Torah Portion Va’era / Porzione di Torah Va’era

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Va’era (And I Appeared), this week’s Parasha (Torah Portion). Va-era.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please read along with us as we make our way through the Torah portion that will be read in synagogues and congregations around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

VA’ERA (And I Appeared)

Torah Portion: Exodus 6:2-9:35

Haftarah (Prophetic) Portion: Ezekiel 28:25-29:21

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Revelation 15:1-16:20; Romans 9:14-33

And I appeared [Va’era] to Avraham, Yitzchak, and Yaacov as El Shaddai [אל שדי] but by My name, YHVH [יהוה], I did not make Myself known to them.” (Exodus 6:2-3)

In last week’s Torah study, God appeared to Moses at the foot of Mount Sinai in a burning bush, instructing him to lead the Israelites out of Pharaoh’s bondage. Because Moses perceived himself to be slow of speech, God appointed his brother Aaron to be his spokesperson.

When the brothers went before Pharaoh, he refused to let the Israelites go. Instead of making the situation better, the Israelites’ enslavement became more oppressive. Pharaoh required them to gather their own straw (whereas previously it had been provided for them) and still produce the same quota of bricks.

Of course, the children of Israel complained to Moses, so he brought their suffering before God, who reassured him that things would turn around. God told him that He would not only save the Israelites with a mighty deliverance, but Pharaoh would drive them from Egypt.

God Redeems Israel Past, Present and Future

In this Parasha, God promises Moses that He will accomplish four redemptive acts: He would bring out the Israelites from their suffering in Egypt, rescue them from slavery,  redeem them from their oppression with His outstretched arm, and take  them as His own nation (am).

These four promises are called the Four Expressions of Redemption, and they are traditionally commemorated during the Passover Seder (ritual meal) with four cups of wine.

For each of these acts of deliverance written in Exodus 6:6-7, God used the following Hebrew words:

  • Hotzeiti (הוֹצֵאתִי), which means I will bring out;
  • Hitzalti (הִצַּלְתִּי), which means I will rescue;
  • Ga’alti (גָאַלְתִּי), which means I will redeem; and
  • Lakachti (לָקַחְתִּי), which means I will take.

God also makes a fifth expression of redemption. He promises He will bring (heveiti – הֵבֵאתִי) His people back into their own land.

“And I will bring [heveiti] you to the land I swore with uplifted hand to give to Abraham, to Isaac and to Jacob. I will give it to you as a possession. I am the LORD.” (Exodus 6:8)

Two thousand years ago, when the Jewish people lived in the Promised Land, this fifth expression may have been commemorated during the Seder with a fifth cup of wine.

Although God has been rescuing the Jewish people from their exile and bringing them back into the land, the fifth cup is considered to represent a complete Redemption through Messiah.

This fifth cup at the Passover Seder, therefore, is called the Cup of Elijah, which is left untouched for the Prophet Elijah, who is expected to return to earth to herald the coming of the Messiah and His Messianic reign.

four-cups-shmura-matzah.jpg
Five cups filled with red wine during a Passover Seder, a ritual meal commemorating the Exodus.  The largest cup is the Cup of Elijah, which remains untouched throughout the meal.

 

When God speaks a Word, it will be done as He has said, despite how circumstances appear in the natural.

Still, we live in a fallen world. Many of us suffer from spiritual myopia (short-sightedness) caused by focusing on our own suffering and loss.

The Israelites were no different. They were so downtrodden and grieved in spirit that they simply could not believe what Moses said the Lord would do for them. They couldn’t even listen to his words of hope.

“Moses reported this [promise of the Lord] to the Israelites, but they did not listen to him because of their discouragement and harsh labor.” (Exodus 6:9)

This tendency in human nature should remind us to be patient and merciful as we minister to people.

Even today, there are those whose bondage is so cruel and whose spirit so broken that they also cannot hear those who preach the Good News of Yeshua (Jesus). Sometimes, they must watch us walk in the power of God, seeing signs and wonders before they will listen and believe. Sometimes, we must faithfully sow seeds, patiently waiting as God grows them.

“I planted the seed, Apollos watered it, but God has been making it grow.” (1 Corinthians 3:6)

As God had commanded them, Moses and his brother Aaron (Aharon) returned to Pharaoh over and over again, demanding that he let God’s people go so that they may serve Him in the wilderness.

This whole account of God’s redemption of Israel from Egypt has a spiritual parallel in our salvation from the kingdom of darkness, ruled by haSatan (literally, the Adversary) and the Kingdom of Light, ruled by the LORD.

We are delivered from haSatan through faith in Yeshua, the Passover Lamb, not simply to walk away and “do our own thing.” As it was for the Israelites, the purpose of our freedom is to serve the living God. 

“For He has rescued us from the dominion of darkness and brought us into the kingdom of the Son He loves, in whom we have redemption, the forgiveness of sins.” (Colossians 1:13-14)

Cairo
Cairo and the Nile, where the water was turned to blood.

Pharaoh Remains Prideful Despite Marvels and Wonders

God gave Moses and Aaron a special sign to show Pharaoh. In Hebrew the sign is called a mofet, which means a marvel or wonder. Aaron was to throw his stick down before Pharaoh, and it would be transformed. In most English translations, we read that the stick became a serpent; but in the Hebrew, the word used is tannin, which means a crocodile.

However, Pharaoh, as God foreknew, still refused to let the people go; therefore, God sent His judgment on Egypt in the form of the Ten Plagues.

“Pharaoh will not listen to you. Then I will lay My hand on Egypt and bring My hosts, My people the children of Israel, out of the land of Egypt by great acts of judgment.” (Exodus 7:4)

These plagues are remembered each year at the Passover Seder during the second cup of wine. One drop is removed from the cup for each of the plagues, while the leader recites the list of judgments in Hebrew.

The idea behind this custom is that our cup (which represents joy) cannot be full while others are suffering.

First, the waters of the Nile River were turned to blood (dam), making it undrinkable. Then frogs (tsepharde’a) swarmed the land, and then an infestation of lice (kinimtormented man and beast.

Until the plague of lice (kinim), the Egyptian magicians and sorcerers were able to duplicate the plagues but, with this plague, they could not. Therefore, they recognized this to be the finger of God.

“Then the magicians said unto Pharaoh: ‘This is the finger of God’; and Pharaoh’s heart was hardened, and he listened not unto them; as the LORD had spoken.” (Exodus 8:19)

Pharaoh had hardened his heart and would not listen to the voice of reason, one of the surest signs of pride. A humble man will receive correction willingly, but a person with pride immediately becomes defensive and will not listen to others. This can bring about his downfall.

“Pride goes before destruction, and a haughty spirit before a fall.” (Proverbs 16:18)

Note the contrast between Pharaoh and Moses, who even today is considered to be the most humble man to walk the earth. When Jethro, Moses’ father-in-law, corrected him on his approach to settling disputes between the Israelites in the wilderness, Moses listened and took heed.

“So Moses listened to the voice of his father-in-law and did all that he had said.” (Exodus 18:24)

Although Pharaoh promised to let the Jewish people go after the plague of lice, he hardened his heart and reneged on his promise. As a result, God sent swarms of  flies (arov) that covered the land, then a disease (deverthat killed all the cattle.

God made a distinction between Israel and Egypt. While all the cattle of Egypt died, not even one of Israel’s cattle fell to the disease. (Exodus 9:4)

This underlines the importance and reliability of being in a covenantal relationship with the Almighty God. None of Egypt’s best sorcerers and masters of the occult could save them from the hand of God.

In the sixth plague, when God turned dust into painful boils (shechin) upon man and beast, even the magicians suffered, and they could not stand before Moses because of them. (Exodus 9:9-11)

This week’s Parasha ends with the seventh plague of hail (barad).

God sent thunder, fire and a grievous hail that destroyed anything and everything in the field, man and beast and all vegetation. Only in Goshen where the Israelites lived was there no hail. (Exodus 9:26)

10 plagues.jpg

Like Egypt, Like the World

We know from the book of Revelation that many of these plagues will again strike the inhabitants of the earth in the end times. These events that happened in Egypt foreshadow what is to come, possibly on a global scale, in the final days.In his vision, John describes the seven last plagues on the earth: “I saw another sign in heaven, great and marvelous, seven angels having the seven last plagues; for in them is filled up the wrath of God.” (Revelation 15:1)

As God pours out the full bowl of His wrath upon the earth, loathsome sores appear on all those who have taken the mark of the beast and worship his image (Revelation 16:2). Then, just like in Egypt, the waters turn to blood (Revelation 16:3-6). Other plagues also bombard the earth, such as darkness, scorching fire, and destructive hail.

“From the sky huge hailstones, each weighing about a hundred pounds, fell on people. And they cursed God on account of the plague of hail, because the plague was so terrible.” (Revelation 16:21)

May we be ever mindful that we are living in the end times; and while we remain safe in the security of our holy covenant with Elohim, let us patiently share the Good News and diligently pray for mercy upon those who stubbornly continue to rebel against God.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Va’era (E Io sono apparso), Parasha di questa settimana (Porzione di Torah). Vi invitiamo a studiare con noi questa porzione di Torah che verrà letta nelle sinagoghe e nelle congregazioni Messianiche di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato).

VA’ERA (e Io Sono Apparso)

Porzione di Torah: Esodo 6:2-9:35

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Ezechiele 28:25-29:21

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Apocalisse 15:1-16:20; Romani 9:14-33

“E Io sono apparso [Va’era] ad Avraham, Yitzchak e Yaacov come El Shaddai [אל שדי] ma con il mio nome, YHVH [יהוה], non mi sono fatto conoscere da loro.” (Esodo 6:2-3)

Nello studio della Torah della settimana scorsa, Adonai apparve a Mosè ai piedi del Monte Sinai in un roveto ardente, istruendolo a condurre gli Israeliti fuori dalla schiavitù del faraone. Poiché Mose risentiva dell’essere lento nel parlare, Adonai nominò suo fratello Aaron come suo portavoce. Quando  Mosè e Aaronne si presentarono al Faraone, questi rifiutò di lasciare andare gli Israeliti. Invece di migliorare la situazione, l’asservimento degli Israeliti divenne più opprimente. Il Faraone chiese loro di raccogliere la loro stessa paglia (mentre in precedenza era stata loro fornita) e di produrre ancora la stessa quantità di mattoni.

Naturalmente, i figli di Israele si lamentarono con Mosè, così Mosè portò la loro sofferenza davanti a Adonai che lo rassicurò dicendogli che allora e solo allora Egli avrebbe agito in loro favore. Adonai gli disse che non avrebbe solo salvato gli Israeliti con una grande liberazione, ma il Faraone li avrebbe cacciati dall’Egitto.

Adonai Redime Israele dal Passato, Presente e Futuro

In questa Parasha, Adonai promette a Mosè che compirà quattro atti redentivi: 1. avrebbe portato fuori gli Israeliti dalla loro sofferenza in Egitto, 2. Avrebbe salvato gli Israeliti dalla schiavitù 3. riscattato gli Israeliti dalla loro oppressione con il suo braccio teso, e 4. preso gli Israeliti come sua nazione (am).

Queste quattro promesse sono chiamate le quattro espressioni della redenzione e sono tradizionalmente commemorate durante il pasto pasquale o Seder (cena rituale) con quattro tazze di vino.

Per ognuno di questi atti di liberazione scritti in Esodo 6:6-7, Adonai ha usato le seguenti parole Ebraiche:

  • Hotzeiti (הוֹצֵאתִי), che significa Porterò fuori;
  • Hitzalti (הִצַּלְתִּ), che significa Salverò;
  • Ga’alti (גָאַלְתִּ), che significa Riscatterò; e
  • Lakachti (לָקַחְתִּ), che significa Prenderò.

Adonai è in sé redenzione. Egli promette che porterà (heveiti הֵבֵאתִי) la sua gente nuovamente nella propria terra.

“E porterò [heveiti] te verso la terra che giurai con mano alzata di dare ad Abramo, ad Isacco e a Giacobbe. Te lo darò come possesso. Io sono il Signore.” (Esodo 6:8)

Duemila anni fa, quando il popolo di Israele viveva nella Terra Promessa, la redenzione e quinta espressione del Nome di Adonai sarebbe potuta essere commemorata durante il Seder con una quinta coppa di vino. Anche se Adonai ha salvato il popolo di Israele dal suo esilio e li ha riportati nella Terra Promessa loro, la quinta coppa è considerata rappresentazione della completa redenzione di Israele che sarebbe avvenuta solo attraverso la venuta del Messia.

Questa quinta coppa all’interno del Seder pasquale, quindi, è chiamata la Coppa di Elia, che non viene toccata poiché appartiene al Profeta Elia, il quale tornerà sulla terra per annunciare la venuta del Messia e il Suo Regno Messianico. Quando Adonai parla, la Sua Parola sarà portata a compimento così come Egli ha detto, nonostante le condizioni che ci appaiono nel mondo naturale. Molti di noi soffrono di miopia spirituale causata dalla concentrazione sulla nostra sofferenza e perdita di fede.

Gli Israeliti non erano diversi. Erano così demoralizzati e addolorati in spirito che semplicemente non potevano credere a quello che Mosè aveva detto che il Signore avrebbe fatto per loro. Non potevano neppure ascoltare le sue parole di speranza.

“Mosè riferì questa [promessa del Signore] agli Israeliti, ma essi non lo ascoltarono a causa del loro scoraggiamento e del duro lavoro.” (Esodo 6:9)

Questa tendenza nella natura umana dovrebbe ricordarci di essere pazienti e misericordiosi mentre assistiamo le persone.

Ancora oggi, ci sono quelli la cui schiavitù è così crudele e il cui spirito è così spezzato che non riescono nemmeno a sentire coloro che predicano la Buona Novella di Yeshua (Gesù). A volte, devono guardarci camminare nel potere di Dio, vedere segni e prodigi prima di ascoltare e credere in Lui. A volte, dobbiamo seminare fedelmente i semi, aspettando pazientemente che Adonai li faccia crescere.

“Ho piantato il seme, Apollo lo ha innaffiato, ma Dio lo ha fatto crescere.” (1 Corinzi 3:6)

Come Dio aveva comandato loro, Mosè e suo fratello Aronne (Aharon) tornarono tante volte alla presenza del Faraone, chiedendo che egli lasciasse andare il popolo di Adonai affinché essi lo servissero nel deserto.

L’intero racconto della redenzione di Israele da parte di Adonai dall’Egitto ha un parallelo spirituale nella nostra salvezza dal regno delle tenebre, governato da  haSatan (letteralmente, l’Avversario) e il Regno di Luce, governato dal Signore.

Siamo liberati da Satana attraverso la fede in Yeshua, l’Agnello pasquale, non semplicemente per andarcene e “fare le nostre cose”. Come per gli Israeliti, lo scopo della nostra libertà è servire il Dio vivente. 

“Perché ci ha liberati dal dominio delle tenebre e ci ha portati nel Regno del Figlio che ama, in cui abbiamo la redenzione, il perdono dei peccati.” (Colossesi 1:13-14)

Il FaraoneRimane Orgoglioso Nonostante i Prodigi

Adonai diede a Mosè e ad Aaronne un segno speciale da mostrare al Faraone. In Ebraico il segno è chiamato mofet, che significa meraviglia. Aaron doveva gettare il suo bastone davanti al faraone ed esso sarebbe stato trasformato. Nella maggior parte delle traduzioni in Inglese, leggiamo che il bastone divenne un serpente; ma in Ebraico, la parola usata è tannino, che significa coccodrillo.

Tuttavia, il Faraone, come Adonai aveva predetto, rifiutava ancora di lasciare andare il popolo di Israele; perciò, Adonai mandò il Suo giudizio sull’Egitto nella forma delle dieci piaghe.

“Il faraone non ti ascolterà. Poi porrò la mia mano sull’Egitto e porterò le mie schiere, il mio popolo, i figli d’Israele, dal paese d’Egitto mediante grandi atti di giudizio.” (Esodo 7:4)

Queste piaghe sono ricordate ogni anno durante il Seder pasquale con la seconda tazza di vino. Una goccia viene rimossa dalla tazza per ciascuna delle piaghe, mentre il rabbino o capofamiglia recita la lista dei giudizi in Ebraico. L’idea dietro questa usanza è che la nostra coppa (che rappresenta la gioia) non può essere piena mentre gli altri stanno soffrendo. In primo luogo, le acque del Nilo furono trasformate in sangue (dam), rendendolo imbevibile. Poi rane (tsepharde’a) brulicavano la terra, e poi un’infestazione di pidocchi (kinim) tormentarono uomini e bestie. Fino alla piaga dei pidocchi (kinim), i maghi e gli stregoni Egiziani erano in grado di duplicare le piaghe ma, con questa piaga, essi non potevano farlo. Pertanto, essi riconobbero che questo era il dito di Dio.

“Allora i maghi dissero al faraone: ‘Questo è il dito di Dio’; e il cuore del faraone si indurì e non ascoltò loro; come l’Eterno aveva detto.” (Esodo 8:19)

Il faraone aveva indurito il suo cuore e non voleva ascoltare la voce della ragione, uno dei più sicuri segni di orgoglio. Un uomo umile riceverà sempre una correzione volontariamente, ma una persona ripiena di orgoglio diventerà immediatamente difensiva e non ascolterà gli altri. Questo può causare la sua rovina.

“L’orgoglio precede la distruzione e uno spirito altezzoso prima di cadere.”   (Proverbi 16:18)

Si noti il contrasto tra il Faraone e Mosè, che ancora oggi è considerato l’uomo più umile che abbia camminato sulla terra. Quando Jethro, suocero di Mosè, lo corresse nel suo approccio alla risoluzione delle dispute tra gli Israeliti nel deserto, Mosè ascoltò e prestò attenzione alle sue parole.

“Così Mosè ascoltò la voce di suo suocero e fece tutto ciò che aveva detto.” (Esodo 18:24)

Sebbene il Faraone avesse promesso di lasciare andare il popolo Ebraico dopo la piaga dei pidocchi, egli indurì il suo cuore e rinnegò la sua promessa. Di conseguenza, Adonai mandò sciami di mosche (arov) che coprivano la terra, poi la malattia (Dever) che uccise tutto il bestiame.

Adonai fece una distinzione tra Israele ed Egitto. Mentre tutto il bestiame dell’Egitto morì, nemmeno uno dei bovini di Israele cadde nella malattia. (Esodo 9:4)

Ciò sottolinea l’importanza e l’affidabilità dell’essere in una relazione di alleanza con Adonai l’onnipotente. Nessuno dei migliori maghi e maestri dell’occulto dell’Egitto avrebbe potuto salvarli dalla mano di Adonai.

Nella sesta piaga, quando Adonai trasformò la polvere in dolore a causa dei foruncoli (shechin) sull’uomo e sulla bestia, anche i maghi soffrirono, e non poterono resistere davanti a Mosè a causa loro. (Esodo 9:9-11)

La Parasha di questa settimana si conclude con la settima piaga della grandine  (Barad).

Adonai mandò tuoni, fuoco e una grandine accanita che distrusse qualsiasi cosa nel campo, l’uomo e le bestia oltre tutta la vegetazione. Solo a Goscen, dove vivevano gli Israeliti, non c’era grandine. (Esodo 9:26)

Come l’Egitto, Come il Mondo

Sappiamo dal libro dell’Apocalisse che molte di queste piaghe stanno colpendo di nuovo gli abitanti della terra in questi ultimi tempi. Questi eventi accaduti in Egitto prefigurano ciò che sarebbe avvenuto negli ultimi tempi, su scala mondiale.

Nella sua visione, Giovanni descrive le sette ultime piaghe sulla terra: “Vidi un altro segno in cielo, grande e meraviglioso, sette angeli con le ultime sette piaghe; poiché in loro è riempita l’ira di Dio.” (Apocalisse 15:1)

Mentre Adonai riversa la coppa ripiena della Sua ira sulla terra, le piaghe appariscenti appaiono su tutti coloro che hanno preso il marca della bestia e adorano la sua immagine (Apocalisse 16:2). Quindi, proprio come in Egitto, le acque si trasformano in sangue (Apocalisse 16:3-6). Altre piaghe bombardano anche la terra, come l’oscurità, il fuoco rovente e la grandine distruttiva.

“Dal cielo enormi chicchi di grandine, ciascuno del peso di circa un talento, cadevano sulle persone. E maledissero Dio a causa della piaga della grandine, perché la piaga era così terribile.” (Apocalisse 16:21)

Possiamo essere sempre consapevoli del fatto che stiamo vivendo negli ultimi tempi; e mentre rimaniamo al sicuro nella sicurezza della nostra santa alleanza con Elohim, condividiamo pazientemente la Buona Novella e preghiamo diligentemente per la misericordia di coloro che continuano ostinatamente a ribellarsi ad Adonai.

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s