Torah Portion Behar-Bechukotai / Porzione di Torah Behar-Bechukotai

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Torah study, Behar-Bechukotai (On the Mount-By My Decrees), two Torah readings that are combined to accommodate the number of Sabbaths in this calendar year.

Behar-Bechukotai (On the Mount-By My Decrees)

Behar Bechuchotai.jpg

Torah Portion: Leviticus 25:1-27:34; Haftarah (Prophetic) Portion: Jeremiah 16:19-17:14, 32:6-27; Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Matthew 21:33-46, Luke 4:16-21, John 14:15-21, 15:10-12

“The LORD said to Moses at Mount Sinai, “Speak to the Israelites and say to them:” (Leviticus 25:1-2)

Last week, in Parasha Emor, God called the Kohen (priests) to live lives that expressed a greater measure of holiness. It also described seven essential festivals that are fundamental to Israel’s walk with the LORD.

In this week’s Torah portion, God gives to Moses the laws concerning the Shemitah or Sabbatical year.

The Year of the Shemitah

shmita-year-israel.jpg

God commands Israel to observe the Shemitah every seventh year, a Sabbath for the land. According to these laws, crops are not to be planted, tended, or harvested, and all agricultural activity is prohibited, although anyone can eat what the land produced naturally.

Israel observes this commandment today; our last Shemitah year ended on September 13, 2015 (the year 5775 on the Hebrew calendar). 

If you had been traveling down the highway from Jerusalem to Tel Aviv during that year, you would have seen signs posted in several overgrown fields along the side of the road saying (in Hebrew), “We observe the Shemitah year here.”

Of course, this Shemitah rest parallels God’s rest after creating the universe, as well as the Shabbat.

In Judaism, “seven” signifies a completion as well as holiness. It is considered the “all-encompassing number that celebrates the sacred purpose of a Jew to infuse holiness into the whole of Creation.” (Jewish Wisdom in the Numbers)

The Land of Israel is to be the Holy Land. Our behavior toward one another should portray a holy people living in the Holy Land.

God warns His people not to cheat, defraud, or take advantage of one another and forbids them to charge interest on money loaned to a fellow Israelite. God wants us to deal fairly with each other and practice business integrity.

“Do not take advantage of each other, but fear your God. I am the LORD your God.” (Leviticus 25:17)

God also makes it clear that He holds the title deed to this land and does not give us the authority to sell it permanently.

We are only residents on this land that God has given us to live in as pilgrims and strangers. That means the leaders of Israel have no right to sell off portions of the land to the enemy in exchange for false promises of supposed peace.

“The land must not be sold permanently, because the land is Mine and you reside in My land as foreigners and strangers.” (Leviticus 25:23)

The Year of Jubilee

Jubilee.jpg

“Consecrate the fiftieth year and proclaim liberty throughout the land to all its inhabitants. It shall be a jubilee [יוֹבֵל Yovel] for you; each of you is to return to your family property and to your own clan.” (Leviticus 25:10)

After every seven cycles of seven years, in the fiftieth year, the shofar is to sound and the Yovel (יוֹבֵל) or Jubilee year is to be celebrated. Not only is the land to lie fallow, but also all debts are to be cancelled and all indentured servants are to return to their land and family.

year-of-jubilee.jpg

We serve a God of kindness and mercy, and His laws are for the good of all, even for the land itself.

Although some among the Jewish people might have endured a time of servitude, they were not to permanently remain in that situation. It is because God brought His people out of slavery in Egypt that no Israelite was to become a permanent slave of another. In the year of Jubilee, all were to be redeemed and released.

“I am the LORD your God, who brought you out of Egypt so that you would no longer be slaves to the Egyptians; I broke the bars of your yoke and enabled you to walk with heads held high.” (Leviticus 26:13)

In Judaism, 50 is the number of transcendence. It indicates a return to God and the emergence of a new creation.

Under the Brit Chadashah (New Covenant), which was sealed with the giving of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) on Shavuot (Pentecost) 50 days from Passover, Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah) became our spiritual Jubilee. In Him, all debts are cancelled. He has redeemed us from slavery to any kind of oppression and empowered us to walk in holiness with our heads held high. Halleluyah!

Living in the Blessings in the Holy Land

In the Bechukotai (In My Statutes) portion of this week’s reading, God promises a blessing upon the people if they obey His commandments in the Torah, but He warns of punishment, persecutions and even exile for disobeying them. He says: “If you walk in My statutes [Im bechukotay teileichu], I will give you your rains in their season, and the land shall yield its increase.” (Leviticus 26:3-4)

We must keep in mind that God does not willingly afflict or grieve us; He only does so when it is absolutely necessary to get our attention so we can see the error of our ways and, through His mercy, put our feet back on the right path.

“For if He causes grief, then He will have compassion according to His abundant lovingkindness. For He does not afflict willingly nor grieve the children of men.” (Lamentations 3:32-33)

One of the reasons that the Jewish people were sent into exile and the land lay barren was because they failed to keep the Sabbatical years.  

Therefore, God forced the people out so the land could finally enjoy its Sabbaths and make up for those it did not have when Israel lived there: “I will scatter you among the nations and will draw out my sword and pursue you. Your land will be laid waste, and your cities will lie in ruins. Then the land will enjoy its Sabbath years all the time that it lies desolate and you are in the country of your enemies; then the land will rest and enjoy its Sabbaths. All the time that it lies desolate, the land will have the rest it did not have during the Sabbaths you lived in it.” (Leviticus 26:33-35)

We, too, must be diligent to keep the Sabbath of the Lord and to rest on every seventh day, lest our bodies wear out and need an extended time out to make up for failing to keep the Sabbath day holy.

Despite there being severe consequences to not keeping God’s statutes, He promises to have mercy on the Jewish people even in exile; to remember His covenant with Abraham, Isaac and Jacob; and to remember the land: “Yet in spite of this, when they are in the land of their enemies, I will not reject them or abhor them so as to destroy them completely, breaking My covenant with them. I am the LORD their God. But for their sake I will remember the covenant with their ancestors whom I brought out of Egypt in the sight of the nations to be their God. I am the LORD.’” (Leviticus 26:44-45)

Twenty-five hundred years after God brought back the Jewish exiles in Babylon to the land of Israel, He is doing it again.

But some claim that the modern state of Israel is a nation made solely by the efforts of the League of Nations and the United Nation and not by the hand of God. Yet, we know from history that no one can bring God’s people out of exile until God makes it so. He brought them out of Egypt despite the hard heart of Pharaoh. He released the exiles in Babylon through the decree of King Cyrus after a specified time, which were both prophesied (Isaiah 44:28-45:1; Daniel 9:2).

In the 20th century, He brought His people home through the Balfour Declaration and the creation of the State of Israel in one day, which was also prophesied (Isaiah 66:8).

And God is continuing to enact a modern-day revival of Israel that has included miraculous victories in the 1948 War for independence, the Six Day War in 1967, and the Yom Kippur war in 1973.

Despite anti-Semitism, anti-Zionism, and anti-Israelism, Israel is still alive and vibrant. And it continues to be a blessing to the world despite the social, political, and physical attacks by her neighbors and by the world since her rebirth. When we examine all the “independent” events culminating in the formation of an independent Jewish state, we see that God will never allow the Jewish people to be destroyed completely, nor will He ever break His covenants with them.

Prophetic Portion: Trust in God Alone for Your Blessings

The Haftarah (prophetic portion) for this week (Jeremiah 16:19-17:14) continues with the theme of promised blessings for obedience and punishment for disobedience.

Because God alone is the One who grants freedom and blessings according to His covenants, the Prophet Jeremiah promises that those who place their trust in man will become desolate and alone: “Cursed is he who trusts in man, who makes mere flesh his strength, and turns his thoughts from the LORD.  He shall be like a bush in the desert.” (Jeremiah 17:5-6)

On the other hand, “blessed is the one who trusts in the LORD, whose confidence is in Him. They will be like a tree planted by the water that sends out its roots by the stream. It does not fear when heat comes; its leaves are always green. It has no worries in a year of drought and never fails to bear fruit.” (Jeremiah 17:7-8)

There is a sense of accountability in these blessings and curses; we are accountable for our actions, which have consequences. We are responsible, and this knowledge informs our choices and helps us move forward in our daily walk with the God of Israel.

This Haftarah ends with the beautiful proclamation that God alone is the hope of Israel, the source of life-giving water, our healer, and Savior. When we rely on and obey God, He will not fail us, and we will walk in the blessings.

“LORD, you are the Hope of Israel; all who forsake you will be put to shame. Those who turn away from you will be written in the dust because they have forsaken the LORD, the spring of living water. Heal me, LORD, and I will be healed; save me and I will be saved, for you are the one I praise.” (Jeremiah 17:13-14)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Shabbat Shalom!

Benvenuti allo studio della Porzione di Torah di questa settimana, Behar-Bechukotai  (Nel monte-I miei statuti), due Porzione di Torah che sono combinate per accogliere il numero di Shabbat nel calendario di quest’anno.

Behar-Bechukotai (Nel monte-I miei statuti)

Porzione di Torah: Levitico 25:1-27:34; Porzione di Haftarah (Profetica): Geremia 16:19-17:14, 32:6-27; Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento): Matteo 21:33-46, Luca 4:16-21, Giovanni 14:15-21, 15:10-12

“L’Eterno parlò ancora a Mosè sul monte Sinai, dicendo: ‘Parla ai figli d’Israele e di loro: Quando entrerete nel paese che io vi do, la terra osserverà un sabato di riposo per l’Eterno.” (Levitico 25:1-2)

La scorsa settimana, nella Parasha Emor, Adonai ha richiamato i Kohen (sacerdoti) a vivere una vita che esprimesse una maggiore misura di santità. Adonai descriveva inoltre sette feste essenziali che sono fondamentali per il cammino di Israele con Adonai. Nella Porzione della Torà di questa settimana, Adonai dà a Mosè le leggi riguardanti lo Shemitah o l’anno sabbatico.

L’anno dello Shemitah

Adonai comanda ad Israele di osservare lo Shemitah ogni settimo anno, un Sabato per la terra. Secondo queste leggi, le colture non devono essere piantate, coltivate o raccolte, e tutte le attività agricole sono proibite, sebbene chiunque possa mangiare ciò che la terra produce in modo naturale.

Israele osserva questo comandamento ancora oggi; il nostro ultimo anno dello Shemitah si è concluso il 13 settembre 2015 (l’anno 5775 nel calendario Ebraico).  

Se avessi viaggiato lungo l’autostrada da Gerusalemme a Tel Aviv durante quell’anno, avresti visto i segni affissi in diversi campi incolti lungo il lato della strada che dicevano (in Ebraico): “Osserviamo l’anno Shemitah qui”.

Ovviamente, l’anno di Shemitah va parallelamente al riposo di Adonai dopo aver creato l’universo, così come lo Shabbat.

Nel giudaismo, “sette” significa completamento e santità. È considerato il “numero onnicomprensivo che celebra il sacro proposito di un Ebreo di infondere la santità nell’intera Creazione”. (Saggezza Ebraica nei numeri)

La terra di Israele deve essere la Terra Santa. Il nostro comportamento reciproco dovrebbe rappresentare un popolo santo che vive in Terra Santa.

Adonai avverte il Suo popolo di non imbrogliare, frodare o sfruttare l’un l’altro e proibisce loro di addebitare interessi sul denaro prestato ad un altro Israelita. Adonai vuole che ci trattiamo equamente l’uno con l’altro ed esercitiamo l’integrità nei nostri affari.

“Nessuno di voi danneggi il suo vicino, ma temerai il tuo DIO; poiché io sono l’Eterno, il vostro DIO.” (Levitico 25:17)

Adonai chiarisce anche che Egli detiene l’atto di proprietà su questa terra e non ci autorizza a venderlo in modo permanente. Siamo solo residenti su questa terra che Adonai ci ha dato per vivere come pellegrini e stranieri. Ciò significa che i capi di Israele non hanno il diritto di vendere parti della Terra al nemico in cambio di false promesse di presunta pace.

“Le terre non si venderanno per sempre, perché la terra è mia; poiché voi siete forestieri e affittuari con me.” (Levitico 25:23)

L’anno del Giubileo

“E santificherete il cinquantesimo anno e proclamerete la libertà nel paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo [יוֹבֵל Yovel]; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e ognuno di voi tornerà nella sua famiglia.” (Levitico 25:10)

Dopo ogni sette cicli di sette anni, nel cinquantesimo anno, lo shofar deve suonare e lo Yovel (יוֹבֵל) o anno di Giubileo sarà celebrato. Non solo la terra è a riposo, ma anche tutti i debiti devono essere annullati e tutti i dipendenti a contratto devono tornare alla loro terra e famiglia.

Serviamo un Adonai di bontà e misericordia, e la Sua legge è per il bene di tutti, anche per la terra stessa. Anche se alcuni tra i pagani Ebrei avrebbero potuto sopportare un periodo di servitù, non dovevano rimanere permanentemente in quella situazione. Ciò poiché Adonai ha portato il Suo popolo fuori dalla schiavitù d’Egitto cosicché nessun Israelita sarebbe diventato uno schiavo permanente di un altro. Nell’anno del Giubileo, tutti dovevano essere riscattati e liberati.

“lo sono l’Eterno, il Signore vostro DIO, che vi ho fatto uscire dal paese d’Egitto, perché non foste più loro schiavi; ho spezzato il vostro giogo e vi ho fatto camminare la testa alta.”. (Levitico 26:13)

Nel giudaismo, 50 è il numero della trascendenza. Indica un ritorno ad Adonai e l’emergere di una nuova creazione. Sotto il Brit Chadashah (Nuova Patto/Testamento), che è stato suggellato con la consegna del Ruach HaKodesh (Spirito Santo) a Shavuot (Pentecoste) 50 giorni dalla Pasqua, Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia) è diventato il nostro Giubileo spirituale.  

Grazie a Lui, tutti i nostri debiti sono cancellati. Egli ci ha riscattati dalla schiavitù da qualsiasi tipo di oppressione e ci ha permesso di camminare in santità a testa alta. Halleluyah!

Vivere nelle benedizioni in Terra Santa

Nel Bechukotai (I miei statuti) Parte della Porzione di Torah di questa settimana, Adonai promette una benedizione sul Suo popolo se essi obbediranno ai Suoi comandamenti nella Tora, ma avverte della punizione, delle persecuzioni e dell’esilio per aver disobbedito ai comandamenti stessi. Lui dice:

“Se vi comportate secondo i miei statuti osservate i miei statuti [Im bèukotay teileichu], e li mettete in pratica, io vi darò le piogge nella loro stagione la terra darà i suoi prodotti e gli alberi della campagna daranno i loro frutti.” (Levitico 26:3-4)

Dobbiamo tenere a mente che Adonai non ci affligge o ci affligge volentieri; Lo fa solo quando è assolutamente necessario attirare la nostra attenzione in modo da poter vedere l’errore dei nostri modi e, attraverso la Sua misericordia, rimettere i piedi sulla retta via.

“ma, se affligge, avrà compassione, secondo la moltitudine delle sue misericordie, poiché non è volentieri che umilia ed affligge i figli degli uomini.” (Lamentazioni 3:32-33)

Una delle ragioni per cui la gente Ebrea fu mandata in esilio e la terra era sterile era perché non riuscirono a mantenere gli anni sabbatici. Pertanto, Adonai costrinse le persone a uscire in modo che la terra potesse finalmente godersi i suoi sabati e compensare quelli che non aveva quando Israele viveva lì: “Disperderò voi fra le nazioni e trarrò fuori la spada contro di voi; il vostro paese sarà desolato e le vostre città saranno deserte. Allora la terra godrà i suoi sabati per tutto il tempo in cui rimarrà desolata e voi sarete nel paese dei vostri nemici; così la terra si riposerà e godrà i suoi sabati. Per tutto il tempo che rimarrà desolata avrà il riposo che non ebbe nei vostri sabati, quando voi l’abitavate.” (Levitico 26:33-35)

Anche noi dobbiamo essere diligenti per osservare lo Shabbat, il Sabato di Adonai, e riposarci ogni settimo giorno, per timore che i nostri corpi si logorino e necessitino di un tempo prolungato per compensare il non aver tenuto santificato il giorno del Signore. Nonostante ci siano gravi conseguenze nel non mantenere gli statuti di Adonai, Egli promette di avere pietà delle persone Ebraiche anche in esilio; per ricordare la Sua alleanza con Abramo, Isacco e Giacobbe; e per ricordare: “Nonostante tutto questo, quando saranno nel paese dei loro nemici, io non li disprezzerò e non li detesterò fino al punto di annientarli del tutto e di rompere il mio patto con loro; poiché io sono l’Eterno, il loro DIO; ma per loro amore mi ricorderò del patto stabilito con i loro antenati, che feci uscire dal paese d’Egitto sotto gli occhi delle nazioni, per essere il loro DIO. Io sono l’Eterno.’” (Levitico 26:44-45)

Duemilacinquecento anni dopo che Adonai ha riportato gli esuli Ebrei in Babilonia nella Terra di Israele, lo sta facendo di nuovo. Ma alcuni affermano che il moderno stato di Israele è una nazione costituita esclusivamente dagli sforzi della Società delle Nazioni e delle Nazioni Unite e non dalla mano di Adonai.

Tuttavia, sappiamo dalla nostra storia che nessuno può portare il popolo di Adonai fuori dall’esilio finché Adonai non lo fa. Li ha portati fuori dall’Egitto nonostante il cuore duro del Faraone. Rilasciava gli esuli a Babilonia attraverso il decreto del re Ciro, dopo un tempo determinato, entrambi profetizzati (Isaia 44:28-45:1; Daniele 9:2).

Nel 20° secolo, Egli portò il Suo popolo a casa attraverso la Dichiarazione di Balfour e la creazione dello Stato di Israele in un giorno, che fu anche esso profetizzato (Isaia 66:8).

E Adonai continua ad attuare un risveglio nel moderno Stato di Israele che ha incluso vittorie miracolose nella guerra per l’indipendenza del 1948, la guerra dei sei giorni nel 1967 e la guerra dello Yom Kippur nel 1973. Nonostante l’antisemitismo, l’antisionismo e l’anti-Israelismo, Israele è ancora vivo e vibrante. E continua ad essere una benedizione per il mondo nonostante gli attacchi sociali, politici e fisici da parte dei suoi vicini e del mondo sin dalla sua rinascita. Quando esaminiamo tutti gli eventi “indipendenti” che culminano nella formazione di uno stato Ebraico indipendente, vediamo che Adonai non permetterà mai che la gente Ebraica sia completamente distrutta, né mai spezzerà la Sua alleanza con loro.

Parte profetica: fiducia in Adonai solo e nelle Sue benedizioni

Haftarah (parte profetica) di questa settimana (Geremia 16:19-17:14) continua con il tema delle benedizioni promesse per l’obbedienza e la punizione per la disobbedienza.

Poiché Adonai solo è Colui che concede libertà e benedizioni secondo le Sue alleanze, il profeta Geremia promette che coloro che ripongono la loro fiducia nell’uomo diventeranno desolati e soli:

Così dice l’Eterno: ‘Maledetto l’uomo che confida nell’uomo e fa della carne il suo braccio, e il cui cuore si allontana dall’Eterno! Egli sarà come un tamerisco nel deserto; quando viene il bene non lo vedrà. Dimorerà in luoghi aridi nel deserto, in una terra salata senza abitanti’. (Geremia 17:5-6) 

D’altra parte, “Benedetto l’uomo che confida nell’Eterno e la cui fiducia è l’Eterno! Egli sarà come un albero piantato presso l’acqua, che distende le sue radici lungo il fiume. Non si accorgerà quando viene il caldo e le sue foglie rimarranno verdi, nell’anno di siccità non avrà alcuna preoccupazione e non cesserà di portare frutto”. (Geremia 17:7-8) 

C’è un senso di responsabilità in queste benedizioni e maledizioni; siamo responsabili dei nostri atti, che hanno conseguenze. Siamo responsabili e questa conoscenza informa le nostre scelte e ci aiuta ad andare avanti nel nostro cammino quotidiano con Adonai.

Questo Haftarah termina con la bella proclamazione che solo Adonai è la speranza di Israele, la fonte di acqua che dà la vita, il nostro guaritore e Salvatore. Quando ci affidiamo e obbediamo a Lui, Egli non ci mancherà e noi cammineremo nelle benedizioni.

“O Eterno, speranza d’Israele, tutti quelli che ti abbandonano saranno svergognati. ‘Quelli che si allontanano da me saranno scritti in terra, perché hanno abbandonato l’Eterno la sorgente d’acqua viva’, Guariscimi, o Eterno, e sarò guarito, salvami e sarò salvato, perché tu sei la mia lode.” (Geremia 17:13-14)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

 

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in inglese e in italiano, clicca sul link sottostante:

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s