Torah Portion Nitzavim / Porzione di Torah Nitzavim

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Nitzavim (You Are Standing), this week’s Torah portion.

nitzavim-1

This is the portion that we will be reading during Shabbat (Saturday) services. Please follow along as we study this week’s Parasha. We know you will be blessed!

NITZAVIM (You Are Standing)

Torah Portion: Deuteronomy 29:9 (10)-30:20

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 61:10-63:9 (Spanish and German ritual), Joshua 24:1-18 (Italian ritual)

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Romans 9:30-10:21, John 12:41-50

You are standing [nitzavim] before the Lord your God: your leaders and your tribes and your elders and your officers, all the men of Israel, your little ones and your wives – also the stranger who is in your camp, from the one who cuts your wood to the one who draws your water – that you may enter into covenant with the Lord your God, and into His oath, which the Lord your God makes with you today.” (Deuteronomy 29:10-12)

Last week, Parasha Ki Tavo (When You Enter) concluded with Moses telling the people that 40 years after they had attained nationhood, they still had not acquired “a heart to know, eyes to see and ears to hear” all that Adonai had done for them throughout their wilderness journey. (Deuteronomy 29:2-4)

In this week’s portion, the Lord confronts the people to choose now His way of life and blessings or the pagan way of death and curses.

Free to Choose Good

In Parasha Nitzavim, God sets before the Jewish people two diametrically opposed choices: life and good, or death and evil (et ha’chayim v’et ha’tov; v’et hamavet v’et hara).

Just as a good father might instruct his son or daughter as to the best decision to make, God implores His children to choose life.

“This day I call the heavens and the earth as witnesses against you that I have set before you life and death, blessings and curses. Now choose life, so that you and your children may live.” (Deuteronomy 30:19)

This verse provides an incredible insight into the purpose of the Torah.

God gave the Scriptures to us as a guide so we know what is good and what is evil; nevertheless, it is up to each of us to either live according to God’s Word by accepting the good and rejecting the evil or to live according to the dictates of our own heart and the current cultural perspective or worldview. This is the concept of free will that God has given to mankind.

One ancient Jewish Bible commentator, Rashi, cites a story, or midrash, in the oral tradition (in the treatise Niddah) about the angel responsible for conception who asks God whether the child will grow up to be strong or weak, wise or foolish, rich or poor.

The angel, however, never asks God if the child will become wicked or righteous, since God may determine the circumstances of one’s life but the decision to choose the good path or the evil one has been left up to man’s own free will.

deuteronomy-30x19_curse_or_blessing.jpg

Free to Choose Life in Adversity

While it is not possible to control all the circumstances that affect our lives, we can determine how we will react to them. It might be easier to be happy or be nice when everything is going well, but there is no guarantee that we will be happy or nice even in the midst of good times.

Likewise, tragic circumstances do not have to shake us from our firm foundation so that we lose faith in God and become miserable and bitter. One Messianic believer tells the story of an older woman whose son had passed away from cancer, leaving behind a lovely young wife with three small children. “They were an observant, Orthodox Jewish family, and I wondered how they would react to such a terrible tragedy,” she said. “It was then that I overheard the woman speaking to a friend on the phone. Her words were full only of honor toward God, frequently uttering, Baruch Hashem (Blessed be His Name).

“It reminded me of how Job was able to say, “Naked I came from my mother’s womb, And naked shall I return there. The Lord gave, and the Lord has taken away; Blessed be the name of the Lord,’ (Job 1:21) after losing his health, his children and his livelihood.” 

A famous psychologist and Holocaust survivor, Viktor Frankl, wrote in his book Man’s Search for Meaning about humankind’s ability to exercise free will during the horrific circumstances of the Nazi concentration and death camps.

Although we might expect that a person would be incapable of acting in kind, moral, humane ways under such terrible conditions, Frankl reports in his book that this was not the case; he observed many examples of heroic individuals.

Frankl wrote, “[These men] offer sufficient proof that everything can be taken away from a man but one thing: the last of human freedoms – to choose one’s attitude in any given set of circumstances, to choose one’s own way . . .”  (pp. 86-88)

Even under extreme physical and emotional stress, we can choose our behavior – whether to love and forgive – or remain in hatred and bitterness.

Most of us will never have to endure such brutal conditions, but each one of us will be presented with choices throughout our lives.

We must choose whether or not to be courageous, unselfish and faithful; or bow to fear, fight for our own way, and lose our human dignity, especially during serious adversity. Our morality and ethics will be tested at various times throughout our lives. We cannot plead, as did some of the Nazis charged with war crimes, who defended themselves saying, “I had no choice…. I was just following orders.”

The truth is that we always have the ability to walk in accordance with the values of the Torah or to walk along that broad path that leads to destruction. We would do well to consider carefully our ways as we prepare to enter into the Days of Awe this weekend.

Free to Return to God

Sunday begins a ten-day period called Days of Awe (Yamim Nora’im) that ushers in Rosh HaShanah (the Jewish calendar New Year 5780) and ends with Yom Kippur (Day of Atonement).

These ten days are meant to be a period of somber introspection during which time we pray for forgiveness of our sins – and ask for forgiveness from those we have sinned against throughout the year.

The repentance required at the time of these upcoming Fall Feasts of the Lord is meant to bring each person back to God.

In Yeshua’s day, people came to Yochanan (John the Baptist) at the Jordan River during this season of preparation for the Fall Feasts, to be immersed in the mikvah (baptized).  There, he warned them that they must produce fruit demonstrating their repentance.

“John said to the crowds coming out to be baptized by him, ‘You brood of vipers! Who warned you to flee from the coming wrath? Produce fruit in keeping with repentance.’” (Luke 3:7-8)

The Hebrew word for repentancet’shuvah, comes from the root shuv, meaning  return.

In other words, when we choose the path of sin, evil and death, it leads us out of the presence of God. And when we repent, we return to the presence of God. We learn in this Parasha, that the result of unrepented sin for the Israelites would be even more than personal separation – it would also be national exile. But Baruch HaShem, exile is not the end of the story.

In this Parasha, God tells the Israelites that those who will be scattered into exile due to sin, would be gathered back to the Promised Land when they returned to Him. And after He gathers and returns them to their own land, He would bless and prosper His people Israel.

“When you and your children return to the LORD your God and obey Him with all your heart and with all your soul according to everything I command you today, then the LORD your God will restore your fortunes and have compassion on you and gather you again from all the nations where He scattered you.” (Deuteronomy 30:2-3)

Still, today many believe that it is just too hard to obey God or follow the Torah. In this Parasha, God tell us that it is not too difficult for us to walk in obedience: “Now what I am commanding you today is not too difficult for you or beyond your reach…. The word is very near you; it is in your mouth and in your heart so you may obey it.” (Deuteronomy 30:11-14)

Moreover, there are many rewards for being obedient. These rewards are not relegated to olam habah (the world to come) but are also for our lives here and now. They are not only spiritual rewards for when we get to Heaven; they are also physical, material, and emotional rewards such as long life, prosperity, and success for today.

Yet, evil persists, and we know that even the obedient ones fall prey at times to the oppression and attacks of the enemy and to a world that is fallen. Yeshua (Jesus) even said that “in this world you will have trouble. But take heart! I have overcome the world.” (John 16:33)

Those who have troubles do not have to succumb to fear.

While Frankl reminds us that we can find meaning even in the midst of suffering, Scripture tells us that the enemy cannot take away from us many good things: our freedom to choose good; our faith in the God of Israel; and our faith in Yeshua as our Messiah, who sacrificed His own life to release us from spiritual bondage so we can truly experience freedom in this life.

No matter how bleak things look at any given moment, God will show us evidence of His goodness and mercy while we are yet on this earth.

As King David said, “I would have lost heart, unless I had believed that I would see the goodness of the LORD in the land of the living.” (Psalm 27:13)

Choosing life entails loving God with all of our heart, mind, soul, and strength, listening to the voice of His Ruach HaKodesh (Holy Spirit) and keeping His commandments. Doing so is the very best choice we could ever make – for this is our very life!

“Now choose life, so that you and your children may live and that you may love the Lord your God, listen to His voice, and hold fast to Him. For the Lord is your life, and He will give you many years in the land He swore to give to your fathers, Abraham, Isaac and Jacob.” (Deuteronomy 30:20)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Nitzavim (Stai in Piedi), la porzione della Torah di questa settimana. Questa è la porzione di Torah che leggeremo durante i Culti di Shabbat (Sabato). Vi invitiamo a studiare con noi la Parasha di questa settimana. Sappiamo che sarete benedetti!

NITZAVIM (Stai in Piedi)

Porzione di Torah: Deuteronomio 29:9 (10)-30:20 

Porzione di Haftarah (Parte Profetica): Isaia 61:10-63:9 (Rito Spagnolo e Tedesco), Giosuè 24:1-18 (Rito Italiano)

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Romani 9:30-10:21, Giovanni 12:41-50

“Oggi tutti voi state in piedi [nitzavim] davanti all’Eterno, il vostro DIO: i vostri capi, le vostre tribù, i vostri anziani, i vostri ufficiali, tutti gli uomini d’Israele, i vostri bambini, le vostre mogli e lo straniero che in mezzo al tuo accampamento, da colui che spacca la tua legna a colui che attinge la tua acqua, per entrare nel patto dell’Eterno, il tuo DIO, e nel suo giuramento che l’Eterno, il tuo DIO, fa oggi con te.” (Deuteronomio 29:10-12)

La scorsa settimana, la Parasha Ki Tavo (Quando Entri) ha concluso con Mosè che dice alla gente che 40 anni dopo aver raggiunto la nazione di Israele, essi non avevano ancora il cuore compunto per HaShem “Mosè convocò dunque tutto Israele e disse loro: “Voi avete visto tutto ciò che l’Eterno ha fatto sotto i vostri occhi nel paese d’Egitto al Faraone, a tutti i suoi servitori e a tutto il suo paese; i tuoi occhi hanno visto le grandi calamità, i segni e quei grandi prodigi; ma fino a questo giorno l‘Eterno non vi ha dato un cuore per comprendere, occhi per vedere e orecchi per udire.” (Deuteronomio 29:2-4)

Nella Porzione di Torah di questa settimana, HaShem chiede al popolo di Israele di scegliere ora il Suo modo di vita e le Sue benedizioni o la via pagana della morte e delle maledizioni.

Libero di Scegliere il Bene

Nella Parasha Nitzavim, HaShem pone davanti alla gente Ebrea due scelte diametralmente opposte: la vita e il bene, o la morte e il male (et ha’chayim v’et ha’tov; v’et hamavet v’et hara). Proprio come un buon padre potrebbe istruire suo figlio o sua figlia sulla decisione migliore da prendere, HaShem implora i Suoi figli di scegliere la vita.

“Io prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra, che io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché possa vivere, tu e i tuoi discendenti.” (Deuteronomio 30:19)

Questo versetto fornisce un’incredibile intuizione dello scopo della Torah. HaShem ci ha dato le Scritture Bibliche come guida della nostra vita, così conosciamo ciò che è buono e ciò che è male; tuttavia, spetta a ciascuno di noi di vivere secondo la Parola di HaShem accettando il bene e rifiutando il male o vivere secondo i dettami del proprio cuore e dell’attuale prospettiva culturale o visione del mondo. Questo è il concetto di libero arbitrio che Hashem ha dato all’umanità. Un antico commentatore della Bibbia Ebraica, il Rashi, cita una storia, o midrash, nella tradizione orale (nel trattato Niddah) sull’angelo responsabile del concepimento che chiede ad HaShem se il bambino crescerà forte o debole, saggio o sciocco, ricco o povero. L’angelo, tuttavia, non chiede mai ad Hashem se il bambino diventerà malvagio o giusto, poiché Hashem può determinare le circostanze della propria vita ma la decisione di scegliere la via buona o quella cattiva è stata lasciata alla libera volontà dell’uomo.

Libero di Scegliere la Vita nelle Avversità

Mentre non è possibile controllare tutte le circostanze che influenzano le nostre vite, possiamo determinare come reagiremo alle circostanze. Potrebbe essere più facile essere felici o essere gentili quando tutto va bene, ma non c’è alcuna garanzia che saremo felici anche nel bel mezzo dei bei tempi. Allo stesso modo, le circostanze tragiche della vita non devono scuoterci dal nostro solido fondamento così da perdere la fede in Hashem e diventare infelici e amareggiati. Un credente Messianico racconta la storia di una donna anziana il cui figlio era morto di cancro, lasciandosi alle spalle un’adorabile giovane moglie con tre bambini piccoli. “Era un’osservante famiglia Ebrea ortodossa e mi sono chiesto come avrebbero reagito a una tragedia così terribile” mi son detto. “Fu allora che sentii per caso la donna che parlava a un amico al telefono. Le sue parole erano piene solo di onore verso Hashem, spesso pronunciando, Baruch Hashem (Benedetto sia il Suo nome).

“Mi ha ricordato come Giobbe è stato in grado di dire, ‘Nudo sono uscito dal grembo di mia madre e nudo vi ritornerò. L’Eterno ha dato e l’Eterno ha tolto. Sia benedetto il nome dell’Eterno,’ (Giobbe 1:21) dopo aver perso la salute, i figli e il suo sostentamento.” 

Un famoso psicologo sopravvissuto all’olocausto, Viktor Frankl, scrisse nel suo libro La ricerca del significato dell’uomo,dell’abilità del genere umano di esercitare il libero arbitrio durante le orribili circostanze del nazismo e dei campi di sterminio. Anche se potremmo aspettarci che una persona non sia in grado di agire in modi gentili, morali e umani in condizioni così terribili, Frankl riferisce nel suo libro che non era così durante la persecuzione nazista; egli infatti ha osservato molti esempi di individui eroici. Frankl ha scritto: “[Questi uomini] offrono una prova sufficiente di tutto ciò che può essere sottratto a un uomo tranne la libertà umana – si può scegliere il proprio atteggiamento in ogni dato insieme di circostanze, si può scegliere la propria strada.” (pp. 86-88 )

Anche in condizioni fisiche ed emotive estreme, possiamo scegliere il nostro comportamento – se amare e perdonare – o rimanere nell’odio e nell’amarezza. La maggior parte di noi non dovrà mai sopportare condizioni così brutali, ma ad ognuno di noi verranno presentate scelte per tutta la vita. Dobbiamo scegliere se essere coraggiosi, altruisti e fedeli; o inchinarci alla paura, combattere per la propria strada e perdere la nostra dignità umana, specialmente durante le avversità gravi. La nostra moralità ed etica saranno testate in vari momenti della nostra vita. Non possiamo eccepire, come hanno fatto alcuni dei nazisti accusati di crimini di guerra, che si sono difesi dicendo: “Non avevo scelta. Stavo solo seguendo gli ordini.” La verità è che abbiamo sempre la capacità di camminare in accordo con i valori della Torah o di percorrere quel vasto sentiero che porta alla distruzione. Faremmo bene a considerare attentamente i nostri modi mentre ci prepariamo ad entrare nei Giorni di Redenzione di questo fine settimana.

Libero di Tornare ad HaShem

Domenica inizia un periodo di dieci giorni chiamati Giorni Terribili (Yamim Nora’imche inaugurano Rosh HaShanah (il calendario Ebraico di Capodanno 5779) e termina con Yom Kippur (Giorno di Espiazione). Questi dieci giorni sono pensati per essere un periodo di cupa introspezione durante il quale possiamo chiedere perdono dei nostri peccati e chiedere perdono a coloro che abbiamo peccato contro tutto l’anno. Il pentimento richiesto al momento di queste imminenti feste d’onore del Signore ha lo scopo di riportare ogni persona a Dio. Nel giorno del battesimo di Yeshua, la gente venne a Yochanan (Giovanni Battista) al fiume Giordano durante questa stagione di preparazione per le feste di autunno, per essere immersi nella mikvah (battezzati). Lì, egli li avvertì che dovevano produrre frutti che dimostrassero il loro vero pentimento.

“Egli dunque diceva alle folle che andavano per essere da lui battezzate: ‘Razza di vipere, chi vi ha insegnato a fuggire dall’ira a venire? Fate dunque frutti degni del ravvedimento e non cominciate a dire dentro di voi: “Noi abbiamo Abrahamo per padre”, perché io vi dico che Dio può suscitare dei figli ad Abrahamo anche da queste pietre’” (Luca 3:7-8)

La parola Ebraica per pentimentot’shuvah, viene dalla radice shuv, che significa ritorno. In altre parole, quando scegliamo la via del peccato, del male e della morte, essa ci conduce fuori dalla presenza di HaShem. E quando ci pentiamo, torniamo alla presenza di Hashem. Impariamo in questa Parasha, che il risultato del peccato non disprezzato per gli Israeliti sarebbe stato ancora più grave della separazione personale da HaShem – Sarebbe stata la causa dell’esilio del popolo di Israele. Ma Baruch HaShem, l’esilio non è la fine della storia. In questa Parasha, HaShem dice agli Israeliti che coloro che saranno sparsi in esilio a causa del peccato, saranno in futuro riuniti di nuovo nella terra promessa quando essi torneranno a Lui. E dopo che Lui li avrà riuniti e restituiti alla loro terra, Egli li benedirà e farà prosperare il Suo popolo Israele.

“Ritornerai all’Eterno, il tuo DIO, e ubbidirai alla sua voce, tu e i tuoi figli, con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, secondo tutto ciò che oggi ti comando, l’Eterno, il tuo DIO, ti farà ritornare dalla schiavitù, avrà pietà di te e ti raccoglierà di nuovo fra tutti i popoli, fra i quali l’Eterno, il tuo DIO, ti aveva disperso.” (Deuteronomio 30:2-3)

Tuttavia, oggi molti credono che sia troppo difficile ubbidire ad HaShem o seguire la Torah. In questa Parasha, Hashem ci dice che non è troppo difficile per noi camminare nell’obbedienza: “Questo comandamento che oggi ti prescrivo non è troppo difficile per te, né troppo lontano da te. Non è in cielo, perché tu dica: “Chi salirà per noi in cielo per portarcelo e farcelo ascoltare, perché lo mettiamo in pratica?”. non è di là dal mare, perché tu dica: “Chi passerà per noi di là dal mare per portarcelo e farcelo ascoltare, perché lo mettiamo in pratica?” Ma la parola è molto vicina a te; è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la metta in pratica.” (Deuteronomio 30:11-14) 

Inoltre, ci sono molti vantaggi nell’essere ubbidienti. Queste ricompense non sono relegate ad olam habah (il mondo a venire) ma sono anche per le nostre vite qui e ora. Non sono solo ricompense spirituali per quando arriviamo in Paradiso; sono anche ricompense fisiche, materiali ed emotive come la lunga vita, la prosperità e il successo nell’oggi. Tuttavia, il male persiste e sappiamo che anche coloro che ubbidiscono cadono a volte vittime dell’oppressione e degli attacchi del nemico e di un mondo perduto. Yeshua (Gesù) lo ha detto “Vi ho detto queste cose, affinché abbiate pace in me; nel mondo avrete tribolazione, ma fatevi coraggio, io ho vinto il mondo.” (Giovanni 16:33)

Chi ha problemi non deve soccombere alla paura. Mentre Frankl ci ricorda che possiamo trovare un significato anche nel mezzo della sofferenza, la Scrittura Biblica ci dice che il nemico non può toglierci le cose buone: la nostra libertà di scegliere il bene; la nostra fede nel Dio di Israele; e la nostra fede in Yeshua come il nostro Messia, che ha sacrificato la propria vita per liberarci dalla schiavitù spirituale così da poter veramente sperimentare la libertà in questa vita. A prescindere da quanto fosche cose ci aspettino e ci colpiscano in un dato momento, Hashem ci mostrerà le prove della Sua bontà e misericordia mentre siamo ancora su questa terra. Come disse il re David, “Ah! se non avessi avuto fede di veder la bontà dell’Eterno sulla terra de’ viventi!” (Salmo 27:13)

Scegliere la vita comporta amare HaShem con tutto il cuore, la mente, l’anima e la forza, ascoltando la voce del Suo Ruach HaKodesh (Spirito Santo) e osservando i Suoi comandamenti. Così facendo prendiamo sempre la scelta migliore che potremmo mai fare – perché questa è la nostra stessa vita!

“Scegli dunque la vita, perché possa vivere, tu e i tuoi discendenti, e possa amare l’Eterno, il tuo DIO, ubbidire alla sua voce e tenerti stretto a lui, poiché egli è la tua vita e la lunghezza dei tuoi giorni, affinché tu possa abitare nel paese che l’Eterno giurò di dare ai tuoi padri, ad Abrahamo, Isacco e Giacobbe”. (Deuteronomio 30:20)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s