Torah Portion VaYetze / Porzione di Torah VaYetze

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Vayetze (And He Left), this week’s study of the Word of God.

vayetze

This is the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world during this week’s Shabbat (Saturday) service.

PARASHA VAYETZE (And He Left)

Torah Portion: Genesis 28:10-32:2

Haftarah (Prophetic) Portion: Hosea 12:13-14:10 

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): John 1:43-51; 4:1-26

“And Jacob went out from Beersheba.” (Genesis 28:10)

Last week, in Parasha Toldot, Isaac’s wife Rebecca had a difficult pregnancy as the twin boys jostled within her. When she inquired of the Lord, He told her that two nations were in her womb and the elder (Esau) would serve the younger (Jacob).

This week, Parasha Vayetze (וַיֵּצֵא) describes Jacob’s travels to Harran, his mother’s homeland, to find a wife and to flee the murderous plot of his brother Esau.

Jacob Leaves His Comfort Zone

We may recall that Jacob was not a rough and tough adventurer like his brother, Esau. He had a quiet personality from birth, preferring to be at home rather than out in the woods hunting for game.

So, the call to leave his home for another land (like his grandfather Abraham, and his father Isaac) may have caused much anxiety, perhaps doubly so since he was running to save his life, at his mother’s insistence.

On the other hand, Jacob had just received an extraordinary blessing from his father Isaac of “heaven’s dew and earth’s richness, an abundance of grain and new wine” with a promise of nations serving and bowing down to him (Genesis 27:28-29).

So Jacob set out for Harran, much blessed. Even so, instead of his comfortable bed or a warm inn at the side of the road, he spent his first night sleeping on the cold, hard ground without any kind of physical shelter and only stones for a pillow.

Jacob Receives His Spiritual Inheritance

“And he dreamed, and behold a ladder set up on the earth, and the top of it reached to heaven; and behold the angels of God ascending and descending on it.” (Genesis 28:12)

Vayetze Jacob's dream

Any anxiety Jacob had that night must have fled his spirit when the Lord appeared to him in a dream. 

In that dream, God was standing at the top of a ladder that reached into the heavens, with angels going up and down it. There, He promised to give Jacob the same inheritance He gave Abraham and Isaac, the land upon which he lay: “And, behold, the LORD [YHVH] stood beside him, and said: ‘I am the LORD, the God of Abraham your father, and the God of Isaac. The land upon which you lie, to you will I give it, and to your seed.” (Genesis 28:13)

It is clear through this Scripture that the Divine title deed to this land belongs to the seed of Jacob (Israel) and not the seed of his brother, Esau, who is the forefather of many of the non- Jewish people currently living in the land.

Jacob awoke from his dream filled with awe, delighting in the presence of the One True God; and for that reason, he called the place Bethel or Beit–El (House of God). In truth, though, any place can become a “house of God” when His holy Presence invades the space.

The ancient Jewish rabbis viewed this pivotal encounter with God as Jacob’s spiritual awakening. It is here that he entered the role of spiritual forefather, moving forward in the promises given to his grandfather, Abraham, not only to receive the land, but also to bear fruit and bring blessing to generation after generation of all peoples of the earth: “Your descendants will be like the dust of the earth, and you will spread out to the west and to the east, to the north and to the south. All peoples on earth will be blessed through you and your offspring.” (Genesis 28:14)

What perhaps began as a journey of obedience to His parents now became a journey with God Himself: “I am with you and will watch over you wherever you go, and I will bring you back to this land. I will not leave you until I have done what I have promised you.” (Genesis 28:15)

While Abraham and Isaac had their own very personal encounters with God, until this time, it seems that Jacob had no such encounter. But as God reveals His power and presence, Jacob responds with clarity and a simple faith, saying: “If God will be with me and will watch over me on this journey I am taking and will give me food to eat and clothes to wear so that I return safely to my father’s household, then the Lord will be my God.” (Genesis 28:20-21)

In accepting the Lordship of Adonai over his life, Jacob is not waiting for riches before he serves Him and he also makes this commitment to Him: “This stone that I have set up as a pillar will be God’s house, and of all that You give me I will give You a tenth.” (Genesis 28:22)

When we honor the Lord’s real presence in our lives and reinvest our resources back into His work through tithing, offerings, and serving, we acknowledge that He is Lord over our lives, that He provides us protection, food, clothing, and shelter and that He alone is worthy of adoration and praise all the time, everywhere.

Jacob Encounters Living Water

“And it came to pass, when Jacob saw Rachel the daughter of Laban his mother’s brother, and the sheep of Laban his mother’s brother, that Jacob went near, and rolled the stone from the well’s mouth, and watered the flock of Laban his mother’s brother.” (Genesis 29:10)

By the time Jacob arrives at his uncle Laban’s land, it seems that he had undergone a remarkable transformation. Earlier on, he had been described as a tent-dweller, in contrast to his rugged brother Esau who was an outdoorsman.

Traditionally in Judaism, Jacob is described as a scholar. Yet, suddenly it seems that he actually possesses remarkable strength. He is able to single-handedly move the heavy stone off of a community well in order to water his uncle’s sheep. Either he possessed this strength all along, or it developed as he journeyed in faith and obedience.

If the first is true, then he is a remarkable example of someone who led a balanced life, not neglecting the need to develop his external strength as he developed his internal strength. If the second is true, then he is an example to all of us as to how we can be transformed in our walk with Adonai.

If we keep in mind that moving the stone single-handedly was a feat fit for Samson, there is room for both to be true.

jacob-and-rachel-at-the-well

Much is made of this meeting at the well in Judaism’s oral tradition, and there are several interpretations, each perhaps building on the other.

Among them, the well is thought to represent Zion, and the three flocks Babylon, Persia, and Greece, imperial powers that drew from the well the wealth of Israel and the Holy Temple.

In this interpretation, the rolling back of the stone represents the future messianic age when exile will end and God redeems His people. The well is also interpreted as being the water of Torah, from which Jewish leadership draws in order to learn how to rule.

Water is a rich symbol in Jewish writing, and in Jeremiah 2:13, God calls Himself the “spring of living water.” Life flows from Him.

Along this vein of thinking, then, the water in the well can also be seen to represent Yeshua, who proclaimed, “Whoever believes in Me, as Scripture has said, rivers of living water will flow from within them.” (John 7:38)

It is only through Yeshua, the source of living water, that anyone can come to the Father to receive the gift of salvation.

“Yeshua said to him, “I am the way, and the truth, and the life. No one comes to the Father except through Me.” (John 14:6)

The rolling away of the stone perhaps also reminds us of the miraculous rolling away of another stone, the one that covered Yeshua’s burial place. When that stone was rolled away, the resurrection of Yeshua was revealed.

Prophetically, once Israel sees Yeshua as the Messiah who died, was buried, and rose again, then resurrection life will come to the entire world.

“For if their rejection is the reconciliation of the world, what will their acceptance be but life from the dead?” (Romans 11:15)

So many people are thirsting today for a real relationship with the Living God. This is why it is so important that we bring the Word of God from Jerusalem to the nations. (Isaiah 2:3)

“O God, You are my God; early will I seek You; my soul thirsts for You; my flesh longs for You in a dry and thirsty land where there is no water.” (Psalm 63:1)

Destiny and the Love of Jacob’s Life

In an encounter that is reminiscent of Abraham’s servant finding a bride for Isaac at a well, Jacob meets his bride-to-be at a well, perhaps the very same well.

It is a divine appointment. Jacob falls in love at first sight, understanding that she is his bashert, a Yiddish word meaning destiny or from God. In regard to marriage, bashert has evolved into the modern idea of a “soul mate” predestined by God.

He is so smitten by the beautiful Rachel, daughter of his uncle Laban, that he agrees to work seven years for her hand in marriage (although, he was tricked by Laban into working 14 years): “And Jacob loved Rachel; and he said: ‘I will serve you seven years for Rachel your younger daughter.’” (Genesis 29:18)

This work agreement shows Jacob’s great integrity as a man who is not relying on God to simply hand him every good thing on a silver platter, as his father’s blessing back home or God’s promises at Bethel might suggest. Nor did he go back to his father to ask for money.

For 20 years in Harran, Jacob worked hard, paying his own way. He protected and nurtured the flocks and herds of Laban as an honest servant, prospering both himself and Laban.

Laban, however, was not the model father-in-law, nor was he an honest, upright businessman. Not only did Laban trick Jacob into first marrying Rachel’s older sister, Leah, but Laban also tried to cheat Jacob out of his fair wages several times. Laban’s name in Hebrew means “white.”

Names in Biblical times often revealed the character and destiny of the name bearer and, in this case, there may have been a connection to leprosy. Regardless, we must be wise and discern a person’s character, not being deceived by someone that appears to be clean or pure, since even the devil himself can appear as an angel of light (2 Corinthians 11:14).

The Twelve Tribes Receive Their Names

Today, many Jewish children are named after one of their ancestors; however, in Biblical times, the name of a child could reflect the mother’s state of mind when giving birth or the hope for the child’s future.

Leah named nine of Jacob’s children and Rachel named four, these 13 children comprised one daughter and 12 sons. All 12 except for the Levites would receive portions of the Promised Land as the inheritance for each of their tribes, according to God’s promise to Abraham, Isaac, and Jacob.

The Levites received God as their inheritance and the responsibility to serve Him in His Temple while being supported by the other tribes through tithes and offerings. (Deuteronomy 10:9; Numbers 18:24; Joshua 18:7)

The remaining tribes and land allotments were comprised of two of Joseph’s sons, Manasseh and Ephraim.

Leah called their first son Reuben (רְאוּבֵן), from a Hebrew word Re’eh (see) because God had seen her state of being unloved and had, therefore, blessed her with a son.

“And Leah conceived, and bore a son, and she called his name Reuben; for she said: ‘Because the LORD has looked upon my affliction; for now my husband will love me.’” (Genesis 29:32)

In one case, Jacob overruled a naming decision. When Rachel knew she was about to die giving birth to her second son, she called him Ben-Oni (son of my sorrow). Jacob changed his name to Ben-Yamin Benjamin (son at my right hand) to better reflect his destiny.

Each of the children received names that reflected family hopes or circumstances (but you will have to read the Torah portion for this Shabbat to discover why they were given these names).

  1. Reuben—See, a son
  2. Simeon—Hearing
  3. Levi—Joined; attached
  4. Judah—Yah be praised
  5. Dan—Judge
  6. Naphtali—My wrestling
  7. Gad—Troop; invader; good fortune
  8. Asher—Happy
  9. Issachar—Man of hire
  10. Zebulun—Dwelling
  11. Joseph—Increaser or God will increase
  12. Benjamin—Son of my right hand
  13. Dinah—Judged or Vindicated (Daughter)

At the end of this Parasha, Jacob begins his journey home. In the next Parasha, Jacob prepares to encounter his rival brother Esau after 20 years of estrangement. On the way, Jacob will also encounter a Divine messenger who will change his name from Yaacov (Jacob – referring to the heel of the foot) to Yisrael (Israel – one who struggles with God).

Today, the ancient rivalry between the brothers still seems to remain, but that is not the only struggle the Jewish people face. They also struggle with understanding the prophetic Scriptures and the issue of who Messiah really is. Please pray for the eternal salvation of the Jewish people that all will come to a personal faith in Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah).

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Vayetze (ed egli partì), lo studio di questa settimana della Parola di Dio. Questa è la parte della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il servizio di Shabbat (Sabato) di questa settimana.

PARASHA VAYETZE (ed egli partì) 

Porzione di Torah: Genesi 28:10-32:2 

Haftarah (Porzione Profetica): Osea 12: 13-14:10 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Giovanni 1:43-51, 4:1-26

“E Giacobbe è uscito da Beersheba.” (Genesi 28:10)

La settimana scorsa, nella Parasha Toldot, la moglie di Isacco, Rebecca, ha avuto una gravidanza difficile e i suoi due gemelli si sono scontrati nel suo grembo. Quando ella ha chiesto al Signore, le ha detto che due nazioni erano nel suo grembo e che il maggiore (Esau) avrebbe servito il più giovane (Giacobbe). Questa settimana, la Parasha Vayetze (וַיֵּצֵא) descrive il viaggio di Giacobbe verso Harran, la madrepatria di sua madre, per trovare una moglie e fuggire dalla trama omicida di suo fratello Esau.

Giacobbe Lascia la sua Area di Comodità

Possiamo ricordare che Giacobbe non era un avventuriero duro come suo fratello Esau. Aveva una personalità tranquilla fin dalla nascita, preferendo essere a casa piuttosto che nei boschi a caccia di selvaggina. Quindi, la chiamata a lasciare la sua casa per un’altra terra (come suo nonno Abraham, e suo padre Isaaco) può aver causato molta ansietà, forse ancor di più in quanto egli stava scappando per salvare la vita, su insistenza di sua madre.

D’altra parte, Giacobbe aveva appena ricevuto una straordinaria benedizione da suo padre Isacco che aveva pronunciato su di lui La rugiada del cielo e la ricchezza della terra, l’abbondanza di grano e vino nuovo” con una promessa di nazioni che servono e si inchinano a lui (Genesi 27:28-29). Così Giacobbe partì per Harran, molto benedetto.  Anche così, invece del suo comodo letto o di una calda locanda all’angolo della strada, egli trascorre la sua prima notte dormendo al freddo, su un terreno duro senza alcun tipo di rifugio fisico e avendo solo pietre come cuscino. 

 

Giacobbe Riceve la sua Eredità Spirituale

 

“E ha sognato, ed ecco una scala eretta sulla terra, e la cima raggiunta in cielo; ed ecco gli angeli di Dio che vi si stanno sottomettendo e discendendo”. (Genesi 28:12)

 

Qualsiasi ansietà Giacobbe avesse avuto quella notte dovette volare via quando il Signore gli apparve in sogno. In quel sogno, Dio era in cima a una scala che raggiungeva il cielo, con angeli che salivano e scendevano. Lì, Adonai promise di dare a Giacobbe la stessa eredità che diede ad Abrahamo e Isacco, il paese su cui giaceva: “Ed ecco, il Signore [YHVH] stava in piedi accanto a lui e disse: ‘Io sono il Signore, il Dio di Abramo, tuo padre, e il Dio di Isacco. La terra su cui menti, a te la darò, e alla tua discendenza”. (Genesi 28:13)

È chiaro attraverso questa Scrittura che il titolo divino di questa terra appartiene al seme di Giacobbe (Israele) e non alla progenie di suo fratello Esau, che è l’antenato di molti dei non Ebrei che attualmente vivono nelle nazioni. Giacobbe si svegliò dal suo sogno pieno di stupore, deliziato dalla presenza dell’Unico Vero Dio; e per questo motivo, ha chiamato il posto Bethel o Beit-El (Casa di Dio). 

In verità, però, qualsiasi luogo può diventare una “casa di Dio” quando la Sua Santa Presenza invade lo spazio. Gli antichi rabbini Ebrei consideravano questo incontro cruciale con Dio come il risveglio spirituale di Giacobbe. È qui che è entrato nel ruolo di antenato spirituale, andando avanti con le promesse a suo nonno, Abramo, non solo per ricevere la terra, ma anche per portare frutto e benedire generazioni e generazioni di tutti i popoli della terra: “La tua discendenza sarà come la polvere della terra, e ti distenderai ad ovest e ad est, a nord e a sud. Tutti i popoli della terra saranno benedetti per te e la tua discendenza.” (Genesi 28:14) 

Quello che forse è iniziato come un viaggio di obbedienza ai suoi genitori ora è diventato un viaggio con Dio stesso: “Io sono con te e ti proteggerò dovunque tu vada, e ti riporterò in questa terra. Non ti lascerò finché non avrò fatto ciò che ti ho promesso. (Genesi 28:15)

Mentre Abramo e Isacco avevano i loro incontri personali con Dio, fino a questo momento, sembra che Giacobbe non abbia avuto un simile incontro. Ma Dio rivela la sua potenza e presenza in Giacobbe che risponde con chiarezza e fede semplice, dicendo: “Se Dio sarà con me e veglierà su di me in questo viaggio che sto prendendo e mi darà da mangiare cibo e vestiti da indossare in modo che io torni sano e salvo alla casa di mio padre, allora il Signore sarà il mio Dio”. (Genesi 28:20-21)

Nellaccettare la Signoria di Adonai per tutta la sua vita, Giacobbe non sta pretendendo di ricevere ricchezze prima di servirLo e anche lui si impegna ad obbedire Dio: “Questa pietra che ho eretto come pilastro sarà la casa di Dio, e di tutto ciò che mi dai ti darò un decimo”. (Genesi 28:22)

Quando onoriamo la presenza reale del Signore nelle nostre vite e reinvestiamo le nostre risorse nella Sua opera attraverso la decima, le offerte e il servizio, riconosciamo che Egli è il Signore delle nostre vite, che ci fornisce protezione, cibo, vestiario e riparo e che Lui solo è degno di adorazione e di lode tutto il tempo, ovunque noi siamo.

Giacobbe Incontra l’Acqua Viva

E avvenne che quando Giacobbe vide Rachele, figlia di Labano, fratello di sua madre, e le pecore di Labano, fratello di sua madre, che Giacobbe si avvicinò e rotolò la pietra dalla bocca del pozzo, e abbeverò il gregge di Labano, il fratello di sua madre”. (Genesi 29:10)

Quando Giacobbe arriva a casa di suo zio Labano, sembra che egli abbia subito una notevole trasformazione. In precedenza, era stato descritto come un abitante di tende, in contrasto con il suo robusto fratello Esau che era un uomo attaccato alla terra. Tradizionalmente nel Giudaismo, Giacobbe è descritto come uno studioso. Eppure, all’improvviso sembra che possieda davvero una forza notevole. 

È in grado di spostare da solo la pietra pesante di un pozzo della comunità per abbeverare le pecore di suo zio. Egli possedeva già questa forza, ma essa si sviluppò mentre viaggiava nella fede e nell’obbedienza ad Adonai. Se è vero che egli aveva già in se la forza per sostenere le prove dategli dal suocero Laban, allora egli è un notevole esempio di colui che conduce una vita equilibrata, senza trascurare il bisogno di sviluppare la sua forza esterna mentre sviluppava la sua forza interiore. Inoltre avendo sviluppato la sua forza nel tempo e attraverso la prova, egli è un esempio per tutti noi e di come possiamo essere trasformati nel nostro cammino con Adonai.

Se teniamo a mente che spostare la pietra da solo è stata un’impresa adatta a Sansone, ci rendiamo conto della potenza di Adonai in Giacobbe. Si è discusso molto dell’incontro al pozzo nella tradizione orale dell’Ebraismo, e ci sono diverse interpretazioni, ciascuna forse costruita sull’altra. Tra queste, si pensa che il pozzo rappresenti Sion, e le tre greggi Babilonia, Persia e Grecia, poteri imperiali che attingono dal pozzo la ricchezza di Israele e il Tempio Santo. In questa interpretazione, il rotolamento della pietra rappresenta la futura era messianica in cui l’esilio finirà e Adonai riscatterà il Suo popolo. Il pozzo viene anche interpretato come l’acqua della Torah, da cui viene fuori la guida del popolo di Israele sull’imparare a governare.

L’acqua è un simbolo di ricchezza nella scrittura Ebraica, e in Geremia 2:13, Adonai chiama se stesso la “sorgente di acqua viva”. La vita scorre da Lui. Lungo questa linea di pensiero, quindi, l’acqua nel pozzo può anche essere vista come rappresentazione di Yeshua, che ha proclamato, “Chiunque crede in me, come ha detto la Scrittura, fiumi di acqua viva fluiranno da dentro di loro”. (Giovanni 7:38)

È solo attraverso Yeshua, la fonte di acqua viva, che chiunque può venire al Padre per ricevere il dono della salvezza.

“Gesù gli disse: “Io sono la via , la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di Me.” (Giovanni 14:6)

Il rotolare via della pietra forse ci ricorda anche il miracoloso rotolamento di un’altra pietra, quella che copriva il luogo di sepoltura di Yeshua. Quando quella pietra fu rotolata via, la resurrezione di Yeshua fu rivelata. Profeticamente, una volta che Israele riceverà la rivelazione di Yeshua come il Messia che è morto e risorto per il suo popolo e sposa, la vita di risurrezione arriverà in tutto il mondo.

 

“Perché se il loro rifiuto è la riconciliazione del mondo, quale sarà la loro accettazione se non la vita dai morti?” (Romani 11:15)

 

Tante persone oggi hanno sete di una vera relazione con il Dio vivente. Questo è il motivo per cui è così importante portare la Parola di Dio da Gerusalemme alle nazioni. (Isaia 2:3)

 

“O Dio, tu sei il mio Dio; presto ti cercherò; la mia anima è assetata di te; la mia carne ti aspira in una terra arida e assetata dove non c’è acqua”. (Salmo 63:1) 

 

Il Destino e l’Amore della Vita di Giacobbe

 

In un incontro che ricorda il servo di Abrahamo che trova una sposa per Isacco in un pozzo, Giacobbe incontra la sua futura sposa a un pozzo, guidato dallo stesso amore di Adonai. È un appuntamento divino. Giacobbe si innamora a prima vista di Rachele, capendo che lei è sua bashert, un significato di parola yiddish destino da Dio. Riguardo al matrimonio, bashert si è evoluto nell’idea moderna di “anima gemella” predestinata da Dio. È così colpito dalla bella Rachele, figlia di suo zio Laban, che accetta di lavorare sette anni per la sua mano in matrimonio (sebbene sia stato ingannato da Laban per lavorare per 14 anni): “E Giacobbe amava Rachela; e disse: “Ti servirò sette anni per Rachele, la tua figlia minore”. (Genesi 29:18) 

Questo accordo di lavoro mostra la grande integrità di Giacobbe come uomo che non sta facendo affidamento su Dio per consegnargli semplicemente ogni cosa buona su un piatto d’argento, come potrebbe suggerire la benedizione della casa di suo padre o il suo sogno a Bethel. Egli non tornò mai da suo padre per chiedere soldi. Per 20 anni ad Harran, Giacobbe ha lavorato sodo, mantenendo un patto con Labano. Egli proteggeva e allevava le greggi e le mandrie di Labano come un onesto servitore, facendo prosperare se stesso e Laban. Laban, tuttavia, non era il modello ideale di suocero, né era un uomo d’affari onesto. Non solo Labano ha ingannato Giacobbe per sposare prima la sorella maggiore di Rachele, Leah, ma Labano ha anche cercato di imbrogliare Giacobbe e ritrattato il suo giusto salario diverse volte. Il nome di Laban in Ebraico significa “bianco”. I nomi nei tempi biblici spesso rivelavano il carattere e il destino del portatore del nome e, in questo caso, potrebbe esserci stato un legame con la lebbra. 

Indipendentemente da ciò, dobbiamo essere saggi e discernere il carattere delle persone che ci troviamo di fronte, non essere ingannati da qualcuno che sembra essere pulito o puro, dal momento che anche il diavolo in persona può apparire come un angelo di luce (2 Corinzi 11:14).

Le Dodici Tribù Ricevono i Loro Nomi

Oggi molti bambini Ebrei prendono il nome da uno dei loro antenati; tuttavia, nei tempi biblici, il nome di un bambino poteva riflettere lo stato mentale della madre quando partoriva o la speranza per il futuro del bambino. Leah ha nominato nove figli di Giacobbe e Rachele ha nominato quattro, questi 13 bambini comprendono una figlia e 12 figli. Tutti i 12, eccetto che per i Leviti, riceveranno parti della promessa e come eredità per ciascuna delle loro tribù, secondo la promessa di Dio ad Abrahamo, Isacco e Giacobbe. I Leviti hanno ricevuto Dio come eredità e la responsabilità di servirlo nel suo tempio mentre sono sostenuti dalle altre tribù attraverso le decime e le offerte. (Deuteronomio 10:9; Numeri 18:24; Giosuè 18:7)

Le restanti tribù e terre assegnate erano composte da due figli di Giuseppe, Manasse ed Efraim. Leah ha chiamato il loro primo figlio Reuben (רְאוּבֵן), da una parola Ebraica re’eh (vedere) perché Dio aveva visto l’afflizione di Leah e l’aveva, quindi, benedetta con un figlio.

“E Lea concepì e partorì un figlio, e chiamò il suo nome Ruben; poiché ella disse: “Perché il Signore ha guardato la mia afflizione; per ora mio marito mi amerà.’” (Genesi 29:32)

In un caso, Giacobbe ha annullato una decisione di denominazione. Quando Rachele seppe che stava per morire dando alla luce il suo secondo figlio, lo chiamò Ben-Oni  (figlio del mio dolore). Giacobbe ha cambiato il suo nome in Ben-Yamin – Benjamin (figlio alla mia destra) per riflettere meglio il suo destino.

Ciascuno dei bambini ha ricevuto nomi che riflettevano le speranze o le circostanze della famiglia (ma dovrete leggere la parte della Torah per questo Shabbat per scoprire perché essi hanno ricevuto questi nomi).

  1. Ruben, – guarda: un figlio (maschio)!, derivante anche dalla radice di Gevurah. 
  2. Simeone – Il suo nome significa YHWH mi ha udito.
  3. Levi, – Mi si affezionerà, sperando Lia, in un avvicinamento di Giacobbe. Ma lui amava di più Rachele, sua sorella.
  4. Giuda – “giovane leone”. Significa loderò YHWH.
  5. Dan – YHWH mi ha fatto giustizia.
  6. Neftali – rivalità tra sorelle.
  7. Gad – per fortuna!.
  8. Aser – così mi diranno felice!
  9. Issachar –  Dio mi ha dato il mio salario, per avere io dato la mia schiava a mio marito.
  10. Zabulon – Dio mi ha fatto un bel regalo: questa volta mio marito mi preferirà, perché gli ho partorito sei figli. Dopo Zabulon Lia ebbe anche una figlia: Dina.
  11. Giuseppe – Dio ha tolto il mio disonore, disse Rachele, al primo figlio.
  12. Beniamino – Non temere, disse lei, prima di morire. Il nome, in semitico, significa figlio della mia mano destra, capo, o reggitore del Sud (il sud sta a destra, nella geografia semita, guardando verso Gerusalemme ad occidente verso oriente, ma dal Qodesh haQodashimsi guarda verso occidente).

A questa prima struttura tribale se ne succedettero altre, tra cui Efraim e Manasse, citati come figli di Giuseppe, ma adottati da Giacobbe. Queste due tribù furono a capo del Regno di Israele, nato nella parte nord del Regno di Davide dopo la morte di Salomone.

Alla fine di questa Parasha, Giacobbe inizia il suo viaggio verso casa. Nel prossimo Parasha, Giacobbe si prepara ad incontrare il suo rivale fratello Esau dopo 20 anni di lontananza. Sulla strada, Giacobbe incontrerà anche un messaggero divino che cambierà il suo nome da Yaacov (Giacobbe – riferendosi al tallone del piede) a Yisrael (Israele – uno che lotta con Dio).

Oggi, l’antica rivalità tra i fratelli sembra ancora rimanere, ma questa non è l’unica lotta che il popolo di Israele deve affrontare. Essi combattono anche con la comprensione delle Scritture profetiche e il problema di chi sia veramente il Messia. Per favore pregate per la salvezza eterna del popolo di Israele e che tutti vengano ad una vera fede ed un rapporto personale con Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia).

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in Inglese e in Italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s