Torah Portion Terumah / Porzione di Torah Terumah

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Terumah (Offering), this week’s Parasha (Torah Portion).

We know that you will be blessed as you study with us this portion of Torah that will be read during this week’s Shabbat (Saturday) service in synagogues around the world.

19_Terumah-Hdg.gif

TERUMAH (Offering)

Torah Portion: Exodus 25:1-27:19

Haftarah (Prophetic) Portion: 1 Kings 5:26-6:13

Brit Chadashah (New Testament): Hebrews 9:1-28, Matthew 5:33-37, 13:1-53

“Then the LORD spoke to Moses, saying: ‘Speak to the children of Israel, that they bring Me an offering [terumah]. From everyone who gives it willingly with his heart you shall take My offering.’” (Exodus 25:1-2)

Last week in Parasha Mishpatim, God gave to the Israelites about 53 mitzvot (laws) out of the 613 commandments. These laws included the treatment of parents, slaves, and foreigners, as well as other people’s property.

The title of this week’s Torah reading, Terumah (תְּרוּמָה), is taken from a Hebrew word meaning offering, gift, or contribution. In this Parasha, the Lord commands Moses to take up a free will offering from the people of Israel in order to build a sanctuary in the wilderness.

This sanctuary, called the Mishkan, was meant to be a visible reminder for the people of God’s holy presence that dwelt among them.

The offerings that the people were asked to bring included precious metals and stones, fine linens, animal skins, wood, oil for the lamps, and fragrant spices for the incense.

The Lord instructed Moses to take an offering only from those who gave “willingly and from their heart.”

“Each of you should give what you have decided in your heart to give, not reluctantly or under compulsion, for God loves a cheerful giver.” (2 Corinthians 9:7)

Because of our sinful nature, we tend to be selfish and seek for what we can receive; but the Bible tells us that it is more blessed to give than to receive. (Acts 20:35)

The truth of the matter is that when we give, especially toward the work of the Lord, we receive back so much more than what we have given.

“Give, and it will be given to you. A good measure, pressed down, shaken together and running over, will be poured into your lap. For with the measure you use, it will be measured to you.” (Luke 6:38)

Building the Sanctuary

“And let them make Me a sanctuary, that I may dwell among them. According to all that I show you, that is, the pattern of the tabernacle and the pattern of all its furnishings, just so you shall make it.” (Exodus 25:8-9)

The Israelites were to make a Sanctuary for God’s presence, as well as all of its furnishings. They were not to be made according to any design they imagined, but only according to God’s specific blueprint, which He showed Moses on the mountain.

“And see to it that you make them according to the pattern which was shown you on the mountain.” (Exodus 25:40)

This wilderness Sanctuary was a copy of the actual Temple of the Tabernacle of the Testimony in Heaven. (Revelation 15:5)

One very special furnishing in the Tabernacle was the Aron HaBrit (אָרוֹן הַבְּרִית or Ark of the Covenant), which was to be made out of acacia wood covered with gold. In it, the stone tablets of the Ten Commandments were to be laid.

According to the Book of Hebrews in the Brit Chadashah (New Covenant or New Testament), it also contained a golden pot with the manna that came down from heaven as well as Aaron’s rod that budded.

However, it is written in the Book of Kings that at the time of King Solomon, the Ark only contained the two stone Tablets. (1 Kings 8:9)

Carrying the Ark

Adventures of the Ark of the Covenant

The Tanakh (Old Testament) recounts many stories concerning the Aron HaBrit, which give us part of its history.

Throughout the 40 years of wandering in the wilderness, the Israelites carried the Ark using poles placed through four gold rings.

When they camped, the Ark was placed inside the Tabernacle.

Priests carried the Ark into the Jordan River when the Israelites, led by Joshua, crossed over into the Promised Land.

After they crossed over, the Ark was carried around the city of Jericho once a day for seven days. On the seventh day, seven priests, blowing on seven shofarot (ram’s horns), marched around the city seven times with the Ark. With a great shout, the walls of Jericho fell down and they took the city. (Joshua 6:16-20)

During the time of Eli, the Israelites carried the Ark into battle, hoping that its presence would secure victory against the Philistines. Instead, it was captured by the Philistines, but misfortune befell them every place that they brought the Ark. So they eventually sent it back to Israel.

It remained at Kiriath-Jearim for some 20 years until King David brought it back to its rightful place in the Tabernacle in Jerusalem. (2 Samuel 6:17-20; 1 Chronicles 15:1-3; 2 Chronicles 1:4)

What Happened to the Ark?

Today, the location of the Ark remains a mystery. Many theories about what eventually happened to it abound. But it is generally believed that the Babylonians carried away the vessels and the Ark when they destroyed Jerusalem and Solomon’s Temple in 587 BC (according to the Greek Apocrypha book of 1 Esdras): “And they took all the holy vessels of the Lord, both great and small, with the vessels of the ark of God, and the king’s treasures, and carried them away into Babylon.” (1 Esdras 1:54)

The Bible, however, does not tell us that the Babylonians took away the Ark itself, and although there have been many reported findings, its location has never been discovered.

Some believe that it is under the very spot where Yeshua (Jesus) was executed by the Romans, and that His blood was sprinkled upon the mercy seat below the earth during the great earthquake upon his death.

Golgotha_hill2.jpg
Golgotha

As well, visitors who tour the Western Wall tunnels are shown the spot closest to where others believe the Ark of the Covenant is buried.

The Golden Cherubim Over the Mercy Seat

Royal_Arch_Room_Ark_replica_2.jpg

Upon the Ark’s cover and over the mercy seat were placed two golden cherubim. From above the cover and between these two cherubim God spoke with Moses.

Other Scriptures speak of this as God’s throne. (2 Samuel 6:2; Isaiah 37:16)

When King Hezekiah prayed, he addressed YHVH as the One enthroned above the cherubim (referring to the mercy seat on the Ark of the Covenant).

“O LORD of hosts [YHVH Tzeva’ot], God of Israel, enthroned above the cherubim, you are the God, you alone, of all the kingdoms of the earth; you have made heaven and earth.” (Isaiah 37:16)

We may notice that the “law” formed the foundation of the Ark, but communication with God came forth from the mercy seat. Our relationship with God is always filtered through His mercy. But what exactly is the mercy seat? In Hebrew it is called the kapporet (כפורת), from the word kapparah, which means atonement. The root of this term is kaphar, meaning to cover.

The mercy seat was a golden cover to the Ark of the Covenant, but it represented our atonement that God gives us through His mercy. But what are cherubim (כְּרֻבִ֗ים)?

Although popular modern folklore represents cherubim as chubby naked babies who have small wings with which to fly, the Bible describes them differently.

They first appear in Genesis as mighty angelic beings with flaming swords. They guarded the entrance of the Garden of Eden and the way to the Tree of Life after Adam and Eve had been banished. (Genesis 3:24)

Cherubim are winged angelic beings who attend to God. The prophet Ezekiel described the images of cherubim that he saw in his visions (Ezekiel chapters 1 and 10) as having four faces, four wings, and the hands of a man. He described the sound of their wings as being like the sound of the Almighty when He speaks.

Most streams of Judaism (including traditional Rabbinic Judaism) believe in the existence of angels, including cherubim, although beliefs vary widely. According to the Kaballah, the mystical sect of Judaism, cherubim and other angels have specific names and divine roles to perform in our lives.

The Holy of Holies

“The veil shall be a divider for you between the holy place and the Most Holy.” (Exodus 26:33) 

Images of the cherubim also make an appearance in the Holy of Holies (Kodesh HaKodeshim), which was to be separated from the rest of the Sanctuary by a thick, heavy veil or drape.

The veil was made of fine linen and blue, purple, and scarlet yarn and embroidered with golden cherubim. The Holy of Holies was the most sacred and innermost portion of the Sanctuary built by Moses, as well as the ancient Holy Temple in Jerusalem.

Only the Cohen HaGadol (Jewish high priest) could enter into this most holy place, and even then he could only enter once a year on Yom Kippur (Day of Atonement).

“Now when these things had been thus prepared, the priests always went into the first part of the tabernacle, performing the services. But into the second part the high priest went alone once a year, not without blood, which he offered for himself and for the people’s sins committed in ignorance.” (Hebrews 9:6-7)

Before entering the most holy place, the Cohen HaGadol would have to wash himself thoroughly and put on special clothing, designated and cleaned for this one event.

Once inside, he would burn incense so that the smoke would cover his eyes and form a barrier to seeing God directly. Then he would sprinkle the blood of a sacrificial animal on the mercy seat of the Ark of the Covenant to atone for the sins of his people as well as his own personal sins.

Why was there a veil and such elaborate precautions undertaken by the High Priest before entering the Holy of Holies? It is because God’s eyes are too pure to look upon sin. (Habakkuk 1:13)

This emphasizes that we cannot take God’s holiness lightly, nor carelessly enter into His presence. It is highly significant, therefore, that when Yeshua HaMashiach (the Messiah) died on the Roman execution stake, the veil tore in two.

“When Yeshua had cried out again in a loud voice, He gave up His spirit. At that moment the curtain of the Temple was torn in two from top to bottom” (Matthew 27:50-51).

No man tore this veil in two; it was torn as a result of a supernatural act of God, a reflection of a Jewish mourning custom. When a person grieves for a loved one who has died, the garment of the mourner would be torn from top to bottom.

It is in this way that our Heavenly Father publicly displayed His deep grief over the death of Yeshua. This amazing occurrence signified our free access to the very presence of God through Yeshua’s atoning sacrifice.  

Because of Yeshua’s death on the execution stake, man is no longer forced to be separated from God but can come boldly to the Throne of Grace at any time to receive God’s grace, help, and mercy through Yeshua.

“So let us come boldly to the throne of our gracious God. There we will receive His mercy, and we will find grace to help us when we need it most.” (Hebrews 4:16)

Whereas in the days of Moses, a formidable barrier to God was guarded by the cherubim, now we can confidently and freely enter even the most holy place through a new and living way that has been opened for us through the curtain, that is the pierced body and shed blood of Yeshua. (Hebrews 10:19-20)

Yeshua came as the Cohen HaGadol (High Priest) of a greater and more perfect Tabernacle than the one constructed by Moses and the people of Israel; His Temple was not made with human hands as in King Solomon’s day, but was supernaturally created.

“Messiah came as High Priest of the good things to come, with the greater and more perfect tabernacle not made with hands, that is, not of this creation.” (Hebrews 9:11)

He did not enter into the most holy place with the blood of bulls or goats or any other sacrificial animal, since their blood could never completely cover sin but would have to be repeated every year over and over again.

Yeshua entered into the Kodesh HaKodeshim with His very own blood, once and for all, to totally remove our sins from us, as far as the east is from the west! Halleluyah!

“Not with the blood of goats and calves, but with His own blood He entered the Most Holy Place once for all, having obtained eternal redemption.” (Hebrews 9:12)

Let us praise His name forever! Amen.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link at the bottom of the page.

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link at the bottom of the page.

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti a Terumah (Offerta), Parasha (Porzione di Torah) di questa settimana. Sappiamo che sarete benedetti mentre studiate con noi questa Porzione di Torah che verrà letta durante il Culto di Shabbat (Sabato) di questa settimana in tutte le sinagoghe e congregazioni Messianiche di tutto il mondo.

TERUMAH (Offerta)

Porzione di Torah: Esodo 25:1-27:19

Haftarah (Porzione Profetica): 1 Re 5:26-6:13 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Ebrei 9:1-28, Matteo 5:33-37, 13:1-53

“Di’ ai figli d’Israele che mi facciano un’offerta [terumah]; accetterete l’offerta da ogni uomo che la fa spinto dal proprio cuore.” (Esodo 25:1-2)

La settimana scorsa nella Parasha Mishpatim, Adonai ha dato agli Israeliti 53 mitzvot (leggi) all’interno dei 613 comandamenti. Queste leggi includevano il trattamento di genitori, schiavi e stranieri, così come le proprietà altrui. Il titolo della lettura della Torah di questa settimana, Terumah (תְּרוּמָה), è tratto da una parola Ebraica che significa offerta, regalo, o contributo. In questa Parasha, Adonai comanda a Mosè di prendere un’offerta di libero arbitrio dal popolo di Israele per costruire un santuario nel deserto.

Questo santuario, chiamato la Mishkan, doveva essere un ricordo visibile per il popolo della santa pace di Adonai che abitava in mezzo a loro. Le offerte che le persone erano chiamate a portare includevano metalli preziosi e pietre, belle lenzuola, pelli di animali, legno, olio per le lampade e spezie fragranti per l’incenso.

Adonai istruì Mosè ad accettare un’offerta solo da coloro che la diedero “volentieri e dal loro cuore”.

“Ognuno di voi dovrebbe dare ciò che ha deciso nel proprio cuore di dare, non con riluttanza o costrizione, perché Adonai ama un donatore allegro”. (2 Corinzi 9:7)

A causa della nostra natura peccaminosa, tendiamo ad essere egoisti e cercare ciò che possiamo ricevere; ma la Torah ci dice che è più facile dare che ricevere. (Atti 20:35)

La verità è che quando diamo, specialmente all’opera di Adonai, riceviamo molto più di quanto abbiamo dato.

“Date e vi sarà dato: una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata in seno, perché con la misura con cui misurate, sarà altresì misurato a voi.” (Luca 6:38)

Costruire il Santuario 

“Mi facciano un santuario, perché io abiti in mezzo a loro. Voi lo farete secondo tutto quello che io ti mostrerò, sia per il modello del tabernacolo che per il modello di tutti i suoi arredi.” (Esodo 25:8-9) 

Gli Israeliti dovevano fare un santuario secondo la purezza di Adonai, così come tutti i suoi arredi. Non dovevano essere realizzati secondo alcun progetto che immaginassero, ma solo secondo lo specifico progetto di Adonai, che mostrò a Mosè sulla montagna.

“E fa in modo che tu li faccia secondo lo schema che ti è stato mostrato sulla montagna.” (Esodo 25:40)

Questo santuario nel deserto era una copia del Tabernacolo della testimonianza in cielo. (Apocalisse 15:5)

Un arredamento molto speciale nel Tabernacolo era l’Aron HaBrit (אָרוֹן הַבְּרִית o Arca dell’Alleanza), che doveva essere realizzata in legno d’acacia ricoperta d’oro. In essa, dovevano essere riposte le tavole di pietra dei Dieci Comandamenti.

Secondo il libro di Ebrei nel Brit Chadashah (Nuova Alleanza o Nuovo Testamento), essa conteneva anche un vaso d’oro con la manna che veniva dal cielo e la verga di Aronne che era in erba.

Tuttavia, è scritto nel Libro dei Re che al tempo del re Salomone, l’Arca conteneva solo le due tavolette di pietra. (1 Re 8:9)

Avventure dell’Arca dell’Alleanza

Il Tanakh (Antico Patto/Testamento) racconta molte storie riguardanti l’Aron HaBrit, che ci danno una parte della sua storia. Durante i 40 anni di peregrinazione nel deserto, gli israeliti portarono l’Arca usando pali posti attraverso quattro anelli d’oro. Quando si accampavano, l’Arca veniva riposta all’interno del Tabernacolo. I sacerdoti portavano l’arca nel fiume Giordano quando gli Israeliti, guidati da Giosuè, attraversarono la Terra Promessa. Dopo aver attraversato il Giordano, l’Arca fu portata in giro per la città di Gerico una volta al giorno per sette giorni. Il settimo giorno, sette sacerdoti, che soffiavano su sette shofarot (le corna di montone), marciarono per la città sette volte con l’Arca. Con un grande urlo, le mura di Gerico caddero e loro presero possesso della città. (Giosuè 6:16-20)

Durante il tempo di Eli, gli Israeliti portarono l’Arca in battaglia, sperando che la sua presenza avrebbe assicurato la vittoria contro i Filistei. Invece, essi furono catturato dai Filistei, ma la disgrazia colpì tutti i luoghi in cui essi portarono l’Arca. Così alla fine i Filistei la rimandarono in Israele. Poi essa rimase a Kiriath-Jearim per circa 20 anni finché il re David non la riportò al suo giusto posto nel Tabernacolo di Gerusalemme. (2 Samuele 6:17-20; 1 Cronache 15:1-3; 2 Cronache 1:4)

Cos’è Successo all’Arca?

Oggi, la posizione dell’Arca rimane un mistero. Le teorie su ciò che alla fine è successo ad essa abbondano. Ma si ritiene generalmente che i Babilonesi portarono via i vasi e l’Arca quando distrussero Gerusalemme e il Tempio di Salomone nel 587 aC (secondo il libro greco apocrifo di 1 Esdra): “E presero tutti i vasi sacri del Signore, grandi e piccoli, con i vasi dell’arca di Adonai e i tesori del re, e li portarono via in Babilonia”. (1 Esdra 1:54)

La scrittura biblica, tuttavia, non ci dice che i Babilonesi portarono via l’Arca stessa, e sebbene ci siano stati molti risultati, la sua posizione non è mai stata scoperta. Alcuni credono che sia proprio nel punto più profondo della roccia sovra cui Yeshua (Gesù) fu giustiziato dai Romani sulla croce al Golgota, e che il Suo sangue fu spruzzato sul propiziatorio sotto la terra durante il grande terremoto alla sua morte e che esso sia arrivato proprio nelle profondità della roccia fino a toccare l’Arca dell’Alleanza in corrispondenza del giardino della tomba sotto il monte Golgota. Altri invece mostrano ai visitatori che visitano i tunnel del Muro Occidentale dicendo che esso è il punto più vicino a dove l’Arca dell’Alleanza è sepolta.

Il Cherubino d’Oro sul Trono della Misericordia

Sulla copertura dell’Arca e sopra il propiziatorio vi erano posti due cherubini d’oro. Da sopra la copertura e tra questi due cherubini Adonai parlava a Mosè. Altre Scritture parlano di questa come il trono di Adonai. (2 Samuele 6:2, Isaia 37:16). Quando il re Ezechia pregò, si rivolse a YHVH come al trono in alto sopra i cherubini (riferendosi al trono di misericordia sull’Arca dell’Alleanza).

“O Eterno degli eserciti [YHVH Tzeva’ot], Dio d’Israele, che siedi tra i cherubini, tu sei il Dio, tu solo, di tutti i regni della terra; hai fatto il cielo e la terra”. (Isaia 37:16)

Possiamo notare che la “legge” costituiva il fondamento dell’Arca, ma la comunicazione con Adonai usciva dal propiziatorio. La nostra relazione con Adonai è sempre filtrata attraverso la Sua misericordia. Cos’è esattamente il trono della misericordia? In Ebraico è chiamato il kapporet (כפורת), dalla parola kapparah, che significa espiazione. La radice di questo termine è Kaphar, che significa coprire. Il propiziatorio era una copertura dorata dell’Arca dell’Alleanza, ma rappresentava la nostra espiazione che Adonai ci ha dato attraverso la Sua misericordia.

Ma cosa sono cherubini (כְּרֻבִ֗ים)?

Sebbene il popolare folklore moderno rappresenti i cherubini come bambini nudi paffuti che hanno ali piccole con cui volare, la parola biblica li descrive in modo diverso. Essi appaiono per la prima volta in Genesi come potenti esseri angelici con spade fiammeggianti. Essi custodivano l’entrata del Giardino dell’Eden e la via per l’Albero della Vita dopo che Adamo ed Eva erano stati banditi. (Genesi 3:24)

I cherubini sono esseri angelici alati vicini a Adonai. Il profeta Ezechiele descrisse le immagini dei cherubini che vide nelle sue visioni (Ezechiele capitoli 1 e 10) come aventi quattro facce, quattro ali e le mani di un uomo. Egli ha descritto il suono delle loro ali come il suono dell’Onnipotente quando parla. La maggior parte delle correnti del Giudaismo (incluso il tradizionale Ebraismo rabbinico) credono nell’esistenza degli angeli, inclusi i cherubini, anche se le credenze variano ampiamente. Secondo la Kaballah, la setta mistica del Giudaismo, i cherubini e altri angeli hanno nomi specifici e ruoli divini da eseguire nelle nostre vite.

Il Santo dei Santi

“Il velo sarà un divisorio per te tra il luogo Santo e il Santissimo.” (Esodo 26:33)  

Anche le immagini dei cherubini fanno la loro apparizione nel Santo dei Santi (Kodesh HaKodeshim), che doveva essere separato dal resto del Santuario da un velo spesso o pesante. Il velo era fatto di bisso e blu, viola e filo scarlatto e ricamato con cherubini dorati. Il Santo dei Santi era la parte più sacra e più profonda del Santuario costruito da Mosè, così come l’antico Tempio Santo a Gerusalemme. Solo il Cohen HaGadol (sommo sacerdote Ebreo) poteva entrare in questo luogo santissimo, e anche allora poteva entrare solo una volta all’anno in Yom Kippur (Giorno dell’espiazione).  

“Or essendo queste cose disposte così, i sacerdoti entravano continuamente nel primo tabernacolo, per compiere il servizio divino; ma nel secondo entrava soltanto il sommo sacerdote una volta all’anno, non senza sangue, che egli offriva per se stesso, e per i peccati d’ignoranza del popolo”. (Ebrei 9:6-7)

Prima di entrare nel luogo più sacro, il Cohen HaGadol doveva lavarsi accuratamente e indossare indumenti speciali, designati e puliti per questo evento. Una volta dentro, egli avrebbe bruciato dell’incenso in modo che il fumo gli coprisse gli occhi e formasse una barriera per vedere Adonai direttamente. Poi avrebbe cosparso con il sangue di un animale sacrificale il trono di misericordia dell’Arca dell’Alleanza per espiare i peccati del suo popolo e anche i suoi peccati personali.

Perché c’era un velo e si usavano precauzioni così elaborate intraprese da parte del Sommo Sacerdote prima di entrare nel Santo dei Santi? Perché gli occhi di Adonai sono troppo puri per guardare al peccato. (Abacuc 1:13). Ciò sottolinea che non possiamo prendere alla leggera la santità di Adonai, né incautamente entrare alla Sua presenza. È molto significativo, quindi, che quando Yeshua HaMashiach (il Messia) morì sulla croce dell’esecuzione Romana, il velo si strappò in due.

“Quando Yeshua gridò di nuovo ad alta voce, rilasciò il suo spirito. In quel momento la cortina del Tempio fu strappata in due da cima a fondo.” (Matteo 27:50-51).

Nessun uomo ha strappato questo velo in due; è stato strappato a causa di un atto soprannaturale di Adonai, riflesso in una consuetudine di lutto Ebraico. Quando una persona si addolorava per una persona cara che è morta, la veste della persona in lutto sarebbe stata strappata da cima a fondo. È in questo modo che il nostro Padre celeste ha mostrato pubblicamente il Suo profondo dolore per la morte di Yeshua. Questo incredibile evento ha significato il nostro libero accesso alla presenza stessa di Adonai attraverso il sacrificio espiatorio di Yeshua. A causa della morte di Yeshua sulla croce dell’esecuzione, l’uomo non è più costretto ad essere separato da Adonai, ma può venire audacemente al Trono della Grazia in qualsiasi momento per ricevere la grazia, l’aiuto e la misericordia di Adonai attraverso Yeshua.

“Quindi veniamo coraggiosamente al trono del nostro Adonai pieno di grazia. Lì riceveremo la sua misericordia e troveremo la grazia di aiutarci quando ne abbiamo più bisogno”. (Ebrei 4:16)

Mentre nei giorni di Mosè, esisteva quindi una barriera tra Adonai e il Suo popolo, custodita dai cherubini, ora possiamo accedere liberamente anche al Luogo Santissimo attraverso un modo nuovo e vivo che è stato eseguito per noi attraverso la rottura del velo, così come il corpo trafitto e il sangue versato di Yeshua ci hanno dato la salvezza eterna. (Ebrei 10:19-20)

Yeshua venne come il Cohen HaGadol (Sommo Sacerdote) di un Tabernacolo più grande e più perfetto di quello costruito da Mosè e dal popolo di Israele; Il suo Tempio non fu creato con mani umane come ai tempi di Re Salomone, ma fu creato in modo soprannaturale.

“Ma Cristo, essendo venuto come sommo sacerdote dei beni futuri, attraverso un tabernacolo più grande e più perfetto non fatto da mano d’uomo, cioè non di questa creazione.” (Ebrei 9:11)

Non entrò nel luogo più sacro con il sangue di tori o capre o di qualsiasi altro animale sacrificale, poiché il loro sangue non avrebbe mai potuto coprire completamente il peccato, ma avrebbe dovuto essere ripetuto ogni anno più e più volte. Yeshua entrò nel Kodesh HaKodeshim con il Suo stesso sangue, una volta per tutte, per rimuovere totalmente i nostri peccati da noi, così come l’est è distante dall’ovest! Halleluyah!

“Non con il sangue di capri e vitelli, ma con il suo stesso sangue, è entrato nel luogo santissimo una volta per tutte, avendo ottenuto la redenzione eterna”. (Ebrei 9:12)

Lodiamo il suo nome per sempre! Amen.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below. Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below. Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s