Torah Portion Ki Tisa / Porzione di Torah Ki Tisa

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s study of the Parasha (Torah Portion). Today’s portion of Torah, Ki Tisa (When You Take), will be read in synagogues around the world this Shabbat.  

3-7-2015-Ki-Tisa-Illustration.gif

KI TISA (When You Take)

Torah Portion: Exodus 30:11-34:35

Haftarah (Prophetic Portion): 1 Kings 18:1-39 (Ashkenazi); 1 Kings 18:20-39 (Sephardi)

Brit Chadashah (New Testament): Matthew 17:1-13, 1 Corinthians 8:4-13

“Then the Lord said to Moses, ‘When you take a census of the Israelites to count them, each one must pay the Lord a ransom for his life at the time he is counted. Then no plague will come on them when you number them.” (Exodus 30:11-12)

Our last two Torah studies, Terumah and Tetzaveh, have focused on the design of the wilderness Tabernacle, furnishings, and priestly garments. This Shabbat continues with God’s instructions to Moses on the mountain.

The Israelites are to create the Sanctuary’s water basin, anointing oil, and incense. God tells Moses that He has chosen a “wise-hearted” artisan named Bezalel, along with his associate Oholiab, to lead the sacred construction project.

“See, I have chosen Bezalel son of Uri, the son of Hur, of the tribe of Judah.” (Exodus 31:2)

In order to fund the building of the Sanctuary, God commands Moses to take a census of the people of Israel and to instruct them to give a half shekel of silver.

“This is what everyone who is numbered shall give: half a shekel … as a contribution to the LORD.” (Exodus 30:13)

Although the construction of the Sanctuary is an important and sacred task, God makes it clear that His commandment to rest on the Sabbath takes priority over this worthy goal.

We also may be working toward worthwhile achievements (and even those that are for the purpose of serving the Lord), but we must remember that God prefers us to put them on hold for a day in order to keep the Shabbat holy.

Resting and being refreshed on the seventh day Sabbath is a special sign of our covenantal relationship with the Almighty God.

It is a testimony that He is the Creator. And just as He created the world in six days and rested on the seventh, so are we to work for six days and rest on the seventh.

“It will be a sign between Me and the Israelites forever, for in six days the LORD made the heavens and the earth, and on the seventh day He rested and was refreshed.’” (Exodus 31:17)

Standing in the Gap

“And when the people saw that Moses delayed to come down from the mount, the people gathered themselves together unto Aaron, and said to him: ‘Come, make us a god who shall go before us; for as for this Moses, the man that brought us up out of the land of Egypt, we know not what is become of him.’” (Exodus 32:1)

While Moses is on Mount Sinai receiving God’s instruction, the people become impatient for his return and demand that Aaron make them a god they can see.

Aaron gives in to the pressure and fashions a golden calf, proclaiming the idol as their god: “This is your god, O Israel, who brought you up from the land of Egypt.” (Exodus 32:4)

When God sees the people worshiping a golden calf, He threatens to destroy the nation of Israel and to start all over again with Moses.

“‘I have seen these people,’ the Lord said to Moses, ‘and they are a stiff-necked people. Now leave Me alone so that My anger may burn against them and that I may destroy them. Then I will make you into a great nation.’” (Exodus 32:9-10)

Instead of accepting God’s offer to make him the beginning of a great nation, Moses stands in the gap and intercedes on behalf of the people of Israel.

We see in this Parasha that even though Moses prays for the people, he is so angry when he comes down from the mountain and witnesses their idolatry that he smashes the tablets of testimony that God had engraved with His own hand.

Moses then destroys the Golden Calf, and the primary instigators to this idolatry are put to death.

ki tisa.jpg.opt602x451o0,0s602x451

Although God relents from destroying Israel entirely, their sin is not without consequences, 3,000 men fall under the sword of judgment that day.  

Amazingly enough, on Shavuot (Pentecost), which commemorates the giving of the Torah, God poured out His Ruach (Spirit) in Jerusalem soon after the resurrection of Yeshua (Jesus) and the exact same number were saved!

“So then, those who had received his word were baptized; and that day there were added about three thousand souls.” (Acts 2:41)

His pouring out of God’s Ruach underscores the fact that Yeshua did not come to condemn us but to save us. There is hope for us yet.  

We have been given the Spirit of God to bring us into life, not death, by leading and guiding us into all truth.

God Gives Second Chances

Like the Israelites, some of us might go through periods of our lives where we descend into sin or fall away from the Lord, but God promises the hope of restoration and renewal if we will agree to come back into His presence in repentance to find forgiveness.

This, perhaps, is represented by God calling Moses to come back up the mountain to receive a second set of tablets, even though Moses destroyed the first set in a rage.

“Now the Lord said to Moses, ‘Cut out for yourself two stone tablets like the former ones, and I will write on the tablets the words that were on the former tablets which you shattered.’” (Exodus 34:1)

God is so good! He passed in front of Moses and proclaimed to him His Divine character: “The Lord, the Lord God, compassionate and gracious, slow to anger, and abounding in lovingkindness [chesed / covenant loyalty] and truth; who keeps lovingkindness [chesed] for thousands, who forgives iniquity, transgression and sin.” (Exodus 34:6-7)

The more we become conformed and transformed into the image and likeness of God, in whose image we have been created, the more we will demonstrate these wonderful qualities of His chesed love, mercy, grace, patience, long-suffering, goodness, and truth.

We will become less judgmental and more merciful; we will criticize less and intercede more.

Oh, how we long to be changed, to be more like Him. Coming into covenant with God is not about just following the rules; it is about having a deep, abiding, intimate relationship with a loving God.

Battle for the Eternal Covenant with Israel

Today, there is a portion of the Christian Church that believes in the doctrine of replacement theology, a fallacious teaching that contends God is no longer in covenant with the Jewish people, that He has disowned them and has replaced them with the Church.

3-7-2015-Ki-Tisa-Romans-11-Tree-and-Branches.gif

Those who believe they are now God’s new Israel display an arrogance that starkly contrasts Moses’ humility, a man who could have replaced Israel but, instead, prayed for their survival.

The apostle Paul warned the church against the conceit of non-Jews in the family tree of God: “Do not be arrogant toward the branches; but if you are arrogant, remember that it is not you who supports the root, but the root supports you.” (Romans 11:18)

Rather than replacing the tree, Gentile believers are grafted in as branches to an ancient tree whose root is still Jewish.

It is quite impossible that God has substituted another people for His chosen because He has promised that He will never forsake or abandon His people Israel: “For the Lord will not abandon His people, nor will He forsake His inheritance.” (Psalm 94:14)

Haftarah Ki Tisa: Battle for Truth

In this week’s Haftarah (prophetic) reading, the prophet Elijah has a mighty victory on Mount Carmel when he sets out to prove to the Israelites that there is no God but the God of Israel.

He challenges the prophets of the false god, Baal, to a contest.

Two altars are made: one for Baal and one for the God of Israel. Oxen are slaughtered and set on the altars. But the contestants do not light a fire to burn the sacrifice.

Elijah and the prophets of Baal challenge the true God to send fire down from Heaven to burn up the sacrifice.

Elijah makes a mockery out of their false god and proves in dramatic fashion without any doubt that YHVH (יהוה – LORD) is Elohim.

Elijah effectively starts Israel on a path away from their infidelity and back to the One True God.

But prophets of God are often unappreciated, and in ancient days many were put to death. Instead of thanking Elijah for killing all of the prophets of Baal, King Ahab blamed Elijah for causing Israel trouble. (1 Kings 18:17)

Ahab chose to forsake a true prophet of God, Elijah, to protect the interests of his Phoenician wife, Jezebel. It was this pagan woman who enticed the chosen people of God to follow her false god, Baal.

Aahab and Jezebel.jpg

It has been said that behind every good man is a great woman, and the wrong woman can also be a man’s downfall. We see many examples in the Bible in which a woman has powerful influence for good or for evil.

We need only to look at the examples of Eve and Adam, Sarah and Abraham, Esther and King Ahasuerus, Bathsheba and David, Abigail and David, and Delilah with Samson to see this truth.

Because of these dangers, God has warned us to not marry non-believers, lest they turn our hearts away from God.

We see this warning played out with King Solomon, whom God gave such great wisdom to but who, nevertheless, lacked wisdom in his decision to marry foreign women. In the end, they turned his heart away from God to worship false gods.

Godly women need to be conscious of the influence they can have over the men in their lives and use it wisely in the fear of the Lord.

Queen Jezebel used her powerful influence to lead Israel into the sin of worshiping idols. Elijah helped Israel to see the error of their false beliefs.

But if we look at their lives, on the surface it could seem that Jezebel was more blessed than Elijah. She had power, position, and prosperity, while Elijah had no lineage, no worldly position, and sometimes he went hungry.

He even despaired at times, believing that there was no one left who wanted to serve God. He longed for fellowship but often felt lonely. There were times he felt so depressed and discouraged, he wanted to die.

He certainly doesn’t sound much like a blessed man, does he? However, we can’t take only a temporal view of life; we need not see this life as the end, for all of eternity awaits us, and we may have treasures stored up in Heaven that no eye has even seen!

“Better is the little of the righteous than the abundance of many wicked.” (Psalm 37:16)

If we look at the lives of Elijah and Jezebel, we see that power, position, and prosperity cannot be our end goal; rather, our primary aim in life must be to stay faithful to the Lord God of Israel, in sickness and in health, in riches and in poverty, for better or for worse, from this time forth and forevermore!

“Do not let your heart envy sinners, but live in the fear of the LORD always.” (Proverbs 23:17)

We can see that these two people, Jezebel and Elijah, are each zealous in their own mission, one for the Lord and one for a false god, but their lives ended in vastly different ways.

While Jezebel sat applying her makeup, she was pushed out the window by her servants and fell to her death. The horses trampled her body, and the dogs savagely ate her flesh. What a horrible end, yet, her eternal destiny is far more horrifying.

jezebel-cast-down

Elijah, who endured great and severe trials in this lifetime, went up to Heaven on a chariot of fire. Someday, like Elijah, we will be in Heaven and enjoy God’s presence forever.

Life’s present troubles and trials will fade away. There, we will be comforted on every side, as God wipes away all our tears. So let us not despair if our lives are not perfect; if we see sinners that seem to prosper in their ways while we struggle and endure hardship.

One day God will show us His glory, and we will be forever safe with Him. In the meantime, His presence and love will bring perfect peace in the midst of our circumstances. So, let us put on the full armor of God, that we may be able to stand firm until that final day. Amen.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link at the bottom of the page.

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link at the bottom of the page.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti allo studio della Parasha (Porzione della Torah) di questa settimana. La Porzione di Torah di oggi, chiamata Ki Tisa (Quando Prendi), verrà letta nelle sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo in questo Shabbat. 

KI TISA (Quando Prendi)

Porzione di Torah: Esodo 30:11-34:35

Haftarah (Porzione Profetica): 1 Re 18:1-39 (Ashkenazita); 1 Re 18:20-39 (Sefardita) 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Matteo 17:1-13, 1 Corinzi 8:4-13

“L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: Quando farai il conto dei figli d’Israele, per il loro censimento, ognuno di essi darà all’Eterno il riscatto della propria vita, quando saranno contati, perché non siano colpiti da qualche piaga, quando farai il loro censimento’”. (Esodo 30:11-12)

I nostri ultimi due studi sulla Torah, Terumah e Tetzaveh, si sono concentrati sulla progettazione del Tabernacolo nel deserto, il suo arredamento, gli ingressi, ed abiti sacerdotali. Questo Shabbat continua con le istruzioni di Adonai date a Mosè sul Monte Sinai. Gli Israeliti devono creare i lavabi per l’acqua del santuario, lavorare l’olio d’unzione e l’incenso. Adonai dice a Mosè che ha scelto un artigiano “dal cuore saggio” di nome Bezalel, insieme al suo associato Oholiab, per guidare il sacro progetto di costruzione.

“Vedi, io ho chiamato per nome Betsaleel, figlio di Uri, figlio di Hur, della tribù di Giuda.” (Esodo 31:2)

Per finanziare la costruzione del Santuario, Adonai comanda a Mosè di prendere un censimento del popolo di Israele e di istruirli a dare un mezzo shekel d’argento.

“Questo è ciò che darà ognuno di quelli censiti: mezzo siclo, secondo il siclo del santuario, (il siclo equivale a venti ghere), un mezzo siclo sarà l’offerta da fare all’Eterno.” (Esodo 30:13)

Sebbene la costruzione del Santuario sia un compito importante e sacro, Adonai chiarisce che il Suo comandamento di riposare il Sabato ha la priorità su questo obiettivo degno.

Potremmo anche lavorare verso risultati meritevoli (e anche quelli che hanno lo scopo di servire il Signore), ma dobbiamo ricordare che Adonai ha preferito lasciarli in sospeso per un giorno per mantenere santo lo Shabbat. Riposando e rinfrancandoci il settimo giorno, il Sabato, un segno speciale della nostra relazione di alleanza con Adonai l’onnipotente. Lo Shabbat è una testimonianza che Lui è il Creatore. E proprio come ha creato il mondo in sei giorni e si è riposato il ​​settimo, così noi lavoriamo per sei giorni e riposiamo il settimo.

“Esso è un segno perpetuo fra me e i figli d’Israele, poiché in sei giorni l’Eterno fece i cieli e la terra, e il settimo giorno si riposò e fu ristorato”. (Esodo 31:17)

In Piedi nel Divario

“Or il popolo, vedendo che Mosè tardava a scendere dal monte, si radunò intorno ad Aaronne e gli disse: ‘Orsù, facci un dio che vada davanti a noi, perché quanto a Mosè, l’uomo che ci ha fatto uscire dal paese d’Egitto, non sappiamo che cosa gli sia accaduto.’” (Esodo 32:1)

Mentre Mosè si trova sul monte Sinai ricevendo le istruzioni di Adonai, il popolo diventa impaziente per il suo ritorno e chiede ad Aaronne di rendere loro un dio che possano vedere. Aaron cede alla pressione e acconsente alla fusione di un vitello d’oro, proclamando l’idolo come il loro dio: “O Israele, questo è il tuo dio che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto!” (Esodo 32:4)

Quando Adonai vede la gente che adora un vitello d’oro, minaccia di distruggere la nazione di Israele e di ricominciare tutto da capo con Mosè.

“L’Eterno disse ancora a Mosè: ‘Ho visto questo popolo, ed ecco, è un popolo dal collo duro. Or dunque, lasciami fare, affinché la mia ira si accenda contro di loro e li consumi; ma di te io farò una grande nazione.’” (Esodo 32:9-10) 

Invece di accettare l’offerta di Adonai di fare di Lui l’inizio di una grande nazione, Mosè si trova nel vuoto e intercede a favore del popolo di Israele. Vediamo in questa Parasha che anche se Mosè prega per il popolo, è così arrabbiato quando scende dalla montagna e testimonia la loro idolatria che colpisce le tavolette di testimonianza che Adonai ha inciso con la Sua stessa mano. Mosè poi distrugge il vitello d’oro e i principali istigatori di questa idolatria vengono messi a morte. Anche se Adonai cede dal distruggere Israele del tutto, il loro peccato non è senza conseguenze, 3,000 uomini cadono sotto la spada del giudizio quel giorno. Sorprendentemente, a Shavuot (Pentecoste), che commemora la consegna della Torah, Adonai ha versato il Suo Ruach Ha-Kodesh (Spirito Santo) a Gerusalemme sui discepoli subito dopo la risurrezione di Yeshua (Gesù) e lo stesso numero di persone (3000) ha ricevuto la Salvezza in Yeshua!

“Quelli dunque che ricevettero la sua parola lietamente furono battezzati; in quel giorno furono aggiunte circa tremila persone.” (Atti 2:41)

Il riversarsi del Ruach Ha-Kodesh di Adonai sottolinea il fatto che Yeshua non ci ha condannati ma ci ha salvati. C’è ancora speranza per noi. Ci è stato dato lo Spirito di Adonai per riportarci a vita nuova attraverso Yeshua, non alla morte, guidandoci verso la verità.

Adonai Offre una Seconda Opportunità

Come gli Israeliti, alcuni di noi potrebbero attraversare periodi della nostra vita in cui cadiamo nel peccato o fallimento nell’obbedienza davanti al Signore, ma Adonai promette che c’è speranza di restaurazione e rinnovamento se accettiamo di tornare alla Sua presenza nel pentimento ricevendo il Suo perdono. Questo, forse, è rappresentato da Adonai che chiama Mosè a risalire la Montagna del Sinai per ricevere una seconda serie di tavolette, anche se Mosè ha distrutto le prime a seguito della sua rabbia.

“L’Eterno disse a Mosè: ‘Tagliati due tavole di pietra come le prime; e io scriverò sulle tavole le parole che erano sulle prime tavole che spezzasti.’” (Esodo 34:1)

Dio è così buono! Passò davanti a Mosè e gli proclamò il suo carattere divino: “Il Signore, il Signore Dio, compassionevole e gentile, lento all’ira e ricco di amorevolezza [chesed / lealtà dell’alleanza] e la verità; che mantiene la bontà [chesed] per migliaia, che perdona l’iniquità, la trasgressione e il peccato.” (Esodo 34:6-7)

Più diventiamo conformi e trasformati nell’immagine e nella somiglianza di Adonai, nella cui immagine siamo stati creati, più dimostreremo queste meravigliose qualità del Suo amore, misericordia, grazia, pazienza, longanimità, bontà e verità. Diventeremo meno giudiziosi e più misericordiosi; criticheremo di meno e intercederemo di più. Oh, come desideriamo essere cambiati, per essere più come Lui. Entrare in alleanza con Adonai non significa solo seguire le regole; si tratta di avere un rapporto profondo, duraturo, intimo con un Adonai che è pieno di amore per noi.

Battaglia per l’Eterna Alleanza con Israele

Oggi c’è una parte della Chiesa Cristiana che crede nella dottrina della teologia sostitutiva, un insegnamento fallace che sostiene che Adonai non è più in alleanza con la gente Ebrea, che li ha rinnegati e li ha sostituiti con la chiesa. Quelli che credono di essere ora il nuovo Israele di Adonai mostrano un’arroganza che contrasta fortemente l’umiltà di Mosè, un uomo che avrebbe potuto rimpiazzare Israele ma, invece, pregò per la loro sopravvivenza. L’apostolo Paolo avvertì la chiesa contro la presunzione dei non Ebrei nell’albero genealogico di Adonai: “Non vantarti contro i rami, ma se ti vanti contro di loro ricordati che non sei tu a portare la radice, ma è la radice che porta te.” (Romani 11:18)

Invece di sostituire l’albero, i Gentili credenti sono innestati come rami di un albero antico la cui radice è ancora Ebraica. È del tutto impossibile che Adonai abbia sostituito un altro popolo al Suo prescelto perché Egli ha promesso che non potrà mai abbandonare il Suo popolo Israele: “Poiché l’Eterno non ripudierà il suo popolo e non abbandonerà la sua eredità.” (Salmo 94:14)

Haftarah Ki Tisa: Battaglia per la Verità

Durante la lettura Haftarah (profetica) di questa settimana, il profeta Elia ha una potente vittoria sul Monte Carmelo quando si mette in cammino per dimostrare agli Israeliti che non c’è Dio all’infuori di Adonai, Dio di Israele. Egli sfida i profeti del falso dio, Baal, in una gara. due altari sono fatti: uno per Baal e uno per il Dio di Israele. I buoi vengono macellati e messi sugli altari. Ma i concorrenti non accendono un fuoco per bruciare il sacrificio. Elia e i profeti di Baal sfidano il vero Dio a inviare fuoco dal Cielo per bruciare il sacrificio. Elia si fa beffe del loro falso dio e si dimostra in modo drammatico senza alcun dubbio YHVH (יהוה – SIGNORE) è Elohim.

Elia invita Israele che è nella infedeltà a tornare all’Unico Vero Dio. Ma i profeti di Dio sono spesso non apprezzati, e in tempi antichi molti furono messi a morte. Invece di ringraziare Elia per aver ucciso tutti i profeti di Baal, il re Achab accusò Elia di aver causato problemi a Israele. (1 Re 18:17) Achab scelse di abbandonare un vero profeta di Dio, Elia, per proteggere gli interessi della sua moglie Fenicia, Jezebel. Fu questa donna pagana ad attirare il popolo eletto di Dio per seguire il suo falso dio, Baal. È stato detto che dietro ogni uomo buono c’è una grande donna, e la donna sbagliata può anche essere la rovina di un uomo.

Vediamo molti esempi nella Bibbia in cui una donna ha una potente influenza per il bene o per il male. Dobbiamo solo guardare agli esempi di Eva e Adamo, Sara e Abramo, Ester e il re Assuero, Betsabea e David, Abigei e David e Dalila con Sansone per vedere questa verità. A causa di questi pericoli, Adonai ci ha avvertito di non sposare i non credenti, per non allontanare il nostro cuore da Lui. Vediamo questo avvertimento dato al re Salomone, al quale Dio diede una così grande saggezza, ma che, tuttavia, mancava di saggezza nella sua decisione di sposare donne straniere. Alla fine, esse hanno allontanato il suo cuore da Adonai per adorare falsi dei. Le donne devote devono essere consapevoli dell’influenza che possono avere sugli uomini nella loro vita e usarla saggiamente nel timore del Signore. La regina Jezebel ha usato la sua potente influenza per guidare Israele nel peccato di adorare gli idoli. Elia aiutò Israele a vedere l’errore delle loro false credenze.

Ma se guardiamo alle loro vite, a prima vista potrebbe sembrare che Jezebel fosse più benedetta di Elia. Aveva potere, posizione e prosperità, mentre Elia non aveva lignaggio, non aveva posizioni mondane e talvolta soffriva la fame. Persino a volte egli  disperava, credendo che non era rimasto nessuno che voleva servire Adonai. Egli desiderava la compagnia di altri poiché spesso si sentiva solo. C’erano volte in cui si sentiva così depresso e scoraggiato, che voleva morire. Certamente non suona come un uomo benedetto, vero? Tuttavia, non possiamo prendere solo una visione temporale della sua vita; non abbiamo bisogno di vedere questa vita come la fine, perché tutta l’eternità ci attende, e possiamo avere tesori accumulati in Cielo che nessun occhio ha mai visto!

“Vale più il poco del giusto che l’abbondanza di molti empi.” (Salmo 37:16)

Se osserviamo le vite di Elia e Jezebel, vediamo che il potere, la posizione e la prosperità non possono essere il nostro obiettivo finale; piuttosto, il nostro scopo primario nella vita deve essere quello di rimanere fedeli al Signore Dio di Israele, nella malattia e nella salute, nelle ricchezze e nella povertà, nel bene e nel male, da questo tempo in avanti e per sempre!

“Il tuo cuore non porti invidia ai peccatori, ma continui sempre nel timore dell’Eterno”. (Proverbi 23:17)

Possiamo vedere che queste due persone, Jezebel ed Elia sono entrambi zelanti nella loro stessa missione, uno per il Signore e una per un falso dio, ma le loro vite finiscono in modi molto diversi. Mentre Jezebel si è seduta applicando il suo trucco, è stata spinta fuori dalla finestra dai suoi servi e portata alla morte. I cavalli calpestarono il suo corpo e i cani mangiarono selvaggiamente la sua carne. Che fine orribile, tuttavia, il suo destino eterno è molto più terrificante.

Elia, che subì grandi e gravi prove in questa vita, salì in cielo su un carro di fuoco. Un giorno, come Elia, saremo in Paradiso e godremo la purezza di Adonai per sempre. Le tragedie e le prove attuali della vita svaniranno. Lì, saremo confortati da ogni parte, mentre Adonai asciugherà tutte le nostre lacrime. Quindi non disperiamo se le nostre vite non sono perfette; se vediamo peccatori che sembrano prosperare nei loro modi mentre lottiamo e sopportiamo le difficoltà. Un giorno Adonai ci mostrerà la Sua gloria e noi saremo per sempre al sicuro con Lui. 

Nel frattempo, la Sua presenza e il Suo amore porteranno la pace perfetta nel mezzo delle nostre circostanze. Quindi, indossiamo l’armatura completa di Adonai, affinché possiamo essere in grado di rimanere saldi fino all’ultimo giorno. Amen.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s