Shabbat Pesach

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom and Chag Pesach Sameach!

Pesach meal 1

Tonight, believers in Yeshua (Jesus) around the world will be honoring Good Friday. 

At the same time, Jewish people and Messianic believers will be celebrating the Passover Seder, recounting how the Angel of Death passed over the homes of the Israelites and all those in Egypt who applied the blood of the Passover lamb to their doorposts.

Over two thousand years ago, 12 men celebrating the Passover Seder in Jerusalem were told by their rabbi and master, Yeshua (Jesus), that this would be their last Seder together. He also explained its prophetic significance.

“When the hour came, Yeshua and His apostles reclined at the table. And He said to them, ‘I have eagerly desired to eat this Passover with you before I suffer. I tell you, I will not eat it again until it finds fulfillment in the kingdom of God.’” (Luke 22:14-16)

Despite this last time of breaking unleavened bread and sharing of the wine, Yeshua did not leave them without hope.  

He emphasized the physical coming of the Kingdom of God to the earth and His return: “After taking the cup, He gave thanks and said, ‘Take this and divide it among you. For I tell you I will not drink again from the fruit of the vine until the kingdom of God comes.’ And He took bread, gave thanks and broke it, and gave it to them, saying, ‘This is my body given for you; do this in remembrance of Me.’ In the same way, after the supper He took the cup, saying, ‘This cup is the new covenant in My blood, which is poured out for you.’” (Luke 22:17-20)

And so Yeshua taught His talmidim (disciples) that the Passover Seder was from that time on to be celebrated in remembrance of the sacrifice that He was to make of Himself in order to become an atonement for the sins of all mankind.

What Did Our Redeemer Do for Us?

“Clean out the old leaven so that you may be a new lump, just as you are in fact unleavened. For Messiah our Passover also has been sacrificed.’” (1 Corinthians 5:7)

As the blood of the Passover lamb spared the Israelite firstborns from death in Egypt, the blood of Messiah Yeshua spares us from eternal death and separation from God.

Indeed, no sacrifice could cover intentionally disobeying the law. Nor could its covering of sin extend into eternity. Only the Lamb of God could redeem humankind from the curse and the punishment of disobedience, as well as give eternal life.

In 700 BC, the prophet Isaiah spoke of the fulfillment of Passover through the coming of the Passover Lamb, the suffering Servant of God, who would become this curse for us and bear the sins of many: “But He was pierced for our transgressions, He was crushed for our iniquities; the punishment that brought us peace was on him, and by His wounds we are healed. We all, like sheep, have gone astray, each of us has turned to our own way; and the Lord has laid on Him the iniquity of us all.” (Isaiah 53:5-6; see also Galatians 3:10,13; 2 Corinthians 5:21)

But Isaiah 53 is not the only prophecy about Yeshua. We can know that Yeshua was this suffering Servant and took our death penalty upon Himself as our Passover Lamb by carefully reading Passover Scriptures that foreshadow Him, such as these:

Foreshadow: Exodus 12:5 speaks of a spotless (unblemished) lamb to be used in the Seder. Isaiah 53:11 further describes the coming Passover Lamb as being the “righteous servant”.

Fulfilled: Paul tells us that “God made Him [Yeshua] who knew no sin to be sin on our behalf, so that in Him we might become the righteousness of God.” (2 Corinthians 5:21)

Foreshadow: Exodus 12:22-23 describes how the blood of the lamb is used to cover the members of the household from judgment. Isaiah 53:6 says the Messiah bore the  “iniquity of us all”.

Fulfilled: Believers now “have confidence to enter the Most Holy Place by the blood of Yeshua, by a new and living way opened for us through the curtain, that is, His body.” (Hebrews 10:19-20)                                                                                    

Foreshadow: Exodus 12:6 says that the lamb is to be slaughtered between the evenings (sometimes translated twilight).

Fulfilled: Matthew 27:45-46 describes how Yeshua hung on the cross from the 6th hour to the 9th hour, which is before evening fell. It is the same time that the Passover lambs were being slain for the Passover Seder.

Foreshadow: Exodus 12:46 says that not a bone of the lamb is to be broken.

Fulfilled: John 19:31-36 states that when the soldiers came to break the legs of those condemned to die on the Roman cross in order to hasten their death, Yeshua was already dead. Not one of His bones was broken. 

Foreshadow: Leviticus 23:5 says that Passover is to be celebrated on the 14th of Nissan at twilight.

Fulfilled: Matthew 27:62 tells us that Yeshua died on the day of preparation for the Passover, which is Nissan 14, just in time for the Passover.

The Passover Lamb: When being Passed Over Is a Miracle

Passover is rich in lessons for all believers in Yeshua.

Were you ever passed over as a child when the sports team was being chosen?

For a child, being passed over could be devastating. Likewise, as adults, being passed over for a promotion, raise, or a prestigious role can be very frustrating.

But being “passed over” during the first Passover was a miracle of deliverance.

During the very first Passover in Egypt, so that God’s judgment of Egypt would pass over, the children of Israel were required to choose an unblemished lamb, kill it, and place its blood over the doorposts and lintels of their dwelling places.

passover 6

Today, over 3300 years later, we are able to celebrate the Passover in all of its prophetic fulfillment.

We have the opportunity to place the blood of the perfect, chosen Lamb of God, Yeshua, over our hearts and homes, so that by faith, we too will be spared from the Divine judgment due to fall on this world. This too is a miracle of deliverance.

“And the blood shall be to you for a token upon the houses where you are; and when I see the blood, I will pass over you [pasachti], and there shall no plague be upon you to destroy you, when I smite the land of Egypt.” (Exodus 12:13)

In Hebrew, the word for I will pass over is pasachti וּפָסַחְתִּי, which comes from the word pesach, which means to hopto skip over, to spare, and to pass over.

death angel
The Angel of Death Passes Over the Doors with Blood/L’Angelo della Morte Passa oltre le Porte con il Sangue

Our salvation was wrought at such a great price. The Messiah died in our place and paid the price for the sins that we committed. And despite celebrating the Passover year after year, so many Jewish people do not know Yeshua!

BloodMadeDifference.jpg
Yeshua, our Passover Lamb/Yeshua, la nostra Pecora di Pasqua

Kria: The Jewish Custom of Rending the Garments

Yeshua’s last words before giving up His Spirit were, “It is finished”. At that moment, our Father in heaven fulfilled an important Jewish custom that may be overlooked this Good Friday.

In Judaism, there are seven immediate family members who are expected to observe a seven-day mourning period: the father, mother, daughter, son, brother, sister, and spouse. These seven mourners participate in a special tradition.

To symbolize how death rips the fabric of life, their garments are symbolically ripped just before the funeral, as Jacob did when he thought his son Joseph had been killed. “Then Jacob tore his clothes, put on sackcloth and mourned for his son many days.” (Genesis 37:34)

In this tradition called kria, the parents and children rend the garment on their left, closest to the heart. Spouses and siblings tear their garments on the right.

While this may seem like an odd tradition, it dates back to Biblical times (Genesis 37:34).

In fact, at the moment of Yeshua’s death, the Heavenly Father also seemed to observe kria in His grief over the death of His son Yeshua (Jesus) the Messiah. “At that moment the curtain of the Temple was torn in two from top to bottom. The earth shook and the rocks split.” (Matthew 27:51)

Rending the curtain of the Temple removed the need for an appointed High Priest to bring a sacrifice into the Holy of Holies and make intercession for the sins of the people year after year.  Yeshua is the Father’s anointed High Priest, who sacrificed His own body and blood for us. He is our only intermediary.

As Yeshua said, “I am the way, and the truth, and the life. No one comes to the Father except through Me.” (John 14:6)

We come to our Father through Yeshua. Though He suffered and died, the tomb has been empty for over 2,000 years and He is Alive!  

“Messiah has been raised from the dead, the first fruits of those who have died.” (1 Corinthians 15:20)

He now sits at the right hand of the Father and all authority has been given to Him! He is our High Priest and only intermediary to God the Father for Jew and Gentile alike. (Colossians 3:1; Matthew 28:18; 1 Timothy 2:5)

TO LISTEN TO OUR SHABBAT SERVICE FOR TODAY, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE. TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH AND ITALIAN, PLEASE CLICK ON THE LINK AT THE BOTTOM OF THE PAGE.
PER ASCOLTARE IL NOSTRO SERVIZIO SHABBAT PER OGGI, FARE CLIC SUL COLLEGAMENTO IN FONDO ALLA PAGINA. PER VEDERE UN VIDEO DEL SERMONE IN INGLESE E ITALIANO, FAI CLIC SUL LINK IN FONDO ALLA PAGINA.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom e Chag Pesach Sameach!

Stasera, i credenti in Yeshua (Gesù il Messia) di tutto il mondo onoreranno il Venerdì Santo. Allo stesso tempo, Ebrei e credenti Messianici celebrando il Seder Pasquale, raccontando come l’Angelo della Morte passò sulle case degli Israeliti e su tutti quelli in Egitto che applicavano il sangue dell’agnello pasquale ai loro stipiti.

Più di duemila anni fa, a dodici uomini che celebravano il Seder pasquale a Gerusalemme fu detto dal loro rabbino e maestro, Yeshua (Gesù), che questo sarebbe stato il loro ultimo Seder insieme. Yeshua spiegò loro anche il suo significato profetico.

“E, quando giunse l’ora, egli si mise a tavola e i dodici apostoli con lui. Allora egli disse loro: ‘Ho grandemente desiderato di mangiare questa Pasqua con voi prima di soffrire, poiché io vi dico che non ne mangerò più finché abbia il suo compimento nel regno di Dio’”. (Luca 22:14-16)

Nonostante quest’ultimo tempo in cui Yeshua ha spezzato il pane non lievitato ed ha condiviso con loro il vino, Yeshua non li ha lasciati senza speranza. Egli ha sottolineato la venuta fisica del Regno di Dio sulla terra e il Suo ritorno: “Poi prese il calice, rese grazie e disse: ‘Prendete questo e dividetelo fra di voi, perché io vi dico che non berrò più del frutto della vigna, finché il regno di Dio sia venuto’. Poi, preso il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: ‘Questo è il mio corpo, che è dato per voi; fate questo in memoria di me’ Così pure, dopo aver cenato, prese il calice dicendo: ‘Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è sparso per voi.” (Luca 22:17-20)

E così Yeshua ha insegnato ai suoi talmidim (discepoli) che il Seder Pasquale da quel momento in poi sarebbe stato celebrato in ricordo del sacrificio che Yeshua doveva fare di se stesso per diventare un’espiazione per i peccati di tutta l’umanità.

Cosa ha Fatto il Nostro Redentore per Noi?

“Togliete via dunque il vecchio lievito affinché siate una nuova pasta, come ben siete senza lievito, la nostra pasqua infatti, cioè Cristo, è stata immolata per noi.” (1 Corinzi 5:7)

Come il sangue dell’agnello pasquale ha risparmiato i primogeniti Israeliti dalla morte in Egitto, il sangue del Messia Yeshua ci risparmia dalla morte eterna e dalla separazione da Adonai. In effetti, nessun sacrificio potrebbe coprire in modo intenzionale disobbedendo alla legge. Né le sue coperture del peccato potrebbero estendersi all’eternità. Solo l’Agnello di Dio poteva riscattare l’umanità dalla maledizione e la punizione della disobbedienza, oltre a dare la vita eterna.

Nel 700 AC, il profeta Isaia parlò del compimento della Pesach (Pasqua Ebraica) con la venuta dell’agnello pasquale, il servo di Adonai sofferente, che avrebbe portato su di sé la nostra maledizione e i nostri peccati: “Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, schiacciato per le nostre iniquità; il castigo per cui abbiamo la pace è caduto su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti. Noi tutti come pecore eravamo erranti, ognuno di noi seguiva la propria via, e l’Eterno ha fatto ricadere su di lui l’iniquità di noi tutti.” (Isaia 53:5-6, vedi anche Galati 3:10,13; 2 Corinzi 5:21)

Ma Isaia 53 non è l’unica profezia su Yeshua. Possiamo sapere che Yeshua era il servo sofferente che ha preso la nostra pena di morte su di Sé come nostro agnello Pasquale leggendo attentamente le Scritture pasquali che lo prefigurano, come queste:

Profezia: In Esodo 12:5 si parla di un agnello senza macchia da utilizzare nel Seder di Pesach. Isaia 53:11 viene descritto ulteriormente l’imminente agnello pasquale come “Servo retto”.

Profezia Compiuta: Paolo ce lo dice “Dio lo ha fatto Yeshua che non conosceva il peccato essere nel peccato per noi, affinché in Lui noi possiamo essere parte della giustizia di Dio.” (2 Corinzi 5:21)

Profezia: Esodo 12:22-23 descrive come il sangue dell’agnello è usato per coprire i membri della famiglia dal giudizio. Isaia 53:6 dice che il Messia ha portato su di sé “L’iniquità di tutti noi”.

Profezia Compiuta: nei credenti ora “Avendo dunque, fratelli, libertà di entrare nel santuario, in virtù del sangue di Gesù, che è la via recente e vivente che egli ha inaugurato per noi attraverso il velo, cioè la sua carne.” (Ebrei 10:19-20)

Profezia: Esodo 12:6 dice che l’agnello deve essere macellato prima della sera (a volte tradotto al crepuscolo).

Profezia Compiuta: Matteo 27:45-46 descrive come Yeshua (Gesù il Messia) sia stato appeso alla croce dalla Sesta ora alla nona ora, che è prima che arrivasse la sera. È lo stesso periodo in cui gli agnelli pasquali venivano uccisi per il Seder pasquale.

Profezia: Esodo 12:46 lo dice non un osso dell’agnello deve essere rotto.

Profezia Compiuta: Giovanni 19:31-36 afferma che quando i soldati vennero a rompere le gambe dei condannati a morire sulla croce Romana per affrettare la loro sorte, Yeshua era già morto. Non una delle sue ossa era stata rotta.

Profezia: Levitico 23:5 dice che la Pasqua deve essere celebrata il 14 di Nissan al crepuscolo.

Profezia  Compiuta: Matteo 27:62 ci dice che Yeshua è morto il giorno della preparazione per la Pasqua, che è Nissan 14, giusto in tempo per la Pasqua Ebraica.

L’Agnello Pasquale: Quando Viene Passato è un Miracolo

La Pasqua è ricca di lezioni per tutti i credenti in Yeshua.

Siete mai stati sconfitti da bambini quando non si veniva scelti all’interno di una squadra sportiva?

Per un bambino, essere sconfitto potrebbe essere devastante. Allo stesso modo, da adulti, essere sconfitti riguardo una promozione, un aumento o un ruolo prestigioso anelato può essere molto frustrante.

Ma essere “trapassato” per Yeshua durante la Pasqua Ebraica fu un miracolo di liberazione per noi.

Durante la primissima Pasqua in Egitto, affinché il giudizio di Dio sull’Egitto passasse oltre, i figli di Israele dovevano scegliere un agnello senza macchia, ucciderlo e mettere il suo sangue sopra gli stipiti e gli architravi delle loro abitazioni.

Oggi, più di 3300 anni dopo, siamo in grado di celebrare la Pasqua Ebraica in tutto il suo adempimento profetico.

Abbiamo l’opportunità di mettere il sangue dell’Agnello di Dio perfetto, scelto, Yeshua, sui nostri cuori e sulle nostre case, in modo che, per fede, anche noi saremo risparmiati dal giudizio divino che dovrebbe cadere su questo mondo. Anche questo è un miracolo di liberazione.

“E il sangue sarà per te come un segno sulle case dove siete; e quando vedo il sangue, Ti passerò sopra [pasachti], e non vi sarà alcuna piaga su di voi per distruggervi, quando percuoterò il paese d’Egitto.” (Esodo 12:13)

In Ebraico, la parola per Io passerò oltre è pasachti וּפָסַחְתִּי, che viene dalla parola pesach, che significa saltare, risparmiare, e passare.

La nostra salvezza è stata trapassata a un prezzo così alto. Il Messia è morto al nostro posto e ha pagato il prezzo per i peccati che abbiamo commesso. E nonostante si celebri la Pasqua Ebraica, anno dopo anno, tanti Ebrei non conoscono Yeshua (Gesù il Messia)!

Kria: l’Abitudine Ebraica di Strappare gli Indumenti

Le ultime parole di Yeshua prima di abbandonare il Suo Spirito erano, “È finito”. In quel momento, il nostro Padre celeste adempì un’importante usanza Ebraica che potrebbe essere trascurata questo Venerdì Santo. Nel Giudaismo, ci sono sette membri della famiglia immediata che ci si aspetta osservino un periodo di lutto di sette giorni: il padre, la madre, la figlia, il figlio, il fratello, la sorella e il coniuge. Queste sette persone in lutto partecipano a una tradizione speciale. Per simboleggiare come la morte strappa il tessuto della vita, le loro vesti sono strappate simbolicamente proprio prima del funerale, come fece Giacobbe quando pensava che suo figlio Giuseppe fosse stato ucciso.

“Giacobbe allora si stracciò le vesti, si mise un cilicio ai fianchi e fece cordoglio  di suo figlio per molti giorni.” (Genesi 37:34)

In questa tradizione chiamata kria, i genitori e i bambini strappano l’indumento alla loro sinistra, più vicino al cuore. Coniugi e fratelli si strappano le vesti a destra. Anche se questa può sembrare una strana tradizione, essa risale ai tempi della Bibbia (Genesi 37:34).

Infatti, al momento della morte di Yeshua, anche il Padre celeste sembrava osservare Kria nel suo dolore per la morte di Suo figlio Yeshua (Gesù) il Messia.

“Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo; la terra tremò e le rocce si spaccarono” (Matteo 27:51)

Strappare la cortina del Tempio ha rimosso la necessità per un Sommo Sacerdote nominato di portare un sacrificio nel Santo dei Santi e fare intercessione per i peccati della gente anno dopo anno. Yeshua è l’Alto Sacerdote unto del Padre, che ha sacrificato il Suo stesso corpo e sangue per noi. Lui è il nostro unico intermediario.

Come disse Yeshua, “Gesù gli disse: ‘Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.’” (Giovanni 14:6)

Veniamo a nostro Padre attraverso Yeshua il Messia. Sebbene Egli abbia sofferto e sia morto per noi, la tomba è rimasta vuota per più di 2.000 anni e Lui è vivo!

“Ma ora Cristo è stato risuscitato dai morti, ed è la primizia di coloro che dormono.” (1 Corinzi 15:20)

Ora siede alla destra del Padre e tutte le autorità gli sono state date! È il nostro Sommo Sacerdote e unico intermediario ad Adonai sia per Ebrei che per Gentili. (Colossesi 3:1; Matteo 28:18; 1 Timoteo 2:5)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s