Torah Portion Shemini / Porzione di Torah Shemini

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Shemini (Eighth), this week’s Parasha (Torah portion).

Shemini.jpg

This portion of Torah will be read in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

SHEMINI (Eighth)

Torah Portion: Leviticus 9:1-11:47

Haftarah (Prophetic) Portion: 2 Samuel 6:1-7:17

Brit Chadashah (New Testament): Mark 9:1-13, Acts 10:1-35

This week’s Parasha study is called Shemini (Shmini or Sh’mini), which means eighth. The name arises from the opening verse: “On the eighth [shemini] day Moses summoned Aaron and his sons and the elders of Israel.” (Leviticus 9:1)

Last week in Parasha Tzav, God instructed Moses to command Aaron and his sons in how to prepare for their duties and rights as kohanim (priests). For seven days, Aaron and his sons stayed at the Tent of Meeting as part of their ordination process. On the eighth day, Moses called for them to begin presenting the offerings (קָרְבֳּנוֹת, korbanot) to the Lord. These offerings were given as a kind of “welcoming ceremony” to greet the arrival of God’s Shekhinah (Glory or Divine Presence): “Then Moses said, ‘This is what the LORD has commanded you to do, so that the glory of the LORD may appear to you.’” (Leviticus 9:6)

It took a full seven days of preparation before they could begin this new and holy function as priests who serve Adonai in the Mishkan (Tabernacle), where the Glory of the Lord came to reside.

New Beginnings Start with “Eight”

While the number seven represents completion (such as God’s creation of the universe), the number eight often represents new beginnings:

  • On the seventh day, God rested and blessed it, declaring it as a set-apart, holy day of rest. On the eighth day, however, work resumed once more, only this time, human beings began stewardship of God’s creation by tending and caring for the Garden of Eden.
  • The eighth day is, therefore, a type of anniversary of the Creation.
  • Eight souls were saved during the Mabul HaGadol (Great Flood).
  • The eighth day is considered a day of covenant (brit), for it is on this day that every Jewish male infant is to be brought into covenant with the Almighty God through the rite of circumcision (called Brit Milah in Hebrew).
  • David was the eighth son of Jesse and Israel’s first great king from whose lineage HaMashiach (the Messiah) would come.
  • On the eighth day (first day of the week), Yeshua (Jesus) rose from the grave and became the bikkurim (firstfruits) of all those who will be resurrected on the last day.

Other occurrences of eight include the following:

  • There were eight spices of incense. As well, the Cohen HaGadol (High Priest) had eight articles of clothing.
  • Often the weeklong festivals of Passover and Sukkot (Tabernacles) are given an additional eighth day of celebration, such as Acharon shel Pesach (Final Day of Passover) and Shemini Atzeret (Eighth Day of Assembly) on Sukkot.

The Beginning of the Year

Coming into active service in the Mishkan on the eighth day was not the only indication of new beginnings in this Parasha. The consecration of Aaron and his sons, as well as the desert Tabernacle, took place exactly one year after the Exodus from Egypt, in Nissan, the first month.

Nissan is the beginning of spring, when the rainy season comes to an end, the fruit trees begin to blossom, and the fields are carpeted in wildflowers. The Hebrew word for spring is aviv. This word can be divided into two parts: av, which means father; and iv, which has a numerical representation of 12. Thus, aviv (spring) is seen as the father of the twelve months of the year.

Passover, which occurs in this first month of Nissan, is the symbolic “father” of the twelve tribes of Israel as a new nation. (Joe Bobker, Torah with a Twist of Humor, p. 231)

Therefore, the entire Hebrew calendar has a spiritual connection to the formation of the twelve Hebrew tribes, and the service of the priests represents a new beginning for all of Israel.

The Beginning of Wisdom

On the eighth day, the preparations for God’s glorious entry into the  Mishkan  (Tabernacle) were over, and Aaron and his sons began their priestly ministry. (Leviticus 9:1) But something went terribly wrong! Nadab and Abihu, Aaron’s two eldest sons perished in the blink of an eye, devoured by the consuming fire of God’s wrath. Why? The Torah says they offered “strange fire,” which God had not commanded.

“Aaron’s sons Nadab and Abihu took their censers, put fire in them and added incense; and they offered strange fire [zarah] before the LORD, contrary to His command. So fire came out from the presence of the LORD and consumed them, and they died before the LORD.” (Leviticus 10:1-2) 

The Hebrew word zarah (זָרָה) carries the connotation of being foreign or another kind. What was Aaron’s response to such a disturbing family tragedy? Silence. (Leviticus 10:3)

Nadab-and-Abihu.jpg
Nadab and Abihu consumed by fire from God/Consumati dal fuoco di Dio

There is a well-known saying that “silence is golden” and Aaron’s response to this tragedy is perhaps an example of this. At a time of great grief, Aaron remained silent rather than speak out in angry accusation against God. When we go through painful trials in life or when tragedy strikes unexpectedly, whether illness, accident, or even death, one of the best initial strategies may be to keep our mouths closed until we have control over what we will say.

Solomon, in all of his wisdom, wrote the verse: “Even a fool, when he keeps silent, is considered wise; when he closes his lips, he is considered prudent.” (Proverbs 17:28)

We see this truth with Job’s friends. After witnessing his terrible situation, they just sat beside him in silence. It is probably the best thing because when they finally opened their mouths to speak, foolish accusations poured forth.

job-and-his-friends.jpg
Job and his friends/ Giobbe ed i suoi amici

Although it is not clear the exact nature of Nadab and Abihu’s sin, God’s command soon after their death may suggest that they went into the Tent of Meeting in a drunken state.

Just a few verses later, God tells Aaron, “You and your sons are not to drink wine or other fermented drink whenever you go into the Tent of Meeting, or you will die. This is a lasting ordinance for the generations to come.” (Leviticus 10:8-9)

Although the Bible permits the drinking of wine and alcohol in moderation, it has no place among those in position of spiritual leadership while they are actively serving the Lord. 

Alcohol can dull one’s senses and prevent a person from distinguishing between right and wrong, clean and unclean, one of the specified functions of the priesthood. Just as it is unwise to “drink and drive,” it can be equally dangerous in a spiritual sense to “drink and serve the Lord.” In any event, it is evident that these sons of Aaron were careless in the face of God’s holiness.

The Fear of the Lord

Some think that God’s wrath for disregarding His holiness is limited to the Old Testament God of “law and justice.” They think that under the Brit Chadashah (New Testament), we are “under grace” and, therefore, immune to God’s judgment.

However, the account of Ananias and Sapphira reveals that this is a fallacy. This New Covenant couple brought an offering to the apostles in Jerusalem and lied to the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) about how much money they received for the sale of their property.

“Now a man named Ananias, together with his wife Sapphira, also sold a piece of property. With his wife’s full knowledge he kept back part of the money for himself, but brought the rest and put it at the apostles’ feet.” (Acts 5:1-2)

For lying to God, both Ananias and Sapphira were struck dead. (Acts 5:4-11) Although God is merciful, patient, compassionate, and slow to anger, we must not take these qualities for granted, nor test the Lord our God by treating His holiness carelessly.

God is equally just and holy. For this reason He is called a “Consuming Fire” throughout the Tanakh (Hebrew Scriptures) and Brit Chadashah (New Testament). May we all walk in a healthy fear of the Lord, which will keep us on the narrow road that leads to life.

“The fear of the Lord is the beginning of wisdom.” (Proverbs 9:10)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.

PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Shemini (Ottavo), Parasha di questa settimana (Porzione della Torah).

Questa parte della Torah verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato) di questa settimana.

SHEMINI (Ottavo)

Porzione di Torah: Levitico 9:1-11:47 

Haftarah (Porzione Profetica): 2 Samuele 6:1-7:17 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Marco 9:1-13, Atti 10:1-35

Lo Studio della Parasha di questa settimana è chiamato Shemini (Shmini o Sh’mini), che significa ottavo. Il nome deriva dal verso iniziale: “L’ottavo giorno [shemini] Mosè convocò Aaronne, i suoi e gli anziani di Israele.” (Levitico 9:1)

La settimana scorsa nella Parasha Tzav, Adonai ha ordinato a Mosè di comandare Aaronne ei suoi figli su come prepararsi per i loro doveri e diritti come kohanim (sacerdoti).

Per sette giorni, Aaronne e i suoi figli sono rimasti alla tenda del convegno come parte  del loro processo di ordinazione. L’ottavo giorno, Mosè chiese loro di iniziare a presentare le offerte (קָרְבֳּנוֹת, korbanot) ad Adonai. Queste offerte furono date come una sorta di “Cerimonia di benvenuto” per salutare l’arrivo della Shekhinah di Adonai (Gloria o Presenza Divina): “Allora Mosè disse: ‘Questo è ciò che il Signore ti ha comandato di fare, in modo che la gloria del SIGNORE può apparire a voi.’” (Levitico 9:6)

Ci vollero ben sette giorni di preparazione prima che potessero iniziare questa nuova e santa funzione di sacerdoti che servono Adonai nel Mishkan (Tabernacolo), dove la Gloria del Signore venne a risiedere.

Un Nuovo Inizio Inizia con “Otto”

Mentre il numero sette rappresenta il completamento (come la creazione dell’universo di Adonai), il numero otto spesso rappresenta il nuovo inizio:

  • Il settimo giorno, Adonai si riposò e lo benedisse, dichiarandolo come un luogo appartato, santo di riposo. L’ottavo giorno, tuttavia, il lavoro riprese ancora una volta, solo che questa volta gli esseri umani iniziarono a governare la creazione di Adonai prendendosi cura del Giardino dell’Eden.
  • L’ottavo giorno è, quindi, un tipo di anniversario della Creazione.
  • Otto anime furono salvate durante il Mabul HaGadol (Grande Diluvio) .
  • L’ottavo giorno è considerato un giorno di alleanza (brit), perché è in questo giorno che ogni bambino maschio Ebreo deve essere portato in alleanza con l’Iddio onnipotente attraverso il rito di  circoncisione (chiamato Brit Milah in Ebraico).
  • David era l’ottavo figlio di Iesse e il primo grande re d’Israele dal cui lignaggio si ebbe il Mashiach (il Messia).
  • L’ottavo giorno (primo giorno della settimana), Yeshua (Gesù) si alzò dalla tomba e divenne il Bikkurim (primizie) di tutti quelli che saranno risuscitati nell’ultimo giorno.

Altre occorrenze di otto includono quanto segue:

  • C’erano otto spezie di incenso. Inoltre, il Cohen HaGadol (Sommo sacerdote) aveva otto capi di abbigliamento.
  • Spesso alle feste della settimana di Pesach (Pasqua Ebraica) e Sukkot (Tabernacoli) viene dato un ottavo giorno di celebrazione aggiuntivo, come ad esempio Acharon Shel Pesach (Ultimo giorno della Pasqua Ebraica) e Shemini Atzeret (Ottavo giorno dell’Assemblea) su Sukkot.

L’Inizio dell’Anno

Entrare in servizio attivo nel Mishkan l’ottavo giorno non era l’unica indicazione dei nuovi inizi in questa Parasha.

La consacrazione di Aaronne e dei suoi figli, così come il Tabernacolo del deserto, avvenne esattamente un anno dopo l’Esodo dall’Egitto, a Nissan, il primo mese. Nissan è l’inizio della primavera, quando la stagione delle piogge termina, gli alberi da frutto iniziano a sbocciare e i campi sono tappezzati di fiori selvatici.

La parola Ebraica per primavera è aviv. Questa parola può essere divisa in due parti: av, che significa padre; e iv, che ha una rappresentazione numerica di 12. Così, aviv  (primavera) è visto come il padre dei dodici mesi dell’anno.

La Pasqua Ebraica, che avviene in questo primo mese di Nissan, è il simbolico “padre” delle dodici tribù di Israele come una nuova nazione. (Joe Bobker, Torah con un tocco di umorismo, pagina 231)

Pertanto, l’intero calendario Ebraico ha una connessione spirituale con la formazione delle dodici tribù Ebraiche, e il servizio dei sacerdoti rappresenta un nuovo inizio per tutto Israele.

L’Inizio della Saggezza

L’ottavo giorno, i preparativi per il glorioso ingresso di Adonai nel Mishkan  (Tabernacolo) erano finiti, e Aaronne e i suoi figli hanno iniziato il loro ministero sacerdotale. (Levitico 9:1)

Ma qualcosa è andato storto! Nadab e Abihu, i due figli più grandi di Aaronne, in un battito di ciglia, si consumarono divorati dal fuoco consumante dell’ira di Adonai.  Perché? La Torah afferma che essi offrirono “uno strano fuoco”, che Adonai non aveva comandato.

“I figli di Aaronne, Nadab e Abihu presero i turiboli, li accesero e aggiunsero incenso; e offrirono uno strano fuoco [zarah] davanti al Signore, contrariamente al Suo comando. Così il fuoco uscì dalla presenza dell’Eterno e li consumò, e morirono davanti all’Eterno.” (Levitico 10:1-2)  

La parola Ebraica zarah (זָרָה) porta la connotazione dell’essere straniero o di altro tipo. Qual’è stata la risposta di Aaronne a una tragedia familiare così inquietante? Il Silenzio. (Levitico 10:3)

C’è un noto detto che “il silenzio è oro “ e la risposta di Aaronne a questa tragedia è forse un esempio di ciò. In un momento di grande dolore, Aaronne rimase in silenzio piuttosto che parlare in accusa arrabbiata contro Adonai.

Quando attraversiamo dolorose prove nella vita o quando una tragedia colpisce in modo imprevisto, sia esso il lutto, l’incidente o persino la morte, una delle migliori strategie iniziali potrebbe essere tenere chiuse le nostre bocche fino a quando non avremo il controllo su ciò che diremo.

Salomone, con tutta la sua saggezza, scrisse il versetto: “Anche un pazzo, quando tace, è considerato saggio; quando chiude le sue labbra, è considerato prudente.” (Proverbi 17:28)

Vediamo questa verità con gli amici di Giobbe. Dopo aver assistito alla sua terribile situazione, si sedettero accanto a lui in silenzio. Probabilmente è la cosa migliore perché quando finalmente hanno aperto la bocca per parlare, sono emerse accuse sciocche.

Anche se non è chiara l’esatta natura del peccato di Nadab e Abihu, il comando di Adonai subito dopo la morte potrebbe suggerire che sono entrati nella tenda del convegno in stato di ubriachezza.

Solo pochi versi dopo, Adonai dice ad Aaronne: “Adonai parlò ancora ad Aaronne, dicendo: ‘Non bevete vino né bevande inebrianti, né tu né i tuoi figli, quando entrerete nella tenda di convegno, affinché non abbiate a morire; sarà una legge perpetua per tutte le vostre generazioni.” (Levitico 10:8-9)

Sebbene la Scrittura Biblica permetta di bere vino e alcool con moderazione, non ha posto tra coloro che sono in posizione di guida spirituale mentre stanno attivamente servendo Adonai.  

L’alcool può offuscare i propri sensi e impedire a una persona di distinguere tra giusto e sbagliato, pulito e spoglio, una delle funzioni specificate del sacerdozio.

Proprio come non è saggio “bere e guidare”, può essere ugualmente pericoloso in senso spirituale “bere e servire Adonai”.

In ogni caso, è evidente che questi figli di Aronne erano incuranti di fronte alla santità di Adonai.

Il Timore di Adonai

Alcuni pensano che l’ira di Adonai, ignorando la Sua santità, sia limitata all’Antico  Patto/Testamento della “legge e giustizia”. Pensano che sotto il Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento), siamo “sotto la grazia” e, quindi, immuni al giudizio di Adonai.

Tuttavia, il racconto di Anania e Saffira rivela che questo è un errore. Questa coppia del Nuovo Patto/Alleanza portò un’offerta agli apostoli a Gerusalemme e mentì al Ruach HaKodesh (Spirito Santo) su quanti soldi avevano ricevuto per la vendita della loro proprietà.

“Ma un certo uomo, di nome Anania, con sua moglie Saffira, vendette un podere, e trattenne per sé una parte dell’importo d’accordo con la moglie, e andò a deporre il resto ai piedi degli apostoli.” (Atti 5:1-2)

Per aver mentito ad Adonai, sia Anania che Saffira furono uccisi. (Atti 5:4-11)

Sebbene Adonai sia misericordioso, paziente, compassionevole e lento all’ira, non dobbiamo dare per scontate queste qualità, né testare Adonai trattando la Sua santità con noncuranza.

Adonai è ugualmente giusto e santo. Per questa ragione è chiamato “Fuoco consumante” in tutto il Tanakh (Scritture Bibliche Ebraiche o Antico Patto/Testamento) e Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento).

Possiamo tutti camminare in un sano timore di Adonai, che ci manterrà sulla strada stretta che conduce alla vita. 

“Il timore di Adonai è il principio della sapienza, e la conoscenza del Santo è l’intelligenza.” (Proverbi 9:10)

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s