Torah Portion Bo / Porzione di Torah Bo

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Bo (Come/Go), this week’s Parasha (Torah Portion).

Torah Portion Bo

This is the portion of Torah that will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service.  

Parasha Bo (Come/Go)

Torah Portion: Exodus 10:1-13:16

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 18:7; 19:1-25; Jeremiah 46:13-28

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Luke 22:7-30; I Corinthians 11:20-34; Revelation 9:1-21

“Then the LORD said to Moses, ‘Go [Bo/come/go] to Pharaoh, for I have hardened his heart and the hearts of his officials so that I may perform these signs of mine among them.’” (Exodus 10:1)

In last week’s Parasha, we read of the first seven calamities (makot) that God inflicted upon Egypt to persuade Pharaoh to release the Israelites from slavery.

This week in Parasha Bo, God sends the most devastating and final three plagues: locusts, darkness and death of the firstborn.

After the final plague, Pharaoh finally complies, triggering the Exodus of the Hebrews.

But what were the purposes of the Ten Plagues? To pressure Pharaoh to let the Israelites go free? Perhaps, but God is fully capable of setting His people free without a king’s permission.

We see in this Parasha and last week’s that God does not see the Egyptians simply as an enemy to be overcome; rather, He is committed to communicating something vital to them: “I will bring judgment on all the gods of Egypt. I am the LORD.” (Exodus 12:12)

The plagues demonstrate God’s supremacy over and judgment on all the false gods of Egypt.

When Moses first asked Pharaoh to let the Israelites go, he responded, Who is YHVH, that I should obey His voice to let Israel go?” (Exodus 5:2)

The God of Israel wants everyone to know who He is. And He wanted to make sure that Pharaoh and all of Egypt knew Him, too.

He even told Pharaoh that He was sending the powerful plague of hail, “so that you [Pharaoh] may know that there is none like Me in all the earth.” (Exodus 9:14)

In the end, Pharaoh did come to realize the power of the God of Israel.

But God was not only concerned about the beliefs of the Egyptians. The Torah indicates that God hardened Pharaoh’s heart in order to demonstrate His power to all the nations as well as the powerlessness of their false gods.

God does not want to be known only to this one nation of Israel, either. He wants His name to be proclaimed in every nation on earth: “For this purpose I have raised you [Pharaoh] up, that I may show My power in you, and that My name may be declared in all the earth.” (Exodus 9:16)

And God certainly did make Himself known to Pharaoh through the final three plagues.

The Eighth Plague: Locusts (Arbeh אַרְבֶּה)

“If you refuse to let My people go, behold, tomorrow I will bring locusts into your territory. And they shall cover the face of the earth, so that no one will be able to see the earth; and they shall eat the residue of what is left, which remains to you from the hail, and they shall eat every tree which grows up for you out of the field.” (Exodus 10:4-5)

Parasha Bo begins with the eighth plague upon Egypt, locusts. They devoured all the crops and vegetation of Egypt that remained after the hail.

Even though locusts are driven by the wind, a plague of locusts is so devastating that it cuts off the light of the sun and wipes out the food supply of the affected area.

In the Book of Joel, this plague makes another appearance, ravaging the land. The Prophet Joel links it to sin and the last days, exhorting Israel to repent and return to the Lord.

God promises Israel that He will make up for all the years that the swarming locusts have devoured: “I will repay you for the years the locusts have eaten — the great locust and the young locust, the other locusts and the locust swarm — My great army that I sent among you. You will have plenty to eat, until you are full, and you will praise the name of the Lord your God, who has worked wonders for you; never again will My people be shamed.” (Joel 2:25-26)

Swarm of locusts.jpg
Swarm of locusts. Sciame di locuste.

Locusts are also mentioned in the Brit Chadashah (New Testament) as one of the end-time plagues upon the earth.

With the sounding of the fifth shofar in the last days, locusts emerge from the bottomless pit. They will not harm the vegetation, but they will have the power to sting like a scorpion and torment men who do not have the seal of God on their foreheads.

“Then out of the smoke locusts came upon the earth. And to them was given power, as the scorpions of the earth have power. They were commanded not to harm the grass of the earth, or any green thing, or any tree, but only those men who do not have the seal of God on their foreheads.” (Revelation 9:3-4)

rev-9-locust.jpg

The Ninth Plague: Darkness (Hosek חוֹשֶך)

The-Ninth-Plague-Darkness-Plagues-of-Egypt

“Then the LORD said to Moses, ‘Stretch out your hand toward the sky so that darkness will spread over Egypt — darkness that can be felt.’ So Moses stretched out his hand toward the sky, and total darkness covered all Egypt for three days. No one could see anyone else or leave his place for three days.” (Exodus 10:21-23)

With the ninth plague of darkness, Adonai delivered a crushing blow to the worship of the Egyptian sun god, Ra, demonstrating the folly of believing in idols and mythical deities.

Although the Egyptians were plunged into total darkness, the Israelites enjoyed light in their dwellings in the land of Goshen.

darkness-over-land

While everyone outside the shelter of God’s covenant live in ever deepening darkness, especially as the end of the age approaches, the light of believers in Yeshua shines ever more brightly. (Proverbs 4:18)

Today, there are so many reports of evil, and many are fearful of what may come upon us. Nevertheless, even when there is total, paralyzing darkness in the world, we can still have light in our dwellings, just as the Israelites had in Goshen.

It is time for us to stop cursing the darkness and, instead, start living in the light. Instead of complaining, murmuring and fault finding over the darkness of  “Egypt” (the world), we can be all that God has made us to be, shining as lights in the midst of a dark and perverse generation. (Philippians 2:14-15)

And if we think that we do not know the Word enough to be a bright light, we must remember that even the smallest of lights shine brilliantly in the darkest of places.

The Bible says that the wicked stumble in the darkness and do not even know what makes them trip. (Proverbs 4:19)

When people are in complete darkness, they cannot perceive anything outside of themselves. In this state of darkness, it is easy to live in a completely self-centered, miserable world. Often a symptom of this darkness is using people for self-benefit.

But God’s presence in our lives promotes a kind of love that is giving, not self-seeking. (1 Corinthians 13:5)

We need Yeshua, the Light of the World to set us free from our own preoccupation with ourselves so that we may truly love our neighbor.

Sadly, far too many of us who have been set free from darkness to live in the light still willfully stumble in the darkness of unforgiveness, bitterness, and resentment. We must determine to let these go and walk in God’s holy Light.

Just as paralyzing darkness fell on Egypt, many in the world will one day experience a great, devastating darkness, which is one of the end-time plagues mentioned in the Book of Revelation.

When the angel pours out the fifth bowl of God’s wrath, the kingdom of the beast will be plunged into total darkness. This foreshadows the state of people who descend into Sheol (hell), where there is a complete absence of all light. Revelation tells us that even this will not convince the servants of Satan to repent and turn to the Maker of all.

 “Then the fifth angel poured out his bowl on the throne of the beast, and his kingdom became full of darkness; and they gnawed their tongues because of the pain. They blasphemed the God of heaven because of their pains and their sores, and did not repent of their deeds.” (Revelation 16:10-11)

The Tenth Plague: The Striking of the Firstborn (Macat B’Chorot מַכַּת בְּכוֹרוֹת)

“This is what the LORD says: ‘About midnight I will go throughout Egypt. Every firstborn in Egypt will die, from the firstborn son of Pharaoh, who sits on the throne, to the firstborn of the slave girl, who is at her hand mill, and all the firstborn of the cattle as well. There will be loud wailing throughout Egypt, worse than there has ever been or ever will be again.” (Exodus 11:4-6)

When Pharaoh still refused to repent and relent after the plague of darkness, God sent the tenth and most devastating plague, the striking of the firstborn of Egypt.

Egypt’s king refused to let God’s firstborn (Israel) go, so God took Pharaoh’s firstborn and those of his loyal subjects. The word is clear, God will treat the nations (and individuals) as they have treated Israel!

God acts on behalf of His people and judgment will fall on the enemies of Israel.

While Pharaoh was perhaps unmoved, remaining stubborn and proud as the rest of the land suffered under God’s hand, when God struck down his firstborn son, the hardness of his heart was broken through.  

How tragic that it took the death of Pharaoh’s own child to bring him to the place of humility and submission where he was willing to let God’s people go.

May our hearts be soft toward the leading of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) so that God will never need to use ever increasingly painful disciplinary measures to break through our stubborn and willful pride and bring us into a holy place before Him.

Moses prepared the people of Israel for this final judgment on Egypt by instructing them to sacrifice a lamb and to put its blood on the tops and sides of their doors.

passover 6

“And they shall take some of the blood and put it on the two doorposts and on the lintel of the houses where they eat it.” (Exodus 12:7)

The blood of the Passover lamb served as the sign that caused the judgment to “pass over” the Israelites, sparing them from suffering the wrath of God that fell upon the Egyptians.

The Angel of Death and the First Passover

“Now the blood shall be a sign for you on the houses where you are. And when I see the blood, I will pass over you; and the plague shall not be on you to destroy you when I strike the land of Egypt.” (Exodus 12:13)

At the conclusion of this Parasha, Moses leads the children of Israel out of Egypt, and the Lord gives them the ordinances of the Passover.

Thus the Lord did all He had promised; not one Word that the Lord had spoken was left unfulfilled. Reminding ourselves of this truth helps us to also trust in God’s faithfulness, power, and mercy now and in the days to come. Today, the Jewish people still celebrate this miraculous Passover each year.

“So this day shall be to you a memorial; and you shall keep it as a feast to the LORD throughout your generations. You shall keep it as a feast by an everlasting ordinance.” (Exodus 12:14)

Individual believers and entire churches are increasingly commemorating Passover as well, since it foreshadows Yeshua the Messiah, the Lamb of God who was sacrificed in order to spare us from the judgment of God.

Pesach meal 1

Redeeming the Firstborn

Because God spared the firstborn Jewish sons from the 10th plague, we find in this Torah portion the command to consecrate or set apart for Him every firstborn male. (Exodus 13:1-2)

As well, because they were spared, the firstborn traditionally fasts on the day before Passover to commemorate this miracle.

However, the firstborn sons ended up worshiping the Golden Calf along with most of Israel, so they forfeited their right to serve God in the Temple. God, instead, gave that right to the tribe who did not worship the Calf, the Levites.

Jewish parents, therefore, redeem their firstborn sons in a special ceremony called the Pidyon HaBen (Redemption of the Firstborn Son). (Numbers 3:45-47)

In this ceremony the firstborn is fully absolved from the duty to perform Temple service.

This symbolic ritual of redeeming the firstborn son out of Temple Service continues today with the payment of five silver shekels (or about 4.4 ounces of pure silver) to a man of Cohen descent, according to the command given by Moses: “Take the Levites in place of all the firstborn of Israel, and the livestock of the Levites in place of their livestock. The Levites are to be mine. I am the Lord. To redeem the 273 firstborn Israelites who exceed the number of the Levites, collect five shekels for each one, according to the sanctuary shekel, which weighs twenty gerahs. Give the money for the redemption of the additional Israelites to Aaron and his sons.” (Numbers 3:45-48)

Another custom in Judaism arises from the Exodus story, the custom of wearing tefillin.

tefillin

Tefillin (phylacteries) are a set of little black boxes containing Scriptures connected by straps. The boxes are worn on the forehead and arm, and straps are wound around the arm and fingers. This custom serves as a reminder to submit one’s head (thoughts), heart (feelings), and hands (actions) to the Lord.

This practice arises from the following command: “This observance will be for you like a sign on your hand and a reminder on your forehead that this law of the Lord is to be on your lips. For the Lord brought you out of Egypt with his mighty hand.” (Exodus 13:9, see also verse 16)

According to Scripture, in the last days, the anti-Messiah/Christ will attempt to force all people to put his mark, rather than the Word of God, on their hand or foreheads, thereby usurping the mark of the rightful place of God in our lives. (Revelation 13:16-17)

Nevertheless, those who love God will resist evil and glorify His name till the end, even if it means death.

It is because of God’s enduring mercy that He brought each one of us out of the darkness that held us captive. Baruch HaShem (Praise the Lord)!

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

https://soundcloud.com/user-114005263/torah-portion-bo-5778-shabbat-service-in-italian-and-english

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

 

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Bo (Vieni/Vai), la Parasha di questa settimana (la Porzione di Torah). Questa è la porzione della Torah che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto dello Shabbat (Sabato).  

Parasha Bo (Vieni/Vai)

Letture della Porzione di Torah: Esodo 10:1-13:16

Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 18:7; 19:1-25; Geremia 46:13-28

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Luca 22:7-30; I Corinzi 11:20-34; Apocalisse 9:1-21

“Allora l’Eterno disse a Mosè: Vai [Bo/vai/vieni] a Faraone, perché ho indurito il suo cuore e il cuore dei suoi funzionari in modo da poter esibire i miei segni in mezzo a loro.” (Esodo 10:1)

Nella Parasha della scorsa settimana, abbiamo letto delle prime sette piaghe o calamità (makot) che Dio ha inflitto all’Egitto per persuadere il Faraone a liberare gli Israeliti dalla schiavitù. Questa settimana nella Parasha Bo, Dio manda le tre piaghe più devastanti e finali sull’Egitto: le locuste, l’oscurità e morte dei primogeniti. Dopo l’ultima piaga, il Faraone acconsente finalmente a rilasciare il popolo di Israele di servire Adonai nel deserto, provocando l’Esodo degli Ebrei. Ma quali erano gli scopi delle dieci piaghe? Fare pressioni sul Faraone perché gli Israeliti fossero liberi dalla schiavitù? Forse, ma Dio era pienamente capace di liberare il Suo popolo senza il permesso del Faraone. Vediamo in questa Parasha e quella della scorsa settimana che Dio non vede gli Egiziani semplicemente come un nemico da superare; piuttosto, si impegna a comunicare qualcosa di vitale per loro: “Porterò il giudizio su tutti gli dei dell’Egitto. Io sono il Signore. (Esodo 12:12)

Le piaghe dimostrano la supremazia di Dio e il giudizio su tutti i falsi dei dell’Egitto. Quando Mosè aveva chiesto in precedenza al Faraone di lasciare andare gli Israeliti, Egli aveva risposto, “Chi è YHVH, che dovrei obbedire alla sua voce per lasciare andare Israele?” (Esodo 5:2)

Il Dio di Israele vuole che tutti sappiano chi è. Egli voleva assicurarsi che anche il Faraone e tutto l’Egitto lo conoscessero. Adonai aveva annunciato tramite Mosè al Faraone che avrebbe mandato la potente piaga della grandine, “Affinché tu [il Faraone] sappia che non c’è nessuno come me in tutta la terra.” (Esodo 9:14)

Alla fine, Il faraone realizzò il potere del Dio di Israele. Ma Dio non si preoccupava solo delle credenze degli Egiziani. La Torah indica che Dio indurì il cuore del faraone per dimostrare il suo potere a tutte le nazioni l’impotenza dei loro falsi dei. Dio non voleva essere conosciuto solo da questa sola nazione di Israele. Voleva che il Suo nome fosse proclamato in ogni nazione della terra: “Per questo scopo ti ho innalzato [Faraone], affinché possa mostrare il mio potere in te e che il mio nome possa essere dichiarato in tutto il tempo.” (Esodo 9:16)

E Dio certamente si è fatto conoscere dal Faraone attraverso le ultime tre piaghe.

L’Ottava Piaga: Le Locuste (Arbeh אַרְבֶּה)

“Se rifiuti di lasciare andare la mia gente, ecco, domani metterò le locuste nel tuo territorio. E copriranno la faccia della terra, affinché nessuno possa vedere la terra; ed essi mangeranno il residuo di ciò che è rimasto, che rimane a te dalla grandine, e mangeranno ogni albero che cresce per te fuori dal campo.” (Esodo 10:4-5)

La Parasha Bo inizia con l’ottava piaga sull’Egitto, le locuste. Esse divorano tutte le colture e la vegetazione dell’Egitto che sono rimasti dopo la piaga della grandine. Anche se le locuste sono guidate dal vento, una piaga di cavallette è così devastante che taglia la luce del sole e spazza via la riserva di cibo dell’area colpita. Nel Libro di Gioele, questa piaga fa un’altra apparizione, devastando la terra. Il Profeta Gioele lo collega al peccato, esortando Israele a pentirsi e a ritornare al Signore. Dio promette a Israele che compenserà tutti gli anni di raccolto che le locuste brulicanti hanno divorato: “Ti ripagherò per gli anni che le locuste hanno mangiato – la grande cavalletta e la giovane locusta, le altre locuste e lo sciame di locuste – Il mio grande esercito che ho mandato tra di voi. Avrai molto da mangiare, finché non sarai sazio, e loderai il nome del Signore Dio tuo, che ha operato meraviglie per te; il mio popolo non verrebbe mai svergognato.” (Gioele 2:25-26)

Le locuste sono menzionate anche nel Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento) come una delle piaghe della fine della storia sulla terra. Con il suono del quinto shofar negli ultimi giorni, le cavallette emergono dal pozzo senza fondo. Non danneggeranno la vegetazione, ma avranno il potere di pungere come uno scorpione e tormentare uomini che non hanno il sigillo di Adonai sulla loro fronte.

“Poi, fuori dal fumo, le cavallette arrivarono sulla terra. E a loro fu dato il potere, come gli scorpioni della terra hanno potere. A loro fu comandato di non danneggiare l’erba della terra, né alcuna cosa verde, né alcun albero, ma solo quegli uomini che non hanno il sigillo di Dio sulla fronte.” (Apocalisse 9:3-4)

La Nona Piaga: L’Oscurità (Hosek חוֹשֶך)

“Allora l’Eterno disse a Mosè: “Stendi la mano verso il cielo, affinché l’oscurità si diffonda sull’Egitto – le tenebre che possono essere sentite.” Così Mosè stese la sua mano sul cielo, e l’oscurità totale coprì tutto l’Egitto per tre giorni. Nessuno poteva vedere nessun altro o lasciare il suo posto per tre giorni.” (Esodo 10:21-23)

Con la nona piaga dell’oscurità, Adonai inflisse un duro colpo all’adorazione del dio del sole Egiziano, Ra, dimostrando la follia di credere negli idoli e nelle divinità mitiche. Sebbene gli Egiziani fossero immersi nell’oscurità totale, gli Israeliti godevano della luce nelle loro dimore nel paese di Goscen. Mentre tutti al di fuori del rifugio dell’alleanza di Adonai vivono in un’oscurità sempre più profonda, specialmente con l’avvicinarsi della fine del mondo, la luce dei credenti di Yeshua risplende sempre più intensamente. (Proverbi 4:18)

Oggi ci sono così tante notizie sul male, e molte sono piene di ciò che potrebbe accadere a noi. Tuttavia, anche quando c’è un’oscurità totale e paralizzante nel mondo, possiamo ancora avere luce nelle nostre dimore, proprio come gli Israeliti avevano a Goscen. È tempo per noi di smettere di maledire l’oscurità e, invece, iniziare a vivere nella luce. Invece di lamentarsi, mormorare e trovare la colpa nell’oscurità dell’Egitto (il mondo), possiamo essere tutto ciò che Dio ci ha fatto essere, splendendo come luci nel mezzo di una generazione oscura e perversa. (Filippesi 2:14-15) E se pensiamo che non conosciamo abbastanza la Torah per essere una luce brillante, dobbiamo ricordare che anche le più piccole luci brillano immensamente nei luoghi più bui. La Bibbia dice che i malvagi inciampano nell’oscurità e non sanno nemmeno cosa li faccia inciampare. (Proverbi 4:19)

Quando le persone sono nell’oscurità completa, non possono percepire alcunché al di fuori di se stesse. In questo stato di oscurità, è facile vivere in un mondo completamente disfatto e infelice. Spesso un sintomo di questa oscurità è usare le persone per il proprio beneficio. Ma la presenza di Adonai nelle nostre vite promuove un tipo di amore che sta donando all’altro, non è un amore che cerca il proprio tornaconto. (1 Corinzi 13:5) Abbiamo bisogno di Yeshua, la luce del mondo per liberarci dalla nostra stessa preoccupazione di noi stessi in modo da poter amare veramente il prossimo. Purtroppo, troppi di noi che sono stati liberati dall’oscurità per vivere nella luce, incappano intenzionalmente nell’oscurità poiché non perdonano, vivono nell’amarezza e nel risentimento.

 Dobbiamo decidere di lasciarli andare via questi spiriti che ci legano al peccato e camminare nello Spirito che è libertà e nella Santa luce di Adonai. Proprio come le tenebre paralizzanti cadevano sull’Egitto, molti nel mondo un giorno sperimenteranno una grande, devastante oscurità, che è una delle piaghe del tempo della fine menzionate nel Libro dell’Apocalisse. Quando l’angelo versa la quinta coppa dell’ira di Dio, il regno della bestia sarà immerso nell’oscurità totale. Questo prefigura lo stato delle persone che discendono nello Sheol (inferno), dove c’è una completa assenza di luce. L’Apocalisse ci dice che anche questo non convincerà i servitori di Satana a pentirsi e a rivolgersi al Creatore.

“Allora il quinto angelo versò la sua coppa sul trono della bestia e il suo regno si riempì di tenebre; e hanno rosicchiato le loro lingue a causa del dolore. Hanno bestemmiato il Dio del cielo a causa delle loro pene e delle loro piaghe e non si sono pentiti delle loro azioni.” (Apocalisse 16:10-11)

La Decima Piaga: l’Uccisione dei Primogeniti (Macat B’Chorot מַכַּת בְּכוֹרוֹת)

“Questo è ciò che dice il Signore: ‘Verso mezzanotte andrò in tutto l’Egitto. Ogni primogenito in Egitto morirà, dal primogenito del Faraone, che siede sul trono, al primogenito della schiava, che è al suo mulino, e anche tutti i primogeniti del  bestiame. Ci sarà un lamento rumoroso in tutto l’Egitto, peggio di quanto non sia mai stato o sarà mai più.” (Esodo 11:4-6)

Quando il Faraone si rifiutò ancora di pentirsi e di cedere alla richiesta di Mosè, dopo la piaga dell’oscurità, Dio mandò la decima e devastante piaga, l’uccisione dei primogeniti d’Egitto. Il re dell’Egitto rifiutò di lasciare andare i primogeniti di Dio (il Suo Popolo, Israele), così Adonai prese i primogeniti del faraone e quelli dei suoi leali sudditi. La parola è chiara, Adonai tratterà le nazioni (e gli individui) come esse hanno trattato Israele! Adonai agisce in nome del Suo Popolo e il giudizio cadrà sui nemici di Israele.

Mentre il Faraone era impassibile, rimanendo testardo e fiero come il resto del paese, Egli ha sofferto sotto la mano di Adonai, quando Adonai ha abbattuto il suo figlio primogenito, allora e solo allora la durezza del suo cuore è stata spezzata. Com’è tragico che ci sia voluta la morte del figlio del Faraone per portarlo all’umiltà e alla sottomissione così da lasciare andare il Popolo di Adonai. Possano i nostri cuori essere teneri e sottomessi alla guida del Ruach HaKodesh (Spirito Santo) in modo che Adonai non abbia mai bisogno di usare misure disciplinari sempre più dolorose per rompere il nostro orgoglio testardo e ostinato e portarci in un luogo santo davanti a Lui. Mosè preparò il popolo di Israele per questo giudizio finale sull’Egitto istruendoli a sacrificare un agnello e mettere il suo sangue sugli stipiti e architravi delle loro porte.

“E prenderanno un po’ del sangue e lo metteranno sui due stipiti e sull’architrave delle case dove lo mangiano.” (Esodo 12:7)

Il sangue dell’agnello pasquale servito rappresentava il segno che ha fatto sì che il giudizio “passasse” agli Israeliti, risparmiandoli dal soffrire l’ira di Dio che cadeva sugli Egiziani.

“Ora il sangue deve essere un segno per te sulle case dove sei. E quando vedrò il sangue, ti passerò sopra; e la piaga non sarà su di te per distruggerti quando  colpisco il paese d’Egitto.” (Esodo 12:13)

Alla fine di questa Parasha, Mosè conduce i figli d’Israele fuori dall’Egitto, e il Signore dà loro le ordinanze di Pesach (Pasqua Ebraica). Così il Signore ha fatto tutto ciò che aveva promesso; non una sola parola che il Signore aveva pronunciato rimase insoddisfatta. Dobbiamo ricordarci di questa verità che ci aiuta anche a mantenere salda la nostra fede, nel potere e nella misericordia di Dio ora e nei giorni a venire. Oggi, Israele, Popolo di Adonai celebra ancora questa Pesach (Pasqua Ebraica) miracolosa ogni anno.

“Quindi questo giorno sarà per te un memoriale; e lo manterrai come una festa al Signore per tutte le generazioni. Lo manterrai come un pegno da un’ordinanza eterna.” (Esodo 12:14)

Anche credenti gentili individualmente ed insieme alle loro congregazioni commemorano sempre di più anche la Pasqua Ebraica che prefigura Yeshua il Messia, l’Agnello di Adonai che fu sacrificato per risparmiarci dal giudizio di Adonai.

Il Riscatto del Primogenito

Poiché Adonai ha risparmiato i primogeniti figli Ebrei dalla decima piaga, troviamo in questa parte della Torah il comando di consacrare a Lui ogni primogenito maschio. (Esodo 13:1-2) Inoltre, poiché sono stati risparmiati, i primogeniti tradizionalmente digiunano il giorno prima di Pesach per commemorare questo miracolo. Tuttavia, i figli primogeniti finirono per adorare il vitello d’oro insieme a gran parte di Israele, così persero il loro diritto a servire Dio nel tempio. Adonai, quindi, diede questo diritto alla tribù che non adorò il vitello, i Leviti. I genitori Ebrei, quindi, riscattano i loro figli primogeniti durante una cerimonia speciale chiamata il Pidyon HaBen (Redenzione del Primogenito). (Numeri 3:45-47)

In questa cerimonia il primogenito è completamente assolto e riabilitato al servizio al tempio. Questo rituale simbolico di riscatto del figlio primogenito al Servizio nel Tempio continua oggi con il pagamento di cinque shekel d’argento (o circa 4,4 once di argento puro) a un uomo di discendenza di Cohen, secondo il comando dato da Mosè: “Prendi i Leviti invece di tutti i primogeniti degli Israeliti e il bestiame dei leviti invece del loro bestiame; i leviti saranno miei. Io sono il Signore. Per il riscatto dei duecento settantatré primogeniti degli Israeliti che oltrepassano il numero dei Leviti, prenderai cinque sicli a testa; li prenderai secondo il siclo del santuario, che è di venti gerah. Darai il denaro ad Aronne e ai suoi figli per il riscatto di quelli che oltrepassano il numero dei Leviti.” (Numeri 3:45-48)

Un’altra usanza nel Giudaismo deriva dalla storia dell’Esodo, l’usanza di indossare i Tefillin. I Tefillin (filatteri) sono un insieme di piccole scatole nere contenenti Scritture collegate da cinghie di cuoio. Le scatole sono indossate sulla fronte e sul braccio e le cinghie vanno intorno al braccio e alle dita. Questa consuetudine serve come promemoria per inviare la testa (i pensieri), il cuore (i sentimenti) e le mani (azioni) al Signore.

Questa pratica deriva dal seguente comando: “Questa osservanza sarà per te come un segno sulla tua mano e un promemoria sulla tua fronte che questa legge del Signore sarà sulle tue labbra. Poiché il Signore ti ha fatto uscire dall’Egitto con la sua potente mano.” (Esodo 13:9, vedi anche versetto 16)

Secondo la Scrittura, negli ultimi giorni, l’anti-Messia/Cristo tenterà di costringere tutte le persone a sostituire questo segno con la marca della bestia (666), piuttosto che portare il segno della Parola di Adonai, sulla mano o sulla fronte, usurpando così la marca del giusto posto di Adonai nelle nostre vite. (Apocalisse 13:16-17) Tuttavia, coloro che amano Adonai resisteranno al male e glorificheranno il Suo nome fino alla fine, anche se questo porterà alla morte per fede in Yeshua. È grazie alla perdurante misericordia di Adonai che Egli ha portato ciascuno di noi fuori dall’oscurità che ci ha tenuti prigionieri. 

Baruch HaShem (Sia lodato il Signore)!

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

https://soundcloud.com/user-114005263/torah-portion-bo-5778-shabbat-service-in-italian-and-english

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s