Torah Portion Naso / Porzione di Torah Naso

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to our Torah study on this week’s portion of Scripture, which is called  Naso (Lift Up or Elevate).

NASO1.jpg

This portion of Scripture will be read in synagogues all over the world this Shabbat (Saturday). Please read it along with us.

NASO (Elevate/Lift Up)

Torah Portion: Numbers 4:21-7:89

Haftarah (Prophetic) Portion: Judges 13:2-25

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Ephesians 1:1-23, Acts 21:17-26

“The LORD spoke to Moses, saying, ‘Take a census of the sons of Gershon also, by their fathers’ houses and by their clans.’” (Numbers 4:21-22)

Last week, in Parasha Bamidbar, a census was taken of the Israelite men of draftable age. The Levites, who were given the duty to serve in the Sanctuary in the place of Israel’s firstborn, were excluded.

The title of this week’s Parasha, Naso, means lift up or elevate. It was the term used to take a head count (census) of the children of Israel. In the Hebrew it reads, “Lift up the heads” (נָשֹׂא אֶת רֹאשׁ – naso et rosh).

This week, the headcount of the Israelites is completed with a census of the Levites who are between the ages of 30 and 50. They are to do the work of transporting the  Mishkan (Tabernacle).

Besides discussing the duties of the Levites, this Scripture portion also provides the law of the nazir, or Nazirite, and the Aaronic Benediction (Birkat Kohanim – ברכת כהנים), more commonly known as the Priestly blessing.

priestly_blessing

The Nazirite Vow

“Speak to the children of Israel, and say to them: ‘When either a man or woman consecrates an offering to take the vow of a Nazirite, to separate himself to the Lord, he shall separate himself from wine and similar drink; he shall drink neither vinegar made from wine nor vinegar made from similar drink; neither shall he drink any grape juice, nor eat fresh grapes or raisins.” (Numbers 6:2-3)

A man or woman who vows to abstain from cutting their hair, touching a corpse, and eating grapes and grape products, including drinking wine, is called a Nazirite, or Nazir (נָזִיר) in Hebrew.

The word comes from the root NZR (נזר), which means to dedicate or separate oneself (as in keeping oneself separate from grapes and wine). Another word from the same root is nezer (נֵזֶר), which means crown, consecration, and separation.

We can see the intersection of these ideas in Numbers 6:7-8, which discusses the Nazir. It reads, “They must not make themselves ceremonially unclean … because the symbol of their dedication [crown (nezer – נֵזֶר)] to God is on their head. Throughout the period of their dedication [nezer], they are consecrated [kadosh / holy] to the LORD.” (Numbers 6:7-8)

Through this vow, the layman’s status was raised to something approaching the status of priest.

This level of sanctity is seen in that, like the High Priest, the Nazirite could not contaminate him or herself by coming into contact with a corpse, even one of an immediate family member. As well, the Nazirite abstains from intoxicants more stringently than the priests, who abstain only during their term in the Sanctuary. Moreover, the focus of sanctity for both the Nazirite and High Priest is their head (compare Numbers 6:7 to Exodus 29:7 and Leviticus 21:10).

Although most people are not to stay separate or aloof from society but, rather, to bring holiness into the world in which we live, Nazirites are allowed to do so.

Amos underlines the holiness of the Nazirites, connecting them to prophets: “I set up prophets from your sons and Nazirites from your young men.” (Amos 2:11)

The rabbis believe that in the Messianic Era, there will be no need for separation from worldly matters since they will no longer negatively impact us. Instead, since all will abound in peace and beauty, our single-minded focus will be to know God, to love, serve, and worship Him forever. This will fulfill the holiness of the Nazirite vow.

Jewish people pray for the coming of that Messianic era and God’s salvation (in Hebrew, Yeshua – יְשׁוּעָה) every day. They say in their daily prayers, “Every day (and all day long) we hope for Your salvation”; or in the version of the Thirteen Principles of the Faith, they pray: “I await his coming every day.”

Please pray for the salvation of the Jewish people who wait with longing each day for the coming of the Messiah.

The Birkat Kohanim: Priestly Blessing

In this Parasha, God commands the Kohanim (Jewish High Priests / descendants of Aaron, brother of Moses) to impart a blessing (Numbers 6:24-26) called the Birkat Kohanim to the people of Israel through the following three-part benediction:

The LORD bless you and guard you.

The LORD make His face shed light upon you and be gracious unto you.

The LORD lift up His face unto you and give you peace.

To impart this blessing, the priests lift their hands with palms outstretched and facing downwards.

While the Sephardic communities today simply raise their hands above their heads and separate their fingers with their arms outstretched, Ashkenazi communities see the hands of the Kohanim forming windows through which the blessings flow, as explained in the Midrash (Jewish commentary).

The Midrash compares this stance with a passage in the Song of Songs, which suggests that God’s Shekhinah (Divine Presence) stands behind the Kohanim who bless the people:

“… therefore the priests spread their palms, to say that the Holy One stands behind us. And so it is written: ‘There He stands behind our wall, gazing through the window, peering through the lattice.’ (Song of Songs 2:9) ‘Gazing through the window’, through the fingers of the priests; ‘peering through the lattice’, when they spread their palms, therefore it says ‘Thus shall you bless them.’” (Tanhuma (Buber) Parashat Naso, Article 15, cited by netivot-shalom)

 

Aaronic Blessing
Birkat Kohanim

The Difference Between Prayers and Blessings

“The prayer of a righteous person is powerful and effective.” (James 5:16)

The rabbis make a distinction between blessing and prayer.

The blessing of a tzadik (righteous man) imparts to us whatever God has intended for our life.

For example, when Jacob blessed his grandchildren, Menasheh and Ephraim, Jacob crossed his hands to give the greater blessing to Ephraim rather than Menasheh. This was not his personal decision; he was being guided by Adonai to give the blessing He intended for these particular tribes.

Prayer, however, can also change circumstances for the better. It can cause a sick person to recover, a single person to find their bashert (chosen match), and a person plagued by poverty to have their needs met.

The Birkat Kohanim, however, acts as both a blessing and a prayer. The Kohanim bless us with God’s peace, protection, favor, and grace; but as a prayer, it can also change our circumstances for the better.

Pronouncing the Blessing Today

“And He took the children in His arms, placed His hands on them and blessed them.” (Mark 10:16)

Because their lineage has been preserved over thousands of years, the Kohanim still stand up to bless the people in synagogues and Jewish communities all over the world.

In Israel, the Western Wall Plaza is packed with people who come at special festival times to receive the Aaronic Benediction from the Kohanim in Jerusalem.

Although the blessing comes through the raised hands of the Kohanim, God makes it clear that it is His blessing being transmitted through the Priests as His chosen vessels.  

God said, “So they shall put My name on the children of Israel, and I will bless them.” (Numbers 6:27)

Not only did God place His name on the hands of the Kohanim, He also engraved the names of the children of Israel on the palms of His hands (Isaiah 49:16).

This blessing continues to be recited today in Jewish families.

In the Brit Chadashah (New Covenant), we see that blessings are also imparted through hands. Believers in Yeshua also have the power to bless and even heal by the laying on of hands.

“They will be able to handle snakes with safety, and if they drink anything poisonous, it won’t hurt them. They will be able to place their hands on the sick, and they will be healed.” (Mark 16:18)

Many Messianic congregations pronounce the Birkat Kohanim, blessing those assembled in their services. Ultimately, the Birkat Kohanim is about experiencing intimacy with God. May our lives be a living testimony of this intimacy, of a people with holy hands and sanctified hearts and heads who carry with them the Presence of the God of Israel.

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti al nostro studio della Porzione di Torah di questa settimana, che viene chiamata Naso (Sollevare o Elevare). Questa parte della Scrittura Biblica sarà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante questo Shabbat (Sabato). Per favore leggete insieme a noi.

NASO (Elevare / Alzare)

Porzione di Torah: Numeri 4:21-7:89 

Porzione dell’Haftarah (Porzione Profetica): Giudici 13:2-25 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Efesini 1:1-23, Atti 21:17-26

“Adonai parlò a Mosè, dicendo: ‘Prendi anche un censimento dei figli di Gherson, dalle case dei loro padri e dai loro clan”. (Numeri 4:21-22)

La scorsa settimana, nella Parasha Bamidbar, è stato fatto un censimento degli uomini Israeliti in età da combattimento. I Leviti, a cui fu dato il compito di servire nel Santuario nel luogo del primogenito di Israele, furono esclusi da tale censimento. Il titolo della Parasha di questa settimana, Naso, significa alzare o elevare. Era il termine usato per conteggiare (fare un censimento) dei figli di Israele. In Ebraico si legge “Alzare la testa” (נָשֹׂא אֶת רֹאשׁ – naso et rosh).

Questa settimana, l’organico degli Israeliti è completato con un censimento dei Leviti che hanno un’età compresa tra i 30 ei 50 anni. Questi devono trasportare il Mishkan  (Tabernacolo). Oltre a discutere le funzioni dei Leviti, questa parte della Scrittura Biblica fornisce anche la legge del nazir, o Nazireo, e la Benedizione di Aaronne (Birkat Kohanim  ברכת כהנים), più comunemente conosciuta come Benedizione Sacerdotale.

Il Voto Nazireo 

“Parla ai figli d’Israele e di’ loro: Quando un uomo o una donna farà un voto speciale, il voto di Nazireato, per consacrarsi all’Eterno si asterrà dal vino e dalle bevande inebrianti; non berrà aceto fatto di vino, né aceto fatto di bevanda inebriante; non berrà alcun succo di uva e non mangerà uva, né fresca né secca.” (Numeri 6:2-3)

Un uomo o una donna che giura di astenersi dal tagliarsi i capelli, toccare un cadavere e mangiare uva e prodotti a base di uva, incluso bere vino, è chiamato Nazireo, o Nazir (נָזִיר) in Ebraico. La parola deriva dalla radice NZR (נזר), che significa dedicare o separare se stessi (come nel tenersi separati dall’uva e dal vino). Un’altra parola dalla stessa radice è nezer (נֵזֶר), che significa corona, consacrazione, e separazione.

Possiamo vedere l’interconnessione tra queste idee in Numeri 6:7-8, in cui si parla del Nazir. Si legge, “Non devono rendersi cerimoniosamente impuri … perché il loro simbolo dedizione [corona (nezer – נֵזֶר)a Adonai è sulla loro testa. Per tutto ilperiodo della loro dedizione [nezer], loro sono consacrati [kadosh/santiad Adonai.” (Numeri 6:7-8)

Attraverso questo voto, lo status del laico è stato elevato a qualcosa che si avvicina allo status di sacerdote.

Questo livello di santità è visto in questo, come il Sommo Sacerdote, e il Nazireo non poteva contaminare se stesso entrando in contatto con un cadavere, nemmeno con uno di un parente stretto. Inoltre, il Nazireo si astiene dalle sostanze intossicanti più severamente dei sacerdoti, che si astengono solo durante il loro mandato nel Santuario. Inoltre, il fulcro della santità sia per i Nazirei che per i sommi sacerdoti è la loro testa (confronta Numeri 6:7 con Esodo 29:7 e Levitico 21:10).

Sebbene la maggior parte delle persone non rimanga separata o distaccata dalla società ma, piuttosto, per portare la santità nel mondo in cui viviamo, i Nazirei sono autorizzati a farlo.

Amos sottolinea la santità dei Nazirei, collegandoli ai profeti: “Feci sorgere alcuni profeti tra i vostri figli e Nazirei fra i vostri giovani. Non è forse così, o figli d’Israele?”: dice l’Eterno. (Amos 2:11)

I rabbini credono che nell’era Messianica non ci sarà bisogno di separarsi dalle questioni mondane poiché queste non avranno più un impatto negativo su di noi. Invece, dal momento che tutto abbonderà in pace e bellezza, il nostro obiettivo a distanza unica sarà conoscere Dio, amare, servire e adorarlo per sempre. Ciò realizzerà la santità del voto Nazireo.

Le persone Ebree pregano per la venuta di quell’era Messianica e per la salvezza di Adonai (in Ebraico, Yeshuah -יְשׁוּעָה) ogni giorno. Dicono nelle loro preghiere quotidiane: “Ogni giorno (e tutto il giorno) speriamo nella tua salvezza”; o nella versione dei Tredici Principi della Fede, pregano: “Aspetto che venga ogni giorno”.

Per favore, pregate per la salvezza del popolo Ebreo che aspetta con ansia ogni giorno la venuta del Messia.

Il Birkat Kohanim: Benedizione Sacerdotale

In questa Parasha, Adonai comanda i Kohanim (alti sacerdoti Ebrei / discendenti di Aaronne, fratello di Mosè) di impartire una benedizione (Numeri 6:24-26) chiamata il Birkat Kohanim pregata sul popolo di Israele attraverso la seguente benedizione in tre parti:

Adonai ti benedica e ti custodisca.

Adonai faccia risplendere il Suo volto su di te e ti sia propizio.

Adonai rivolga il Suo volto su di te e ti dia la pace. 

Per impartire questa benedizione, i sacerdoti sollevano le mani con i palmi distesi e rivolti verso il basso. Mentre le comunità Sefardite oggi alzano semplicemente le mani sopra le loro teste e separano le loro dita con le braccia distese, le comunità Ashkenazite vedono le mani dei Kohanim formare finestre attraverso le quali scorrono le benedizioni, come spiegato nel Midrash (commentario Ebraico). 

Il Midrash paragona questa posizione con un brano del Cantico dei Cantici, che suggerisce quello della Shekhinah (Presenza Divina) di Adonai che sta dietro i Kohanim che benedicono le persone:

“… quindi i sacerdoti spalancarono i palmi delle mani, per dire che il Santo è dietro di noi. E così è scritto: “Lì sta dietro il nostro muro, guardando attraverso la finestra, sbirciando attraverso il reticolo”. (Cantico dei Cantici 2:9) ‘Guardare attraverso la finestra’, attraverso le dita dei sacerdoti; ‘scrutando attraverso il reticolo, quando si allargano i palmi, viene detto ‘Così li benedirai.’” (Tanhuma (Buber) Parashat Naso, articolo 15, citato da netivot-shalom)

La Differenza tra Preghiere e Benedizioni

“molto può la supplicazione del giusto, fatta con efficacia.” (Giacomo 5:16)

I rabbini fanno una distinzione tra benedizione e preghiera.

La benedizione è pronunciata da uno Tzadik (uomo giusto) che comunica ciò che Adonai ha voluto per la nostra vita. Per esempio, quando Giacobbe benedisse i suoi nipoti, Menasheh ed Ephraim, Giacobbe incrociò le mani per dare la benedizione maggiore a Efraim piuttosto che a Menasheh. Questa non era la sua decisione personale; fu guidato da Adonai nel dare la benedizione che desiderava per queste particolari tribù.

La preghiera, tuttavia, può anche cambiare le circostanze per il meglio. Può far guarire una persona malata, una persona sola può trovare la propria bashert  (anima gemella) e una persona afflitta dalla povertà può ricevere soddisfazione ai propri bisogni.

Il Birkat Kohanim, tuttavia, agisce sia come una benedizione sia come una preghiera. I Kohanim ci benedice con la pace, la protezione, il favore e la grazia di Adonai; ma come preghiera, essa può anche cambiare le nostre circostanze per il meglio.

Pronunciare la Benedizione Oggi

“E, presili in braccio, li benedisse, imponendo loro le mani”. (Marco 10:16)

Poiché il loro lignaggio è stato preservato per migliaia di anni, i Kohanim continuano a benedire la gente nelle sinagoghe e nelle comunità Ebraiche di tutto il mondo.

In Israele, il muro occidentale è pieno di persone che vengono in occasioni speciali per ricevere la Benedizione di Aaronne da parte dei Kohanim a Gerusalemme.

Sebbene la benedizione venga attraverso le mani sollevate dei Kohanim, Adonai lo rende chiaro che è la Sua benedizione che viene trasmessa attraverso i sacerdoti come i Suoi vasi scelti.  

Adonai disse, “Così metteranno il mio nome sui figli d’Israele e li benedirò”.  (Numeri 6:27)

Adonai non solo ha posto il Suo nome sulle mani dei Kohanim, ha anche inciso i nomi dei figli di Israele sui palmi delle Sue mani (Isaia 49:16).

Questa benedizione continua ad essere recitata oggi nelle famiglie Ebraiche.

Nel Brit Chadashah (Nuova alleanza/Nuovo Patto), vediamo che le benedizioni vengono impartite anche attraverso le mani. I credenti in Yeshua hanno anche il potere di benedire e persino di guarire con l’imposizione delle mani.

“Prenderanno in mano dei serpenti anche se berranno qualcosa di mortifero, non farà loro alcun male; imporranno le mani agli infermi, e questi guariranno”. (Marco 16:18)

Molte congregazioni messianiche pronunciano il Birkat Kohanim, benedicendo coloro che sono riuniti nei loro culti. In definitiva, il Birkat Kohanim parla dell’esperienza intima con Adonai. Che le nostre vite siano una testimonianza vivente di questa intimità, di un popolo con mani sante e cuori e teste sante che portano con sé la Presenza del Dio di Israele.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s