Torah Portion Pinchas / Porzione di Torah Pinchas

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to our study of Pinchas (Phinehas), the weekly Torah portion that will be read in every synagogue around the world during this week’s Shabbat (Saturday) morning service.

pinchas.jpg

PINCHAS (Phinehas / Dark Skinned)

Torah Portion: Numbers 25:10-29:40 (30:1)

Haftarah (Prophetic) Portion: Jeremiah 1:1-2:3

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): 1 Peter 3:8-4:19, John 2:13-25

“Pinchas son of Eleazar, the son of Aaron, the priest, has turned my anger away from the Israelites. Since he was as zealous for my honor among them as I am, I did not put an end to them in my zeal.” (Numbers 25:11)

Last week’s Parasha (Balak) concluded with a man named Pinchas ending a devastating plague that had come on Israel and already killed 24,000 Israelites. The plague resulted from the Israelites participating in sexual immorality with the Midianite women.

The death toll ended when Pinchas (the grandson of Aaron) killed the Israelite Zimri, a Simeonite leader who openly brought a Midianite princess into his tent. Pinchas entered his tent and plunged a spear through both of them.

God Honors Zeal for Himself

In this week’s Parasha, we see that Pinchas’ action not only brings salvation to his people by ending the plague, he also obtains a great reward for himself from God. God honors Pinchas with both the priesthood and an eternal covenant of shalom (peace). (Numbers 25:12-13)

It seems unthinkable that such an act of violence could bring about a covenant of peace with God, but that is what happened. What might we learn from Pinchas? Certainly, it is not that God honors violence. But what was He honoring?

God was honoring zeal for Himself.

Pinchas has been compared by the Rabbis to Elijah, who also walked in Godly zeal and passion for the Lord. He boldly confronted the false prophets of Baal on Mount Carmel to prove that YHVH is Elohim.

God also honored Elijah’s zeal by promising to send him to usher in our Messianic redemption, as it is written: “I am sending you the prophet Elijah before the coming of the great and awesome day of God.” (Malachi 4:5)

God Honors Those Who Honor Him

After the devastation of this plague, the Lord commanded that a census be taken.

Like a shepherd whose flocks have been depleted by an attack of wolves, when the catastrophe is over, the shepherd lovingly counts his sheep to determine how many are left alive. (Rashi)

As well, the census would help prepare each tribe to receive their fair share of inheritance once they enter their Promised Land.

The census revealed that some clans survived even though God’s wrath had consumed their ancestors. For instance, the ancestors of Korach, the Levite who led a rebellion of 250 chieftains against Moses and tried to take over the priesthood, survived.

Korach, his home, and the men with him were consumed by an earthquake and fire, yet the Scriptures say that “the sons of Korach died not.” (Numbers 26:11; see also Numbers 16:32)  

These sons became the founders of a guild of psalmists whose writings are still with us today, filling a portion of the book of Psalms (Tehillim). It is generally believed that Psalms 42, 44-49, 84-85, 87-88 were written by these sons. (Aish)

Their praises were not just written, they were shouted. In preparation for warfare, they “stood up and praised the LORD, the God of Israel, with a very loud voice.” (2 Chronicles 20:19)

Like Korach’s descendants, we are not destined to follow in the footsteps of our bloodline. We can choose to rise above our backgrounds, even the sin or rebellion of our own parents, to become devoted followers of God.

God Honors Women with an Inheritance

zelophehadsdaughters
The Daughters of Zelophehad/ Le Figlie di Zelophehad

As Moses prepared to divide up the land, the daughters of Zelophehad asked for their inheritance, as their father had died without sons. God loves men and women equally and, therefore, decreed justice for the daughters by granting them their father’s land (Numbers 27:1-11).

Women, even single women, can inherit what is rightfully theirs.

In a spiritual sense, the Lord is our portion, He is a God of justice and will give us our inheritance if we boldly ask for it and believe that we deserve it.

But what if the daughters of Zelophehad didn’t think they were worthy, or that because everyone else who received an inheritance were men, that they shouldn’t even ask? They would not have received their portion of the land that was due to them.

Let us not be timid, but bold in carrying out God’s invitation to ask for what we desire and trust Him to bring it to pass in His way and His time, if it is His will.

We will not know if it is His will unless we ask. Yeshua (Jesus) invites us to ask for what we desire, in His name: “Until now you have asked nothing in My name. Ask, and you will receive, that your joy may be full.” (John 16:24)

We see from God’s attention to these women’s request that there is nothing so small or big that God does not care about if it is something that concerns us.

He cares not just for the nation of Israel as a whole, but also for each and every individual within His Kingdom: “He will fulfill the desire of those who fear Him.” (Psalm 145:19)

In his last days, Moses also had a desire, he asked the Lord to appoint a new shepherd for his sheep.

God Honors Godly Leadership

“The LORD said to Moses, take you Joshua (Yehoshua) the son of Nun, a man in whom is the spirit, and lay [samach] your hand on him; And set him before Eleazar the priest, and before all the congregation; and give him a charge in their sight. And you shall put some of your honor on him, that all the congregation of the children of Israel may be obedient.” (Numbers 27:18-20)

In this portion of Scripture, God delivered news that must have been a devastating blow to Moses. He was told that although he would be allowed to see the Promised Land, he would never be allowed to enter. (Numbers 27:12-14)

Even when Moses knew he would not be the one taking them into the land, he still showed concern for the flock by asking the Lord to appoint a man over the assembly. God asked Moses to transfer his authority of leadership to Joshua (Yehoshua) by the laying on of hands. This is a physical act to symbolize the transference of authority.

In Hebrew, the word for lay is samach, from which is derived the noun smichah, the act of rabbinic ordination.

The related word samchut means authority. The root of this Hebrew word s-m-ch means to trust, to support, or to rely on.

Being anointed for leadership over a group of people is a sacred trust that we may not take lightly.

We all need Godly leadership; we were created to be governed, to come under  samchut (authority). Without a shepherd, we are scattered and helpless sheep, exposed to attack on all sides.

Even though God is the ultimate authority, and Yeshua is our Great Shepherd, He will also ordain leaders to help guide and support us in our walk with Him, as did the great Biblical leadership of Moses and later Joshua.

Moses anointed Joshua, whose name Yehoshua means the Lord saves, to lead the people of Israel into their Promised Land.

God anointed Yeshua (shortened form of Yehoshua) to lead His followers into the promised Messianic Era.

Let us pray for the leaders of our nations and especially for the leadership of Israel to govern us with Godly wisdom and integrity in these last days. Let us also pray for the return of Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah).

God Honors Israel

Between the 17th of Tammuz and the 9th of Av on the Jewish calendar (June 30 and July 22), the Jewish people are observing a period of three weeks to pause and reflect on why so many tragedies have come upon us throughout our history.

We are also to consider our own personal behavior, attitudes, and relationship with God.

On each Sabbath that falls during these three weeks, we read special prophetic portions called Haftarot of Admonition, which are meant to disturb our false sense of peace.

In fact, the word translated as admonition is d’puranuta, which means to disturb.

It is often easy to think that we are living in peace here in the holy land. Children play in the streets and most of us dwell in cities without walls and fortifications. Then a siren blasts, a rocket explodes; our sense of peace is shaken, and we must face the reality of living in a land set apart by God Himself.

In this week’s Haftarah (Jeremiah 1:1-2:3), Israel is compared to the first fruits that were set apart as holy (kadosh), to be offered up to the Lord.

“Israel is the Lord’s hallowed (kadosh-קדש) portion, His first-fruits of the increase. All that devour him shall be held guilty, evil shall come upon them, says the Lord.” (Jeremiah 2:3) 

It is clear that God opposes any person, nation, or force that seeks to destroy Israel.

Today, and throughout history, there is certainly a desire to see Israel, God’s holy portion, destroyed through war, terror attacks and slanderous accusations of war crimes, blood libel, human rights violations, and apartheid.

However, the Word out of Zion is this: those who seek to attack Israel are admonished to cease and desist while there is still time before even greater evil comes upon them.

“‘For I am with you,’ says the Lord, ‘to save you; though I make a full end of all nations where I have scattered you, yet I will not make a complete end of you.’” (Jeremiah 30:11)

God Honors Truth in Action

We must not think we are too weak or too timid or too young or too old, or whatever excuse we use, to fulfill our mission in God’s plan. If God is in it, He will give the strength, grace, wisdom, and boldness to do His will.

Pinchas, for instance, was not yet an elder in the community, yet he was the only one who took action against the sin that was destroying his own people.

Others had witnessed the open sin in the community, but they apparently did nothing (even Moses, Aaron and his sons).

When we stand by and wait for our leaders or friends to confront sin or the slanderous attacks against Israel in front of us, the sin or the lie just grows and infects more people. As it is said, a little leaven leavens the whole lump.

While God is not calling us to respond with spears in the backs of sinners or our enemies, we are also not to remain silent and passive.

Sometimes God is calling us to help correct a problem by speaking life into the situation, speaking truth, writing truth, living lives filled with truth is a powerful weapon against sin, especially lies.

As well, speaking blessings and words of life over those who are courageously speaking truth can bring anointing and power to them that they may not have had access to before. It builds them up in strength and helps them to persevere in the storm that comes to all who stand for righteousness.

You may be slandered for speaking life, but “even if you should suffer for what is right, you are blessed. Do not fear their threats; do not be frightened. But in your hearts revere Messiah as Lord. … For it is better, if it is God’s will, to suffer for doing good than for doing evil.” (1 Peter 3:14-15, 17)

In addition to speaking the truth about Israel, we can speak the truth that brings eternal life by sharing the truth about who Yeshua HaMashiach is with those who do not yet know Him.

“Always be prepared to give an answer to everyone who asks you to give the reason for the hope that you have. But do this with gentleness and respect, keeping a clear conscience, so that those who speak maliciously against your good behavior in the Messiah may be ashamed of their slander.” (1 Peter 3:15-16)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti al nostro studio di Pinchas (Phinehas), la porzione settimanale di Torah che verrà letta in tutte le sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo durante il culto di questa settimana di Shabbat (Sabato).

PINCHAS (Phinehas/Pelle scura)

Porzione di Torah: Numeri 25:10-29:40 (30:1) 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Geremia 1:1-2:3

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Nuovo Patto): 1 Pietro 3:8-4:19, Giovanni 2:13-25

Phinehas figlio di Eleazar, figlio del sacerdote Aaronne, ha rimosso la mia ira dai figli d’Israele, perché egli è stato animato della stessa mia gelosia in mezzo a loro; così nella mia gelosia non ho sterminato i figli d’Israele.” (Numeri 25:11)

La Parasha (Balak) della scorsa settimana si è conclusa con un uomo di nome Pinchas che ha messo fine a una devastante pestilenza che era arrivata su Israele e che ha ucciso 24.000 Israeliti. La peste è stata causata dagli Israeliti che partecipavano all’immoralità sessuale con le donne Madianite. Il bilancio delle vittime terminò quando Pinchas (il nipote di Aaron) uccise l’Israelita Zimri, un capo Simeonite che introdusse apertamente una principessa Madianita nella sua tenda. Pinchas entrò nella sua tenda e gettò una lancia su entrambi.

HaShem Onora lo Zelo per Sé Stesso

Nella Parasha di questa settimana, vediamo che l’azione di Pinchas non solo porta salvezza al Suo popolo ponendo fine alla pestilenza, ma ottiene anche una grande ricompensa per sé stesso da HaShem. HaShem onora Pinchas con il sacerdozio e un’alleanza eterna di Shalom (pace). (Numeri 25:12-13)

Sembra impensabile che un tale atto di violenza possa portare a un patto di pace con HaShem, ma è quello che è successo. Cosa potremmo imparare da Pinchas? Certamente, non è che HaShem onora la violenza. Ma cosa stava onorando? HaShem stava onorando lo zelo per sé stesso.

Pinchas è stato paragonato dai rabbini a Elia, che ha anche camminato nello zelo divino e nella passione per HaShem. Egli ha coraggiosamente affrontato i falsi profeti di Baal sul Monte Carmelo per dimostrare che YHVH è Elohim. HaShem ha anche onorato lo zelo di Elia, promettendo di mandarlo a inaugurare la nostra redenzione messianica, come è scritto: “Ecco, io vi manderò Elia, il profeta, prima che venga il giorno grande e spaventevole dell’Eterno.” (Malachia 4:5)

HaShem Onora Coloro che lo Onorano

Dopo la devastazione di questa piaga, HaShem ordinò che fosse fatto un censimento. Come un pastore le cui greggi sono state depauperate da un attacco di lupi, quando la catastrofe è finita, il pastore conta amorevolmente le sue pecore a dispetto di quante ne siano rimaste vive. (Rashi)

Inoltre, il censimento aiuterebbe a preparare ciascuna tribù a ricevere la loro giusta quota di eredità una volta che entreranno nella loro Terra Promessa. Il censimento ha rivelato che alcuni clan sono sopravvissuti anche se l’ira di HaShem aveva consumato i loro antenati. Ad esempio, sopravvissero gli antenati di Korach, il Levita che guidò una ribellione di 250 capi contro Mosè e cercò di assumere il sacerdozio. Korach, la sua casa e gli uomini con lui furono consumati da un terremoto e da un incendio, eppure le Scritture lo dicono “I figli di Korach non morirono” (Numeri 26:11, vedi anche Numeri 16:32)  

Questi figli divennero i fondatori di una corporazione di salmisti i cui scritti sono ancora con noi oggi, riempiendo una parte del libro dei Salmi (Tehillim). Si ritiene generalmente che i Salmi 42, 44-49, 84-85, 87-88 sono stati scritti dai figli di Korach. (Aish)

Le loro lodi non sono state scritte, sono state cantate ad alta voce. In preparazione alla guerra, loro “Poi i Leviti, dei figli dei Cheratiti e dei figli dei Korahiti, si levarono per lodare ad altissima voce l’Eterno, il DIO d’Israele.” (2 Cronache 20:19)

Come i discendenti di Korach, non siamo destinati a seguire le orme della nostra linea di sangue. Possiamo scegliere di elevarci al di sopra delle nostre origini, persino il peccato o la ribellione dei nostri stessi genitori, per diventare devoti seguaci di HaShem.

HaShem Onora le Donne con un’Eredità

Mentre Mosè si preparava a dividere il paese, le figlie di Tselofehad chiesero la loro eredità, poiché il loro padre era morto senza figli maschi. HaShem ama allo stesso modo uomini e donne e, quindi, decretò giustizia per le figlie assegnando loro la terra del loro padre (Numeri 27:1-11).

Le donne, anche le donne vergini e non maritate, possono ereditare ciò che è giustamente loro. In senso spirituale, HaShem è la nostra porzione, Egli è un Dio di giustizia e ci darà la nostra eredità se lo chiediamo arditamente e crediamo che lo meritiamo. Ma cosa accadrebbe se le figlie di Zelophehad non pensassero di essere degne, o se tutti gli altri che avevano ricevuto un’eredità fossero stati uomini, esse non avrebbero nemmeno dovuto chiedere l’eredità. Non avrebbero ricevuto la loro parte della loro eredità e ciò che era dovuto loro. Cerchiamo di non essere timidi, ma audaci nello svolgere l’invito di HaShem a chiedere ciò che desideriamo e a confidare in Lui per farlo accadere nel Suo modo e nel Suo tempo, se è la Sua volontà. Non sapremo se è la Sua volontà se non lo chiediamo. Yeshua (Gesù) ci invita a chiedere ciò che desideriamo, nel Suo Nome: “Finora non avete chiesto nulla nel mio nome; chiedete e riceverete, affinché la vostra gioia sia completa.” (Giovanni 16:24)

Vediamo dall’attenzione di HaShem alla richiesta di queste donne che non c’è nulla di così piccolo o grande che ad HaShem non importi se è qualcosa che ci riguarda. A lui importa non solo per la nazione di Israele nel suo complesso, ma anche per ogni singolo individuo nel Suo Regno: “Egli soddisfa il desiderio di quelli che lo temono, ode il loro grido e li salva.” (Salmo 145:19)

Nei suoi ultimi giorni, anche Mosè aveva un desiderio, così egli ha chiesto ad HaShem di nominare un nuovo pastore per le Sue pecore.

Dio Onora la Sua Guida

“Allora l’Eterno disse a Mosè: “Prendi Giosuè, figlio di Nun, uomo in cui è lo Spirito, e posa [samach]  la tua mano su di lui; poi lo farai comparire davanti al sacerdote Eleazar e davanti a tutta l’assemblea e gli darai gli ordini in loro presenza, e lo farai partecipe della tua autorità, affinché tutta l’assemblea dei figli d’Israele gli obbedisca.” (Numeri 27:18-20)

In questa parte della Scrittura, HaShem ha dato notizie che devono essere state un colpo devastante per Mosè. Gli fu detto che, anche se gli sarebbe stato permesso di vedere la Terra Promessa, non gli sarebbe mai stato permesso di entrarvi. (Numeri 27:12-14)

Anche quando Mosè sapeva che non sarebbe stato più lui a prenderne cura, egli mostrò ancora preoccupazione per il popolo di Israele chiedendo ad HaShem di nominare un uomo sopra l’assemblea. HaShem chiese a Mosè di trasferire la Sua autorità di comando a Giosuè (Yehoshua) mediante l’imposizione delle mani. Questo è un atto fisico per simboleggiare il trasferimento dell’autorità spirituale.

In Ebraico, la parola per posare è samach, da cui deriva il sostantivo smichah, l’atto di ordinazione rabbinica. La parola correlata samchut significa autorità. La radice di questa parola Ebraica s-m-ch  significa fidarsi, sostenere, o su cui contare. Essere unti per la guida di un gruppo di persone è una sacra fiducia che non possiamo prendere alla leggera. Abbiamo tutti bisogno di una guida divina; siamo stati creati per essere governati, per venire sotto samchut (autorità). Senza pastore, siamo pecore disperse e indifese, esposte all’attacco da ogni parte. Anche se HaShem è l’autorità suprema, e Yeshua è il nostro Grande Pastore, Egli ordinerà anche dei capi per aiutarci e guidarci nel nostro cammino con Lui, come fece la grande guida Biblica di Mosè e in seguito quella di Giosuè. Mosè unse Giosuè, il cui nome  Yehoshua significa Il Signore salva, conduce il popolo di Israele nella Terra Promessa. HaShem usa Yeshua (forma abbreviata di Yehoshua) per guidare i suoi seguaci nell’era messianica promessa. Preghiamo per i capi delle nostre nazioni e specialmente per la guida di Israele che ci governa con la saggezza e l’integrità divina in questi ultimi giorni. Preghiamo anche per il ritorno di Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia).

HaShem Onora Israele

Tra il 17° di Tammuz e il 9° di Av del calendario Ebraico (tra il 30 giugno e il 22 luglio), il popolo Ebraico osserva un periodo di tre settimane per fermarsi e riflettere sul perché così tante tragedie sono venute su di noi nel corso della nostra storia. Dobbiamo anche considerare il nostro comportamento personale, i nostri atteggiamenti e la nostra relazione con HaShem. In ogni Shabbat che cade durante queste tre settimane, leggiamo speciali parti profetiche chiamate Haftarot di Ammonizioni, che hanno lo scopo di disturbare il nostro falso senso di pace. In effetti, la parola tradotta come ammonizione è d’Puranuta, che significa disturbare.

Spesso è facile pensare che stiamo vivendo in pace qui in terra santa. I bambini giocano nelle strade e molti di noi vivono in città senza mura e fortificazioni. Poi una sirena suona, un razzo esplode; il nostro senso di pace è scosso e dobbiamo affrontare la realtà di vivere in una terra separata da HaShem stesso. In questa settimana di Haftarah (Geremia 1:1-2:3), Israele viene paragonata ai primi frutti che sono stati messi a parte come Santo (kadosh), da offrire ad HaShem.

“Israele, era santificato (kadosh- קדש) all’Eterno, le primizie del suo raccolto; tutti quelli che lo divoravano diventavano colpevoli, e la calamità si abbatteva su di loro”, dice l’Eterno.” (Geremia 2:3)

È chiaro che HaShem si oppone a qualsiasi persona, nazione o forza che cerca di distruggere Israele. Oggi, e attraverso la storia, c’è sicuramente il desiderio di vedere Israele, la sacra porzione di HaShem, distrutta attraverso la guerra, attacchi terroristici e accuse diffamatorie di crimini di guerra, diffamazione del sangue, violazioni dei diritti umani e apartheid. Tuttavia, la Parola che esce da Sion è questa: coloro che cercano di attaccare Israele sono Ammoniti di cessare e desistere mentre c’è ancora tempo prima che il male più grande sopraggiunga su di loro.

“Poiché io sono con te”, dice l’Eterno, “per salvarti. Io sterminerò tutte le nazioni in mezzo alle quali ti ho disperso; tuttavia non sterminerò te, ma ti castigherò con giustizia e non ti lascerò del tutto impunito.’” (Geremia 30:11)

HaShem Onora la Verità in Azione

Non dobbiamo pensare di essere troppo deboli o troppo timidi o troppo giovani o troppo vecchi, o qualsiasi scusa che usiamo, per adempiere alla nostra missione nel piano di HaShem. Se HaShem è in esso, darà la forza, la grazia, la saggezza e l’audacia per fare la Sua volontà. Pinchas, ad esempio, non era ancora un anziano della comunità, tuttavia era l’unico che agiva contro il peccato che stava distruggendo il suo stesso popolo. Altri avevano assistito al peccato nella comunità, ma apparentemente non avevano fatto nulla (nemmeno Mosè, Aaronne e i suoi figli).

Quando rimaniamo in attesa e aspettiamo che i nostri capi o amici affrontino il peccato o gli attacchi diffamatori contro Israele di fronte a noi, il peccato o la menzogna cresce e infetta sempre più persone. Come si dice, un po’ di lievito fa fermentare tutta la massa. Mentre HaShem non ci chiama a rispondere con le lance alle spalle dei peccatori o dei nostri nemici, non dobbiamo rimanere silenziosi e passivi. A volte HaShem ci chiama per aiutare a correggere un problema parlando della vita nella situazione, parlando di verità, scrivendo la verità, vivendo una vita piena di verità è un’arma potente contro il peccato, specialmente le menzogne. Inoltre, parlare di benedizioni e parole di vita su coloro che stanno dicendo coraggiosamente la verità può portare unzione e potere a coloro a cui non avrebbero potuto accedere prima. Rinforza loro e li aiuta a perseverare nella tempesta che si presenta davanti a tutti coloro che sostengono la giustizia.

Potresti essere calunniato per aver parlato la vita, “Ma, anche se doveste soffrire per la giustizia, beati voi! ‘Or non abbiate di loro alcun timore e non vi turbate’, anzi santificate il Signore Dio nei vostri cuori e siate sempre pronti a rispondere a vostra difesa a chiunque vi domandi spiegazione della speranza che è in voi con mansuetudine e timore… È meglio infatti, se tale è la volontà di Dio, soffrire facendo il bene piuttosto che facendo il male.” (1 Pietro 3:14-15, 17)

Oltre a dire la verità su Israele, possiamo dire la verità che porta la vita eterna condividendo la verità su chi è Yeshua HaMashiach con coloro che ancora non Lo conoscono.

“Anzi santificate il Signore Dio nei vostri cuori e siate sempre pronti a rispondere a vostra difesa a chiunque vi domandi spiegazione della speranza che è in voi con mansuetudine e timore, avendo una buona coscienza affinché, quando vi accusano di essere dei malfattori, vengano svergognati coloro che calunniano la vostra buona condotta in Cristo.” (1 Pietro 3:15-16)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

One thought on “Torah Portion Pinchas / Porzione di Torah Pinchas

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s