Torah Portion Ki Tetze / Porzione di Torah Ki Tetze

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Parasha (Torah Portion), which is called Ki Tetze (When You Go Out). This is the weekly Torah portion that is read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) morning service. 

Parasha Ki Tetze

KI TETZE (When You Go Out)

Torah Portion: Deuteronomy 21:10-25:19

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 54:1-10, 1 Samuel 17:1-37

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Matthew 5:27-30, 1 Corinthians 5:1-5

“When you go forth [ki tetze] to battle against your enemies, and the Lord your God delivers them into your hands …” (Deuteronomy 21:10)

Last week, Parasha Shoftim focused rather broadly on the system of worship, judicial procedures, and the administration of the nation. This week’s portion of Scripture, Parasha Ki Tetze, includes 74 of the 613 commandments contained in the Torah. These commandments include miscellaneous criminal, civil, and family laws as well as moral and religious duties of the Israelites.

The Curse and Death on a Tree

This Torah portion is a very practical compilation of teachings that squarely deals with most real-life situations: from inheritance rights of the firstborn to how to deal with stubborn, rebellious children; from returning lost objects to their owner to building safety fences around the roof of a home in order to prevent loss of life; from protection of the living to how to treat the body of the deceased. 

The ethical treatment of a corpse extends to criminals hung on a tree after being convicted of a capital offense. They have to be taken down and buried on the same day. Bodies could not be left overnight, since anyone hung on a tree is considered cursed by God.

“If a man guilty of a capital offense is put to death and you hang him on a tree  [וְתָלִ֥יתָ אֹתֹ֖ו עַל־עֵֽץ], his corpse shall not remain on the tree overnight. You must bury it the same day; anyone who is hanged is a curse of God.” (Deuteronomy 21:22-23)

The Hebrew word for tree is etz (עֵץ); the phrase “hang him on a tree” refers to death as a result of hanging on a tree or gallows, or to displaying a corpse on a tree after his execution. Either way, the sight of a hung man on a wooden pole is a curse of God.

This is at least partly why a rich man named Joseph asked to take down the body of Yeshua (Jesus) from the execution stake.

“As evening approached, there came a rich man from Arimathea, named Joseph, who had himself become a disciple of Yeshua. Going to Pilate, he asked for Yeshua’s body, and Pilate ordered that it be given to him. Joseph took the body, wrapped it in a clean linen cloth, and placed it in his own new tomb that he had cut out of the rock.” (Matthew 27:57-60)

But Yeshua wasn’t guilty of a capital offense, so why was he put to death on a tree?

According to Jewish priestly legal interpretation found in the halakhah (literally, the way) the one who is guilty of treason or blasphemy would be hung to death on a tree in full display before the people he has betrayed and the God he has blasphemed.

This interpretation of Deuteronomy 21:22-23 is found in early Aramaic translations of the Bible and rabbinic literature. The Jewish leaders, therefore, saw Yeshua’s hanging as “proof” that He blasphemed the Lord by claiming to be the Messiah; in their interpretation, no true Messiah would hang on a tree and become a curse of God.

However, this Torah portion helps us see how Yeshua took the full measure of the curse on our behalf by hanging on a tree.

There on the tree, Yeshua took on Himself the curse that was meant for us, accepting the penalty for our sins and experiencing for the first time what it felt like to be separated from God because of transgression.

This is what the Prophet Isaiah referred to when he wrote: “Surely He took up our pain and bore our suffering, yet we considered Him punished by God, stricken by Him, and afflicted. But He was pierced for our transgressions, He was crushed for our iniquities; the punishment that brought us peace was on Him, and by His wounds we are healed.” (Isaiah 53:4-5)

Paul, a former Pharisee, also referred to the curse when he wrote: “Messiah redeemed us from the curse of the law by becoming a curse for us, for it is written: ‘Cursed is everyone who is hung on a pole.’” (Galatians 3:13)

There on the tree, Yeshua took all of our curses so that we could experience His blessings. Those who follow Yeshua are no longer alienated from God but have His laws inscribed on their hearts.

Holiness and the Laws of God

Having the laws of God written on our hearts means that God’s character and nature are known to us in a very personal way, not through external laws on stone tablets, but internally in our very souls.

That does not mean we should forget the Torah, which helps us to better understand holiness and God’s nature.

We see in this Parasha that sin has a very heavy cost. For instance, while the Decalogue (Ten Commandments) commands us to honor our parents, this portion specifies that sustained disobedience to parents is a capital offense.

The punishment for breaking this law was, it seems, never carried out in Israel, but became more of an ideal law that emphasized the respect of parents. Do notice, however, that this law seems to describe a son who is a grown man, which indicates that Adonai holds we are never too old to revere our parents.

The ethical and moral laws provided in Parasha Ki Tetze cover several instances of marriage. Among them is the case of a woman whose second husband has died or divorced her. This Parasha states that her first husband cannot remarry her. (Deuteronomy 24:4)

Another instance of marriage is the levirate marriage (yibbum). If a man dies leaving a childless widow, the man’s brother has the responsibility of marrying the widow in order to continue his brother’s line so that the deceased can inherit through the levirate son his share in the inheritance of property.

This Parasha also outlines the prohibition of a son marrying his father’s former wife, as well as other violations of marriage law.

The laws in Ki Tetze also include paying workers promptly, and allowing those who work for you to eat while they work (not muzzling the ox). As well, those lending money to a fellow Jew were forbidden from charging interest on their loan.

oxen

Ki Tetze continues to be relevant in our world today.

Although in our modern society, transgenderism and cross-dressing is becoming more accepted and common, this Torah portion clearly states that those who practice such acts are an abomination to God: “A woman shall not wear a man’s garment, nor shall a man put on a woman’s clothing; for anyone who does such things is an abomination to the LORD, your God.” (Deuteronomy 22:5)

There seems to be so much confusion in our day with regards to gender and sexual identity; it is good to have the solid rock of God’s Word to show us where to stand on these controversial issues.

Despite what some believe, women are traditionally well treated in Judaism. Even a foreign captive woman was to be given respect, including time to mourn the loss of her parents. 

The law ensures her dignity and provides for her ethical treatment and legal protection.

“If you notice among the captives a beautiful woman and are attracted to her, you may take her as your wife. Bring her into your home and have her shave her head, trim her nails and put aside the clothes she was wearing when captured. After she has lived in your house and mourned her father and mother for a full month, then you may go to her and be her husband and she shall be your wife.” (Deuteronomy 21:11-13)

If the Israelite man decides that he no longer wants her as his wife, he must allow her to go free and cannot sell her as a slave to another.

These verses about captive women segue to the unloved wife and the firstborn son. In a multiple wife situation, a man’s firstborn son born of the unloved wife must receive his inheritance of the double portion. In other words, the father may not give his birthright to the son of the loved wife.

Israel’s Double Portion

The verses in this Torah portion about inheritance and victory in warfare bring to mind the final end-time battle. According to Rabbinic Judaism, the Messiah (Mashiach) will wage war against the enemies of Israel and succeed in battle.

We know that a day is coming when all nations will gather to battle against Israel, but Yeshua the Messiah will fight for Israel and gain the victory. All the spoils of the nations will come into the hands of the people of Israel. 

In that day, we will receive back all that the enemy has stolen from us. God will restore the years that the swarming locusts have devoured (Joel 2:25), and we will receive a double portion in our land. Halleluyah! 

20170912_0.jpg

“Instead of your shame you will receive a double portion, and instead of disgrace you will rejoice in your inheritance. And so you will inherit a double portion in your land, and everlasting joy will be yours.” (Isaiah 61:7)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla Parasha di questa settimana (Porzione di Torah), chiamata Ki Tetze  (Quando Andrai). Questa è la porzione settimanale della Torah che viene letta nelle sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo durante il Culto del mattino di Shabbat.  

KI TETZE (Quando Andrai)

Porzione di Torah: Deuteronomio 21:10-25:19 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 54:1-10, 1 Samuele 17:1-37 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Matteo 5:27-30, 1 Corinzi 5:1-5

“Quando andrai [ki tetze] in guerra contro i tuoi nemici e l’Eterno, il tuo DIO, te li darà nelle mani e tu li farai prigionieri” (Deuteronomio 21:10)

La settimana scorsa, la Parasha Shoftim si è concentrata piuttosto in generale sul sistema di culto, sulle procedure giudiziarie e sull’amministrazione della nazione di Israele. La parte della Scrittura Biblica di questa settimana, Parasha Ki Tetze, include 74 dei 613 mitzvot contenuti nella Torah. Questi ordini includono diverse leggi contro il crimine, di carattere civile e familiare, nonché doveri morali e religiosi degli Israeliti.

Maledizione e Morte sulla Croce

Questa parte della Torah è una raccolta molto pratica di insegnamenti che tratta direttamente la maggior parte le circostanze di vita reale: dai diritti ereditari dei primogeniti a come comportarsi con bambini testardi e ribelli; dal restituire oggetti persi al loro proprietario al creare spazi di sicurezza intorno al tetto di una casa al fine di prevenire la perdita di vite umane; dalla protezione dei vivi al come trattare il corpo del defunto.  

Il trattamento etico di un cadavere si estende ai criminali appesi ad un albero dopo essere stati vittime di un’offesa capitale. Devono essere portati via e seppelliti lo stesso giorno. I corpi non possono essere lasciati durante la notte, dal momento che chiunque è appeso a un albero è considerato maledetto da HaShem.

“Se uno ha commesso un delitto che merita la morte ed è stato messo a morte, e tu l’hai appeso a un albero [וְתָלִ֥יתָ אֹתֹ֖ו עַל־עֵֽץ], il suo cadavere non rimarrà tutta la notte sull’albero, ma lo seppellirai lo stesso giorno; perché colui che è appeso è maledetto da HaShem, e tu non contaminerai la terra che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà”. (Deuteronomio 21:22-23)

La parola Ebraica per albero è etz (albero); la frase “Appiccalo ad un albero”  riflette la morte come risultato della vita vissuta dall’uomo maledetto da Dio e monito per altri nell’essere appesi ad un albero o posti su una forca, mostrati un come cadaveri su un albero dopo la loro esecuzione. Ad ogni modo, la vista di un uomo appeso su un palo di legno è segno nel Giudaismo di una maledizione da parte di Dio su quell’uomo. Questo è almeno in parte il motivo per cui un uomo ricco di nome Giuseppe ha chiesto di togliere il corpo di Yeshua (Gesù) dal palo dell’esecuzione.

“Poi verso sera giunse un uomo ricco di Arimatea, di nome Giuseppe, il quale era pure discepolo di Gesù. Costui si presentò a Pilato e chiese il corpo di Gesù. Allora Pilato comandò che il corpo gli fosse consegnato. E Giuseppe, preso il corpo, lo avvolse in un lenzuolo pulito; e lo mise nel suo sepolcro nuovo, che egli si era fatto scavare nella roccia; poi, dopo aver rotolato una grande pietra all’ingresso del sepolcro, se ne andò”. (Matteo 27:57-60)

Ma Yeshua non era colpevole di un reato capitale, quindi perché è stato messo a morte su un albero?

Secondo l’interpretazione giuridica sacerdotale Ebraica trovata nel halakhah  (Letteralmente, la via) colui che è colpevole di tradimento o di blasfemia sarebbe stato appeso a morte su un albero in piena mostra davanti alla gente che ha tradito e al Dio che ha bestemmiato. Questa interpretazione del Deuteronomio 21:22-23 si trova nelle prime traduzioni Aramaiche della Bibbia e della letteratura rabbinica. I capi Ebrei, quindi, videro l’impiccagione di Yeshua come “prova” che Egli bestemmiò il Signore sostenendo di essere il Messia; nella interpretazione Giudaica, nessun vero Messia sarebbe stato appeso ad un albero  per divenire poi una maledizione da parte di Hashem.

Tuttavia, questa porzione della Torah ci aiuta a vedere come Yeshua ha preso tutta la misura della maledizione su sé stesso per conto nostro e l’ha lasciata su quell’albero. Lì sull’albero, Yeshua prese su di sé la maledizione che era destinata a noi, accettando la punizione per i nostri peccati e vivendo per la prima volta ciò che sembrava essere separato da HaShem a causa della nostra trasgressione.

Questo è ciò a cui il profeta Isaia menzionò quando scrisse: “Eppure egli portava le nostre malattie e si era caricato dei nostri dolori; noi però lo ritenevamo colpito, percosso da DIO ed umiliato. Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, schiacciato per le nostre iniquità; il castigo per cui abbiamo la pace è caduto su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti”. (Isaia 53:4-5)

Paolo, un ex Fariseo, si riferiva anche alla maledizione quando scrisse: “Il Messia ci ha riscattati dalla maledizione della legge diventando per noi un motivo, perché è scritto: Maledetto chiunque è appeso a un palo.” (Galati 3:13)

Lì sull’albero, Yeshua ha preso tutte le nostre maledizioni in modo da poter sperimentare le Sue benedizioni. Coloro che seguono Yeshua non sono più alienati da HaShem ma hanno le Sue leggi inscritte nei loro cuori.

Santità e le Leggi di HaShem

Avere le leggi di HaShem scritte nei nostri cuori significa che il carattere e la natura di HaShem ci sono impresse sul cuore in attraverso una relazione personale in Yeshua, Suo Figlio, non attraverso leggi esterne scritte su tavolette di pietra, ma impresse sui nostri cuori e internamente nella nostra stessa anima. Ciò non significa che dovremmo dimenticare la Torah, che ci aiuta a capire la santità e la natura di Hashem.

Vediamo in questa Parasha che il peccato ha un costo molto pesante. Ad esempio, mentre il Decalogo (Dieci Comandamenti) ci comanda di onorare i nostri genitori, questa porzione di Torah specifica che la disobbedienza ai genitori è un’offesa capitale. Sembra che la punizione per aver infranto questa legge non sia mai stata confermata in Israele, ma è diventata più una legge ideale che ha ispirato l’onore dei genitori. Notate, tuttavia, che questa legge sembra descrivere un figlio che è un uomo adulto, il che indica che Adonai sostiene che non siamo mai troppo vecchi per onorare i nostri genitori. Le leggi etiche e morali fornite nella Parasha Ki Tetze coprono diversi casi di matrimonio. Tra questi c’è il caso di una donna che ha perso il secondo marito o l’uomo da cui ha divorziato. Questa Parasha afferma che il suo primo marito non può risposarsi (Deuteronomio 24:4).

Un altro esempio di matrimonio è il matrimonio levirato (yibbum). Se un uomo muore lasciando una vedova senza figli, il fratello dell’uomo ha la responsabilità di sposare la vedova al fine di continuare la linea del fratello in modo che al posto del defunto egli possa donare la parte di eredità del fratello defunto attraverso il figlio Levirato. Questa Parasha delinea anche il divieto di un figlio di sposare l’ex moglie di suo padre, così come altre violazioni della legge sul matrimonio. Le leggi di Ki Tetze includono anche il pagamento immediato dei lavoratori e il permesso a coloro che lavorano per un padrone di mangiare mentre lavorano (non mettendo il muso al bue). Inoltre, coloro che prestavano denaro a un altro Ebreo erano nascosti dall’accusa di interessi sul loro prestito.

Ki Tetze continua ad essere rilevante nel nostro mondo oggi. Anche se nella nostra società moderna, l’omosessualità, il transgender e il travestimento stanno diventando più accettati e comuni nella società odierna, questa parte della Torah afferma chiaramente che coloro che praticano tali atti sono un abominio per HaShem: “La donna non indosserà abiti da uomo, né l’uomo indosserà abiti da donna, perché chiunque fa tali cose è in abominio all’Eterno, il tuo DIO”. (Deuteronomio 22:5)

Sembra che ci sia così tanta confusione nei nostri giorni riguardo al genere e all’identità sessuale; è bello avere la solida roccia della Parola di HaShem che ci mostra dove stare su questi temi controversi. Nonostante ciò che alcuni credono, le donne sono tradizionalmente ben trattate nel Giudaismo. Anche a una donna prigioniera straniera doveva essere dato il rispetto, compreso il tempo di piangere la perdita dei suoi genitori. La legge garantisce la sua dignità e provvede al suo trattamento etico e alla sua protezione legale.

“Se vedi tra i prigionieri una donna di bell’aspetto e ti piace tanto da volerla prendere per tua moglie, la condurrai a casa tua, ed ella si raderà il capo e si taglierà le unghie, si leverà la veste di prigioniera, abiterà in casa tua e farà cordoglio per suo padre e sua madre un mese intero; poi entrerai da lei, e sarai suo marito e lei tua moglie.” (Deuteronomio 21:11-13)

Se l’Israelita decide che non la vuole più come sua moglie, deve lasciarla libera e non venderla come schiava a un’altra. Questi versetti sulle donne in cattività seguono la moglie non amata e il figlio primogenito. In una situazione di moglie multipla, il primogenito di un uomo nato dalla moglie non amata deve ricevere la sua eredità dalla doppia porzione. In altre parole, il padre potrebbe non dare il diritto di primogenitura al figlio della moglie amata.

La Doppia Porzione di Israele

I versetti di questa porzione della Torah sull’ereditarietà e vittoria in guerra riporta alla mente la battaglia finale di fine tempo. Secondo il Giudaismo rabbinico, il Messia (Mashiach) farà la guerra contro i nemici di Israele e riuscirà in battaglia. Sappiamo che verrà un giorno in cui tutte le nazioni si riuniranno per combattere contro Israele, ma Yeshua il Messia combatterà per Israele e otterrà la vittoria. Tutto il bottino delle nazioni arriverà nelle mani del popolo di Israele. In quel giorno, riceveremo tutto ciò che il nemico ci ha rubato. HaShem ristabilirà gli anni che le locuste di sciami hanno divorato (Gioele 2:25) e riceveremo una doppia porzione nella nostra terra. Halleluyah!  

“Invece della vostra vergogna avrete doppio onore; invece della confusione esulteranno nella loro eredità. Perciò nel loro paese possederanno il doppio e avranno un’allegrezza eterna.” (Isaia 61:7)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s