Torah Portion Shemot / Porzione di Torah Shemot

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Shemot (Names), this week’s Parasha (Torah Portion).

Shemot.jpg

This is the portion of scripture that will be read around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service. May you be blessed, refreshed, and inspired as you study God’s word with us at the start of the new year.

SHEMOT (Names)

Torah Portion: Exodus 1:1-6:1

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 27:6-28:13, 29:22-23 (Ashkenazic); Jeremiah 1:1-2:3 (Sephardic)

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Romans 12:1-21; Acts 7:17-29

These are the names [ve’eleh shemot] of the sons of Israel who went to Egypt with Jacob, each with his family.” (Exodus 1:1)

In last week’s Torah portion (Parasha), the first of the five books of Moses, Genesis (Bereisheet – In the Beginning), ended with the deaths of Jacob and Joseph.

This week, we begin the second book of the Torah, Exodus, called Shemot in Hebrew, which means names.

This Parasha describes the suffering of the Israelites under bondage to the Egyptians, the birth of Moses and his miraculous salvation from out of the Nile River. It also describes his calling to deliver Israel and his encounter with Pharaoh.

Like Moses, Like Yeshua

“The descendants of Jacob numbered seventy in all; Joseph was already in Egypt.” (Exodus 1:5)

Although only 70 descendants of Jacob (whom God renamed Israel) came into the land of Egypt at Joseph’s invitation, they soon multiplied into such a great and mighty people that the new Pharaoh, who did not know Joseph, felt threatened by them. He feared that the Israelites might join Egypt’s enemies in battles against them.

“The Israelites were exceedingly fruitful; they multiplied greatly, increased in numbers and became so numerous that the land was filled with them.” (Exodus 1:7)

To counter the growing strength of the Israelites, the Egyptians forced them into bitter labor, building store cities for Pharaoh and working the fields.

When they continued to multiply, Pharaoh ordered the Hebrew midwives to kill all newborn males. But at least two, Shifrah and Puah, did not comply. God, therefore, supernaturally protected their lives, blessing them with families and multiplying the Israelites even more (Exodus 1:16-21).

So Pharaoh turned to the Egyptians, commanding them to throw all newborn male Hebrews into the Nile River (Exodus 1:22).

The Levite parents of Moses had such great faith that, in order to save their son, they defied Pharaoh’s order and hid him for the first few months of his life.

But babies grow and, eventually, he could no longer be hidden, so they put him in a basket and set him afloat on the Nile among the reeds.

moses mother.jpg

Even in this desperate circumstance, the protective hand of God was on this boy of destiny. Pharaoh’s daughter spotted the basket. When she saw the Hebrew baby inside, she had pity on him and took him as her own.

Instead of drowning in the Nile or dying at the hands of the Egyptians as the other newborn boys did, Moses was raised in Pharaoh’s palace as a prince of Egypt.

This dramatic account of the infant Moses parallels the life of the infant Yeshua (Jesus), who was sentenced to death by the order of King Herod, among all the other Jewish male infants in Bethlehem.

“When Herod saw that he had been tricked by the magi, he became very enraged, and sent and killed all the male children who were in Bethlehem and all its vicinity, from two years old and under, according to the time which he had determined from the magi.” (Matthew 2:16)

Just as Moses was saved by his mother, so was Yeshua saved by the obedience and faith of His earthly father, Joseph, who was warned in a dream to flee to Egypt.

“Now when they had gone, behold, an angel of the Lord appeared to Joseph in a dream and said, ‘Get up! Take the Child and His mother and flee to Egypt, and remain there until I tell you; for Herod is going to search for the Child to destroy Him.’ So Joseph got up and took the Child and His mother while it was still night, and left for Egypt.” (Matthew 2:13-14) 

What irony that the very place of danger and death for the Hebrew babies in the days of Moses became a place of refuge for Yeshua when He was but a baby!

Egyptian Prince Moses Becomes a Shepherd

Because Pharaoh’s daughter drew the baby from the Nile, she called him Moshe (מֹשֶׁה) from the word moshech, meaning pull or draw

Moses grew up in the royal Egyptian palace, but it seems that the burdens of his fellow Israelites troubled him. One day, he saw an Egyptian slave master beating a Hebrew. Even as a young man, Moses felt the calling to deliver his people, but he stepped ahead of God’s timing.

In the process of defending this Israelite slave, Moses killed the Egyptian and fled to Midian to escape Pharaoh’s death decree over him. (Exodus 2:15)

Moses kills Egyptian

Again in Midian, Moses expressed his calling as a deliverer by saving the daughters of the Priest of Midian who had come to the well where he sat. They wanted to draw water for their flock, but shepherds tried to drive them away. Moses intervened and watered their flocks for them.

The Priest of Midian welcomed Moses to live with him and even gave Moses his daughter, Zipporah, as a wife.

Moses spent the next 40 years shepherding sheep in the land of Midian, a period of time that God used to prepare him to shepherd His people Israel out of Egypt.

Only when the children of Israel cried out to God, did the time come for God to make His move: “And God heard their groaning, and God remembered His covenant with Abraham, with Isaac, and with Jacob.” (Exodus 2:24)

The Angel of the Lord appeared to Moses from out of the flame of a bush that burned but was not consumed.

From the midst of this burning bush at the foot of Mount Sinai, God told Moses He had heard the cries of His people and was sending Moses back to Pharaoh in His name and His power on His behalf.

BurningBush

By this point, this prince of Egypt had been so humbled by his lengthy wilderness experience that he seemed to lack confidence when it came to his role as a leader of a nation. First, Moses asked for the name of the One sending him.

God answered with His name, Ehyeh Asher Ehyeh—אֶהְיֶה אֲשֶׁר אֶהְיֶה. Widely translated as I Am That I Am, the Hebrew grammatical form is actually in the future tense.

Therefore, God’s name is more accurately translated as I Will Be What I Will Be.

The message to Moses is perhaps that God can look after the details of the future. He will be to us whoever and whatever He chooses to be, father, friend, comforter, counselor, or even disciplinarian. We can trust in God’s infinite wisdom to be who we need in our lives at each moment in time.

Even with this assurance, Moses still feels unqualified for the task, especially since he is slow in speech. He begs God to send someone else; therefore, He allowed Aaron, Moses’ brother, to accompany him and act as Moses’ spokesperson.

Yet, it is Moses to whom God first revealed His personal name in Scripture.

Moses grabbed hold of the trust placed in him and delivered a command to Pharaoh with the full authority of I AM: “Thus says the Lord, ‘Israel is My firstborn son, and I say to you, “Let my son go that he may serve Me.”’” (Exodus 4:22-23)

Like Israel, Like Us

There is much we can take from this story of Moses’ progression in becoming a leader.

He was not ready for leadership overnight. Likewise, we may understand that we have a calling on our lives, and this might become evident time and time again. Still, we must wait for that time when the Lord chooses to release us into the fullness of our destiny.

As well, we might also feel incapable of accomplishing anything for the Lord, having lost much of our self-confidence through the trials and tribulations of life. 

Whatever our experience, it still remains true that submitting to God’s presence and following His direction is all we need to fulfill the destiny He has assigned to us.

We can also learn from the suffering of the Israelites. Despite the tyranny forced on them by the Egyptians, the people of Israel still grew mighty in number.

Oppressive circumstances cannot prevent God from carrying out His purposes and fulfilling His promises. We might suffer under some sort of bondage or pain for what seems like a very long time, but we can rest assured that God hears our cries.

He remembers the covenant we have with Him through our Messiah Yeshua, which provides a way out of our spiritual bondage and into our inheritance, if only we accept it.

Though God is true to His promises, we still need to keep crying out to Him for deliverance and waiting in faith and hopeful expectation to move on our behalf in our spiritual and our earthly afflictions.

God is not deaf, nor indifferent to our suffering. His arm is not too short to save:  “The righteous cry out, and the LORD hears them; He delivers them from all their troubles.” (Psalm 34:17)

Let My People Go

Though Moses entered Egypt and delivered God’s message to Pharaoh, nothing changed immediately. Pharaoh refused to let the Hebrews go. Moses might have felt like he failed God, but God has a greater plan for even our failures, and they end in glorifying His name.

Through plagues and judgments (called makot in Hebrew, which can also mean beatings), God proved His position as the one true God of Abraham, Isaac, and Jacob, and that the gods of the Egyptians had no power over Him.

Through these judgments, we also see that whatever a nation or even an individual does to Israel, for good or for evil, God will return it unto them: “For the day of the LORD upon all the nations is near; as you have done, it shall be done to you; your reprisal shall return upon your own head.” (Obadiah 1:15; see also Genesis 12:3)

Parasha Shemot does not end with a mighty deliverance but, rather, with the situation becoming worse, if that were even possible. Pharaoh made the Israelites’ labor more difficult by demanding that they find their own straw while also maintaining the same quota of production (Exodus 5:18).

In their bitterness, the Hebrew people turned on Moses and Aaron. Moses responded by turning to the Lord. With raw honesty, Moses asked why He had not delivered His people as He promised.

“Lord, why have You brought trouble on this people? Why is it You have sent me? For since I came to Pharaoh to speak in Your name, he has done evil to this people; neither have You delivered Your people at all.” (Exodus 5:22-23)

We might also feel this way when it seems we are doing what God has asked us to do, and things get worse, not better. How did God respond to Moses?

“Then the LORD said to Moses, ‘Now you shall see what I will do to Pharaoh. For with a strong hand he will let them go, and with a strong hand he will drive them out of his land.’” (Exodus 6:1)

Sometimes, when God is preparing to do something great and mighty in our lives, the situation can worsen for a time. As we move toward our destiny, Pharaoh represents those who oppress us, even Satan, the spiritual enemy of our souls, who resists our freedom with all his might.

In such circumstances, we should not give up our faith, for in due time we will see God’s mighty hand and outstretched arm deliver us in His perfect way and time.

“Rejoice in hope, be patient in tribulation, be constant in prayer.” (Romans 12:12)

 To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

 To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti a Shemot (che significa Nomi), la Parasha di questa settimana (Porzione di Torah). Questa è la parte della scritture che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato). Che Voi possiate essere benedetti, rinfrancati e ispirati mentre studiamo insieme la parola di Adonai all’inizio del nuovo anno.

SHEMOT (Nomi)

Porzione di Torah: Esodo 1:1-6:1 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 27:6-28:13, 29:22-23 (Rito Ashkenazita); Geremia 1:1-2:3 (Rito Sefardita)

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Romani 12:1-21; Atti 7:17-29

Questi sono i nomi [ve’eleh shemot] dei figli d’Israele che andarono in Egitto con Giacobbe, ciascuno con la sua famiglia.” (Esodo 1:1)

Nella parte della Torah della scorsa settimana (Parasha), il primo dei cinque libri di Mosè, Genesi (Bereisheet – In principio), si è conclusa con la morte di Giacobbe e Giuseppe. Questa settimana, iniziamo il secondo libro della Torah, Esodo, chiamato  Shemot in Ebraico, che significa nomi. Questo Parasha descrive la sofferenza degli Israeliti schiavi degli Egiziani, la nascita di Mosè e la sua miracolosa salvezza dal fiume Nilo. Descrive anche la sua chiamata a liberare Israele e il suo incontro con il Faraone.

Come Mosè, Come Yeshua

“I discendenti di Giacobbe contavano settanta in tutto; Giuseppe era già in Egitto.” (Esodo 1:5)

Sebbene solo 70 discendenti di Giacobbe (che Adonai ribattezzò Israele) entrarono in Egitto, su invito di Giuseppe, presto essi si moltiplicarono in un popolo così grande e potente che il nuovo Faraone, che non conosceva Giuseppe, si sentì minacciato da loro. Temeva che gli Israeliti potessero unirsi ai nemici dell’Egitto nelle battaglie contro di loro.

“Gli Israeliti erano estremamente fruttuosi; si moltiplicarono notevolmente, aumentarono di numero e divennero così numerosi che la terra fu piena di loro.” (Esodo 1:7)

Per contrastare la crescente forza degli Israeliti, gli Egiziani li costrinsero ad un duro lavoro, costruendo la città del Faraone e lavorando i campi. Quando continuarono a moltiplicarsi, il faraone ordinò alle levatrici Ebraiche di uccidere tutti i maschi appena nati. Ma almeno due, Shifrah e Puah, non hanno rispettato l’ordine del Faraone. Adonai, quindi, proteggeva soprannaturalmente le loro vite, benedicendole con le famiglie e moltiplicando ancora di più gli Israeliti (Esodo 1:16-21).

Così il Faraone si rivolse agli Egiziani, ordinando loro di gettare tutti i neonati maschi Ebrei nel fiume Nilo (Esodo 1:22). I genitori Leviti di Mosè avevano una fede così grande che, per salvare il loro figlio, sfidarono l’ordine del Faraone e lo nascosero per i primi mesi della sua vita. Ma i bambini crescono e, alla fine, Mosè non poteva più essere nascosto, così lo misero in una cesta e la posero a galleggiare sulle acque del Nilo tra le canne. Anche in questa disperata circostanza, la mano protettrice di Adonai era nel destino di questo ragazzo. La figlia del Faraone individuò la cesta. Quando ella vide il bambino Ebreo dentro, ella ebbe pietà di lui e lo prese come suo. Invece di affogare nel Nilo o morire per mano degli Egiziani come facevano gli altri bambini appena nati, Mosè fu allevato nel palazzo del Faraone come principe d’Egitto. Questo drammatico resoconto del bambino Mosè è in parallelo alla vita del bambino Yeshua (Gesù), che fu condannato a morte per ordine di Re Erode, tra tutti gli altri bambini maschi Ebrei a Betlemme.

“Quando Erode vide che era stato ingannato dai magi, divenne molto infuriato e mandò e uccise tutti i bambini maschi che erano a Betlemme e in tutta la sua vicinanza, da due anni in meno, secondo il tempo che aveva determinato dai magi.” (Matteo 2:16)

Proprio come Mosè fu salvato da sua madre, così Yeshua fu salvato dall’obbedienza e dalla fede del suo padre terreno, Giuseppe, che fu avvertito in sogno di fuggire in Egitto.

“Ora quando se ne furono andati, ecco, un angelo del Signore apparve a Giuseppe in un sogno e disse: ‘Alzati! Prendi il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e rimani lì finché non te lo dico; perché Erode sta andando a cercare il bambino per distruggerlo.” Così Giuseppe si alzò e prese il Bambino e sua madre mentre era ancora notte, e partì per l’Egitto.” (Matteo 2:13-14)  

Che ironia che il luogo stesso di pericolo e morte per i bambini Ebrei nei giorni di Mosè divenne un luogo di rifugio per Yeshua quando era solo un bambino!

 Il Principe Egiziano Mosè Diventa un Pastore

Poiché la figlia del Faraone attirò il bambino dal Nilo, lo chiamò Moshe (מֹשֶׁה) dalla parola moshech, che significa trarre o trasportare. Mosè crebbe nel palazzo reale Egiziano, ma sembrava che i fardelli dei suoi compagni Israeliti lo turbassero. Un giorno, egli vide un maestro di schiavi Egiziano che batteva un Ebreo. Anche giovane, Mosè sentì la chiamata a liberare il suo popolo, ma precedendo il tempo di Dio. Nel processo di difesa di questo schiavo Israelita, Mosè uccise l’Egiziano e fuggì a Madian per sfuggire al decreto di morte del Faraone su di lui. (Esodo 2:15) Sempre in Madian, Mosè espresse la sua chiamata di liberatore del suo popolo salvando le figlie del Sacerdote di Madian che erano venute al pozzo dove egli era seduto. Esse volevano attingere acqua per il loro gregge, ma i pastori avevano cercato di cacciarle via. Mosè intervenne e abbeverò le loro greggi per loro. Il sacerdote di Madian diede così il benvenuto a Mosè per vivere con lui e diede a Mosè sua figlia, Zippora, come moglie. Mosè trascorse i successivi 40 anni a pascere le pecore nella terra di Madian, un periodo in cui Dio lo preparava a pascere il suo popolo Israele fuori dall’Egitto.

Solo quando i figli di Israele gridarono a Dio, venne il momento in cui Dio avrebbe fatto la Sua mossa: “E Dio udì i loro gemiti, e Dio ricordò la Sua alleanza con Abramo, con Isacco e con Giacobbe”. (Esodo 2:24)

L’angelo del Signore apparve a Mosè dalla fiamma di un cespuglio che bruciava ma non consumato. Dal mezzo di questo roveto ardente ai piedi del monte Sinai, Adonai disse a Mosè di aver udito le grida del suo popolo e che avrebbe rimandato Mosè al Faraone nel Suo Nome e il Suo potere a Suo nome. A questo punto, questo principe d’Egitto era stato così umiliato dalla sua lunga esperienza nella natura selvaggia che sembrava mancare di fiducia quando si trattava del suo ruolo di leader di una nazione. Innanzitutto, Mosè chiese il nome di Colui che lo mandava. Adonai rispose con il Suo Nome, Ehyeh Asher Ehyeh- אֶהְיֶה אֲשֶׁר אֶהְיֶה. Ampiamente tradotto come Io sono Colui che sono, mentre la forma grammaticale Ebraica esatta è in realtà in tempo futuro. Pertanto, il nome di Dio è tradotto più accuratamente come Sarò Colui che Sarò.

Il messaggio a Mosè è forse che Dio può prendersi cura dei dettagli del futuro. Sarà per noi chiunque e qualunque cosa Egli scelga di essere, padre, amico, consolatore, consigliere o anche disciplinatore. Possiamo confidare nella saggezza infinita di Adonai per essere ciò di cui abbiamo bisogno nella nostra vita in ogni momento nel tempo. Anche con questa certezza, Mosè si sente ancora non qualificato per il compito, soprattutto perché è lento nel parlare. 

Prega Adonai di inviare qualcun altro al Suo posto; Pertanto, Adonai permise Lui di essere affiancato da Aronne, suo fratello, per accompagnarlo e agire come portavoce di Mosè. Tuttavia, è Mosè a cui Adonai ha rivelato per la prima volta il Suo nome personale nella Scrittura. Mosè afferrò la fiducia riposta in lui e impartì un comando al faraone con la piena autorità dell’IO SONO: “Così dice il Signore, ‘Israele è il mio figlio primogenito, e io ti dico:” Lascia andare mio figlio perché possa servirmi.”” (Esodo 4:22-23)

Come Israele, Anche Noi

C’è molto che possiamo imparare da questa storia della progressione di Mosè nel diventare un leader. Non era pronto per IL comando da un giorno all’altro. Allo stesso modo, possiamo capire che abbiamo una chiamata sulla nostra vita, e questo potrebbe diventare evidente più e più volte. Tuttavia, dobbiamo aspettare quel tempo in cui il Signore sceglie di liberarci nella pienezza del nostro destino. Inoltre, potremmo anche sentirci incapaci di realizzare qualsiasi cosa per il Signore, avendo perso molta della nostra autostima attraverso le prove e le tribolazioni della vita. Qualunque sia la nostra esperienza, rimane comunque vero che sottomettersi alla presenza di Adonai e seguire la Sua direzione è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per adempiere il destino che Egli ci ha assegnato. Possiamo anche imparare dalla sofferenza degli Israeliti.

Nonostante la tirannia forzata contro di loro da parte degli Egiziani, la Israele era ancora in grande numero. Le circostanze oppressive non possono impedire a Adonai di portare a termine i Suoi propositi e di adempiere alle Sue promesse. Potremmo soffrire sotto una sorta di schiavitù o dolore per quello che sembra un tempo molto lungo, ma possiamo stare certi che Adonai ascolta le nostre grida. Ricordiamo l’alleanza che abbiamo con Lui attraverso il nostro Messia Yeshua, che fornisce una via d’uscita dalla nostra schiavitù spirituale e nella nostra eredità, se solo la accettiamo. Sebbene Adonai sia fedele alle Sue promesse, abbiamo ancora bisogno di continuare a gridare a Lui per la Sua liberazione aspettando con fede e speranza di muoverci secondo la Sua volontà attraverso le nostre afflizioni spirituali e terrene.

Dio non è sordo, né indifferente alla nostra sofferenza. Il suo braccio non è troppo corto per salvare: “Il giusto grida e l’Eterno li ascolta; Li libera da tutti i loro problemi.” (Salmo 34:17)

Lascia Andare il Mio Popolo

Sebbene Mosè entrò in Egitto e consegnò il messaggio di Adonai al Faraone, nulla cambiò immediatamente. Il Faraone si rifiutò di lasciare andare gli Ebrei. Mosè avrebbe potuto sentirsi come se avesse fallito con Adonai, ma Adonai aveva un piano più grande che superava ogni fallimento umano, e desiderava che il Suo popolo lo glorificasse.

Attraverso piaghe e sentenze (chiamate makot in Ebraico, che può anche significare pestaggi), Adonai ha dimostrato la Sua posizione di unico vero Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe, e che gli dei degli Egizi non avevano potere su di Lui. Attraverso questi giudizi, vediamo anche che qualunque cosa una nazione o anche una persona faccia nei confronti di Israele, nel bene e nel male, Adonai la restituirà a loro: “Per il giorno del Signore su tutte le nazioni è vicino; come hai fatto, ti sarà fatto; la tua rappresaglia tornerà sulla tua testa.” (Abdia 1:15, vedi anche Genesi 12:3)

Parasha Shemot non termina con una potente liberazione ma, piuttosto, con la situazione che sta peggiorando, se ciò fosse possibile. Il Faraone rende più difficile il lavoro degli Israeliti chiedendo loro di trovare la propria paglia e di mantenere la stessa quota di produzione (Esodo 5:18).

Nella amarezza, il popolo Ebraico chiede aiuto a Mosè e Aronne. Mosè risponde rivolgendosi al Signore. Con onestà, Mosè chiede perché il Faraone non avesse consegnato il Suo popolo come aveva promesso.

“Signore, perché hai causato problemi a questo popolo? Perché mi hai mandato?  Poiché sono venuto dal faraone per parlare nel tuo nome, ha fatto del male a questo popolo; né hai consegnato il tuo popolo a tutti.” (Esodo 5:22-23)

Potremmo anche sentirci in questo modo quando sembra che stiamo facendo ciò che Adonai ci ha chiesto di fare, e le cose peggiorano, non migliorano.

Come ha Risposto Adonai a Mosè?  

“Allora l’Eterno disse a Mosè: ‘Ora vedrai cosa farò al Faraone. Perché con una mano forte li lascerà andare e con una mano forte li scaccerà dalla sua terra.” (Esodo 6:1)

A volte, quando Dio si prepara a fare qualcosa di grande e potente nelle nostre vite, la situazione può peggiorare per un po’. Mentre ci dirigiamo verso il nostro destino, il faraone rappresenta l’oppressore, Satana, il nemico spirituale delle nostre anime, che resiste alla nostra libertà con tutte le sue forze. In tali circostanze, non dovremmo rinunciare alla nostra fede, poiché a tempo debito vedremo la potente mano di Adonai e il Suo braccio teso liberarci nel Suo modo e nel Suo tempo perfetto.

“Rallegrati nella speranza, abbi pazienza nelle tribolazioni, sii costante nella preghiera.” (Romani 12:12) 

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

 

 

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s