The Fast of Esther and the Half Shekel/Il digiuno di Ester e il mezzo shekel

taanitesther

The Fast of Esther is the most misunderstood of the annual public fast days regarding what it represents and why we actually fast. It is not mentioned anywhere in the Talmud, and only makes its first appearance in Rav Achai Gaon’s “Sheiltot”. Contrary to popular misconception, the Fast of Esther is not the anniversary of the original fast that was decreed by Esther. In fact, Queen Esther’s original fast was actually a three-day affair that coincided with the start of Pesach. That’s right – Esther (and the Jews of Shushan) had no Pesach Seder that year. As such, there have been individuals in the past who observed a three day fast (though not consecutively) following Purim in order to better observe, in spirit at least, the original “Fast of Esther”. Today, however, this practice is no longer found.

There are a number of opinions as to what the status of today’s Fast of Esther really is. According to one school of thought, we observe the fast simply in order to recall that Queen Esther fasted on behalf of the Jewish people. This is true even though we don’t fast on the actual date that Esther fasted. According to this opinion, the fast has the status of a rabbinical commandment.

Others are of the opinion that since the fast isn’t even observed on its original date, it cannot command the status of a rabbinical law, and rather, it has the status of a custom. According to this approach, the fast commemorates Esther’s preparations in advance of her meeting with King Achashverosh, where she was going to plead on behalf of the Jewish people that he save them from Haman’s plot.

According to yet another approach,  the fast is intended to teach us that when under attack, we are to join together and turn to God for our salvation through fasting and prayer. One will notice that the Fast of Esther takes place on the thirteenth of Adar, which was the day that the Jews were permitted to take revenge upon their enemies. The entire nation fasted and prayed for success in the battle that was about to be launched. Indeed, throughout history, we find that the Jewish people often fasted in war time.

It is noted, however, that there is no textual support to the claim that the Jewish people actually fasted in the 13th of Adar; it is essentially mere speculation.9 Indeed, the Megillat Ta’anit actually forbids one to fast on the 13th of Adar, as it is a festive day known as “Yom Nikanor” – the day on which the evil Greek general Nikanor was captured and killed by the Maccabees, which took place after the Purim events. This seems to support the theory that Ta’anit Esther is of recent vintage, no earlier than the Geonic period, as mentioned above. Some suggest that the Fast of Esther might be an exercise to secure atonement in advance of any excessive or inappropriate frivolity that one might engage in over Purim.

Unlike other communal fast days, the Fast of Esther has both a mournful flavor as well as a festive one. It is mournful in that it recalls the near annihilation of the Jewish people at the hands of Haman and Co., yet at the same time, it is joyful in that it expresses our confidence that God will continue to save us from our enemies in the future, as He did in the days of Purim. It is taught that prayers recited on the Fast of Esther are especially effective. Among the recommended prayers of the day is the recitation of Tehillim Chapter 22 followed by an outpouring of private and personal requests.

The Fast of Esther is unique among the other fast days in a number of ways. If any of the other fast days fall out on Shabbat, they are postponed to Sunday. However, if the Fast of Esther falls out on Shabbat, the fast is advanced to the preceding Thursday. The reason for this is that all the other fasts recall tragedies, the commemoration of which is to be delayed, rather than advanced, when they cannot be observed on their true date.  The theme of the Fast of Esther, however, is one of repentance, which poses no problem to observe earlier rather than later. Some suggest that observing the Fast of Esther is part of the pirsumei nissa, publicization of the miracle, aspect of Purim.

What if one is unable to fast due to illness, weakness, or the like? The Rema accepts the view that the fast is a custom rather than an obligation. As such, he rules that those who are pregnant, nursing, or otherwise ill can forego the fast. It goes without saying that those who do eat on a fast day should eat only the minimum and not indulge in delicacies. There exists a custom, of questionable authority, for women not to ever fast on the Fast of Esther. Some authorities permit one who feels that the fasting will harm him or negatively affect his Purim celebrations to forgo the fast. 

CNS0.5-4shekel

The Half Shekel

Now, you might be thinking, isn’t there something about half-dollar coins? That is something different, and it does not take place on Purim itself, but on the day of the fast of Esther.

The fast of Esther is a time to prepare for spiritual battle. It reflects the fast that Esther and all the Jews undertook before she went in before the king.

This is a minor fast, so it’s only for people in good health. It’s a fast from all food and drink from early dawn until dark.

Normally this takes place on the day leading up to Purim and you break the fast after the reading of the megillah. However, when Purim begins on Saturday night, the fast is moved to the previous Thursday.

Just before minchah, the afternoon prayers, on the day of the fast, we contribute three coins for each member of our family. This commemorates the half-shekel given for the construction of the tabernacle. The custom is to use coins in half the basic denomination of the current locale, so for us we use half dollars.

This donation is also for the poor only. It cannot go toward synagogue upkeep and the like. However, it is not for publicizing the miracle so it can go to a cause like Acts for Messiah or some other relief fund, or to any poor people you know.

Please send your little offer to the poor in Israel to this link. They will all be collected with ours to send food to the poor in Israel:

Per donare/To donate:

Dettagli bancari/bank details:

Account Name/Nome del Conto: Village of Hope & Justice Ministry

Bank/Banca: Banca Popolare dell’Emilia Romagna

Account/C/C: 00000162335

ABI 05387 CAB 03601

IBAN: IT93E0538703601000000162335

SWIFT: BPMOIT22

Paypal account: talmagavrielafrye@aim.com

Il Digiuno di Ester

Il digiuno di Esther è il più frainteso dei giorni di digiuno pubblico annuale per quanto riguarda ciò che rappresenta e il motivo per cui in realtà digiuniamo. Non è menzionato da nessuna parte nel Talmud, e fa la sua prima apparizione nello “Sheiltot” di Rav Achai Gaon. Contrariamente all’idea sbagliata popolare, il digiuno di Esther non è l’anniversario del digiuno originale che è stato decretato da Esther. In effetti, il digiuno originale di Queen Esther fu in realtà un digiuno di tre giorni che coincise con l’inizio di Pesach.  Esatto – Esther (e gli ebrei di Shushan) non avevano Seder di Pesach quell’anno. Come tale, ci sono stati individui in passato che hanno osservato un digiuno di tre giorni (anche se non consecutivamente) seguendo Purim per osservare il digiuno meglio, almeno nello spirito, il “Digiuno di Esther” originale . Oggi, tuttavia, questa pratica non è più trovata.

Ci sono parecchie opinioni su quale sia lo stato del digiuno di Esther di oggi. Secondo una scuola di pensiero, osserviamo il digiuno semplicemente per ricordare che la regina Ester ha digiunato a nome del popolo ebraico. Questo è vero anche se non digiuniamo nella data effettiva in cui Esther digiunò. Secondo questa opinione, il digiuno ha lo status di comandamento rabbinico.

Altri sono dell’opinione che dal momento che il digiuno non è nemmeno osservato alla sua data originale, non può controllare lo status di una legge rabbinica, e piuttosto, ha lo status di una consuetudine. Secondo questo approccio, il digiuno commemora i preparativi di Esther in anticipo del suo incontro con il re Achashverosh, dove stava per chiedere a nome del popolo ebraico di salvarli dalla trama di Haman.

Secondo ancora un altro approccio, il digiuno ha lo scopo di insegnarci che quando siamo sotto attacco, dobbiamo unirci e rivolgerci a Dio per la nostra salvezza attraverso il digiuno e la preghiera. Si noterà che il digiuno di Ester si svolge il tredicesimo giorno di Adar, che fu il giorno in cui agli ebrei fu permesso di vendicarsi dei loro nemici. L’intera nazione digiunava e pregava per il successo nella battaglia che stava per essere lanciata. In effetti, nel corso della storia, scopriamo che il popolo ebraico spesso digiunava in tempo di guerra.

Si noti, tuttavia, che non esiste alcun supporto testuale per l’affermazione che il popolo ebraico abbia effettivamente digiunato nel 13 di Adar; è essenzialmente una semplice speculazione. Infatti, la Megillat Ta’anit proibisce effettivamente di digiunare il 13 di Adar, dato che è un giorno festivo noto come “Yom Nikanor” – il giorno in cui il malvagio generale greco Nikanor fu catturato e ucciso dai Maccabei, che ha avuto luogo dopo gli eventi di Purim. Questo sembra sostenere la teoria che Ta’anit Ester sia di recente annata, non prima del periodo geonico, come menzionato sopra. Alcuni suggeriscono che il digiuno di Ester potrebbe essere un esercizio per assicurare l’espiazione in anticipo di qualsiasi frivolezza eccessiva o inappropriata che si potrebbe impegnare in Purim.

A differenza di altri giorni di digiuno comuni, il Digiuno di Ester ha sia un sapore lugubre che festivo. È triste in quanto ricorda il quasi annientamento del popolo ebraico per mano di Haman e Co., ma allo stesso tempo è gioioso in quanto esprime la nostra fiducia che Dio continuerà a salvarci dai nostri nemici nel futuro, come ha fatto nei giorni di Purim. Viene insegnato che le preghiere recitate sul digiuno di Ester sono particolarmente efficaci. Tra le preghiere consigliate del giorno c’è la recita del capitolo 22 di Tehillim seguita da un’ondata di richieste private e personali.

Il Digiuno di Ester è unico tra gli altri digiuni in vari modi. Se uno degli altri digiuni cade in Shabbat, esso viene posticipato alla domenica. Tuttavia, se il digiuno di Esther cade su Shabbat, il digiuno è avanzato al giovedì precedente. La ragione di ciò è che tutti gli altri digiuni richiamano tragedie, la cui commemorazione deve essere ritardata, piuttosto che avanzata, quando non possono essere osservate al loro vero appuntamento. Il tema del digiuno di Ester, tuttavia, è quello del pentimento, che non pone problemi ad osservare prima piuttosto che in seguito. Alcuni suggeriscono che l’osservazione del digiuno di Ester sia parte del pirsumei nissa, il mostrare il miracoloso aspetto di Purim.

Cosa succede se uno non è in grado di digiunare a causa di malattia, debolezza o simili? Il Rema accetta il punto di vista secondo cui il digiuno è una consuetudine piuttosto che un obbligo. Come tale, egli stabilisce che coloro che sono incinte, che allattano o altrimenti malati possono rinunciare al digiuno. Va da sé che quelli che mangiano in un giorno di digiuno dovrebbero mangiare solo il minimo e non indulgere in prelibatezze. Esiste un’usanza, di autorità discutibile, per le donne di non digiunare mai sul digiuno di Ester. Alcune autorità autorizzano colui che sente che il digiuno lo danneggerà o influenzerà negativamente nelle sue celebrazioni Purim a rinunciare al digiuno.

Il mezzo shekel

Ora, potresti pensare, non c’è qualcosa sulle monete da mezzo Euro/Dollaro? È qualcosa di diverso, e non ha luogo sullo stesso Purim, ma nel giorno del digiuno di Ester. Il digiuno di Ester è un momento per prepararsi alla battaglia spirituale. Riflette il digiuno che Ester e tutti gli ebrei hanno intrapreso prima di entrare nel re. Questo è un digiuno minore, quindi è solo per le persone in buona salute. È un digiuno da tutti i cibi e le bevande dall’alba fino al buio.

Normalmente questo avviene nel giorno che porta a Purim e tu rompi il digiuno dopo la lettura della megillah Ester. Tuttavia, quando Purim inizia il sabato sera, il digiuno viene spostato al giovedì precedente. Poco prima di minchah, le preghiere pomeridiane, nel giorno del digiuno, contribuiamo con tre monete di un euro per ogni membro della nostra famiglia. Questo commemora il mezzo siclo dato per la costruzione del tabernacolo. L’usanza è usare le monete nella metà della denominazione di base della moneta locale corrente, quindi per noi usiamo 50 centesimi di euro/dollaro.

Questa donazione è anche per i poveri. Non può andare verso la manutenzione della congregazione e simili. Tuttavia, non è per pubblicizzare il miracolo in modo che possa andare a una causa a qualsiasi povera gente che conosci. Se vuoi puoi spedire il tuo piccolo contributo a noi così da essere spedito insieme ai nostri in ISRAELE AI POVERI PER PURIM.

Per donare/To donate:

Dettagli bancari/bank details:

Account Name/Nome del Conto: Village of Hope & Justice Ministry

Bank/Banca: Banca Popolare dell’Emilia Romagna

Account/C/C: 00000162335

ABI 05387 CAB 03601

IBAN: IT93E0538703601000000162335

SWIFT: BPMOIT22

Paypal account: talmagavrielafrye@aim.com

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s