Torah Portion Devarim / Porzione di Torah Devarim

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Parasha (Torah Study), which is called Devarim (Words). This portion of Scripture will be read during the morning services this Shabbat (Saturday) in synagogues all around the world.

This Shabbat precedes Tisha B’Av, which begins Saturday night. It is called Black Sabbath because it is considered the saddest Shabbat of the year.

It is also called Shabbat Chazon (שבת חזוןSabbath of Vision), which is taken from the special Haftarah (prophetic portion) that is read prior to Tisha B’Av, in which Isaiah laments the sin that will cause the destruction of Jerusalem and the Temple. 

Haftarah-Devarim.jpg

Devarim (Words)

Torah Portion: Deuteronomy 1:1-3:22

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 1:1-27

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Mark 14:12-26, Acts 9:1-21, 1 Timothy 3:1-7

“These are the words [devarim] which Moses spoke to all Israel on this side of the Jordan in the wilderness.” (Deuteronomy 1:1)

Last week, the readings in the Book of Bamidbar (Numbers) concluded with the double Torah portion of Matot–Masei.

This week, we begin the Book of Devarim (Deuteronomy), with the Torah portion that is also called Devarim. In this portion, Moses retells the wilderness saga and reviews with all the people everything that Adonai had ordered them.

He begins with God’s directive at Horeb to get moving and take the Promised Land, which extends from the Mediterranean Sea to the Euphrates River, including the lands of Ammon, Moab, and Edom.

It is possible that the people were quite content not to move forward once they had received the Ten Commandments at Horeb (another name for Mount Sinai). They were no longer under bondage, and the easiest thing to do would be to stay there.

Change can be difficult. It takes effort to cope with a new situation. But life is a journey. We are not meant to stand still and stagnate. We are meant to move forward.

Facing the Consequences of Sin

“Have confidence in your leaders and submit to their authority, because they keep watch over you as those who must give an account. Do this so that their work will be a joy, not a burden, for that would be of no benefit to you.” (Hebrews 13:17)

In this Parasha, Moses reminds the new generation that before the Israelites left Horeb, he had to create a system of leaders in charge of thousands, hundreds, fifties, and tens because their quarrelsome nature has been such a heavy burden. These leaders were commissioned to judge cases and disputes fairly, showing no favoritism.

After this, they moved on. When they reached Kadesh-Barnea, Moses told them:  “Look, Adonai your God has placed the land before you. Go up, take possession, as Adonai, the God of your ancestors, has told you. Don’t be afraid, don’t be dismayed.” (Deuteronomy 1:21)

But the idea of representative leadership seems to have taken hold, and the people approached Moses asking that scouts go ahead of them to find the best way into the land. Moses appointed one man from every tribe. Each representative came back saying that the land was bountiful; however, 10 scouts said the inhabitants were bigger and stronger than the Israelites. The implication was that God was not big or strong or faithful or real enough to defeat them. The Israelites chose to believe the faithless majority, instead of the two faith-filled spies.

Believing the majority report was contrary to everything that they had witnessed and experienced. God had moved powerfully and miraculously on their behalf both in Egypt and in the desert.

Not only that, He had proven Himself by going ahead of them and charting the way they should go. They only had to follow. There was no reason to think that God would bring them to the edge of the Promised Land only to desert them and leave them to their own devices.

In this Parasha, Moses reminds the new generation of the devastating consequences for their parent’s lack of faith: the entire generation died in the desert, as would he.

Moses also reminds them that when their parents knew they had sinned by listening to the 10 spies, and understood the consequences of their sin, they tried to “make it right” by fighting the enemy in their own strength. Subsequently, they suffered a terrible defeat. Moses seems to be teaching that the majority doesn’t always know what is best, and sometimes following the majority can have unforeseen, tragic consequences. It is far too easy to get pulled along by the crowd.

We also understand that although God forgives us when we repent for not following Him, we cannot escape the consequences of our actions. God will not desert us, but there will be changes that we have to live with and accept.

Moses Prepares the Nation for Change

In Parasha Devarim, we see that Moses is giving his parting words. In less than 40 days, he will die. Moses will not be crossing the Jordan with the Israelites. So, he takes this opportunity to point the people toward the Lord and impress on this new generation the importance of heeding His instructions. As they move forward, he wants them to be aware of their tendency to get into trouble, but self-examination will help them bear fruit. He also wants them to remember that their strength is in the Lord Himself. It is YHVH whom they will follow as they cross the Jordan to take the land.

In that land, they will experience a drastic lifestyle change. They will no longer journey through the wilderness under his leadership, but will live in an abundant land under Joshua’s leadership. He wants the people to internalize the message that despite their disobedience and grumblings, God had carried them throughout their 40-year journey through the wilderness the way a father carries his children.

“The LORD your God, who is going before you, will fight for you, as He did for you in Egypt, before your very eyes, and in the wilderness. There you saw how the LORD your God carried you, as a father carries His son, all the way you went until you reached this place.” (Deuteronomy 1:30-31)

Although they will experience a change that will require great effort on their part, Adonai will be with them. Likewise, when Adonai ordains a season of change for us, we can trust Him and confidently move forward.

Isaiah Chastises the People

This week’s Haftarah (Prophetic) reading is the last in a series of three Haftarot of Affliction, which are read during the Three Weeks of mourning between 17 Tammuz and 9 Av. In this Haftarah, Isaiah chastises the people for their rebellion against Adonai. Despite having been repeatedly reprimanded and punished while in the Promised Land, they have continued on with their sinful ways. Isaiah even calls their leaders “rulers of Sodom.” In fact, the people have become so sinful that God no longer delights in their sacrifices and holy day observances. There is no problem with the actual sacrifices or observances, however. God ordained them.

The problem is a people whose hearts are far from Him and are just going through the motions as though that is what makes them holy. God actually requires us to bring our sacrifices and offerings to Him in holiness, with a heart that seeks Him first, so He expresses His displeasure: “Stop bringing meaningless offerings! Your incense is detestable to Me. New Moons, Sabbaths and convocations, I cannot bear your worthless assemblies.” (Isaiah 1:13)

In this portion, we learn that while they are going through the motions of required observances, their hearts follow after pagan practices and idolatry. Coupled with this hypocritical mixture of the law of Moses and the ways of the world are selfishness, cruelty, and the perversion of justice. Isaiah calls them “partners with thieves; they all love bribes and chase after gifts. They do not defend the cause of the fatherless; the widow’s case does not come before them.” (Isaiah 1:23)

While these sins, if not repented for, will result in the destruction of the Temple, God does not leave Israel only with words of reprimand: He encourages the people to repent and turn to Him by performing just acts and showing kindness to the widows, orphans, and the needy.

The Lord Prepares the People for Redemption

This Haftarah portion contains a very precious promise that points to our redemption in the Messiah: “‘Come now, let us settle the matter,’ says the LORD. ‘Though your sins are like scarlet, they shall be as white as snow; though they are red as crimson, they shall be like wool.’” (Isaiah 1:18)

This precious promise of renewed intimacy finds its ultimate fulfillment in Yeshua (Jesus) and the Brit Chadashah (New Covenant) that He ratified with His own blood.

“It was the LORD’s will to crush Him and cause Him to suffer, and though the LORD makes His life an offering for sin.” (Isaiah 53:10)

At that time, a cleansed people would wholeheartedly follow the Lord, and their hearts and minds would be supernaturally filled with the knowledge of God. “‘After that time,’ declares the LORD. ‘I will put My law in their minds and write it on their hearts. I will be their God, and they will be My people. No longer will they teach their neighbor, or say to one another, ‘Know the LORD,’ because they will all know Me, from the least of them to the greatest,” declares the LORD. ‘For I will forgive their wickedness and will remember their sins no more.’” (Jeremiah 31:33-34)

On Shabbat Chazon, as we prepare for Tisha B’Av, we remember that the First Temple was destroyed on Tisha B’Av because of idolatry and wickedness, and the Second Temple was destroyed because of baseless hatred among Jews (and especially, perhaps, of Yeshua). But that is not the end of the story. Yeshua will return to Israel when another Temple is built and there is a national turning to Him, as the Prophet Zechariah foretells.

Third Temple

“And I will pour out on the house of David and the inhabitants of Jerusalem a spirit of grace and supplication. They will look on Me, the one they have pierced, and they will mourn for Him as one mourns for an only child, and grieve bitterly for Him as one grieves for a firstborn son.” (Zechariah 12:10)

Oh how we look forward to this wonderful day of grace and changed hearts!

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. 

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla Parasha di questa settimana (Studio della Torah), chiamato Devarim  (Parole). Questa parte della Scrittura biblica sarà letta durante le funzioni mattutine di questo Shabbat (Sabato) nelle sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo. Questo Shabbat precede Tisha B’Av, che inizia Sabato sera. Si chiama Sabato Nero perché è considerato il più triste degli Shabbat dell’anno. È anche chiamato  Shabbat Chazon (שבת חזון-Sabato di Visione), che è tratto dalla speciale Porzione della Haftarah (Porzione Profetica) letta prima di Tisha B’Av, in cui Isaia lamenta il peccato che causerà la distruzione di Gerusalemme e del Tempio.

Devarim (Parole)

Porzione di Torah: Deuteronomio 1:1-3:22 

Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 1:1-27 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Nuovo Patto): Marco 14:12-26, Atti 9:1-21, 1 Timoteo 3:1-7

“Queste sono le parole [Devarim] che Mosè rivolse a Israele di là dal Giordano.” (Deuteronomio 1:1)

La scorsa settimana, le letture nel libro di Bamidbar (Numeri) si è concluso con la doppia Porzione di Torah chiamata Matot-Masei. Questa settimana, iniziamo il libro di Devarim (Deuteronomio), con la Porzione di Torah che è anche chiamata Devarim.  In questa porzione della Torah, Mosè ripercorre la storia della cattività del popolo di Israele e recensisce alla presenza di tutto il popolo tutto ciò che Adonai gli aveva ordinato. Comincia con il comando di HaShem al Monte Horeb di muoversi e possedere la Terra Promessa, che si estende dal Mar Mediterraneo al Fiume Eufrate, comprese le terre di Ammon, Moab e Edom.

È possibile che il popolo di Israele fosse abbastanza contento di non andare avanti una volta ricevuti i Dieci Comandamenti al Monte Horeb (un altro nome per il Monte Sinai). Essi non erano più sotto la schiavitù, e la cosa più facile da fare sarebbe stata rimanere lì dov’erano. Il cambiamento può essere difficile. Esso serve a far fronte a una nuova situazione. Ma la vita è un viaggio. Non intendiamo restare fermi e stagnare nel luogo in cui siamo. Siamo destinati ad andare avanti.

Di Fronte alle Conseguenze del Peccato

“Ubbidite ai vostri conduttori e sottomettetevi a loro, perché essi vegliano sulle anime vostre, come chi ha da renderne conto, affinché facciano questo con gioia e non sospirando, perché ciò non vi sarebbe di alcun vantaggio.” (Ebrei 13:17) 

In questa Parasha, Mosè ricorda alla nuova generazione che prima che gli Israeliti lasciassero Horeb, doveva essere creata una struttura di capi alla guida del popolo per essere incaricati a loro volta di migliaia, centinaia, cinquanta e dieci persone perché la natura rissosa del popolo era un peso così pesante per Mosè. Questi capi furono incaricati di giudicare equamente i casi e le controversie, senza mostrare favoritismi a nessuno. Dopo questa suddivisione di compiti ai capi, gli stessi furono assegnati e il popolo si mosse.

Quando il popolo raggiunse Kadesh-Barnea, Mosè disse loro: “Ecco, Adonai, il tuo DIO, ha posto il paese davanti a te; sali e prendine possesso, come Adonai, il Dio dei tuoi padri, ti ha detto; non avere paura e non scoraggiarti”. (Deuteronomio 1:21)

Ma l’idea di una guida rappresentativa per il popolo sembra aver preso il favore del popolo, e la gente si avvicina a Mosè chiedendo che i capi delle loro dodici tribù vadano avanti per trovare il modo migliore per entrare nella Terra Promessa. Mosè nominò un uomo per ogni tribù. Ogni rappresentanza tornò dicendo che la Terra Promessa era generosa; tuttavia, dieci esploratori dissero che gli abitanti erano più grandi e più forti degli Israeliti. L’implicazione era che HaShem non era grande o forte o fedele o abbastanza reale per sconfiggerli. Gli Israeliti scelsero di credere alla maggioranza dei capi senza la dovuta fede in HaShem, invece di credere alle due spie piene di fede. Essi credettero alla relazione della maggioranza dei capi contraria a tutto ciò che essi avevano visto e vissuto. HaShem si era mosso in modo potente e miracoloso per loro sia in Egitto che nel deserto. Non solo, HaShem si era mostrato loro andando avanti a loro e insegnando il modo in cui il popolo avrebbe dovuto proseguire. Essi avrebbero solo dovuto seguire in fede. Non c’era motivo di pensare che HaShem avrebbe portato loro ai limiti della Terra Promessa solo per abbandonarli e lasciarli a sé stessi.

In questa Parasha, Mosè ricorda alla nuova generazione le conseguenze devastanti per la mancanza di fede dei propri genitori: l’intera generazione morì nel deserto, come avrebbe fatto lui. Mosè ricorda anche loro che quando i loro genitori hanno saputo di aver peccato ascoltando le dieci spie e compreso le conseguenze del loro peccato, hanno cercato di “farcela” combattendo il nemico con le proprie forze. Successivamente, essi hanno sofferto una terribile sconfitta. Sembra che Mosè stia insegnando in questa Parasha che la maggioranza non sempre sa cosa è meglio, e talvolta seguire la maggioranza può avere conseguenze non previste, tragiche. È fin troppo facile farsi trascinare dalla folla. Comprendiamo anche che, sebbene HaShem ci perdoni quando ci pentiamo per non averlo seguito, non possiamo sfuggire alle conseguenze delle nostre azioni. HaShem non ci abbandonerà, ma ci saranno cambiamenti con cui dobbiamo convivere e accettare.

Mosè Prepara la Nazione al Cambiamento

Nella Parasha Devarim, vediamo che Mose sta comunicando ala popolo di Israele le Sue parole di commiato. In meno di quaranta giorni, egli infatti morirà. Mosè non attraverserà la Giordania con gli Israeliti. Quindi, Egli coglie l’occasione per compungere i cuori della gente di Israele ad HaShem e agire con impeto su questa nuova generazione sottolineando l’importanza nel dare ascolto ai Suoi comandamenti. Mentre il popolo di Israele procede verso la Terra Promessa, HaShem vuole che il popolo sia consapevole della loro tendenza a mettersi nei guai, ma l’autoanalisi li aiuterà a dare frutti. HaShem vuole anche che essi ricordino che la loro forza è in HaShem stesso. 

È YHVH che essi seguiranno mentre attraversano il Giordano per conquistare la terra promessa. In questo, essi sperimenteranno un drastico cambiamento del loro stile di vita. Non viaggeranno più attraverso il deserto sotto la guida di Mosè, ma essi vivranno in una terra abbondante sotto la guida di Giosuè. HaShem vuole che la gente interiorizzi il messaggio nonostante la loro disobbedienza e brontolii, HaShem li aveva portati per tutto il loro viaggio di quaranta anni attraverso il deserto come un padre porta i suoi bambini.

“Adonai, il vostro DIO, che va davanti a voi, combatterà egli stesso per voi, come ha fatto sotto i vostri occhi in Egitto. e nel deserto, dove hai visto come Adonai, il tuo DIO, ti ha portato come un uomo porta il proprio figlio, per tutto il cammino che avete percorso, finché siete arrivati a questo luogo”. (Deuteronomio 1:30-31)

Anche se essi vivranno un cambiamento che richiederà un grande sforzo da parte loro, Adonai sarà con loro.

Allo stesso modo, quando Adonai ordina una stagione di cambiamento per noi, possiamo fidarci di Lui e andare avanti con fiducia.

Isaia Rimprovera il Popolo di Israele

La lettura della Haftarah (Porzione Profetica) di questa settimana è l’ultima di una serie di tre Haftarot di afflizione, che vengono letti durante le tre settimane di lutto tra 17 Tammuz e 9 Av. In questa Haftarah, Isaia castiga il popolo di Israele per la sua ribellione contro Adonai. Nonostante sia stato ripetutamente rimproverato e punito mentre erano nella Terra Promessa, essi hanno continuato con le loro vie peccaminose. Isaia chiama persino i loro capi “sovrani di Sodoma”. In effetti, il popolo di Israele è divenuto così pieno di peccati che HaShem non si diletta più nei loro sacrifici e nelle osservanze del Santo Giorno. Non c’è alcun problema con i sacrifici o le osservanze attuali poiché HaShem li ha ordinati. Il problema è un popolo i cui cuori sono lontani da Lui e stanno semplicemente compiendo riti come se quello fosse ciò che li rende santi. HaShem in realtà ci richiede di portare a Lui i nostri sacrifici di lode e le nostre offerte di pentimento in santità, con un cuore integro che lo cerca come primo ed unico Dio, così HaShem esprime il Suo dispiacere: “Smettete di portare oblazioni inutili; l’incenso, è per me un abominio; non posso sopportare i noviluni e i sabati, il convocare assemblee e l’iniquità assieme alle riunioni sacre.” (Isaia 1:13)

In questa Porzione di Haftarah, apprendiamo che mentre il popolo sta compiendo solo riti religiosi sulla base delle osservanze richieste, i loro cuori seguono le pratiche pagane e l’idolatria. Il popolo di Israele vive un’ ipocrita mescolanza della legge di Mosè e delle vie del mondo guidate dall’egoismo, la crudeltà e la perversione della giustizia. Isaia li chiama “I tuoi principi sono ribelli e compagni di ladri; tutti amano regali e corrono dietro alle ricompense. Non fanno giustizia all’orfano, e la causa della vedova non giunge davanti a loro”. (Isaia 1:23) 

Mentre questi peccati, se non vengono confessati con vero pentimento, porteranno alla distruzione del Tempio, HaShem non lascia Israele solo con parole di rimprovero: HaShem incoraggia il popolo a pentirsi e rivolgersi a Lui eseguendo solo atti di amore in Lui mostrando gentilezza alle vedove, orfani e bisognosi.

HaShem Prepara il Popolo per la Redenzione

Questa parte di Haftarah contiene una preziosa promessa che indica la nostra redenzione nel Messia: “Venite quindi e discutiamo assieme, dice l’Eterno, anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana.’” (Isaia 1:18)

Questa preziosa promessa di rinnovata intimità con HaShem trova il suo compimento finale in Yeshua (Gesù) e nel Brit Chadashah (Nuova Alleanza) che Egli ha ratificato con il Suo stesso sangue.

“Ma piacque all’Eterno di percuoterlo, di farlo soffrire. Offrendo la sua vita in sacrificio per il peccato, egli vedrà una progenie, prolungherà i suoi giorni, e la volontà dell’Eterno prospererà nelle sue mani”. (Isaia 53:10)

A quel tempo, un popolo purificato seguiva con tutto il cuore HaShem, e i loro cuori e le loro menti erano soprannaturalmente ripieni della conoscenza di HaShem.

“‘Ma questo è il patto che stabilirò con la casa d’Israele dopo quei giorni” dice l’Eterno: “Metterò la mia legge nella loro mente e la scriverò sul loro cuore, e io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Non insegneranno più ciascuno il proprio vicino né ciascuno il proprio fratello, dicendo: Conoscete l’Eterno! perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande”, dice l’Eterno. “Poiché io perdonerò la loro iniquità e non mi ricorderò più del loro peccato’” (Geremia 31:33-34)

Nello Shabbat Chazon, mentre ci prepariamo per Tisha B’Av, ricordiamo che il Primo Tempio fu distrutto su Tisha B’Av a causa dell’idolatria e della malvagità, e il Secondo Tempio fu distrutto a causa dell’odio infondato tra gli Ebrei (e specialmente, forse, di Yeshua). Ma questa non è la fine della storia. Yeshua tornerà in Israele quando un altro Tempio sarà costruito e c’è un popolo che si rivolge a Lui, come predice il profeta Zaccaria.

“Riverserò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme lo Spirito di grazia e di supplicazione; ed essi guarderanno a me, a colui che hanno trafitto faranno quindi cordoglio per lui, come si fa cordoglio per un figlio unico, e saranno grandemente addolorati per lui, come si è grandemente addolorati per un primogenito”. (Zaccaria 12:10)

Oh, non vediamo l’ora che arrivi questo meraviglioso giorno di grazia e cambiamento nei cuori del popolo di Israele!

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s