Torah Portion B’shalach / Porzione di Torah B’shalach

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Parasha (Torah Portion), which is called Beshalach (When He Let Go).

bShalach.jpg

This is the portion of Torah that will be read in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

Beshalach (When He Let Go)

Torah Portion: Exodus 13:17-17:16

Haftarah (Prophetic Portion): Judges 4:4-5:31, Ashkenazi (Judges 5:1-31, Sephardic)

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): 2 Peter 1; John 6:15-71

“Then it came to pass, when Pharaoh had let the people go, that God did not lead them by way of the land of the Philistines, although that was near; for God said, ‘Lest perhaps the people change their minds when they see war, and return to Egypt.’” (Exodus 13:17)

In last week’s study, after the last and most devastating of the Ten Plagues (Death of the Firstborn), Pharaoh finally relented in letting the Israelites go free.

This week, however, in Parasha Beshalach, Pharaoh changes his mind and races after them to bring them back into slavery.

Thinking they are lost in the wilderness, Pharaoh seemingly traps them against the Red Sea. There is no escape. But God miraculously splits the waters so that His people pass through on dry land, while the Egyptians drown behind them.

In relief and thankfulness to God for this amazing victory over those who wished to enslave them, Moshe (Moses) and the Israelites sing a beautiful song called Shirat HaYam (שירת הים), the Song of the Sea. Some also call it Az Yashir Moshe (then Moses sang), which are the first words of the Song of the Sea (Exodus 15:1).

This song is recited daily as part of the Shacharit (morning prayer service).

It is written in a unique wave or brick-like pattern in the Torah scroll and is recited in regular chant and traditional melodies.

Song of the Sea

In true humility, this song gives no glory to the leadership of Moses or praise to the people for the faith it took to walk between walls of water, but totally gives the glory and praise to the Lord.

“I will sing to the LORD, for He is highly exalted. Both horse and driver He has hurled into the sea.” (Exodus 15:1)

This song of Moses is, perhaps, also mentioned in the Brit Chadashah (New Testament) as a song that will be sung by those who defeat the beast in the end times. However, this time they will be singing by the sea of glass instead of the Red Sea and holding harps instead of tambourines: “Those defeating the beast, its image and the number of its name were standing by the sea of glass, holding harps which God had given them. They were singing the song of Moshe (Moses), the servant of God, and the song of the Lamb: ‘Great and wonderful are the things you have done, Adonai, God of heaven’s armies!’” (Revelation 15:2-3)

Moses’ sister, Miriam, also goes out with the maidens, and they dance for joy with tambourines. Because of these songs, this week’s Parasha is also called Shabbat Shirah (Sabbath of Singing).

Besides reading the Song of the Sea and the Song of Miriam on Shabbat Shirah, some have the custom of feeding the birds, in honor of the beautiful melodies that they sing and, perhaps, the manna that was found on the ground by the Israelites in this reading.

This is, of course, unusual in that wild birds are generally not fed on the Shabbat; only domesticated birds such as geese and chickens may be fed.

The Talmud explains that the Shabbat should not be broken by feeding animals that can fend for themselves, although there is a responsibility to feed the pets and domesticated animals that are under your care.

Haftarah Reading: The Song of Deborah

Both the Torah portion and the Haftarah (prophetic portion) of this week’s study contain victory songs by God’s people.

In the Parasha, the Israelites sing the Song of the Sea, extolling and honoring God for delivering them from Egypt. In the Haftarah, the Song of Deborah is sung when God gives them victory over General Sisera and the Canaanites.

“Then Deborah and Barak the son of Abinoam sang on that day, saying: ‘When leaders lead in Israel, when the people willingly offer themselves, bless the LORD! Hear, O kings! Give ear, O princes! I, even I, will sing to the LORD; I will sing praise to the LORD God of Israel.’” (Judges 5:1-3)

In the Song of the Sea, only God receives praise and glory while in the Song of Deborah, the actions of valiant men and women are also praised.

There are several other connections between the Torah portion and this prophetic portion from the Book of Judges. In both accounts of Israel’s victories, their enemies had assembled against them in chariots, but God threw their enemies into a panic.

Also, in both the Parasha and Haftarah, Israel’s enemies were swept away in water, and the women celebrated by singing and dancing.

Music is a beautiful, God-given gift to His people. Sadly, many in the world misuse this gift to glorify the powers of darkness with vulgarity and promiscuity or the promotion of violence and death. However, we can use the gift of song to praise Adonai for His goodness and mercy.

Our response to the victories that God brings us in our lives can be freely expressed with rejoicing, with singing and with dancing, just as Moses, Miriam, and Deborah did: “Awake, awake, Deborah! Awake, awake, sing a song! Arise, Barak, and lead your captives away, O son of Abinoam!” (Judges 5:12)

The Long Way Home

The Hebrew word Beshalach (בְּשַׁלַּח), the name of this Parasha, means when he sent.

Pharaoh didn’t simply let the people go; he sent the Israelites away.

When he did, God did not lead them on the straightest, most direct route to their Promised Land, which would have taken them through Philistine territory and into certain battle. Instead, He led them around and through the Red Sea or Yam Suf  (literally, Sea of Reeds).

Why didn’t God take them on the quickest route and into battle?

The Rabbis answer this with a story of a man who purchases a cow and takes her home to produce milk for his family, not to kill her for her meat.

Because the slaughterhouse is on the path to his home, he takes her on a longer, more roundabout route so that she will not smell the blood from the slaughterhouse and try to escape his care.

Similarly, God did not want the Israelites to go through Philistine territory and immediately encounter a war, lest they lose heart in God’s protective care and run back to Egypt.

Likewise, God might not take you on the most direct route to fulfilling your destiny. Instead, He just might take you out of the way a bit, proving His magnificent love for you by parting a sea on the way or lighting your path during a time of darkness.

With that firsthand experience of God’s presence, your faith will be made stronger to sustain you in the trials that will certainly come to you further down the road.

Still, as with any relationship, it takes more than one great experience with God to know who He is and to understand His character, integrity, and love. So sometimes the journey to our destiny is more than roundabout; it is the long way.

This truth is evident at the Red Sea. Even though the Israelites experienced walking out of Egypt with the spoils of the land and their firstborn sons still alive, that was not enough to calm their fears for long.

On the Way to the Promised Land

“And when Pharaoh drew near, the children of Israel lifted their eyes, and behold, the Egyptians marched after them. So they were very afraid, and the children of Israel cried out to the LORD.” (Exodus 14:10)

The Israelites’ reaction when they saw Pharaoh pursuing them confirms that they were not yet ready for battle.

The frightened Israelites did the right thing with their fear: they cried out to God!  

Then they did the wrong thing: they blamed Moses for bringing them out of Egypt, only to be annihilated by Pharaoh’s soldiers. They considered it better to have been left to serve the Egyptians than to die in the wilderness. (Exodus 14:11)

Sometimes, when moving on the path to greater freedom, we may encounter fearful challenges and wish we had just stayed where we were, no matter how painful or uncomfortable that old place felt. Nevertheless, moving ahead means facing new challenges and seeing God’s power demonstrated as we overcome them.

Moses reassured the Israelites that God would fight their battles for them, and they would only need to hold their peace.

“But Moses said to the people, ‘Do not fear! Stand by and see the salvation of the LORD which He will accomplish for you today; for the Egyptians whom you have seen today, you will never see them again forever. The LORD will fight for you while you keep silent.” (Exodus 14:13-14)

Bridgman_Pharaoh's_Army_Engulfed_by_the_Red_Sea.jpg
Pharaoh’s Army Engulfed by the Red Sea

The Israelites had a dilemma: they were trapped between a big sea and an angry Egyptian army, and Moses told them to “keep silent.”

That silence involved a choice.

On one hand, they could keep silent, hear the approaching chariots, and surrender to them in overwhelming fear and helplessness. On the other hand, they could keep silent, listen for God’s direction to move forward (kadima!), and obey Him.

“And the LORD said to Moses, ‘Why do you cry to Me? Tell the children of Israel to go forward.’” (Exodus 14:15)

Their silence was not meant to be passive. It involved action.

So often we are told to “wait upon the LORD,” and we often accept this to mean “do nothing.”

It is true that there are times when we must find the patience to simply do nothing but wait until God shows us His direction; however, there are also times when God says, “Move forward!” At those times, we are to rise up from bended knee in heroic faith and go!

God has wonderful blessings and victories in store for us if we would only take the first steps of faith, trusting in His leadership and wisdom. Through Yeshua we are more than conquerors. (Romans 8:37)

Let us, then, not miss our orders to go forward with boldness and confidence to possess the land that is ours.

Moses demonstrated great faith to his people. We also need to encourage those who are fearful, reminding them of God’s great power, love, and faithfulness.

“Say to those with fearful hearts, ‘Be strong, do not fear; your God will come, He will come with vengeance; with divine retribution He will come to save you.’” (Isaiah 35:4)

Today, as the people of Israel stand surrounded by a sea of hostile enemies, bombarded by a wave of terrorism, may all believers reach out to the Jewish people with words of faith and courage that God is not only our physical salvation but also our spiritual Salvation through Yeshua.

He will fight our battles for us. And as we go forward, we can be at peace as we trust in Him.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla Parasha di questa settimana (Porzione di Torah), chiamata  B’shalach (Quando li ha lasciati andare). Questa è la porzione della Torah che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato) di questa settimana.

 B’shalach (Quando li ha lasciati andare)

Porzione di Torah: Esodo 13:17-17:16 

Haftarah (Porzione Profetica): Giudici 4:4-5:31 (Rito Ashkenazita) (Giudici 5:1-31, Rito Sefardita) 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento): 2 Pietro: 1; Giovanni 6:15-71 

“Quando il Faraone lasciò andare il popolo DIO non lo condusse per la via del paese dei Filistei, benché fosse la più breve poiché DIO disse: ‘Perché il popolo non si penta quando vedrà la guerra e non ritorni in Egitto.’” (Esodo 13:17)

Nello studio della scorsa settimana, dopo l’ultima e più devastante delle dieci piaghe (la morte dei primogeniti), il Faraone finalmente cedette nel lasciare liberi gli Israeliti dalla schiavitù per andare a servire Adonai nel deserto. Questa settimana, tuttavia, nella Parasha B’shalach, il Faraone cambia idea e corre dietro a loro per riportarli in schiavitù. Pensando di essere persi nel deserto, il Faraone li intrappola apparentemente alle coste del Mar Rosso. Sembra non esserci via di fuga. Ma Elohim separa miracolosamente le acque del Mare Rosso in modo che il Suo popolo possa passarvi attraverso camminando sulla terraferma, mentre gli Egiziani annegano dietro di loro. Con sollievo e gratitudine a Dio per questa straordinaria vittoria su coloro che hanno voluto schiavizzarli, Moshe (Mosè) e gli Israeliti cantano una bellissima canzone chiamata Shirat HaYam (שירת הים), La Canzone del Mare. Alcuni lo chiamano anche Az Yashir Moshe (poi cantava Mosè), che sono le prime parole della canzone del mare (Esodo 15:1). Questa canzone è recitata quotidianamente come parte del Shacharit (Culto di Preghiera Mattutina).

È scritta in forma di unico verso all’interno del rotolo della Torah ed è recitata nei canti regolarmente oltre che all’interno delle melodie tradizionali. In umiltà, questa canzone non dà gloria alla guida di Mosè o alla lode al popolo per la fede che avuta nel camminare tra i muri d’acqua del Mar Rosso aperto da Elohim, ma essa dà totalmente la gloria e la lode al Signore.

“Allora Mosè e i figli d’Israele cantarono questo cantico all’Eterno e parlarono dicendo: ‘Io canterò all’Eterno, perché si è grandemente esaltato; ha precipitato in mare cavallo e cavaliere. (Esodo 15:1)

Questa canzone di Mosè è menzionata anche nel Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento) come una canzone che verrà cantata da coloro che sconfiggeranno la bestia nei tempi finali. Tuttavia, questa volta essi canteranno sul mare di vetro anziché sul Mar Rosso e suoneranno le arpe invece dei tamburelli: “E vidi come un mare di vetro, misto a fuoco e, in piedi sul mare di vetro, quelli che avevano ottenuto vittoria sulla bestia, sulla sua immagine, sul suo marchio e sul numero del suo nome. Essi avevano le cetre di Dio, e cantavano il cantico di Mosè, servo di Dio, e il cantico dell’Agnello, dicendo: ‘Grandi e meravigliose sono le tue opere, o Signore, Dio onnipotente; giuste e veraci sono le tue vie, o Re delle nazioni.’” (Libro dell’Apocalisse 15:2-3)

Anche la sorella di Mosè, Miriam, esce con le fanciulle e balla con gioia accompagnandosi con i tamburelli.

Per questa canzone, la porzione di Torah viene chiamata anche Shabbat Shirah (Sabato del canto).

Oltre a leggere la canzone del mare e la canzone di Miriam durante lo Shabbat Shirah, alcuni hanno l’abitudine di dar da mangiare agli uccelli, in onore delle belle melodie che essi cantano oltre a ricordare la manna che fu trovata sul terreno dagli Israeliti in questa lettura. Questo è, naturalmente, insolito in quanto gli uccelli selvatici non sono generalmente nutriti di Shabbat; essi possono essere alimentati solo se sono uccelli domestici come ad esempio le oche e le galline. Il Talmud spiega che lo Shabbat non deve essere spezzato nutrendo animali che possono farlo da soli, sebbene ci sia la responsabilità di nutrire gli animali domestici che sono invece sotto la tua cura.

Lettura della Haftarah: Il Canto di Deborah

Sia all’interno della porzione della Torah che nella Haftarah (la parte profetica) dello studio di questa settimana vi sono canzoni di vittoria del popolo di Dio. Nella Parasha, gli Israeliti cantano la canzone del mare, esaltando e onorando Elohim per averli liberati dall’Egitto. Nell’Haftarah, la Canzone di Debora è cantata quando Elohim dà loro la vittoria sul generale Sisera e sui Cananei.

In quel giorno Debora cantò questo cantico con Barak, figlio di Abinoam, dicendo: ‘Poiché i capi hanno preso il comando in Israele, poiché il popolo si è offerto spontaneamente, benedite l’Eterno! Ascoltate, o re! Porgete l’orecchio, o principi! lo, proprio io, canterò all’Eterno, canterò le lodi dell’Eterno, il DIO d’Israele.” (Giudici 5:1-3)

Nel Canto del Mare, solo Elohim riceve lode e gloria mentre nella Canzone di Debora vengono lodate anche le azioni di uomini e donne valorosi. Vi sono molti altri collegamenti tra la porzione della Torah e questa parte profetica del libro dei Giudici. In entrambi i racconti delle vittorie Israeliane, i loro nemici si erano riuniti contro di loro con carri da guerra, ma Elohim gettò i loro nemici nel panico. Inoltre, sia nella Parasha che nell’Haftarah, i nemici di Israele furono spazzati via nell’acqua del Mar Rosso, e le donne celebrarono la vittoria di Elohim cantando e ballando. La musica è un dono bellissimo e donato da Dio stesso al suo popolo.

Purtroppo, molti nel mondo usano male questo dono per glorificare i poteri delle tenebre con la volgarità e la promiscuità, la violenza e la morte. Tuttavia, possiamo usare questo dono di Elohim della canzone per lodare Adonai per la sua bontà e misericordia. La nostra risposta alle vittorie che Adonai ci porta nelle nostre vite può essere espressa liberamente con la gioia, il canto e la danza, proprio come fecero Mosè, Miriam e Deborah: Destati, destati, o Debora! Destati, intona un canto! Levati, o Barak, e conduci via i tuoi prigionieri o figlio di Abinoam!” (Giudici 5:12)

La Lunga Strada Verso Casa

La parola Ebraica Beshalach (בְּשַׁלַּח), da nome a questo Parasha, che significa quando li ha lasciati andare.

Il Faraone non ha semplicemente lasciato andare la gente; ha mandato via gli Israeliti. Quando lo fa, Elohim non li guida per una via diretta e breve, poiché la via più diretta verso la loro Terra Promessa sarebbe passata attraverso il territorio Filisteo e avrebbero incontrato certamente la guerra. Invece Elohim, li guidò facendoli girare attorno a quel territorio e fece attraversare loro il Mar Rosso o Yam Suf (letteralmente, Mare di Canne).

Perché Dio non li ha portati sulla via più rapida e in battaglia?

I rabbini rispondono a questa domanda con la storia di un uomo che acquista una mucca e la porta a casa per produrre latte per la sua famiglia, non per ucciderla per la sua carne. Poiché il macello si trova sulla strada della sua casa, la porta su un percorso più lungo in modo che essa non senta l’odore del sangue del macello e cerchi di sfuggire alle sue cure. Allo stesso modo, Elohim non voleva che gli Israeliti attraversassero il territorio Filisteo, incontrassero immediatamente una guerra e avessero timore perdendo coraggio e desiderassero di tornare in Egitto rinunciando così alle cure protettive di Elohim.

Allo stesso modo, Dio potrebbe non portarci sulla strada più diretta per soddisfare il tuo destino. Invece, potrebbe solo tirarti fuori un po’ dall’Egitto in cui sei stato, provandoti il Suo magnifico amore per te separando il mare sulla tua strada oppure illuminando il tuo percorso durante un periodo di oscurità. Con quell’esperienza diretta della purezza di Dio, la tua fede sarà rafforzata per sostenerti nelle prove che sicuramente arriveranno lungo la strada. Tuttavia, come in ogni relazione, ci vuole più di una grande esperienza con Elohim per sapere chi è e per capire il Suo carattere, integrità e amore. Quindi a volte il viaggio verso il nostro destino è più che in tondo una lunga strada da percorrere con Lui sempre al nostro fianco. Questa verità è evidente nel miracolo del Mar Rosso. Anche se gli Israeliti hanno sperimentato l’uscire dall’Egitto con un enorme tesoro e i loro primogeniti ancora in vita, questo non è bastato a calmare il popolo di Israele a lungo dalle loro paure.

Sulla Strada per la Terra Promessa

“Mentre il Faraone si avvicinava, i figli d’Israele alzarono gli occhi; ed ecco, gli Egiziani marciavano dietro loro, per cui ebbero una gran paura; e i figli d’Israele gridarono all’Eterno” (Esodo 14:10)

La reazione degli Israeliti nel vedere il Faraone che li inseguiva conferma che essi non erano ancora pronti per la battaglia. Gli Israeliti spaventati fecero la cosa giusta con il loro timore: gridarono ad Elohim! In seguito invece fecero la cosa sbagliata: incolparono Mosè per averli portati fuori dall’Egitto, solo per essere annientati dai soldati del Faraone. Essi ritenevano che fosse meglio essere stati lasciati al servizio degli Egiziani piuttosto che morire nel deserto. (Esodo 14:11)

A volte, quando ci muoviamo sulla strada verso una maggiore libertà, potremmo imbatterci in sfide spaventose e desiderare di essere rimasti dove eravamo, non importa quanto doloroso o scomodo sia stato quel vecchio posto. Tuttavia, andare avanti significa affrontare nuove sfide e vedere il potere di Elohim mostrato davanti ai nostri occhi mentre le superiamo. Mosè rassicurò gli Israeliti che Elohim avrebbe combattuto le loro battaglie per loro, e avrebbero solo dovuto mantenere la pace fra loro.

“Ma Mosè disse al popolo: ‘Non temete, state fermi e vedrete la liberazione dell’Eterno, che egli compirà oggi per voi; poiché gli Egiziani che oggi vedete, non li vedrete mai più. L’Eterno combatterà per voi, e voi ve ne starete tranquilli’ (Esodo 14:13-14)

Gli Israeliti avevano un dilemma: essi erano intrappolati tra un grande mare e un esercito Egiziano arrabbiato, e Mosè disse loro di “tacere”. Quel silenzio implicava una scelta. Da un lato, potevano rimanere in silenzio, ascoltare i carri avvicinarsi e arrendersi alla loro paura e nella loro impotenza essere travolti dal nemico. Oppure, essi potevano invece stare in silenzio, ascoltando la direzione di Elohim di andare avanti (kadima!), e obbedire a Lui.

“Quindi l’Eterno disse a Mosè: ‘Perché gridi a me? Di’ ai figli d’Israele di andare avanti.” (Esodo 14:15)

Il loro silenzio non era stato pensato da Elohim per essere passivo. Esso coinvolgeva l’azione. Così spesso ci viene detto di “aspettare il Signore”, e spesso accettiamo questo come “non fare nulla”. È vero che ci sono momenti in cui dobbiamo trovare la pazienza di fare semplicemente nulla, ma aspettare fino a quando Dio ci mostra la Sua direzione; tuttavia, ci sono anche momenti in cui Elohim dice: “Andiamo avanti!” In quei tempi, dobbiamo alzarci dalle nostre ginocchia piegate in fede eroica e andare avanti! Elohim ha in serbo meravigliose benedizioni e vittorie se solo noi prendiamo i primi passi di fede, confidando nella Sua guida e saggezza. Attraverso Yeshua siamo più che conquistatori. (Romani 8:37)

Cerchiamo, quindi, di non perdere l’ordine di andare avanti con audacia e sicurezza per possedere la terra che è già nostra. Mosè dimostrò grande fede al suo popolo. Dobbiamo anche incoraggiare coloro che hanno paura, ricordando loro la grande potenza, l’amore e la fedeltà di Elohim nelle nostre vite.

“Dite a quelli che hanno il cuore smarrito: ‘Siate forti, non temete!’ Ecco il vostro DIO verrà con la vendetta e la retribuzione di DIO; verrà egli stesso a salvarvi.”  (Isaia 35:4)

Oggi, mentre il popolo di Israele si leva in piedi circondato da un mare di nemici ostili, bombardati da ondate di terrorismo, tutti i credenti gentili possono raggiungere il popolo di Israele con parole di fede e di coraggio in Elohim dicendo loro che Egli non è solo la nostra salvezza fisica, ma anche la nostra salvezza spirituale attraverso Yeshua.

Egli combatterà le nostre battaglie per noi. E mentre andiamo avanti, possiamo essere in pace mentre crediamo in Lui.

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s