Torah Portion Emor / Porzione di Torah Emor

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to our study of this week’s Torah portion, which is called Emor (Speak).

Parashah Emor Feasts.jpg

Discover new insights into the Word of God as you read along with us this portion of Scripture that will be read in synagogues around the world this Shabbat (Saturday).

Emor (Say)

Torah Portion: Leviticus 21:1-24:23

Haftarah (Prophetic) Portion: Ezekiel 44:15-31

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): James 1:1-18, 1 Peter 2:4-10

“Then the LORD said to Moses, ‘Say [emor] to the priests, the sons of Aaron…’” (Leviticus 21:1)

In this week’s Torah reading, Emor, which means Say/Speak, God gives Moses instructions regarding rules of purity for the priests (כֹּהֲנִים, Kohanim). They are to be held to a stricter standard than the general population.

For instance, the priests are not to make themselves ceremonially unclean through contact with a person who had died, unless that person was a very close relative such as a father, mother, son, or daughter.

The priests also have to carefully adhere to stringent laws of holiness; for example, a priest cannot marry a prostitute or a divorced woman. The Kohen Gadol (High Priest), who had been anointed with the holy anointing oil, is compelled to even higher standards: he must marry only an Israelite virgin.

“The woman he marries must be a virgin. He must not marry a widow, a divorced woman, or a woman defiled by prostitution, but only a virgin from his own people, so that he will not defile his offspring among his people. I am the LORD, who makes him holy.” (Leviticus 21:13-15)

The high priest could not even show traditional signs of mourning, such as allowing his hair to become unkempt (uncovering his head) or tearing his garments, not even for his mother or father.

The Brit Chadashah (New Testament) reveals that, like priests, some of us will be judged by a stricter standard than others; for example, teachers of the Word of God.

“Not many of you should become teachers, my fellow believers, because you know that we who teach will be judged more strictly.” (James 3:1)

Why? Teachers are leaders, and with that calling comes greater responsibility. Teachers can have a wider circle of influence, for good or for evil, than the general population, since they teach others not only by their words, but by example. 

Students often look up to their teachers; therefore, those who teach God’s Word are to live an exemplary life, a sobering challenge.

Some servants of the Lord may be called to live by a stricter standard. For example, the apostle Paul said that although all things are permissible, not all are helpful: “All things are legitimate [permissible, and we are free to do anything we please], but not all things are helpful (expedient, profitable, and wholesome). All things are legitimate, but not all things are constructive [to character] and edifying [to spiritual life].” (1 Corinthians 10:23)

The truth is that as believers in Yeshua, we are His ambassadors, royal family, and priests, we represent Him; therefore, each of us are held to a high standard of morality when interacting with the world and each other.

Biblically, we are called to sanctify God’s holy name: “Do not profane My holy name, for I must be acknowledged as holy by the Israelites. I am the LORD, who made you holy.” (Leviticus 22:32)

In Judaism, this is considered the most important mitzvah (commandment) of the 613 mitzvot (plural of mitzvah) in the entire Torah. Our behavior must exemplify our relationship with God.

In this way, we can be lights shining in the darkness.

“Neither do people light a lamp and put it under a bowl. Instead they put it on its stand, and it gives light to everyone in the house.” (Matthew 5:15)

While we are all His representatives, each of us has a unique role in Adonai’s plan. When we strive for greatness in whatever purpose God has given us in that divine plan, and work on developing all of our God-given gifts and qualities, then we can bring honor to Him and light to the world.

God’s Plan Revealed in His Appointed Meeting Times

“The Lord said to Moses, ‘Speak to the Israelites and say to them: “These are My appointed festivals [moadim], the appointed festivals [meeting times or feasts] of the Lord, which you are to proclaim as sacred assemblies.”’” (Leviticus 23:1-2)

In addition to instructing the Kohanim (priests) on how to meet with and serve Him, God gave the Israelites instructions about observing the moadim (special meeting times and festivals). These include the following:

  • Shabbat (Sabbath) on the seventh day;
  • Pesach (Passover) for seven days beginning at sundown on the 14th day of the first month of Nissan;
  • Bikkurim (Firstfruits) on Nissan 16;
  • Shavuot (Feast of Weeks) 50 days after Pesach ends;
  • Rosh Hashanah (New Year) on the first day of the seventh month (Tishrei);
  • Yom Kippur (Day of Atonement) on the 10th day of the seventh month; and
  • Sukkot (Tabernacles) for eight days beginning on the 15th day of the seventh month.

God introduces these appointed meeting times with the Shabbat, a holy day that reminds us God is the Creator of heaven and earth. It testifies to the fact that God is still actively involved with His creation and sustaining it. That is the starting point for faith.

Since the Israelites are commanded to keep the Shabbat “in all your dwelling places” (Leviticus 23:31), the Shabbat forges a link between the Creator and every Jewish household.

The other appointed times listed above are sometimes referred to as the Feasts of Israel but, in actuality, God says they are the appointed times of the Lord, His moadim.

These moadim were not merely meant to be remembrances of times past; each one gave the Israelites clues to God’s future plan of redemption for them and the world. That is, each of these moadim or appointed feasts point to the Messiah in profoundly spiritual ways.

As believers, we are privileged to see how Yeshua has either already fulfilled these feasts in His first appearance on earth or will fulfill them at His second coming.

Yeshua fulfilled the festivals of Pesach (the Passover sacrifice of a lamb on Nissan 14) with His final sacrificial/atoning death on Nissan 14 as the unblemished Lamb of God. (Isaiah 53; John 1:36; Hebrews 9:11-14, 22-24)

In this offering of Himself, Yeshua also fulfilled Yom Kippur (Day of Atonement).

Yeshua then became our Bikkurim (Firstfruits) of the barley harvest held on Nissan 16 when He resurrected on Nissan 16 as the first of all who will rise from the dead on the Last Day. (Psalm 16:8-11; Acts 2:24-28; 1 Corinthians 15:20-23)

Shavuot (Pentecost) on Sivan 6 is a celebration of the giving of the Torah. On this same day (Sivan 6), Yeshua poured out His Ruach HaKodesh (Holy Spirit) onto His believers.  

The Ruach wrote the Torah on their hearts, empowering the believers to live holy lives. (Joel 2:28; Jeremiah 31:31-33; Acts 2)

The Fall festivals of Yom Teruah (Feast of Trumpets or New Year) and Sukkot (Feast of Tabernacles) will be fulfilled when the shofar blows and Yeshua returns to establish His reign on earth. It will happen this way: “In a moment, in the twinkling of an eye, at the last trumpet [shofar]; for the trumpet will sound, and the dead will be raised imperishable, and we will be changed.” (1 Corinthians 15:52)

Last Trumpet.jpg

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti al nostro studio della Porzione di Torah di questa settimana, che viene chiamata Emor (Dici).

Scopri nuova rivelazione nella Parola di Adonai mentre studi insieme a noi questa parte della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo in questo Shabbat (Sabato).

Emor (Dici)

Porzione di Torah: Levitico 21:1-24:23 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Ezechiele 44:15-31 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Giacomo 1:1-18, 1 Pietro 2:4-10

“Allora Adonai disse a Mosè: ‘Dici [emor] ai sacerdoti, i figli di Aronne.’”  (Levitico 21:1)

Nella lettura della Torah di questa settimana, Emor, che significa Dici, Adonai dà  istruzioni a Mosè riguardo le regole di purezza dei sacerdoti (כֹּהֲנִים, Kohanim). Queste regole devono essere considerate più severe rispetto a quelle del popolo.

Per esempio, i sacerdoti non devono rendersi cerimoniosamente impuri attraverso il contatto con una persona morta, a meno che quella persona sia un parente molto stretto come un padre, una madre, un figlio o una figlia.

I sacerdoti devono anche aderire attentamente alle severe leggi della santità; per esempio, un sacerdote non può sposare una prostituta o una donna divorziata. Il Kohen Gadol (Sommo sacerdote), che era stato unto con l’olio dell’unzione sacra, è costretto a norme ancora più elevate: deve sposare solo una vergine Israelita.

“Prenderà in moglie una vergine. Non prenderà né una vedova, né una divorziata, né una disonorata, né una prostituta; ma prenderà in moglie una vergine del suo popolo. Non disonorerà la sua discendenza in mezzo al suo popolo; poiché io sono Adonai che vi santifico.” (Levitico 21:13-15)

Il sommo sacerdote non poteva nemmeno mostrare i tradizionali segni del lutto, come lasciare che i suoi capelli diventassero spettinati (scoprendo la sua testa) o strapparsi le vesti, nemmeno per la madre o il padre.

Il Brit Chadashah (Nuovo Testamento) rivela che, come i sacerdoti, alcuni di noi saranno giudicati secondo uno livello più severo di altri; per esempio, gli insegnanti della Parola di Adonai.

“Fratelli miei, non siate in molti a far da maestri, sapendo che ne riceveremo un più severo giudizio.” (Giacomo 3:1)

Perché? Gli insegnanti sono guide e con questa chiamata derivano maggiori responsabilità. Gli insegnanti possono avere una più ampia cerchia di influenza, nel bene e nel male, rispetto alla popolazione generale, dal momento che insegnano agli altri non solo con le loro parole, ma con l’esempio.  

Gli studenti guardano spesso ai loro insegnanti; perciò, coloro che insegnano il Dono di Adonai devono vivere una vita esemplare, una sfida che fa riflettere.

Alcuni servitori di Adonai possono essere chiamati a vivere secondo regole più severe. Ad esempio, l’apostolo Paolo disse che sebbene tutte le cose sono lecite, non tutte sono utili: “Ogni cosa mi è lecita, ma non ogni cosa è vantaggiosa, ogni cosa mi è lecita, ma non ogni cosa edifica.” (1 Corinzi 10:23)

La verità è che come credenti in Yeshua, noi siamo i suoi ambasciatori, la famiglia reale e i sacerdoti, noi lo rappresentiamo; quindi, ognuno di noi è tenuto ad un alto livello di moralità quando interagisce con il mondo e l’un l’altro.

Biblicamente, siamo chiamati a santificare il santo nome di Adonai: “Non profanerete il mio santo nome, ma sarò santificato in mezzo ai figli d’Israele. Io sono Adonai che vi santifica.” (Levitico 22:32)

Nel Giudaismo, questo è considerato la più importante mitzvah (comandamento) dei 613 mitzvot (plurale di mitzvah) in tutta la Torah. Il nostro comportamento deve esemplificare la nostra relazione con Adonai.

In questo modo, possiamo essere luci che brillano nell’oscurità.

“Similmente, non si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candeliere, perché faccia luce a tutti coloro che sono in casa.” (Matteo 5:15)

Mentre siamo tutti suoi rappresentanti, ognuno di noi ha un ruolo unico nel piano di Adonai. Quando cerchiamo la grandezza in qualsiasi cosa Adonai ci abbia dato in quel piano divino, e lavoriamo per sviluppare tutti i nostri doni e qualità dati da Adonai, allora possiamo rendere onore a Lui e illuminare il mondo.

Il Piano di Adonai è Stato Rivelato nei Suoi Tempi di Riunione Assegnati

“Adonai parlò ancora a Mosè, dicendo: ‘Parla ai figli d’Israele e di’ loro: Ecco le feste di Adonai che voi proclamerete come sante convocazioni. Le feste sono queste.’” (Levitico 23:1-2)

Oltre a istruire i Kohanim (sacerdoti) su come incontrarlo e servirlo, Adonai diede agli Israeliti istruzioni sull’osservare i Moadim (orari speciali delle riunioni e festival). Questi includono i seguenti:

  • Shabbat (Sabato) il settimo giorno;
  • Pesach (Pasqua Ebraica) per sette giorni a partire dal tramonto del 14° giorno del primo mese di Nissan;
  • Bikkurim (Primizie) su Nissan 16;
  • Shavuot (Festa delle settimane) 50 giorni dopo la fine di Pesach;
  • Rosh Hashanah (Nuovo anno) il primo giorno del settimo mese (Tishrei);
  • Yom Kippur (Giorno dell’Espiazione) il decimo giorno del settimo mese; e
  • Sukkot (Tabernacoli) per otto giorni a partire dal quindicesimo giorno del settimo mese.

Adonai introduce questi tempi d’incontro assegnati con lo Shabbat, un santo giorno che ci ricorda che Adonai è il Creatore del cielo e della terra. Testimonia il fatto che Adonai è ancora attivamente coinvolto con la Sua creazione sostenendola. Questo è il punto di partenza per provare la propria fede in Yeshua.

Poiché agli Israeliti viene comandato di celebrare lo Shabbat “In tutti i tuoi luoghi di dimora” (Levitico 23:31), lo Shabbat crea un legame tra il Creatore e ogni famiglia Ebraica.  

Gli altri tempi assegnati sopra elencati sono a volte indicati come le feste di Israele ma, in realtà, Adonai dice che esse sono i tempi stabiliti del Signore, i Suoi moadim.

Questi moadim non erano semplicemente pensati per essere ricordi dei tempi passati; ognuno di loro ha dato agli Israeliti gli indizi sul futuro piano di Adonai di redenzione per Israele e per il mondo. Ognuna di queste moadim o feste stabilite indicano il Messia in modi profondamente spirituali.

Come credenti in Yeshua, abbiamo il privilegio di vedere come Yeshua ha già realizzato queste feste nella Sua prima apparizione sulla terra o le adempirà alla Sua seconda venuta.

Yeshua adempì le feste di Pesach (il sacrificio pasquale di un agnello su Nissan 14) con la Sua morte finale sacrificale / espiatoria su Nissan 14, l’agnello di Adonai senza macchia. (Isaia 53; Giovanni 1:36; Ebrei 9:11-14, 22-24)

In questa offerta di Se stesso, Yeshua ha anche adempiuto Yom Kippur (Giorno di Espiazione).

Yeshua divenne quindi il nostro Bikkurim (primizie) del raccolto d’orzo tenutosi su Nissan 16 quando resuscitò su Nissan 16 come il primo di tutti coloro che risuscitassero dai morti nell’ultimo giorno. (Salmo 16:8-11; Atti 2:24-28; 1 Corinzi 15:20-23)

Shavuot (Pentecoste) su Sivan 6 è una celebrazione del dono della Torah. Nello stesso giorno (Sivan 6), Yeshua versò il Suo Ruach HaKodesh (Spirito Santo) sui Suoi credenti.  

Il Ruach Ha-Kodesh ha scritto la Torah nei loro cuori, responsabilizzando i credenti a vivere una vita santa. (Gioele 2:28, Geremia 31:31-33, Atti 2)

Le feste autunnali di Yom Teruah (Festa delle Trombe o di Capodanno) e Sukkot (Festa dei Tabernacoli) si adempiranno quando lo shofar soffierà e Yeshua tornerà per stabilire il Suo regno sulla terra. Succederà in questo modo: “in un batter d’occhio, al suono dell’ultima tromba; la tromba infatti suonerà, i morti risusciteranno incorruttibili e noi saremo mutati.” (1 Corinzi 15:52)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s