Torah Portion Eikev / Porzione di Torah Eikev

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Parasha (Torah Portion), which is called Eikev (Because). We are sure that you will  enjoy this portion of the Biblical Scripture that will be read during the morning services this Shabbat (Saturday) in all Messianic Congregations and Synagogues around the world.

eikev

EIKEV (Because)

Torah Portion: Deuteronomy 7:12-11:25

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 49:14-51:3

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): John 14:1-31, Romans 8:31-39

Because [eikev] you listen to these rules and keep and do them, the Lord your God will keep with you the covenant and the steadfast love that He swore to your fathers. He will love you, bless you, and multiply you.” (Deuteronomy 7:12-13)

Last week, in Parasha Va’etchanan, Moses predicted that the people in future generations would be exiled from the Promised Land and scattered among the nations because they would turn from God and worship idols. But Moses also foresaw that in the last days they would once again seek Him and obey His commandments.

The title of this week’s Parasha, Eikev, means because. It is used in this Parasha as a conjunction to create a relationship between experiencing God’s blessings and obedience to His Torah. In connection with this, the Haftarah portion this week contains an important prophecy that provides us with added insight into how to walk in the blessings of Adonai, through faith and obedience.

These three, faith, obedience, and blessings, are seen operating in our forefather Abraham, who first believed and then out of faith, obeyed God and was circumcised.

Abraham exemplified the concept that obedience is more than exercising our will over our own flesh; it is faith in action. Out of his faith flowed obedience to God.

In Genesis 15:6, we see that his faith was counted to him as righteousness, and the ancient Hebrew prophet Yeshayahu (Isaiah) beckons us to look to Abraham, our father of faith. We are to be like him; putting faith into action. Then we, too, will experience the blessings that flow from obedience.

“Listen to me, you pursuers of justice, you who seek ADONAI: consider the rock from which you were cut, the quarry from which you were dug, consider Abraham your father and Sarah, who gave birth to you …” (Isaiah 51:1-2)

Eikev: The Heel of Messiah

The word eikev comes from the verb akav, which means to take by the heel. Similarly, the Hebrew noun akev means heel, as in the heel of a foot. All of these words share the root letters ayin-kof-vet.

Ancient Jewish sages interpreted this dual meaning of ayin-kof-vet to refer to the generation of the “heels of Mashiach (Messiah).”

cloaked-in-light-tallit.jpg

The last generation of the Exile is called Ikvata d’Meshichah or the Heels of Messiah, since that generation is expected to hear the footsteps of the Messiah. The word akev is first used in Genesis in an important prophecy: the seed of Chava (Eve) will eventually crush the head of the serpent.

“And I will put enmity between you [the serpent] and the woman, and between your offspring and hers; He will crush your head, and you will strike His heel [akev].” (Genesis 3:15)

This is the first Messianic prophecy in the Bible. From it we understand that the enemy would attempt to strike at the heel of the Messiah; instead however, our Messiah would crush the enemy’s head and destroy the works of the devil.

“The one who does what is sinful is of the devil, because the devil has been sinning from the beginning. The reason the Son of God appeared was to destroy the devil’s work.” (1 John 3:8)

The Promised Land

In today’s climate of rekindled anti-Semitism, many consider it factually or politically incorrect to refer to Israel as the land promised to the Jewish people. The Word of God has no such limitation.

God is Lord of all the earth, but the land of Israel is unique among the nations; it is not like any other nation of the earth. It is a land that God cares for and watches over continually.

“The land you are crossing over to take possession of is a land of hills and valleys, which soaks up water when rain falls from the sky. It is a land Adonai your God cares for. The eyes of Adonai your God are always on it, from the beginning of the year to the end of the year.” (Deuteronomy 11:11-12)

In Parasha Eikev, Moses is continuing his closing address to the Israelites before they cross the Jordan River (which he began at the beginning of Deuteronomy). He tells them that if they are obedient to the Torah, they will prosper in the land they are about to conquer.

The people are to possess the land and not fear the nations living there because God would expel them.

“You are to devour all the peoples that Adonai your God hands over to you … nevertheless, you are not to be afraid of them; you are to remember well what Adonai your God did to Pharaoh and all of Egypt… You are not to be frightened of them, because Adonai your God is there with you, a God great and fearsome. Adonai your God will expel those nations ahead of you little by little.” (Deuteronomy 7:16-22)

Even today, Israel is not to fear the people in the land, for our God is with us to help us, just as He helped us in ancient times in Egypt and in Israel. Although Hamas and other terrorist organizations have engaged in brutal battles to take the land from the Jewish people, the soldiers of the Israeli Defense Forces bravely risk their lives to restore the security of the land given to the Jewish people.

While Israel’s enemies might vastly outnumber her, the Word of God promises that He will watch over her day and night. “He who keeps Israel neither slumbers nor sleeps.” (Psalm 121:4)

The plan to destroy Israel is of the enemy, and all those who make themselves God’s enemies will find themselves under the feet of Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah). (Psalm 110:1; Hebrews 10:13)

There are those who are not prepared to hear the Biblical truth that God has given the land of Israel to the Jewish people, but those who know their God will stand firmly upon the Rock of God’s Word.

Turning to the Source of Blessing

“I raise my eyes to the hills, from where will my help come? My help comes from Adonai, the maker of heaven and earth.” (Psalm 121:1-2) 

In Israel today, the terrible struggle against terrorism has caused many of God’s people to turn their hearts toward Him as they search for help and victory.

Throughout the history of Israel, however, we see over and over again that when God blessed the Jewish people, many soon forgot Him as the source of their blessing and turned away from their devotion and obedience to Adonai.

God said of Gomer, the unfaithful wife of the prophet Hosea, “She doesn’t know it was I who gave her the grain, the wine and the oil; I who increased her silver and gold, which they used for Ba’al.” (Hosea 2:8)

We must always remember that when we prosper in the land that He gives us, it is God who is the source of our every blessing. We should never let pride rise in our hearts and think that our own abilities are the source of all that we have and enjoy. If we understand that what we have has been given to us by God, we are more likely to maintain an attitude of gratitude, and to be good stewards, using our blessings in a way that pleases God. 

Each of us today should consider Moses’ warning to the people of Israel: “You will think to yourself, ‘My own power and the strength of my own hand have gotten me this wealth.’ No, you are to remember Adonai your God, because it is He who is giving you the power to get wealth, in order to confirm His covenant, which He swore to your ancestors, as is happening even today.” (Deuteronomy 8:17-18)

God gives us the power to get wealth in order to confirm His covenant. And though it is obedience that releases the blessings of God, He is not so much after our obedience as He is our hearts. True obedience begins with love for God and faith in His character.

Therefore, even more than the physical circumcision of covenant, which is of course important, God desires that each one of us be circumcised in our hearts. We cannot only change outwardly, putting on a show of religion, character, or purity; we must change inwardly, becoming soft, pliable clay in the Potter’s hands.

“Circumcise the foreskin of your heart; and don’t be stiff-necked any longer!” (Deuteronomy 10:16)

God promises Israel that the rewards of love and obedience are great. He will drive the nations out of the Promised Land and give the Israelites success against those who are more powerful than they.

If we will love the Lord our God and cling to Him and keep His mitzvot  (commandments), then He will faithfully care for us and protect us. What a wonderful assurance we have of His love.

“For if you will take care to obey all these commandments [mitzvot] I am giving you, to do them, to love Adonai your God, to follow all His ways and to cling to Him, then Adonai will expel all these nations ahead of you; and you will dispossess nations bigger and stronger than you are.” (Deuteronomy 11:22-23)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. 

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

 

Benvenuti alla Parasha di questa settimana (Porzione di Torah), chiamata Eikev   (Perché). Siamo certi che vi piacerà questa parte della Scrittura Biblica che verrà letta durante i Culti mattutini di questo Shabbat (Sabato) nelle congregazioni Messianiche e sinagoghe di tutto il mondo.

 

EIKEV (Perché) 

Porzione di Torah: Deuteronomio 7:12-11:25 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 49:14-51:3 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Giovanni 14:1-31, Romani 8:31-39 

Perché [Eikev] voi darete ascolto a queste leggi, e le osserverete e metterete in pratica, l’Eterno, il vostro DIO, manterrà con te il patto e la benignità che ha giurato ai tuoi padri. Egli ti amerà, ti benedirà e ti moltiplicherà, e benedirà il frutto del tuo grembo e il frutto del tuo suolo, il tuo frumento, il tuo mosto e il tuo olio, i parti delle tue vacche e delle tue pecore nel paese che giurò ai tuoi padri di darti.” (Deuteronomio 7:12-13)

La scorsa settimana, nella Parasha Va’etchanan, Mosè ha predetto che il popolo delle generazioni future sarebbe stato esiliato dalla Terra Promessa e disperso tra le nazioni perché si sarebbero allontanati da Adonai e avrebbero adorato gli idoli. Ma Mosè previde anche che negli ultimi giorni essi avrebbero di nuovo cercato Adonai e obbedito ai Suoi comandamenti. Il titolo della Parasha di questa settimana, Eikev, significa perché. È usato in questa Parasha come congiunzione per creare una relazione tra sperimentare le benedizioni di HaShem e l’obbedienza alla Sua Torah. In relazione a ciò, la porzione profetica della Haftarah di questa settimana contiene un’importante profezia che ci fornisce un’ulteriore intuizione su come camminare nelle benedizioni di Adonai, attraverso la fede e l’obbedienza.

Questi tre, fede, obbedienza e benedizioni, sono visti operare nel nostro antenato Abramo, che per primo credette e poi per fede, ubbidì ad HaShem e fu circonciso. Abraham esemplifica il concetto che l’obbedienza è più che esercitare la nostra volontà sulla nostra stessa carne; è la fede nell’azione. Dalla sua fede fluiva l’obbedienza a Hashem. In Genesi 15:6, vediamo che la sua fede era considerata da lui come giustizia, e l’antico profeta Ebraico Yeshayahu (Isaia) ci invita a guardare ad Abrahamo, nostro padre di fede. Dobbiamo essere come lui; mettere la fede in azione. Allora anche noi sperimenteremo le benedizioni che scaturiscono dall’obbedienza.

“Ascoltatemi, voi che perseguite la giustizia e cercate l’Eterno! Guardate alla roccia da cui siete stati tagliati e alla buca della cava da cui siete stati cavati. Guardate ad Abrahamo vostro padre e a Sara che vi ha partorito, perché lo chiamai quando era solo, lo benedissi e lo moltiplicai.” (Isaia 51:1-2)

Eikev: Il Tallone del Messia

 

La parola eikev viene dal verbo akav, che significa prendere per il tallone. Allo stesso modo, il nome Ebraico Akev sta per tacco, come a puntare al tallone di un piede. Tutte queste parole condividono le lettere radice ayin-kof-vet. Gli antichi saggi Ebrei interpretarono questo duplice significato di ayin-KOF-vet per riferirsi alla generazione dei “talloni di Mashiach (Messia)”. L’ultima generazione dell’esilio è chiamato Ikvata d’Meshichah o il Talone del Messia, poiché ci si aspetta che questa generazione che segua le orme del Messia. La parola Akev viene usata per la prima volta in Genesi in un’importante profezia: il seme di Chava (Eva) finirà per schiacciare la testa del serpente.

 

“E io porrò inimicizia fra te e la donna e fra il tuo seme e il seme di lei; esso ti schiaccerà il capo, e tu batterai il suo tallone [akev].” (Genesi 3:15)

 

Questa è la prima profezia messianica nella Bibbia. Da essa capiamo che il nemico cercherà di colpire il tallone del Messia; invece, il nostro Messia ha schiacciato la testa del nemico e distrutto le opere del diavolo per sempre.

 

“Chiunque commette il peccato è dal diavolo, perché il diavolo pecca dal principio; per questo è stato manifestato il Figlio di Dio: per distruggere le opere del diavolo”. (1 Giovanni 3:8)

 

La Terra Promessa

 

Nel clima odierno di un antisemitismo riacceso, molti considerano politicamente scorretto il riferirsi a Israele come la Terra Promessa al popolo Ebraico. La Parola di HaShem non ha questa limitazione. HaShem è il Signore di tutta la terra, ma la terra di Israele è unica tra le nazioni; non è come qualsiasi altra nazione della terra. È di lei che HaShem si prende cura e su cui veglia continuamente.

“Ma il paese che state per entrare ad occupare è un paese di monti e di valli, che beve l’acqua della pioggia che viene dal cielo: un paese del quale l’Eterno, il tuo DIO, ha cura e sul quale stanno del continuo gli occhi dell’Eterno, il tuo DIO, dall’inizio dell’anno fino alla fine.” (Deuteronomio 11:11-12)

Nella Parasha Eikev, Mosè continua il suo discorso di chiusura agli Israeliti prima che attraversino il fiume Giordano (che è iniziato all’inizio del Deuteronomio). Dice loro che se obbediscono alla Torah, prospereranno nella terra che stanno per conquistare. Il popolo deve possedere la terra e non temere le nazioni che vivono lì perché HaShem le espelle. 

“Sterminerai dunque tutti i popoli che l’Eterno, il tuo DIO, sta per dare in tuo potere; il tuo occhio non abbia pietà di loro, e non servire i loro dei, perché ciò sarebbe per te un laccio. In cuor tuo potresti dire: “Queste nazioni sono più numerose di me; come riuscirò io a scacciarle?”. Non temerle, ma ricordati di ciò che l’Eterno, il tuo DIO, fece al Faraone e a tutti gli Egiziani; ricordati delle grandi prove che vedesti con i tuoi occhi, dei segni e dei prodigi, della mano potente e del braccio steso con i quali l’Eterno, il tuo DIO, ti fece uscire dall’Egitto; così farà l’Eterno, il tuo DIO, a tutti i popoli dei quali hai paura. Inoltre, l’Eterno, il tuo DIO, manderà contro di loro i calabroni, finché quei che sono rimasti e quei che si sono nascosti per paura di te siano periti”. (Deuteronomio 7:16-22) 

Ancora oggi, Israele non deve temere alcuno nella Terra Promessa, poiché il nostro HaShem è con noi per aiutarci, proprio come ci ha aiutato nei tempi antichi in Egitto e in Israele. Sebbene Hamas e altre organizzazioni terroristiche si siano impegnate in brutali battaglie per prendere la terra dal popolo Ebraico, i soldati delle Forze di Difesa Israeliane coraggiosamente rischiano la vita per ripristinare la sicurezza della terra data al popolo Ebreo ogni giorno. Mentre i nemici di Israele potrebbero ampiamente sottostimarla, la Parola di HaShem promette che Egli veglierà su Israele giorno e notte.

 

“Ecco, colui che protegge Israele non sonnecchia e non dorme”. (Salmo 121:4)

 

Il piano per distruggere Israele è del nemico, e tutti quelli che si fanno nemici di HaShem si troveranno sotto i piedi di Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia). (Salmo 110:1, Ebrei 10:13) Ci sono quelli che non sono preparati ad ascoltare la verità Biblica per cui HaShem ha dato la terra di Israele al popolo Ebreo, ma quelli che conoscono HaShem saranno fermi sulla Roccia della Parola di HaShem.

 

Passando alla Fonte della Benedizione 

“Canto dei pellegrinaggi” Io alzo gli occhi ai monti: da dove mi verrà l’aiuto? Il mio aiuto viene dall’Eterno, che ha fatto i cieli e la terra.” (Salmo 121:1-2) 

Oggi in Israele, la terribile lotta contro il terrorismo ha spinto molti del popolo di HaShem a volgere il loro cuore verso di Lui mentre cercano aiuto e vittoria in Lui. Nel corso della storia di Israele, tuttavia, vediamo più e più volte che quando HaShem ha benedetto il popolo di Israele, molti presto lo hanno dimenticato dall’essere fonte della loro benedizione e si sono allontanati dalla loro devozione e obbedienza ad HaShem. HaShem ha detto di Gomer, la moglie infedele del profeta Osea, “Essa non riconobbe che io le davo grano, mosto e olio e accrescevo il suo argento e oro, che essi offrivano a Baal.” (Osea 2:8)

 

Dobbiamo sempre ricordare che quando prosperiamo nella terra che Egli ci dà, è HaShem che è la fonte di ogni nostra benedizione. Non dovremmo mai farci possedere dall’orgoglio nei nostri cuori e pensare che le nostre capacità siano la fonte di tutto ciò che abbiamo e di cui godiamo. Se comprendiamo che ciò che ci è stato dato è da HaShem, siamo più propensi a mantenere un atteggiamento di gratitudine e ad essere buoni amministratori, usando le nostre benedizioni in un modo che piaccia ad HaShem. Ognuno di noi oggi dovrebbe considerare l’avvertimento di Mosè al popolo di Israele: “Guardati dunque dal dire nel tuo cuore: “La mia forza e la potenza della mia mano mi hanno procurato queste ricchezze”. Ma ricordati dell’Eterno, il tuo DIO, perché è lui che ti dà la forza per acquistare ricchezze, per mantenere il patto che giurò ai tuoi padri come è oggi”. (Deuteronomio 8:17-18)

 

HaShem ci dà il potere di ottenere ricchezza per confermare la Sua alleanza. E sebbene sia l’obbedienza a rilasciare le benedizioni di HaShem, Egli oltre alla nostra obbedienza chiede il nostro cuore. La vera obbedienza inizia con l’amore per HaShem e la fede in Lui. Pertanto, anche più della circoncisione fisica dell’alleanza, che è ovviamente importante, HaShem desidera che ognuno di noi sia circonciso nei nostri cuori. Non possiamo solo cambiare esteriormente, indossare la nostra religiosa affezione, carattere o purezza; dobbiamo cambiare interiormente, diventare argilla morbida e flessibile nelle mani del vasaio.

 

“Circonciderete perciò il prepuzio del vostro cuore e non indurite più il vostro collo!” (Deuteronomio 10:16)

 

HaShem promette ad Israele che i benefici dell’amore e dell’obbedienza sono grandi. HaShem condurrà nuovamente il Suo popolo dalle nazioni verso la terra di Israele e darà il successo agli Israeliti contro coloro che sono più potenti di loro. Se ameremo HaShem, se ci aggrapperemo a Lui e manterremo le Sue mitzvot (comandamenti), allora Egli si prenderà cura di noi e ci proteggerà. Che meravigliosa sicurezza abbiamo del Suo amore.

 

“Poiché, se osservate diligentemente tutti questi comandamenti che io vi ordino di mettere in pratica, amando l’Eterno, il vostro DIO, camminando in tutte le sue vie e tenendovi stretti a lui, l’Eterno scaccerà davanti a voi tutte quelle nazioni e voi v’impadronirete di nazioni più grandi e più potenti di voi.”  (Deuteronomio 11:22-23)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s