Torah Portion Vayelech / Porzione di Torah Vayelech

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Vayelech (And He Went), this week’s Parasha (Torah Portion).

Vayelech 2

This is the portion of Scripture that will be read in every synagogue around the world this Shabbat (Saturday) during the morning service.

VAYELECH (And He Went) 

Torah Portion: Deuteronomy 31:1-30

Haftarah (Prophetic) Portion: Hosea 14:1-9 (10); Joel 2:15-27; Micah 7:18-20; Isaiah 55:6-56:8

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Romans 10:14-21

“Be strong and of good courage, do not fear nor be afraid of them; for the Lord your God, He is the One who goes with you. He will not leave you nor forsake you.” (Deuteronomy 31:6)

Last week, in Parasha Nitzavim, God emphasized that we have freedom of choice to follow after the way of life or the way of death.

In this week’s Torah portion, Vayelech (וַיֵּלֶךְ), Hebrew for then he went out, Moses invests Joshua with leadership and initiates the writing down of the Torah.

Vayelech is the shortest Torah reading of the year, consisting of only one chapter.

The reading for this particular Sabbath, which comes after Rosh Hashanah (Yom Teruah) and before the Day of Atonement (Yom Kippur), falls during the Ten Days of Awe (Yamim Nora’im) during which time we are to seek the Lord with sincere  teshuvah (repentance) for our sins.

This special Shabbat is called Shabbat Shuva (Sabbath of Return) because the special prophetic reading from the Book of Hosea starts with Shuvu Yisrael (Return O Israel). It is also called Shabbat Teshuvah (Shabbat of Repentance) as it calls the people of God to turn from their sins and rebellion and to return (shuv) to God.

Shabbat Shuva actually has two special Haftarah readings. Hosea 14:1(2)-9(10) emphasizes the importance of heartfelt repentance, and Micah 7:18-20 praises God’s mercy.

Succession Planning: Moses and Joshua

“Then Moses went and spoke these words to all Israel. And he said to them: ‘I am one hundred and twenty years old today. I can no longer go out and come in. Also the LORD has said to me, “You shall not cross over this Jordan.”’” (Deuteronomy 31:1-2)

In this Parasha, Moses faces his imminent death. At the age of 120 years, he prepares his people for a future without his leadership. Moses knows that he will not be the one to take the children of Israel across the Jordan River into the Promised Land.

Although Moses would not go with the people, he assures them that God will go with them and give them victory against their enemies. God also gives a word to the people of Israel through Moses: “Be strong and of good courage.” Why did they need this encouragement?

It is because in the Promised Land they would be facing new enemies and challenges that they had never encountered in the wilderness. They would also need to learn how to work the land instead of having manna rain down each day from Heaven. Moses, however, was not about to leave the people leaderless, like sheep without a shepherd.  He ordained Joshua as his successor to take over the leadership role. 

Vayelech 3
Moses annoints Joshua/Mosè unge Giosuè 

“Then Moses called Joshua and said to him in the sight of all Israel, ‘Be strong and of good courage, for you must go with this people to the land which the LORD has sworn to their fathers to give them, and you shall cause them to inherit it.’” (Deuteronomy 31:7)

Moses gave us a beautiful example of someone who knew how to exit his position of prominence with grace and dignity. He knew when it was time to step down. He not only passed on the torch to the next generation without any display of resentment or hurt feelings, he also publicly bestowed blessings, encouragement, and affirmation upon the one who would take his place “in the sight of all Israel.” Joshua ben Nun of the tribe of Ephraim was groomed for this leadership role.

He was a skilled military leader of the campaign against Amalek (Exodus 17:8-13) and loyal disciple of Moses. He was also the first to greet Moses after patiently waiting 40 days for him to descend from Mount Sinai (Exodus 32:15-17).

It seems that Moses made a wise decision in choosing Joshua, even over his two sons (Gershom and Eliezer), for Joshua followed God’s directions, trusting Him to successfully lead the children of Israel into the Promised Land.

As a result, Joshua conquered Jericho and eventually the rest of Canaan. We, too, when embarking upon a new venture, need to have the strength and courage to trust that God will be with us to help us overcome every challenge and to meet every need.

1200px-Jericho_cityscape_from_wall_ruins
Modern day Jericho seen from the ancient ruins of the wall/La città moderna di Gerico vista dalle antiche rovine del muro

“Through God we will do valiantly, and it is He who shall tread down our adversaries.” (Psalm 60:12)

Moreover, people may come and go in our lives, but God is the faithful One who will never abandon us.

We may come to depend upon people, even those who are capable, strong, spiritual leaders, but ultimately we need to trust that it is God who will be our “ever-present help in times of trouble. Therefore we will not fear.” (Psalm 46:1-2)

Succession Planning and the Torah

Succession in this Parasha was not only about leadership. Moses ensured that the people had what they needed to bring them into the future. He wrote down the Torah and commanded the Israelites to read it every seven years in the year of the Shemitah (Sabbatical year) at the time of Sukkot (Feast of Tabernacles).

Moses entrusted the safekeeping of this Torah into the hands of the sons of Aaron who were the Cohanim (Jewish Priests) as well as all the Levites, who were charged with carrying the Ark of the Covenant, among other duties.

In this way, the Torah was to be taught and handed down to generation after generation so that they would fear the Lord and keep His commandments. We also have a responsibility to teach the Word of God to our children, that they may teach their children and so on down the generations, to fear God and obey His Word.

“Gather the people together, men and women and little ones, and the stranger who is within your gates, that they may hear and that they may learn to fear the LORD your God and carefully observe all the words of this law, and that their children, who have not known it, may hear and learn to fear the LORD your God as long as you live in the land which you cross the Jordan to possess.” (Deuteronomy 31:12-13)

The responsibility to diligently teach our children the Torah is still taken seriously today by much of the Jewish people, based on the command: “Hear, O Israel: The LORD our God, the LORD is one! You shall love the LORD your God with all your heart, with all your soul, and with all your strength. And these words which I command you today shall be in your heart. You shall teach them diligently to your children, and shall talk of them when you sit in your house, when you walk by the way, when you lie down, and when you rise up.” (Deuteronomy 6:4-7)

Passing on our faith in God to our children is not the job of the youth ministry teacher once a week during congregation services; it is meant to be a lifestyle of living out faith and obedience in front of our children, as well as talking about God and His Word throughout the day, every day. 

Sin, Repentance and the Glory of God

In this Parasha, we come to realize that God knew that despite all His warnings, the people of Israel would go astray and commit spiritual adultery by seeking after other gods and worshiping the idols of the pagans around them in the Promised Land.

“And the LORD said to Moses: ‘Behold, you will rest with your fathers; and this people will rise and play the harlot with the gods of the foreigners of the land, where they go to be among them, and they will forsake Me and break My covenant which I have made with them. ‘Then My anger shall be aroused against them in that day, and I will forsake them, and I will hide My face from them, and they shall be devoured. And many evils and troubles shall befall them, so that they will say in that day, ‘Have not these evils come upon us because our God is not among us?’” (Deuteronomy 31:16-17)

Twice, God says He will hide His face (hester panim) from His people because of their sins. This term does not indicate the lack of Divine Providence but the concealment of it.

We can see this at work even today. God is maintaining His state of being hidden from the people of Israel, but the Father is revealed through Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah). “Anyone who has seen Me,” Yeshua said, “has seen the Father.” (John 14:9)

In Yeshua, we see God in all of His glory: “For God, who said, ‘Let there be light in the darkness,’ has made this light shine in our hearts so we could know the glory of God that is seen in the face of Yeshua the Messiah.” (2 Corinthians 4:6)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Vayelech (e se ne andò), la Parasha di questa settimana (Porzione di Torah). Questa è la parte della Scrittura Biblica che verrà letta in ogni sinagoga e congregazione Messianica del mondo in questo Shabbat (Sabato) durante il Culto del mattino.

VAYELECH (E se ne andò)  

Porzione di Torah: Deuteronomio 31:1-30 

Porzione di Haftarah (Parte Profetica): Osea 14:1-9(10); Gioele 2:15-27; Michea 7:18-20; Isaia 55:6-56:8 

Brit Chadashah (Nuova Alleanza/Testamento): Romani 10:14-21

“Siate forti e coraggiosi, non abbiate paura, non spaventatevi di loro, perché l’Eterno il tuo DIO, è lui stesso che cammina con te egli non ti lascerà e non ti abbondonerà.” (Deuteronomio 31:6)

La scorsa settimana, nella Parasha Nitzavim, HaShem ha sottolineato che abbiamo la libertà di scelta di seguire la via della vita oppure la via della morte. Nella Porzione di Torah di questa settimana, Vayelech (וַיֵּלֶךְ), che in Ebraico significa (e se ne andò), Mosè investe Giosuè con il comando e inizia la stesura della Torah. Vayelech è la lettura Torah più breve dell’anno, composta da un solo capitolo.

La lettura di questo particolare Sabato, che viene dopo Rosh Hashanah (Yom Teruah) e prima del Giorno dell’Espiazione (Yom Kippur), cade durante i Dieci giorni di meraviglia (Yamim Nora’im) durante i quali dobbiamo cercare HaShem con sincero teshuvah (pentimento) per i nostri peccati. Questo speciale Shabbat è chiamato Shabbat Shuva (Sabato di Ritorno) perché inizia con la speciale lettura profetica del libro di Osea  Shuvu Yisrael (Torna O Israele). È anche chiamato  Shabbat Teshuvah (Shabbat di Pentimento) poiché esso richiama il popolo di HaShem a tornare indietro dai loro peccati, ribellione e al ritorno (shuv) ad Hashem. Shabbat Shuva ha in realtà due letture speciali di Haftara. Osea 14:1(2)-9(10) nella quale si sottolinea l’importanza di un vero pentimento nel cuore, e Micah 7:18-20 sottolinea la lode come strumento di richiesta di misericordia di HaShem.

Pianificazione della Successione: Mosè e Giosuè

“Mosè andò e rivolse ancora queste parole a tutto Israele, e disse loro: “Io oggi ho centovent’anni; non posso più andare e venire; inoltre l’Eterno mi ha detto: “Tu non passerai questo Giordano”. (Deuteronomio 31:1-2)

In questa Parasha, Mose affronta la sua imminente morte. All’età di 120 anni, egli prepara la sua gente ad un futuro senza la sua guida. Mosè sa che non sarà lui a portare i figli di Israele attraverso il fiume Giordano nella Terra Promessa. Sebbene Mosè non potesse andare con il popolo di Israele, egli assicura loro che HaShem andrà con loro e darà loro la vittoria contro i loro nemici. 

HaShem dà anche una parola al popolo di Israele attraverso Mosè: “Siate forti e coraggiosi.” Perché avevano bisogno di questo incoraggiamento? Perché nella Terra Promessa essi avrebbero affrontato nuovi nemici e sfide che non avevano mai incontrato nel deserto. Avrebbero anche avuto bisogno di imparare come lavorare la terra invece di avere la manna che pioveva ogni giorno dal cielo. Mosè, tuttavia, non stava per lasciare il popolo senza un capo, come pecore senza pastore. Egli ordinò a Giosuè il suo successore di assumere il ruolo di guida del popolo di Israele.

“Poi Mosè chiamò Giosuè e gli disse in presenza di tutto Israele: “Sii forte e coraggioso poiché tu entrerai con questo popolo nel paese che l’Eterno giurò ai loro padri di dar loro, e tu lo darai loro in eredità.’” (Deuteronomio 31:7)

Mosè ci diede un bellissimo esempio di qualcuno che sapeva come uscire dalla sua posizione di promessa con grazia e dignità. Sapeva quando era ora di dimettersi. Egli non solo trasmise la torcia alla generazione successiva senza mostrare risentimento o sentimenti offensivi, ma li benedisse, con incoraggiamenti e affermazioni su colui che avrebbe preso il suo posto “agli occhi di tutto Israele”.

Yehoshua Ben Nun della tribù di Efraim è stato preparato per questo ruolo di guida. Egli era un abile capo militare della campagna contro Amalek (Esodo 17:8-13) oltre ad essere un fedele discepolo di Mosè. Egli fu anche il primo a salutare Mosè dopo aver atteso pazientemente 40 giorni che scendesse dal Monte Sinai (Esodo 32:15-17).

Sembra che Mosè abbia preso la decisione di scegliere Yehoshua Ben Nun della tribù di Efraim, anche prima dei suoi due figli (Gershom ed Eliezer), Yehoshua Ben Nun della tribù di Efraim segue le direzioni di HaShem, confidando in Lui nella guida con successo dei figli d’Israele nella Terra Promessa.

Yehoshua Ben Nun della tribù di Efraim (Giosuè) conquistò Gerico e alla fine il resto di Canaan. Anche noi, quando ci imbarchiamo in una nuova impresa, dobbiamo avere la forza e il coraggio di credere che HaShem sarà con noi per aiutarci a superare ogni sfida e soddisfare ogni esigenza.

“Con DIO noi faremo prodezze, ed egli calpesterà i nostri nemici”. (Salmo 60:12)

Inoltre, le persone possono passare attraverso le nostre vite, ma Hashem è il Dio fedele che non ci abbandonerà mai. Possiamo arrivare a dipendere dalle persone, anche da quelli che sono capi capaci, forti, spirituali, ma alla fine dobbiamo avere fiducia in HaShem che sarà il nostro Unico Pastore “Al maestro del coro. Dei figli di Kore, per voce di soprano. Canto.” DIO è per noi un rifugio ed una forza, un aiuto sempre pronto nelle avversità. Perciò noi non temeremo, anche se la terra si dovesse spostare e se i monti fossero gettati nel mezzo del mare.” (Salmo 46:1-2)

Pianificazione della Successione nella Guida e la Torah

La successione in questa Parasha non riguardava solo la guida del popolo. Mosè si assicurò che il popolo di Israele avesse ciò di cui aveva bisogno per essere portato nel futuro.

Mosè scrisse la Torah e ordinò agli Israeliti di leggerla ogni sette anni nell’anno dello shemittàh (Anno Sabbatico) al tempo di Sukkot (Festa dei Tabernacoli) .

Mosè affidò la custodia della Torah nelle mani dei figli di Aronne che erano i Cohanim (Sacerdoti Ebrei) così come tutti i Leviti, che furono incaricati di portare l’Arca dell’Alleanza, tra gli altri doveri.

In questo modo, la Torah doveva essere insegnata e tramandata di generazione in generazione in modo che essi temessero HaShem e osservassero i Suoi comandamenti. Abbiamo anche la responsabilità di insegnare la Parola di HaShem ai nostri figli, affinché possano insegnare la stessa ai loro figli e così di seguito le generazioni, a temere HaShem e ad obbedire alla Sua Parola.

“Radunerai il popolo, uomini, donne, bambini e lo straniero che è entro le tue porte, perché possano ascoltare e imparare a temere l’Eterno, il vostro DIO, e abbiano cura di mettere in pratica tutte le parole di questa legge, e perché i loro figli, che ancora non la conoscono, ascoltino e imparino a temere l’Eterno, il vostro DIO, tutto il tempo che vivrete nel paese che voi entrate ad occupare, passando il Giordano”. (Deuteronomio 31:12-13) 

La responsabilità di insegnare diligentemente ai nostri figli la Torah è ancora oggi presa seriamente da gran parte del popolo Ebreo, sulla base del comando: “Ascolta, Israele: l’Eterno, il nostro DIO, l’Eterno è uno. Tu amerai dunque Eterno, il tuo DIO, con tutto i tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta a tua forza. E queste parole che oggi ti comando rimarranno nel tuo cuore; e inculcherai ai tuoi figli, ne parlerai quando sei seduto in casa tua, quando cammini per strada, quando sei coricato e quando ti alzi.” (Deuteronomio 6:4-7)

Trasmettere la nostra fede in Hashem ai nostri figli non è compito del maestro della pastorale giovanile una volta alla settimana durante i culti della congregazione; essa è pensata per essere uno stile di vita di fede e obbedienza di fronte ai nostri figli, oltre a parlare di HaShem e della Sua Parola per tutto il giorno, tutti i giorni.  

Peccato, Pentimento e Gloria di HaShem

In questa Parasha, ci rendiamo conto che Hashem sapeva che nonostante tutti i Suoi avvertimenti, il popolo di Israele si sarebbe smarrito e avrebbe commesso un adulterio spirituale cercando altri dei e adorando gli idoli dei pagani che li avevano promessi.

“E l’Eterno disse a Mosè: ‘Ecco, tu stai per addormentarti con i tuoi padri; e questo popolo si leverà e si prostituirà, andando dietro agli dei stranieri del paese, in mezzo ai quali sta per andare; e mi abbandonerà e violerà il mio patto che io ho stabilito con lui. In quel giorno, la mia ira si accenderà contro di loro; io li abbandonerò e nasconderò loro la mia faccia, e saranno divorati. Molti mali e molte calamità cadranno loro addosso; e in quel giorno diranno: “Questi mali non ci sono, forse caduti addosso perché il nostro DIO non è in mezzo a noi??’” (Deuteronomio 31:16-17) 

Per due volte, HaShem dice che nasconde la Sua faccia (hester panim) dal Suo popolo a causa dei loro peccati. Questo termine non indica la mancanza della Divina Provvidenza ma l’occultamento di essa. Lo vediamo al lavoro anche oggi. HaShem sta  mantenendo il Suo stato nell’essere nascosto al popolo di Israele, ma il HaShem si è rivelato attraverso Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia).

“Gesù gli disse: ‘Da tanto tempo io sono con voi e tu non mi hai ancora conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre; come mai dici: “Mostraci il Padre”.  (Giovanni 14:9)

In Yeshua, vediamo HaShem in tutta la Sua gloria: “Perché il Dio che disse: ‘Splenda la luce fra le tenebre’, è lo stesso che ha fatto brillare il suo splendore nei nostri cuori per illuminarci nella conoscenza della gloria di Dio, che rifulge sul volto di Gesù Cristo”. (2 Corinzi 4:6)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s