Torah Portion Ha’Azinu / Porzione di Torah Ha’Azinu

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Ha’Azinu (Listen/Give ear), this week’s Parasha (Torah Portion). We know you will be blessed as you join us in reading this portion of Scripture. It is the last one in the annual cycle to be read on a Shabbat (Sabbath).

Ha_Azinu

The concluding Torah portion of the annual cycle, V’Zot HaBerachah (And This is the Blessing), will be read on Simchat Torah.

HA’AZINU (Listen!)

Torah Portion: Deuteronomy 32:1-52

Haftarah (Prophetic) Portion: 2 Samuel 22:1-51, Ezekiel 17:22-18:32

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Romans 10:14-11:36, 12:19, 15:9-10

Give ear [Ha’Azinu], Oh heavens, and I will speak …” (Deuteronomy 32:1)

Last week, Parasha Vayelech concluded with Moses foreseeing that Israel would turn away from their covenant with God, causing Him to hide His face from them. Still, Moses promised that the words of the Torah would not be “forgotten out of the mouths of their descendants.” (Deuteronomy 31:21)

Moses gathered the people together to listen to a shir (song) called Ha’Azinu (Listen). That song would always be a reminder of the consequences of turning from the Lord.

This week’s Torah portion (Parasha), which is called Ha’Azinu, consists primarily of the 70-line song that Moses sang to the people of Israel on the last day of his life.

At the end, God commands Moses to go up to the top of Mount Nebo to catch a glimpse of the Promised Land before being “gathered unto His people.”

Moses views the Promised Land.jpg

“Yet you shall see the land before you, though you shall not go there, into the land which I am giving to the children of Israel.” (Deuteronomy 32:52)

Moses is allowed to see the land, but not enter in. It is a devastating disappointment and, yet, he ends his public life with a song. What is the nature of this song? It begins by describing God’s lovingkindness and faithfulness toward Israel, and it ends with a promise of vengeance, redemption, and atonement for God’s land and people.

“Rejoice, O Gentiles, with His people; for He will avenge the blood of His servants, and render vengeance to His adversaries; He will provide atonement for His land and His people.” (Deuteronomy 32:43)

It is not only the people of Israel who will rejoice with this final redemption. The Gentiles will rejoice together with God’s people.

God’s salvation is for all people, of every tongue, tribe, race and ethnic background. All people, Jews and Gentiles, can rejoice together in unity at the goodness of God.

A portion of this song has severe words of rebuke against Israel for infidelity and unfaithfulness to God. Not only would God “hide His face” from His people but He would also render judgment.

“I will heap disasters on them; I will spend My arrows on them. They shall be wasted with hunger, devoured by pestilence and bitter destruction; I will also send against them the teeth of beasts, with the poison of serpents of the dust.” (Deuteronomy 32:23-24)

Although these rebukes seem quite harsh, they reveal that the discipline of God is for our good and will ultimately end in our final redemption.

Provoking God and His People to Jealousy

Moses’ song foresees that the people of Israel will make God jealous with their worship of false gods and idols and that God in turn will provoke His people to jealousy with those who are called “not a nation.”

“They have provoked Me to jealousy by what is not God; they have moved Me to anger by their foolish idols. But I will provoke them to jealousy by those who are not a nation; I will move them to anger by a foolish nation.” (Deuteronomy 32:21; see also Romans 11:13-15)

This reference to not a nation is in Hebrew loh ami. It is found again in the Book of Hosea: “I will plant her for myself in the land; I will show My love to the one I called ‘Not My loved one.’ I will say to those called ‘Not My nation,’ (loh ami) ‘You are My nation’; and they will say,’ You are My God.’” (Hosea 2:23; see also Romans 9:25)

Who are these people who were once “not a nation” and are now God’s people?

These are the Gentiles who have come to join themselves with the commonwealth of Israel through the Jewish Messiah: “Once you were not a nation, but now you are the nation of God; once you had not received mercy, but now you have received mercy.” (1 Peter 2:10)

These are the very people who God has called to salvation to provoke Israel to jealousy.

“So I ask, did they stumble in order that they might fall? By no means! Rather through their trespass salvation has come to the Gentiles, so as to make Israel jealous.” (Romans 11:11)

What will make the Jewish people jealous of these Gentiles? Isn’t it the other way around? Is it not the Gentiles who are jealous because God has blessed many Jewish people with material prosperity? These blessings seem to be the cause of at least some of the world’s anti-Semitism.

So when and how will the Jews become provoked to jealousy by Gentile followers of Yeshua (Jesus)?

It will be when they see the true love, joy, fellowship, and peace that these believers possess in Yeshua, even when the entire material world around them falls apart. Likewise, it was this ability to sing in the face of apparent tragedy that set Moses apart from the others.

All but a few of his generation had died in the wilderness because of their unbelief. Moses himself was about to die, having never entered the Promised Land. But he still praised God in song, reminding Israel of God’s power, love, and faithfulness.

The Rock and His Righteous Judgment

In his song, Moses uses the metaphor of God as a rock, steadfast, strong, immovable and unchanging. It is for these particular qualities that the Rabbis chose a verse from this Parasha as the opening line of the Jewish burial service called Tziduk haDin  (Righteous Judgment).

The prayer begins with Deuteronomy 32:4: “He is the Rock, His work is perfect; for all His ways are justice, A God of truth and without injustice; Righteous and upright is He.”

In contrast to all these wondrous qualities of God, the Torah portion describes man as corrupt, perverse, and crooked to the point of being compared to Sodom and Gomorrah.

“For their vine is of the vine of Sodom and of the fields of Gomorrah; their grapes are grapes of gall, their clusters are bitter. Their wine is the poison of serpents, and the cruel venom of cobras.” (Deuteronomy 32:32-33)

There is no way to bridge the wide chasm between the corruption of man and the holiness of God except for one, that narrow gate that leads to life is through Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah). He said, “I am the way, the truth and the life, and no one comes to the Father but through Me.” (John 14:6)

In addition to being compared to a rock, Moses also likens God to an eagle, a bird of great strength and vision, who took the children out of Egypt on His outstretched wings.

“As an eagle stirs up its nest, hovers over its young, spreading out its wings, taking them up, carrying them on its wings, so the LORD alone led him, and there was no foreign god with him.” (Deuteronomy 32:11-12)

Music and Vessels of Praise

Music has been called the universal language of the heart and, therefore, Moses uses the song of Ha’Azinu to complete his life’s mission with a stirring challenge to the people of Israel. What is Moses’ message?  It is that our actions have consequences, for good or for evil, and that our very survival depends upon our faithfulness to God our Rock.

Music and song have always been an integral part of the Jewish people.

England’s former Chief Rabbi Jonathan Sacks wrote, “Jewish life is a symphony whose score is the Torah, whose composer is God, whose orchestra is the Jewish people, and whose most moving performance is on Simchat Torah [Joy of the Torah].” (Torah with a Twist of Humor, Joe Bobker, p. 409)

A particular kind of Jewish music originating from Eastern Europe called Klezmer comes from the modern Hebrew words klei (vessel or instrument) and zemer  (song).

We are all walking vessels or instruments designed to praise God with singing. It is good to remember that the singers and musicians were at times sent out in front of the armies of Israel, and this in itself was enough to bring victory.

Why is singing such a spiritual, sacred act of worship? Nineteenth century Rabbi Nachman of Bratslav wrote, “If two people talk at the same time, neither hears or understands the other; whereas if two people sing at the same time, they give each other harmony.” (Bobker, p. 410)

Moses’ song has not been forgotten; it has been passed down from dor l’dor  (generation to generation).

The Levites sang it each week in the First and Second Temples. Later, after the destruction of the Temples, Jewish children were taught in religious schools to memorize the entire song.

Ha’Azinu reminds us that both God and His people suffer pain through betrayal and infidelity, but those who come to God in sincere repentance can receive forgiveness.

Moses, called “friend of God,” died alone and yet not alone, for his very best Friend in the entire universe remained with him even to the end. In fact it was God who buried Moses, and to this day He alone knows the burial place.

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Ha’Azinu (Ascolta/Porgi Orecchio), la Parasha di questa settimana (Porzione di Torah). Sappiamo che sarete benedetti mentre vi unite a noi nella lettura e studio di questa parte della Scrittura Biblica. Questa Porzione di Torah è la penultima del ciclo annuale delle porzioni di Torah da leggere durante lo Shabbat (Sabato).

La parte conclusiva della Torah del ciclo annuale, V’Zot HaBerachah (E questa è la benedizione), sarà letta su Simchat Torah.

HA’AZINU (Ascolta!/Porgi orecchio)

Porzione di Torah: Deuteronomio 32:1-52

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): 2 Samuele 22:1-22:51, Ezechiele 17:22-18:32

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Romani 10:14-11:36, 12:19, 15:9-10

Porgi orecchio [Ha’Azinu], e io parlerò; e ascolta, o terra, le parole della mia bocca.” (Deuteronomio 32:1)

La scorsa settimana, la Parasha Vayelech si è conclusa con Mosè il quale prevede che Israele si allontanerà dalla alleanza con HaShem, che avrebbe nascosto la Sua faccia da loro. Tuttavia, Mosè promise che le parole della Torah non sarebbero state dimenticate  “Allora avverrà che quando molti mali e molte calamità saranno cadute loro addosso, questo cantico testimonierà contro di loro, perché esso non sarà dimenticato e rimarrà sulle labbra dei loro discendenti; io conosco infatti i disegni che essi concepiscono, prima ancora di averli introdotti nel paese che ho promesso con giuramento.” (Deuteronomio 31:21)

Mosè radunò il popolo di Israele per far loro ascoltare una shir (canzone) chiamato Ha’Azinu (Ascolta/Porgi orecchio). Quella canzone sarebbe divenuta un promemoria delle conseguenze del voltare le spalle al Signore.

La parte della Torah di questa settimana (Parasha), che si chiama Ha’Azinu, consiste principalmente nella canzone di 70 righe che Mosè cantò al popolo di Israele nell’ultimo giorno della sua vita.

Alla fine, HaShem comandò a Mosè di salire sulla cima del Monte Nebo per intravedere la Terra Promessa e prima di essere “radunata presso il Suo popolo”.

“Tu vedrai il paese davanti a te, ma là, nel paese che io do ai figli d’Israele, non entrerai.” (Deuteronomio 32:52)

A Mosè fu permesso di vedere la Terra Promessa, ma non di entrare. Ciò deve essere stata una delusione devastante e, tuttavia, Mosè finì la sua vita pubblica con una canzone. Qual’è la natura di questa canzone? Essa inizia descrivendo l’amorevolezza e la fedeltà di HaShem verso Israele, e finisce con una promessa di vendetta, redenzione ed espiazione per la terra e il popolo di HaShem.

“Gioisci, o Gentili, con il suo popolo; poiché vendicherà il sangue dei suoi servi e farà vendetta ai suoi avversari; Egli provvederà all’espiazione per la sua terra e il suo popolo.” (Deuteronomio 32:43)

Non è solo il popolo di Israele a voler gioire di questa redenzione finale. I Gentili si rallegreranno insieme al popolo di HaShem. La salvezza di HaShem è per tutti, di ogni lingua, tribù, razza ed origine etnica. Tutti i popoli, Ebrei e Gentili, possono gioire insieme nell’unità alla bontà di HaShem attraverso la salvezza in Yeshua HaMashiach.

Una parte di questa canzone ha parole severe di rimprovero contro Israele per la sua infedeltà ad HaShem. Hashem “nasconde il Suo volto” dal Suo popolo, ma emette anche un giudizio.

“Io accumulerò su loro calamità, esaurirò contro di loro le mie frecce. Essi saranno consumati dalla Fame, divorati da un caldo bruciante e da terribile pestilenza; manderò contro di loro le zanne delle belve, con il veleno dei serpenti che strisciano nella polvere.” (Deuteronomio 32:23-24)

Sebbene questi rimproveri sembrino abbastanza duri, essi rivelano che la disciplina di HaShem è per il nostro bene e alla fine finirà nella nostra redenzione finale.

HaShem Provoca il Suo Popolo alla Gelosia

La canzone di Mosè prevede che il popolo di Israele renderà HaShem geloso con la adorazione di falsi dei e idoli e che Hashem a Sua volta provocherà il Suo popolo alla gelosia per coloro che sono chiamati “non una nazione”.

“Essi mi hanno reso geloso con ciò che non è Dio, mi hanno provocato ad ira con i loro idoli vani; e io li renderò gelosi con gente che non è un popolo, li provocherò ad ira con una nazione stolta.” (Deuteronomio 32:21, vedi anche Romani 11:13-15)

Questo riferimento a non una nazione è in Ebraico loh ami. Si trova di nuovo nel libro di Osea: “Io la seminerò per me sulla terra e avrò compassione di Lo-ruhamah; e dirò a Lo-ammi: “Tu sei il popolo mio” ed egli mi risponderà: “Tu sei i mio DIO.’” (Osea 2:23, vedi anche Romani 9:25)

Chi sono queste persone che una volta erano “non una nazione” e ora sono il popolo di Hashem?

Questi sono i Gentili che sono venuti per unirsi con il Popolo di Israele attraverso il Messia Ebreo: “Voi, che un tempo non eravate un popolo, ma ora siete il popolo di Dio; voi, che non avevate ottenuto misericordia, ma ora avete ottenuto misericordia.” (1 Pietro 2:10)

Queste sono proprio le persone che HaShem ha chiamato alla salvezza per provocare Israele alla gelosia.

“Io dico dunque: Hanno inciampato perché cadessero? Così non sia; ma per la loro caduta la salvezza è giunta ai gentili per provocarli a gelosia.” (Romani 11:11)

Che cosa farà il popolo di Israele nella sua gelosia di questi Gentili? Non è il contrario? Non sono i Gentili che sono gelosi perché HaShem ha benedetto molti Ebrei con prosperità materiale? Queste benedizioni sembrano essere la causa di almeno parte dell’antisemitismo mondiale. Quindi, quando e in che modo gli Ebrei saranno provocati alla gelosia dai seguaci di Yeshua (Gesù)?

Ciò avverrà quando vedranno il vero amore, la gioia, la felicità e la pace che questi credenti possiedono in Yeshua, anche quando l’intero mondo materiale intorno a loro si disgrega. Allo stesso modo, la capacità di cantare di fronte all’apparente tragedia distingue Mosè dagli altri.

Tutti, tranne alcuni della sua generazione, erano morti nel deserto causa della loro incredulità. Mosè stesso stava per morire, non essendo mai entrato nella Terra Promessa. Però ha ancora lodato HaShem con il canto, ricordando ad Israele della forza, amore e fedeltà di HaShem.

La Roccia e il suo Giudizio Virtuoso

Nella sua canzone, Mosè usa la metafora di Hashem come roccia, salda, forte, irremovibile e immutabile. È per queste particolari qualità che i rabbini hanno scelto un verso da questa Parasha come linea di apertura del Culto di sepoltura Ebraico chiamato Tziduk haDi (Giudizio virtuoso).

La preghiera inizia con il Deuteronomio 32:4“Egli è la Roccia, l’opera sua è perfetta, poiché tutte le sue vie sono giustizia. È un Dio di fedeltà e senza ingiustizia; egli è giusto e retto”.

In contrasto con tutte queste meravigliose qualità di HaShem, la porzione della Torah di oggi descrive l’uomo come corrotto, perverso al punto di essere paragonato a Sodoma e Gomorra.

“Ma la loro vite viene dalla vite di Sodoma e dalle campagne di Gomorra; le loro uve sono uve avvelenate e i loro grappoli sono amari; il loro vino è un veleno di serpenti, un veleno crudele di aspidi.” (Deuteronomio 32:32-33)

Non c’è modo di superare l’ampio baratro tra la corruzione dell’uomo e la santità di HaShem tranne che per uno, quella stretta porta che conduce alla vita è attraverso Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia). Egli ha detto: “Io sono la via, la verità e la vita, e nessuno viene al Padre se non per mezzo di Me.” (Giovanni 14:6)

Oltre ad essere paragonato ad una roccia, Mosè paragona anche HaShem ad un’aquila, un uccello di grande forza e visione, che ha portato il Suo popolo fuori dall’Egitto sulle Sue ali spiegate. “Come un’aquila incita la sua nidiata, si libra sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende e li porta sulle sue ali, l’Eterno lo guidò da solo, e non c’era con lui alcun dio straniero”. (Deuteronomio 32:11-12)

Musica e Vasi di Elogi

La musica è stata chiamata la lingua universale del cuore e, pertanto, Mosè usa la canzone di Ha’Azinu per completare la sua missione di vita con una sfida stimolante per il popolo di Israele. Qual è il messaggio di Mosè? È quello che le nostre azioni hanno conseguenze, nel bene e nel male, e che la nostra stessa sopravvivenza dipende dalla nostra fedeltà ad HaShem nostra Roccia.

La musica e la canzone sono sempre state parte integrante del popolo di Israele.

L’ex rabbino capo Inglese Jonathan Sacks ha scritto: “La vita Ebraica è una sinfonia la cui colonna sonora è la Torah, il cui compositore è HaShem, la cui orchestra è il popolo di Israele e la cui performance più commovente è la Simchat Torah [Gioia della Torah].”  (Torah con un tocco di umorismo, Joe Bobker, pagina 409)

Un particolare tipo di musica Ebraica proveniente dall’Europa orientale chiamata Klezmer deriva dalle parole Ebraiche moderne Klei (vaso o strumento) e zemer  (canzone).

Siamo tutti vasi o strumenti ambulanti progettati per lodare HaShem con il canto. È bene ricordare che a volte i cantanti e i musicisti venivano inviati di fronte agli eserciti di Israele, e questo di per sé era sufficiente per portare la vittoria.

Perché cantare in un culto sacro? Il diciannovesimo Rabbino Nachman di Bratslav scrisse: “Se due persone parlano allo stesso tempo, né sentono o capiscono l’altro; mentre se due persone cantano allo stesso tempo, si danno armonia l’un l’altro.”  (Bobker, pagina 410)

La canzone di Mosè non è stata dimenticata; è stata tramandata di dor l’dor (di generazione in generazione).

I Leviti la cantavano ogni settimana nel Primo e nel Secondo Tempio. In seguito, dopo la distruzione dei Templi, i figli di Israele furono istruiti nelle scuole religiose a memorizzare l’intera canzone.

Ha’Azinu ci ricorda che sia HaShem che il Suo popolo soffrono il dolore attraverso il tradimento e l’infedeltà, ma coloro che vengono ad HaShem con sincero pentimento possono ricevere il perdono.

Mosè, chiamato “amico di HaShem”, morì da solo e tuttavia non era solo, poiché il Suo migliore amico dell’intero universo rimase con lui fino alla fine. In effetti fu HaShem che seppellì Mosè, e fino ad oggi HaShem solo ne conosce il luogo di sepoltura.

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s