Torah Portion Vayakhel – Pekudei / Porzione di Torah Vayakhel – Pekudei

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Vayakhel (And He Assembled) – Pekudei (Accounts), this week’s Parasha (Torah Portion). 

vayakhel-pekudei.jpg

Because this weekend is Shabbat Parah (Sabbath of the Red Heifer), a special maftir (concluding portion) is added. That maftir speaks of the Parah Adumah, the Red Heifer. We invite you to read along with us and are certain that you will be blessed.

bs-red-cow-28477.jpg

VAYAKHEL (And He Assembled) PEKUDEI (Accounts)

Torah Portion: Exodus 35:1-40:38

Haftarah Portion (Prophetic): I Kings 7:40-8:21

Brit Chadashah (New Testament): John 6:1-71, 2 Corinthians 9:1-15, Revelation 11:1-13, 15:5-8

Shabbat Parah: Maftir: Numbers 19:1-22; Haftarah: Ezekiel 36:16-38

In the last few Parashiot of TerumahTetzaveh and the first part of Ki Tisa, God instructed Moses regarding the making of the Mishkan (Tabernacle, dwelling place), its vessels, and the priestly garments.

Because of adjustments in the Parasha cycle to achieve the needed number of readings, this year the Torah reading schedule combines Parasha Vayakhel and Parasha Pekudei.

Additional readings are included for this special Shabbat HaChodesh (Sabbath of the Month), which occurs on the Sabbath before the 1st of Nissan, the first month on the Hebrew calendar. 

In this week’s readings, the glory of the Lord filled the Temple after the work of building it was completed.

Completing the Temple

“How lovely is your dwelling place [Mishkan], Lord Almighty [Lord of Hosts]! My soul yearns, even faints, for the courts of the Lord; my heart and my flesh cry out for the living God.” (Psalm 84:1-2)

Vayakhel records the actual implementation of God’s instructions on how to build the  Mishkan, which was recounted earlier in Parasha Terumah.

Indeed, Vayakhel is almost repeated word for word in Terumah, with one notable change: the instructions in Terumah that were prefaced with the words “and they shall make” are now written with “and they made.”

The Tabernacle and the Sabbath

“For six days, work is to be done, but the seventh day shall be your holy day, a day of Sabbath rest to the Lord. Whoever does any work on it is to be put to death. Do not light a fire in any of your dwellings on the Sabbath day.” (Exodus 35:2-3)

The people stood prepared to begin the construction of the Tabernacle. But even as important as this work was, Moses brought to their attention, yet again, that they must not work on the Shabbat (Sabbath / Saturday).

The holiness of the Sabbath was not to be violated even for the sacred purpose of building the Tabernacle.

tabernacle2.jpg

Building the Tabernacle: A Community Affair

Regarding the building of the tabernacle, God stirred up the hearts of the people to bring their offerings for the work of the Lord.

It was not just Moses’ private project; it was a community affair, so each one contributed what they could from their material resources.

Some prepared the holy garments, while others prepared the anointing oil, and the sacred vessels, etc. Everyone worked together toward this common goal.

Similarly, none of us can do the work of the Lord alone.

Building up the body of Messiah must be a communal work, each one whose hearts are stirred by the Lord, giving what they are able. Some use their talents and others give their material resources. Many give both.

A Joyful Outpouring of Resources

“The people have given more than enough materials to complete the job the Lord has commanded us to do!” (Exodus 36:5)

The Israelites were so overjoyed to give to the building of the Mishkan (Tabernacle)  that they gave enthusiastically.

So generously did they give that they actually had to be restrained from giving more! (Exodus 36:3-7)

God responds to the cheerful giver with love and generosity, and He multiplies the seed sown so that there is no lack.

“Each of you should give what you have decided in your heart to give, not reluctantly or under compulsion, for God loves a cheerful giver. And God is able to bless you abundantly, so that in all things at all times, having all that you need, you will abound in every good work.” (2 Corinthians 9:7-8)

If everyone whose heart was stirred by the Lord gave what was in their heart to give, there would be more than enough to meet every need.

The Widow’s Mite

The widow gives her mites.jpg

It’s not so much the amount of the offering but the amount of sacrificial love with which it is given that counts to the Lord.

In Luke 21, Yeshua (Jesus) observed the rich putting their gifts into the Temple treasury. He also witnessed a poor widow putting in two leptons, which are called mites in the King James translation of the Bible.

In Yeshua’s day, a lepton (Greek for small or thin) was the smallest denomination of coins. Like pennies today, they would hardly be considered worth the effort of stooping to pick one up off the street.

The widows mitew

Her two mites were not going to make an appreciable difference in the upkeep of the Temple, but Yeshua took special notice of this tiny offering and gave this widow a great honor.

What might be considered an insignificant offering by some has been recorded and is still read about two thousand years later! Yeshua actually valued this poor widow’s offering more than the generous offerings of the rich.

“I tell you the truth,” Jesus said, “this poor widow has given more than all the rest of them. For they have given a tiny part of their surplus, but she, poor as she is, has given everything she has.” (Luke 21:3-4)

Offerings of Time and Talent

“Whatever you do, do it all for the glory of God.” (1 Corinthians 10:31)

It wasn’t only financial offerings that the people gave to complete the work of building the Tabernacle. They also gave of their gifts and talents.

In some individuals, such as Betzalel (see last week’s Parasha Ki Tisa), God placed His Spirit of wisdom and understanding for a specific artistic gifting to complete the building of the Mishkan.

Likewise, God gives each one of us gifts to be used for His glory.

Just as God gave explicitly detailed instructions for the building of the Tabernacle, and not just a general outline, we may also seek the Lord for specific instructions on what He wants us to do for Him.

According to God’s Plan

“And he raised up the court all around the tabernacle and the altar, and hung up the screen of the court gate. So Moses finished the work. Then the cloud covered the tabernacle of meeting, and the glory of the Lord filled the tabernacle. [Mishkan].” (Exodus 40:33-34)

In the Pekudei section of this week’s Torah reading, the construction of the Sanctuary is completed.

That work was finished exactly as God had commanded Moses: “And so at last the Tabernacle was finished. The Israelites had done everything just as the Lord had commanded Moses.” (Exodus 39:32)

The Israelites did not deviate from the plans given to them by God to do their own thing. They faithfully carried out His directions. Moses did only according to the heavenly pattern that was shown to him on the mountain.

Likewise, we need to make sure that our works are what our Father is asking us to do, the way He is asking us to do it, and that we are not just doing our own thing.

Hearing from God and receiving His Divine guidance comes out of a close, intimate relationship with Him, there is no other way. And a relationship with God, like any other relationship, requires time and meaningful communication.

Yeshua invested time in His relationship with the Father, and like Moses, did everything according to His Father’s will.

“So Yeshua explained, ‘I tell you the truth, the Son can do nothing by Himself. He does only what He sees the Father doing. Whatever the Father does, the Son also does.’” (John 5:19)

And He said, “I have come down from heaven not to do My will but to do the will of Him who sent Me.” (John 6:38)

In the end, our works will be judged and the fire will test each work. Only those done in accord with the will of the Father will endure and be rewarded. (1 Corinthians 3:13-14)

Receiving the Blessing

When the people completed the work, Moses blessed them. It’s as if Moses looked at all that had been accomplished and said to the people, “Well done, good and faithful servants.”

“Moses saw all the work, and behold, they had done it; as the Lord had commanded, even so had they done it. And Moses blessed them.” (Exodus 39:43)

Notice that the blessing didn’t come when they began the work, but when they completed it.

Beginnings are easy. When we are fired up by enthusiasm and zeal, we can undertake almost anything, but it takes endurance to make it to the end.

Completions are both difficult and rare. Nevertheless, it’s when we complete the work that we receive the blessing.

Priorities and Procrastination

“Is it a time for you yourselves to be living in your paneled houses, while this house remains a ruin?” (Haggai 1:4)

Incorrect priorities and procrastination in doing God’s work can result in spiritual stagnation.

The Book of Ezra provides a powerful picture of this.

In 538 BC, King Cyrus decreed that the Jews could return to their beloved city of Jerusalem and begin the work of rebuilding the Holy Temple, which the Babylonian armies had destroyed.

All too soon, however, they forgot their purpose and lost sight of their priorities. Opposition and apathy brought this important work to a standstill (Ezra 4:4-5).

The people languished because they were more concerned with their own personal needs than with doing God’s will.

Bringing Our Work to Completion

“Last year you were the first not only to give but also to have the desire to do so. Now finish the work, so that your eager willingness to do it may be matched by your completion of it, according to your means.” (2 Corinthians 8:10-11)

In the same way Moses completed building the Tabernacle, Solomon completed building the Temple, and the Jewish exiles of Babylon completed building the restored Temple, we must bring our work to completion.

Completing our work doesn’t mean that all the loose ends have been tied up or that there is nothing left to do; it means that we have done what God specifically commissioned us to do.

We know from this week’s Parasha that once the work is finished, not only does the blessing come, but also the glory, the glory of God that filled the Tabernacle when Moses finished building it!  

In that same pattern, Yeshua declared how He had completed His work and brought glory to the Father: “I have brought You glory on earth by completing the work You gave Me to do. And now, Father, glorify Me in Your presence with the glory I had with You before the world began.” (John 17:4-5)

In the end, after we bring our works to completion, may we receive the blessing and hear those words: “Well done, good and faithful servant.”

May we also be able to declare, like the apostle Paul, “I have fought the good fight, I have finished the race, I have kept the faith.” (2 Timothy 4:7)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link at the bottom of the page.

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link at the bottom of the page.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti a Vayakhel (E fece radunare) – Pekudei (Conti), Parasha di questa settimana (Porzione di Torah).

Poiché questo Sabato è chiamato Shabbat Parah (Sabato della Giovenca Rossa), viene aggiunto uno speciale maftir (porzione conclusiva) alle scritture della Parasha. Il maftir parla della Parah Adumah, la giovenca rossa. Vi invitiamo a studiare insieme a noi le scritture bibliche e siamo certi che sarete benedetti.

VAYAKHEL (E fece Radunare) – PEKUDEI (Conti) 

Porzione di Torah: Esodo 35:1-40:38

Porzione dell’Haftarah (Profetica): I Re 7:40-8:21

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Giovanni 6:1-71, 2 Corinzi 9:1-15, Apocalisse 11:1-13, 15:5-8

Shabbat Parah: Maftir: Numeri 19:1-22; Haftarah: Ezechiele 36:16-38 

Negli ultimi Parashiot di  TerumahTetzaveh e la prima parte di Ki Tisa, Adonai istruì Mosè riguardo alla creazione del Mishkan (Tabernacolo, la Sua dimora), i suoi vasi e le vesti sacerdotali. A causa degli aggiustamenti nel ciclo delle Parasha per raggiungere il numero necessario di letture, quest’anno il programma di lettura della Torah combina Parasha Vayakhel e Parasha Pekudei. Altre letture sono incluse per questo speciale Shabbat HaChodesh (Sabato del Mese), che si verifica il Sabato prima del 1° di Nissan, il primo mese del calendario Ebraico. Nelle letture di questa settimana, la gloria del Signore riempì il Tempio dopo che l’opera di costruzione fu completata.

Completando il Tempio

“Quanto è adorabile la tua dimora [Mishkan], Signore Onnipotente [Signore degli eserciti]! La mia anima desidera, perfino sviene, per le corti del Signore; il mio cuore e la mia carne invocano il Dio vivente.” (Salmo 84:1-2)

Vayakhel registra l’effettiva attuazione delle istruzioni di Adonai su come costruire il Mishkan, che è stato raccontato in precedenza nella Parasha Terumah. In effetti, Vayakhel è quasi ripetuto parola per parola in Terumah, con un cambiamento notevole: le istruzioni in Terumah che erano precedute dalle parole “E loro faranno” ora sono scritte come “E hanno fatto.” 

Il Tabernacolo e il Sabato

“Si lavorerà sei giorni, ma il settimo giorno sarà per voi un giorno santo, un sabato di riposo, consacrato all’Eterno. Chiunque fa qualche lavoro in esso sarà messo a morte. Non accenderete il fuoco in alcuna delle vostre abitazioni il giorno del sabato.” (Esodo 35:2-3)

Il popolo si preparò a iniziare la costruzione del Tabernacolo. Ma per quanto importante fosse questo lavoro, Mosè portò alla loro attenzione, ancora una volta, che non si doveva lavorare su Shabbat (Sabato). La santità del Sabato non doveva essere violata nemmeno per il sacro proposito di costruire il Tabernacolo.

Costruire il Tabernacolo: un Affare di Comunità

Riguardo alla costruzione del tabernacolo, Adonai compunse il cuore del Suo Popolo nel portare le loro offerte per l’opera del Signore. Non era solo il progetto privato di Mosè; era un affare di comunità, quindi ognuno di loro contribuì con le proprie risorse materiali. Alcuni prepararono le vesti sacre, mentre altri prepararono l’olio dell’unzione e i vasi sacri, ecc. E tutti lavorarono insieme verso questo obiettivo comune.  Allo stesso modo, nessuno di noi può fare il lavoro del Signore da solo. La costruzione del corpo del Messia è un lavoro comune, che avviene abbracciando tutti coloro i cui cuori sono compunti nel servire Adonai, donando ciò che sono in grado di dare. Alcuni usano i loro talenti e altri danno le loro risorse materiali. Molti danno entrambi.

Una Gioiosa Effusione di Risorse 

“e parlarono a Mosè, dicendo: ‘Il popolo porta molto più di quel che necessita per eseguire i lavori che l’Eterno ha comandato di fare!” (Esodo 36:5)

Gli Israeliti erano così felici di dare alla costruzione del Mishkan (Tabernacolo) che hanno dato con entusiasmo. Così generosamente hanno dato che in realtà dovevano essere trattenuti dal dare di più! (Esodo 36:3-7) Adonai risponde al donatore allegro con amore e generosità, e moltiplica il seme seminato affinché non manchi.

“Ciascuno faccia come ha deliberato nel suo cuore, non di malavoglia né per forza, perché Dio ama un donatore allegro. Ora Dio è potente di fare abbondare in voi ogni grazia affinché, avendo sempre il sufficiente in ogni cosa, voi abbondiate per ogni buona opera.” (2 Corinzi 9:7-8) 

Se tutti quelli il cui cuore fosse stato suscitato dal Signore avessero dato ciò che era nel loro cuore da dare, ce ne sarebbe stato più che sufficiente per soddisfare ogni esigenza.

L’Obolo della Vedova

Non è tanto la quantità dell’offerta, ma la quantità di amore sacrificale con cui è dato che conta per il Signore. In Luca 21, Yeshua osservò i ricchi che mettevano i loro doni nel tesoro del Tempio. Ha anche assistito a una povera vedova che ha messo i suoi due  leptoni, che sono chiamati obolo nella traduzione di Re Giacomo della Bibbia. Ai giorni di Yeshua, il leptone (Greco per piccolo o sottile) era la più piccola unità di moneta. Come pochi centesimi oggi, difficilmente potrebbero essere considerati degni dello sforzo di chinarsi per prenderne uno dalla strada. I suoi due acari non avrebbero fatto una differenza apprezzabile nel mantenimento del Tempio, ma Yeshua prestò particolare attenzione a questa piccola offerta e diede a questa vedova un grande onore. Ciò che potrebbe essere considerato un’offerta insignificante da alcuni è stato registrato ed è ancora letto circa duemila anni dopo! Yeshua apprezzava davvero ciò che questa povera vedova offriva più delle generose offerte dei ricchi. 

“Ti dico la verità”, disse Gesù, “In verità io vi dico che questa povera vedova ha gettato più di tutti gli altri. Tutti costoro infatti hanno gettato nelle offerte per la casa di Dio del loro superfluo, ma costei vi ha gettato nella sua povertà tutto quello che aveva per vivere.” (Luca 21:3-4)

Offerte di Tempo e Talento 

“Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun’altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio.” (1 Corinzi 10:31) 

Non erano solo le offerte finanziarie che la gente donava per completare il lavoro di costruzione del Tabernacolo. Essi offrivano anche i loro doni e talenti. In alcune persone, come ad esempio Betzalel (si veda la Parasha della scorsa settimana Ki Tisa), Adonai ha posto il Suo Spirito di saggezza e comprensione su di un artigiano per completare la costruzione del Mishkan. Allo stesso modo, Adonai dona ad ognuno di noi doni da usare per la Sua gloria. Proprio come Adonai ha dato istruzioni esplicitamente dettagliate per la costruzione del Tabernacolo, e non solo uno schema generale, noi possiamo anche cercare il Signore per ricevere istruzioni specifiche su ciò che Egli vuole che facciamo per Lui.

Secondo il Piano di Dio 

“Eresse pure il cortile attorno al tabernacolo e all’altare e mise la cortina all’ingresso del cortile. Così Mosè terminò il lavoro. Allora la nuvola coprì la tenda di convegno e la gloria dell’Eterno riempì il tabernacolo [Mishkan].” (Esodo 40:33-34) 

Nella sezione Pekudei della lettura della Torah di questa settimana, la costruzione del Santuario è completata. Quel lavoro era finito esattamente come Adonai aveva comandato a Mosè: “Così fu finito tutto il lavoro del tabernacolo e della tenda di convegno. I figli d’Israele fecero secondo tutto ciò che l’Eterno aveva ordinato a Mosè; essi fecero così.” (Esodo 39:32) 

Gli Israeliti non si sono allontanati dai piani dati loro da Adonai per fare le loro cose. Essi eseguirono fedelmente le Sue direzioni. Mosè fece solo ogni cosa secondo lo schema celeste che gli fu mostrato sulla montagna. Allo stesso modo, noi dobbiamo assicurarci che i nostri lavori siano ciò che nostro Padre ci sta chiedendo di fare, il modo in cui ci sta chiedendo di farlo e che non stiamo solo facendo le nostre cose. Ascoltare Adonai e ricevere la Sua guida divina nasce da una stretta, intima relazione con Lui, non c’è altro modo di seguirlo. E una relazione con Adonai, come ogni altra relazione, richiede tempo e comunicazione significativa. Yeshua ha investito tempo nella sua relazione con il Padre e, come Mosè, ha fatto tutto secondo la volontà di Suo Padre.

“Allora Gesù rispose e disse loro: ‘In verità, in verità vi dico che il Figlio non può far nulla da se stesso, se non quello che vede fare dal Padre; le cose infatti che fa il Padre, le fa ugualmente anche il Figlio.’” (Giovanni 5:19)

E lui ha detto, “Sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà ma per la volontà di colui che mi ha mandato.” (Giovanni 6:38)

Alla fine, i nostri lavori saranno giudicati e il fuoco metterà alla prova ogni opera. Solo quelli fatti in accordo con la volontà del Padre dureranno e saranno ricompensati. (1 Corinzi 3:13-14)

Ricevere la Benedizione 

Quando le persone completarono il lavoro, Mosè li benedisse. È come se Mosè avesse guardato tutto ciò che era stato fatto e poi dicesse al popolo: “Ben fatto, servi buoni e fedeli”.

“Mosè esaminò quindi tutto il lavoro; ed ecco, essi l’avevano eseguito come l’Eterno aveva ordinato; essi l’avevano fatto così. Così Mosè li benedisse.” (Esodo 39:43)

Si noti che la benedizione non è arrivata quando hanno iniziato il lavoro, ma quando lo hanno completato. Gli inizi sono facili. Quando siamo entusiasti dell’entusiasmo e dello zelo, possiamo intraprendere quasi tutto, ma ci vuole resistenza per arrivare alla fine. I completamenti sono sia difficili che rari. Tuttavia, è quando completiamo il lavoro che riceviamo la benedizione.

Priorità e Procrastinazione

“È forse questo il tempo per voi di abitare nelle vostre case ricoperte, mentre questo tempio giace in rovina?” (Aggeo 1:4) 

Priorità sbagliate e procrastinazione nel fare il lavoro di Adonai possono provocare una stagnazione spirituale. Il libro di Ezra fornisce una potente immagine di questo particolare. Nel 538 AC, il re Ciro decretò che gli Ebrei potessero tornare nella loro amata città di Gerusalemme e iniziare i lavori di ricostruzione del Tempio sacro, che gli eserciti Babilonesi avevano distrutto. Troppo presto, tuttavia, essi avevano dimenticato il loro scopo e la visione su cui erano poste le loro priorità. L’opposizione e l’apatia portarono questo importante lavoro a un punto morto (Esdra 4:4-5). Le persone languivano perché erano più preoccupate dei loro bisogni personali che di fare la volontà di Adonai.

Portare il Nostro Lavoro al Completamento 

“A questo riguardo vi do un consiglio, perché questo è utile a voi, che fin dall’anno scorso non solo cominciaste a fare, ma anche a volere. Ora compite anche il fare affinché, come vi è stata la prontezza del volere, così vi sia pure il compimento secondo le vostre possibilità.” (2 Corinzi 8:10-11) 

Nello stesso modo in cui Mosè completò la costruzione del Tabernacolo, Salomone completò la costruzione del Tempio, e gli esuli Ebrei di Babilonia completarono la costruzione del Tempio restaurato, noi dobbiamo portare a termine il nostro lavoro. Completare il nostro lavoro non significa che tutti i problemi siano stati risolti o che non sia rimasto nulla da fare; significa che abbiamo fatto ciò che Adonai ci ha specificamente incaricato di fare. Sappiamo dalla Parasha di questa settimana che una volta che il lavoro è finito, non solo viene la benedizione, ma anche la gloria di Adonai che riempì il Tabernacolo quando Mosè finì di costruirlo!

In quello stesso ordine, Yeshua dichiarò che aveva completato la Sua opera e portato gloria al Padre: “Io ti ho glorificato sulla terra, avendo compiuta l’opera che tu mi hai dato da fare, Ora dunque, o Padre, glorificami presso di te della gloria che io avevo presso di te prima che il mondo fosse.” (Giovanni 17:4-5) 

Alla fine, dopo aver portato a termine i nostri lavori, possiamo ricevere la benedizione e ascoltare quelle parole: “Ben fatto, servo buono e fedele.” Possiamo anche essere in grado di dichiarare, come l’apostolo Paolo, “Ho combattuto la buona battaglia, ho finito la gara, ho mantenuto la fede.” (2 Timoteo 4:7)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s