Torah Portion Tazria-Metzora / Porzione di Torah Tazria-Metzora

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Tazria-Metzora (She Conceives and Infected One), this week’s double Torah portion. These two portions of Torah are combined to accommodate the number of Sabbaths this year. They will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service.

Tazria-Metzorah.jpg

Tazria (She Conceives) / Metzora (Infected One)

Torah Portion: Leviticus 12:1-15:33

Haftarah Portion (Prophetic): 2 Kings 4:42-5:19, 7:3-20

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Luke 5:12-31, Matthew 8:1-4, 9:20-26, 11:2-6, Mark 1:40-45, 5:24-34

“The LORD spoke to Moses, saying, ‘Speak to the people of Israel, saying, If a woman conceives (bears seed) and bears a male child, then she shall be unclean [tameh] seven days. As at the time of her menstruation, she shall be unclean.’” (Leviticus 12:1-2)

In last week’s Torah portion (Shemini), God commanded the kosher laws, identifying which animals were fit for consumption. It also discussed some of the laws of ritual purity, instructing the Israelites “to make a distinction between the holy and the profane, and between the unclean and the clean.” (Leviticus 10:10)

This week’s double portion of Scripture (Tazria-Metzora) continues with the laws of ritual purity (tahorah) and impurity (tumah).

The Purification of Tzaraat

6a0120a610bec4970c017eeaf8c65b970d

“And the leper in whom the plague is, his clothes shall be torn, and the hair of his head shall go loose, and he shall cover his upper lip, and shall cry: ‘Unclean, unclean [tameh, tameh]. All the days wherein the plague is in him he shall be unclean; he is unclean; he shall dwell alone; outside the camp shall his dwelling be.’” (Leviticus 13:45-46)

Both Tazria and Metzora focus on the laws of leprosy, a spiritual condition that causes the afflicted to become impure.

These portions outline laws regarding how to handle the metzora, the one who is infected, as well as how he or she may be purified once healed.

The Hebrew word that is translated leprosytzaraat, does not actually correspond to the modern day affliction of leprosy. Its origin is spiritual, but it obviously has a physical manifestation.  

The condition is identified by a priest, not by a doctor. In fact, tzaraat can afflict a person, house, or article of clothing. How does the community of Israel deal with a person afflicted by tzaraat – a metzora?

Once it is confirmed through a series of tests that the condition is indeed tzaraat, the metzora is declared tameh (impure or unclean).

The afflicted one is then isolated from the community in order to prevent defiling and infecting others through contact. The metzora must dwell alone outside the camp until completely healed.

It is the role of the priest to periodically check on the afflicted person to determine when he or she can return to the community, so it can once again be whole. In terms of a house, however, if the tzaraat spreads after a week of quarantine, the infected stones are removed and thrown in an impure place.  

If the lesions reappear after the stones are replaced and the house is scraped and re-plastered, then the entire house is destroyed. Its stones, wood, and dust are carried away to an impure place.

“Behold, if the plague be spread in the house, it is a malignant leprosy in the house; it is unclean. And he shall break down the house, the stones of it, and the timber thereof, and all the mortar of the house; and he shall carry them forth out of the city into an unclean place.” (Leviticus 14:44-45)

Once a metzora is healed, he or she then goes through the purification process outlined in the Torah. “The Lord spoke to Moses, saying, ‘This shall be the torah [instructions] for the leprous person [תּוֹרַת הַמְּצֹרָע] for the day of his cleansing.’” (Leviticus 14:1-2)

For the healing process to be complete, and the metzora reintegrated into the community, a complex series of offerings are made, beginning on the first day with two clean birds, one that is killed and one that is released.

Although the metzora may now return to the community, he must live outside his tent for seven days. On the seventh day, the metzora shaves off all hair, including the eyebrows, and bathes in water.

As part of the ceremony, on the eighth day of the purification process, the priest (Kohen) places some of the oil and blood of the guilt offering (male lamb) upon the tip of the right ear of the one being cleansed, and upon the thumb of his right hand, and upon the great toe of his right foot. (Leviticus 14:10-14)

This represents atonement and cleansing of everything we hear, everything we do, and every path we take.

The Cause of Tzaraat

“Whoever of you loves life and desires to see many good days, keep your tongue from evil and your lips from telling lies.” (Psalm 34:12-13)

Judaism considers gossip and slander a type of “moral leprosy,” and the rabbis regard tzaraat as an affliction from God as punishment primarily for destructive communication, such as slander or gossip, although pride and self-centeredness may be at the heart of this sin.

Gossip and slander might be caused by the speaker’s baseless hatred (sinat chinam, literally hatred of their grace, beauty, or charm). 

Moreover, evil communication leads others into hatred.

gossipgirlsdreamstime.jpg

The account of Miriam’s leprosy is evidence of the connection between evil speech and tzaraat. After she and her brother Aaron dared to speak evil of their brother Moses and his Cushite wife, she was afflicted with tzaraat.

“Miriam and Aaron began to talk against Moses because of his Cushite wife, for he had married a Cushite. ‘Has the LORD spoken only through Moses?’ they asked. ‘Hasn’t he also spoken through us?’ And the LORD heard this.” (Numbers 12:1-2)

God’s anger was kindled against Miriam, and He afflicted her with tzaraat, saying to her: “Why then were you not afraid to speak against My servant Moses?’ The anger of the LORD burned against [Miriam and Aaron], and He left them. When the cloud lifted from above the tent, Miriam’s skin was leprous, it became as white as snow. Aaron turned towards her and saw that she had a defiling skin disease.” (Numbers 12:8-10)

This should be enough to give each of us a healthy fear of gossiping about or slandering anyone, especially those anointed of the Lord to serve Him in a position of public leadership or ministry.

Yeshua, Purification, and Restoration

“Now on His way to Jerusalem, Yeshua (Jesus) traveled along the border between Samaria and Galilee. As He was going into a village, ten men who had leprosy met Him. They stood at a distance and called out in a loud voice, ‘Yeshua, Master, have pity on us!’ When He saw them, He said, ‘Go, show yourselves to the priests.’ And as they went, they were cleansed.” (Luke 17:11-14)

christensen.jpg
The ten lepers are healed by Yeshua. / I dieci lebbrosi guariti da Yeshua.

Yeshua (Jesus) the Messiah, during the time of His ministry on earth, healed many people who were afflicted by this terrible condition. Yeshua upheld the process of purification found in this Parasha when He healed a leper, declaring him tahor (clean).

“Lord, if you are willing, you can make me clean.’ Yeshua reached out His hand and touched the man. ‘I am willing,’ He said. ‘Be clean!’ And immediately the leprosy left him.” (Luke 5:12-13)

Keeping the Jewish law, Yeshua told the man, “Show yourself to the priest and offer the sacrifices that Moses commanded for your cleansing, as a testimony to them.”

In Luke 17, Yeshua heals ten men of leprosy, but only one returns to thank Him. Again, Yeshua sends them to report their healing to the priest.

Just as these lepers needed to report to the Jewish priest, so too do those who have been defiled by gross sin need a system of accountability to those in positions of spiritual leadership. There needs to be a process in the Body of Messiah for restoration of those who have fallen into immorality and have been healed through repentance and the ministry of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit).

The Messiah: Humble and Exalted

According to Sanhedrin 98b of the Talmud (Jewish oral tradition), the Messiah is called “chivara – the leper.”  Another Jewish interpretation of the Messiah, however, expects Him to be high, mighty, and exalted, not lowly, afflicted or one who associated with sinners or lepers.

This latter idea is based on Isaiah 52:13: “My servant shall be wise, exalted and lofty, and shall be very high.”

How can we reconcile these two images of the Messiah? In His first coming, Yeshua came as a lowly servant, entering Jerusalem on the foal of a donkey. He ate with sinners and associated with tax collectors, behavior for which He was misunderstood and despised. He died as the humble lamb led to the slaughter to make atonement for our sins.

“But He was pierced for our transgressions, He was crushed for our iniquities; the punishment that brought us peace was on Him, and by His wounds we are healed.” (Isaiah 53:5)

Yeshua did not come for the proud and righteous, but for the lepers of society, those who are poor, humble, sick, and outcast. He did not come to associate with the rich and famous but to cleanse those who had been defiled (made tameh) by sin. To illustrate this truth, Yeshua told a parable to some who were confident in their own righteousness and who looked down on everyone else: “Two men went up to the temple to pray, one a Pharisee and the other a tax collector. The Pharisee stood by himself and prayed: ‘God, I thank you that I am not like other people: robbers, evildoers, adulterers, or even like this tax collector. I fast twice a week and give a tenth of all I get.’ But the tax collector stood at a distance. He would not even look up to heaven, but beat his breast and said, ‘God, have mercy on me, a sinner.’ I tell you that this man, rather than the other, went home justified before God. For all those who exalt themselves will be humbled, and those who humble themselves will be exalted.” (Luke 18:10-14)

According to Jewish thought, the Mashiach (Messiah) Redeemer suffers the agonies of tzaraat by taking upon Himself and personally suffering the pain of His people in exile (galut).

It is traditionally believed that the day of purification in this Torah reading, refers to the day of redemption when the Messiah comes. As believers, we understand that Yeshua did fulfill this.

“He himself bore our sins in His body on the cross, so that we might die to sins and live for righteousness, by His wounds you were healed.” (1 Peter 2:24)

As well, Messiah will come again to heal all tzaraat in our world. On that day, He will be exalted to rule and reign forever upon the Throne of David. Jewish exile will be a thing of the past, and His people will dwell securely in their own land.

“Of the greatness of His government and peace there will be no end. He will reign on David’s throne and over His kingdom, establishing and upholding it with justice and righteousness from that time on and forever.” (Isaiah 9:7)

When that day comes, “Justice will be the belt around His waist, faithfulness the sash around His hips. The wolf will live with the lamb; the leopard lie down with the kid; calf, young lion and fattened lamb together, with a little child to lead them.” (Isaiah 11:5-6)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Tazria-Metzora (Lei concepisce e lebbroso), la porzione della Torah doppia di questa settimana. Queste due parti della Torà sono combinate per accogliere il numero di Sabati di quest’anno. Verranno letti in sinagoga in tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato).

Tazria (Lei concepisce) / Metzora (lebbroso)

Porzione di Torah: Levitico 12:1-15:33

Haftarah (Porzione Profetica): 2 Re 4:42-5:19, 7:3-20

Brit Chadashah (Nuovo Testamento/Nuovo Patto): Luca 5:12-31, Matteo 8:1-4, 9:20-26 e 11:2-6; Marco 1:40-45 e 4:24-34

“L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: “Parla così ai figli d’Israele: Se una donna è rimasta incinta e partorisce un maschio, sarà impura per sette giorni, sarà impura come nei giorni delle sue mestruazioni.’” (Levitico 12:1-2) 

Nella porzione della Torah della scorsa settimana (Shemini), Adonai ha comandato le leggi del kosher, identificando quali animali erano adatti al consumo. Adonai discusse anche alcune delle leggi della purezza rituale, istruendo gli Israeliti “Per fare una distinzione tra il santo e il profano, e tra l’immondo e il pulito.” (Levitico 10:10)

La doppia parte della Scrittura di questa settimana (Tazria-Metzora) continua con le leggi del rituale purezza (tahorah) e impurità (tumah).

La Purificazione di Tzaraat 

“Il lebbroso, affetto da questa piaga, porterà le vesti strappate e il capo scoperto; si coprirà la barba e griderà: “Impuro, impuro” (tameh, tameh). Sarà impuro tutto il tempo che avrà la piaga; è impuro; vivrà da solo; abiterà fuori del campo.’” (Levitico 13:45-46) 

Sia Tazria che Metzora si concentrano sulle leggi della lebbra, una condizione spirituale che fa sì che gli afflitti diventino impuri. Queste parti delineano le leggi su come gestire il metzora, colui che è infetto, e come può essere purificato una volta guarito. La parola ebraica che viene tradotta lebbra, tzaraat, in realtà non corrisponde all’afflizione della lebbra moderna. La sua origine è spirituale, ma ovviamente ha una manifestazione fisica. La condizione è identificata da un sacerdote, non da un medico. Infatti, tzaraat può affliggere una persona, una casa o un capo di abbigliamento.

Come agisce la comunità di Israele con una persona afflitta da tzaraat – una metzora?

Una volta confermato attraverso una serie di test che la condizione è effettivamente tzaraat, questi viene dichiarato metzora tameh (impuro). L’afflitto viene quindi isolato dalla comunità al fine di prevenire la contaminazione e il contagio degli altri attraverso il contatto. Il metzora deve dimorare da solo fuori dal campo fino alla completa guarigione. È il ruolo del sacerdote controllare periodicamente la persona afflitta per determinare quando può tornare alla comunità, in modo che possa essere di nuovo integra. In termini di una casa, tuttavia, se il tzaraat si diffonde dopo una settimana di quarantena, le pietre infette vengono rimosse e gettate in un posto impuro. Se le lesioni riappaiono dopo che le pietre sono state sostituite e la casa è stata raschiata e re-intonacata, l’intera casa viene distrutta. Le sue pietre, il legno e la polvere vengono portati via in un luogo impuro. 

“Il sacerdote entrerà ad esaminare la casa; se la piaga si è chiusa nella casa, vi è lebbra maligna nella casa; essa è impura. Perciò demolirà la casa e porterà le pietre, il legname e l’intonaco fuori della città, in un luogo impuro.” (Levitico 14:44-45) 

Una volta che un metzora è guarito, lui o lei passa attraverso il  processo di purificazione delineato nella Torah.

“Adonai parlò a Mosè, dicendo: ‘Questo sarà la torah [istruzioni] per la persona lebbrosa [תּוֹרַת הַמְּצֹרָע] per il giorno della sua purificazione.” (Levitico 14:1-2)

Perché il processo di guarigione sia completo e la metzora reintegrata nella comunità, viene fatta una serie complessa di offerte, a partire dal primo giorno con due  uccelli puri, uno di essi viene ucciso e uno viene rilasciato. Anche se il metzora può ora tornare alla comunità, deve vivere fuori dalla sua tenda per sette giorni. Il settimo giorno, il metzora si rade tutti i peli, comprese le sopracciglia, e si bagna nell’acqua. Come parte della cerimonia, l’ottavo giorno del processo di purificazione, il sacerdote (Kohen) colloca parte dell’olio e del sangue dell’offerta di colpa (agnello maschio) sulla punta dell’orecchio destro di chi viene purificato e il pollice della sua mano destra e l’alluce del piede destro. (Levitico 14:10-14).

Questo rappresenta l’espiazione e la pulizia di tutto ciò che ascoltiamo, tutto ciò che facciamo e ogni percorso che prendiamo.

La causa di Tzaraat 

“Qual è l’uomo che desidera la vita, e che ama lunghi giorni per vedere il bene? Trattieni la tua lingua dal male e le tue labbra dal dire menzogne”. (Salmo 34:12-13)

L’Ebraismo considera pettegolezzi e calunnie un tipo di “lebbra morale” e i rabbini considerano lo tzaraat un’afflizione da parte di Adonai come punizione principalmente per la comunicazione distruttiva, come la calunnia o il pettegolezzo, sebbene l’orgoglio e l’egocentrismo possano essere al centro di questo peccato.

La maldicenza e la calunnia potrebbero essere causati da colui che parla con odio infondato (sinat chinam, letteralmente odio per la loro grazia, bellezza o fascino). Inoltre, la cattiva comunicazione porta gli altri all’odio.

Il racconto della lebbra di Miriam è la prova della connessione tra discorso malvagio e tzaraat. Dopo che lei e suo fratello Aaron hanno osato parlare male del loro fratello Mosè e della sua moglie Cushite, Miriam è stata afflitta da tzaraat.

“Miriam ed Aaronne parlarono contro a Mosè a motivo della donna Etiope che aveva sposato; infatti egli aveva sposato una donna etiope. E dissero: “L’Eterno ha forse parlato solo per mezzo di Mosè? Non ha egli parlato anche per mezzo nostro?” E l’Eterno sentì.” (Numeri 12:1-2)

L’ira di Adonai si era accesa contro Miriam e l’affliggeva con la tzaraat, dicendole: “Con lui io parlo faccia a faccia, facendomi vedere, e non con detti oscuri; ed egli contempla la sembianza di Adonai. Perché dunque non avete temuto di parlare contro il mio servo, contro Mosè? Così l’ira di Adonai si accese contro di loro, poi egli se ne andò. Quando la nuvola si fu ritirata di sopra alla tenda, ecco Miriam era lebbrosa, bianca come neve; Aaronne guardò Miriam, ed ecco era lebbrosa.” (Numeri 12:8-10)

Questo dovrebbe essere abbastanza per dare a ciascuno di noi una sana paura di pettegolezzi o di calunnia nei confronti del nostro prossimo, specialmente quelli unti da Adonai per servirLo in una posizione di comando o ministero pubblico.

Yeshua, Purificazione e Restaurazione

“Or avvenne che, nel suo cammino verso Gerusalemme, egli passò attraverso la Samaria e la Galilea.  E, come egli entrava in un certo villaggio, gli vennero incontro dieci uomini lebbrosi, i quali si fermarono a distanza, e alzarono la voce, dicendo: “Maestro, Yeshua, abbi pietà di noi”. Ed egli, vedutili, disse loro: “Andate a mostrarvi ai sacerdoti”. E avvenne che, mentre se ne andavano, furono mondati.” (Luca 17:11-14)

Yeshua (Gesù) il Messia, durante il tempo del Suo ministero sulla terra, guarì molte persone che erano afflitte da questa terribile condizione. Yeshua sostenne il processo di purificazione trovato in questa Parasha quando guarì un lebbroso, dichiarandolo tahor (mondo/puro). 

“Or avvenne che, mentre egli si trovava in una di quelle città, ecco un uomo tutto coperto di lebbra che, veduto Yeshua, si prostrò con la faccia a terra e lo pregò, dicendo: “Signore, se tu vuoi, tu puoi mondarmi”. Allora egli, distesa la mano, lo toccò dicendo: “Sì, lo voglio, sii mondato”. E subito la lebbra lo lasciò.” (Luca 5:12-13)

Mantenendo la legge Ebraica, Yeshua disse all’uomo, “Mostrati al sacerdote e offri i sacrifici che Mosè ha comandato per la tua purificazione, come testimonianza per loro.”

In Luca 17, Yeshua guarisce dieci uomini di lebbra, ma solo uno torna per ringraziarlo. Ancora una volta, Yeshua li manda a riferire la loro guarigione al sacerdote.

Proprio come questi lebbrosi avevano bisogno di riferire al sacerdote Ebreo, così anche quelli che sono stati contaminati da un peccato grave hanno bisogno di riferirsi a coloro che ricoprono posizioni di comando spirituale. C’è un processo nel corpo del Messia che opera la restaurazione di coloro che sono caduti nell’immoralità e che sono stati guariti attraverso il pentimento e il ministero del Ruach HaKodesh (Spirito Santo).

Il Messia: Umile ed Esaltato

Secondo il Sanhedrin 98b del Talmud (tradizione orale Ebraica), il Messia è chiamato “chivara-il lebbroso”. Un’altra interpretazione Ebraica del Messia, tuttavia, si aspetta che sia alto, potente ed esaltato, non umile, afflitto o che sia associato a peccatori o lebbrosi.

Quest’ultima idea è basata su Isaia 52:13“Ecco, il mio servo prospererà e sarà innalzato, elevato e grandemente esaltato.”

Come possiamo riconciliare queste due immagini del Messia? Nella sua prima venuta, Yeshua venne come un umile servitore, entrando a Gerusalemme sulla puledra di asina. Mangiava con i peccatori e si associava con gli esattori delle tasse, comportamento per il quale era stato frainteso e disprezzato. Morì come l’umile agnello condotto al massacro per fare espiazione per i nostri peccati.

“Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, schiacciato per le nostre iniquità; il castigo per cui abbiamo la pace è caduto su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti.” (Isaia 53:5)

Yeshua non è venuto per i superbi e i giusti, ma per i lebbrosi della società, per quelli che sono poveri, umili, malati e emarginati. Non è venuto per associarsi con i ricchi e famosi, ma per purificare coloro che erano stati contaminati (resi tameh) dal peccato. Per illustrare questa verità, Yeshua ha raccontato una parabola ad alcuni che erano fiduciosi nella propria giustizia e che guardavano dall’alto in basso tutti gli altri: “Due uomini salirono al tempio per pregare; uno era fariseo e l’altro pubblicano il fariseo, stando in piedi, dentro di sé pregava così: “O Adonai, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, rapaci, ingiusti, adulteri, e neppure come quel pubblicano. Io digiuno due volte la settimana e pago la decima di tutto ciò che possiedo”. Il pubblicano invece, stando lontano, non ardiva neppure alzare gli occhi al cielo; ma si batteva il petto, dicendo: “O Dio, sii placato verso me peccatore”, Io vi dico che questi, e non l’altro, ritornò a casa sua giustificato, perché chiunque si innalza sarà abbassato e chi si abbassa sarà innalzato.” (Luca 18:10-14) 

Secondo il pensiero Ebraico, il Mashiach (il Messia) Redentore soffre le angosce di tzaraat assumendosi su di Sé e soffrendo personalmente il dolore del Suo popolo in esilio (galut). È tradizionalmente creduto che il giorno della purificazione in questa lettura della Torah, si riferisce al giorno della redenzione quando il Messia torna. Come credenti, capiamo che Yeshua ha adempiuto a questo.

“Egli stesso portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, affinché noi, morti al peccato, viviamo per la giustizia; e per le sue lividure siete stati guariti.” (1 Pietro 2:24)

Inoltre, il Messia tornerà di nuovo a guarire tutti gli tzaraat nel nostro mondo. In quel giorno, sarà esaltato per regnare per sempre sul trono di David. L’esilio Ebraico sarà una cosa del passato, e il Suo popolo abiterà in modo sicuro nella propria terra.

“Non ci sarà fine all’incremento del suo impero e pace sul trono di Davide e sul suo regno, per stabilirlo fermamente e rafforzarlo mediante il giudizio e la giustizia, ora e sempre. Questo farà lo zelo dell’Eterno degli eserciti.” (Isaia 9:7) 

Quando verrà quel giorno, “La giustizia sarà la cintura dei suoi lombi, e la fedeltà la cintura dei suoi fianchi. Il lupo abiterà con l’agnello e il leopardo giacerà col capretto; il vitello, il leoncello e il bestiame ingrassato, staranno insieme e un bambino li guiderà.” (Isaia 11:5-6)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s