positivo.

INCONTRI:
Ci sarà una riunione annuale dei membri della congregazione durante la quale verranno letti i rapporti finanziari e di altro tipo. Il tempo e il luogo che sarà annunciato dal Rabbino e la Rebbetzin.
● Incontri d’affari speciali della congregazione possono essere chiamati solo con l’approvazione del Rabbino e la Rebbetzin.

RUOLO DEL RABBINO E DELLA REBBETZIN:
Il Rabbino e la Rebbetzin vengono eletti per un periodo indefinito. Il Rabbino e la Rebbetzin come Pastori Messianici saranno i sovrintendenti spirituali della congregazione e dirigeranno tutte le loro attività. Loro saranno Presidente e Vice Presidente della Società e fungeranno da presidente e Vice Presidente di tutte le riunioni di lavoro della congregazione e anche del Consiglio di Amministrazione, del Consiglio degli Anziani e del Consiglio di Amministrazione di Diaconi. Loro nomineranno tutti i membri delle varie commissioni nella congregazione. Saranno membri ex-officio di tutti i comitati o dipartimenti. Loro provvederanno a tutti i servizi della congregazione e organizzeranno tutti gli incontri speciali, gli eventi o i concerti. Nessuna persona sarà invitata a parlare o predicare nel corpo della congregazione senza la loro approvazione.

La nostra Affiliazione:
Beit Shalom è parte dell’Alleanza Internazionale delle Congregazioni e Sinagoghe Messianiche [IAMCS] dal Dicembre 2019. Lo IAMCS è l’associazione congregazionale dell’Alleanza Ebraica Messianica dell’America [MJAA], che è una comunione di individui e non e congregazioni.

Cos’è il MJAA? [Trascritto dal sito MJAA MJAA.org]

La Messianic Jewish Alliance of America (MJAA), fondata nel 1915, è la più grande associazione di Ebrei Messianici nel mondo. Il suo scopo è triplice:
1. Testimoniare il numero ampio e crescente di Ebrei che credono che Yeshua (Gesù) sia il promesso Messia e Salvatore del mondo; 2. Riunire Ebrei e non Ebrei che condividono una visione per la rinascita del popolo di Israele; e 3. Soprattutto, per presentare i nostri fratelli e sorelle Ebrei al Messia Ebraico Yeshua.
Perché è necessario? Per molti secoli gli Ebrei hanno spesso sofferto per mano di coloro che si definiscono seguaci di Gesù. Allo stesso tempo, la “buona novella” o il vangelo di Yeshua veniva spesso presentato senza menzionare le radici di questo vangelo nel rapporto di Hashem con il suo popolo Ebraico attraverso la Scrittura, e la sua promessa di salvezza attraverso il Messia Ebraico. Questi fattori portano molti Ebrei ad assumere che seguire Yeshua significa lasciare la fede dei loro padri e diventare non Ebrei. Il MJAA ha lavorato per combattere questa falsa percezione per quasi 90 anni.
La maggior parte dei membri di MJAA frequenta congregazioni e sinagoghe Ebraiche Messianiche indipendenti. Il MJAA è anche affiliato con alleanze Ebraiche Messianiche in quindici paesi, incluso Israele.
Cos’è lo IAMCS? [Trascritto dal sito IAMCS, IAMCS.org]
Dal 1967, quando Gerusalemme è tornata nelle mani degli Ebrei, decine di migliaia di Ebrei sono venuti nel regno di Hashem. Molti di questi Ebrei Messianici non volevano assimilarsi e iniziarono immediatamente a formarsi nelle congregazioni Messianiche per conservare la loro eredità Ebraica e per essere una luce per il loro popolo Ebraico.
Agli inizi degli anni ‘70 il MJAA era già profondamente coinvolto nell’assistere, incoraggiare, consigliare e persino addestrare i leader per le Congregazioni Messianiche. Man mano che si formavano sempre più congregazioni, molti all’interno del MJAA avevano il desiderio di formare una comunione di congregazioni o sinagoghe Messianiche sotto gli auspici del MJAA. Lo scopo di tale organizzazione sarebbe quello di rafforzarsi a vicenda, unirsi nel Signore e lavorare insieme in questo risveglio Ebraico degli Ultimi Tempi.
Sono stati fatti passi intermedi con la formazione della Compagnia dei Pastori Messianici con il duplice scopo di (1) sponsorizzare la Conferenza Nazionale dei Pastori Messianici (tenuta annualmente a Filadelfia) e (2) fornire seminari di formazione alle conferenze annuali del Messia.
Entrambi questi eventi hanno un enorme impatto sul movimento congregazionale.
Il Signore ha parlato al cuore di quelli all’interno dell’Alleanza che ORA è il momento di andare avanti con questa comunione di congregazioni Messianiche. Di conseguenza, nella primavera del 1986, è stata costituita l’Alleanza internazionale delle Congregazioni e Sinagoghe Messianiche (IAMCS).

Visione IAMCS:
La visione spirituale dello IAMCS è vedere l’effusione dello Spirito di Hashem sul nostro popolo Ebraico attraverso le congregazioni messianiche. Lo IAMCS non è progettato per essere una struttura confessionale, ma piuttosto come strumento per promuovere la rinascita Messianica e per provvedere ai bisogni dei suoi membri, qualunque sia la loro affiliazione.

Lo Scopo di IAMCS:
Lavorare insieme alle Congregazioni Messianiche e ai Pastori Messianici per incoraggiare il grande RINNOVAMENTO EBREO DEI TEMPI FINALI di Hashem.
• Promuovere l’UNITÀ tra Congregazioni Messianiche e Rabbini Messianici.
• RAFFORZARE e assistere nella crescita spirituale e nel benessere generale delle Congregazioni Messianiche e dei loro leader spirituali.
• Assistere alla formazione e all’istituzione di NUOVE sinagoghe Messianiche, come ci consente il Signore.
• Stabilire in tutto il mondo una FESTA DI PREGHIERA tra i fratelli Messianici per l’effusione del Ruach HaKodesh (Spirito Santo) sul nostro popolo Ebraico.
• Incoraggiare e sostenere Pastori e Rabbini e Rebbetzins Messianici attraverso regolari CONFERENZE DI LEADERSHIP e SEMINARI DI FORMAZIONE.
• Promuovere il ritorno di LODE MESSIANICA E ADORAZIONE DAVIDICA nelle
congregazioni Messianiche.
• Fornire materiali e risorse educative per le congregazioni Messianiche e i loro capi.
La domanda di iscrizione viene esaminata dal comitato direttivo IAMCS. Una volta approvato, è richiesta una quota associativa annuale di €100,00 e un supporto mensile minimo di €25,00.
L’accettazione nello IAMCS è accompagnata da un documento di certificazione.

Per saperne di più su cosa sia il giudaismo messianico, visita la nostra pagina:

Cos’è il Giudaismo Messianico?

To join our congregation, please fill out the form below and send it back to us via E-mail at beitshalomkehilat@gmail.com.

Per unirti alla nostra congregazione, compila il modulo sottostante e inviacelo via E-mail all’indirizzo beitshalomkehilat@gmail.com.

Beit Shalom Membership Form / Modulo di Iscrizione a Beit Shalom Congregazione Messianica:

Beit Shalom Membership_Commitment_Form

Beit Shalom Membership_booklet / Opuscolo Esplicativo di Iscrizione per divenire Membri della Congregazione Messianica Beit Shalom

Membership_Class_booklet

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00