Torah Portion Miketz – Hanukkah / Porzione di Torah Miketz – Hanukkah

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom and Happy Hanukkah!

Welcome to Parasha Miketz (At the End), this week’s Torah Portion.

Because this Shabbat (Sabbath) falls during the eight-day holiday of Hanukkah, it is called Shabbat Hanukkah.

We know you will be blessed as you study with us the portion of the Torah that will be read in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

miketz
Miketz (At the End)

Torah Portion: Genesis 41:1-44:17;

Haftarah (Prophetic) Portion: 1 Kings 3:15-4:1, 1 Kings 7:40-50, Zechariah 2:14-4:7

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): John 1:1-18 and John 10:22-39

“And it came to pass at the end of [miketz] two full years, that Pharaoh dreamed a dream: and, behold, he stood by the river.” (Genesis 41:1)

In last week’s study, Joseph’s brothers became jealous of him, plotting against him because his father favored him above his other sons and because his prophetic dreams revealed his own grand destiny. So they threw Joseph into a pit and then sold him into slavery. While serving honorably as a slave, Joseph was falsely accused and sent to prison for a crime he didn’t commit.

In this week’s reading, Joseph is finally about to come to the end of his many trials and enter into his grand destiny. In fact, the name of the Parasha, Miketz, found in the opening verse of this week’s Torah reading, hints at this since this Hebrew word means at the end of.

Joseph is brought out of the darkness of an Egyptian dungeon to interpret the strange dreams of the Pharaoh. In just one day, Joseph is promoted from prison to palace, and his life was suddenly transformed from darkness to light.

joseph-and-pharaoh
Joseph Interprets Pharaoh’s Dream

A Light in the Darkness

Because Miketz coincides with Hanukkah or the Festival of Lights this year, this week’s portion includes a special Haftarah (prophetic reading) about the prophet Zechariah’s vision of a grand Menorah. He says,

“He asked me, ‘What do you see?’ I answered, ‘I see a solid gold lampstand with a bowl at the top and seven lamps on it, with seven channels to the lamps. Also there are two olive trees by it, one on the right of the bowl and the other on its left.’” (Zechariah 4:2-3)

Two olive trees feed this grand Menorah with oil. The trees are often considered to refer to Joshua the High Priest and Zerubbabel, religious and political figures.

But since prophecy usually reveals the present and future, and since trees in Scripture often represent people, these two trees are seen by some to represent Jewish believers and Gentile believers, anointed sons who have been shining light into the darkness for over 2,000 years.

Others think the two trees represent the Messiah (the Lord’s Righteous Branch) and Ruach HaKodesh (Holy Spirit) who are “anointed to serve the Lord of all the earth.” (Zechariah 4:14)

Zechariah promises that the darkness that comes from our sin, which separates us from God, will be supernaturally lifted in a single day by His Righteous Branch.

“I am going to bring My servant, the Branch. … and I will remove the sin of this land in a single day.” (Zechariah 3:8-9)

We saw this prophecy fulfilled when in a single day, the sacrifice of Yeshua took away the sins of the world: “We have an advocate with the Father, Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah) the righteous; and He is the atoning sacrifice for our sins, and not for ours only but also for the sins of the whole world.” (John 2:1-2)

God also speaks of the supernatural working of the Ruach (Holy Spirit) to accomplish the Lord’s plans, such as the building of the Second Temple by Zerubbabel: “This is the word of the LORD to Zerubbabel: ‘Not by might nor by power, but by My Spirit,’ says the LORD Almighty.’” (Zechariah 4:6)

In the Holy Sanctuary, the light of the Menorah became a symbol of God’s Divine Presence; its light not only lit up the inside of the Temple, but tradition says it also shined out the windows and into Jerusalem where people could bask in its rays during the dark nights.

During this time of year, when the winter nights are the longest, we sense our need for light more intensely.

Some people even experience what has been termed S.A.D. (Seasonal Affective Disorder), a particular depression brought about by a deficiency of sunlight. Likewise, when we are going through our “long, dark night of the soul,” we feel more intensely our desire to see even a glimmer of light.

The Hebrew prophet Isaiah wrote of a “Great Light” that would one day come to lift people out of the gloomy darkness: “Nevertheless the gloom will not be upon her who is distressed …  The people who walked in darkness have seen a great light; those who dwelt in the land of the shadow of death, upon them a light has shined.” (Isaiah 9:1-2)

Who is this “great light” of which Isaiah prophesied? The Light would come in the form of a child, who would eventually rule the nations in righteousness and justice, seated on the throne of His father, David, for all eternity.

“For unto us a Child is born, unto us a Son is given; and the government will be upon His shoulder and His name will be called Wonderful, Counselor, Mighty God, Everlasting Father, Prince of Peace. Of the increase of His government and peace there will be no end, upon the throne of David and over His kingdom, to order it and establish it with judgment and justice, from that time forward, even forever.” (Isaiah 9:6-7)

Yeshua HaMashiach (the Messiah-the Anointed One) said, “I am the Light of the World. Whoever follows Me will never walk in darkness, but will have the light of life.” (John 8:12)

Menorah-88937

Light of the World

Hanukkah is a celebration of light.

This joyous festival commemorated the salvation of the Jewish people from the oppression of the Greeks who ruled the Jewish people from 332-164 BC.

It was both a physical salvation and a spiritual one, since the Jews were not only rescued from persecution, but also liberated from an enforced Hellenized (Greek) religious system and culture.

They fought for freedom to worship the One True God, to keep His commandments, and to observe the festivals as written in the Torah. Though not commanded in the Torah, the Jewish people honor the liberation of the Holy Temple and its rededication to God by celebrating the Festival of Dedication / Hanukkah.

Did Yeshua celebrate Hanukkah? The only reference in Scripture to Hanukkah is found in the Brit Chadashah (New Testament), and it indicates that He more than likely kept the festival.

The Gospel of John reveals that Yeshua walked in the courts of the Temple during Hanukkah:

“Now it was the Feast of Dedication in Jerusalem, and it was winter. And Yeshua walked in the Temple, in Solomon’s porch.” (John 10:22-23)

While He was there, some asked Him directly if He were the Messiah. Yeshua pointed to the works He had done as proof, but explained that they did not believe in Him because they were not His sheep.

In this week’s Brit Chadashah portion, Yeshua the Messiah proclaimed His mission as one of healing the brokenhearted and setting captives free. The verses He cited came directly out of the book of the Hebrew prophet Isaiah.

“So He came to Nazareth, where He had been brought up. And as His custom was, He went into the synagogue on the Sabbath day, and stood up to read. And He was handed the book of the prophet Isaiah. And when He had opened the book, He found the place where it was written: “The Spirit of the LORD is upon Me, because He has anointed Me to preach the gospel to the poor; He has sent Me to heal the brokenhearted; To proclaim liberty to the captives and recovery of sight to the blind; To set at liberty those who are oppressed; To proclaim the acceptable year of the LORD” (Luke 4:16-19; see also Isaiah 61:1)

Yeshua and Yosef (Jesus and Joseph)

Many parallels can be drawn between Yeshua and Joseph.

At the time of Joseph’s release from prison into the service of Pharaoh he was 30 years old, just as Yeshua was 30 when he began His public ministry in the service of the King.

Also, Joseph’s appearance and personality had been so changed during his time in Egypt that his brothers no longer recognized him.

They stood right in front of Joseph, seeking the salvation from their famine that only he could provide, and yet they had no idea he was their brother.

Likewise, Yeshua’s Jewish brothers and sisters today hold in front of them the Scriptures that reveal who He is, and yet they are unable to recognize Him as their Jewish Messiah.

Yeshua’s identity has been so changed that the great majority of Jewish people cannot fathom that this “Jesus” could possibly be the Jewish Mashiach (Messiah) for whom they have been waiting, longing and praying for over 3,000 years.

Nevertheless, the prophet Zechariah told us that one day, all the Jewish people will recognize Him: “And I will pour out on the house of David and the inhabitants of Jerusalem a spirit of grace and pleas for mercy, so that, when they look on Me, on him whom they have pierced, they shall mourn for Him, as one mourns for an only child, and weep bitterly over Him, as one weeps over a firstborn.” (Zechariah 12:10)

Today, thousands of Yeshua’s brothers and sisters are coming to understand who He truly is: they are known as Messianic Jews and their search for the Messiah of the Scriptures has ended.  

These “completed Jews,” as some call them, are steadily gaining recognition as a legitimate sect of Judaism in Israel and in the world.

Please pray that the reset of the Jewish people will recognize Yeshua (Jesus) in Zechariah’s Messianic prophecy as they hear about the Righteous Branch and the promise that sin will be removed in a single day.

Then they, too, may rightfully call themselves completed Jews!

On this Festival of Dedication, please also consider sending a special gift to help set the captives free from sin. Your gift shines a light in the darkness by helping us explain the Messianic prophecies to the Jewish people.

https://villageofhopejusticeministry.wordpress.com/about/ 

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom e Felice Hanukkah!

Benvenuto in Parasha Miketz (Alla fine), la porzione di Torah di questa settimana. Perché questo Shabbat (Sabato) cade durante la festa di otto giorni di Hanukkah, viene chiamato Shabbat Hanukkah. Sappiamo che sarete benedetti mentre studiate con noi la Porzione della Torah che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato) di questa settimana.

Miketz (Alla Fine)

Porzione di Torah: Genesi 41:1-44:17 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): 1 Re 3:15-4:1, 1 Re 7:40-50, Zaccaria 2:14-4:7

Maftir (Hanukkah): Numeri 7:1-8:4

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Giovanni 1:1-18 e Giovanni 10:22-39

“Ed è arrivato passaggio alla fine di [miketz] due anni interi, che il faraone sognò un sogno: ed ecco, egli stava in piedi vicino al fiume”. (Genesi 41:1)

Nello studio della scorsa settimana, i fratelli di Giuseppe sono diventati gelosi di lui, complottando contro di lui perché suo padre favoriva lui sopra gli altri suoi figli e perché i suoi sogni profetici rivelavano il suo grande destino. Così gettarono Giuseppe in una fossa e poi lo vendettero in schiavitù. Mentre serviva onorevolmente come schiavo, Giuseppe fu falsamente accusato e mandato in prigione per un crimine che non aveva commesso.

Nella lettura di questa settimana, Giuseppe sta finalmente arrivando alla fine delle sue numerose prove ed entra nel suo grande destino. In effetti, il nome della Parasha, Miketz, parte del verso iniziale della lettura della Torah di questa settimana, suggerisce il significato della stessa dalla parola Ebraica che è alla fine.

Giuseppe viene portato fuori dall’oscurità di una prigione Egiziana per interpretare gli strani sogni del Faraone. In un solo giorno, Giuseppe viene promosso dalla prigione al palazzo e la sua vita si trasforma improvvisamente dall’oscurità alla luce.

Una Luce nell’Oscurità

Perché Miketz coincide con Hanukkah o Festival delle Luci quest’anno, la parte di questa settimana include una speciale Haftarah (lettura profetica) sulla visione del profeta Zaccaria di una grande Menorah. Lui dice, “Mi ha chiesto: ‘Cosa vedi?’ Risposi: “Vedo un candelabro d’oro massiccio con una coppa in cima e sette lampade su di esso, con sette canali alle lampade. Inoltre ci sono due ulivi, uno a destra dell’arco e l’altro a sinistra.’” (Zaccaria 4:2-3)

Due alberi di ulivo a completamento di questa grande Menorah alimentata dall’olio delle lampade. I due alberi di ulivo sono spesso considerati come riferiti a Giosuè, il Sommo Sacerdote e Zorobabele, figure religiose e politiche. Ma dal momento che la profezia di solito rivela il presente e il futuro, e da allora gli alberi nella Scrittura rappresentano spesso le persone, questi due alberi sono considerati da alcuni come rappresentanti di credenti Ebrei e Gentili, figli unti che hanno illuminato la luce nell’oscurità per oltre 2.000 anni. Altri pensano che i due alberi di ulivo rappresentino il Messiah (il Re e Signore) e il Ruach HaKodesh (Spirito Santo) che sono “Unto per vedere il Signore di tutta la terra”. (Zaccaria 4:14)

Zaccaria promette che l’oscurità che viene dal nostro peccato, che ci separa da Dio, sarà soppressa in modo soprannaturale in un solo giorno dal Suo Re.

“Vado a portare il mio servo, il ramo. … e rimuoverò il peccato di questa terra in un solo giorno.” (Zaccaria 3:8-9)

Abbiamo visto questa profezia adempiuta quando in un solo giorno, il sacrificio di Yeshua ha portato via i peccati del mondo: “Abbiamo un avvocato con il Padre, Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia) il giusto; ed Egli è il sacrificio espiatorio per i nostri peccati, e non solo per i nostri, ma anche per i peccati di tutto il mondo.” (Giovanni 2:1-2)

Dio parla anche del funzionamento soprannaturale del Ruach Ha Kodesh (Spirito Santo) per realizzare i piani del Signore, come la costruzione del Secondo Tempio di Zorobabele: “Questa è la parola del Signore a Zorobabele:” Non per forza né per potenza, ma per il mio Spirito”, dice il Signore degli eserciti.” (Zaccaria 4:6)

Nel Santuario, la luce della Menorah divenne un simbolo della Divina Presenza di Dio; la sua luce non solo illumina l’interno del Tempio, ma la tradizione dice che ha anche brillato fuori dalle finestre e in Gerusalemme dove la gente poteva crogiolarsi nei suoi raggi durante le notti buie. Durante questo periodo dell’anno, quando le notti invernali sono le più lunghe, sentiamo il nostro bisogno di luce più intensamente.

Alcune persone sperimentano persino ciò che è stato definito DAS (Disturbo Affettivo Stagionale), una depressione particolare causata da una mancanza di luce solare. Allo stesso modo, quando attraversiamo la nostra “lunga e oscura notte dell’anima”, sentiamo più intensamente il nostro desiderio di vedere anche un barlume di luce. Il profeta Ebraico Isaia scrisse di una “Grande Luce” che un giorno sarebbe venuta per sollevare le persone dalla tetra oscurità: “Tuttavia l’oscurità non sarà su di lei che è angosciata … Le persone che camminavano nelle tenebre hanno visto una grande luce; quelli che dimoravano nella terra dell’ombra della morte, su di loro splendeva una luce”. (Isaia 9:1-2)

Chi è questa “grande luce” di cui profetizzò Isaia? La Luce sarebbe arrivata sotto forma di un bambino, che alla fine avrebbe governato le nazioni in rettitudine e giustizia, seduto sul trono di Suo padre, David, per l’eternità.

“Poiché per noi un bambino nasce, per noi viene dato un figlio; e il governo sarà sulle sue spalle e il suo nome sarà chiamato Meraviglioso, Consigliere, Dio potente, Padre eterno, Principe della pace. Dell’aumento del suo governo e della pace non ci sarà fine, sul trono di Davide e sul suo regno, per ordinarlo e stabilirlo con giudizio e giustizia, dal momento in avanti, anche per sempre”. (Isaia 9:6-7)

Yeshua HaMashiach (il Messia-Unto) disse: “Io sono la luce del mondo. Chiunque Mi segua non camminerà mai nelle tenebre, ma avrà la luce della vita.” (Giovanni 8:12)

Luce del Mondo

Hanukkah è una celebrazione della luce.

Questa gioiosa festa ha commemorato la salvezza del popolo Ebraico dall’oppressione dei Greci che governarono il popolo Ebraico dal 332-164 AC. Era sia una salvezza fisica che spirituale, dal momento che gli Ebrei non furono solo salvati dalla persecuzione, ma anche liberati da un sistema e da una cultura religiosa Ellenizzata (Greca) forzata. Combatterono per la libertà di adorare l’Unico Vero Dio, per osservare i Suoi comandamenti e per osservare le feste come scritto nella Torah. Sebbene non siano commessi nella Torah, le persone Ebree onorano la liberazione del Tempio Santo e la sua ridedicazione a Dio celebrando il Festival della Dedicazione / Hanukkah. Yeshua ha celebrato Hanukkah? L’unico riferimento nella Scrittura a Hanukkah si trova nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento), e indica che probabilmente egli mantenne il festival. Il Vangelo di Giovanni rivela che Yeshua camminò nelle corti del Tempio durante Hanukkah: “Ora era la festa della Dedicazione a Gerusalemme, ed era inverno. E Yeshua camminava nel tempio, sotto il portico di Salomone.” (Giovanni 10:22-23)

Mentre era lì, alcuni gli chiesero direttamente se fosse il Messia. Yeshua indicò le opere che aveva fatto come prova, ma spiegò che non avrebbero creduto in Lui perché non erano le Sue pecore. Nella porzione di Brit Chadashah di questa settimana, Yeshua il Messia ha proclamato la sua missione come un modo per liberare i prigionieri dal cuore spezzato e in procinto di lasciarsi vincere dal peccato. I versetti che ha citato sono usciti direttamente dal libro del profeta Ebraico Isaia.

“Così venne a Nazaret, dove era stato allevato. E come Sua abitudine, entrò nella sinagoga nel giorno di Shabbat e si alzò in piedi per leggere. E gli fu consegnato il libro del profeta Isaia e quando aprì il libro, trovò il luogo in cui era scritto: “Lo Spirito del Signore è sopra di me, perché mi ha consacrato a predicare il Vangelo ai poveri; Mi ha mandato a guarire i cuori spezzati; Proclamare la libertà ai prigionieri e il recupero della vista ai ciechi; Per liberare coloro che sono oppressi; Proclamare l’anno accettabile del Signore” (Luca 4:16-19, vedi anche Isaia 61:1)

Yeshua e Yosef (Gesù e Giuseppe)

Si possono tracciare molti paralleli tra Yeshua e Giuseppe. Al momento del rilascio di Giuseppe dalla prigione al servizio del Faraone egli aveva 30 anni, proprio come Yeshua aveva 30 anni quando iniziò il suo ministero pubblico al servizio del re. Inoltre, l’aspetto e la personalità di Giuseppe erano stati così cambiati durante il suo periodo in Egitto che i suoi fratelli non lo riconobbero più. Stavano proprio davanti a Giuseppe, cercando la salvezza dalla loro carestia che solo lui poteva fornire, eppure non avevano idea di essere loro fratello. Allo stesso modo, i fratelli e le sorelle Ebree di Yeshua non lo riconoscono pur avendo dinnanzi a loro le Scritture che rivelano chi è, e tuttavia non sono in grado di riconoscerlo come loro Messia Ebraico.

L’identità di Yeshua è stata così cambiata che la grande maggioranza del popolo Ebraico non può capire che questo “Gesù” potrebbe essere il Messia (Mashiach) Ebreo di cui essi stavano aspettando la venuta, desiderando e pregando per oltre 3.000 anni. Tuttavia, il profeta Zaccaria ci disse che un giorno tutti gli Ebrei lo riconosceranno: “E spanderò sulla casa di Davide e gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di grazia per la misericordia, affinché, quando guardano a me, su colui che hanno trafitto, piangeranno per lui, come uno piange per un figlio unico, e piangi amaramente su di Lui, come uno piange su un primogenito.” (Zaccaria 12:10)

Oggi migliaia di fratelli e sorelle di Yeshua stanno ricevendo rivelazione di chi Yeshua è veramente: sono conosciuti come Ebrei Messianici e la loro ricerca del Messia delle Scritture è finita. Questi “Ebrei completati”, come alcuni chiamano loro, stanno guadagnando costantemente il riconoscimento di parte legittima del Giudaismo riconosciuta in Israele e nel mondo. Per favore, Vi preghiamo per la restaurazione del popolo Ebreo che possa riconoscere Yeshua (Gesù) nella profezia messianica di Zaccaria mentre sente parlare del Germoglio di Giustizia e che possa esso vivere la promessa che il peccato sarà rimosso in un solo giorno dal Suo popolo. Allora anche loro potranno legittimamente chiamarsi Ebrei completati!

In questo Festival della Dedizione, vogliate considerare anche l’invio di un regalo speciale per aiutare a liberare i prigionieri del peccato nel Suo Popolo. Il Vostro dono illumina una luce nell’oscurità aiutandoci a spiegare le profezie messianiche del Messiah al Suo Popolo Israele.

https://villageofhopejusticeministry.wordpress.com/about/

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s