Torah Portion Va’etchanan / Porzione di Torah Va’etchanan

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Because this Shabbat follows the fast day on the 9th of Av (Tisha B’Av) when the First and Second Temples were destroyed, this week’s Torah Portion has a special name:  Shabbat Nachamu (Sabbath of Comfort).

This name comes from the first lines of the Haftarah (prophetic portion) read on this day, which begins, “Comfort, oh comfort My people, says your God.”

Today, the 15th of Av, is traditionally considered to be a day of comfort for Israel in history. 

For example, it is believed the first generation of Israelites had stopped dying and the new generation were now ready to enter the Promised Land, which we will read a little about in this Torah portion.

Parasha Va’etchanan (And I Pleaded)

Torah Portion Va_etchanan

Torah Portion: Deuteronomy 3:23-7:11

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 40:1-26

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Matthew 23:31-39, Mark 12:28-34, John 10:1-42

“Then I pleaded [va’etchanan] with the Lord at that time, saying: ‘O Lord God, You have begun to show Your servant Your greatness and Your mighty hand, for what god is there in heaven or on earth who can do anything like Your works and Your mighty deeds?” (Deuteronomy 3:23-24)

In last week’s Torah portion, Devarim, the Israelites stood poised at the edge of the Promised Land, on the east side of the Jordan, ready to cross over and possess the land.  

Before they crossed, Moses summarizes for the people their 40-year history of wandering in the wilderness.

Included in this week’s Parasha are several of the best known and fundamental passages of Scripture in the entire Tanakh (Old Testament), including the Ten Commandments and the Shema (Listen! or Hear and Do!), a call in Deuteronomy 6:4-9 to love the one true God with all our being.

This passage also exhorts us to pass on our faith to the next generation by faithfully teaching the Torah to our children.

Shema, Yisra’el! Adonai Eloheinu, Adonai echad [Hear, Isra’el! Adonai our God, Adonai is one]; and you are to love Adonai your God with all your heart, all your soul and all your strength.” (Deuteronomy 6:4-5)

This is the first prayer spoken in the morning and the last said in the evening before sleep. It is often the final prayer on the lips of a Jewish person on their deathbed, and it has been uttered by many Jewish martyrs as they gave up their spirits to the Lord.

These verses of Scriptures are so central to Judaism that they are written on a parchment and placed in a small box worn on the forehead called tefillin (phylacteries) and also in small, decorated boxes called mezuzot (plural of mezuzah) on the doorposts of Jewish homes.

This is done in literal fulfillment of commands found in this week’s Parasha: “Tie them as symbols on your hands and bind them on your foreheads. Write them on the door frames of your houses and on your gates.” (Deuteronomy 6:8-9)

Preparing the Next Generation

This week’s Torah portion begins with Moses reminding the people of how he pleaded with God for the privilege of entering the Promised Land, but God refused to grant his request.

Moses would not enter the Promised Land because he disobediently struck the rock twice in the wilderness of Zin, instead of speaking to it as God had commanded. (Numbers 20) This happened when the nation’s water well dried up after his sister Miriam died. Moses and Aaron prayed about the situation, and God told Moses to give the people water by speaking to the rock.

But Moses, who was angry with the people for their whining, called the people rebels and implied that it was he and Aaron who were providing for them.

Some have suggested that speaking to the rock might have symbolized speaking God’s Word (as given to Moses), and striking the rock may have represented Moses’ effort.

Though Moses and Aaron were called to lead the Israelites, performing many signs and wonders, it was God who was providing for them, miraculously supplying life-giving water when necessary.

As a result, God told Moses and Aaron, “Because you did not trust in Me enough to honor Me as holy in the sight of the Israelites, you will not bring this community into the land I give them.” (Numbers 20:12)

Rabbinic tradition says that Moses begged God 515 times, (taken from the gematria or numerical value of the word va’etchanan). Moses tells the people how he asked God, “‘Let me go over and see the good land beyond the Jordan, that fine hill country and Lebanon.’ But because of you the Lord was angry with me and would not listen to me. ‘That is enough,’ the Lord said. ‘Do not speak to Me anymore about this matter.’” (Deuteronomy 3:25-26)

God said, “No.”

Although Moses would get a glimpse of the land of promise, he would be among those of his generation who would die in the wilderness because of their sins.

His successor, Joshua, would cross over the Jordan with the new generation of Israelites who would conquer the land. “But commission Joshua, and encourage and strengthen him, for he will lead this people across and will cause them to inherit the land that you will see.” (Deuteronomy 3:28)

joshua-to-succeed-moses
Joshua to Suceed Moses

Joshua, whose Hebrew name is Yehoshua (the Lord is Salvation), takes the people into the Promised Land, where they will take hold of all that God has promised.

He is a type of the Messiah. Yeshua (which is a form of the name Yehoshua) will one day take His people into the true promised land of Heaven where we will not perish but inherit eternal life. We can learn a lesson from Moses remaining on the other side of the Jordan.

There are times when, despite our earnest begging and pleading, God in His perfect wisdom, justice, and mercy simply says “no,” and that is the end of the matter. God may even ask us to encourage someone in the next generation who will carry the torch further than we have, and we need to accept this decision with a grace born of humility.

El Kanah: The Jealous God

Before Moses surrenders the leadership of Israel to Joshua, he exhorts the people to keep God’s Torah and to live in obedience to God’s ways so that they may take possession of the land. He tells them: “Now, Israel, listen to the laws and rulings I am teaching you, in order to follow them, so that you will live; then you will go in and take possession of the land that Adonai, the God of your fathers, is giving you.” (Deuteronomy 4:1)

Moses reminds the children of Israel how they stood at the foot of Mount Sinai and received the Ten Commandments. He warns them not to forget the Torah of God and to diligently teach God’s commandments to their children and grandchildren.

In telling them this, he reminds them three times that God spoke from the fire at Sinai in which He did not have a form. Therefore, because they saw no image of God, they are not to carve for themselves images of God, which is detrimental to faith, nor of other gods, which is idolatry. This prohibition of making carved images is accompanied by the warning that God is a consuming fire: “Watch out for yourselves, so that you won’t forget the covenant of Adonai your God, which He made with you, and make yourself a carved image, a representation of anything forbidden to you by Adonai your God. For Adonai your God is a consuming fire, a Jealous God [El Kanah].” (Deuteronomy 4:23-24)

The name of God used in this verse is El Kanah (Jealous God). This name is also mentioned elsewhere in this Parasha in Deuteronomy 5:9, 6:15, and in Exodus 34:14 (see also 1 Kings 19:10 and 14 in which kanah is often translated as zealous).

The names and titles of God declare to the world who He is. They also answer our deepest questions regarding our relationship to God.

The name El Kanah reveals that God is protective of His people and His relationship with them. In the same way that the relationship between a husband and a wife is sacred, He will not share our praise and devotion with other gods. In fact, the covenant God made with Israel at Mount Sinai is likened to a marriage ceremony.

It is complete with the cloud covering symbolizing the chuppah (marriage canopy) and the ketubah (marriage contract), outlining the responsibilities and privileges of both bride and bridegroom and the agreed-upon vows.

Chuppah-1-Trent-Bailey-Photography
Chuppah

God is, therefore, asking His people to be faithful unto Him, forsaking all other gods. All forms of idolatry and worship of false gods is “spiritual adultery” and can be likened to an unfaithful spouse.

The Lord lovingly and faithfully watches over His Bride, and jealously guards her, like a passionate husband protecting His bride.

Unfaithfulness and Exile

“Adonai will scatter you among the peoples; and among the nations to which Adonai will lead you away, you will be left few in number.” (Deuteronomy 4:27)

In this Parasha, Moses prophesies the tragic consequence of Israel straying from their devotion to God and turning to idols: they would be sent into exile (galut) and scattered to the four corners of the earth.

This is exactly what happened when the Babylonians and the Romans destroyed the Holy Temple and Jerusalem. However, God is merciful; He promised that if the people would repent and turn back to Him with all of their heart and soul, then He would relent and bring them back to the land.

Indeed, in fulfillment of a great number of prophecies, including those of Moses, the Lord did bring His people home from Babylon. And in these last days, He is once again bringing His people home.

“In your distress, when all these things have come upon you, in the last days [acharit-hayamim], you will return to Adonai your God and listen to what He says; for ADONAI your God is a merciful God. He will not fail you, destroy you, or forget the covenant with your ancestors which He swore to them.” (Deuteronomy 4:30-31)

This miracle has happened in our very generation as Jewish people are returning to the land of our forefathers from the north, south, east, and west. It is not because of our righteousness that we have come back to the land, but because of the covenant God made with our ancestors.

Haftarah Va’etchanan: Comfort My People

This week’s Haftarah (prophetic portion) is the first of a series of seven special Haftarot of Consolation that begin on the Shabbat following Tisha B’Av and continue until Rosh Hashanah (Jewish New Year).

These seven Haftarot follow three special Haftarot called the “Three of Rebuke,” which were read from Tammuz 17 to Av 9, the three weeks during which we mourn the destruction of the Temple and the onset of the exile of the Jewish people.

Isaiah 40 opens with a word of comfort to those who are in exile in Babylon and to the destroyed city of Jerusalem: “Comfort, comfort My people, says your God. Speak tenderly to Jerusalem, and proclaim to her that her hard service has been completed, that her sin has been paid for, that she has received from the Lord’s hand double for all her sins.” (Isaiah 40:1-2)

This week’s Divine consolation to the people of Israel declares reconciliation, restoration, national renewal, and hope: “A voice cries: ‘In the wilderness prepare the way of the LORD; make straight in the desert a highway for our God. Every valley shall be lifted up, and every mountain and hill be made low; the uneven ground shall become level, and the rough places a plain. And the glory of the LORD shall be revealed, and all flesh shall see it together, for the mouth of the LORD has spoken.’” (Isaiah 40:3-5)

This prophecy of Isaiah would likely have been understood by the Israelites as an allusion to the ancient practice of eastern monarchs sending harbingers before them to prepare the way, leveling roads and removing impediments for the king.  

Just as these monarchs prepared the way before themselves, God prepared the way before the Jewish slaves in Egypt, leading them to their Promised Land. He would prepare the way again before the Jewish exiles in Babylon, leading them home. And He has prepared the way again, leading the Jews scattered throughout the nations (the Diaspora) back to a restored land of Israel. This passage also speaks of the future manifestation of the Lord before the world, in which people would be led out of bondage to sin and into the Kingdom of Heaven.

God confirms the trustworthiness of this promise, stating that while all flesh is like grass, God’s Word stands firm forever. God is watching over His Word to perform it, and His promise to restore and save Israel is reliable and can be trusted by all. Only God’s Word can restore what seems unrestorable, reconcile what seems irreconcilable, and comfort those who are without comfort.

The greatest comfort any Jewish person can receive is the security in knowing that their sins have been paid for once and for all by Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah).

“Comfort, comfort My people, says your God. Speak tenderly to Jerusalem, and proclaim to her that her hard service has been completed, that her sin has been paid for, that she has received from the Lord’s hand double for all her sins.” (Isaiah 40:1-2)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. 

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Poiché questo Shabbat segue il giorno del 9° di Av (Tisha B’Av) in cui il Primo e il Secondo Tempio sono stati distrutti, la porzione di Torah di questa settimana ha un nome speciale: Shabbat Nachamu (Sabato di Conforto). Questo nome deriva dalle prime righe dell’Haftarah (Porzione Profetica) letta in questo giorno, che inizia, dicendo “Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro DIO”.

Oggi, il 15 di Av, è tradizionalmente considerato un giorno di conforto per Israele nella storia. Ad esempio, si ritiene che la prima generazione di Israeliti sia morta definitivamente e che le nuove generazioni siano ora pronte per entrare nella Terra Promessa, di cui leggerete un po’ in questa porzione della Torah. 

Vi invitiamo quindi a leggere insieme a noi il sermone di questa settimana; sappiamo che sarete benedetti!

Parasha Va’etchanan (e Io Supplico)

Porzione di Torah: Deuteronomio 3:23-7:11 

Porzione di Haftarah (Parte Profetica): Isaia 40:1-26

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Matteo 23:31-39, Marco 12:28-34, Giovanni 10:1-42

“In quel medesimo tempo, io supplicai [va’etchanan] l’Eterno, dicendo: “O Signore, o Eterno, tu hai cominciato a mostrare al tuo servo la tua grandezza e la tua mano potente; poiché qual è il dio in cielo o sulla terra, che possa fare le opere e i portenti simili a quelli che fai tu?” (Deuteronomio 3:23-24)

Nella porzione della Torah della scorsa settimana, Devarim, gli Israeliti erano ai margini della Terra Promessa, sul lato orientale del Giordano, pronti ad attraversare e possedere la terra. Prima di attraversare il Giordano, Mosè riassume al popolo di Israele la loro storia di 40 anni di peregrinazione nel deserto. Inclusi nella Parasha di questa settimana sono alcuni dei passaggi più noti e fondamentali della Scrittura nell’intero Tanakh (Antico Testamento/Antico Patto), inclusi i Dieci Comandamenti e lo Shema (Ascolta! O Ascolta e fai!), una chiamata in Deuteronomio 6:4-9 ad amare l’unico vero Dio con tutto il nostro essere. Questo passaggio ci esorta anche a trasmettere la nostra fede alla prossima generazione insegnando fedelmente la Torah ai nostri figli.

Shema, Yisrael! Adonai Eloheinu, Adonai Echad [Ascolta, Israele! Adonai nostro Dio, Adonai è uno]; Tu amerai dunque Eterno, il tuo DIO, con tutto i tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza.” (Deuteronomio 6:4-5)

Questa è la prima preghiera parlata al mattino e l’ultima detta la sera prima del sonno. Spesso lo Shema è la preghiera finale sulle labbra di una persona Ebrea sul letto di morte, ed è stata pronunciata da molti martiri Ebrei mentre abbandonavano il loro spirito al Signore. Questi versetti della Scrittura sono così centrali per il Giudaismo che essi sono scritti su una pergamena e collocati in una piccola scatola indossata sulla fronte chiamata tefillin (filatteri) e anche in piccole scatole decorate chiamate mezuzot (plurale di mezuzah) poste sugli stipiti delle case degli Ebrei. Questo versetto in Israele e nella diaspora per gli Ebrei Ortodossi è eseguito nell’adempimento letterale dei comandi trovati nella Parasha di questa settimana:  “Le legherai come un segno alla mano, saranno come fasce tra gli occhi, e le scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.” (Deuteronomio 6:8-9)

Preparare la Prossima Generazione

La porzione della Torah di questa settimana inizia con Mosè che ricorda alla gente di come egli abbia implorato HaShem per avere il privilegio di entrare nella Terra Promessa, ma HaShem ha rifiutato di concedergli questa richiesta. Mosè non sarebbe entrato nella Terra Promessa perché egli aveva, disobbedendo, colpito la roccia due volte nel deserto di Zin, invece di parlargli come HaShem aveva lui comandato. (Numeri 20) Questo accadde quando l’acqua che HaShem provvedeva ad Israele si era asciugata dopo che sua sorella Miriam morì. Mosè e Aronne pregarono per la situazione e HaShem disse a Mosè di dare acqua al popolo parlando alla roccia. Ma Mosè, che era arrabbiato con il popolo di Israele per il loro piagnisteo, chiamò il popolo, un popolo di ribelli e sottintese che erano lui e Aaron a provvedere a loro.

Alcuni hanno suggerito che parlare alla roccia avrebbe potuto simboleggiare la Parola di HaShem (come data a Mosè), e colpire la roccia potrebbe aver rappresentato lo sforzo di Mosè. Sebbene Mosè e Aronne fossero chiamati a guidare gli Israeliti, compiendo molti segni e prodigi, era HaShem che provvedeva a loro, fornendo miracolosamente acqua vitale quando necessario. Di conseguenza, HaShem disse a Mosè e ad Aaronne, “Allora l’Eterno disse a Mosè e ad Aaronne: ‘Poiché non avete creduto in me per dare gloria a me agli occhi dei figli d’Israele, voi non introdurrete questa assemblea nel paese che io ho dato loro’”. (Numeri 20:12)

La tradizione rabbinica dice che Mosè supplicò HaShem 515 volte (tratto dalla gematria o dal valore numerico della parola va’etchanan). Mosè dice alla gente come lo ha chiesto ad HaShem, “Deh, lasciami passare il Giordano per vedere il bel paese che è al di là del Giordano, la bella regione montuosa e il Libano”. Ma l’Eterno si adirò contro di me per causa vostra, e non mi esaudì. Così l’Eterno mi disse: “Basta così; non parlarmi più di questa cosa.” (Deuteronomio 3:25-26)

HaShem disse: “No.”

Anche se Mosè avrebbe potuto vedere da lontano la Terra Promessa, egli sarebbe stato tra quelli della sua generazione che sarebbero morti nel deserto a causa dei loro peccati. Il suo successore, Giosuè, avrebbe attraversato il Giordano con la nuova generazione di Israeliti che avrebbero conquistato la Terra Promessa.

“Ma da’ ordini a Giosuè, fortificalo e incoraggialo, perché lui passerà il Giordano alla testa di questo popolo e metterà Israele in possesso del paese che vedrai.” (Deuteronomio 3:28)

Giosuè, il cui nome Ebraico è Yehoshua (il Signore è Salvezza), porta il popolo nella Terra Promessa, dove prenderà possesso di tutto ciò che HaShem ha promesso. Il Messia Yeshua (di cui Yehoshua è il nome in Ebraico) un giorno porterà il Suo popolo nella vera Terra Promessa del Cielo dove non moriremo, ma erediteremo la vita eterna. Possiamo imparare una lezione da Mosè che rimane dall’altra parte del Giordano.

Ci sono momenti in cui, nonostante la nostra sincera elemosina e supplica, HaShem nella Sua perfetta saggezza, giustizia e misericordia dice semplicemente “no”, e questa è la fine della questione. HaShem potrebbe persino chiederci di incoraggiare qualcuno nella prossima generazione a portare la torcia più in là di noi, e dobbiamo accettare questa decisione con una grazia nata dall’umiltà.

El Kanah: HaShem è un Dio Geloso

Prima che Mosè consegnasse la guida di Israele a Giosuè, egli esorta il popolo a mantenere la Torah di HaShem e a vivere in obbedienza alle vie di HaShem in modo che possano prendere possesso della terra. Lui dice loro: “Ora dunque, o Israele, da’ ascolto agli statuti e ai decreti che vi insegno, perché li mettiate i pratica, affinché viviate ed entriate in possesso del paese che l’Eterno, il DIO dei vostri padri, vi dà.” (Deuteronomio 4:1)

Mosè ricorda ai figli di Israele come stavano ai piedi del Monte Sinai e ricevevano i Dieci Comandamenti. Li avverte di non dimenticare la Torah di HaShem e di insegnare diligentemente i comandamenti di HaShem ai loro figli e nipoti. Nel dirglielo, egli ricorda loro tre volte che HaShem ha parlato dal fuoco del Sinai in cui non aveva una forma. Pertanto, poiché essi non hanno visto alcuna immagine di HaShem, non devono ritagliarsi immagini di HaShem, che è dannoso per la fede, né di altri dei, che è l’idolatria. Questo divieto di creare immagini scolpite è accompagnato dall’avvertimento che HaShem è un fuoco consumante: “Guardatevi dal dimenticare il patto che l’Eterno, il vostro DIO, ha stabilito con voi, e dal farvi alcuna immagine scolpita nella forma di qualsiasi cosa che l’Eterno, il tuo DIO, ti abbia proibita. Poiché l’Eterno, il tuo DIO, è un fuoco consumante, un Dio geloso [El Kanah].” (Deuteronomio 4:23-24)

Il nome di HaShem usato in questo verso è  El Kanah (Dio geloso). Questo nome è anche menzionato altrove in questa Parasha in Deuteronomio 5:9, 6:15, ed in Esodo 34:14 (vedi anche 1 Re 19:10 e 14  nel quale Kanah è spesso tradotto come zelante). I nomi e i titoli di HaShem dichiarano al mondo chi Egli è. Rispondono anche alle nostre domande più profonde sulla nostra relazione con HaShem. Il nome El Kanah rivela che HaShem protegge il Suo popolo e il Suo rapporto con loro. Allo stesso modo in cui il rapporto tra marito e moglie è sacro, Egli non condividerà la nostra lode e la nostra devozione con gli altri dei. In effetti, l’alleanza che HaShem ha fatto con Israele sul Monte Sinai è paragonata a una cerimonia di matrimonio. È completato con la nuvola che simboleggia la chuppah (baldacchino matrimoniale) e il ketubah (contratto di matrimonio), delineando le responsabilità e i privilegi della sposa e dello sposo e dei voti concordati. HaShem, quindi, chiede al Suo popolo di essere fedele a Lui, abbandonando tutti gli altri dei. Tutte le forme di idolatria e adorazione dei falsi dei sono “adulterio spirituale” e possono essere paragonate a una sposa infedele. HaShem custodisce amorevolmente e fedelmente la Sua Sposa e la custodisce gelosamente, come un marito appassionato che protegge la Sua sposa.

Infedeltà ed Esilio

“E l’Eterno vi disperderà fra i popoli, e non rimarrà di voi che un piccolo numero fra le nazioni dove l’Eterno vi condurrà.” (Deuteronomio 4:27)

In questa Parasha, Mosè profetizza la tragica conseguenza di Israele che si allontana dalla sua devozione ad HaShem e si rivolge agli idoli: saranno mandati in esilio (galut) e sparsi ai quattro angoli della terra. Questo è esattamente ciò che accadde quando i Babilonesi e i Romani hanno distrutto il Tempio Santo e Gerusalemme. Tuttavia, HaShem è misericordioso; Egli ha promesso che se il popolo di Israele si fosse pentito e si fosse rivolto a Lui con tutto il cuore e anima, allora Lui si sarebbe calmato dalla Sua ira e lo avrebbe riportate a sé. In effetti, in adempimento di un gran numero di profezie, incluse quelle di Mosè, il Signore ha riportato il Suo popolo a casa da Babilonia. E in questi ultimi giorni, Egli sta ancora una volta portando a casa la Sua gente. 

“Quando ti troverai nell’angoscia e ti saranno avvenute tutte queste cose, negli ultimi tempi, tornerai all’Eterno, il tuo DIO, e darai ascolto alla sua voce; (poiché ADONAI, il tuo DIO, è un Dio misericordioso); egli non ti abbandonerà e non ti distruggerà, e non dimenticherà il patto che giurò ai tuoi padri.”  (Deuteronomio 4:30-31)

Questo miracolo è accaduto nella nostra generazione in quanto gli Ebrei stanno tornando da ogni parte nella terra dei nostri padri, dal nord, dal sud, dall’est e dall’ovest. Non è a causa della nostra rettitudine che siamo ricondotti a Lui, ma a causa dell’alleanza che HaShem ha fatto con i nostri antenati.

 Haftarah Va’etchanan: Conforta il Mio Popolo

L’Haftarah di questa settimana (Porzione Profetica) è la prima di una serie di sette Haftarot speciali di Consolazione che iniziano di Shabbat dopo Tisha B’Av e continuano fino a Rosh Hashanah (Capodanno Ebraico). Questi sette Haftarot seguono tre Haftarah speciali chiamati “Tre di rimprovero”, che sono stati letti da Tammuz 17 a Av 9, le tre settimane durante le quali piangiamo la distruzione del Tempio e l’insieme dell’esilio del popolo Ebreo.

Isaia 40 si apre con una parola di conforto a coloro che sono in esilio a Babilonia guardando alla città distrutta di Gerusalemme: “Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro DIO. Parlate al cuore di Gerusalemme, e proclamatele che il suo tempo di guerra è finito, che la sua iniquità è espiata, perché ha ricevuto dalla mano dell’Eterno il doppio per tutti i suoi peccati.” (Isaia 40:1-2)

La divina consolazione di questa settimana al popolo di Israele dichiara la riconciliazione, il restauro, il rinnovamento nazionale e la speranza: “La voce di uno che grida nel deserto: ‘Preparate la via dell’Eterno, raddrizzate nel deserto una strada per il nostro DIO. Ogni valle sia colmata e ogni monte e colle siano abbassati, i luoghi tortuosi siano raddrizzati e i luoghi scabrosi appianati Allora la gloria dell’Eterno sarà rivelata e ogni carne la vedrà, perché la bocca dell’Eterno ha parlato”. (Isaia 40:3-5)

Questa profezia di Isaia sarebbe probabilmente stata compresa dagli Israeliti come un’allusione all’antica pratica dei monarchi orientali che mandavano precetti davanti a loro per preparare la strada, livellare le strade e rimuovere gli impedimenti per il re. Proprio come questi monarchi prepararono la strada prima di loro, HaShem preparò la strada davanti agli schiavi Ebrei in Egitto, guidandoli verso la loro promessa. Preparava la via di nuovo prima degli esiliati Ebrei a Babilonia, conducendoli a casa. Ed Egli ha preparato di nuovo la via, guidando gli Ebrei sparsi nelle nazioni (la Diaspora) a tornare nel compimento della redenzione di Israele. Questo passaggio parla anche della futura manifestazione di HaShem davanti al mondo, in cui le persone sarebbero state condotte fuori dalla schiavitù del peccato e nel Regno dei Cieli. HaShem conferma l’affidabilità di questa promessa, affermando che mentre tutta la carne è come l’erba, la Parola di HaShem è ferma per sempre. 

HaShem sta controllando la Sua Parola per eseguirla, e la Sua promessa di restaurare e salvare Israele è affidabile e può essere attendibile per tutti. Solo la Parola di HaShem può restaurare ciò che sembra irrisolvibile, riconciliare ciò che sembra inconciliabile e confortare chi non ha conforto. Il conforto più grande che ogni Ebreo possa ricevere è la sicurezza nel sapere che i loro peccati sono stati pagati una volta per tutte da Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia).

“Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro DIO. Parlate al cuore di Gerusalemme, e proclamatele che il suo tempo di guerra è finito, che la sua iniquità è espiata, perché ha ricevuto dalla mano dell’Eterno il doppio per tutti i suoi peccati.” (Isaia 40:1-2)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s