Torah Portion Vayishlach / Porzione di Torah Vayishlach

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to this week’s Parasha (Torah Portion), which is called Vayishlach (And He Sent).

Please read along as we study the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

Parashat-Vayishlach

PARASHA VAYISHLACH (And He Sent)

Torah Portion: Genesis 32:4 (v. 3 in Hebrew Bibles)-36:43

Haftarah (Prophetic) Portion: Obadiah 1:1-21; Hosea 11:7-12:12

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Ephesians 4:1-32; Matthew 26:36-46

“And Jacob sent [vayishlach וַיִּשְׁלַח] messengers ahead of him to his brother Esau in the land of Seir, the country of Edom.” (Genesis 32:4 [Hebrew Bibles: v. 3])

In last week’s Torah portion, Jacob left his unjust father-in-law, Laban, while he was off shearing his sheep. Fearing that Laban would keep his daughters, Leah and Rachel, Jacob stole away with all he had: his sons, his two wives, and all of his livestock, heading for the mountains of Gilead. 

After 22 years in Haran, it was likely difficult for Jacob to free himself from Laban’s wicked manipulation and control, but he did succeed. We can imagine that he was anticipating with great joy his return to his ancestral homeland of Canaan; however, in order to do so, he had to first pass through Edom, the territory of Esau, his estranged brother.

Jacob’s Family Becomes a Nation

“Then the messengers returned to Jacob, saying, ‘We came to your brother Esau, and he also is coming to meet you, and four hundred men are with him.’ So Jacob was greatly afraid and distressed.” (Genesis 32:6-7)

The time had come for Jacob to confront his past. More than two decades had passed since Jacob had posed as his brother Esau and received the first-born blessing from their father.

The last time Jacob had seen Esau, he was filled with murderous rage, vowing to kill him; therefore, it is no wonder that Jacob felt anxiety at the prospect of seeing Esau again, especially upon learning that his brother was headed his way with 400 men!

Had Esau held a grudge against Jacob all these years? Or had time eased the pain of betrayal and brought forgiveness? Could the generous gifts of livestock sent ahead to Esau somehow appease his anger? Jacob was about to find out.

Jacob was a man of strategy: he divided his family and the people with him, along with his flock, herds and camels, into two camps. That way, if Esau attacked one camp, the other would survive. (Genesis 32:8)

The Torah does not call these two camps Jacob’s “family.” This is the first time that the Scriptures refer to those who are with Jacob as a nation / people group (ha’am הָעָם).

“Jacob divided the people [ha’am, הָעָם] who were with him into two groups.” (Genesis 32:7)

This is why the Jewish people, even today, are called the house of Jacob.

Jacob Becomes Israel

That night, after separating everyone and everything into two camps, Jacob stays behind. While alone, he encounters an angel with whom he wrestles until daybreak, insisting, “I will not let you go until you bless me.” (Genesis 32:26)

Jacob refuses to settle for anything less than a full physical and spiritual inheritance, and his tenacity is commendable; even the angel takes note of it.

But the angel’s response is puzzling at first. The angel asks Jacob, “‘What is your name?’ He said, ‘Jacob (Yaacov יַעֲקֹב).’” (Genesis 32:27)

Why did the angel ask about Jacob’s name? In Hebrew, his name (Yaacov) can mean the heel of the foot (because he grasped Esau’s heel when coming out of the womb); but it can also carry a connotation of deceiver or supplanted.

The “angel” knew that in order for Jacob to embark on his divine destiny, he first needed to face the truth about himself.

Stating his name was essentially admitting his character. The angel changed his name to Israel (Yisrael יִשְׂרָאֵל) because he had struggled (sarah שָׂרָה) with God and with men, and had overcome. (Genesis 32:28)

The name of Israel comes from two Hebrew words: strive (sar שר) and God (El אל). Since the word sar also means prince, there is a connotation of princely power. In this sense, Israel can also mean Prince with God.

A lesson is in this for everyone. To become the overcomers we are called to be and to experience full victory in our lives, there are times when we must be tenacious in our faith and times when we must prevail in prayer.

Torah identifies Jacob’s mysterious wrestling partner only as an ish (man); nevertheless, it becomes obvious that he was much more than just a man. Jacob recognized this and, therefore, called the placPeniel (פְּנִיאֵל), which means Face of God, because He had seen God face to face (panim el panim).

Jacob wrestles with angel

The prophet Hosea also saw that Jacob wrestled with God: “In the womb he took his brother by the heel, and in his manhood he strove with God. He strove with the angel and prevailed.” (Hosea 12:3-4)

This intense encounter left Jacob with a permanent limp from a dislocated hip. “And the sun rose upon him as he passed over Peniel, and he limped upon his thigh.” (Genesis 32:31)

Jacob meets Esau.jpg

Jacob Makes Peace With Esau

On his way to meet Esau, Jacob prepared for the worst to happen. Positioning his family behind him, Jacob “went on ahead and bowed down to the ground seven times as he approached his brother. But Esau ran to meet Jacob and embraced him; he threw his arms around his neck and kissed him. And they wept.” (Genesis 33:3-4)

While there is obvious merit in being prepared for the worst, the Bible teaches us that worrying about the future is pointless, since much of what we waste time worrying about never comes to pass.

It’s not that we should deliberately fail to recognize the pitfalls before us and go ahead blindly. The point is that we can put all of our cares and concerns into God’s hands, trusting Him to take care of us in any and all situations, even those that could cause us to be fearful or distressed.

“Do not be anxious about anything, but in every situation, by prayer and petition, with thanksgiving, present your requests to God.” (Philippians 4:6)

Like Jacob, some of us have relationships that have been strained, perhaps family members are angry over some past offense. We may even have committed a great wrong toward someone close to us. In time and with the Lord’s leading, even these estranged relationships can be healed.

Each of us have been given the ministry of reconciliation and should do whatever we can to bring healing and restoration to our relationships with one another, especially our brothers and sisters in the Body of Messiah. 

“Now all things are of God, who has reconciled us to Himself through Yeshua the Messiah, and has given us the ministry of reconciliation.” (2 Corinthians 5:18)

Although Esau eventually reconciled with his brother, his descendants, the Edomites, continued to harbor hatred against Jacob’s descendants. It is an ancient hatred, the spirit of which continues to this very day.

Lone-wolf Palestinian terrorists continue to claim the lives of Israeli civilians who are praying, shopping, waiting for buses, returning home from the doctor, people just going about their daily lives. Israeli security forces and soldiers are also targets of these “popular resistance” attacks.

But we know that God severely judges such violence.

In the Haftarah (prophetic portion) for this week, in the book of Obadiah, God warns that because of their violence against the children of Jacob (Israel), there will be no survivors of the house of Esau, and they will be cut off forever. 

“Because of the violence done to your brother Jacob, shame shall cover you, and you shall be cut off forever . . . and there shall be no survivor for the house of Esau, for the LORD has spoken.” (Obadiah 1:10, 18)

Jacob’s Daughter Is Defiled

This week’s Scripture portion records the rape of Dinah, Jacob’s only daughter. When Dinah goes out to see the women in the town of Shechem, the son of Hamor the Hivite (also named Shechem) takes her by force and lays with her; afterward, he wishes to marry her.

Interestingly, the Hebrew meaning of the name Hamor is donkey, a herd animal renowned for its strength, intelligence, keen sense of curiosity, and stubbornness, which arises from an instinct for self-preservation. Shechem turns to his father Hamor for help in securing Dinah’s hand in a marriage covenant.

The Hebrew in this passage of Scripture may hint that Dinah is responsible for her actions, though not her misfortune. In Hebrew, a male youth is called a na’ar נער and a female youth is a na’arah נערה

In describing Dinah’s adventure to see the daughters of the land, the Torah calls her a na’ar and not a na’arah. True, it is only the difference of one letter, but this letter is the letter hey (ה), which can be used as an abbreviation for the name of God, and it is the suffix that generally makes words feminine in Hebrew, which is a gender-based language.

“His heart was drawn to Dinah daughter of Jacob; he loved the young woman [han-na-‘ă-rā, הַֽנַּעֲרָ֔] and spoke tenderly to her.” (Genesis 34:3)

If someone is not aware of how precise and exacting Torah scribes are, one might think this a simple typo, a technical error. But knowing of the preciseness with which Torah scholars transcribe each Torah scroll, one would know that the removal of the letter hey was not a mistake, but rather a deliberate act.

It perhaps suggests that Dinah’s solo jaunt into the city was made without awareness of her vulnerability. Dinah went into the city only to visit the women of the land, not the men. As the sister of 12 brothers, the longing for female company her own age could be considered quite natural. She may have felt safe in the land, as well, since her family lived in the area in peace, having bought the land they dwelled on from the sons of Hamor.

We do not know the exact circumstances. Yet, it seems that Dinah went out with the confidence of a young man, not conscious of the dangers of entering the city alone as a young woman.

Even today, women need to recognize their vulnerabilities and walk in wisdom, not putting themselves in situations where purity or sanctity of mind, soul, and/or body could be endangered. Of course, parents, both spiritual and legal, have a responsibility to teach, warn, and advise their children about these realities before they put themselves in danger.

Whatever her reasoning was, Dinah bears some responsibility for venturing out alone, while Shechem carries the full responsibility for his criminal and violent act toward a defenseless woman.

Jacob’s Sons Plot Revenge

Jacob’s sons, Dinah’s brothers, were outraged at the defilement and dishonoring of their sister. But Hamor spoke with Jacob, asking that through a marriage of their son and daughter, their two people groups could come into covenantal relationship.

The sons of Jacob dealt treacherously with Hamor, telling him that they would agree to his proposal on the condition that all the males be circumcised, since this was the sign of the covenant.

Hamor and Shechem, in good faith, agreed, and all the males were circumcised. On the third day, when they were immobilized with pain, Simeon and Levi killed every man as vengeance for Shechem defiling their sister. They even took all the spoil, their flocks, riches, wives, and little ones.

Simeon and Levi took revenge for a terrible crime committed against their sister, even though the entire city tried to make amends.

Rage can cause people to do terrible things. A bad temper is a character weakness that needs to be overcome if we are ever to be the people of God He desires us to be. The word of God tells us that the anger of man does not produce the righteousness of God, and that anger rests in the bosom of fools. 

It is natural to feel anger at times, but we must not allow anger to control us. The enemy wants to use our anger against us to cause much destruction.

In the way of Yeshua (Jesus), we are not to return evil for evil, but to overcome evil with good. Yes, we may become angry over injustice and the wrongs that people do against us or others, especially our loved ones, but this does not justify our sinning by committing ugly acts of vengeance. “Be angry and sin not.” (Ephesians 4:26)

Rage Is Cursed

Did Simeon and Levi act righteously? Not in their father’s eyes. Although Jacob did not deny that his daughter should have been avenged in some way, to his dying day he did not forgive them for acting in rage. Rather than blessing them on his deathbed, he cursed their anger and cruelty.

“Simeon and Levi are brothers; instruments of cruelty are in their dwelling place. Let not my soul enter their council . . . cursed be their anger, for it is fierce; and their wrath, for it is cruel! I will divide them in Jacob and scatter them in Israel.” (Genesis 49:5-7)

And by the time they entered the Promised Land, the tribe of Simeon was the smallest and weakest (see the second census of Moses Numbers 26:14), and they were left out of Moses’ final blessing before he died (Deuteronomy 33). In addition, their small inheritance lie within the larger inheritance of the tribe of Judah, so they were somewhat scattered among Judah (Joshua 19:1-9).

The tribe of Levi is the only tribe of the twelve who did not receive an inheritance of land; yet, through their obedience to God in later generations (Exodus 32) and by His grace, they did receive the privilege and responsibility of the priestly duties in Israel, to this day.

The word of God has so much to say about anger. God Himself is called gracious and slow to anger (Psalm 103:8), and He asks us to imitate him in this.

“He who is slow to anger is better than the mighty, and he who rules his spirit than he who takes a city.” (Proverbs 16:32)

Each of Us Struggle

This Parasha concludes on a sad note, as Rachel dies giving birth to her second son, whose name is changed by his father from Ben-oni (son of my sorrow) to Ben-yamin (son at my right hand).

Jacob returns to his father, Isaac, who lives to an old age of 180, but Jacob never sees his mother again, since she died while he was away in Haran. Jacob’s life shows us that we may go through many trials and difficulties, but through tenacity and prayer, we can overcome.

Yeshua told us that in this life we will have many troubles, but we can be of good cheer for He has overcome the world (John 16:33)To this very day, the descendants of Jacob (Israel) still struggle with this Divine Man who is Yeshua HaMashiach (the Messiah).  

Please pray that they will come to know the Messiah and to a knowledge of the truth, encountering Him in a personal way, and receiving their full inheritance of eternal life through faith by grace.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti nella Parasha di questa settimana (Porzione di Torah), che viene  chiamata vayishlach (E Lui inviò). Vi preghiamo di leggere mentre studiamo la parte della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il servizio di Shabbat (Sabato) di questa settimana. Sappiamo che sarete benedetti!

PARASHA VAYISHLACH (E Lui inviò)

Porzione di Torah: Genesi 32:3-36:43 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Abdia 1:1-21 Osea 11:7-12:12 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Efesini 4:1-32; Matteo 26:36-46

“E Giacobbe mandò [vayishlach וַיִּשְׁלַח] davanti a sé alcuni messaggeri al fratello Esau, nel paese di Seir, nella campagna di Edom”. (Genesi 32:3)

Nella Porzione di Torah della scorsa settimana, Giacobbe ha lasciato il suo suocero ingiusto, Labano, mentre questi era fuori per la tosatura delle sue pecore. Temendo che Labano avrebbe potuto trattenere le sue figlie, Lia e Rachele, Giacobbe fuggì via con tutto quello che aveva: i suoi figli, le sue due mogli, e tutto il suo bestiame, dirigendosi verso le montagne di Galaad. Dopo 22 anni di Haran, era molto difficile per Giacobbe liberarsi dalla manipolazione e controllo di Labano, ma alla fine ci era riuscito. Possiamo immaginare che Giacobbe stesse anticipando con grande gioia il suo ritorno alla sua ancestrale patria di Canaan; tuttavia, per farlo, doveva prima passare attraverso Edom, il territorio di Esau, il suo fratello a cui aveva strappato il diritto di nascita in cambio di una zuppa di lenticchie.

La Famiglia di Giacobbe Diventa una Nazione

“Poi i messi tornarono a Giacobbe, dicendo: ‘Siamo venuti a tuo fratello Esau, ed è anche venuta a incontrarmi con voi, e quattrocento uomini sono con lui.’ Quindi Giacobbe era molto spaventato e angosciato.” (Genesi 32:6-7)

Il tempo era venuto in cui Giacobbe avrebbe affrontato il suo passato. Erano passati più di due decenni da quando Giacobbe aveva visto suo fratello Esau e aveva ricevuto la benedizione della primogenitura da parte del padre al suo posto. L’ultima volta che Giacobbe aveva visto Esau, questi era pieno di rabbia omicida, giurando di ucciderlo; perciò, non c’è da meravigliarsi che Giacobbe provasse ansia nella prospettiva di rivedere Esau, soprattutto dopo aver appreso che suo fratello si stava dirigendo verso di lui con 400 uomini!

Aveva Esau tenuto rancore contro Giacobbe tutti questi anni? Oppure il tempo aveva alleviato il dolore della perdita della primogenitura e portato il perdono nel suo cuore? Avrebbero i generosi doni di bestiame mandato avanti ad Esau in qualche modo potuto placare la sua rabbia? Giacobbe stava per scoprirlo.

Giacobbe era un uomo di strategia: aveva diviso la sua famiglia e le persone con lui, insieme al suo gregge, i suoi cammelli, in due campi. In questo modo, se Esau avesse attaccato un campo, l’altro sarebbe sopravvissuto. (Genesi 32:8)

La Torah non chiama questi due campi o schiere di Giacobbe una “famiglia”. Questa è la prima volta che le Scritture si riferiscono a coloro che sono con Giacobbe come una nazione / gruppo di persone/popolo (Ha’am הָעָם).

“Allora Giacobbe fu preso da una grande paura ed angoscia e divise in due schiere la gente [Ha’am, הָעָם] che era con lui, le greggi, gli armenti e i cammelli.” (Genesi 32:7)

Questo è il motivo per cui il popolo Ebraico, ancora oggi, è chiamato Casa di Giacobbe.

Giacobbe Diventa Israele

Quella notte, dopo la separazione di tutti e tutto in due campi o schiere, Giacobbe rimane indietro. Mentre è solo, incontra un angelo con cui lotta fino all’alba, insistendo, “E quegli disse: ‘Lasciami andare, perché sta spuntando l’alba’. Ma Giacobbe disse: ‘Non ti lascerò andare, se non mi avrai prima benedetto!”  (Genesi 32:26)

Giacobbe rifiuta di accontentarsi di qualcosa di meno di un’eredità fisica e spirituale, e la sua tenacia è encomiabile; anche l’angelo ne prende nota. Ma la risposta dell’angelo è sconcertante in un primo momento. L’angelo chiede a Giacobbe, “‘L’altro gli disse: ‘Qual è il tuo nome?’. Egli rispose: ‘Giacobbe (Yaacov יַעֲקֹב).’” (Genesi 32:27)

Perché l’angelo chiese il nome di Giacobbe? In Ebraico, il suo nome (Yaacov) può significare tallone del piede (perché egli aveva afferrato il tallone di Esau quando usciva dall’utero); ma questo nome porta anche una connotazione di ingannatore o soppiantatore. L’Angelo sapeva che Giacobbe stava per entrare nel suo destino divino, ma prima avrebbe dovuto bisogno di affrontare la verità su se stesso. Nel dire il suo nome Giacobbe stava essenzialmente ammettendo il suo carattere. L’angelo così aveva rivelato la sua chiamata da parte di Adonai e cambiato il suo nome in Israele (Yisrael יִשְׂרָאֵל) perché egli aveva lottato (sarah שָׂרָה) con Dio e con gli uomini, e aveva vinto. (Genesi 32:28) Il nome di Israele deriva da due parole Ebraiche: lottare (sar שר) e Dio (El אל). Dal momento che la parola sar significa anche principe, v’è una connotazione di potere principesco. In questo senso, Israele può anche significare Il principe con Dio.

Una lezione è in questo per tutti. Per diventare vincitori, siamo chiamati a sperimentare la piena vittoria in Yeshua nelle nostre vite, e ci sono momenti in cui dobbiamo essere tenaci nella nostra fede e nei momenti in cui dobbiamo far prevalere la preghiera. La Torah identifica il misterioso lottatore di Giacobbe solo come un ish (uomo); ma è evidente che era molto più di un semplice uomo. Giacobbe riconobbe questa sua identità e quindi chiamò il posto Peniel, (פְּנִיאֵל), Il che significa Volto di Dio, perché aveva visto Dio faccia a faccia (panim EL panim). Il profeta Osea vide anche che Giacobbe lottò con Dio: “Nel grembo materno prese il fratello per il calcagno e nella sua forza lottò con DIO. Sì lottò con l’Angelo e vinse, pianse e lo supplicò. Lo trovò a Bethel, e là egli parlò con noi”. (Osea 12:3-4)

Questo intenso incontro lasciò Giacobbe zoppo in maniera permanente a causa del fianco slogato dall’angelo.

“Come egli ebbe passato Peniel, il sole si levava; e Giacobbe zoppicava all’anca.” (Genesi 32:31)

Giacobbe Fa Pace con Esau

Mentre andava incontro ad Esau, Giacobbe si preparò al peggio. Posizionando la sua famiglia dietro di lui, Giacobbe “Egli stesso passò davanti a loro e s’inchinò fino a terra sette volte, finché giunse vicino a suo fratello. Allora Esau gli corse incontro, l’abbracciò, gli si gettò al collo e lo baciò; e piansero.” (Genesi 33:3-4) Mentre è evidente il merito di essere preparati al peggio, la Bibbia ci insegna che preoccuparsi del futuro è inutile, poiché gran parte di ciò che ci fa perdere tempo a preoccuparci non si realizza mai. Non è che dovremmo deliberatamente non riconoscere le insidie ​​che ci attendono e andare avanti ciecamente. Il punto è che possiamo mettere tutte le nostre preoccupazioni nelle mani di Dio, confidando in Lui di prendersi cura di noi in tutte le situazioni, anche in quelle che potrebbero causarci paura o angoscia.

“Non siate in ansietà per cosa alcuna, ma in ogni cosa le vostre richieste siano rese note a Dio mediante preghiera e supplica, con ringraziamento”. (Filippesi 4:6)

Come Giacobbe, alcuni di noi hanno rapporti che sono stati tesi, forse con membri della famiglia che sono arrabbiati per qualche offesa del passato. Possiamo anche avere commesso un grande torto verso qualcuno vicino a noi. Col tempo e con la guida del Signore, anche queste relazioni possono essere guarite. Ognuno di noi ha ricevuto il ministero della riconciliazione e dovrebbe fare tutto il possibile per portare guarigione e restaurazione alle nostre relazioni gli uni con gli altri, in particolare i nostri fratelli e sorelle nel Corpo del Messia.  

“Ora tutte le cose sono da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Gesù il Messia, e ci ha dato il ministero della riconciliazione.” (2 Corinzi 5:18)

Anche se Esau finalmente si era riconciliato con il fratello, i suoi discendenti, Edomiti, hanno continuato a nutrire odio contro i discendenti di Giacobbe. È un odio antico, il cui spirito continua fino ad oggi. I lupi solitari terroristi Palestinesi continuano a minare le vite dei civili Israeliani mentre questi pregano, fanno lo shopping, oppure sono in attesa degli autobus, oppure mentre stanno tornando a casa dall’appuntamento con il medico, essi insomma attaccano la gente durante la loro vita quotidiana. Le forze di sicurezza Israeliane e i soldati sono anche bersaglio di questi attacchi chiamati di “resistenza popolare”. Ma sappiamo che Dio giudica severamente tale violenza. Nell’Haftarah (parte profetica) di questa settimana, nel libro di Abdia, Dio avverte il profeta che a causa della loro violenza contro i figli di Giacobbe (Israele), non ci saranno sopravvissuti alla casa di Esau e essi saranno troncati per sempre.

“Per la violenza contro tuo fratello Giacobbe, la vergogna ti coprirà e sarai sterminato per sempre… La casa di Giacobbe sarà un fuoco e la casa di Giuseppe una fiamma, ma la casa di Esau sarà come stoppia: essi la incendieranno e la divoreranno, e alla casa di Esau non rimarrà più alcun superstite’, perché l’Eterno ha parlato”. (Abdia 1:10, 18)

La Figlia di Giacobbe è Stata Contaminata

Questa settimana parte la Scrittura riporta lo stupro di Dina, unica figlia di Giacobbe. Quando Dina esce per vedere le donne nella città di Sichem, il figlio di Hamor l’Hivita (chiamato anche Sichem) la prende con la forza e giace con lei; dopo, desidera sposarla. È interessante notare che il significato Ebraico del nome Hamor è asino, un animale da branco rinomato per la sua forza, l’intelligenza, acuto senso di curiosità, e la testardaggine, che nasce da un istinto di auto-conservazione. Sichem si rivolge a suo padre Hamor per ricevere aiuto e per ottenere la mano di Dina ed averla in moglie. In Ebraico questo brano della Scrittura fa accenno al fatto che Dina è responsabile per le sue azioni, anche se non per la sua disgrazia. In Ebraico, la gioventù maschile è chiamata na’ar נער e la gioventù femminile è chiamata na’arah נערה. Nel descrivere l’avventura di Dina, la Torah la chiama na’ar e non na’arah. È vero che si tratta solo della differenza di una lettera, ma questa lettera è la lettera Hey (ה), che può essere utilizzata come abbreviazione per il nome di Dio, ed è il suffisso che rende le parole al genere femminile in Ebraico.

“Il suo cuore era attratto da Dina, figlia di Giacobbe; lui ha amato la giovane donna [han-na-‘ă-rā, הַֽנַּעֲרָ֔] e le parlai teneramente.” (Genesi 34:3)

Se qualcuno non è a conoscenza di come siano precisi ed esigenti gli scribi della Torah, si potrebbe pensare che questo sia stato un semplice sbaglio di scrittura, un errore tecnico. Ma conoscendo la precisione con cui gli studiosi della Torah trascrivono ciascun rotolo della Torah, si potrebbe dire che la rimozione della lettera non è stato un errore, ma piuttosto un atto deliberato. Forse si suggerisce che la passeggiata solitaria di Dina in città sia stata fatta senza che ella fosse consapevole della sua vulnerabilità. Dina entrò in città solo per visitare le donne del paese, non gli uomini. Come sorella di 12 fratelli, il desiderio di compagnia femminile poteva essere considerato del tutto naturale. Forse si sentiva al sicuro poiché nella sua terra, dato che la sua famiglia viveva in una zona pacifica, avendo comprato la terra su cui si erano stabiliti i figli di Hamor. Noi non conosciamo le circostanze esatte. Tuttavia, sembra che Dina sia uscita con la fiducia di un giovane uomo, non consapevole dei pericoli di entrare nella città da sola come una giovane donna.

Ancora oggi, le donne hanno bisogno di riconoscere la loro vulnerabilità e camminare in sapienza, non mettersi in situazioni in cui potrebbero essere in pericolo  la purezza o santità della mente, anima, e corpo. Ovviamente, i genitori, sia spirituali che legali, hanno la responsabilità di insegnare, avvertire e consigliare i loro figli su queste realtà prima che si mettano in pericolo. Qualunque fosse il suo ragionamento, Dina ha qualche responsabilità per avventurarsi da sola, mentre Shechem ha la piena responsabilità del suo atto criminale e violento nei confronti di una donna indifesa.

I figli di Giacobbe Pianificano Vendetta

I Figli di Giacobbe, i fratelli di Dina, erano indignati per il disonore apportato alla loro sorella. Ma Hamor parlò con Giacobbe, chiedendo che attraverso un matrimonio tra loro figlio e figlia, i loro gruppi potessero entrare in una relazione di alleanza. I figli di Giacobbe affrontarono slealmente Hamor, dicendogli che sarebbero stati d’accordo con la sua proposta a condizione che tutti i maschi fossero circoncisi, poiché questo era il segno dell’alleanza. Hamor e Sichem, in buona fede, concordarono, ed i maschi erano circoncisi. Il terzo giorno, quando furono immobilizzati dal dolore, Simeone e Levi uccisero ogni uomo come vendetta per Sichem che aveva contaminato la sorella. Presero tutto il bottino, i loro greggi, la ricchezza, mogli e piccoli. Simeone e Levi si vendicarono per un terribile crimine commesso contro la loro sorella, anche se l’intera città cercò di fare ammenda.

La rabbia può provocare la gente a fare cose terribili. Un brutto carattere è una debolezza di carattere che deve essere superata se vogliamo essere sempre il popolo di Dio che Egli desidera che siamo. La parola di Dio ci dice che la rabbia dell’uomo non produce la giustizia di Dio, e la rabbia riposa nel petto degli sciocchi. È naturale sentire rabbia, a volte, ma non dobbiamo permettere che la rabbia ci controlli. Il nemico vuole usare la nostra rabbia contro di noi per causare molta distruzione. Yeshua (Gesù) ci ha insegnato che non siamo tenuti a rendere male per male, ma a superare il male con il bene. Sì, potremmo arrabbiarci per l’ingiustizia e i torti che le persone fanno contro di noi o altri, specialmente i nostri cari, ma questo non giustifica il nostro peccato commettendo brutti atti di vendetta.

“Adiratevi e non peccate”. (Efesini 4:26)

La Rabbia è Maledetta

Simeone e Levi hanno agito rettamente? Non negli occhi del loro padre. Anche se Giacobbe non ha negato che la figlia avrebbe dovuto essere vendicata in qualche modo, fino al giorno della loro morte non li ha perdonati per aver agito con rabbia. Invece di benedirli sul letto di morte, ha maledetto la loro rabbia e crudeltà.

“Simeone e Levi sono fratelli: le loro spade sono strumenti di violenza. Non entri l’anima mia nel loro consiglio, non si unisca la mia gloria alla loro adunanza! Poiché nella loro ira hanno ucciso degli uomini, e nella loro caparbietà hanno tagliato i garretti ai tori. Maledetta la loro ira, perché è stata violenta, e il loro furore perché è stato crudele! Io li dividerò in Giacobbe e li disperderò in Israele” (Genesi 49:5-7)

E quando sono entrati nella Terra Promessa, la tribù di Simeone era la più piccola e debole (vedi il secondo censimento di Mosè Numeri 26:14), e sono stati lasciati fuori della benedizione finale di Mosè prima di morire (Deuteronomio 33). Inoltre, nel loro piccolo trovano eredità nella più ampia eredità della tribù di Giuda, quindi erano sparsi anche attraverso Giuda (Giosuè 19:1-9).

La tribù di Levi è l’unica tribù dei dodici che non ha ricevuto un’eredità di terra; eppure, attraverso la loro obbedienza a Dio nelle generazioni successive (Esodo 32) e con la sua grazia, hanno ricevuto il privilegio e la responsabilità dei doveri sacerdotali in Israele, fino ad oggi. La parola di Dio ha così tanto da dire sulla rabbia. Dio stesso è chiamato gentile e lento all’ira (Salmo 103:8), e ci chiede di imitarlo in questo.

“Chi è lento all’ira val più di un forte guerriero, e chi domina il suo spirito val più di chi espugna una città.” (Proverbi 16:32)

Ognuno di Noi Lotta

Questa Parasha si conclude con una nota triste, Rachele muore dando alla luce il suo secondo figlio, il cui nome è cambiato da suo padre da Ben-oni (figlio del mio dolore) Ben-Yamin (figlio alla mia destra). Giacobbe ritorna da suo padre, Isacco, che muore di vecchiaia a 180 anni, ma Giacobbe non rivede più sua madre, morta mentre egli era via in Haran. La vita di Giacobbe ci mostra che possiamo attraversare molte prove e difficoltà, ma attraverso la tenacia e la preghiera, possiamo superarle. Yeshua ci ha detto che in questa vita avremo molti problemi, ma possiamo essere di buon animo perché Egli ha vinto il mondo (Giovanni 16:33). Fino ad oggi, i discendenti di Giacobbe (Israele) lottano ancora con questo Divino Uomo che è Yeshua HaMashiach (il Messia). Per favore pregate che Israele conosca il Yeshua il Messia e che Israele conosca la verità, incontrandolo in modo personale e ricevendo così la piena eredità della vita eterna attraverso la fede per grazia in Yeshua.

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s