Torah Portion Vayikra / Porzione di Torah Vayikra

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Vayikra (And He Called), our study of the portion of Torah that will be read in synagogues around the world this Shabbat (Saturday).

parashah-vayikra.png

This Shabbat is the last of four Parashiot that have special Torah readings in preparation for Pesach (Passover), which is only two short weeks away!

It is called Shabbat HaChodesh (החודש שבתSabbath of the month, and a special reading is added from Exodus 12:1-20, which details the laws of Pesach (Passover).

VAYIKRA (And He Called)

Torah: Leviticus 1:1-5:26

Haftarah (Prophetic): Isaiah 43:21-44:23

Shabbat HaChodesh Haftarah: Ezekiel 45:16-46:18

Maftir (concluding reading): Exodus 12:1-20

Brit Chadashah (New Testament/Covenant): Hebrews 9:1-28, Romans 8:1-13

“The Lord called to Moses and spoke to him from the tent of meeting.” (Leviticus 1:1)

Last week, Parasha Pekudei was the final Torah portion in the book of Exodus.

This Shabbat, we begin studying the Book of Leviticus. In Hebrew, Leviticus is called Vayikra after its opening word וַיִּקְרָא, which means and He called.

The Relevance of Offerings

“Speak to the sons of Israel and say to them, ‘When any man of you brings an offering to the LORD, you shall bring your offering of animals from the herd or the flock. If his offering is a burnt offering from the herd, he shall offer it, a male without defect; he shall offer it at the doorway of the tent of meeting, that he may be accepted before the LORD.” (Leviticus 1:2-3)

The Torah portion, Vayikra, presents the laws of korbanot (קָרְבָּנוֹת offerings), including the korban olah (קָרְבַּן עוֹלָה) or burnt offerings.

Vayikra.jpg

The Hebrew noun olah means goes up because the priest would burn the offerings on the wood of the altar, the aroma would go up to be accepted by the Lord.

animal4korban.jpg
Animals used for Sacrifices/Animali usati per i Sacrifici

The Hebrew word korbanot comes from the root word k-r-v (קרב), which means to be close (karov). The sacrifices, once accepted by God, restore closeness and intimacy between Him and His people. It is our iniquities and sins that separate us from God and prevent us from establishing or maintaining a close relationship with Him.

“But your iniquities have separated you from your God; your sins have hidden His face from you, so that He will not hear.” (Isaiah 59:2)

Although some New Covenant believers consider the laws in Leviticus irrelevant and obsolete, they remain relevant and are indeed extremely important.

For instance, without them we cannot grasp the concept of blood sacrifice to atone for sin. That core concept in God’s plan for redemption helps us rightly understand the sacrificial death of Yeshua (Jesus) the Messiah.

Attempting to understand Yeshua’s death on the Roman cross without comprehending the blood sacrifices is like trying to build a house without a foundation. The home may last for a time but will not withstand the fierce storms without that solid base.

Likewise, we must have a solid foundation in the Word of God to rightly understand the Word of God, as well as successfully navigate through the storms of life.

For some people, a guilty conscience over past sins causes them to be alienated from God, despite having received forgiveness. 

The blood sacrifice of Yeshua, however, was shed to restore us to right relationship with God and to completely cleanse us of any trace of a guilty conscience: “How much more will the blood of Messiah who through the eternal Spirit offered Himself without blemish to God, cleanse your conscience from dead works to serve the living God?” (Hebrews 9:14)

Despite this, some followers of Yeshua still struggle with guilt and condemnation, even though the Word of God promises that those who are in the Messiah are free: “There is therefore no condemnation to those in Yeshua the Messiah who do not walk in the flesh.” (Romans 8:1)

Just as the blood of the lamb had to be applied to the doorposts of our homes in Egypt, so must the blood of Yeshua be applied to our hearts, by faith, to wash us clean from every trace of guilty conscience and shame over our past sins.

“Let us draw near with a true heart in full assurance of faith, having our hearts sprinkled from an evil conscience and our bodies washed with pure water.” (Hebrews 10:22) 

The pure waters refer to the mikvah, the ritual water immersion, which is symbolic of our new spiritual birth.

Blood on the doorpost.jpg
Blood on the doorpost/Sangue sullo stipite

Only when our hearts have been cleaned (sprinkled with the blood of Yeshua) and our bodies immersed in the mikvah, can we have this full assurance of faith that allows us to draw near to God.

A guilty conscience over our past will separate us from intimacy with God, as well as with other believers in the body of Messiah.

Once we have drawn near to God (Hebrews 10:22), we are to “consider how we may spur one another on toward love and good deeds.” Instead of isolating ourselves, we are exhorted to meet with others where we can encourage others and be encouraged. (Hebrews 10:24-25)

Since each of us has been given the “ministry of reconciliation,” we should be agents of healing and restoration through Messiah Yeshua.

The Blood of Sprinkling

“He shall kill the young bull before the LORD; and Aaron’s sons the priests shall offer up the blood and sprinkle the blood around on the altar that is at the doorway of the tent of meeting.” (Leviticus 1:5)

The Cohen (High Priest) not only sprinkled the blood around the altar, he dipped his finger in it and sprinkled it seven times before the Lord, in front of the veil.  (Leviticus 4:17)

Some suggest that, likewise, the blood of Yeshua, who was the High Priest (Cohen HaGadol) of the New Covenant, was also sprinkled before the Lord seven times:

  1. Yeshua perspired drops of blood in the Garden of Gethsemane when He prayed to the Father: “And being in anguish, He prayed more earnestly, and His sweat was like drops of blood falling to the ground.” (Luke 22:44)
  2. He was struck in the face until it was “marred beyond recognition.” (Isaiah 52:14)
  3. His back was scourged with a whip. (Isaiah 50:6; Matthew 27:26)
  4. The soldiers put a crown of thorns on His head. (John 19:2)
  5. They plucked out His beard. (Isaiah 50:6)
  6. They pierced His hands and feet. (Psalm 22:16; Luke 24:39; John 20:27)
  7. They pierced His side with a spear and blood and water came out. (Psalm 22:14; John 19:34)

Satanic Counterfeit

Animal rights activists are likely appalled to read of all the sacrifices that the Torah requires.  Some people, even believers, are uncomfortable with the whole idea of blood sacrifices. One of the reasons is our natural human aversion to blood. Another reason is because of the association with evil satanic rituals. Satanism observes its own system of blood sacrifices to the powers of darkness.

As well, Satan often attempts to twist and pervert the Word of God, using it for his own evil purposes. Luke 4 gives us an example of how he did this with Yeshua when He was tested in the wilderness.

Satan misleads by substituting wicked counterfeits for the holy things of God, such as blood sacrifices.

People of various pagan religions have practiced the ritual killing of animals to appease their false gods. Many cultures used animal sacrifice in purification ceremonies. Some of these include (in addition to the Hebrews): Greeks, Romans, Ancient Egyptians, Aztecs, Mayans and Yoruba.

Is animal sacrifice still practiced today? Not currently in Judaism, as the korbanot cannot be offered without the Temple. And there has not been a Temple for nearly 2,000 years.

However, outside of Judaism, it is practiced. Followers of Santeria (a religion of Caribbean origin) to this day offer up some sacrificial animals to cure the sick or give thanks to their god (Orisa) as part of their ritual activities.

There are also some Christians in certain Greek villages who, in a practice called kourbània, sacrifice animals to Orthodox saints.

Human Sacrifice

Another Satanic counterfeit to God’s sacrificial system is found in some cultures and religions in which human beings were sacrificed as a way of giving their very best to their god.

In times of natural disasters, such as earthquakes, floods, or volcanic eruptions, which have historically been understood as evidence of their deity’s anger or displeasure, other cultures have offered up human sacrifice in the hopes of appeasing the wrath of their gods.

Even in the West, worshipers of Satan and his demonic entities have been performing human blood sacrifice since ancient times, so it is likely that this practice continues to this very day, especially within secret communities just outside of mainstream culture.

Judaism, on the other hand, abhors the concept of human sacrifice, because it is abhorrent to God, as it is written: “Never give your children as sacrifices to the god Molech. If you do, you are dishonoring the name of your God. I am YHVH.” (Leviticus 18:21)

It is for this reason that most Jewish people find it so difficult to believe in Yeshua, human sacrifice has always been associated with paganism and is strictly forbidden.

The One True God completely forbade His people from pagan worship customs and especially the practice of human sacrifice: “You must not worship the LORD your God in their way, because in worshiping their gods, they do all kinds of detestable things the LORD hates. They even burn their sons and daughters in the fire as sacrifices to their gods.” (Deuteronomy 12:31)

Knowing that God detests human sacrifice, especially of a son or daughter at the hand of a parent, the Jewish people naturally assume that our God would never allow someone to die a substitutionary death the way animals do.

This is a significant stumbling block to receiving salvation through Yeshua the Messiah for the Jewish people. However, the ancient prophet Isaiah revealed that long ago God planned to lay all of our sins and iniquities upon the Messiah: “But He was pierced through for our transgressions, He was crushed for our iniquities; The chastening for our well-being fell upon Him, and by His scourging we are healed. All of us like sheep have gone astray, each of us has turned to his own way; But the LORD has caused the iniquity of us all to fall on Him.” (Isaiah 53:5-6)

God did not intend for His korbanot to be performed by a people who were determined to live lawless lives. They were never a substitution for living in fellowship with Him and being right-hearted.

Likewise, Yeshua’s sacrifice was meant to restore fellowship with our Father upon a person seeking to draw near to Him, sincerely repenting of their sins, and accepting the sacrifice as a free gift on their behalf.

The blood of the Lamb of God (Yeshua) takes away the sins of those who believe in who He is, what He did, turn from their sin, and follow Him. All of the Hebrew prophets warned the people that offering sacrifices without returning to the principles of righteousness our God laid out for us in His Word would be in vain.

Ultimately, what God requires of each one of us is to practice justice, mercy and humility toward God and man.

“It has been told to you, O man, what is good, and what the LORD does require of you: only to do justly, and to love mercy, and to walk humbly with your God.” (Micah 6:8)

And Yeshua, who has set us free from the evil master of sin through His death and resurrection, has given us the power to be just, love mercy, and walk humbly with our God.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link at the bottom of the page.

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link at the bottom of the page.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti a Vayikra (E ha Chiamato), il nostro studio della Porzione di Torah che verrà letta nelle sinagoghe e congregazioni Messianiche in Israele e nella diaspora questo Shabbat (Sabato).

Questo Shabbat è l’ultimo dei quattro Parashiot che hanno letture speciali della Torah in preparazione per Pesach (Pasqua Ebraica), da cui mancano solo due settimane!

 È chiamato Shabbat HaChodesh (החודש שבת) Sabato del mese e una lettura speciale viene aggiunta dal libro dell’Esodo 12:1-20, che descrive in dettaglio le leggi di Pesach (Pasqua Ebraica).

VAYIKRA (e ha Chiamato)

Porzione di Torah: Levitico 1:1-5:26 

Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 43:21-44:23

Shabbat HaChodesh Haftarah: Ezechiele 45:16-46:18 

Maftir (Lettura speciale di conclusione): Esodo 12:1-20

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento): Ebrei 9:1-28, Romani 8:1-13

“L’Eterno chiamò Mosè e gli parlò dalla tenda di convegno.” (Levitico 1:1)

La scorsa settimana, Parasha Pekudei è stata la parte finale della Torah nel libro dell’Esodo. Questo Shabbat, iniziamo a studiare il Libro del Levitico. In Ebraico, il Levitico è chiamato Vayikra dalla sua parola di apertura וַיִּקְרָא, che significa e ha chiamato.

La Rilevanza delle Offerte 

“Parla ai figli d’Israele e di’loro: Quando uno di voi porta un’offerta all’Eterno, portate come vostra offerta un animale preso dalla mandria o dal gregge. Se la sua offerta è un olocausto di un capo preso dalla mandria, offra un maschio senza difetto; lo porterà all’ingresso della tenda di convegno di sua spontanea volontà davanti all’Eterno.” (Levitico 1:2-3)

La Porzione della Torah, Vayikra, presenta le leggi di korbanot (קָרְבָּנוֹת offerte), incluso il korban olah (קָרְבַּן עוֹלָה) o offerta bruciante.

Il nome Ebraico Olah significa salire poiché il sacerdote bruciava le offerte sul legno dell’altare, l’aroma così saliva per essere accettato dal Signore.

La parola Ebraica korbanot viene dalla parola radice k-r-v (קרב), che significa essere vicini (karov). I sacrifici, una volta accettati da Adonai, ristabiliscono la vicinanza e l’intimità tra Lui e il Suo popolo. Sono le nostre iniquità e i nostri peccati che ci separano da Adonai e ci impediscono di stabilire o mantenere una stretta relazione con Lui.

“Ma le vostre iniquità hanno prodotto una separazione fra voi e il vostro DIO e i vostri peccati hanno fatto nascondere la sua faccia da voi, per non darvi ascolto.” (Isaia 59:2)

Sebbene alcuni credenti in Yeshua considerino le leggi in Levitico irrilevanti e obsolete, rimangono rilevanti e sono davvero estremamente importanti. Ad esempio, senza di loro non possiamo cogliere il concetto di sacrificio di sangue per espiare il peccato. Questo concetto centrale nel piano di Adonai per la nostra redenzione ci aiuta a comprendere la morte sacrificale di Yeshua (Gesù) il Messia secondo la Sua giustizia.

Cercare di capire la morte di Yeshua sulla croce Romana senza comprendere i sacrifici di sangue è come cercare di costruire una casa senza fondamenta. La casa può durare un po’ di tempo, ma non resisterà alle violente tempeste senza solide fondamenta. Allo stesso modo, dobbiamo avere una solida base nella Parola di Adonai per comprendere giustamente la Parola di Adonai, così come navigare con successo attraverso le tempeste della vita. Per alcune persone, la coscienza colpevole dei peccati passati li rende tali, alienati da Adonai, nonostante abbiano ricevuto il Suo perdono. Il sangue di Yeshua sulla croce, tuttavia, fu versato per restaurare una giusta relazione con Adonai e per purificarci completamente da ogni traccia di senso di colpa: “Quanto più il sangue del Messia, che mediante lo Spirito eterno offerse se stesso puro di ogni colpa a Dio, purificherà la vostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente?” (Ebrei 9:14)

Nonostante questo, alcuni seguaci di Yeshua combattono ancora con il senso di colpa e auto condanna, anche se la Parola di Adonai promette che coloro che sono nel Messia sono liberi in Lui: “Ora dunque non vi è alcuna condanna per coloro che sono in Yeshua (Cristo Gesù), i quali non camminano secondo la carne ma secondo lo Spirito.” (Romani 8:1)

Proprio come il sangue dell’agnello doveva essere applicato agli stipiti delle nostre case in Egitto, così il sangue di Yeshua deve essere applicato ai nostri cuori, mediante la fede, per purificarci da ogni traccia di senso di colpa e vergogna per i nostri peccati passati.

“Accostiamoci con cuore sincero, in piena certezza di fede, avendo i cuori aspersi per purificarli da una cattiva coscienza e il corpo lavato con acqua pura.” (Ebrei 10:22)  

Le acque pure si riferiscono alla mikvah, l’immersione in acqua rituale, che simboleggia la nostra nuova nascita spirituale. Solo quando i nostri cuori sono stati ripuliti (cosparsi col sangue di Yeshua) e i nostri corpi immersi nella mikvah, possiamo avere questa piena certezza di fede che ci permette di avvicinarci ad Adonai. Il senso di colpa dei nostri peccati passati ci separerà dall’intimità con Adonai, così come con altri credenti nella bontà del Messia. Una volta che ci siamo avvicinati ad Adonai (Ebrei 10:22), dobbiamo “Considera come possiamo spronarci a vicenda verso amore e buone azioni.” 

Invece di isolarci, siamo esortati a incontrarci con gli altri, dove possiamo incoraggiare gli altri ed essere incoraggiati. (Ebrei 10:24-25)

Poiché a ciascuno di noi è stato dato il “ministero della riconciliazione”, dovremmo essere agenti di guarigione e di restaurazione attraverso il Messia Yeshua.

Il Sangue dell’Irrorazione

“Poi scannerà il torello davanti all’Eterno; e i sacerdoti, figli di Aaronne, presenteranno il sangue e spargeranno il sangue tutt’intorno sull’altare, che è all’ingresso della tenda di convegno.” (Levitico 1:5)

Il Cohen (Sommo Sacerdote) non solo spargeva il sangue attorno all’altare, ne intingeva il dito e lo spruzzava sette volte davanti al Signore, davanti al velo.  (Levitico 4:17) Alcuni suggeriscono che, allo stesso modo, il sangue di Yeshua, che era il Sommo sacerdote (Cohen HaGadol) della Nuova Alleanza, fu anche asperso davanti al Signore sette volte:

  1. Yeshua traspirò gocce di sangue nel Giardino del Getsemani quando pregò il Padre: “Ed egli, essendo in agonia, pregava ancor più intensamente, e il suo sudore divenne simile a grumi di sangue che cadevano a terra.” (Luca 22:44)
  2. Yeshua è stato colpito in faccia finché non è stato “Segnato oltre il riconoscimento.” (Isaia 52:14)
  3. La schiena di Yeshua è stata flagellata con una frusta. (Isaia 50:6, Matteo 27:26)
  4. I soldati hanno messo una corona di spine sulla testa di Yeshua. (Giovanni 19:2)
  5. A Yeshua è stata strappata la barba. (Isaia 50:6)
  6. I chiodi hanno trafitto le mani e i piedi di Yeshua. (Salmo 22:16, Luca 24:39, Giovanni 20:27)
  7. A Yeshua hanno trafitto il fianco con una lancia e sono fuoriusciti sangue e acqua. (Salmo 22:14, Giovanni 19:34)

Contraffazione Satanica 

Gli attivisti per i diritti degli animali sono probabilmente sconvolti dalla lettura di tutti i sacrifici che la Torah richiede. Alcune persone, anche i non Ebrei, sono a disagio con l’intera idea dei sacrifici di sangue. Uno dei motivi è la nostra naturale avversione umana al sangue. Un altro motivo è a causa dell’associazione con riti malvagi satanici. Il satanismo osserva il proprio sistema di sacrifici di sangue per i poteri delle tenebre. Satana distorce la Parola di Adonai, usandola per i suoi scopi malvagi. Luca 4 ci dà un esempio di come Satana ha fatto questo con Yeshua quando è stato provato nel deserto. Satana inganna sostituendo le cattive contraffazioni con le cose sante di Adonai, come i sacrifici di sangue. Le persone di varie religioni pagane hanno praticato l’uccisione rituale di animali per placare i loro falsi dei. Molte culture usavano il sacrificio animale nelle cerimonie di purificazione. Alcuni di questi includono (oltre agli Ebrei): Greci, Romani, antichi Egizi, Aztechi, Maiani e Yoruba.

Oggi si pratica ancora il sacrificio dell’animale? Non attualmente nel Giudaismo, poiché il korbanot non può essere offerto senza il Tempio. E non c’è stato un Tempio da quasi 2000 anni. Tuttavia, al di fuori del Giudaismo, esso è praticato. I seguaci della Santeria (una religione di origine Caraibica) fino ad oggi offrono alcuni animali sacrificali per curare gli ammalati o ringraziare il loro dio (Orisa) come parte delle loro attività rituali. Ci sono anche alcuni Cristiani in alcuni villaggi Greci che, in una pratica chiamata kourbània, sacrificano animali ai santi ortodossi.

Sacrificio Umano

Un’altra contraffazione satanica al sistema sacrificale di Adonai si trova in alcune culture e religioni in cui gli esseri umani sono stati sacrificati come un modo di dare il meglio al loro dio. In tempi di disastri naturali, come terremoti, inondazioni o eruzioni vulcaniche, che sono state storicamente intese come prova della rabbia o del dispiacere della loro divinità, altre culture hanno offerto il sacrificio umano nella speranza di placare l’ira dei loro dei. Anche in Occidente, i fedeli di Satana e delle sue entità demoniache hanno compiuto sacrifici di sangue umano sin dai tempi antichi, quindi è probabile che questa pratica continui fino ad oggi, specialmente all’interno di comunità segrete, al di fuori della cultura tradizionale.

L’Ebraismo, d’altra parte, aborre il concetto di sacrificio umano, perché è abominio ad Adonai, come è scritto: “Non permetterai che alcuno dei tuoi discendenti sia offerto a Molek; e non profanerai il nome del tuo DIO. Io sono YHVH.” (Levitico 18:21)

È per questo motivo che la maggior parte degli Ebrei trova così difficile credere in Yeshua, il sacrificio umano è sempre stato associato al paganesimo ed è severamente vietato. L’Unico Vero Dio proibì completamente al Suo popolo di praticare usanze di culto pagano e specialmente la pratica del sacrificio umano: “Tu non farai così con l’Eterno, il tuo DIO, perché con i loro dei esse hanno fatto tutto ciò che è abominevole per l’Eterno che egli detesta; hanno persino bruciato nel fuoco i loro figli e le loro figlie, in onore dei loro dei.” (Deuteronomio 12:31)

Sapendo che Adonai detesta il sacrificio umano, specialmente di un figlio o una figlia per mano di un genitore, il popolo Ebraico presume naturalmente che il nostro Dio non permetterebbe mai a qualcuno di morire una morte sostitutiva come fanno gli animali. Questo è un ostacolo significativo per ricevere la salvezza attraverso Yeshua il Messia per il popolo Ebraico. Tuttavia, l’antico profeta Isaia rivelò che molto tempo fa Adonai aveva pianificato di deporre tutti i nostri peccati e le nostre iniquità sul Messia: “Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, schiacciato per le nostre iniquità; il castigo per cui abbiamo la pace è caduto su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti. Noi tutti come pecore eravamo erranti, ognuno di noi seguiva la propria via, e l’Eterno ha fatto ricadere su di lui l’iniquità di noi tutti.” (Isaia 53:5-6) 

Adonai non desiderava che il Suo korbanot venisse eseguito da un popolo che era determinato a vivere vite senza legge. Il korbanot non è mai stato una sostituzione al vivere in comunione con Lui e avere un cuore giusto. Allo stesso modo, il sacrificio di Yeshua era inteso a ristabilire la relazione con nostro Padre attraverso il riavvicinarsi a Lui, pentendosi sinceramente dei nostri peccati e accettando il sacrificio di Yeshua come un dono gratuito per nostro conto. Il sangue dell’Agnello di Adonai (Yeshua) toglie i peccati di coloro che credono in chi Yeshua è, in ciò che Egli ha fatto, ci libera dal peccato e ci compunge i cuori nella fede in Yeshua fino a seguire il Suo cammino. Tutti i profeti ebrei hanno avvertito il popolo che offrendo sacrifici senza ritornare ai principi di giustizia che il nostro Dio ha preparato per noi nella Sua Parola sarebbe stato vano. In definitiva, ciò che Adonai richiede a ciascuno di noi è di praticare la giustizia, la misericordia e l’umiltà verso Adonai e l’uomo.

“O uomo, egli ti ha fatto conoscere ciò che è bene; e che altro richiede da te l’Eterno, se non praticare la giustizia, amare la clemenza e camminare umilmente col tuo DIO.” (Michea 6:8)

E Yeshua, che ci ha liberati dal malvagio padrone del peccato attraverso la sua morte e risurrezione, ci ha dato il potere di essere giusti, di amare la misericordia e di camminare umilmente con il nostro Dio.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s