Torah Portion Yitro / Porzione di Torah Yitro

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Yitro (Jethro), this week’s Parasha (Torah Portion).

Please read with us the portion of Torah that will be read in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

Yitro (Jethro)

yitro (1).jpg

Torah Portion: Exodus 18:1-20:23

Haftarah Portion (prophetic): Isaiah 6:1-7:6; 9:5-6 (Ashkenazic); Isaiah 6:1-13 (Sephardic)

Brit Chadashah (New Testament): 1 John 5:1-11; Matthew 5:8-20

“Now Jethro, the priest of Midian and father-in-law of Moses, heard of everything God had done for Moses and for his people Israel, and how the LORD had brought Israel out of Egypt.” (Exodus 18:1)

In last week’s Torah study, God brought Israel out of Egypt and parted the Red Sea to save them from Pharaoh and the Egyptians. God provided for the needs of His people in the wilderness by raining down manna from heaven and bringing forth water from a rock.

This week, in Parasha Yitro, Moses’ father-in-law, Yitro (Jethro), comes from Midian along with Moses’ wife and two sons to meet him at the Israelites’ camp after hearing of all the great miracles that God had performed to deliver His people.

Moses Learns How to Delegate

“So when Moses’ father-in-law saw all that he did for the people, he said, ‘What is this thing that you are doing for the people? Why do you alone sit, and all the people stand before you from morning until evening?’” (Exodus 18:14)

Yitro rejoiced with Moses over all that God had done for them; but the next day, when Yitro saw Moses spending long hours judging the people, he was concerned about the strain on Moses.

Moses’ father-in-law wisely advised him to appoint other men to occupy positions of leadership to help carry the burden, lest Moses wear himself out.

We must also be careful not to allow our work, no matter how demanding, to occupy so much of our time that our well-being and relationships suffer as a result.

We must find others to whom we can delegate some of our duties in order to give more balance to our lives.

desert
Moses Elects the Council of Seventy Elders

The Word of God tells us which qualities to look for in choosing potential leaders: capable, God-fearing, honest people.

“Moreover you shall select from all the people able men, such as fear God, men of truth, hating covetousness; and place such over them to be rulers of thousands, rulers of hundreds, rulers of fifties, and rulers of tens.” (Exodus 18:21)

Life is not designed to be a “quick sprint.” It is a marathon. If we are to endure to the end (just as Jethro advised Moses), we must not overwork ourselves.

“Do not overwork to be rich; Because of your own understanding, cease! Will you set your eyes on that which is not? For riches certainly make themselves wings; they fly away like an eagle toward heaven.” (Proverbs 23:4-5)

Thankfully, Moses listened to his father-in-law, which reveals Moses’ beautiful character trait of humility. We should be grateful, and not defensive, when God sends someone into our lives to give us necessary correction for our own good and the good of others.

The Voice of the Lord

“And Moses went up to God, and the Lord called to him from the mountain, saying, ‘Thus you shall say to the house of Jacob, and tell the children of Israel… Now therefore, if you will indeed obey My voice and keep My covenant, then you shall be a special treasure to Me above all people; for all the earth is Mine.’” (Exodus 19:3, 5)

In this Parasha, the children of Israel camp opposite Mount Sinai, and Moses goes up the mountain to meet with God.

On the mountain, the Lord instructs Moses to tell the “House of Jacob” and the “Children of Israel” that He is making a special promise to the people: they are to be His own special nation, a kingdom of priests (mamlechet cohanim) and a holy nation (v’goy kadosh).

If the people of Israel listen to God’s voice and keep covenant with Him, then God will embrace them as His special treasure. In Hebrew, the word used is segulah, which comes from the word sagol, meaning purple, the color of royalty.

In the Brit Chadashah (New Covenant), all believers in Yeshua (Jesus) are sons and daughters of the King of Kings and Lord of Lords; therefore, we are all royalty, kings and priests unto the Lord.

“He has made us to be a kingdom, priests to His God and Father, to Him be the glory and the dominion forever and ever. Amen.” (Revelation 1:6)

The people of Israel agree to keep God’s commandments and to obey Him: “Then all the people answered together and said, ‘All that the LORD has spoken we will do.’” (Exodus 19:8)

Moses consecrates the people of Israel and prepares them to meet with God to receive the law at Mount Sinai. This was the whole purpose of the exodus from Egypt, for Israel to receive God’s Torah (instruction).

“When you will have brought the people out from Egypt, you shall serve God upon this mountain.” (Exodus 3:12)

Mount Horeb
Mount Sinai

A Special Place for Women

Because verse 3 of Exodus 19 uses the two terms the “House of Jacob” and the “Children of Israel,” Jewish sages believe that the first term refers to the women of Israel and the second term to the men.

It is believed that when God gave Israel the Torah, He told Moses to approach the women first.

The Midrash (stories) states that that Messianic redemption will come through the merit of righteous women of Israel: “All generations are redeemed by virtue of the pious women of their generation” (Yalkut Shimoni, Ruth: 606).

Perhaps, this points to Miriam’s role as mother of Yeshua (Jesus), which is prophesied by Isaiah: “Therefore the Lord Himself will give you a sign. Behold, the virgin shall conceive and bear a son, and shall call His name Immanuel.” (Isaiah 7:14)

Sadly, chapter seven of Isaiah is not read during the regular Shabbat readings. But we do read about Messiah’s birth in the Haftarah (prophetic portion) for this Shabbat: “To us a child is born, to us a son is given; and the government shall be upon His shoulder, and His name shall be called Wonderful Counselor, Mighty God, Everlasting Father, Prince of Peace.” (Isaiah 9:6)

Jewish sages also believed that women would first receive the teachings of the Messiah.

While Yeshua taught many women, we know from Scripture that another Miriam became the first eye-witness to Yeshua’s resurrection from the dead, the absolute sign of Yeshua’s Messiahship and victory over sin.

“Now after He had risen early on the first day of the week, He first appeared to Miriam of Magdala, from whom He had cast out seven demons.” (Mark 16:9)

In a culture where women witnesses were not thought to possess credibility, this is an extraordinary event that the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) wanted us all to know.

Meeting with God at the Foot of the Mountain

Standing at the foot of the mountain on the third day, the people of Israel met with God, as He descended with thunder, lightning, thick clouds, and the loud sound of the shofar (ram’s horn).

The whole mountain was covered with smoke, since God came with fire, as it is written, “The Lord is a consuming fire.” (Deuteronomy 4:24)

It was such a fearsome sight that the people trembled and told Moses, “You, speak with us, and we will listen. But don’t let God speak with us, or we will die.” (Exodus 20:19 [16])

Thankfully, we have not come to such a mountain of darkness, fire, and deafening, fearful noise, but to Mount Zion, the city of the living God, the heavenly Jerusalem and the angels, to Yeshua.

We are, therefore, entering a kingdom that cannot be shaken. We are entering “the city of the living God, heavenly Yerushalayim (Jerusalem); to myriads of angels in festive assembly; to a community of the firstborn whose names have been recorded in Heaven; to a Judge who is God of everyone; to spirits of righteous people who have been brought to the goal; to the mediator of a new covenant, Yeshua; and to the sprinkled blood that speaks better things than the blood of Abel.” (Hebrews 12:22-24)

Even though we are under the grace of the New Covenant, in which the laws of God are written on our hearts, the commands of God, written with His very own finger on tablets of stone are eternal and true for all people in all covenants.

Keeping His commandments is how we show our love for God. His commandments provide a guide for a healthy, happy, productive, and harmonious life in relationship with God and with other people.

“For this is love for God, to keep His commandments. And His commandments are not burdensome.” (1 John 5:3)

Yeshua has not set us free from sin so that we can live lawless lives. The Word of God even warns that our prayers may not be heard if we are walking in blatant disobedience to God’s laws.

“One who turns away his ear from hearing the law, even his prayer is an abomination.” (Proverbs 28:9)

The law of God guards our relationships.  

The first tablet containing the first five of the Ten Commandments deals with our relationship to God. The second set of five commandments deals with our relationship with our neighbor. That is why Yeshua said that loving God and loving our neighbor sum up the commandments. (Matthew 22:37-40)

The God of Israel is not an impersonal “force,” but a God of love who becomes intimately involved with the affairs of mankind to save, rescue, redeem, and deliver. This is the God who is worthy of our love and devotion, and no one else.

Jealousy and Faithfulness

We see from the second commandment that anything we place first in our lives other than God is idolatry. God is, by His own admission, a jealous God. The Hebrew root of kanna (jealous) means just indignation of one injured.

When we choose another over God, He is injured, as a husband or wife is injured by an unfaithful spouse.

Today the world is filled with idols: wealth, fame, power, position, money, work, sexual relations, celebrities, sports, even relationships. We so often make these desires our priority, tending to put our trust and confidence in other things or people to help us meet those desires.  

However, only God is absolutely trustworthy and His desires for us are pure and holy.

God’s prophetic word promises that one day His people will no longer tolerate any idolatry in their lives, but the day will come when the Lord shall say, “What have I to do with idols? It is I who answer and look after you.” (Hosea 14:8)

May this be the generation that seeks the God of Abraham, Isaac, and Jacob; and may we become united in the love of Messiah, worshiping the One True God in Spirit and Truth.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Yitro (Jethro), la Parasha di questa settimana (Porzione di Torah). Vi invitiamo a leggere con noi la Porzione della Torah che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato) di questa settimana. 

Yitro (Jethro)

Porzione di Torah: Esodo 18:1-20:23

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 6:1-7:6; 9:5-6 (Ashkenazico); Isaia 6:1-13 (Sefardico) 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): 1 Giovanni 5:1-11; Matteo 5:8-20

“Or Jethro, sacerdote di Midian, suocero di Mosè, udì tutto ciò che DIO aveva fatto per Mosè e per Israele suo popolo: come l’Eterno aveva fatto uscire Israele dall’Egitto.” (Esodo 18:1)

Nello studio della Torah della scorsa settimana, Elohim ha portato Israele fuori dall’Egitto ed ha diviso le acque del Mar Rosso per salvarli dal Faraone e dagli Egiziani. Elohim provvide ai bisogni del Suo popolo nel deserto, facendo piovere manna dal cielo e facendo sgorgare miracolosamente acqua da una roccia.

Questa settimana, nella Parasha Yitro, il suocero di Mosè, Yitro (Jethro), viene da Midian insieme alla moglie di Mosè e i suoi due figli per incontrarlo nel campo degli Israeliti dopo aver sentito di tutti i grandi miracoli che Elohim aveva compiuto per liberare il Suo popolo.

Mose Impara a Delegare

“Quando il suocero di Mosè vide tutto ciò che egli faceva per il popolo, disse: ‘Che è questo che tu fai col popolo? Perché siedi solo, e tutto il popolo ti sta attorno dal mattino fino alla sera?’” (Esodo 18:14)

Yitro si rallegrava con Mosè per tutto ciò che Elohim aveva fatto per Israele; ma il giorno seguente, quando Yitro vide che Mosè trascorreva lunghe ore a giudicare il popolo, era preoccupato per la tensione che gravava su Mosè. Il suocero di Mosè gli consigliava saggiamente di nominare altri uomini che occupassero posizioni di comando per aiutare a portare il peso della guida del popolo, per evitare che Mosè si logorasse.

Anche noi dobbiamo stare attenti e non consentire al nostro lavoro, non importa quanto sia impegnativo, di occupare così tanto del nostro tempo che il nostro benessere e le nostre relazioni ne risentano. Dobbiamo trovare altri a cui possiamo delegare alcuni dei nostri doveri per dare più equilibrio alle nostre vite. La Parola di Dio ci dice quali qualità cercare scegliendo potenziali eletti: persone oneste, timorate di Adonai.

“Ma scegli fra tutto il popolo degli uomini capaci che temano DIO, degli uomini fidati, che detestino il guadagno ingiusto, e stabiliscili sul popolo come capi di migliaia, capi di centinaia, capi di cinquantine e capi di diecine.” (Esodo 18:21)

La vita non è progettata per essere uno “sprint veloce”. È una maratona. Se vogliamo perseverare fino alla fine (proprio come Jethro consigliò a Mosè), non dobbiamo sovraccaricare noi stessi.

“Non affaticarti per diventare ricco, rinuncia al tuo intendimento. Vuoi fissare i tuoi occhi su ciò che scompare? Poiché la ricchezza metterà certamente le ali, come un’aquila che vola verso il cielo. (Proverbi 23:4-5)

Mosè ascoltò suo suocero, ciò rivela il tratto caratteristico di Mosè: L’umiltà. Dovremmo essere grati e non difensivi, quando Adonai manda qualcuno nelle nostre vite a darci la correzione necessaria per il nostro bene e il bene degli altri.

La Voce del Signore

“E Mosè salì a Dio, e il Signore lo chiamò dal monte, dicendo: ‘Così dirai alla casa di Giacobbe, e dirai ai figli d’Israele  Ora dunque, se davvero obbedirai alla mia voce e manterrai La mia alleanza, allora tu sarai per me un tesoro speciale sopra tutte le persone; perché tutta la terra è mia.’” (Esodo 19:3,5)

In questa Parasha, i figli di Israele si accampano di fronte al Monte Sinai, e Mosè sale sulla montagna per incontrare Adonai. Sulla montagna, Elohim ordina a Mosè di dire alla “Casa di Giacobbe” e ai “Figli di Israele” che Egli sta facendo una speciale promessa alla gente: essi devono essere il Suo Popolo, un Regno di sacerdoti (mamlechet cohanim) e una nazione santa (v’goy kadosh). Se il popolo di Israele ascolta la voce di Adonai e mantiene l’alleanza con Lui, allora Egli li abbraccerà come suo tesoro speciale. In Ebraico, la parola usata è segulah, che viene dalla parola sagol, che significa viola, il colore della regalità. Nel Brit Chadashah (Nuova Alleanza), tutti i credenti in Yeshua (Gesù) sono figli e figlie del Re dei Re e Signore dei Signori; quindi, siamo tutti regnanti, re e sacerdoti per il Signore.

“E ci ha fatti re e sacerdoti per Dio e Padre suo, a lui sia la gloria e il dominio nei secoli dei secoli. Amen.” (Apocalisse 1:6)

Il popolo di Israele accetta di osservare i comandamenti di Adonai e di ubbidirgli: “E tutto il popolo rispose insieme e disse: ‘Noi faremo tutto ciò che l’Eterno ha detto’. Così Mosè riferì all’Eterno le parole del popolo.” (Esodo 19:8)

Mosè consacra il popolo di Israele e li prepara ad incontrare Elohim per ricevere la legge sul Monte Sinai. Questo era l’intero scopo dell’esodo dall’Egitto, che Israele ricevesse la Torah di Adonai (I Comandamenti).

“DIO disse: ‘Io sarò con te, e questo sarà per te il segno che io ti ho mandato: Quando avrai fatto uscire il popolo dall’Egitto, voi servirete DIO su questo monte.’” (Esodo 3:12)

Un Posto Speciale per le Donne

Poiché il verso 3 dell’Esodo capitolo 19 usa i due termini la “Casa di Giacobbe” e i “Figli di Israele”, i saggi Ebrei credono questo sia il primo termine che si riferisce alle donne di Israele e il secondo termine agli uomini. Si ritiene che quando Adonai diede a Israele la Torah, disse a Mosè di avvicinarsi alle donne per prime ad essa. Il Midrash (storie Ebraiche) afferma che la redenzione messianica verrà attraverso il merito delle donne giuste di Israele: “Tutte le generazioni sono redente in virtù delle più pie donne della loro generazione” (Yalkut Shimoni, Ruth: 606).

Forse, questo indica il ruolo di Miriam come madre di Yeshua (Gesù), che è stato profetizzato dal profeta Isaia: “Perciò il Signore stesso vi darà un segno: Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio e gli porrà nome Emmanuele” (Isaia 7:14)

Purtroppo, il capitolo sette di Isaia non viene letto durante le regolari letture dello Shabbat. Ma leggiamo della nascita del Messia nell’Haftarah (la parte profetica) per questo Shabbat: “Poiché un bambino ci è nato, un figlio ci è stato dato. Sulle sue spalle riposerà l’impero, e sarà chiamato Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre eterno. Principe della pace.” (Isaia 9:6)

Anche i saggi Ebrei credevano che le donne avrebbero prima ricevuto gli insegnamenti del Messia. Mentre Gesù ha insegnato a molte donne, sappiamo dalla Scrittura che un’altra Miriam è diventata la prima testimone oculare della resurrezione di Yeshua dai morti, a segno assoluto della messianicità di Gesù e della vittoria sul peccato.

“Ora Gesù, essendo risuscitato la mattina del primo giorno della settimana, apparve prima a Maria Maddalena, dalla quale aveva scacciato sette demoni.” (Marco 16:9)

In una cultura in cui non si pensava che le donne testimoni fossero credibili, questo è un evento straordinario che il Ruach HaKodesh (Spirito Santo) voleva che tutti noi sapessimo.

Incontro con Adonai ai Piedi della Montagna

In piedi, ai piedi della montagna, il terzo giorno, il popolo di Israele si incontrò con Adonai, mentre scendevano tuoni, lampi, nuvole spesse e il suono forte dello shofar  (il corno di montone). Tutta la montagna era coperta di fumo, poiché Adonai venne con il fuoco, come è scritto, “Poiché l’Eterno, il tuo DIO, è un fuoco consumante, un Dio geloso.” (Deuteronomio 4:24)

Era uno spettacolo così terrificante che la gente tremava e diceva a Mosè, “Perciò essi dissero a Mosè: ‘Parla tu con noi e noi ti ascolteremo, ma non ci parli DIO perché non abbiamo a morire.’” (Esodo 20:19 [16])

Non siamo mai venuti incontro ad una simile montagna di tenebre, fuoco e rumore assordante e spaventoso, ma al Monte Sion, la città del Dio vivente, la Gerusalemme celeste e agli angeli, a Yeshua.

Stiamo quindi entrando in un regno che non può essere scosso stiamo entrando nella “città del Dio vivente, che è la Gerusalemme celeste e a miriadi di angeli, all’assemblea universale e alla chiesa dei primogeniti che sono scritti nei cieli, a Dio, il giudice di tutti, agli spiriti dei giusti resi perfetti, e a Yeshua (Gesù), il mediatore del nuovo patto, e al sangue dell’aspersione, che dice cose migliori di quello di Abele.” (Ebrei 12:22-24)

Anche se siamo sotto la grazia della Nuova Alleanza, in cui le leggi di Dio sono scritte sui nostri cuori, i comandamenti di Adonai, sono scritti con il Suo stesso dito su tavolette di pietra, sono eterni e veri per tutte le persone in tutte le alleanze. Mantenere i Suoi comandamenti è come dimostrare il nostro amore per Lui. I suoi comandamenti forniscono una guida per una vita sana, felice, produttiva e armoniosa in relazione con Adonai e con le altre persone.

“Questo infatti è l’amore di Dio: che noi osserviamo i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono gravosi.” (1 Giovanni 5:3)

Yeshua non ci ha liberati dal peccato, così che noi possiamo vivere vite senza legge. La Parola di Dio avverte anche che le nostre preghiere potrebbero non essere ascoltate se camminiamo nella sfacciata disobbedienza alle leggi di Dio.

“Colui che distoglie l’orecchio dall’udire la legge, anche la sua preghiera è un abominio.” (Proverbi 28:9)

La legge di Adonai protegge le nostre relazioni. La prima tavoletta contenente i primi cinque dei dieci comandamenti riguarda la nostra relazione con Adonai. La seconda serie di cinque comandamenti riguarda i nostri rapporti con il prossimo. Ecco perché Yeshua ha detto che amare Adonai e amare il nostro prossimo riassume tutti i comandamenti. (Matteo 22:37-40)

Il Dio di Israele non è una “forza” impersonale, ma un Dio d’amore che diventa intimamente coinvolto negli affari dell’umanità per salvare, redimere e liberare. Questo è il Dio che è degno del nostro amore e devozione, e nessun altro.

Gelosia e Fedeltà

Vediamo dal secondo comandamento che tutto ciò che mettiamo al primo posto nella nostra vita, a parte da Dio, è l’idolatria. Dio è, per sua stessa ammissione, un Dio geloso. La radice Ebraica di Kanna (geloso) si intende per giusta indignazione di un ferito.

Quando scegliamo un altro al di sopra di Adonai, Egli è ferito, come un marito o una moglie sono feriti da un coniuge infedele. Oggi il mondo è pieno di idoli: ricchezza, fama, potere, posizione, denaro, lavoro, relazioni sessuali, celebrità, sport, persino rapporti. Spesso facciamo di questi desideri la nostra priorità, tendendo a mettere la nostra fiducia in altre cose o persone per aiutarci a soddisfare quei desideri. Però, solo Dio è assolutamente degno di fiducia e i suoi desideri per noi sono puri e santi. La parola profetica di Adonai promette che un giorno il Suo popolo non tollererà più alcuna idolatria nelle loro vite, ma verrà il giorno in cui il popolo di Israele dirà, “Efraim dirà: Che ho più a che fare con gli idoli? Io lo esaudirò e mi prenderò cura di lui. Io sono come un verdeggiante cipresso; il tuo frutto viene da me.” (Osea 14:8)

Possa questa essere la generazione che cerca il Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe; e possiamo unirci nell’amore del Messia, adorando l’Unico Vero Dio nello Spirito e nella Verità.

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s