Torah Portion Shoftim / Porzione di Torah Shoftim

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Parasha (Torah Portion), which is named Shoftim (Judges).

This is the portion of Scripture that will be read this week during the Shabbat (Saturday) morning services in synagogues around the world. Please read along with us; we know you will be blessed! 

shoftim.jpg

SHOFTIM (Judges)

Torah Portion: Deuteronomy 16:18-21:9

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 51:12-52:12

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Mark 14:53-64, John 1:19-27, 1 Corinthians 5:9-13

“Appoint judges [shoftim] and officials [shotrim] for each of your tribes in every town the Lord your God is giving you, and they shall judge [shafat] the people fairly [tzedek mishpat / righteous / judgement]. (Deuteronomy 16:18)

Last week, in Parasha Re’eh, God set a blessing and a curse before the Israelites. The blessing was a result of obeying God’s commandments and the curse a result of forsaking them.

In this week’s Torah portion, Moses instructed the nation of Israel in the appointing of judges (called shoftim in Hebrew) and law enforcement officers (called shotrim) to administer justice. These judges and officers would not only teach but also interpret the laws of the Torah.

What is the difference between a judge and an officer? A judge refers to one qualified to deliver judgments according to the laws of the Torah. The officer then enforces these legal judgments, even by force if necessary.

The Hebrew prophet Isaiah promised that there would come a day when judges would be restored as in the days of old: “I shall restore your judges [shoftim] as at first, and your counselors [yaats] as at the beginning.” (Isaiah 1:26)

Although Isaiah mentions the judges, the officers do not appear in this prophecy, but rather “counselors.”

Why will counselors replace the role of officers? In the days of redemption, when the Messiah returns to rule and reign in righteousness, there will be no need for “enforcers” of the Torah. In the Messianic era, all will have such a deep desire to follow and obey the Lord that only counselors will be needed to explain and clarify (not to enforce) the decisions of the judges.

Even today (before that great day of the Lord that is to come) those who are truly in Messiah do not need external coercion to keep God’s commandments and judgments. For when we have been given a new heart and a new spirit, there arises within us a desire to keep God’s laws and commandments, not in a spirit of legalism, but out of a heart of love: “I will put My Spirit within you and cause you to walk in My statutes, and you will be careful to observe My ordinances.” (Ezekiel 36:27)

For those who believe in Yeshua (Jesus) but do not observe His commandments in the Torah, the question we need to ask is, “Why not?”  

Either the person is not truly following Yeshua and filled with His Spirit, or they have received and accepted a teaching of false grace which erroneously emphasizes freedom from guilt over freedom from sin. Certainly, Yeshua did not pay the ultimate price to set us free from bondage to sin so that we can continue sinning without guilt.

“Everyone who sins breaks the law; in fact, sin is lawlessness.” (1 John 3:4)

Pursuing Justice for All

“Do not pervert justice or show partiality. Do not accept a bribe, for a bribe blinds the eyes of the wise and twists the words of the innocent.” (Deuteronomy 16:19)

This Parasha warns that judges (or magistrates) are not to show any kind of partiality or favoritism. They are forbidden from accepting a bribe. It is written that God shows no favoritism but accepts anyone from any nation who fears Him and does what is right (Acts 10:34).

Justice has always been a fundamental value in Judaism; therefore, it was to be administered without corruption. Difficult cases could be referred to a higher court, which was called the Sanhedrin in Second Temple times.

“Tzedek, tzedek tirdof — Justice, justice you shall pursue.” (Deuteronomy 16:20)

A thorough investigation of crimes was required, and in order to deliver punishment upon a criminal, a minimum of two credible witnesses were required.

As we shall see, this is why the trial of Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah) was completely unjust and contrary to Jewish law, and yet it was God’s will that He suffer and die on the execution stake.

Who Killed Yeshua?

The question is often asked, “Who killed Yeshua?”

Usually, the blame is placed upon the Jews, with accusations of “Christ Killer” fueling the fires of anti-Semitism over the centuries. But is this accusation true? To answer that, we only need to look at the record of Yeshua’s trial.

Yeshua did not receive a trial by jury. In Jewish law, the judge would hear and evaluate an accusation from two impartial witnesses. If two or three witnesses would agree, the judge would issue a conviction; but in Yeshua’s case, the witnesses against Him presented false testimony.

“The chief priests and the whole Sanhedrin were looking for testimony against Yeshua to put Him to death, but they could find none. For many were giving false testimony against Him, but the testimonies did not agree.” (Mark 14:55-56)

Because the testimony of the witnesses did not agree, the judges could not convict him.

Thus, the Sanhedrin had no other choice but to ask Yeshua directly if He claimed to be the Messiah, the Son of God, a charge to which He confessed, thereby positioning Himself as being guilty of blasphemy, which carried the death penalty.

“But He kept silent and answered nothing. Again the high priest asked Him, saying to Him, “Are You the Christ, the Son of the Blessed?” Jesus said, “I am. And you will see the Son of Man sitting at the right hand of the Power, and coming with the clouds of heaven.” Then the high priest tore his clothes and said, “What further need do we have of witnesses? You have heard the blasphemy! What do you think?” And they all condemned Him to be deserving of death.” (Mark 14:61-64)

The False Witnesses
The False Witnesses/I Falsi Testimoni

 

This interrogation essentially reveals that neither the Jewish Sanhedrin nor the Roman authorities could have killed Yeshua without His cooperation.

Even some of the Roman soldiers came to believe that Yeshua truly was the Son of God.

“When the centurion and those with him, who were guarding Yeshua, saw the earthquake and the things that had happened, they were terrified and said, ‘This man really was God’s Son!’” (Matthew 27:54)

So to answer the question of who killed Yeshua, we only need to look at His trial to see that He willingly gave the authorities the “confession” they needed to condemn Him to death.

Yeshua, however, said that He lay down His life of His own accord, to save us from our sins as the promised Messiah.

He said by His own words, “The reason My Father loves Me is that I lay down My life, only to take it up again. No one takes it from Me, but I lay it down of My own accord. I have authority to lay it down and authority to take it up again. This command I received from My Father.” (John 10:17-18)

Keeping the Nation Holy

“You are to be holy to Me because I, the LORD, am holy, and I have set you apart from the nations to be My own.” (Leviticus 20:26)

One purpose God chose a people for Himself was so He could show the world what holiness looks like. Parasha Shoftim, therefore, forbids the following:

Idolatry

In the 17th chapter of Deuteronomy, God prohibits idolatry. Anyone found guilty of this crime would be stoned to death according to the laws of the Torah, upon the testimony of two or three witnesses. 

“On the testimony of two or three witnesses a person is to be put to death, but no one is to be put to death on the testimony of only one witness.” (Deuteronomy 17:6)

Why were such harsh penalties in place for worshiping false gods?

Although in our day, there exists a great emphasis on human rights and free choice, God’s law is concerned with preserving purity and Godliness.

By purging evil from the nation, holiness was protected.

“The hands of the witnesses must be the first in putting that person to death, and then the hands of all the people. You must purge the evil from among you.” (Deuteronomy 17:7)

The Occult

All forms of occult practices also carried the death penalty.

These included many spiritual practices that are commonplace today and for the most part widely accepted: sorcery, divination, fortune telling, astrology, wizardry, and listening to psychics, mediums or those who act as a channel for spirits of the dead.

God acknowledges that pagans participate in the occult, but these practices are part of what leads to the downfall of nations and they are forbidden for any of God’s people.

Receiving guidance from one’s astrological chart, reading palms or tea leaves, attending séances, or even using Ouija boards are not permitted for people of God; nevertheless, many today (either in ignorance or defiance of the law) read books about wizards and dabble in the occult.

This is a dangerous spiritual path.

“The nations you will dispossess listen to those who practice sorcery or divination. But as for you, the LORD your God has not permitted you to do so.” (Deuteronomy 18:14)

False Prophets

Lying and deception is another form of evil that taints holiness.

Israel is warned to beware of false prophets. Only those whose words come true are to be trusted as true prophets of God.

“If what a prophet proclaims in the name of the LORD does not take place or come true, that is a message the LORD has not spoken. That prophet has spoken presumptuously, so do not be alarmed.” (Deuteronomy 18:22)

Killing and Murder

Cities were set aside as refuge for someone who killed another unintentionally.

“Now this is the case of the manslayer who may flee there and live: when he kills his friend unintentionally, not hating him previously.” (Deuteronomy 19:4)

However, anyone who intentionally murdered someone had no right to seek refuge in these cities; he would be removed by force to be handed over to the avenger of blood to die at his hand. The deliberate shedding of innocent blood (murder) carried the death penalty.

“Show no pity. You must purge from Israel the guilt of shedding innocent blood, so that it may go well with you.” (Deuteronomy 19:13)

Choosing a Holy King of Israel

“When you enter the land the LORD your God is giving you and have taken possession of it and settled in it, and you say, ‘Let us set a king over us like all the nations around us.’” (Deuteronomy 17:14)

In this Parasha, Moses foresees that the people will one day want a king to rule over them and not a series of judges, so he gives them guidelines on how to protect their holy calling under such a system.

The king was to be an Israelite who had not accumulated many wives or a great deal of gold and silver.

He also had to know and use the teachings of the Torah as a guide.

The king was required to write out two Sifrei Torah (books of the Torah) and to keep them with him at all times in order that he remain humble (Deuteronomy 17:14-20).

Yeshua was acknowledged as the King of the Jews, as was written on the sign posted over His head at His execution (Matthew 27:11, 37).

He fulfilled all the requirements of kinship. He was an Israelite, a man of humility who lived a simple life and taught the Torah. He was the personification of holiness.

According to a Messianic prophecy, the Messiah will rule and reign as King upon the throne of His forefather David with perfect justice and righteousness forever and ever.

“For unto us a Child is born, Unto us a Son is given; And the government will be upon His shoulder. And His name will be called Wonderful, Counselor, Mighty God, Everlasting Father, Prince of Peace. Of the increase of His government and peace There will be no end, Upon the throne of David and over His kingdom, to order it and establish it with judgment and justice From that time forward, even forever. The zeal of the Lord of hosts will perform this.” (Isaiah 9:6-7)

Although He will physically reign over the Earth from Jerusalem when He returns, His kingdom is established now in the hearts of those who are believers. Those of us who follow Him understand that He has given us a clear vision of holiness, bringing the observance of Torah to its fullness.

Because He makes the fullness of the law known, each of us should be living in righteousness.

“If you know these things, you will be blessed if you do them. (John 13:17)

Trusting in God for Victory

In this Parasha, God gives the people laws for waging war and maintaining purity in the camp.

Moses tells the people to not be afraid of the inhabitants of the Promised Land while in battle; Adonai will be with them.

Before battle, the Cohanim (Priests) were to encourage the troops to trust in God.

“When you are about to go into battle, the priest shall come forward and address the army. He shall say: ‘Hear, Israel: Today you are going into battle against your enemies. Do not be fainthearted or afraid; do not panic or be terrified by them. For the LORD your God is the one who goes with you to fight for you against your enemies to give you victory.” (Deuteronomy 20:2-4)

We also need to encourage the young men and women of the Israel Defense Forces not to fear Palestinian terrorists or vast Islamic armies.

For just as in ancient times, these courageous Israeli soldiers do not enter into battle alone but with God on their side to give them the victory against their enemies.

We can also rest assured that no matter what battle we may face, God is with us and will cause us to walk in triumph in Messiah Yeshua.

“But thanks be to God, who in Messiah always leads us in triumphal procession, and through us spreads the fragrance of the knowledge of Him everywhere.” (2 Corinthians 2:14)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla Parasha di questa settimana (Porzione di Torah), che prende il nome di Shoftim (Giudici).

Questa è la parte della Scrittura biblica che verrà letta questa settimana durante i culti mattutini dello Shabbat (Sabato) nelle sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo. Leggete quindi insieme a noi; sappiamo che sarete benedetti! 

SHOFTIM (Giudici)

Porzione di Torah: Deuteronomio 16:18-21:9 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 51:12-52:12 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Nuova Alleanza): Marco 14:53-64, Giovanni 1:19-27, 1 Corinzi 5:9-13

“Costituirai dei giudici [shoftim] e dei magistrati [shotrim] nelle tue porte per ogni tua tribù, in tutte le città che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà; ed essi giudicheranno il popolo con giuste sentenze. (Deuteronomio 16:18)

La scorsa settimana, nella Parasha Re’eh, HaShem ha impartito una benedizione e una maledizione davanti agli Israeliti. La benedizione sul popolo di Israele sarebbe stato il risultato dell’obbedienza ai comandamenti di HaShem e la maledizione sarebbe derivata dal loro abbandono dei comandamenti di HaShem. Nella Porzione della Torah di questa settimana,

Mosè istruì la nazione di Israele alla nomina dei giudici (chiamati shoftim in Ebraico) e agenti di giustizia (chiamati shotrim) per amministrare la giustizia. Questi giudici e ufficiali non solo avrebbero insegnato ma avrebbero interpretato anche le leggi della Torah. Qual è la differenza tra un giudice e un ufficiale di giustizia? Un giudice fa riferimento ad una analisi dei fatti e la legge applicata a ciascun caso per rilasciare poi sentenze in base alle leggi della Torah. L’ufficiale applica poi questi giudizi legali da parte del giudice, anche con la forza se necessario.

Il profeta Ebreo Isaia promise che sarebbe arrivato un giorno in cui i giudici sarebbero stati restaurati come ai vecchi tempi: “Ripristinerò i tuoi giudici  [shoftim] come all’inizio, e i tuoi consiglieri [yaats] come all’inizio”. (Isaia 1:26)

Sebbene Isaia menzioni i giudici, gli ufficiali non appaiono in questa profezia, ma piuttosto ci sono “consiglieri”.

Perché i consiglieri sostituiranno il ruolo degli ufficiali?

Nei giorni della redenzione, quando il Messia tornerà a governare e regnerà in rettitudine, non ci sarà bisogno di “esecutori” della Torah. Nell’era messianica, tutti avranno un così profondo desiderio di seguire e obbedire Yeshua il Messia che saranno necessari solo consiglieri per spiegare e chiarire (non per far rispettare) le decisioni dei giudici. Anche oggi (prima di quel grande giorno di Yeshua il Messia che sta venendo) coloro che sono veramente nel Messia non hanno bisogno di coercizione esterna per osservare i comandamenti e i giudizi di HaShem. Perché quando ci è stato dato un cuore nuovo e uno spirito nuovo, sorge in noi il desiderio di osservare le leggi e i comandamenti di HaShem, non in uno spirito di legalismo, ma compunti nel cuore pieno d’amore: “Metterò dentro di voi il mio Spirito e vi farò camminare nei miei statuti, e voi osserverete e metterete in pratica i miei decreti”. (Ezechiele 36:27)

Per quelli che credono in Yeshua (Gesù il Messia) ma non osservano i Suoi comandamenti nella Torah, la domanda che dobbiamo porre è: “Perché no?” 

O la persona non segue veramente Yeshua e si riempie del Suo Spirito, o ha ricevuto e accettato un insegnamento di falsa grazia che sottolinea erroneamente la libertà dalla colpa per la libertà dal peccato. Certamente, Yeshua non ha pagato il prezzo della morte e risurrezione per liberarci dalla schiavitù del peccato, così da poter continuare a peccare senza colpa.

“Chiunque commette il peccato, commette pure una violazione della legge; e il peccato è violazione della legge.” (1 Giovanni 3:4)

Perseguire la Giustizia per Tutti

“Non pervertirai il diritto, non userai parzialità e non accetterai regali, perché il regalo acceca gli occhi dei saggi e corrompe le parole dei giusti”.  (Deuteronomio 16:19)

Questa Parasha avverte che i giudici (o magistrati) non devono mostrare alcuna forma di parzialità o di favoritismo. È scritto che HaShem non mostra favoritismi, ma accetta chiunque da qualsiasi nazione provenga, che lo teme e fa ciò che è giusto (Atti 10:34).

La giustizia è sempre stata un valore fondamentale nel Giudaismo; quindi, doveva essere amministrato senza corruzione. Casi difficili potrebbero essere indirizzati a un tribunale superiore, che è stato chiamato il Sinedrio ai tempi del Secondo Tempio.

Tzedek, tzedek tirdof – Seguirai interamente la giustizia, affinché tu viva e possieda il paese che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà.” (Deuteronomio 16:20)

Era necessaria un’indagine approfondita sui crimini e, per poter infliggere una punizione a un criminale, erano necessari almeno due testimoni credibili. Come vedremo, è per questo che la prova di Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia) era completamente ingiusta e contraria alla legge Ebraica, eppure essa era volontà di HaShem che Yeshua soffrisse e morisse sulla croce.

Chi ha Ucciso Yeshua?

Spesso viene posta la domanda: “Chi ha ucciso Yeshua?”

Di solito, la colpa viene attribuita agli Ebrei, con l’accusa di “assassino di Cristo” che ha alimentato i fuochi dell’anti-semitismo nel corso dei secoli. Ma questa accusa è vera?

Per rispondere a questo, abbiamo solo bisogno di guardare il resoconto del processo di Yeshua.

Yeshua non ha ricevuto un processo da parte della giuria. Nella legge Ebraica, il giudice ascolta e valuta un’accusa da due testimoni imparziali. Se due o tre testimoni fossero d’accordo, il giudice emetterebbe una condanna; ma nel caso di Yeshua, i testimoni contro di lui hanno presentato false testimonianze.

“Ora i capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio, cercavano qualche testimonianza contro Gesù, per farlo morire; ma non ne trovavano. Molti infatti deponevano il falso contro di lui; ma le loro testimonianze non erano concordi.” (Marco 14:55-56)

Poiché la testimonianza dei testimoni non era in accordo ai fatti, i giudici non potevano condannarlo. Quindi, il Sinedrio non aveva altra scelta che chiedere a Yeshua direttamente se egli sosteneva di essere il Messia, il Figlio di HaShem, un incarico che egli stesso confessava, posizionandosi così come colpevole di blasfemia, che portava la pena di morte.

“Ma egli tacque e non rispose nulla. Di nuovo, il sommo sacerdote lo interrogò e gli disse: “Sei tu il Cristo, il Figlio del Benedetto?” E Gesù disse: “Sì, io lo sono. E voi vedrete il Figlio dell’uomo sedere alla destra della Potenza e venire con le nuvole del cielo”. Allora il sommo sacerdote, stracciandosi le vesti, disse: “Che bisogno abbiamo ancora di testimoni? Avete udito la bestemmia; che ve ne pare?”. E tutti lo giudicarono reo di morte.” (Marco 14:61-64)

Questo interrogatorio rivela essenzialmente che né il Sinedrio Ebraico né le autorità Romane avrebbero potuto uccidere Yeshua senza la Sua collaborazione. Persino alcuni dei soldati Romani riconobbero che Yeshua fosse veramente il Figlio di Hashem.

“Ora il centurione e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, veduto il terremoto e le cose accadute, temettero grandemente e dissero: “Veramente costui era il Figlio di Dio!” (Matteo 27:54)

Quindi per rispondere alla domanda su chi ha ucciso Yeshua, abbiamo solo bisogno di farlo guardando alla sua prova per vedere che egli ha dato volentieri alle autorità la “confessione” di cui avevano bisogno per condannarlo a morte. Yeshua, tuttavia, disse che deponeva la Sua vita per proprio conto, per salvarci dai nostri peccati come il Messia aveva promesso.

Ha detto con le sue stesse parole, “Per questo mi ama il Padre, perché io depongo la mia vita per prenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la depongo da me stesso; io ho il potere di deporla e il potere di prenderla di nuovo; questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio.” (Giovanni 10:17-18)

Mantenere la Santità della Nazione di Israele

“E sarete santi per me, poiché io l’Eterno, sono santo, e vi ho separati dagli altri popoli perché foste miei”. (Levitico 20:26)

Uno degli scopi per cui HaShem ha scelto un popolo per sé stesso era quello che egli potesse mostrare al mondo com’è la Santità. La Parasha Shoftim, quindi, vieta quanto segue:

Idolatria

Nel 17° capitolo del Deuteronomio, HaShem proibisce l’idolatria. Chiunque fosse riconosciuto colpevole di questo crimine sarebbe stato lapidato a morte secondo le leggi della Torah, sulla testimonianza di due o tre testimoni.

“Colui che deve morire sarà messo a morte sulla deposizione di due o di tre testimoni; ma non sarà messo a morte sulla deposizione di un solo testimone.”  (Deuteronomio 17:6)

Perché c’erano pene così dure per adorare falsi dei?

Sebbene ai nostri giorni esista una grande enfasi sui diritti umani e sulla libera scelta, la legge di HaShem riguarda il preservare la purezza e la pietà. Purificando dal male la nazione di Israele, la Santità era quindi protetta.

“La mano dei testimoni sarà la prima a levarsi contro di lui per farlo morire; poi seguirà la mano di tutto il popolo; così estirperai il male di mezzo a te.”  (Deuteronomio 17:7)

L’Occulto

Tutte le forme di pratiche occulte comportavano anche la pena di morte. Queste includevano molte pratiche spirituali oggi comuni e per la maggior parte ampiamente accettate: stregoneria, divinazione, chiromanzia, astrologia, magia e ascolto di sensitivi, medium o coloro che fungono da canale per gli spiriti dei morti.

HaShem riconosce che i pagani partecipano all’occulto, ma queste pratiche sono parte di ciò che porta alla rovina delle nazioni e sono proibite per il popolo di Hashem. Ricevere la guida dalla propria carta astrologica, leggere il palmo della mano o le foglie di tè, frequentare sedute spiritiche o persino usare tavole di Ouija non è permesso per le persone di HaShem; tuttavia, molti oggi (sia per ignoranza che per disprezzo della legge) leggono libri sui maghi e si dilettano nell’occulto. Questo è un pericoloso percorso spirituale.

“Poiché quelle nazioni, che tu scaccerai, hanno dato ascolto a indovini e a maghi; ma, quanto a te, l’Eterno, il tuo DIO, non ha permesso che tu faccia così.” (Deuteronomio 18:14)

Falsi Profeti

La menzogna e l’inganno sono un’altra forma di male che macchia la santità. Israele è avvertito nelle scritture bibliche di fare attenzione ai falsi profeti. Solo quelli le cui parole diventano realtà devono essere considerate come veri profeti di HaShem.

“Quando il profeta parla in nome dell’Eterno e la cosa non succede e non si avvera, quella è una cosa che l’Eterno non ha proferito; l’ha detta il profeta per presunzione; non aver paura di lui .” (Deuteronomio 18:22)

Uccisione e Omicidio

Le città furono messe da parte come rifugio per qualcuno che ne uccise un altro involontariamente.

“E questa è la regola per l’omicida che si rifugia là, per aver salva la vita: chiunque ha ucciso il suo prossimo involontariamente, senza averlo odiato prima.” (Deuteronomio 19:4)

Tuttavia, chiunque abbia assassinato intenzionalmente qualcuno non ha il diritto di cercare rifugio in queste città; egli sarebbe stato rimosso con la forza per essere consegnato al vendicatore del sangue per morire della sua mano. Il deliberato spargimento di sangue innocente (omicidio) ha portato alla pena di morte.

“Il tuo occhio non avrà pietà di lui, ma rimuoverai da Israele la colpa di aver sparso sangue innocente, e così prospererai.” (Deuteronomio 19:13)

Scegliere un Santo Re d’Israele

“Quando entrate nella terra, il SIGNORE, il vostro Dio, vi dà e ne ha preso possesso e vi si è stabilito, e voi dite: ‘Costruiamo un re su di noi, come tutte le nazioni che ci circondano’”. (Deuteronomio 17:14)

In questa Parasha, Mosè prevede che un giorno un popolo vorrà che un re domini su di loro e non su una serie di giudici, quindi egli fornisce loro delle linee guida su come proteggere la loro santa chiamata in un tale sistema. Il re doveva essere un Israelita che non aveva accumulato molte mogli o una grande quantità di oro e argento. Egli doveva anche conoscere e usare gli insegnamenti della Torah come guida. Il re era obbligato a scrivere due Sifrei Torah (libri della Torah) e tenerli sempre con lui in modo che rimanesse umile (Deuteronomio 17:14-20).

Yeshua è stato riconosciuto come il re degli Ebrei, come è stato scritto sull’insegna posta sopra la sua testa alla sua esecuzione (Matteo 27:11, 37).

Adempì a tutti i requisiti delle scritture bibliche. Era un Israelita, un uomo che viveva l’umiltà e insegnava la Torah. Egli è stato la personificazione della santità. Secondo una profezia messianica, il Messia regnerà come Re sul trono del Suo antenato David con giustizia perfetta per sempre.

“Poiché un bambino ci è nato, un figlio ci è stato dato. Sulle sue spalle riposerà l’impero, e sarà chiamato Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre eterno. Principe della pace. Non ci sarà fine all’incremento del suo impero e pace sul trono di Davide e sul suo regno, per stabilirlo fermamente e rafforzarlo mediante il giudizio e la giustizia, ora e sempre. Questo farà lo zelo dell’Eterno degli eserciti”. (Isaia 9:6-7)

Anche se Egli regnerà fisicamente sulla Terra da Gerusalemme al Suo ritorno, il Suo regno è stabilito ora nei cuori di coloro che sono Suoi credenti. Quelli di noi che Lo seguono comprendono che Egli ci ha dato una visione chiara della Santità, portando l’osservanza della Torah nella sua pienezza. Poiché Egli ha reso nota la pienezza della legge, ognuno di noi dovrebbe vivere in rettitudine.

“Se conosci queste cose, sarai benedetto se le farai. (Giovanni 13:17)

Confidando in HaShem per la Vittoria

In questa Parasha, HaShem dà al popolo di Israele le leggi per condurre la guerra e mantenere la purezza nel campo. Mosè dice alla gente di non aver paura degli abitanti della Terra Promessa durante la battaglia; Adonai sarà con loro. Prima della battaglia, i Cohanim (sacerdoti) dovevano incoraggiare le truppe a fidarsi di Hashem.

“Così, quando sarete sul punto di dare battaglia, il sacerdote si farà avanti e parlerà al popolo e gli dirà: “Ascolta, Israele! Oggi voi state per dare battaglia ai vostri nemici; il vostro cuore non venga meno; non abbiate paura, non vi smarrite e non vi spaventate davanti a loro, perché l’Eterno, il vostro DIO, è colui che marcia con voi per combattere per voi contro i vostri nemici e per salvarvi”. (Deuteronomio 20:2-4)

Dobbiamo anche incoraggiare i giovani uomini e donne delle Forze di Difesa Israeliane a non temere i terroristi Palestinesi o i vasti eserciti Islamici. Proprio come nei tempi antichi, questi coraggiosi soldati Israeliani non entrano in battaglia da soli ma con HaShem dalla loro parte per dare loro la vittoria contro i loro nemici. Possiamo anche essere certi che non importa quale battaglia possiamo affrontare, HaShem è con noi e ci farà camminare in trionfo nel Messia Yeshua.

“Or sia ringraziato Dio il quale ci fa sempre trionfare in Cristo e attraverso noi manifesta in ogni luogo il profumo della sua conoscenza.” (2 Corinzi 2:14)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s