Torah Portion Acharei Mot / Porzione di Torah Acharei Mot

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Torah portion, which is called Acharei Mot (After Death).

Scapegoat.jpg

PARASHA ACHAREI MOT (After Death)

Torah Portion: Leviticus 16:1-18:30

Haftarah (Prophetic Portion): Ezekiel 22:1-19

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Romans 3:19-28, 9:30-10:13, Galatians 3:10-14, 1 Corinthians 6:9-20

“The LORD spoke to Moses after the death [acharei mot] of the two sons of Aaron who died when they approached the LORD.” (Leviticus 16:1)

Parasha Acharei Mot begins with God’s instructions for Aharon (Aaron), the Cohen HaGadol (The High Priest), regarding entering the innermost chamber of the Sanctuary, the Holy of Holies, with the ketoret (incense offering) and the preparations for the crucial once-a-year sacrifice on Yom Kippur (the Day of Atonement).

This week’s Parasha emphasizes that it is the blood that makes atonement for the soul.

“For the life of the flesh is in the blood, and I have given it to you upon the altar to make atonement for your souls; for it is the blood that makes atonement for the soul.” (Leviticus 17:11)

For most of us, even religious Jews, this idea of blood atonement for sin seems foreign and archaic. Moreover, in this day of do-what-you-think-is-right, even the basic concept of sin seems antiquated.

Still, Yom Kippur (Day of Atonement) is a reminder that the problem of sin is just as real today as it was in the time of Moses.

According to Jewish tradition, Yom Kippur is the day God pronounces judgment, administering either the rewards for good deeds (mitzvot) or the punishments for sin.

This holiest day of the year, which is observed in the Fall, reminds us that we are in desperate need of redemption through the blood of atonement. No matter how hard we try to be “good enough,” we always fall short of God’s standards of perfection.

“For there is not a righteous man upon earth who does good and sins not.” (Ecclesiastes 7:20)

The Scapegoat for Sin and God’s Sign of Acceptance

God told Moses that on Yom Kippur, Aaron should cast lots for two goats. One would be offered as the sacrifice and the other, the azazel (scapegoat), would be sent alive into the wilderness.

“Aaron shall bring the goat whose lot falls to the Lord and sacrifice it for a sin offering. But the goat chosen by lot as the scapegoat shall be presented alive before the Lord to be used for making atonement by sending it into the wilderness as a  scapegoat [azazel].” (Leviticus 16:8-10)

Azazel is a rare Hebrew noun meaning dismissal or complete removal.

To symbolize the entire removal of the sin and guilt of Israel, the High Priest is to lay both his hands on the head of the live goat and confess over him all the iniquities of the children of Israel. All their transgressions are laid upon the azazel, which is then sent away into the wilderness.

“The goat shall bear all their iniquities to a land which is cut off.” (Leviticus 16:22)

Acharei Mot two goats.jpg

Rabbinic tradition states that the Cohen (Jewish priest) would tie a scarlet cloth to the horn of the goat. When the sacrifice was fully accepted by God, the scarlet cloth became white.

This symbolized God’s gracious promise in Isaiah 1:18: “Though your sins are like scarlet, they shall be white as snow.”

Tradition adds that this miraculous sign from God did not occur from about AD 30 to AD 70, at which time the destruction of the Second Temple by the Romans stopped all sacrifices.

God showed His acceptance of the azazel in the past, so why did He stop for these 40 years? Near AD 30, Yeshua made atonement for sin once and for all as the Azazel.

Yeshua became the Scapegoat for us, taking on Himself all of our sins and removing from us all the punishment that we deserve.

“By God’s grace, without earning it, all are granted the status of being considered righteous before Him, through the act redeeming us from our enslavement to sin that was accomplished by the Messiah Yeshua. God presented Him as a sacrifice of atonement [Kaparah] through faith in His blood.” (Romans 3:23-24)

The Removal of Sin

“In this way he [Aaron] will make atonement for the Most Holy Place because of the uncleanness and rebellion of the Israelites, whatever their sins have been.” (Leviticus 16:16)

While ordinary sacrifices were limited to atonement for involuntary or unintentional sins, the special Yom Kippur sacrifice of a goat also atoned for willful sin. The prophet Isaiah foreshadowed a day when Yeshua would become the sacrifice that would remove all sin.

In the Messianic prophecy of Isaiah 53, he wrote, “And the Lord has laid on Him the iniquity of us all … For He shall bear their iniquities.” (Isaiah 53:6, 11)

In Hebrew, the use of the word iniquities in these verses means crooked and signifies a willful departure from the law (Torah) of God. This prophetic portion of Scripture has been hidden from most Jewish people, even those who faithfully attend synagogue services. The entire chapter, in fact, is not found in the yearly selection of Sabbath Haftarah (prophetic) readings. 

Why? Likely because it is impossible to miss that this Messianic prophecy describes the atonement that Yeshua made for us through the sacrifice of His own life.

Those who do read Isaiah 53 see the connection to Yeshua. Jewish anti-missionaries, however, downplay this important Messianic prophecy by claiming that these verses speak of Israel (not Yeshua) as a suffering scapegoat for the nations. 

Of course, in a limited sense this is true. The nation and the people of Israel have suffered greatly. As a result of their rejection of the Messiah, salvation has come to the Gentiles; however, God has not forgotten them. He has only temporarily afflicted Israel:  “For I do not desire, brethren, that you should be ignorant of this mystery, lest you should be wise in your own opinion, that blindness in part has happened to Israel until the fullness of the Gentiles has come in. And so all Israel will be saved, as it is written: The Deliverer will come out of Zion, and He will turn away ungodliness from Jacob; For this is My covenant with them, when I take away their sins.” (Romans 11:25-27)

Numerous rabbinic commentators acknowledge that Isaiah 52:13-53:12 does refer to the Messiah and not to the nation of Israel, such as these:

“He, Messiah, shall intercede for man’s sins, and the rebellious, for his sake, shall be forgiven.” (Jerusalem Targum on Isaiah 53:12)

“… and when Israel is sinful, the Messiah seeks for mercy upon them as it is written, ‘By his stripes we were healed’ (Isaiah 53:5), and ‘he carried the sin of many and made intercession for the transgressors’ (Isaiah 53:12).” (Genesis Rabbah)

In addition to writings in ancient Jewish literature, other respected Rabbis have objected to the idea that Isaiah 53 refers to the nation of Israel. Rabbi Moshe Kohen ibn Crispin (15th century) wrote these strong words: “[In contrast to those] having inclined after the stubbornness of their own hearts and their own opinion, I am pleased to interpret the parasha (Isaiah 53) in accordance with the teachings of our rabbis, of the King Messiah… and adhere to the literal sense. Thus I shall be free from forced and far-fetched interpretations of which others are guilty.” (S.K. Driver and A. Neubauer, The Suffering Servant of Isaiah, p. 199ff)

Rabbi Moses Alshech (16th century) stated flatly: “Our rabbis with one voice accept and affirm the opinion that the prophet [Isaiah chapter 53] is here speaking of the Messiah.”

Through faith in Yeshua, our sins are transferred to the Messiah, who became our Scapegoat (Azazel). 

Only His death fulfills Isaiah 53, which describes God’s Suffering Servant, who like a lamb was led to the slaughter to bear our iniquities. And because He was sinless, Yeshua came into the heavenly Holy of Holies in the capacity of the High Priest (Cohen HaGadol), not with the blood of bulls or goats, but with His own blood for our redemption. 

“He did not enter by means of the blood of goats and calves; but He entered the Most Holy Place once for all by His own blood, having obtained eternal redemption.” (Hebrews 9:12)

The blood of bulls and goats could never fully remove sin, only cover it for a time.

Only Yeshua the Messiah, as the pure spotless lamb and the scapegoat, could pay the price for our rebellion and uncleanness. He did so willingly, giving His life as the Korban (sacrifice) for our sins.

“Surely He has borne our griefs and carried our sorrows; yet we esteemed Him stricken, smitten by God, and afflicted. But He was pierced for our transgressions; He was crushed for our iniquities; upon Him was the chastisement that brought us peace, and with His wounds we are healed.” (Isaiah 53:4-5)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla Porzione della Torah di questa settimana, chiamata Acharei Mot  (Dopo la morte).

PARASHA ACHAREI MOT (Dopo la Morte)

Porzione di Torah: Levitico 16:1-18:30

Porzione Haftarah (Profetica): Ezechiele 22:1-19 

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Patto): Romani 3:19-28, 9:30-10:13; Galati 3:10-14, 1 Corinzi 6:9-20.

“Adonai parlò a Mosè dopo la morte [acharei mot] dei due figli di Aronne che morirono quando si avvicinarono ad Adonai.” (Levitico 16:1)

Parasha Acharei Mot inizia con le istruzioni di Adonai per Aharon (Aaron), il Cohen HaGadol (Il Sommo Sacerdote), per quanto riguarda l’ingresso nella camera più interna del Santuario, il Santo dei Santi, con il ketoret (offerta di incenso) e i preparativi per il cruciale sacrificio annuale su Yom Kippur (il giorno dell’espiazione).

La Parasha di questa settimana sottolinea che è il sangue che fa espiazione per l’anima.

“Poiché la vita della carne è nel sangue. Per questo vi ho ordinato di porlo sull’altare per fare l’espiazione per le vostre vite, perché è il sangue che fa l’espiazione per la vita.” (Levitico 17:11)

Per la maggior parte di noi, anche gli Ebrei religiosi, questa idea di espiazione del sangue per il peccato sembra estranea e arcaica. Inoltre, in questo giorno di fai-come-pensi-sia-giusto, anche il concetto di base del peccato sembra antiquato.

Tuttavia, Yom Kippur (Giorno dell’Espiazione) è un promemoria del peccato che è altrettanto reale oggi come fu ai tempi di Mosè.

Secondo la tradizione Ebraica, Yom Kippur è il giorno in cui Adonai pronuncia il giudizio, amministrando i premi per le buone azioni (mitzvot) o le punizioni per il peccato.

Questo giorno più sacro dell’anno, che si osserva in autunno, ci ricorda che abbiamo un disperato bisogno di redenzione attraverso il sangue dell’espiazione. Non importa quanto duramente cerchiamo di essere “abbastanza bravi”, siamo sempre inadeguati ai livelli di perfezione di Adonai.

“Non c’è infatti alcun uomo giusto sulla terra, che faccia il bene e non pecchi.” (Ecclesiaste 7:20)

Il Capro Espiatorio per il Peccato e il Segno di Accettazione di Adonai

Adonai disse a Mosè che a Yom Kippur, Aaron avrebbe dovuto tirare a sorte due capri. Uno sarebbe stato offerto come sacrificio e l’altro, l’azazel (capro espiatorio),  sarebbe stato inviato vivo nel deserto. 

“Aaronne tirerà quindi a sorte i due capri: uno sarà destinato ad Adonai e l’altro per capro espiatorio. Aaronne farà avvicinare il capro che è stato destinato ad Adonai e l’offrirà come sacrificio per il peccato; ma il capro che è stato destinato ad essere il capro espiatorio, sarà presentato vivo davanti ad Adonai, per fare su di esso l’espiazione e per mandarlo poi nel deserto come capro espiatorio [azazel].” (Levitico 16:8-10) 

Azazel ha un significato raro nella lingua Ebraica quale licenziamento o rimozione completa.

Per simboleggiare l’intera rimozione del peccato e della colpa di Israele, il Sommo Sacerdote deve poggiare entrambe le mani sulla testa del capro vivo e confessare su di lui tutte le iniquità dei figli d’Israele. Tutte le loro trasgressioni sono poste sull’azazel, che viene poi mandato via nel deserto.

“Il capro porterà su di sé tutte le loro iniquità in terra solitaria; e quell’uomo lo lascerà andare nel deserto.” (Levitico 16:22)

 La tradizione rabbinica afferma che il Cohen (sacerdote Ebreo) avrebbe legato un panno scarlatto al corno del capro. Quando il sacrificio sarebbe stato pienamente accettato da Adonai, la stoffa scarlatta sarebbe divenuta bianca.

Questo simboleggiava la graziosa promessa di Adonai in Isaia 1:18: “Anche se i tuoi peccati sono come scarlatti, saranno bianchi come la neve.”

La tradizione aggiunge che questo segno miracoloso di Adonai non avvenne da circa tra il 30 dC e il 70 dC, quando la distruzione del Secondo Tempio da parte dei Romani fermò tutti i sacrifici.

Adonai ha mostrato la Sua accettazione dell’azazel in passato, quindi perché si è fermato per questi 40 anni? Attorno al 30 d.C., Yeshua fece l’espiazione per il peccato una volta per tutte come l’Azazel.

Yeshua è diventato il capro espiatorio per noi, prendendo su di Sé tutti i nostri peccati e rimuovendo da noi tutte le pene che meritiamo.

“Per grazia di Dio, senza guadagnarlo, a tutti è concesso lo status di essere considerati giusti davanti a Lui, attraverso l’atto che ci ha redenti dalla nostra schiavitù al peccato compiuta dal Messia Yeshua . Adonai lo ha presentato come sacrificio di espiazione [Kaparah] attraverso la fede nel Suo sangue.” (Romani 3:23-24)

La Rimozione del Peccato

“Così farà l’espiazione per il santuario, a motivo delle impurità dei figli d’Israele, delle loro trasgressioni e di tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda di convegno che rimane fra loro, in mezzo alle loro impurità.” (Levitico 16:16)

Mentre i sacrifici ordinari erano limitati all’espiazione per i peccati involontari, il sacrificio speciale di Yom Kippur di un capro fu espiato anche per il peccato volontario.

Il profeta Isaia prefigurò un giorno in cui Yeshua sarebbe diventato il sacrificio che avrebbe rimosso ogni peccato.

Nella profezia messianica di Isaia 53, egli scrisse, “E il Signore ha posto su di lui l’iniquità di tutti noi … Poiché Egli sopporterà le loro iniquità.” (Isaia 53:6, 11)

In Ebraico, l’uso della parola iniquità in questi versi significano storto e volontario allontanamento dalla legge (Torah) di Adonai. Questa parte profetica della Scrittura è stata nascosta alla maggior parte degli Ebrei, anche a quelli che frequentano fedelmente i culti della sinagoga.

L’intero capitolo, infatti, non si trova nella selezione annuale delle letture dell’Haftarah Sabatico (Porzione Profetica).  

Perché? Probabilmente perché è impossibile non notare che questa profezia messianica descrive l’espiazione che Yeshua ha fatto per noi attraverso il sacrificio della propria vita.

Coloro che leggono Isaia 53 vedono la connessione con Yeshua. Gli anti-missionari Ebrei, tuttavia, minimizzano questa importante profezia messianica affermando che questi versetti parlano di Israele (non di Yeshua) come capro espiatorio sofferente per le nazioni.  

Certo, in senso stretto è vero. La nazione e il popolo di Israele hanno sofferto molto. Come risultato del loro rifiuto del Messia, la salvezza è arrivata alle nazioni;  comunque, Adonai non li ha dimenticati. Ha solo temporaneamente afflitto Israele: “Perché non voglio, fratelli, che ignoriate questo mistero, affinché non siate presuntuosi in voi stessi, che ad Israele è avvenuto un indurimento parziale finché sarà entrata la pienezza dei gentili, e così tutto Israele sarà salvato come sta scritto: ‘Il liberatore verrà da Sion, e rimuoverà l’empietà da Giacobbe. E questo sarà il mio patto con loro quando io avrò tolto via i loro peccati.” (Romani 11:25-27) 

Numerosi commentatori rabbinici riconoscono che Isaia 52:13-53:12 fa riferimento al Messia e non alla nazione di Israele, come queste:

“Egli, il Messia, intercederà per i peccati dell’uomo, e il ribelle, per causa di lui, sarà perdonato”. (Gerusalemme Targum su Isaia 53:12)

“… e quando Israele sarà peccatore, il Messia cercherà la misericordia su di loro come è scritto, ‘Dalle sue lividure siamo stati guariti’ (Isaia 53:5), e ‘ha portato il peccato di molti e fatto intercessione per i trasgressori.’” (Isaia 53:12) (Genesis Rabbah)

Oltre agli scritti dell’antica letteratura Ebraica, altri rabbini rispettati hanno obiettato all’idea che Isaia 53 si riferisca ai nati in Israele. Il rabbino Moshe Kohen Crispin (XV secolo) scrisse queste parole forti: “[In contrasto con altri] avendo inclinato la testardaggine del proprio cuore e la propria opinione, sono lieto di interpretare la Parasha (Isaia 53) in accordo con gli insegnamenti dei nostri rabbini, del Re Messia… e ad aderire al senso letterale. Così sarò libero da interpretazioni forzate e inverosimili di cui gli altri sono colpevoli.” (SK Driver e A. Neubauer, Il servo sofferente di Isaia, pag.199ff)

Rabbino Moses Alshech (XVI secolo) affermò categoricamente: “I nostri rabbini con una sola voce accettano e affermano l’opinione che il profeta [Isaia capitolo 53] stia qui parlando del Messia.”

Attraverso la fede in Yeshua, i nostri peccati sono trasferiti al Messia, che divenne il nostro capro espiatorio (Azazel).  

Solo la sua morte soddisfa Isaia 53, che descrive il Servo sofferente di Adonai, che come un agnello è stato condotto al massacro per sopportare le nostre iniquità.

E poiché era senza peccato, Yeshua entrò nel celeste Santuario nella autorità del Sommo Sacerdote (Cohen HaGadol), non con il sangue di tori o capre, ma con il Suo stesso sangue per la nostra redenzione.  

“Entrò una volta per sempre nel santuario, non con sangue di capri e di vitelli, ma col proprio sangue, avendo acquistato una redenzione eterna.” (Ebrei 9:12)

Il sangue di tori e capre non potrebbe mai completamente rimuovere il peccato, ma coprilo solo per un po’.

Solo Yeshua il Messia, come il puro agnello senza macchia e il capro espiatorio, poteva pagare il prezzo della nostra ribellione e impurità. Lo ha fatto volontariamente, dando la Sua vita come il korban (sacrificio) per i nostri peccati. 

“Eppure egli portava le nostre malattie e si era caricato dei nostri dolori; noi però lo ritenevamo colpito, percosso da Adonai ed umiliato. Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, schiacciato per le nostre iniquità; il castigo per cui abbiamo la pace è caduto su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti.” (Isaia 53:4-5)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s