Torah Portion Ki Tavo / Porzione di Torah Ki Tavo

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Ki Tavo (When You Enter), this week’s Parasha (Torah Portion).

This Torah portion will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) morning service.

Ki Tavo 1.jpg

Ki Tavo (When You Enter)

Torah Portion: Deuteronomy 26:1-29:9 (8)

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 60:1-22

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Luke 21:1-4, Romans 11:1-15, Ephesians 1:3-6, 1 Peter 2:1-25

“When you have entered [ki tavo] the land the Lord your God is giving you as an inheritance … take some of the firstfruits of all that you produce from the soil of the land the Lord your God is giving you and put them in a basket. Then go to the place the Lord your God will choose as a dwelling for His name.” (Deuteronomy 26:1-2)

Last week, in Parasha Ki Tetze, God gave to the Israelites 74 of the 613 commandments found in the Torah, far more than any other Torah portion. These laws mostly seem to be concerned with protecting the weaker members of society. They include laws concerning the beautiful captive, paying workers in a timely fashion, and leaving a portion of the harvest in the field for the widow, the fatherless, and the stranger.

This week, in Parasha Ki Tavo (When You Enter), God instructs Israel to bring the first-ripened fruits (bikkurim) to the central sanctuary once the Israelites have finally entered the land He promised to them.

It must have been a relief for the children of Israel to hear that their prolonged, 40-year journey through the wilderness would finally be coming to an end. They were about to cross over into the Promised Land. In fact, the word in Hebrew for a HebrewIvri, comes from the root I-V-R, which means to cross over. In a spiritual sense, anyone who has crossed over into the Kingdom of God is an Ivri

For that reason, perhaps, Paul said that being a Jew is a matter of having a circumcised heart more than circumcised flesh. He wasn’t by any means negating circumcision; he was emphasizing that to cross over into the Kingdom of God, there must be an inward change. Those who worship God, worship Him in Spirit and in truth.

“But he is a Jew who is one inwardly; and circumcision is that which is of the heart, by the Spirit, not by the letter; and his praise is not from men, but from God.” (Romans 2:29)

The wilderness experience was so challenging and defining that future rabbinic texts consider any physical or spiritual desert as an enemy to be overcome. Our challenge is to walk through the times of wilderness in our lives and be transformed so that we can enter the Promised Land. Ki Tavo promises that obedience to God will be rewarded. These rewards include Divine protection, prosperity, and blessings on families and future generations.

Disobedience and rebellion against God, however, result in punishment; the Word of God lists 98 chilling admonitions that take up half of this Parasha. These include diseases, plagues, poverty, famine, slavery, and defeat by enemies. For this reason, Parasha Ki Tavo has been called “the warning chapter,” and the Torah reader, who traditionally chants the Torah portion according to a sing-song pattern, rushes through the recital of dreaded curses in a hushed, fearful tone. We need not look far to see that the Jewish people have been blessed by the Almighty God as He promised; but they have also done more than their fair share of suffering over the centuries due to the curses of the law that come into play because of sin (Deuteronomy 28:15-68).

Teviah, the father in the movie Fiddler on the Roof, expressed this sentiment so humorously after his horse became lame just before the Sabbath: “God, I know that we are Your chosen people, but … couldn’t You choose someone else for a change?”

There are some who follow Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah), but believe that it is our lot in life to suffer from these curses along with the rest of the world; however, the Word of God tells us differently. As covenant children of God, we are to enjoy His blessings on our lives if we are walking in obedience to His commandments. “But Messiah has rescued us from the curse pronounced by the law. When He was hung on the tree, He took upon Himself the curse for our wrongdoing.” (Galatians 3:13)

Eschatology_Blessings-Curses_620.jpg

Blessings Come from Being a Blessing

One of the first acts of obedience that the Lord asks of His people is to remove the firstfruits of our increase, our tithe, the sacred portion, and to give it to those who serve the Lord, as well as to the poor. “Then say to the LORD your God: ‘I have removed from My house the sacred portion and have given it to the Levite, the foreigner, the fatherless and the widow, according to all You commanded.’” (Deuteronomy 26:13)

If we are not obeying this command, then we have little Biblical basis on which to expect God’s blessings on our finances. God promises that if we obey Him in giving our tithe, He will rebuke the devourer for our sakes and bless our finances. “‘Then I will rebuke the devourer for you, so that it will not destroy the fruits of the ground; nor will your vine in the field cast its grapes,’ says the LORD of hosts.” (Malachi 3:11)  

But the reverse holds true as well: if we fail to give to God the “hallowed portion” of our income, then we are breaking covenant by “robbing God.”

When we fail to tithe, we come under a curse and give the devourer free rein to work havoc and destroy our finances. While Yeshua has removed from us the curse of the law, He has not removed from us the obligation to follow His example by living a holy life. When we understand that we are walking in sin in some area, we are to repent and return to Him.

By giving our tithe, the holy (kadosh) portion of our income, removing it from our possession, we return to God in so many ways and He returns to us. “‘Return to Me, and I will return to you,’ says the LORD Almighty. But you ask, ‘How are we to return?’ Will a mere mortal rob God? Yet you rob me. But you ask, ‘How are we robbing you?’ In tithes and offerings. You are under a curse, your whole nation, because you are robbing Me.” (Malachi 3:7-9)

tzedakah-poor-beggar.jpg

In Judaism, the giving of tzedakah (charity) is considered such an important  mitzvah (commandment) that if someone does not fulfill this law, their lineage actually becomes suspect.

Giving to the poor is an obligation in Judaism, a duty that cannot be forsaken even by those who themselves are in need. Some sages have said that tzedakah is the highest of all commandments, equal to all of them combined, and that a person who does not perform tzedakah is equivalent to an idol worshiper.

This principle is affirmed also in the Brit Chadashah (New Covenant), which emphasizes that if we don’t give when we see a brother in material need, it is doubtful that the love of God truly dwells within us.

“If anyone has material possessions and sees his brother in need but has no pity on him, how can the love of God be in him?” (1 John 3:17)

Of course, the Lord rewards compassion and generosity. He promises that when we give to the poor and needy, the widows and orphans, He will pay us back for what we have given.

“Whoever is generous to the poor lends to the LORD, and He will repay him for his deed.” (Proverbs 19:17)

A Treasured Possession

“And the LORD has declared this day that you are His people, His treasured possession as He promised, and that you are to keep all His commands. He has declared that He will set you in praise, fame and honor high above all the nations He has made and that you will be a people holy to the LORD your God, as He promised.” (Deuteronomy 26:18-19)

The Lord promises Israel in this Parasha that if they keep His commandments, they will be “His treasured possession.” This promise is also found in Exodus: “Now if you obey Me fully and keep My covenant, then out of all nations you will be My treasured possession. Although the whole earth is mine, you will be for Me a  kingdom of priests and a holy nation [mamlechet cohanim v’goee kadosh].” (Exodus 19:5-6)

And although they have experienced many curses over the generations, in the Haftarah (prophetic portion), the prophet Isaiah tells Israel that God in His favor and mercy will one day exalt them even in the midst of much persecution and hatred against them: Whereas you have been forsaken and hated, with no one passing through, I will make you majestic forever, a joy from age to age.” (Isaiah 60:15)

In the Brit Chadashah, all followers of Yeshua are called God’s special people. Because of our covenant with the Almighty God through the blood of Yeshua, both Jew and Gentile together can know that they are God’s most treasured possession.

“But you are a chosen race, a royal priesthood, a holy nation, a people for God’s own possession, so that you may proclaim the excellencies of Him who has called you out of darkness into His marvelous light.” (1 Peter 2:9)

In Hebrew, the word for special treasure is segulah (סגולה). The color purple in Hebrew is sagol (סגול), a word that comes from the same root letters. Why? Purple is the color of royalty! As the Lord’s segulah, we are clothed in sagol — the color of royalty.

purple-dye.jpg

We are children of the King and He is our Father. He values and treasures us. There is no need to search for external or superficial qualifications. This is simply our identity in the Messiah! We might look at ourselves and say, I don’t look much like a treasure; I’m too short or too tall, too fat or too thin, not pretty or smart enough to be a treasure.

We might check in with our emotions and say, I don’t feel that I qualify to be called a treasure of God; I have so many faults and weaknesses, I need to work on keeping my temper; I’m not yet disciplined enough; I don’t witness enough, whatever we perceive to be our weakness.

But as the apostle Paul says, we are to put no confidence in the attributes of our flesh (Philippians 3:3). Certainly, if anyone could have qualified as a treasure by the certificates on his wall and trophies on his desk, it would have been the apostle Paul, who described himself in this way: “circumcised on the eighth day, of the people of Israel, of the tribe of Benjamin, a Hebrew of Hebrews; in regard to the law, a Pharisee;  as for zeal, persecuting the church; as for righteousness based on the law, faultless.” (Philippians 3:5-6) 

He considered himself without fault in the flesh and in his keeping of the Torah; yet he put no value on all of these external qualifications. Instead, he put his trust in the person of the Messiah: “But whatever were gains to me I now consider loss for the sake of Messiah. What is more, I consider everything a loss because of the surpassing worth of knowing Messiah Yeshua Adonai (my Lord), for whose sake I have lost all things …I consider them garbage, that I may gain Messiah and be found in Him, not having a righteousness of my own that comes from the law, but that which is through faith in Messiah — the righteousness that comes from God on the basis of faith.” (Philippians 3:7-9) 

Although Paul continued to keep the law, he understood that his excellent performance was not to be compared to the righteousness that comes from God on the basis of faith. And while our own performance may not be as righteous as Paul’s, we must accept by faith that if we are empowered to walk in Adonai’s ways by His Spirit and are obedient, then we are in truth His special treasure.

Despite our faults, weaknesses and imperfections, the Lord loves and values us, and we can say, “I am royalty, a child of the King of Kings, the segulah of the Lord, a precious treasure!” He values us because we are His covenant children and are each created in His image and likeness. A spark of His divine Shekhinah glory is within us.

If we have a $100 bill and it accidentally drops on the ground, getting soiled, stepped on, crumpled, and bent, is it worth any less than $100? No, it retains its value. So too it is with us. Many of us, however, do not understand our value. Some of us have not always been treated like a treasure. Perhaps parents, schoolmates, spouses, or fellow believers have not treated us with honor and respect. We may have even been abused or mistreated terribly by people, as if we are someone inconsequential.

But God does not see us this way. Even if we have been broken; even if our heart has been torn in two or our whole life shattered, we are still a beautiful treasure to the Lord, “a crown of beauty and a royal diadem in the hand of our God.” (Isaiah 62:3)

How do we care for treasures? We put them in special places and guard them jealously, keeping them in a safe, secure place. Can we even fathom the grief and wrath that God feels when someone causes one of His segulah to suffer?

We need to leave these injustices and hurts in the hands of the Lord who says He will vindicate us. Our only choice is to forgive those who have hurt and mistreated us.

Sometimes, when we don’t see ourselves as valuable and worthy of respect, we send signals to others that we are valueless and worthless. The result is often that they will treat us as such. Or our perception of how others treat us can prevent us from moving forward in God’s promises. For instance, when the Israelites saw themselves as grasshoppers, they thought that the giants in Canaan did as well!

But when we begin to value and respect ourselves in a balanced and Godly manner, we will find more and more that the people in our lives properly value and esteem us as well.

Part of our healing and recovery is a transformation in the way we see ourselves, knowing our identity in the Messiah as righteous, whole, precious, valuable. We receive these precious attributes only through His Divine Covenant.

Let us enter into everything that God has for us, our freedom from condemnation, freedom from the curses, joy unspeakable, and peace that passes all understanding. All these and more have been given to us through the New Covenant, bought with the precious blood of the sinless Lamb of God, Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah)!

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Ki Tavo (Quando Entri), Parasha di questa settimana (Porzione di Torah). Questa parte della Torah verrà letta nelle sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo durante il Culto mattutino di Shabbat (Sabato).

Ki Tavo (Quando Entri)

Porzione di Torah: Deuteronomio 26:1-29:9 (8) 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 60:1-22 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Luca 21:1-4, Romani 11:1-15, Efesini 1:3-6, 1 Pietro 2:1-25

“Or quando entrerai [ki tavo] nel paese, che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà in eredità, e lo possederai e vi abiterai, prenderai alcune delle primizie di tutti i frutti del suolo da te raccolti nel paese che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà, le metterai in un paniere e andrai al luogo che l’Eterno, il tuo DIO, ha scelto per farvi dimorare il suo nome”. (Deuteronomio 26:1-2)

La settimana scorsa, nella Parasha Ki Tetze, HaShem ha dato agli Israeliti 74 dei 613 comandamenti trovati nella Torah, molto più di ogni altra parte della Torah. Queste leggi sembrano per lo più riguardare la protezione dei membri più deboli della società. Questi comandamenti includono le leggi riguardanti la bella prigioniera, il pagamento dei lavoratori in modo tempestivo, il lasciare una parte del raccolto sul campo per la vedova, l’orfana e lo straniero.

Questa settimana, nella Parasha Ki Tavo (Quando entri), Hashem ordina a Israele di portare i primi frutti maturati (bikkurim) al santuario centrale una volta che gli Israeliti sono finalmente entrati nella terra, come ha promesso loro. Deve essere stato un sollievo per il popolo di Israele sapere che il loro prolungato viaggio di 40 anni attraverso la natura selvaggia si sarebbe finalmente concluso. Stavano per attraversare la Terra Promessa. In effetti, la parola in Ebraico per EbreoIvri, viene dalla radice IVR, che significa attraversare. In senso spirituale, chiunque abbia attraversato il regno di HaShem è un Ivri. Per questa ragione, forse, Paolo disse che essere Ebrei significa avere il nostro cuore circonciso più che la nostra carne circoncisa. Paolo non stava affatto negando la circoncisione; egli stava sottolineando che per entrare nel Regno di HaShem, ci deve essere un cambiamento interiore. Coloro che adorano HaShem, lo adorano nello Spirito e nella verità.

“ma Giudeo è colui che lo è interiormente, e la circoncisione è quella del cuore, nello spirito, e non nella lettera; e d’un tal Giudeo la lode non proviene dagli uomini, ma da Dio”. (Romani 2:29)

L’esperienza della cattività è stata impegnativa e ha stabilito che i futuri testi rabbinici considerano ogni desiderio fisico o spirituale come un nemico da superare. La nostra sfida è quella di camminare attraverso i tempi della cattività nelle nostre vite e di essere trasformati in modo da poter entrare nella Terra Promessa da Hashem. Ki Tavo promette che l’obbedienza ad HaShem sarà ricompensata. Questi premi includono la protezione divina, la prosperità e le benedizioni per le famiglie e le generazioni future.

La disobbedienza e la ribellione contro HaShem, tuttavia, si traducono in punizione; la Parola di Hashem elenca 98 ammonizioni agghiaccianti che occupano metà di questa Parasha. Queste includono malattie, pestilenze, povertà, carestia, schiavitù e sconfitte da parte dei nemici. Per questo motivo, la Parasha Ki Tavo è stata chiamata “il capitolo di avvertimento” e il lettore della Torah, che tradizionalmente canta la parte della Torah secondo uno schema di canto, recita terribili maledizioni in tono cupo e spaventoso. Non abbiamo bisogno di guardare lontano per vedere che il popolo Ebraico è stato benedetto da HaShem come ha promesso; ma il popolo di Israele ha sofferto nel corso dei secoli a causa delle maledizioni della legge che entrano in gioco a causa del peccato (Deuteronomio 28:15-68).

Teviah, il padre nel film Violinista sul Tetto, espresse questo sentimento in modo così umoristico dopo che il suo cavallo divenne zoppo poco prima del Sabato: “Dio, so che siamo il tuo popolo eletto, ma … non potresti scegliere qualcun altro per un una volta?”

Ci sono alcuni che seguono Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia), ma credono che sia il nostro destino nella vita quello di soffrire queste maledizioni insieme al resto del mondo; tuttavia, la Parola di HaShem ci dice qualcosa di molto diverso. Come figli dell’alleanza di Hashem, godiamo delle Sue benedizioni sulle nostre vite se camminiamo obbedendo ai Suoi comandamenti.

“Ma il Messia ci ha liberati dalla maledizione pronunciata dalla legge. Quando fu appeso all’albero, prese su di sé la maledizione per il nostro male.” (Galati 3:13)

Le Benedizioni Vengono dall’Essere una Benedizione

Uno dei primi atti di ubbidienza che HaShem chiede al Suo popolo è di donare le primizie del nostro aumento, la nostra decima, la parte sacra, e di darla a coloro che servono HaShem, così come ai poveri.

“Allora di’ al Signore tuo Dio: ‘Ho tolto dalla mia casa la parte sacra e l’ho data al Levita, lo straniero, l’orfano e la vedova, secondo tutto ciò che hai comandato’”. (Deuteronomio 26:13)

Se non stiamo obbedendo a questo comando, allora abbiamo poche basi bibliche su cui aspettarci le benedizioni di HaShem sulle nostre finanze. HaShem promette che se gli obbediamo nel dare la nostra decima, Egli rimprovererà il divoratore per il nostro bene e benedirà le nostre finanze. “‘Allora rimprovererò il divoratore per te, così che non distruggerà i frutti della terra; né i tuoi vinci nel campo getteranno le sue uve, ‘dice il SIGNORE degli eserciti.” (Malachia 3:11)  

Ma vale anche il contrario: se non riusciamo a dare ad HaShem la “porzione sacra” delle nostre entrate, allora stiamo rompendo l’alleanza “rubando HaShem”. Quando non riusciamo a dare la decima, subiamo una maledizione e diamo al divoratore libero corso per distruggere le nostre finanze. Mentre Yeshua ha rimosso da noi la maledizione della legge, Egli non ha rimosso da noi l’obbligo di seguire il Suo esempio vivendo una santa vita di fede. Quando comprendiamo che stiamo camminando nel peccato in qualche area, dobbiamo pentirci e ritornare a Lui.

Dando la nostra decima, la parte santa (kadosh) del nostro reddito, rimuovendola dal nostro possesso, torniamo ad HaShem in tanti modi e Lui ritorna da noi. “‘Fin dai giorni dei vostri padri vi siete allontanati dai miei statuti e non li avete osservati. Tornate a me e io tornerò a voi’, dice l’Eterno degli eserciti. ‘Ma voi dite: “In che cosa dobbiamo tornare?”. Un uomo deruberà DIO? Eppure voi mi derubate e poi dite: “In che cosa ti abbiamo derubato?” Nelle decime e nelle offerte. Voi siete colpiti di maledizione perché mi derubate, sì, tutta quanta la nazione.” (Malachia 3:7-9)

Nel Giudaismo, il dare la tzedakah (carità) è considerato così importante che viene definita una mitzvah (comandamento) e che se qualcuno non adempie a questa legge, il loro lignaggio diventa effettivamente sospetto. Dare ai poveri è un obbligo nel Giudaismo, un dovere che non può essere abbandonato nemmeno da coloro che ne hanno bisogno. Alcuni saggi hanno detto che tzedakah è il più alto di tutti i comandamenti, uguale a tutti loro combinati, e che una persona che non esegue tzedakah è equivalente a un adoratore di idoli. Questo principio è affermato anche nel Brit Chadashah (Nuova Alleanza/Nuovo Patto), che sottolinea che se non diamo quando vediamo un fratello nel bisogno materiale, è dubbio che l’amore di HaShem dimori veramente dentro di noi.

“Se qualcuno ha beni materiali e vede suo fratello nel bisogno ma non ha pietà di lui, come può l’amore di Dio essere in lui?” (1 Giovanni 3:17)

Naturalmente, HaShem attira compassione e generosità. Egli promette che quando diamo ai poveri e ai bisognosi, alle vedove e agli orfani, Egli ci ripagherà per ciò che abbiamo dato.

“Chi ha pietà del povero presta all’Eterno, che gli contraccambierà ciò che ha dato”. (Proverbi 19:17)

Un Tesoro Posseduto

“Oggi l’Eterno ha pure dichiarato che tu sei il suo popolo, un tesoro particolare, come ti ha detto, perché tu osservi tutti i suoi comandamenti, e perché ti possa innalzare al di sopra di tutte le nazioni che ha fatto per lode, fama e gloria e perché tu possa essere un popolo consacrato all’Eterno, il tuo DIO, come egli ha detto.” (Deuteronomio 26:18-19)

HaShem promette a Israele in questa Parasha che, se osservano i Suoi comandamenti, saranno “il Suo tesoro”. Questa promessa si trova anche nell’Esodo: “Or dunque, se darete attentamente ascolto alla mia voce e osserverete il mio patto, sarete fra tutti i popoli il mio tesoro particolare, poiché tutta la terra è mia. E sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione santa [mamlechet cohanim v’goee kadosh].” (Esodo 19:5-6)

E sebbene abbiano sperimentato molte maledizioni durante le generazioni passate, nella Haftarah (parte profetica), il profeta Isaia dice ad Israele che HaShem, a Suo favore e misericordia, un giorno li esalterà anche nel mezzo di molte persecuzioni e odio contro di loro: “Invece di essere abbandonata e odiata, tanto che nessuno più passava da te, io farò di te uno splendore eterno, la gioia di molte generazioni.” (Isaia 60:15)

Nel Brit Chadashah, tutti i seguaci di Yeshua sono chiamati il ​​popolo speciale di HaShem. A causa della nostra alleanza con HaShem, attraverso il sangue di Yeshua, sia Ebrei che Gentili insieme possono sapere di essere il bene più prezioso di HaShem.

“Ma voi siete una stirpe eletta, un regale sacerdozio, una gente santa, un popolo acquistato per Dio, affinché proclamiate le meraviglie di colui che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua mirabile luce.” (1 Pietro 2:9)

In Ebraico, la parola tesoro speciale è segulah (סגולה). Il colore viola in Ebraico è sagol (סגול), una parola che proviene dalle stesse lettere della sua radice. Perché? Il viola è il colore della regalità!

Come la segulah di HaShem, siamo rivestiti di sagol – il colore della regalità in Yeshua. 

Siamo figli del re ed è HaShem è nostro padre. Lui ci da valore e ci rende Suo tesoro. Non è necessario cercare qualifiche esterne o superficiali. Questa è semplicemente la nostra identità nel Messia! Potremmo guardare noi stessi e dire: “non assomigliamo molto ad un tesoro; Sono troppo basso o troppo alto, troppo grasso o troppo magro, non abbastanza intelligente da essere un tesoro.” Le nostre emozioni potrebbero farci dire: “non credo di essere qualificato come un tesoro di HaShem; Ho così tanti difetti e debolezze, ho bisogno di lavorare per mantenere la calma; Non sono ancora abbastanza disciplinato; Non ne sono testimone abbastanza” mentre percepiamo la nostra debolezza.

Ma come dice l’apostolo Paolo, non dobbiamo fidarci degli attributi della nostra carne (Filippesi 3:3). Certamente, se qualcuno potesse essere qualificato come un tesoro dai certificati sulla sua parete e dai trofei sulla sua scrivania, questo sarebbe stato l’apostolo Paolo, che si è descritto in questo modo: “sono stato circonciso l’ottavo giorno, sono della nazione d’Israele, della tribù di Beniamino, Ebreo di Ebrei quanto alla legge, fariseo, quanto allo zelo, persecutore della chiesa; quanto alla giustizia che è nella legge, irreprensibile.” (Filippesi 3:5-6)

Paolo si considerava senza colpa nella carne e nella sua custodia della Torah; eppure non ha dato alcun valore a tutte queste qualifiche esterne. Invece, egli ha riposto la sua fiducia nel Messia: “Ma le cose che mi erano guadagno, le ho ritenute una perdita per Cristo. Anzi, ritengo anche tutte queste cose essere una perdita di fronte all’eccellenza della conoscenza di Cristo Gesù mio Signore, per il quale ho perso tutte queste cose e le ritengo come tanta spazzatura per guadagnare Cristo, e per essere trovato in lui, avendo non già la mia giustizia che deriva dalla legge, ma quella che deriva dalla fede di Cristo: giustizia che proviene da Dio mediante la fede”. (Filippesi 3:7-9) 

Sebbene Paolo continuasse a osservare la legge, egli capì che la sua eccellente interpretazione non doveva essere paragonata alla rettitudine che viene da HaShem sulla base della fede in Lui. E mentre la nostra interpretazione non può essere giusta così come quella di Paolo, dobbiamo accettare con la fede che se siamo autorizzati a camminare nelle vie di Adonai tramite il Suo Spirito e siamo obbedienti, allora siamo in verità il Suo tesoro speciale. Nonostante i nostri difetti, debolezze e imperfezioni, HaShem ci ama e ci apprezza, e possiamo dire: “Sono un re, un figlio del Re dei Re, la segulah di HaShem, un tesoro prezioso!”

Egli ci apprezza perché siamo i suoi figli dell’alleanza e ciascuno di noi è creato a Sua immagine e somiglianza. Una scintilla della Sua divina Shekhinah (gloria) è dentro di noi. Se abbiamo una banconota da $100 e per sbaglio essa cade a terra, anche sporcata, calpestata, accartocciata e piegata, vale meno di $100? No, essa mantiene il suo valore. Così anche noi. Molti di noi, tuttavia, non capiscono il nostro valore. Alcuni di noi non sono sempre stati trattati come un tesoro. Forse i genitori, gli educatori, i coniugi o i compagni di fede non ci hanno trattato con onore e rispetto. Potremmo persino essere stati maltrattati terribilmente dagli altri, come fossimo irrilevanti per loro. Ma HaShem non ci vede così. Anche se siamo stati feriti; anche se il nostro cuore è stato strappato in due o tutta la nostra vita è andata in frantumi, siamo ancora un tesoro meraviglioso per HaShem, “Sarai una splendida corona nella mano dell’Eterno, un diadema regale nella palma del tuo DIO”. (Isaia 62:3)

Come ci prendiamo cura dei tesori? Li mettiamo in luoghi speciali e li custodiamo gelosamente, tenendoli in un luogo sicuro e protetto. Possiamo persino sondare il dolore e l’ira che Hashem prova quando qualcuno causa una sofferenza alla sua segulah? Dobbiamo lasciare queste ingiustizie e ferite nelle mani di Hashem che dice che ci vendicherà. La nostra unica scelta è perdonare coloro che ci hanno ferito e maltrattato. A volte, quando non ci consideriamo preziosi e degni di rispetto, inviamo un segnale agli altri errato, che siamo senza valore. Il risultato è spesso che ci trattano come tali. La nostra percezione di come gli altri ci trattano può impedirci di andare avanti nelle promesse di HaShem. Ad esempio, quando gli Israeliti si consideravano cavallette, pensavano che anche i giganti di Canaan lo facessero!

Ma quando iniziamo a valutarci e a rispettarci in modo equilibrato e divino, scopriamo sempre più che le persone nella nostra vita valutano e stimano adeguatamente anche noi. Parte della nostra guarigione è una trasformazione nel modo in cui vediamo noi stessi, conoscendo la nostra identità nel Messia come giusta per noi, preziosa. Riceviamo questi preziosi attributi solo attraverso la Sua Divina Alleanza. Entriamo in tutto ciò che HaShem ha per noi, la nostra libertà dalla condanna, la libertà dalle maledizioni, la gioia inenarrabile e la pace che supera ogni comprensione. Tutto questo e molto altro ci è stato donato attraverso la Nuova Alleanza, acquistata con il prezioso sangue dell’Agnello di HaShem senza peccato, Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia)!

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s