Torah Portion Bamidbar / Porzione di Torah Bamidbar

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

01_bamidbar.jpg

BAMIDBAR (In the Wilderness)

Torah Portion: Numbers 1:1-4:20

Haftarah (Prophetic) Portion: Hosea 1:10-2:20 [2:1-2:22 in Hebrew Bible]

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Romans 15:1-7, 1 Corinthians 12:12-20

“Adonai spoke to Moses in the Sinai Desert [Bamidbar].” (Numbers 1:1)

Last week, we finished studying the Book of Leviticus with Parasha Bechukotai.

This week’s Torah study begins the fourth of the five books of Moses, Bamidbar, which means in the desert or wilderness. While this name is taken from the fifth Hebrew word in verse one, it reflects one of the themes of this book.

The Counting of the Army

Bamidbar is called “Numbers” in English because the first four chapters mention censuses of Israelites, the first of which number the men who are able to bear arms. An older Hebrew name for Bamidbar, Sefer Hapikudim (Book of the Countings), also reflects this theme of counting.

In chapter one of Bamidbar, the Israelites are still camped at Mount Sinai after having received the law, built the Tabernacle, and having been instructed in worship. Now, before they move forward to the Promised Land, they must be prepared for the threats that await on the journey.

The Lord commands Moses to take a census of all Israelite males able to bear arms from ages twenty and up.

“And so he counted them in the Desert of Sinai.” (Numbers 1:19)

The census results reveal that the Israelites are mighty in number. The men capable of battle are listed by tribe, totaling 603,550 men:

  • Reuben: 46,500
  • Simeon: 59,300
  • Gad: 45,650
  • Judah: 74,600
  • Issachar: 54,400
  • Zebulun: 57,400
  • Ephraim: 40,500
  • Manasseh: 32,200
  • Benjamin: 35,400
  • Dan: 62,700
  • Asher: 41,500
  • Naphtali: 53,400 

The Elite Service of the Levites

“In that day the Root of Jesse will stand as a banner for the peoples; the nations will rally to Him, and His resting place will be glorious.” (Isaiah 11:10)

The Levites are not counted in the census since they are not to be conscripted into the military. The Levites, who are descendants of Aaron, are anointed as priests and given priestly duties (Exodus 28:1, 29:9).

Those Levites who do not descend from Aaron function in subordinate roles to the Aaronite priests as their servants. These Levites replace the firstborn sons of Israel who were originally given this task, but they lost that privilege due to their worship of the Golden Calf. The Levites, however, remained faithful during that time and earned God’s favor. (Exodus 13:2, 13:11-13, 32:25-26; Numbers 3:12-13)

As servants to the priests, the Levites are placed in charge of the furnishings and structure of the Tabernacle, taking it down, carrying it, and setting it back up as the Israelites moved through the wilderness.

This is such a holy assignment that only the Levites are allowed to approach the Tabernacle. Any unauthorized person coming near would be punished with death. (Numbers 1:47-51)

The Levites are also required to set up their tents around the Tabernacle (not in one location as the other tribes). They form a barrier to prevent the Israelites from coming too close to the Tabernacle, which would cause the wrath of God to fall upon the Israelite camp. (Numbers 1:53)

All Israelites are to camp at a specified distance from the Tent of Meeting, far enough away to protect the holiness of the Tabernacle and yet close enough for the Israelites to walk to the meetings.

“The Lord said to Moses and Aaron: ‘The Israelites are to camp around the Tent of Meeting some distance from it, each of them under their standard and holding the banners of their family.’” (Numbers 2:1-2)

According to Divine placement, the 12 tribes of Israel camp beyond the Levite circle in four groups of three tribes each:

  • Judah, Issachar, and Zebulun to the East
  • Reuben, Simeon, and Gad to the South;
  • Ephraim, Manasseh, and Benjamin to the West;
  • Dan, Asher, and Naphtali to the North.

Because light comes from the East, that is where Moses, Aaron, and his sons camp, since they are great, holy men responsible for carrying the light of God to the nation.

Each tribe has its own prince or leader (nasi / Numbers 2:3) and distinctive flag  or  banner (degel Numbers 2:2) with its own particular tribal emblem and color. The colors are thought to correspond to the precious stones on the breastplate of the High Priest (Cohen HaGadol).

These symbols are considered a sign of God’s great love for each tribe of Israel, as it says in the Song of Songs: “His banner [degel] over me is love.” (Numbers 2:4)

Even while traveling, the Israelites kept to their particular formation around the Tabernacle. According to Rabbinic commentary (Midrash), that formation allowed Korah (a Levite) to conspire with Datan, Abiram, and On (Reubenites) mutiny against the leadership of Moses (Numbers 16:1).

Since they lived in close proximity on the south side of the Tabernacle, they used the opportunity to stir up a rebellion.

Of course, this is a perfect illustration of the importance of carefully choosing our companions. The Bible teaches us that bad company corrupts good character (1 Corinthians 15:33).

Haftarah Prophetic Portion: United Under One Authority

“Yet the number of the children of Israel shall be as the sand of the sea, which cannot be measured nor numbered.” (Hosea 1:10)

Usually there is a common theme between the Parasha and the corresponding Haftarah (prophetic portion).

The connection in today’s study from the Book of Hosea (Hosea 1:10-2:20) is the wilderness and the numbering of the people of Israel. Hosea, in fact, prophesies that Israel’s numbers will grow in number like the sand of the sea.

Hosea prophesies that the two houses of Judah and Israel will eventually be re-unified in the Messianic Era under a single leader, as also foreseen by Daniel, Isaiah, Ezekiel, and Zechariah, among other prophets and writers. (Daniel 7:13-14; Isaiah 9:6-7, 11:1-16; Ezekiel 37:15-28; Zechariah 14)

This leader is Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah).

“And the children of Judah and the children of Israel shall be gathered together, and they shall appoint for themselves one head. And they shall go up from the land, for great shall be the day of Jezreel.” (Hosea 1:11, also 3:35)

Because of this theme of assembling together in unity under one head, this portion is read before Shavuot, the time when according to tradition all the children came as one people to receive the Torah at Mount Sinai.

Likewise, at Shavuot (Pentecost), the disciples of Yeshua waited in unity of mind, heart, and purpose for the coming of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit). (Acts 1:14)

There is an anointing and blessing when we gather together in unity with those who love God.

“How good and pleasant it is when God’s people live together in unity! It is like precious oil poured on the head, running down on the beard, running down on Aaron’s beard, down on the collar of his robe. It is as if the dew of Hermon were falling on Mount Zion. For there the Lord bestows his blessing, even life forevermore.” (Psalm 133)

Redemption and Marriage

In this prophetic book, which is the first of the Trei Asar (Twelve Prophets), God uses Hosea’s marriage to a prostitute as a real-life parable to reveal His great love for Israel.

After Hosea’s wife bears him children, the Lord tells Hosea to send his wife and children away.

Hosea's unfaithful wife.jpg
Hosea’s Wife / La Moglie di Osea

Hosea obeys, but declares his love for them, despite his wife’s straying. Through this dispersion of his family, Hosea comes to understand God’s absolute commitment to Israel despite her straying. With this insight, Hosea rebukes Israel for engaging in adulterous affairs with pagan deities and being an unfaithful spouse to the Lord.

And yet, just as Hosea takes back his wife who was a harlot, God promises to take back His unfaithful wife, Israel. He promises that the Jewish people will repent and be betrothed to Him forever.

“I will betroth you to Me forever; I will betroth you in righteousness and justice, in love and compassion. I will betroth you in faithfulness, and you will acknowledge the LORD.” (Hosea 2:19-20)

This concluding passage of the Haftarah is a wonderful prophecy of redemption, which is recited by Orthodox Jewish men each morning as they put on the tefillin (phylacteries). This traditional wrapping of the leather straps around the man’s fingers is similar to a groom placing the wedding ring upon his bride. It is meant to be symbolic of the betrothal of God and Israel.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Shabbat Shalom!

BAMIDBAR (Nel Deserto)

Porzione di Torah: Numeri 1:1-4:20 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Osea 1:10-2:20 [2:1-2:22 nella Bibbia Ebraica] 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento / Nuovo Patto): Romani 15:1-7, 1 Corinzi 12:12-20

(Numeri 1:1) “Adonai parlò a Mosè nel deserto del Sinai [Bamidbar]”, nella tenda di convegno, il primo giorno del secondo mese, nel secondo anno dalla loro uscita dal paese d’Egitto, e disse”

La scorsa settimana, abbiamo finito di studiare il Libro del Levitico con la Parasha Bechukotai. Lo studio della Porzione di Tora di questa settimana inizia il quarto dei cinque libri di Mosè, Bamidbar, che significa nel deserto. Mentre questo nome è preso dalla quinta parola Ebraica nel primo versetto, esso riflette uno dei temi di questo libro.

Il Conteggio dell’Esercito

Bamidbar è chiamato “Numeri” in Italiano perché i primi quattro capitoli menzionano i censimenti degli Israeliti, il primo dei quali comprende gli uomini che sono in grado di portare le armi. Un vecchio nome Ebraico che sta per Bamidbar, è Sefer Hapikudim  (Libro dei Conti), esso riflette il tema del conteggio.

Nel primo capitolo di Bamidbar, gli Israeliti sono ancora accampati sul monte Sinai dopo aver ricevuto la legge, costruito il Tabernacolo e ricevuto istruzioni per l’adorazione. Ora, il popolo che si muove verso la Terra Promessa, deve prepararsi alle minacce che attendono il viaggio. Adonai comanda a Mosè di censire tutti i maschi Israeliti in grado di portare armi a partire dai venti anni di età.

“Come Adonai aveva ordinato a Mosè, egli ne fece il censimento nel deserto del Sinai.” (Numeri 1:19)

I risultati del censimento rivelano che gli Israeliti di età superiore ai 20 anni sono in numero considerevole. Gli uomini in grado di combattere sono elencati per tribù, per un totale di 603.550 uomini:

  • Reuben: 46,500
  • Simeon: 59.300
  • Gad: 45,650
  • Giuda: 74.600
  • Issachar: 54.400
  • Zebulun: 57.400
  • Efraim: 40.500
  • Manasse: 32.200
  • Benjamin: 35.400
  • Dan: 62.700
  • Asher: 41.500
  • Neftali: 53.400 

Il Servizio di Elite dei Leviti

“In quel giorno avverrà che la radice di Issai si ergerà come una bandiera per i popoli; le nazioni lo cercheranno, e il luogo del suo riposo, sarà glorioso.” (Isaia 11:10)

I Leviti non solno conteggiati nel censimento poiché non devono essere arruolati nell’esercito. I Leviti, che sono discendenti di Aaronne, sono consacrati come sacerdoti e ricevono compiti sacerdotali (Esodo 28:1, 29:9).

Quei Leviti che non discendono da Aaronne hanno ruoli subordinati ai sacerdoti di Aaronne come loro servitori. Questi Leviti sostituiscono i primogeniti figli di Israele a cui originariamente fu dato questo compito, ma che persero quel privilegio a causa della loro adorazione del vitello d’oro. I Leviti, tuttavia, rimasero fedeli durante il tempo e guadagnarono il favore di Adonai. (Esodo 13:2, 13:11-13, 32:25-26; Numeri 3:12-13)

Come servi dei sacerdoti, i Leviti erano incaricati degli arredi e della struttura del Tabernacolo, trasportandolo e rimettendolo a posto mentre gli Israeliti si muovevano attraverso il deserto. Questo è un compito così sacro che solo ai Leviti è permesso avvicinarsi al Tabernacolo. Qualsiasi persona non autorizzata che si avvicina sarà colpita dalla morte. (Numeri 1:47-51)

Ai Leviti è anche richiesto di sistemare le loro tende attorno al Tabernacolo (non nella stessa posizione così come per le altre tribù). Essi costituiscono una barriera per impedire agli Israeliti di avvicinarsi troppo al Tabernacolo, il che farebbe cadere l’ira di Adonai sul campo degli Israeliti. (Numeri 1:53)

Tutti gli Israeliti devono accamparsi a una distanza specificata dalla tenda del convegno, abbastanza lontano da proteggere la santità del Tabernacolo e tuttavia abbastanza vicino da permettere agli Israeliti di raggiungere gli incontri.

“Adonai parlò ancora a Mosè e ad Aaronne, dicendo: ‘I figli d’Israele si accamperanno ciascuno vicino alla sua bandiera sotto le insegne della casa dei loro padri; si accamperanno tutt’intorno alla tenda di convegno, ma ad una certa distanza.’” (Numeri 2:1-2)

Secondo il collocamento dato da Adonai, le 12 tribù di Israele si accampano oltre il cerchio Levita in quattro gruppi di tre tribù:

  • Giuda, Issachar e Zabulon ad Oriente
  • Ruben, Simeone e Gad a Sud;
  • Efraim, Manasse e Benjamin ad Occidente;
  • Dan, Asher e Naphtali a Nord.

Poiché la luce viene dall’Oriente, è qui che si accampano Mosè, Aronne e i suoi figli, poiché sono grandi uomini santi responsabili di portare la luce di Adonai alla nazione di Israele.

Ogni tribù ha il Suo Principe o Capo (nasi / Numeri 2:3) e distintiva bandiera o stendardo (degel / Numeri 2:2) con i suoi possedimenti descritti attraverso un particolare emblema e colore tribale. Si pensa che i colori corrispondano alle pietre preziose sulla corazza del Sommo Sacerdote (Cohen HaGadol).

Questi simboli sono considerati un segno del grande amore di Adonai per ogni tribù di Israele, come dice il Cantico dei Cantici: “Mi ha condotto nella casa del banchetto, e il suo vessillo [Degel] su di me è amore.” (Cantico dei Cantici 2:4).

Anche mentre viaggiavano, gli Israeliti mantenevano la loro particolare formazione attorno al Tabernacolo. Secondo il commento rabbinico (Midrash), quella formazione permise a Korah (un Levita) di cospirare l’ammutinamento di Datan, Abiram e On (Rubeniti) contro la guida di Mosè (Numeri 16:1).

Dal momento che vivevano nelle immediate vicinanze sul lato meridionale del Tabernacolo, essi hanno colto l’occasione per suscitare una ribellione del popolo contro Mosè. Naturalmente, questo è un esempio perfetto dell’importanza di scegliere con cura i nostri compagni. La Bibbia ci insegna che la cattiva compagnia corrompe il buon carattere (1 Corinzi 15:33).

Haftarah Porzione Profetica: Uniti Sotto un’Unica Autorità

“Tuttavia il numero dei figli d’Israele sarà come la sabbia del mare, che non si può misurare né contare. E avverrà che invece di essere detto loro: “Voi non siete mio popolo” sarà loro detto: “Siete figli del Dio vivente” (Osea 1:10)

Di solito c’è un tema comune tra la Parasha e la corrispondente Haftarah (Parte Profetica). La connessione dello studio di oggi della Parasha nella Porzione Profetica è nel libro di Osea (Osea 1:10-2:20) e descrive il deserto e la numerazione del popolo di Israele. Osea, infatti, profetizza che il numero di Israele crescerà di numero come la sabbia del mare. Osea profetizza che le due case di Giuda e Israele alla fine saranno riunificate nell’era messianica sotto un unico capo, come previsto anche dai profeti Daniele, Isaia, Ezechiele e Zaccaria, tra gli altri profeti e scrittori. (Daniele 7:13-14; Isaia 9:6-7, 11:1-16; Ezechiele 37:15-28; Zaccaria 14). Questo capo è Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia).

“Quindi i figli di Giuda e i figli d’Israele si riuniranno insieme, nomineranno per se stessi un unico capo e saliranno fuori dal paese, perché grande sarà il giorno di Jezreel”. (Osea 1:11, anche 3:35)

A causa di questo tema, riunendosi in unità sotto un solo capo, questa parte della Porzione di Haftarah viene letta prima di Shavuot, nel tempo in cui secondo la tradizione tutto il popolo di Israele veniva in unità a ricevere la Torah sul Monte Sinai. Allo stesso modo, a Shavuot (Pentecoste), i discepoli di Yeshua attesero in unità di mente, cuore e scopo la venuta del Ruach HaKodesh (Spirito Santo). (Atti 1:14)

C’è unzione e benedizione quando ci riuniamo in unità con coloro che amano Adonai.

“Canto dei pellegrinaggi. Di Davide. Ecco, quanto è buono e quanto è piacevole, che i fratelli dimorino assieme nell’Unità! È come l’Olio prezioso sparso sul capo, che scende sulla barba di Aaronne, che scende fino all’Orlo delle sue vesti. È come la rugiada dell’Hermon, che scende sui monti di Sion, perché è là che l’Eterno ha posto la benedizione, la vita in eterno.” (Salmo 133)

Redenzione e Matrimonio

In questo libro profetico, che è il primo di Trei Asar (Dodici profeti), Adonai usa il matrimonio di Osea con una prostituta come parabola della vita reale per rivelare il Suo grande amore per Israele. Dopo che la moglie di Osea gli porta figli, Adonai dice ad Osea di mandare via moglie e figli. Osea obbedisce, ma dichiara il suo amore per loro, nonostante la moglie si allontani. Attraverso questa dispersione della sua famiglia, Osea arriva a comprendere l’assoluto impegno di Adonai nei confronti di Israele, nonostante il suo allontanamento. Con questa intuizione, Osea rimprovera Israele per essersi impegnato in affari adulteri con divinità pagane ed essere una sposa infedele ad Adonai. Eppure, proprio mentre Osea riprende sua moglie che era una prostituta, Adonai gli promette che riprenderà la Sua moglie infedele, Israele. Promette che il popolo Ebraico si pentirà e gli sarà promessa in sposa per sempre.

“Ti fidanzerò a me per l’eternità; sì, ti fidanzerò a me in giustizia, in equità, in benignità e in compassioni. Ti fidanzerò a me in fedeltà, e tu conoscerai l’Eterno.”(Osea 2:19-20)

Questo passaggio conclusivo dell’Haftarah è una meravigliosa profezia di redenzione, che ogni mattina viene recitata da uomini Ebrei Ortodossi mentre indossano i tefillin (filatteri). Questo tradizionale avvolgimento delle cinghie di cuoio attorno alle dita dell’uomo è simile a quello di uno sposo che mette l’anello nuziale sulla Sua sposa. È pensato per essere il simbolo del fidanzamento di Adonai e Israele.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

 

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s