Torah Portion Vayigash / Porzione di Torah Vayigash

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom winter

Welcome to this week’s Parasha (Torah Portion), which is called Vayigash (Then He Drew Near).

vayisgash.jpg
Joseph is reunited with Jacob (Israel)

We know you will be blessed as you study with us this portion that will be read in synagogues around the world on this Shabbat (Saturday).

VAYIGASH (Then He Drew Near)

Torah Portion: Genesis 44:18-47:27

Haftarah (Prophetic) Portion: Ezekiel 37:15-28

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Ephesians 2:1-22; Luke 6:9-16

“Then Judah came near [Vayigash וַיִּגַּשׁ] unto him and said, ‘Pardon your servant, my lord, let me speak a word to my lord. Do not be angry with your servant, though you are equal to Pharaoh himself.’” (Genesis 44:18)

In last week’s Torah portion, Pharaoh appointed Joseph administrator over all of Egypt in order to save the people of the nation from the coming famine. That famine affected much of the region; and because of Joseph’s wise stewardship, the nations looked to Egypt as a source of food.

When Jacob sent his sons to Egypt for grain, Joseph recognized them but did not reveal himself right away. He wisely tested their integrity through a series of character challenges.

Joseph's Brothers Find the Silver Goblet in Benjamin's Pack.jpg
Joseph’s Brothers Find the Silver Goblet in Benjamin’s Pack 

Judah Reveals His True Character

This week, Parasha Vayigash begins with a plea from Judah, brother of Joseph, on behalf of his younger half-brother, Benjamin. A silver cup had been deliberately planted in Benjamin’s bag by Joseph, causing Benjamin to be in danger of having to remain a slave in Egypt.

Judah can’t bear to return to his father without his youngest brother, Benjamin. He knows that the grief his father will endure for doing so will probably kill him.

He, therefore, pleads with Joseph, saying, “So now, please let your servant remain as my lord’s slave in the boy’s place, and let the boy go up with his brothers. For how can I go up to my father and the boy is not with me? Else I must see the evil that would come upon my father?” (Genesis 44:33-34)

Judah seems to realize that his family’s situation is related to the evil behavior of his brothers in selling Joseph, and he doesn’t want such evil to come upon them again if Benjamin is now lost in Egypt.

This confession of sin accompanied by sincere remorse and turning from sin fulfills the Torah’s requirements for true repentance (teshuvah). 

Judah approaches Joseph privately and explains how it was difficult to bring Benjamin with him to Egypt since he is the only surviving son of Rachel, and his father is very attached to him. He explains that he guaranteed the boy’s safety and is desperate to take his place as a slave.

Joseph, no longer able to control his emotions after seeing his brothers’ repentance, cries out for everyone to leave except his brothers. He wants to be alone with them when he reveals his true identity.

“Then Joseph could not restrain himself before all those who stood by him, and he cried out, ‘Make everyone go out from me!’ So no one stood with him while Joseph made himself known to his brothers. And he wept aloud, and the Egyptians and the house of Pharaoh heard it.’” (Genesis 45:1-2)

As Joseph reveals himself to his brothers, he comforts them: “I am Joseph your brother, whom you sold into Egypt. But now, do not therefore be grieved or angry with yourselves because you sold me here; for God sent me before you to preserve life.” (Genesis 45:5)

The Recognition of Joseph by His Brothers
The Recognition of Joseph by His Brothers

God’s Sovereign Plan of Salvation Cannot Be Broken

In placing Joseph in charge of Egypt’s food supply, God wanted to do more than preserve the lives of the Egyptians and the nearby world from starvation due to a present famine. By installing Joseph in a position of power to save his own family, God preserved the promise He made to Abraham, which included Israel being a blessing to the nations: “And I will make of you a great nation, and I will bless you and make your name great, so that you will be a blessing. I will bless those who bless you, and him who dishonors you I will curse, and in you all the families of the earth shall be blessed.” (Genesis 12:2-3)

Specifically, this promise would be passed down through Isaac, not his brother Ishmael (Genesis 26:3-5); through Jacob, not his brother Esau (Genesis 28:14-15); and the promise of the Messiah would exclusively come through the line of Judah, not his other 11 brothers: “The scepter will not depart from Judah, nor the ruler’s staff from his descendants, until the coming of the one to whom it belongs, the one whom all nations will honor.” (Genesis 49:10)

The one to whom the sovereign staff of rule belongs is the Messiah.

God sovereignly chose Joseph to ensure that His promises to Abraham, Isaac and Jacob (not only of land but also of being a blessing to all nations through the Messiah) would be fulfilled through the line of Jacob’s son, Judah. 

Why did God choose Judah? Perhaps because he is the only brother who showed compassion toward Joseph, saving his life when his brothers wanted to kill him (Genesis 37:26-27). And as we saw earlier, he showed even more compassion toward Benjamin by offering to become a slave in his place.

Both of Judah’s acts foreshadowed what Yeshua (Jesus) would do for all of us spiritually. “By this we know what love is: Jesus laid down His life for us, and we ought to lay down our lives for our brothers.” (1 John 3:16)

In the end, neither envy, nor jealousy, nor murderous plots against Joseph in his early years could derail God’s love and plan of salvation for us, and the hatred against the Jewish people today still can’t derail it.

Jacob Reunites with Joseph

“And they told him, saying, ‘Joseph is still alive, and he is governor over all the land of Egypt.’ And Jacob’s heart stood still, because he did not believe them.” (Genesis 45:26)

In this Parasha, Jacob is reunited with his beloved son Joseph.

Imagine hearing that your favorite child, whom you thought had been killed many years ago, is actually a governor of the nation next door!

This perhaps reminds many of us of the shock that Yeshua’s disciples experienced when they were told that Yeshua was not dead, but alive. 

They had seen Him die and witnessed His burial; yet, here He was alive and well, walking about because death was unable to hold Him. “When they heard that Yeshua was alive and that she had seen him, they did not believe it.” (Mark 16:11)

Joseph invited his father and all of his brothers into exile in Egypt to save them from the famine in Israel. Leaving the Promised Land was not easy. God, however, assured Jacob that it was right to accept his offer, even though it would begin 400 years of brutal slavery for Jacob’s descendants.

“Then God spoke to Israel in the visions of the night, and said, ‘Jacob, Jacob!’ And he said, ‘Here I am.’ So He said, ‘I am God, the God of your father; do not fear to go down to Egypt, for I will make of you a great nation there. I will go down with you to Egypt, and I will also surely bring you up again; and Joseph will put his hand on your eyes.’” (Genesis 46:2-4)

During a previous famine, God instructed Jacob’s father, Isaac, to stay in the land, but in this instance God told Jacob to leave.

This shows us how important it is to listen for God’s voice and obey rather than simply go with whatever decisions seem right to us, or rely on solutions that worked in the past.

“Trust in the LORD with all your heart, and lean not on your own understanding; In all your ways acknowledge Him, and He shall direct your paths.” (Proverbs 3:5-6)

Joseph was not only a powerful man; he was also an excellent provider. He brought his father and all of his brothers to Egypt where he made sure they were well looked after.

“Then Joseph provided his father, his brothers, and all his father’s household with bread, according to the number in their families.” (Genesis 47:12)

Again, we can draw a parallel to Yeshua, the living bread (lechem chayim) who was born in Beit-Lechem (Bethlehem), the house of breadThe bread that Joseph provided for his brothers sustained them during their lifetime, but the bread that Yeshua gives us sustains life eternally.      

“I am the living bread that came down from heaven. Whoever eats this bread will live forever. This bread is My flesh, which I will give for the life of the world.” (John 6:51)

Israel Reunites with Judah

The theme of this wonderful story of Joseph’s reconciliation with his brothers, after so many years of being separated, continues in the Haftarah (prophetic reading), with the reunion of the northern and southern tribes of Israel upon their return from exile.

How did this split between the tribes of Israel happen?

After the reign of King Solomon, the nation of Israel split into the Southern Kingdom (represented by the tribe of Judah & Benjamin) and the Northern Kingdom (represented by the ten other tribes, which are collectively called Joseph, Ephraim, or simply Israel).

While both kingdoms sinned, Judah (Yehudah) returned from exile and still exists today as the Yehudim (Hebrew word for Jews). The ten northern tribes went into the nations and became “lost,” although some members of those tribes have returned.

Because of their idolatry, God broke the bonds of brotherhood between Judah and Joseph (Ephraim and Israel): “Then I cut in two My other staff, bonds, that I might break the brotherhood between Judah and Israel.” (Zechariah 11:14)

According to Jewish thought, the animosity between Joseph and his brothers (all children of Jacob) foreshadows this later split between Judah and Benjamin with the other tribes of Israel (all children of God).

In an amazing prophecy, however, God promises that one day there will again be unity between them. “Surely I will take the stick of Joseph, which is in the hand of Ephraim, and the tribes of Israel, his companions; and I will join them with it, with the stick of Judah, and make them one stick, and they will be one in My hand.”’ (Ezekiel 37:19)

To make sure there is no misunderstanding, God plainly explains this prophetic symbolism: “Behold, I will take the people of Israel from the nations among which they have gone, and will gather them from all around, and bring them to their own land. And I will make them one nation in the land, on the mountains of Israel.” (Ezekiel 37:21-22)

Of course, there is another reconciliation that God has brought about. Through Yeshua’s sacrificial death on the cross, the dividing wall between Jew and Gentile has also been destroyed, resulting in “one new man” out of the two.

Though divisions still do exist, God’s purposes are to reconcile us to Himself and to one another.

“For He Himself is our peace, who has made both one, and has broken down the middle wall of separation, having abolished in His flesh the enmity, that is, the law of commandments contained in ordinances, so as to create in Himself one new man from the two, thus making peace, and that He might reconcile them both to God in one body through the cross, thereby putting to death the enmity.” (Ephesians 2:14-16)

There is an even greater reconciliation to come. If we look prophetically at this story of Joseph, we may see that just as Joseph said, “Ani Yoseph: I am Joseph, your brother,” likewise, Yeshua one day will say, “Ani Yeshua: I am your salvation, your brother and your Messiah.” Halleluiah!

When the Jewish people recognize Yeshua as their Messiah, there will also be a great reconciliation that will bring about life-giving change all over the world. How we long for that great day!

“For if their being cast away is the reconciling of the world, what will their acceptance be but life from the dead?” (Romans 11:15) 

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom winter

Benvenuti nella Parasha di questa settimana (Porzione di Torah), che viene chiamata Vayigash (Poi si avvicinò). Sappiamo che sarete benedetti mentre studiate con noi questa parte di Torah che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo in questo Shabbat (Sabato).

VAYIGASH (Poi si avvicinò)

Porzione di Torah: Genesi 44:18-47:27 

Porzione di Haftarah (Pozione Profetica): Ezechiele 37:15-28 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Efesini 2:1-22; Luca 6:9-16

“Allora Giuda si avvicinò [Vayigash וַיִּגַּשׁ] a lui e disse: ‘Perdonate il vostro servitore, mio ​​signore, lasciami dire una parola al mio signore. Non essere arrabbiato con il tuo servo, anche se sei uguale al faraone stesso.’” (Genesi 44:18)

Nella Porzione della Torah della scorsa settimana, il Faraone ha nominato Giuseppe amministratore su tutto l’Egitto per salvare il popolo dalla carestia. Quella carestia colpì gran parte della regione; ed a causa della saggia gestione di Giuseppe, le nazioni si riferivano all’Egitto come fonte di benedizione e di cibo. Quando Giacobbe mandò i suoi figli in Egitto per comprare il grano, Giuseppe li riconobbe ma non si rivelò subito a loro. Saggiamente voleva provare la loro integrità attraverso una serie di sfide del loro carattere.

Giuda Rivela il suo Vero Carattere

La Parasha di questa settimana, chiamata Vayigash inizia con un appello di Giuda, fratello di Giuseppe, a nome del fratellastro più giovane, Beniamino. Una coppa d’argento era stata deliberatamente piantata nella borsa di Beniamino da parte di Giuseppe, facendo sì che Beniamino dovesse rimanere schiavo in Egitto. Giuda non poteva sopportare l’idea di tornare da suo padre senza il suo fratello più giovane, Beniamino. Conosceva il dolore di suo padre per la perdita di Giuseppe e sapeva che un altro dolore simile lo avrebbe probabilmente ucciso.

Perciò, implorò Giuseppe, dicendo: “Così ora, per favore, lascia che il tuo servo rimanga come schiavo del mio signore al posto del ragazzo, e lascia che il ragazzo salga con i suoi fratelli. Come posso andare da mio padre e il ragazzo non è con me? Altrimenti dovrò vedere il male che mi avrebbe colpito su mio padre ?” (Genesi 44:33-34)

Giuda sembrava rendersi conto che la situazione della sua famiglia fosse legata al suo comportamento malvagio e quello dei suoi fratelli nella vendita di Giuseppe, e non vuole che tale male ritorni contro di loro se Beniamino fosse stato reso schiavo in Egitto così come era stato per Giuseppe. Questa confessione del peccato accompagnata da un sincero rimorso del peccato commesso soddisfa i requisiti della Torah del vero pentimento (teshuvah).  

Giuda si avvicinò a Giuseppe in privato e spiegò a lui come fosse stato difficile portare Beniamino con sé in Egitto poiché Beniamino era l’unico figlio sopravvissuto di Rachele, e suo padre gli era molto affezionato. Spiegò che aveva garantito la sicurezza del ragazzo e desiderava disperatamente prendere il suo posto come schiavo. Giuseppe, non più in grado di controllare le sue emozioni dopo aver visto il pentimento dei suoi fratelli, gridò a tutti di andarsene, eccetto i suoi fratelli. Voleva stare da solo con loro quando rivelava la sua vera identità.

“Allora Giuseppe non poté trattenersi davanti a tutti quelli che stavano accanto a lui, e gridò: ‘Fai uscire tutti da me!’ Quindi nessuno stava con lui mentre Giuseppe si faceva conoscere dai suoi fratelli. E pianse ad alta voce, e gli Egiziani e la casa di Faraone l’udirono.’” (Genesi 45:1-2)

Mentre Giuseppe si rivelò ai suoi fratelli, li confortò: “Io sono Giuseppe, vostro fratello, che voi vendeste perché fosse condotto in Egitto. Ma ora non vi contristate e non vi dispiaccia di avermi venduto perché io fossi condotto quaggiù, poiché Dio mi ha mandato davanti a voi per conservarvi la vita.” (Genesi 45:4-5)

Il Sovrano Piano di Salvezza di Dio non può Essere Infranto

Nel collocare Giuseppe a capo della gestione delle provvigioni di cibo in Egitto, Dio voleva fare di più che preservare la vita degli Egiziani e del mondo vicino alla fame a causa della carestia. Posizionando Giuseppe in una posizione di potere per salvare la propria famiglia, Dio preservò la promessa fatta ad Abramo, che includeva Israele come una benedizione per le nazioni: “Io farò di te una grande nazione e ti benedirò e renderò grande il tuo nome e tu sarai una benedizione. E benedirò quelli che ti benediranno e maledirò chi ti maledirà; e in te saranno benedette tutte le famiglie della terra.” (Genesi 12:2-3)

Nello specifico, questa promessa sarebbe stata tramandata attraverso Isacco, non suo fratello Ismaele (Genesi 26:3-5); attraverso Giacobbe, non suo fratello Esau (Genesi 28:14-15); e la promessa del Messia sarebbe venuta esclusivamente attraverso la linea di Giuda, non i suoi altri 11 fratelli: “Lo scettro non sarà rimosso da Giuda, né il bastone del comando di fra i suoi piedi, finché venga Sciloh’; e a lui ubbidiranno i popoli”. (Genesi 49:10)

Colui al quale appartiene il bastone sovrano del dominio è il Messia. Dio scelse sovranamente Giuseppe per assicurare che le Sue promesse ad Abramo, Isacco e Giacobbe (non solo di terra ma anche di essere una benedizione per tutte le nazioni attraverso il Messia) si adempissero attraverso la linea del figlio di Giacobbe, Giuda.

Perché Dio ha Scelto Giuda? 

Forse perché è l’unico fratello che ha mostrato compassione per Giuseppe, salvando la sua vita quando i suoi fratelli volevano ucciderlo (Genesi 37:26-27). E come abbiamo visto prima, ha mostrato ancora più compassione verso Beniamino offrendo di diventare uno schiavo al suo posto.

Entrambi gli atti di Giuda prefiguravano ciò che Yeshua (Gesù) avrebbe fatto per tutti noi spiritualmente. “Con ciò noi sappiamo cos’è l’amore: Gesù ci ha dato la vita per noi, e dovremmo dare la vita per i nostri fratelli”. (1 Giovanni 3:16)

Alla fine, né l’invidia, né la gelosia, né i complotti omicidi contro Giuseppe nei suoi primi anni potrebbero far allontanare l’amore e il piano di salvezza di Dio per noi, e l’odio contro la gente Ebrea oggi non può ancora allontanare l’amore di Adonai per Israele e la sua redenzione in Yeshua.

Giacobbe si Riunisce con Giuseppe

“E gli dissero, dicendo: ‘Giuseppe è ancora vivo, ed è governatore di tutto il paese d’Egitto’. E il cuore di Giacobbe si fermò, perché non li credette”. (Genesi 45:26)

In questa Parasha, Giacobbe si riunisce al suo amato figlio Giuseppe. Immagina di sentire che il tuo bambino preferito, che pensavi fosse stato ucciso molti anni fa, in realtà è un governatore della nazione della porta accanto! Questo forse ricorda a molti di noi lo shock che i discepoli di Yeshua hanno provato quando gli è stato detto che Yeshua non era morto, ma vivo. Lo avevano visto morire e assistito alla sua sepoltura; tuttavia, Yeshua era vivo e vegeto, camminava perché la morte non era stata in grado di trattenerlo.

“Quando hanno saputo che Yeshua era vivo e che lei l’aveva visto, non ci credevano”. (Marco 16:11)

Giuseppe invitò suo padre e tutti i suoi fratelli in esilio in Egitto per salvarli dalla carestia in Israele. Lasciare la Terra Promessa non è stato facile. Dio, tuttavia, assicurò a Giacobbe che era giusto accettare la sua offerta, anche se ciò avrebbe iniziato 400 anni di brutale schiavitù per i discendenti di Giacobbe.

“Allora Dio parlò a Israele nelle visioni del mondo e disse: ‘Giacobbe, Giacobbe!’ E lui disse: ‘Eccomi.’” Così disse: “Io sono Dio, il Dio di tuo padre; non temere di scendere in Egitto, perché farò di te una grande nazione lì. Io scenderò con te in Egitto, e sicuramente ti farò tornare di nuovo; e Giuseppe ti metterà la mano sui tuoi occhi’”. (Genesi 46:2-4)

Durante una precedente carestia, Dio istruì il padre di Giacobbe, Isacco, a rimanere nella terra, ma in questo caso Dio disse a Giacobbe di andarsene. Questo ci mostra quanto sia importante ascolta la voce di Dio e obbedire piuttosto che seguire semplicemente le decisioni che sembrano giuste per noi o affidarci a soluzioni che hanno funzionato nel passato.

“Confida nel Signore con tutto il tuo cuore, e non appoggiarti alla tua comprensione; In tutti i tuoi modi, riconoscilo e dirigerà le tue vie”. (Proverbi 3:5-6)

Giuseppe non era solo un uomo potente; era anche un eccellente provveditore. Egli aveva portato suo padre e tutti i suoi fratelli in Egitto, dove si era assicurato poi che fossero tutti ben seguiti.

“Allora Giuseppe offrì il pane a suo padre, ai suoi fratelli e a tutta la casa di suo padre, secondo il numero delle loro famiglie”. (Genesi 47:12)

Di nuovo, possiamo tracciare un parallelo con Yeshua, il pane vivente (lechem chayim) che è nato in Beit-Lechem (Betlemme), la casa del pane.

Il pane che Giuseppe ha fornito ai suoi fratelli li ha sostenuti durante la loro vita, ma il pane che Yeshua ci dà sostiene la vita per l’eternità.   

“Io sono il pane vivente che è disceso dal Cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno; or il pane che darò è la mia carne, che darò per la vita del mondo.” (Giovanni 6:51)

Israele si Riunisce con Giuda

Il tema di questa meravigliosa storia della riconciliazione di Giuseppe con i suoi fratelli, dopo tanti anni di separazione, continua nella Haftarah (lettura profetica), con la riunione delle tribù settentrionali e meridionali di Israele al loro ritorno dall’esilio.

Come è Avvenuta Questa Divisione tra le Tribù di Israele?

Dopo il regno di Re Salomone, la nazione di Israele si spaccò nel Regno Meridionale (rappresentato dalla tribù di Giuda e Beniamino) e nel Regno Settentrionale (rappresentato dalle altre dieci tribù, che sono chiamate collettivamente Giuseppe, Efraim o semplicemente Israele).

Mentre entrambi i regni hanno peccato, Giuda (Yehudah) è tornato dall’esilio ed esiste ancora oggi come il Yehudim (Parola Ebraica per Ebrei). Le dieci tribù settentrionali entrarono nelle nazioni e divennero “perdute”, sebbene alcuni membri di quelle tribù siano tornati.

A causa della loro idolatria, Dio spezzò i legami di fratellanza tra Giuda e Giuseppe (Efraim e Israele): “Quindi spezzai l’altro bastone “Legami” per rompere la fratellanza fra Giuda e Israele”. (Zaccaria 11:14) 

Secondo il pensiero Ebraico, l’animosità tra Giuseppe e i suoi fratelli (tutti figli di Giacobbe) prefigura questa spaccatura successiva tra Giuda e Beniamino con le altre tribù di Israele (tutti i figli di Dio).

In una profezia sorprendente, tuttavia, Dio promette che un giorno ci sarà di nuovo l’unità tra di loro.

“Ecco, io prenderò il legno di Giuseppe, che è in mano di Efraim, e le tribù d’Israele che sono suoi compagni, e li unirò a questo, cioè al legno di Giuda, per farne un solo legno; essi diventeranno cosi una sola cosa nella mia mano”. (Ezechiele 37:19)

Per assicurarsi che non ci siano equivoci, Dio spiega chiaramente questo simbolismo profetico: “Così dice il Signore, l’Eterno: Ecco, io prenderò i figli d’Israele dalle nazioni fra le quali sono andati, li radunerò da ogni parte e li ricondurrò nel loro paese, e farò di loro una sola nazione nel paese, sui monti d’Israele, un solo re regnerà su tutti loro; non saranno più due nazioni né saranno più divisi in due regni”. (Ezechiele 37:21-22)

Certo, c’è un’altra riconciliazione che Dio ha creato. Attraverso il sacrificio di Yeshua sulla croce, anche il muro divisorio tra Ebrei e Gentili è stato distrutto, causando “un nuovo uomo” tra i due. Sebbene esistano ancora delle divisioni, i propositi di Dio sono di riconciliarci con Lui e gli uni con gli altri. 

“Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due popoli uno e ha demolito il muro di separazione, avendo abolito nella sua carne l’inimicizia, la legge dei comandamenti fatta di prescrizioni, per creare in se stesso dei due un solo uomo nuovo, facendo la pace, e per riconciliare a ambedue con Dio in un sol corpo per mezzo della croce, avendo ucciso l’inimicizia in se stesso.” (Efesini 2:14-16) 

C’è una riconciliazione ancora maggiore che verrà in futuro. Se guardiamo profeticamente a questa storia di Giuseppe, possiamo vedere che proprio come Giuseppe disse: “Ani Yoseph: Io sono Giuseppe, tuo fratello” allo stesso modo, Yeshua un giorno dirà: “Ani Yeshua: Io sono la tua salvezza, tuo fratello e il tuo Messia”. Alleluya!

Quando il popolo Ebraico riconoscerà Yeshua come il suo Messia, ci sarà anche una grande riconciliazione che porterà cambiamenti di vita in tutto il mondo. Quanto desideriamo quel giorno!

“Infatti, se il loro rigetto è la riconciliazione del mondo, che sarà la loro riammissione, se non la vita dai morti?” (Romani 11:15)

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s