Torah Portion Beha’alotcha / Porzione di Torah Beha’alotcha

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom! 

Welcome to our study of this week’s Torah portion, which is called Parasha  Beha’alotcha (When You Raise). This is the portion that will be read this Shabbat (Saturday) in synagogues around the world. 

BEHA’ALOTCHA (When You Raise)

0388e19bcfb1e6ef900b4fda9e9be632.jpg

Torah Portion: Numbers 8:1-12:16

Haftarah (Prophetic) Portion: Zechariah 2:10-4:7

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Philippians 2:1-18, 1 Corinthians 10:6-13

“Now the LORD spoke to Moses, saying, ‘Speak to Aaron and say to him, “When you set up (Beha’alotcha בְּהַעֲלֹתְךָthe lamps, the seven lamps shall give light in front of the Menorah.”’” (Numbers 8:1-2)

Last week, in Parasha Naso, the numbering of Israel continued with a census of the Levites. The Nazirite vow was detailed, as well as the Aaronic Blessing.

This week’s Scripture portion is named Beha’alotcha, which means when you step up because it begins with instructions as to how the Menorah (lampstand) is to be set up in the Tabernacle. A related word is Aliyah (עליה), the Hebrew word for  immigrating to the Land of Israel. It can also be defined as the act of going up.

To take the step of faith to return to the land of our Forefathers (Abraham, Isaac, and Jacob) is an act of spiritual elevation.

The Menorah: Raising the Light of Purity

“Now this workmanship of the Menorah was hammered gold; from its shaft to its flowers it was hammered work. According to the pattern which the LORD had shown Moses, so he made the lampstand.” (Numbers 8:4)

Parasha Beha’alotcha opens with the lighting of the Menorah. This lampstand is a symbol of the light of revelation and truth. God commanded Moses to make it out of gold according to the pattern shown him on Mount Sinai. Why gold and not bronze or silver? Gold symbolizes something precious, of great value, and it is a metaphor for purity in the Bible. The fire in the Menorah represents the fire of the Divine Light spreading throughout the entire world, beginning with Israel.

We can understand it also as Godliness; therefore, the fire can be seen as symbolic of God refining His people so that they may be as fine gold!

“He will sit as a refiner and purifier of silver; He will purify the Levites and refine them like gold and silver. Then the LORD will have men who will bring offerings in righteousness.” (Malachi 3:3)

Refining-gold-smelting.jpg
Refining Gold/Raffinazione dell’Oro

The Light of Obedience

Seven lamps were lit on the Menorah. Why are there seven golden lampstands and not five or nine or any other number? According to ancient Jewish thought, seven stands for perfection or completion.

The Book of Revelation also speaks of seven golden lampstands in a vision God gave to John: “And I turned to see the voice that was speaking with me. And having turned, I saw seven golden lampstands.” (Revelation 1:12)

Here, these seven golden lampstands represent the seven congregations in Asia Minor (Revelation 1:10-11, 20).

God warned that He might remove the lampstand of a congregation if they continue in sin and refuse to repent. As Yeshua (Jesus) told the church at Ephesus: “I am coming to you, and will remove your lampstand out of its place, unless you repent.” (Revelation 2:5)

Those who are His followers continually grow in obedience, love, joy, and peace, becoming more and more like Yeshua. That love, joy, and peace shines forth through a dark and dreary world like a beacon of hope. It makes others desire the Source of that goodness.

Cleansing of God’s Servants

“Delight yourself in the LORD, and He will give you the desires of your heart.” (Psalm 37:4)

As we pursue the Lord, we also pursue purity in our attitudes, our speech, and our ministry.

And so we read in this Parasha that the Levites who served God in the Temple had to be cleansed and purified before beginning their ministry.

“Then the LORD spoke to Moses, saying: ‘Take the Levites from among the children of Israel and cleanse them ceremonially. Thus you shall do to them to cleanse them: Sprinkle water of purification on them, and let them shave all their body, and let them wash their clothes, and so make themselves clean.’” (Numbers 8:5-7)

God took the Levites as His own in place of the firstborn who were spared during the Ten Plagues in Egypt. Most of those sons defiled their hearts and spirits when they worshiped the Golden Calf. The Levites didn’t worship the calf. They stayed faithful and true to the God of Israel; therefore, they were given the work of service in the Tabernacle, instead of Israel’s firstborn sons.

Murmuring in the Wilderness

quails from heaven
The Israelites Receive Quail/Gli Israeliti Ricevono la Quaglia

“The manna was like coriander seed, and its appearance like that of bdellium. The people went about and gathered it and ground it in hand mills or beat it in mortars and boiled it in pots and made cakes of it. And the taste of it was like the taste of cakes baked with oil.” (Numbers 11:7-8)

In Parasha Beha’alotcha, the Israelites resume their trek to the Promised Land. The Divine fire-cloud accompanies them as a supernatural manifestation of God’s presence.

It has been a year since He delivered His chosen people from bondage in Egypt. They saw the River Nile turn to blood and their firstborn saved by blood. They even walked through a parted sea into safety. But experiencing God’s supernatural presence and His provision of manna did not stop them from murmuring in the wilderness.

Oh how they complained! Even to the point of rejecting God and desiring to go back to bondage where they could have the fish “that cost nothing, the cucumbers, the melons, the leeks, the onions, and the garlic.” (Numbers 11:5)

Despite the manna, they were consumed with a craving for meat. The Bible does not explain why they did not eat meat from their herds of sheep.

Moses finds the people’s complaining so hard to bear that he is ready to die if no solution is found, and his honesty with God brings about a Divine solution.

God tells him to gather 70 experienced elders to the Tent of Meeting. They are to share the burden of leadership, and to help them, God endows them with Moses’ spirit (Numbers 11:17). In Judaism, this act of God is seen to forever legitimate the judicial role of Israel’s elders.

God also promises Moses that He will give the people so much meat that they will be sick of it, which Moses finds difficult to believe. To satisfy the cravings of these ungrateful Israelites, God sends tons of quail. Many gorge themselves and die as God’s anger is unleashed due to their rejection of Him. They are buried at the place they named Kibroth-hattaavah (graves of craving). (Numbers 11:31-35)

Miriam and Aaron also complain by speaking against their brother Moses. They criticize Moses for marrying a Cushite woman, slander, and they want more respect as prophets in their own right, pride.

For speaking lashon harah (slander, but also speaking the truth to injure) and for pride, God strikes Miriam with leprosy; she turns white “like snow.” Aaron recognizes their sin and cries out to the Lord, “O God, please heal her, please.”

Although repentance helps restore our relationship with God, a lesson still has to be learned by Miriam, Aaron, and the entire community. They cannot move ahead until Miriam spends seven days outside the camp.

Haftarah (Prophetic Portion): Purity and the Menorah

The prophetic reading this Shabbat (Zechariah 2:10-4:7) begins with an invitation to shout for joy because God will dwell in the midst of Zion and once again choose Jerusalem. In that day many nations will join themselves to the Lord. Zechariah’s vision confirms how deeply Adonai cares about the cleansing of His people.

The Prophet Zechariah sees the high priest Joshua, son of Jehozadak, standing before the angel of the Lord in the Heavenly Court.

Satan is also there accusing Joshua, who is clothed in filthy rags, a metaphor for sin. According to Rashi, Joshua is guilty of allowing his sons to marry foreign women, which is not allowed for Levites (see Ezra 10:18).

The Angel of the Lord identifies Joshua as a brand plucked from the fire, which an article on the Chabad website interprets as the “hardships of exile.”

Indeed, Joshua has returned from the Babylonian exile along with Zerubbabel and the Jewish exiles to Jerusalem where they will rebuild the city and the Jewish Temple.

The Lord rebukes Satan and says to Joshua, “See, I have removed your guilt from you, and you shall be clothed in [priestly] robes.” (Zechariah 3:4)

Zechariah then describes his vision of a seven-branched Menorah, which is kindled for the first time in this week’s Torah reading.

Empowered by the Ruach HaKodesh (Holy Spirit)

Rebuilding Jerusalem and the Second Temple is a huge task. And through the Prophet Zechariah, God reassures both Joshua and Zerubbabel that He is behind the initiative.  Immediately after Zechariah sees the Menorah, the symbol of purity and the light of truth reaching the nations, the Lord gives a word to Zerubbabel, the governor of Judah, saying, “Not by might, nor by power, but by My Spirit, said the Lord of Hosts.” (Zechariah 4:6)

Of course, pursuing spiritual goals is too difficult if we are left to our own devices. Both the Parasha reading and the Haftarah reading reveal that we have supernatural help.

We see that even Moses had his limits as a mere man. No one, not even Moses himself, could do the work of Moses without being anointed with the Spirit of God. To ease Moses’ burden, God spread some of Moses’ anointing, the Holy Spirit, giving it to 70 respected elders who would share in the task of leadership.

The Scriptures say that these elders immediately prophesied. When the Spirit of God is working in someone, spiritual gifts manifest. Prophecy is just one of these gifts (see 1 Corinthians 12:4-11, 28; Romans 12:6-8)

These gifts were only available to a select few until the Ruach (Spirit) descended on Shavuot (Pentecost) upon the first believers 50 days after Yeshua’s resurrection. 

Through Yeshua, our garments of iniquity have been removed and we, like Joshua, are clothed in vestments of purity and righteousness. This is a fulfillment of one of Zechariah’s prophecies, which foretells of a time when the Messiah will remove all iniquity in a single day.

“I am going to bring My servant the Branch [a future king from the line of David] … and I will remove that country’s guilt in a single day. In that day — declares the LORD of Hosts — you will be inviting each other to the shade of vines and fig trees.” (Zechariah 3:8-10; Jeremiah 33:15)

This righteous Branch from the line of David has appeared; and in one day, He paid the penalty for our sin and clothed us with His righteousness.

Each of us need God’s Ruach in our lives, empowering us to obey His word, manifest His love, joy, and peace, and exercise spiritual gifts He has bestowed. 

Filled with His Spirit, each of us are beacons of light that show the way to a lost and dying world. One practical way we can shine as lights in the midst of the darkness is by refusing to complain and, instead, express gratitude in all things, rejoicing in the Lord always.

“Do everything without complaining or arguing so that you will prove yourselves to be blameless and innocent, children of God above reproach in the midst of a crooked and perverse generation, among whom you appear as lights in the world.” (Philippians 2:14-15)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom! 

Benvenuti al nostro Studio della Porzione di Torah di questa settimana, chiamata Parasha Beha’alotcha (Quando si eleva). Questa è la parte che verrà letta questo Shabbat (Sabato) nelle sinagoghe di tutto il mondo.  

BEHA ‘ALOTCHA (Quando si alza)

Porzione di Torah: Numeri 8:1-12:16 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica):  Zaccaria 2:10-4:7 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Filippesi 2:1-18, 1 Corinzi 10:6-13

“Adonai parlò ancora a Mosè, dicendo: ‘parla ad Aaronne e digli: Quando collocherai le lampade (Beha’alotcha בְּהַעֲלֹתְךָ), le sette lampade dovranno far luce sul davanti del candelabro”. (Numeri 8:1-2)

La scorsa settimana, nella Parasha Naso, la numerazione di Israele è proseguita con un censimento dei Leviti. Il voto Nazireo era dettagliato, così come la benedizione di Aaronne.

La parte della Scrittura di questa settimana prende il nome di Beha’alotcha, che significa quando si eleva perché inizia con le istruzioni su come la Menorah  (candelabro a sette bracci) deve essere posto nel Tabernacolo. Una parola correlata è Aliyah (עליה), la parola Ebraica per immigrazione in Terra d’Israele. Essa può anche essere definita come l’atto di salire.

Fare il passo di fede di tornare alla Terra Promessa dei nostri antenati (Abramo, Isacco e Giacobbe) è un atto di elevazione spirituale.

La Menorah: Sollevare la Luce della Purezza

“Or il candelabro era fatto così: era d’oro battuto; dal suo fusto ai suoi fiori era lavorato a martello. Mosè aveva fatto il candelabro secondo il modello che l’Eterno gli aveva mostrato”. (Numeri 8:4)

Parasha Beha’alotcha si apre con l’accensione della Menorah. Questo candelabro è un simbolo della luce della rivelazione e della verità. Adonai comandò a Mosè di farlo d’oro secondo l’ordine mostrato sul monte Sinai. Perché l’oro e non il bronzo o l’argento?

L’oro simboleggia qualcosa di prezioso, di grande valore, ed è una metafora della purezza nella Bibbia.

Il fuoco nella Menorah rappresenta il fuoco della Luce Divina che si diffonde in tutto il mondo, a cominciare da Israele. Possiamo capirlo anche come divinità; quindi, il fuoco può essere visto come un simbolo di Adonai che raffina il Suo popolo in modo che possa essere come oro fino!

“Egli siederà come chi affina e purifica l’argento; purificherà i figli di Levi e li affinerà come oro e argento, perché possano offrire all’Eterno un’oblazione con giustizia”. (Malachia 3:3)

La Luce dell’Obbedienza

Sette lampade erano accese sulla Menorah. Perché ci sono sette candelabri d’oro e non ci sono né nove né nessun altro numero? Secondo l’antico pensiero Ebraico, sette rappresenta la perfezione o il completamento.

Il Libro dell’Apocalisse parla anche di sette candelabri d’oro in una visione che Adonai ha dato a Giovanni: “E Io mi voltai per vedere la voce che aveva parlato con me. E, come mi fui voltato, vidi sette candelabri d’oro.” (Apocalisse 1:12)

Qui, questi sette candelabri d’oro rappresentano le sette congregazioni dell’Asia Minore (Apocalisse 1:10-11, 20).

Adonai ha avvertito che potrebbe rimuovere il candelabro di una congregazione se continua a peccare e rifiuta di pentirsi. Come Yeshua (Gesù) ha detto alla chiesa di Efeso: “Ricordati dunque da dove sei caduto, ravvediti e fa’ le opere di prima; se no verrò presto da te e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se non ti ravvedi”. (Apocalisse 2:5)

Quelli che sono i suoi seguaci crescono continuamente nell’obbedienza, nell’amore, nella gioia e nella pace, diventando sempre più simili a Yeshua. Quell’amore, gioia e pace risplendono attraverso un mondo oscuro e desolato come un faro di speranza. Fa sì che gli altri desiderino la Sorgente di quella bontà.

Purezza dei Servi di Adonai

“Prendi il tuo diletto in Adonai ed egli ti darà i desideri del tuo cuore”. (Salmo 37:4)

Mentre perseguiamo Adonai, perseguiamo anche la purezza nei nostri atteggiamenti, nelle nostre parole e nel nostro ministero. E così leggiamo in questa Parasha che i Leviti che servirono Adonai nel Tempio dovevano essere purificati prima di iniziare il loro ministero.

“Prendi i Leviti tra i figli d’Israele e purificali. Così farai con loro per purificarli: spruzzerai su di essi l’acqua di purificazione; quindi faranno passare il rasoio su tutto il loro corpo, laveranno le loro vesti e si purificheranno”. (Numeri 8:5-7) 

Adonai prese i Leviti come propri al posto dei primogeniti che furono risparmiati durante le dieci piaghe in Egitto. La maggior parte di quei figli aveva contaminato il proprio cuore e spirito adorando il vitello d’oro.

I Leviti non adoravano il vitello. Rimasero fedeli al Dio di Israele; perciò, fu loro data l’opera di servizio nel Tabernacolo, invece dei figli primogeniti di Israele.

Mormorando nel Deserto 

“Ora la manna era simile al seme di coriandolo e aveva l’aspetto del bdellio. Il popolo andava attorno a raccoglierla; poi la riduceva in farina con le macine o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere in pentola o ne faceva delle focacce e aveva il sapore di focacce all’olio”. (Numeri 11:7-8) 

Nella Parasha Beha’alotcha, gli Israeliti riprendono il loro viaggio verso la Terra Promessa. La Divina nube di fuoco li accompagna come manifestazione soprannaturale della presenza di Adonai.

È passato un anno da quando Adonai ha liberato il Suo popolo eletto dalla schiavitù in Egitto. Essi hanno visto il fiume Nilo trasformarsi in sangue e il loro primogenito salvato dal sangue. Essi hanno persino camminato attraverso un mare separato in sicurezza. Ma sperimentare la ponderazione soprannaturale di Adonai e le Sue provviste di manna non ha impedito loro di mormorare nel deserto.

Oh come si sono lamentati! Anche fino al punto di rifiutare Adonai e desiderare di tornare alla schiavitù dove potevano avere il pesce “Ci ricordiamo dei pesci che in Egitto mangiavamo gratuitamente, dei cetrioli, dei meloni, dei porri, delle cipolle e degli agli.” (Numeri 11:5)

Nonostante la manna, essi erano accompagnati da una brama di carne. La Bibbia non spiega perché non hanno mangiato carne dai loro greggi di pecore. Mosè trova così difficile sopportare le lamentele del popolo che è pronto a morire se non si trova una soluzione, e la Sua onestà con Adonai produce una soluzione divina.

Adonai gli dice di riunire 70 anziani esperti nella tenda del convegno. Devono condividere il peso della gestione e, per aiutarli, Adonai li dota dello spirito di Mosè (Numeri 11:17). Nel Giudaismo, questo atto di Adonai è visto come l’istituzione del ruolo giudiziario degli anziani di Israele.

Adonai promette anche a Mosè che darà al Suo popolo tanta carne che ne saranno stufi, cosa che Mosè trova difficile credere.

Per soddisfare le voglie di questi ingrati Israeliti, Adonai manda tonnellate di quaglie. Molti le ingoiano e muoiono mentre la rabbia di Adonai si scatena a causa del loro rifiuto di Lui. Essi vengono sepolti nel posto poi chiamato Kibroth-hattaavah (tombe del desiderio). (Numeri 11:31-35)

Anche Miriam e Aaron si lamentano parlando contro il loro fratello Mosè. Essi criticano Mosè per aver sposato una donna Cuscita, peccano di calunnia contro di lui e vogliono più rispetto anche come profeti per sé stessi, essi peccano quindi anche di orgoglio.

Peccando di lashon harah (calunniando, ma anche dicendo la verità per ferire l’altro) e per orgoglio, Adonai colpisce Miriam con la lebbra; lei diventa bianca “come la neve”.

Aaron riconosce il loro peccato e grida al Signore, “O Adonai, per favore guariscila.”

Sebbene il pentimento aiuti a ripristinare la nostra relazione con Adonai, una lezione deve ancora essere appresa da Miriam, Aaron e l’intera comunità. Essi non possono andare avanti fino a quando Miriam non trascorrerà sette giorni fuori dal campo.

Haftarah (Porzione Profetica): Purezza e Menorah

La lettura profetica di questo Shabbat (Zaccaria 2:10-4:7) inizia con un invito a gridare di gioia perché Adonai dimorerà in mezzo a Sion e sceglierà di nuovo Gerusalemme. In quel giorno molte nazioni si uniranno ad Adonai. La visione di Zaccaria conferma quanto profondamente Adonai si preoccupi della purezza del Suo popolo. Il profeta Zaccaria vede il sommo sacerdote Giosuè, figlio di Jehotsadak, in piedi davanti all’angelo del Signore nella corte celeste. Satana è anche lì che accusa Giosuè, che è vestito di sudici stracci, una metafora del peccato. Secondo Rashi, Giosuè è colpevole di permettere ai suoi figli di sposare donne straniere, cosa che non è consentita ai Leviti (leggete Esdra 10:18).

L’Angelo del Signore identifica Giosuè come un marchio strappato dal fuoco, che un articolo sul sito Chabad interpreta come “le difficoltà dell’esilio”. Infatti, Giosuè è tornato dall’esilio Babilonese insieme a Zorobabel e agli esuli Ebrei a Gerusalemme, dove ricostruiranno la città e il Tempio Ebraico. Adonai  rimprovera Satana e dice a Giosuè, “Guarda, ho fatto scomparire da te la tua iniquità e ti farò indossare abiti magnifici”. (Zaccaria 3:4)

Zaccaria poi descrive la sua visione di una Menorah a sette rami, che è accesa per la prima volta nella lettura della Torah di questa settimana.

Autorizzato dal Ruach HaKodesh (Spirito Santo)

Ricostruire Gerusalemme e il Secondo Tempio è un compito enorme. E attraverso il profeta Zaccaria, Adonai rassicura sia Giosuè che Zorobabel che Egli è dietro l’iniziativa. Subito dopo che Zaccaria vede la Menorah, il simbolo della purezza e la luce della verità che raggiunge le nazioni, Adonai dà una parola a Zorobabel, il governatore di Giuda, dicendo: “Allora egli, rispondendo, mi disse: ‘Questa è la parola dell’Eterno a Zorobabel; Non per potenza né per forza, ma per il mio Spirito’, dice l’Eterno degli eserciti.” (Zaccaria 4:6)

Certo, perseguire obiettivi spirituali è troppo difficile se si è lasciati a noi stessi. Sia la lettura della Parasha che la lettura dell’Haftarah rivelano che abbiamo un aiuto soprannaturale. Vediamo che anche Mosè aveva i suoi limiti come semplice uomo. Nessuno, nemmeno lo stesso Mosè, potrebbe fare l’opera di Mosè senza essere unto con lo Spirito di Adonai. Per alleggerire il fardello di Mosè, Adonai prende un po’ dell’unzione di Mosè, lo Spirito Santo, donandola a 70 anziani rispettati che condividono il compito di guida del popolo.

Le Scritture dicono che questi anziani profetizzarono immediatamente. Quando lo Spirito di Adonai opera in qualche modo, i doni spirituali si manifestano. La profezia è solo uno di questi doni (vedi 1 Corinzi 12:4-11, 28; Romani 12:6-8)

Questi doni erano disponibili solo per pochi eletti finché il Ruach (Spirito) non scendeva su Shavuot (Pentecoste) sui primi credenti 50 giorni dopo la resurrezione di Yeshua. Per mezzo di Yeshua, le nostre vesti di iniquità sono state rimosse e noi, come Giosuè, indossiamo vesti di purezza e giustizia. Questo è il compimento di una delle profezie di Zaccaria, che predice un tempo in cui il Messia rimuoverà ogni iniquità in un solo giorno. 

“Ascolta dunque, o Giosuè, sommo sacerdote, tu e i tuoi compagni che siedono davanti a te, perché essi sono uomini di presagio, Ecco, io faccio venire il mio servo, il Germoglio, Ecco la pietra che ho posto davanti a Giosuè: su quest’unica pietra ci sono sette occhi; ecco, io inciderò la sua iscrizione’, dice l’Eterno degli eserciti, ‘e rimuoverò l’iniquità di questo paese in un sol giorno. In quel giorno’, dice l’Eterno degli eserciti, ‘ognuno di voi inviterà il suo vicino sotto la sua vite e sotto il suo fico.” (Zaccaria 3:8-10, Geremia 33:15) 

Questo Ramo retto dalla linea di Davide è apparso; e in un giorno ha pagato la pena per il nostro peccato e ci ha rivestito della Sua giustizia. Ognuno di noi ha bisogno del Ruach di Adonai nelle nostre vite, che ci dona autorità in Yeshua e obbedienza alla Sua parola, manifestazione del Suo amore, gioia e pace ed esercizio dei doni spirituali che Egli ci ha donato. Ripieni del Suo Spirito, ognuno di noi è un faro di luce che mostra la via ad un mondo perduto e morente. Un modo pratico in cui possiamo splendere come luci nel mezzo dell’oscurità è rifiutare di lamentarci, esprimendo gratitudine in tutte le cose, gioendo sempre in Adonai. 

“Fate ogni cosa senza mormorare e senza dispute, affinché siate irreprensibili e integri, figli di Dio senza biasimo in mezzo ad una generazione ingiusta e perversa, fra la quale risplendete come luminari nel mondo, tenendo alta la parola della vita.” (Filippesi 2:14-15)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s