Torah Portion Tetzaveh / Porzione di Torah Tetzaveh

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Tetzaveh

Welcome to Tetzaveh (You Shall Command), this week’s Parasha (Torah Portion).

This Shabbat is one of four special Shabbatim preceding Pesach (Passover): Shabbat Zachor (Remember).

Since this Shabbat falls before Purim (Feast of Lots), it has a special Maftir and Haftarah reading. Please read with us these portions of God’s word that will be heard in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

TETZAVEH (You Shall Command)

Torah Portion: Exodus 27:20-30:10

Haftarah (Prophetic) Portion: 1 Samuel 15:2-34, Ezekiel 43:10-27

Brit Chadashah (New Testament): 1 Peter 2:1-25, Mark 4:35-5:43, Philippians 4:10-20

Maftir: Deuteronomy 25:17-19

“Command [Tetzaveh] the Israelites to bring you clear oil of pressed olives for the light so that the lamps may be kept burning.” (Exodus 27:20)

In last week’s Torah reading, God instructed Moses and the Israelites to construct a Tabernacle (Mishkan) in the wilderness.

This week, God commands them to bring pure olive oil for the lamp, and to create holy garments for the priests (cohanim).

Holy garments.jpg

The Role of Beauty and Splendor in Serving God

“These are the garments they are to make: a breastpiece, an ephod, a robe, a woven tunic, a turban and a sash. They are to make these sacred garments for your brother Aaron and his sons, so they may serve Me as priests.” (Exodus 28:4)

In this Parasha, sacred garments are to be made for the priests so they can serve God. One of them is the breastplate of judgment (Choshen Hamishpat).

The breastplate is associated with the Urim and Thummim, and they are used for divining the will of the Lord.

The priestly breastplate was made of embroidered linen sized and shaped into a square cubit. It contained four rows, each with three precious gems embedded within the plate and surrounded with gold.  

tribebreastplate

Each jewel in the priest’s breastplate represented one of the twelve tribes of Israel, whose names were engraved upon the stones. God would use the individual letters of these names to spell out His judgments for Israel when the Urim was used to consult Him.

“He is to stand before Eleazar the priest, who will obtain decisions for him by inquiring of the Urim before the LORD. At his command he and the entire community of the Israelites will go out, and at his command they will come in.” (Numbers 27:21)

In the Brit Chadashah (New Testament), John describes his vision of the New Jerusalem, in which the foundation stones of the city walls are adorned with 12 precious gems. Some, if not all, of these gems are also in the breastplate.

Some of the stones’ true identities may have been lost, since the Hebrew and Greek cultures shared no definitive gem names, especially during the 1,000 years between the writing of 1 Samuel and the Book of Revelation“The foundation stones of the city wall were adorned with every kind of precious stone. The first foundation stone was jasper; the second, sapphire; the third, chalcedony; the fourth, emerald; the fifth, sardonyx; the sixth, sardius; the seventh, chrysolite; the eighth, beryl; the ninth, topaz; the tenth, chrysoprase; the eleventh, jacinth; the twelfth, amethyst.” (Revelation 21:19-20)

There are over 30 different opinions concerning the identification of the breastplate stones in rabbinical literature and tradition. (Temple Institute)

What we see in the description of the Breastplate and New Jerusalem is that God considers beauty to be glorifying as we serve Him on earth and in Heaven, where we will one day be surrounded by the brilliant splendor of streets paved with gold and divinely cut jewels embedded in foundations.

God also considers certain colors and material important and glorifying in service to Him.

“You shall make holy garments for Aaron your brother, for glory and for beauty.” (Exodus 28:2)

The ephod, or garment underneath the breastplate, was made out of fine linen and woven out of gold, blue, purple and scarlet threads. Although a priestly garment, it seems that King David wore it as well when he brought back the Ark of the Covenant to Jerusalem.

“Now David was clothed with a robe of fine linen with all the Levites who were carrying the ark, and the singers and Chenaniah the leader of the singing with the singers. David also wore an ephod of linen.” (1 Chronicles 15:27; see also 2 Samuel 6:14)

Serving God in the Beauty of Holiness

Everything God creates in His physical world helps us understand His spiritual world. The use of physical gems on the breastplate of the Kohen Gadol is no different. 

Since these stones represent the 12 tribes, and the breastplate is connected with discovering the will of God, the stones represent how precious Israel is to the Lord and His desire to lead them into His will.

The precious stones embedded in the foundations of the New Jerusalem also represent the 12 tribes. From this, we can understand the continued importance of Israel in the Messianic Age.

All believers in Yeshua play a significant role, as well. Scripture says that we are a holy priesthood and living stones, a spiritual house through Yeshua the Messiah:  “And coming to Him as to a living stone which has been rejected by men, but is choice and precious in the sight of God, you also, as living stones, are being built up as a spiritual house for a holy priesthood, to offer up spiritual sacrifices acceptable to God through Messiah Yeshua.” (1 Peter 2:4-5)

Like a precious jewel, precisely cut, shaped and polished by a master lapidary, we each have the ability to uniquely reflect the beauty and glory of God’s Ruach HaKodesh (Holy Spirit) as we serve Him.

When we fulfill that destiny, we take our place in a spiritual house, whose cornerstone, the One who holds it all together is, of course, Yeshua HaMashiach.

“Behold, I lay in Zion a choice stone, a precious corner stone, and he who believes in Him will not be disappointed.” (1 Peter 2:6)

Parasha Zachor

Because this Shabbat falls before Purim (Lots), a special reading from Deuteronomy 25:17–19 is studied in addition to the regular Scripture portion. This Shabbat is also called the Zachor (Remembrance) reading, because it details God’s command that we remember the wickedness of Amalek: “Remember what Amalek did to you on the road, on your way out of Egypt. That he encountered you on the way and cut off those lagging to your rear, when you were tired and exhausted; he did not fear God. And it shall come to pass, when the Lord your God has given you rest from all your enemies round about, in the land which the Lord your God is giving you for an inheritance to possess it, that you shall obliterate the memory of Amalek from under the heavens. Do not forget.”

These Scriptures to remember Amalek are read on the Sabbath before Purim, which celebrates Esther’s victory in helping to save the Jewish people from annihilation in Persia.

Why do we read them now? Because the one who plotted the annihilation, the anti-Semite Haman, is believed to be a descendant of Amalek. We must remember what he did as well.

Haftarah Zachor: The Aftermath of Disobedience

“Now go and strike Amalek and utterly destroy all that he has, and do not spare him; but put to death both man and woman, child and infant, ox and sheep, camel and donkey.” (1 Samuel 15:3)

In Haftarah Zachor (1 Samuel 15:1–34), God remembers the Amalekites and tells Saul through the Prophet Samuel (Shmuel HaNavi) that He is going to punish them for fighting Israel after they left Egypt. Saul, therefore, is to utterly obliterate the memory of the Amalekites.

Although Saul does destroy the Amalekites and everything considered useless, he spares King Agag and keeps the best of the sheep and oxen and everything considered valuable.

Saul defends his disobedience by saying that he kept the best of Amalek for a sacrifice to the Lord. Nevertheless, God sees through his so-called “good intentions,” and Samuel rebukes Saul’s defiance with a word from the Lord: “Does the Lord delight in burnt offerings and sacrifices as much as in obeying the Lord? To obey is better than sacrifice, and to heed is better than the fat of rams. For rebellion is like the sin of divination, and arrogance like the evil of idolatry. Because you have rejected the word of the Lord, He has rejected you as king.” (1 Samuel 15:22-23)

Saul’s misplaced mercy in keeping King Agag alive almost wiped out the Jewish people.

According to commentaries, Agag impregnated a maidservant before his death and, therefore, the Amalekite lineage survived. Haman, who is called the “Agagi,” was his offspring. Through Haman, Amalek once again tried to destroy the Jewish people.

Though murder is abhorrent to the Jewish people and all followers of Yeshua, God is utterly committed to the survival of His people, and He will do whatever is necessary to ensure their future.

Remembering Agag and Haman reminds us that our own disobedience can negatively affect those whom God loves, long after we are gone. Let us, therefore, set our hearts on being obedient, rather than simply doing what seems best at the time.

Amalek Lives On

“Finally, be strong in the Lord and in the strength of His might. Put on the full armor of God, so that you will be able to stand firm against the schemes of the devil. For our struggle is not against flesh and blood, but against the rulers, against the powers, against the world forces of this darkness, against the spiritual forces of wickedness in the heavenly places.” (Ephesians 6:10-12)

Amalek represents all evil forces throughout history trying to stop God’s plan. It is the opposite of everything beautiful and glorifying to God.

It still exists today as an anti-Messiah spirit that does not fear God and despises God’s people with a venomous hatred. The spirit of Amalek is against Israel and believers in Yeshua.                                                

We see this same spirit active within the fundamentalist Jihadi Islamic factions whose sole aim is to kill and destroy Christians and Jews once and for all time, that is the foundational ideology of Islamic scriptures.

What is the only way to defeat the spirit of Amalek? Zachor, remember.  

We must never forget what the spirit of Amalek has done to the Jewish people over the past 3,000 years, as expressed in the slogan for Holocaust Remembrance Day, “Never Forget.”

Even as the last of the Holocaust Survivors become elderly and pass away, the remembrance of the horrors of the Holocaust that the spirit of Amalek committed against God’s people through the Nazis must never be forgotten.

We must always remember and never forget that we have an enemy who seeks to steal, kill, and destroy; therefore, we must be continually on the alert and wear our spiritual armor daily.

God’s will is that we not be defeated, but that we live victorious, abundant, and joyous lives through Yeshua, empowered by the Ruach HaKodesh.

“The thief comes only to steal and kill and destroy; I came that they may have life, and have it abundantly.” (John 10:10)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link at the bottom of the page.

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link at the bottom of the page.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Tetzaveh (Ordinerai), la Parasha di questa settimana (Porzione della Torah). Questo Shabbat è uno dei quattro Shabbatim speciali precedenti Pesach  (Pasqua Ebraica): Shabbat Zachor (Ricorda). Poiché questo Shabbat cade prima di Purim (Festa dei Lotti), ha una lettura speciale di Maftir e Haftarah. Vi chiediamo quindi di leggere con noi queste parti della Parola di Adonai che saranno ascoltate nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato) di questa settimana.

TETZAVEH (Ordinerai)

Porzione di Torah: Esodo 27:20-30:10 

Haftarah (Porzione Profetica): 1 Samuele 15:2-34, Ezechiele  43:10-27 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento): 1 Pietro 2:1-25, Marco 4:35-5:43, Filippesi 4:10-20 

Maftir Deuteronomio 25:17-19

Ordinerai ai figli d’Israele [Tetzaveh] che ti portino dell’olio di oliva puro di olive schiacciate, per la luce del candelabro, per tenere le lampade continuamente accese.” (Esodo 27:20)

Nella lettura della Torah della scorsa settimana, Adonai ha incaricato Mosè e gli Israeliti di costruire un Tabernacolo (Mishkan) nel deserto. Questa settimana, Adonai comanda loro di portare olio d’oliva puro per la lampada e di creare abiti sacri per il sacerdoti (cohanim).

Il Ruolo della Bellezza e dello Splendore nel Servire Adonai

“E questi sono le vesti che faranno: un pettorale, un efod, un mantello, una tunica lavorata a maglia, un turbante e una cintura. Faranno dunque delle vesti sacre per Aaronne tuo fratello e per i suoi figli, affinché serva a me come sacerdote”. (Esodo 28:4)

In questa Parasha devono essere eseguiti abiti sacri per i sacerdoti in modo che possano servire Adonai. Uno di questi è il pettorale del giudizio (Choshen Hamishpat). La corazza è associata con l’Urim e il Thummim, ed essi sono usati per divinare la volontà del Signore. La corazza sacerdotale era fatta di lino ricamato, di dimensioni e forma in un cubito quadrato. Essa conteneva quattro strisce, ognuna delle quali portava tre gemme preziose incastonate nel pettorale e circondate da oro. Ogni gioiello nella corazza del sacerdote rappresentava una delle dodici tribù di Israele, i cui nomi erano incisi sulle pietre. Adonai avrebbe usato le singole lettere di questi nomi per compiere i suoi giudizi per Israele quando l’Urim era usato per consultarLo.

“Egli si presenterà davanti al sacerdote Eleazar, che consulterà per lui il giudizio dell’Urim davanti all’Eterno; al suo ordine usciranno e al suo ordine entreranno, lui e tutti i figli d’Israele con lui, tutta l’assemblea.” (Numeri 27:21) 

Nel Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento), Giovanni descrive la sua visione della Nuova Gerusalemme, in cui le pietre di fondazione delle mura della città sono adornate con 12 gemme preziose. Alcune, se non tutte, di queste gemme sono anche nella corazza. Alcune delle vere identità delle pietre sono state disperse, poiché le culture Ebraica e Greca non hanno condiviso i nomi delle gemme, specialmente durante i 1.000 anni tra la scrittura di 1 Samuele e il libro dell’Apocalisse“Le fondamenta del muro della città erano adorne d’ogni pietra preziosa; il primo fondamento era di diaspro, il secondo di zaffiro, il terzo di calcedonio, il quarto di smeraldo, il quinto di sardonico, il sesto di sardio, il settimo di crisolito l’ottavo di berillo, il nono di topazio, il decimo di crisopazio, l’undicesimo di giacinto, il dodicesimo di ametista.” (Apocalisse 21:19-20)

Ci sono oltre 30 opinioni diverse riguardanti l’identificazione delle pietre pettorali nella letteratura e nella tradizione rabbinica. (Istituto del Tempio di Gerusalemme)

Ciò che vediamo nella descrizione del Pettorale e della Nuova Gerusalemme è che Adonai considera la bellezza glorificante mentre lo serviamo sulla terra e nel Suo Regno, dove un giorno saremo circondati dal brillante splendore di strade lastricate d’oro e gioielli divinamente tagliati incastonati nelle fondamenta. Adonai considera anche certi colori e materiali importanti e glorificanti nel suo Culto.

“E farai ad Aaronne, tuo fratello, delle vesti sacre, per conferirgli onore e grazia”. (Esodo 28:2)

L’efod, o indumento sotto la corazza, era fatto di lino e tessuto di fili d’oro, blu, porpora e scarlatto. Sebbene sia un abito sacerdotale, sembra che anche il Re David lo indossò quando portò a Gerusalemme l’Arca dell’Alleanza.

“Davide indossava un manto di lino fino, come pure tutti i Leviti che portavano l’Arca, i cantori e Kenaniah, capo del canto assieme ai cantori; Davide indossava inoltre un efod di lino”. (1 Cronache 15:27, vedi anche 2 Samuele 6:14)

Servire Dio nella Bellezza della Santità

Tutto ciò che Adonai crea nel Suo mondo fisico ci aiuta a capire il Suo mondo spirituale. L’uso di gemme fisiche sulla corazza del Cohen Ha-Gadol non è diverso. Poiché queste pietre rappresentano le 12 tribù e la corazza è connessa con la ricerca della volontà di Adonai, le pietre rappresentano quanto prezioso sia Israele per il Signore e il Suo desiderio di guidarle secondo la Sua volontà. Le pietre preziose incastonate nelle fondamenta della Nuova Gerusalemme rappresentano anche le 12 tribù. Da questo, possiamo capire la continua importanza di Israele nell’era messianica. Anche tutti i credenti di Yeshua hanno un ruolo significativo. La Scrittura dice che siamo un santo sacerdozio e pietre viventi, una casa spirituale attraverso Yeshua il Messia: “Accostandovi a lui, come a pietra vivente, rigettata dagli uomini ma eletta e preziosa davanti a Dio, anche voi, come pietre viventi, siete edificati per essere una casa spirituale, un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali, graditi a Dio per mezzo di Gesù Cristo.” (1 Pietro 2:4-5) 

Come un prezioso gioiello, appunto tagliato, sagomato e lucidato da un maestro lapidario, ognuno di noi ha la capacità di riflettere univocamente la bellezza e la gloria di Adonai attraverso il Ruach HaKodesh (Spirito Santo) e dal modo in cui lo serviamo. Quando noi realizziamo ciò che Adonai ci ha comandato all’interno del Suo piano, prendiamo il nostro posto in un edificio spirituale, la cui pietra angolare, Colui che tiene tutto insieme, è, naturalmente, Yeshua HaMashiach.

“Nella Scrittura si legge infatti: ‘Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, eletta, preziosa, e chi crede in essa non sarà affatto svergognato’”. (1 Pietro 2:6)

Parasha Zachor

Perché questo Shabbat cade prima di Purim (Lotti), una lettura speciale dal libro del  Deuteronomio 25:17-19 che viene studiato in aggiunta alla porzione regolare delle Scritture bibliche. Questo Shabbat è anche chiamato Zachor (Ricordo), perché Adonai descrive in essa in dettaglio la malvagità di Amalek verso Israele: “Ricordati di ciò che ti fece Amalek lungo il cammino, quando usciste dall’Egitto: come ti venne incontro per via, attaccando alle spalle tutti i deboli che venivano per ultimi, quando tu eri stanco e sfinito, e non ebbe alcun timore di DIO. Quando dunque l’Eterno, il tuo DIO, ti darà requie dai tuoi nemici tutt’intorno nel paese che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà in eredità da occupare, cancellerai il ricordo di Amalek di sotto al cielo; non te ne scordare.” 

Queste Scritture per ricordare Amalek sono presenti nello Shabbat prima di Purim, che celebra la vittoria di Ester nell’aiutare a salvare Israele dalla morte certa in Persia. Perché li leggiamo ora? Perché colui che ha tracciato l’annientamento, l’antisemita Haman, crede di essere un discendente di Amalek. Dobbiamo ricordare quello che ha fatto ad Israele.

Haftarah Zachor: La Conseguenze della Disobbedienza

“Ora vai e colpisci Amalek e distruggi tutto quello che ha, e non risparmiarlo; ma metti a morte sia l’uomo che la donna, bambino e neonato, pecore, cammello e asino”. (1 Samuele 15:3)

Nell’Haftarah Zachor (1 Samuele 15:1-34), Adonai ricorda gli Amalechiti e dice a Saul attraverso il profeta Samuele (Shmuel HaNavi) che li punirà per aver combattuto contro Israele dopo aver lasciato l’Egitto. Saul, quindi, è chiamato a cancellare completamente il ricordo degli Amalechiti. Anche se Saul distrugge gli Amalechiti è tutto considerato inutile, poiché egli risparmia il re Agag e tiene il meglio delle pecore e dei buoi e tutto ciò che è considerato prezioso. Saul difende la sua disobbedienza dicendo che ha mantenuto il meglio di Amalek per offrire un sacrificio al Signore. Tuttavia, Adonai vede attraverso le sue cosiddette “buone intenzioni”, e Samuele rimprovera la sfida di Saul con una parola del Signore: “Samuele disse: ‘Gradisce forse l’Eterno gli olocausti e i sacrifici come l’ubbidire alla voce dell’Eterno? Ecco l’ubbidienza è migliore del sacrificio, e ascoltare attentamente è meglio del grasso dei montoni. Poiché la ribellione è come il peccato di divinazione, e l’ostinatezza è come il culto agli idoli e agli dei domestici. Poiché hai rigettato la parola dell’Eterno anch’egli ti ha rigettato come re.” (1 Samuele 15:22-23)

La misericordia fuori luogo di Saul nel mantenere il re Agag vivo ha quasi spazzato via Israele. Secondo i commentari, Agag si è unito ad una schiava ed ha avuto figli con lei prima della sua morte e, quindi, il lignaggio Amalechita è sopravvissuto. Haman, che è chiamato “Agagi”, era la sua progenie. Attraverso Haman, Amalek, una volta aggredito, ha cercato di distruggere Israele. Sebbene l’omicidio sia aberrante per Israele e per tutti i seguaci di Yeshua, Adonai è completamente impegnato nella sopravvivenza del Suo popolo, e farà tutto il necessario per assicurare il loro futuro. Agag e Haman ci aiutano a ricordare che la nostra disobbedienza può influenzare negativamente coloro che Adonai ama, molto tempo dopo la nostra dipartita. Cerchiamo, quindi, di imporre al nostro cuore l’essere obbedienti, invece di fare semplicemente ciò che sembra la migliore scelta del momento.

Amalek Vive 

“Del resto, fratelli miei, fortificatevi nel Signore e nella forza della sua potenza. Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo poiché il nostro combattimento non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori del mondo di tenebre di questa età, contro gli spiriti malvagi nei luoghi celesti”. (Efesini 6:10-12)

Amalek rappresenta tutte le forze del male che cercano di fermare il piano di Adonai. È l’opposto di tutto ciò che è bello e glorificante per Adonai. Esiste ancora oggi lo spirito Anti-Messia (Anti-Cristo) che non teme Adonai e che disprezza il popolo di Adonai con odio velenoso. Lo spirito di Amalek è contro Israele ed i credenti in Yeshua. Vediamo questo stesso spirito attivo all’interno delle fazioni fondamentaliste Islamiche jihadiste il cui unico scopo è quello di uccidere e distruggere Cristiani ed Ebrei una volta per tutte, che  è il fondamento dell’ideologia contenuta nelle scritture Islamiche.       

Qual è l’unico modo per sconfiggere lo spirito di Amalek? Zachor, ricorda.  

Non dobbiamo mai dimenticare quello che lo spirito di Amalek ha fatto a Israele negli ultimi 3.000 anni, come espresso nella slogan per il Giorno della Memoria dell’Olocausto, “Mai Dimenticare”. Anche se gli ultimi sopravvissuti dell’Olocausto diventano anziani e muoiono, il ricordo degli orrori dell’Olocausto che lo spirito di Amalek ha commesso contro il popolo di Adonai attraverso i nazisti non deve mai essere dimenticato. Dobbiamo sempre ricordare e non dimenticare mai che abbiamo un nemico che cerca di rubare, uccidere e distruggere; quindi, dobbiamo essere continuamente allerti e indossare la nostra armatura spirituale ogni giorno. La volontà di Dio è di non essere sconfitti, ma di vivere vite vittoriose, abbondanti e gioiose in Yeshua (Cristo), nella potenza del Ruach HaKodesh (Spirito Santo). 

“Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; ma io sono venuto affinché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza.” (Giovanni 10:10)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s