Torah Portion Matot-Masei / Porzione di Torah Matot-Masei

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Torah portion-Parasha Matot-Masei (Tribes-Journeys), which will be read in synagogues and congregations around the world during the morning service this Shabbat (Saturday).

Two Parashiot are combined this week to accommodate the schedule of Torah readings for the Jewish year 5780. Please study this double portion along with us.

matot-massei-b

MATOT-MASEI (Tribes-Journeys)

Torah Portion: Numbers 30:2-36:13

Haftarah (Prophetic) Portion: Jeremiah 2:4-28, 3:4, 4:1-2

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Matthew 5:33-37, 23:1-25:46, Philippians 3:7-21, James 4:1-12

“Moses said to the heads of the tribes [Matot] of Israel: ‘This is what the Lord commands: When a man makes a vow to the Lord or takes an oath to obligate himself by a pledge, he must not break his word but must do everything he said.’” (Numbers 30:1-2)

Last week, in Parasha Pinchas, God rewarded Aaron’s grandson, Pinchas (Phinehas), a pact of peace and everlasting priesthood in response to his zeal for the Lord.

In this week’s double Torah portion (Parashot) of Matot-Masei, the Israelites are coming to an end of their 40 years of wandering in the wilderness.

Both Miriam and Aaron, the sister and brother of Moses, have died in the desert; and Moses, in preparing for the end of his life in the desert as well, has passed on the mantle of leadership to his successor, Yehoshua (Joshua).

This week’s reading begins with the laws regarding vows and oaths, emphasizing our responsibility to be a people who keep our word and do what we have promised. The Lord goes on to command Moses to take vengeance on the Midianites in retaliation for their seducing the Israelites at Baal-peor. Both Balak, the King of Moab, and Balaam, who had advised that Israel would be cursed if they were drawn into sin, are killed in this battle. After the battle, a massive quantity of booty is distributed to the soldiers, and a share is designated for the sanctuary.

Settlement on East Bank of the Jordan

As the tribes of Israel prepare to cross over the Jordan River into the Promised Land, the tribes of Reuven, Gad, and half of Manasseh approach Moses requesting permission to settle on the east side of the Jordan in the territories captured from Sichon and Og (Numbers 32:1-5).

Moses is at first disturbed by this request, accusing them of wanting to shirk their responsibility in following through on taking the Promised Land in obedience to the Lord’s command.

He asks these tribes, “Shall your brothers go to war while you sit here?” (Numbers 32:6) 

He compares them to the ten spies who came back with a bad report, bringing calamity on Israel. His concern is that their actions will discourage the Israelites from taking the land.

However, these tribes have no intention of avoiding battle; they just prefer the land on the east side of the Jordan since it is suitable for their large herds and flocks of livestock. They are not only willing to go into battle, they pledge to go ahead of the Israelites as shock troops to take the land.

“But we ourselves will be armed, ready to go before the children of Israel until we have brought them to their place; and our little ones will dwell in the fortified cities because of the inhabitants of the land. We will not return to our homes until every one of the children of Israel has received his inheritance.” (Numbers 32:17-18)

When Moses understands their motivation and the full plan, he agrees to their request and the Lord awards them their inheritance on the east side of the Jordan. We can understand from this that Israel’s inheritance extends beyond the Jordan River.

This event also reminds each of us to patiently listen to a person’s reasoning when their request seems to be in conflict with a perceived goal. We should not prejudge motivation and outcomes.

Administering the Inheritance

As if to affirm the coming victory in the Promised Land, the Lord assigns a leader for each of the nine and a half tribes who will be in charge of administering the inheritance of the land of Canaan (west of the Jordan River) among the people.

In addition to this, God also instructs the people to drive out all the inhabitants of the land once they receive it. He warns them: “If you do not drive out the inhabitants of the land from before you, then it shall be that those whom you let remain shall be irritants in your eyes and thorns in your sides, and they shall harass you in the land where you dwell.” (Numbers 33:55)

However, when the Israelites crossed the Jordan, many times they made treaties or allowed the Canaanites to dwell among them, where they continued practicing their pagan rituals. In time, these groups either led the Israelites back into pagan practices or tried to attack them from within.

Today, some believe the Jewish people have no right to the land, but in this Parasha, we see the Creator of the Universe fulfill the promise He made to Jacob all those years earlier: “The land I gave to Abraham and Isaac I also give to you, and I will give this land to your descendants after you.” (Genesis 35:12)

division-of-promised-land-to-ancient-israel
Division of the Land of Israel between the Twelve Tribes/La Divisione della Terra di Israele fra le Dodici Tribù

The Boundaries of Israel

“Then the LORD spoke to Moses, saying, “Command the children of Israel, and say to them: ‘When you come into the land of Canaan, this is the land that shall fall to you as an inheritance, the land of Canaan to its boundaries.” (Numbers 34:1-2)

As the Creator of the Universe, God has the right to set the boundaries for the nations that He created. In this week’s Parasha, God sets the borders of the territory of Israel, which are far larger than what Israel has settled today. 

Fully inhabiting our inheritance of Judea and Samaria and even east Jerusalem may seem impossible with the creation of a Palestinian State, but when the Messiah returns, there will be a redistribution of land to the Twelve Tribes, and the world will plainly see the extent of Israel’s borders (Ezekiel 47:15-21).

At that time, says the Lord, “when I have brought them back from the nations and have gathered them from the countries of their enemies, I will be proved holy through them in the sight of many nations.” (Ezekiel 39:27)

Unlike many of the foreigners who reside in the land today, after the war of Gog and Magog (Ezekiel 38-39) those who remain will have reverence for the God of Abraham, Isaac and Jacob and no other; therefore, as fellow believers, the Lord makes them inheritors as well.

“You are to allot [the land] as an inheritance for yourselves and for the foreigners residing among you and who have children. You are to consider them as native-born Israelites; along with you they are to be allotted an inheritance among the tribes of Israel.” (Ezekiel 47:22)

Jeremiah Warns Israel of the Coming Exile

The prophetic reading (Haftarah) for this week is the second of the three “Haftarot of Admonition,” which are read during the Three Weeks.

During this three-week period between the 17th of Tammuz and the 5th of Av on the Jewish calendar (June 30 and July 22 on this year’s civil calendar), we remember that the walls of Jerusalem were breached and the Temple was destroyed.

The Prophet Jeremiah had been warning about the impending destruction of the Holy Temple and of Jerusalem for at least a few decades leading up to the Babylonian invasion. In this reading, he details the terrible sins of the kings and the people that led to that destruction.

“As the thief is ashamed when he is found out, so is the house of Israel ashamed; They and their kings and their princes, and their priests and their prophets, Saying to a tree, ‘You are my father,’ And to a stone, ‘You gave birth to me.’ For they have turned their back to Me, and not their face. But in the time of their trouble they will say, ‘Arise and save us.’ But where are your gods that you have made for yourselves? Let them arise, if they can save you in the time of your trouble.” (Jeremiah 2:26-28)

To understand the extent of their wickedness, we need only look at King Manasseh (c. 687–642) who “sacrificed his own son in the fire, practiced divination, sought omens, and consulted mediums and spiritists. He did much evil in the eyes of the LORD, arousing His anger.” (2 Kings 21:6)

The Book of the Law had been hidden away in the Temple so that even the kings had little to no knowledge of what was written in it. Instead of worshiping the God of Israel as written in Scripture, images of Baal were erected in the Temple where God said His name would be placed forever. (2 Chronicles 33:2-9)

The Lord warned Manasseh and the nation about their evil deeds, but they ignored Him. So the Lord took action against them: “He rose up the army commanders of the king of Assyria, who took Manasseh prisoner, put a hook in his nose, bound him with bronze shackles and took him to Babylon.” (2 Chronicles 33:10-11)

While in captivity in Babylon, Manasseh repented and with great humility called out to God, who restored him to his reign. Manasseh and later his grandson King Josiah tried to return the nation to the worship of the God of Israel alone, but it seems their efforts came a little too late. They were not able to provoke a national revival in the hearts of the people. When these kings died, other kings took their place and continued to defile the Temple and disobey God’s law.

Today, our cities and nations are full of the same sins that brought about the destruction of Jerusalem on Tisha B’Av (9th of Av) and of the world in the days of Noah, a time when men were given over to other men in marriage.

Yeshua (Jesus) told us that His coming would be in a time such as this: “Just as it was in the days of Noah, so also will it be in the days of the Son of Man. They were eating, they were drinking, they were marrying, they were being given in marriage, until the day that Noah entered the ark, and the flood came and destroyed them all.” (Luke 17:26-27)

God Restores His People

Just as in the ancient days of Israel, God’s desire is to bring correction in order that people will repent and turn back to Him and live in righteousness; for it is not God’s will that even one person should perish.

We see this with Manasseh. God allowed him to be taken captive, but even he received God’s mercy and restoration after sincerely repenting: “In his distress he sought the favor of the LORD his God and humbled himself greatly before the God of his ancestors. And when he prayed to Him, the LORD was moved by His entreaty and listened to his plea. So He brought him back to Jerusalem and to his kingdom. Then Manasseh knew that the LORD is God.” (2 Chronicles 33:12-13)

Although a nation as a whole may still suffer the consequences of the collective sins of the people, God does show mercy and restores each individual person who sincerely humbles himself, calls on His name, and repents (2 Corinthians 7:10).

Therefore, let us make ourselves ready by genuinely turning from our sins and re-establishing His ways in our lives. Further, God will grant everlasting life to those who believe that Yeshua cleansed them from their sins with His blood once and for all.

“For God so loved the world that He gave His one and only Son, that whoever believes in Him shall not perish but have eternal life.” (John 3:16)

Those who believe are now free to live not as slaves to the sins of the ruler of the world, but as citizens of His Kingdom. So ready yourself and keep an upward gaze, looking for the soon coming of the Son of Man, Yeshua, our Messiah and Redeemer.

“Look, I am coming soon! My reward is with me, and I will give to each person according to what they have done.” (Revelation 22:12)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. 

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla porzione della Torà di questa settimana, Parashot Matot-Masei  (Tribù-Viaggi), che verranno lette nelle sinagoghe e congregazioni di tutto il mondo durante il Culto mattutino di questo Shabbat (Sabato). Due Parashot sono combinate fra loro questa settimana per accogliere il programma delle letture della Torah per l’anno Ebraico 5780. Vi invitiamo a studiare questa doppia porzione di Torah insieme a noi.

MATOT-MASEI (Tribù-Viaggi)

Porzione di Torah: Numeri 30:2-36:13 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Geremia 2:4-28, 3:4, 4:1-2 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Matteo 5:33-37, 23:1-25:46, Filippesi 3:7-21, Giacomo 4:1-12

“Mosè disse ai capi dei tribù [Matot] di Israele dicendo: ‘Questo è ciò che HaShem ha ordinato:  “Quando uno fa un voto ad HaShem o contrae un’obbligazione con giuramento, non violerà la sua parola, ma farà tutto ciò che è uscito dalla sua bocca”. (Numeri 30:1-2)

La scorsa settimana, nella Parasha Pinchas, HaShem ha ricompensato il nipote di Aaron, Pinchas (Phinehas) con un patto di pace e un sacerdozio perenne in risposta al suo zelo per HaShem. Nella doppia porzione della Torah di questa settimana (Parashot) di Matot-Masei, gli Israeliti stanno arrivando alla fine dei loro 40 anni di vagabondaggio nel deserto. Sia Miriam che Aaronne, sorella e fratello di Mosè, sono morti nel deserto; e Mosè, preparandosi alla fine della sua vita anche nel deserto, ha passato il mantello al suo successore, Yehoshua (Giosuè).

 La lettura di questa settimana inizia con le leggi relative ai voti e ai giuramenti, sottolineando la nostra responsabilità di essere un popolo che mantiene la parola e fa ciò che abbiamo promesso. HaShem continuò a comandare a Mosè di vendicarsi dei Madianiti in una rappresaglia per aver sedotto gli Israeliti a Baal-Peor. Sia Balak, il re di Moab e Balaam, che avevano consigliato che Israele fosse maledetto se fossero stati trascinati in peccato, furono uccisi in questa battaglia. Dopo la battaglia, una grande quantità di bottino venne distribuita ai soldati, e una quota fu destinata al santuario.

Insediamento sulla Riva Orientale del Giordano

Mentre le tribù di Israele si preparavano ad attraversare il fiume Giordano e conquistare la Terra Promessa, le tribù di Reuven, Gad e metà di Manasse si avvicinavano a Mosè chiedendo il permesso di stabilirsi sul lato est del Giordano nei territori catturati da Sichon e Og (Numeri 32:1-5).

Mosè fu in un primo momento turbato da questa richiesta, accusandoli di voler sottrarsi alle loro responsabilità e a conquistare la terra promessa in obbedienza al comando di HaShem.

Egli chiese a queste tribù “Dovrebbero i vostri fratelli andare in guerra, mentre voi ve ne state qui?” (Numeri 32:6)  

Egli le paragonò alle dieci spie tornate con un brutto rapporto sulla terra di Israele, portando calamità sul popolo di Israele. La sua preoccupazione era che le loro azioni scoraggiassero gli Israeliti dal conquistare la terra. Tuttavia, queste tribù non avevano alcuna intenzione di evitare la battaglia; essi preferivano semplicemente avere in eredità la terra sul lato est del Giordano poiché essa era adatta alle loro grandi mandrie e greggi di bestiame. Essi non solo erano disposti ad andare in battaglia, ma si impegnavano ad andare avanti agli Israeliti in qualità di truppe d’assalto per prendere il controllo della terra di Israele.

“Ma noi siamo pronti a marciare armati in testa ai figli d’Israele, finché li abbiamo condotti al loro luogo; nel frattempo i nostri piccoli dimoreranno nelle città fortificate a motivo degli abitanti del paese. Non torneremo alle nostre case finché   ciascuno dei figli d’Israele sia entrato in possesso della sua eredità.” (Numeri 32:17-18)

Quando Mosè capì la loro motivazione e il loro piano completo, egli accettò la loro richiesta e HaShem gli assegnò la loro eredità sul lato est del Giordano. Possiamo capire da questo che l’eredità di Israele si estende oltre il Fiume Giordano. Questo evento ricorda anche a ciascuno di noi di ascoltare pazientemente il ragionamento di una persona quando egli/ella propone la sua richiesta senza giudicare. Non dovremmo pregiudicare la motivazione e i risultati del piano di HaShem nelle loro vite.

Amministrazione dell’Eredità

Come per confermare la avvenuta vittoria della Terra Promessa, HaShem assegnò un capo per ciascuna delle nove tribù e mezza tribù di Manasse incaricate di amministrare l’eredità della terra di Canaan (a ovest del fiume Giordano) tra la gente di Israele. Oltre a questo, HaShem istruì anche le persone a scacciare tutti gli abitanti della terra una volta conquistata la terra. Li avvertì: “Ma se non scacciate davanti a voi gli abitanti del paese, quelli di loro da voi lasciati, saranno per voi come spine negli occhi e pungoli nei fianchi e vi molesteranno nel paese che abiterete.” (Numeri 33:55)

Tuttavia, quando gli Israeliti attraversarono il Giordano, molte volte essi fecero dei trattati di pace o permisero ai Cananei di dimorare in mezzo a loro, dove i Cananei continuarono a trattare i loro rituali pagani. Col tempo, questi gruppi sviarono gli Israeliti nel seguire le pratiche pagane attaccandoli dall’interno.

Oggi alcuni credono che gli Ebrei non abbiano alcun diritto sulla terra di Israele, ma in questa Parasha, vediamo il Creatore dell’Universo stesso adempiere la Sua promessa fatta a Giacobbe tanti anni prima: “e darò a te, e alla tua discendenza dopo di te, il paese che diedi ad Abrahamo e a Isacco.” (Genesi 35:12) 

I Confini di Israele

“L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: “Comanda ai figli d’Israele e di’ loro: Quando entrerete nel paese di Canaan, questo è il paese che vi toccherà in eredità, il paese di Canaan con questi particolari confini.” (Numeri 34:1-2)

Come Creatore dell’Universo, HaShem ha il diritto di stabilire i confini delle nazioni che Egli ha creato. Nella Parasha di questa settimana, HaShem stabilisce i confini del territorio di Israele, che sono molto più grandi di quello che Israele ha stabilito oggi. Vivere pienamente la nostra eredità di Giudea, Samaria e persino di Gerusalemme est può sembrare impossibile con la creazione di uno Stato palestinese, ma quando tornerà il Messia, ci sarà una ridistribuzione delle terre alle dodici tribù di Israele, e il mondo chiaramente vedrà l’estensione dei confini di Israele (Ezechiele 47:15-21).

In quel tempo, dice HaShem, “Quando li ricondurrò dai popoli e li raccoglierò dai paesi dei loro nemici e sarò santificato in loro agli occhi di molte nazioni”.  (Ezechiele 39:27)

A differenza di molti degli stranieri che risiedono oggi nella terra di Israele, dopo la guerra di Gog e Magog (Ezechiele 38-39) quelli che rimangono avranno riverenza per HaShem, Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe e nessun altro; perciò, come compagni di fede, HaShem li rende anche loro eredi.

“Lo dividerete a sorte in eredità tra voi e gli stranieri che risiedono fra di voi e hanno generato figli in mezzo a voi. Questi saranno per voi come quelli nati nel paese tra i figli d’Israele; avranno anch’essi in sorte un’eredità in mezzo alle tribù d’Israele”. (Ezechiele 47:22)

Geremia Avverte Israele del Prossimo Esilio

La lettura profetica (Haftarah) di questa settimana è la seconda delle tre “Haftarot di Ammonizione”, che vengono lette durante le tre Settimane tra il 17 di Tammuz e il 5 di Av del calendario Ebraico (dal 30 Giugno al 22 Luglio nel calendario civile di quest’anno), ricordiamo che le mura di Gerusalemme sono state violate e il Tempio è stato distrutto. Il profeta Geremia aveva avvertito l’imminente distruzione del sacro tempio e di Gerusalemme per almeno alcuni decenni che portarono all’invasione Babilonese. In questa lettura, dettagli dei terribili peccati dei re e del popolo di Israele che hanno portato a quella distruzione: “Come rimane confuso il ladro quando è sorpreso sul fatto, così sono confusi quelli della casa d’Israele, essi, i loro re, i loro principi, i loro sacerdoti e i loro profeti,  i quali dicono al legno: “Tu sei mio padre” e alla pietra: “Tu ci hai dato la vita”. Sì, essi mi hanno voltato le spalle e non la faccia. Ma nel tempo della loro sventura dicono: “Levati e salvaci.” Ma dove sono i tuoi dei che hai fatto per te? Lasciali sorgere, se possono salvarti nel tempo del tuo problema.” (Geremia 2:26-28)

Per comprendere l’estensione della loro malvagità, dobbiamo solo guardare al Re Manasse (687-642) che: “Fece anche passare per il fuoco a suo figlio, praticò la magia e la divinazione e consultò i medium e i maghi. Si diede completamente a fare ciò che è male agli occhi dell’Eterno, provocandolo ad ira”. (2 Re 21:6)

Il Libro della Legge era stato nascosto nel Tempio in modo che anche i re non avessero poca o nessuna conoscenza di ciò che vi era scritto. Invece di adorare HaShem come scritto nella Scrittura, le immagini di Baal furono erette nel Tempio dove HaShem disse che il Suo nome sarebbe stato posto per sempre. (2 Cronache 33:2-9)

HaShem avvertì Manasse e la nazione dei loro atti peccaminosi, ma essi lo ignorarono. Quindi HaShem agì contro di loro: L’Eterno parlò a Manasse e al suo popolo, ma essi non prestarono attenzione. Allora l’Eterno fece venire contro di loro i capi dell’esercito del re di Assiria che presero Manasse con uncini al naso, lo legarono con catene di bronzo e lo condussero a Babilonia”. (2 Cronache 33:10-11)

Mentre era prigioniero in Babilonia, Manasse si pentì e con grande umiltà fu chiamato a servire HaShem, che lo restaurò nel Suo Regno. Manasse e in seguito suo nipote, re Giosia, cercarono di riportare la nazione all’adorazione di HaShem, ma sembra che i loro sforzi arrivarono un po’ troppo tardi. Essi non erano in grado di provocare una risveglio nei cuori del popolo di Israele. Quando questi re morirono, altri re presero il loro posto e continuarono a contaminare il Tempio e a disobbedire alla legge di HaShem.

Oggi, le nostre città e nazioni sono piene degli stessi peccati che hanno causato la distruzione di Gerusalemme su Tisha B’Av (9° di Av) e del mondo ai tempi di Noè, un’epoca in cui gli uomini venivano dati in sposa ad altri uomini. Yeshua (Gesù) ci disse che la Sua venuta sarebbe avvenuta in un momento come questo: “E, come avvenne ai giorni di Noè, così avverrà anche nei giorni del Figlio dell’uomo. Le persone mangiavano, bevevano, si ammogliavano e si maritavano, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e venne il diluvio e li fece perire tutti”. (Luca 17:26-27)

HaShem Ripristina il Suo Popolo

Proprio come negli antichi giorni di Israele, il desiderio di HaShem è di apportare correzioni affinché le persone si pentano e tornino a Lui e vivano in rettitudine; perché non è volontà di HaShem che anche una sola persona perisca. Vediamo questo con Manasse. HaShem gli ha permesso di essere fatto prigioniero, ma anche lui ha ricevuto la misericordia e la restaurazione di HaShem dopo essersi pentito sinceramente: “Quando si trovò nell’avversità, egli implorò l’Eterno, il suo DIO, e si umiliò profondamente davanti al Dio dei suoi padri. Quindi lo pregò e lo supplicò e DIO ascoltò la sua supplica e lo ricondusse a Gerusalemme nel suo regno. Allora Manasse riconobbe che l’Eterno è Dio”. (2 Cronache 33:12-13).

Sebbene una nazione nel suo complesso possa ancora soffrire le conseguenze dei peccati collettivi del popolo, HaShem mostra pietà e ripristina ogni individuo che si umilia sinceramente davanti al Suo trono, proclamando il Suo nome e pentendosi davanti a Lui (2 Corinzi 7:10). Perciò, rendiamoci pronti abbandonandoci genuinamente e ristabilendo le Sue vie nelle nostre vite. Inoltre, HaShem concederà la vita eterna a coloro che credono che Yeshua è il loro Signore e Salvatore che li purifica redime e restaura dai propri peccati con il Suo sangue per sempre.

Poiché HaShem ha tanto amato il mondo, che ha dato il Suo unigenito Figliuolo, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. (Giovanni 3:16)

Quelli che credono in Yeshua (Gesù) ora sono liberi di vivere non come schiavi dei peccati passati del sovrano del mondo (Satana), ma come cittadini del Regno di HaShem. Quindi prepariamoci e manteniamo lo sguardo verso l’alto aspettando la venuta di Yeshua, il nostro Messia e Redentore.

“Ecco, io vengo presto e il mio premio è con me, per rendere ad ognuno secondo le opere, che egli ha fatto”. (Apocalisse 22:12)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s