Torah Portion Toldot / Porzione di Torah Toldot

Shabbat Shalom!

Torah Portion Toldot

Welcome to Toldot (Generations), this week’s Parasha (Torah Portion).

This is the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service. Please read along with us; we know you will be blessed!

TOLDOT (Generations)

Torah Portion: Genesis 25:19-28:9

Haftarah (Prophetic) Portion: Malachi 1:1-2:7

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Romans 9:6-29

“And these are the generations [toldot] of Yitzchak [Isaac], Avraham’s [Abraham] son: Avraham begat Yitzchak.” (Genesis 25:19)

In our last Parasha (Torah portion), Yitzchak (Isaac), the son of Sarah and Abraham,   carried on the legacy of his parents’ faith and obedience to Adonai. After his mother died, Abraham sent his servant to bring home a wife for Yitzchak from among Abraham’s kinsmen. At the well where the women of the town would soon appear, the servant prayed for God’s help in locating the perfect wife for Yitzchak. Just then, Rivkah (Rebecca) arrived and provided water for him and his camels. Yitzchak was 40 when he married her.

Prayer Brings Blessings

“Isaac prayed to the LORD on behalf of his wife, because she was childless. The LORD answered his prayer [atar], and his wife Rebekah became pregnant.” (Genesis 25:21)

In this week’s Parasha, we discover that Rivkah is barren; in fact, according to Jewish tradition, she was born without a womb. She is one of seven women in the Torah who have difficulty conceiving but finally come to bear children by the grace of God, in this case, in answer to her husband’s prayer. It is traditionally believed that he prayed for 19 years. Moreover, it is also believed that he prayed in unity with Rivkah.

What a lesson for us today! Just because we pray once and do not receive an answer does not mean we should stop praying! God wants us to bring our requests to Him in the unity of faith.

The Hebrew expression used in Genesis 25:21 for prayer (atar עָתַר), which can also mean to dig, is related to the Hebrew word for pitchfork (eter). The Talmud (Jewish Oral Law) explains the connection:

“As a pitchfork turns the sheaves of grain from one position to another, so does the prayer of the righteous turn the dispensations of the Holy One, blessed be He, from the attribute of anger to the attribute of mercy.”

Yitzchak’s prayer penetrated the foundation of heaven, and just as grain is turned over with a pitchfork, so too was God’s judgment of barrenness upon Rivkah “turned over” and reversed by God’s mercy because of prayer.

Of course, the Bible makes it clear that we are to be fruitful and multiply; however, though seed is sown, it is God who opens the womb.

“Behold, children are a heritage from the Lord, the fruit of the womb is a reward. Like arrows in the hand of a warrior, so are the children of one’s youth. Happy is the man who has his quiver full of them; they shall not be ashamed, but shall speak with their enemies in the gate.” (Psalm 127:3-5)

Sarah, Abraham’s wife, came up with her own solution for her barrenness, she suggested a surrogate mother, Hagar. In her own efforts, she received Ishmael. Hannah, another barren woman, went to the Temple and cried out to the Lord for a child and she received the prophet Samuel.

Rivkah did neither. Instead, she turned to her husband who was her spiritual covering to entreat the Lord on her behalf, and God answered Isaac’s prayers for the miraculous gift of new life. Rivkah found herself pregnant with not just one child, but twins, a double portion!

Rebekah gives birth

Birthright Brings Blessings

“And the boys grew; and Esau was a cunning hunter, a man of the field; and Jacob was a quiet man, dwelling in tents.” (Genesis 25:27)

The twin boys grew up with distinctive character traits, which are reflected in their names.

Yaacov (Jacob’s Hebrew name) is related to the word eikev and means the heel of the foot. He was so named because he grabbed his brother’s heel at birth.

This shows Jacob’s tenacity to win the birthright and carry forward the spiritual blessings that God promised to his father Abraham.

Esau, however, was named Esav, from the Semitic root, seir, meaning thick-haired. He was also nicknamed Adom, the Hebrew word for red, since he was born “red and hairy.”

Adom is also related to adamah (land) and dam (blood), which conveys Esau’s love of living off the land, hunting, and thirst for blood.

Jacob and Esau1

While Jacob had a quiet and seemingly spiritual-minded nature, Esau had a carnal one, as shown in the way he so easily trades something of eternal spiritual value (his birthright) for something that satisfies his physical hunger (a bowl of lentils). To him, they were equal.

“’Look, I am about to die [of hunger],’ Esau said. ‘What good is the birthright to me?’” (Genesis 25:32)

Jacob and Esau

Birthrights come with responsibilities as well as blessings. 

Even though Jacob was not the firstborn, he receives great blessings bestowed upon him by his father Isaac, coupled with the responsibility to lead nations.

“May God give you heaven’s dew and earth’s richness, an abundance of grain and new wine. May nations serve you and peoples bow down to you.” (Genesis 27:28-29)

Jacob fools Isaac

Esau, however, who is the firstborn son receives curses: “Your dwelling will be away from the earth’s richness, away from the dew of heaven above. You will live by the sword and you will serve your brother.” (Genesis 27:39-40)

Jacob received his father’s firstborn blessing because it was pre-ordained according to the will of God who said, “Jacob have I loved; but Esau I hated.” (Romans 9:13)

Descendants of Curses Bring More Curses

Just as Cain’s jealousy turned into a murderous plot to kill his brother Abel, so too did Esau plot to kill Jacob, but without success.

This struggle between the brothers did not suddenly appear. Even in Rivkah’s womb, the boys jostled with each other. Rivkah sought wisdom from the Lord, who revealed to her a truth that continues to this day: Two nations are in your womb, and two peoples from within you will be separated; one people will be stronger than the other, and the older will serve the younger.” (Genesis 25:23)

Rabbis over the centuries have compared the jealous, hate-filled character of Esau to the perpetual struggle between the descendants of both brothers.

Jacob’s descendants were birthed out of obedience to his father Isaac, who told him not to marry a Canaanite woman, and he did not.

Esau, on the other hand, married two Canaanite women. One of Esau’s Canaanite offspring was Amalek, who became an archenemy of pre-state Israel by attacking Moses and the Israelites while in the wilderness (Exodus 17). They also invaded Israel during the time of the Judges: “Whenever the Israelites planted their crops, the Midianites, Amalekites and other eastern peoples invaded the country.” (Judges 6:3)

Many try to link the genealogy of Esau and the Amalekites to the modern enemies of Israel. While this might be accurate to some degree, the truth is that the spirit of Esau and the Amalekites to destroy the heirs of blessing has remained alive among many nations.

We saw this hatred in modern pre-state Israel during the expulsion of Jews from England, the tortures of the Spanish Inquisition, and the genocide of six million Jews in the Holocaust.

We saw its vibrancy continue as surrounding nations invaded the newly-formed modern Israel in 1948, again in 1967, and most recently with terrorist groups that vow to claim the land “from the river to the sea” for their own birthright.

While half of the Jewish population has been wiped out in recent decades and specific plans to remove us from the land circulate today, ultimately the Lord will uphold His vows to Abraham, Isaac, Jacob, and their descendants: “I am the Lord, the God of your father Abraham and the God of Isaac. I will give you [Jacob] and your descendants the land on which you are lying. Your descendants will be like the dust of the earth, and … all peoples on earth will be blessed through you and your offspring.” (Genesis 28:13-14)

Those who attack God’s everlasting plans through Jacob are, in fact, placing curses over their own land.

Isaac prayed over Jacob, “May those who curse you be cursed” (Genesis 27:29), and God assures us through the Prophet Ezekiel that this curse continues to hold true.

“Because you have had an ancient hatred, and have shed the blood of the children of Israel by the power of the sword at the time of their calamity, when their iniquity came to an end, therefore, as I live,’ says the Lord God, ‘I will prepare you for blood, and blood shall pursue you; since you have not hated blood, therefore blood shall pursue you.’” (Ezekiel 35:5-6)

The focus of this Parasha is not really curses, but blessings. The Hebrew word for blessed (baruch) is significant in this Parasha: out of 106 verses, baruch appears 34 times! This word, baruch, comes from brachah (blessing), but with a small change in vowel, it becomes breicha, a wellspring of water or even a pool.

Today, we see that God has kept His promise to turn the barren places of this land into wellsprings and pools of water: “I will make rivers flow on barren heights, and springs within the valleys. I will turn the desert into pools of water, and the parched ground into springs.” (Isaiah 41:18)

Inheriting the Blessing

During the saga of Jacob and Esau, a famine came over the land. Although Abraham went down to Egypt for food at times of famine, the Lord instructed Isaac to stay.

“The Lord appeared to Isaac and said, ‘Do not go down to Egypt; live in the land where I tell you to live.’” (Genesis 26:2) 

Like Abraham, Isaac obeyed the Lord and, indeed, was blessed by God for it.

“Sojourn in this land, and I will be with you, and will bless you; for unto you, and unto your seed, I will give all these lands, and I will establish the oath which I swore unto Abraham your father.” (Genesis 26:3)

This shows us the wisdom of seeking the Lord for solutions to our problems and not necessarily repeating what our father before us did, or what seems the logical answer. God may ask us to stay in a situation when everything and everyone is telling us to get out, fast! If God is instructing us to stay, then even in a raging fire, we can be a blessing by providing His Living Water.

As we watch the flames of destruction, jealousy and hate in the spirit of Esau rise up in Jerusalem and Israel through rocket attacks, car rammings, knife assaults, and even arson, there is a temptation to think we here in Israel should escape and “go down to Egypt” or perhaps to the US or Canada. But if the Spirit of God tells us to stay, then we can know that He will protect us and establish the oath He swore unto our forefathers to give us this land.

“For My thoughts are not your thoughts, neither are your ways My ways,” declares the LORD.” (Isaiah 55:8)

Yeshua Brings the Ultimate Blessing to the Promised Land

“Isaac reopened the wells that had been dug in the time of his father Abraham, which the Philistines had stopped up after Abraham died, and he gave them the same names his father had given them.” (Genesis 26:18)

As God tested Abraham’s faith, Isaac likely suffered some post-traumatic stress from being tied up by his father and almost sacrificed. But in this Parasha, we see that Isaac is a man of Godly character with Godly vision who continues to carry on his father’s business by re-digging the wells Abraham had dug on his way to Beer Sheva.

Why are these wells significant? They were vital sources of water in a harsh, dry desert land. But here we see that these life-giving water holes had been intentionally filled with dirt. This can only be interpreted as a barbaric act, done to discourage and even endanger life in order to prevent Isaac from accessing his father’s wells.

We see similar discouragement from lack of water when the children of Israel camped in the wilderness after their exodus from Egypt. When they finally came to a well, they sang praises to Adonai: “From there they went to Beer, which is the well where the LORD said to Moses, ‘Gather the people together, and I will give them water.’ Then Israel sang this song: ‘Spring up, O well!’” (Numbers 21:16-18)

Abraham had purposefully named these wells after God to remind people that He is the source of all life. It is with joy today that we draw from deep wells of living water. “With joy you will draw water from the wells of salvation.” (Isaiah 12:3)

When Yeshua ministered to the Samaritan woman at a well, He made the bold claim of being the Jewish Messiah. There, He proclaimed Himself to be the source of living waters that leads to eternal life. “But whoever drinks the water I give them will never thirst. Indeed, the water I give them will become in them a spring of water welling up to eternal life.” (John 4:14)

The ultimate heirs of blessing are the heirs of the promised Messiah, Yeshua HaMashiach, who became the final sacrifice for all who trust and believe that He is that promise. This salvation is a free gift that 99% of Jewish people do not yet know about because no one has explained to them how the Hebrew Scriptures reveal Yeshua as their promised Messiah. Nevertheless, the Bible promises that in these last days, as the Times of the Gentiles come to a close, all of Israel will be saved.

“I do not want you to be ignorant of this mystery, brothers and sisters, so that you may not be conceited: Israel has experienced a hardening in part until the full number of the Gentiles has come in, and in this way all of Israel will be saved.”  (Romans 11:25-26)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

 To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

 

Shabbat Shalom,

Benvenuti a Toldot (Generazioni), la Parasha di questa settimana (Porzione della Torah). Questa è la parte della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il servizio dello Shabbat (sabato). Per favore, leggete insieme a noi; sappiamo che sarete benedetti!

TOLDOT (Generazioni)

Porzione di Torah: Genesi 25:19-28:9 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Malachia 1:1-2:7 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Romani 9:6-29

“E queste sono le generazioni [raccontate] di Yitzchak [Isacco], di Avraham   [Abrahamo]: Abramo generò Yitzchak.” (Genesi 25:19)

Nella nostra ultima Parasha (parte della Torah), Yitzchak (Isacco), il figlio di Sara e Abramo, ha portato avanti l’eredità della fede dei suoi genitori e l’obbedienza ad Adonai. Dopo che sua madre morì, Abramo mandò il suo servo a cercare e portare a casa una moglie per Yitzchak tra i parenti di Abrahamo. Al pozzo, dove presto apparivano le donne della città, il servitore pregò per l’aiuto di Dio nel trovare la moglie perfetta per Yitzchak. Proprio allora, Rivkah (Rebecca) arrivò e fornì acqua per lui e per i suoi cammelli. Yitzchak aveva 40 anni quando la sposò.

La preghiera porta benedizioni

“Isacco pregò il Signore a nome di sua moglie, perché era senza figli. L’Eterno rispose alla sua preghiera [atar] e la moglie Rebecca è rimasta incinta.” (Genesi 25:21)

Nella Parasha di questa settimana, scopriamo che Rivkah è sterile; infatti, secondo la tradizione Ebraica, è nata senza il grembo. È una delle sette donne della Torah che hanno difficoltà a concepire, ma alla fine vengono a generare figli per la grazia di Dio, in questo caso, in risposta alla preghiera di suo marito. Tradizionalmente, si crede che Yitzchak abbia pregato per 19 anni. Inoltre, si ritiene anche che abbia pregato in unità con Rivkah. Che lezione per noi oggi! Solo perché preghiamo una volta e non riceviamo una risposta non significa che dovremmo smettere di pregare! Dio vuole che portiamo le nostre richieste a Lui nell’unità della fede. L’espressione Ebraica usata in Genesi 25:21 per preghiera (atar עָתַר), che può anche significare scavare, è legata alla parola ebraica forcone (eter). Il Talmud (Legge orale Ebraica) spiega la connessione:

“Come un forcone gira i covoni di grano da una posizione all’altra, così fa la preghiera dei giusti nelle dispensazioni del Santo di Israele, la Sua benedizione passa dall’attributo della rabbia all’attributo della misericordia”. La preghiera di Yitzchak penetrò le fondamenta del cielo, e proprio come il grano è rigirato con un forcone, così anche il giudizio di Dio sulla sterilità su Rivkah fu “rovesciato” e provocò la misericordia di Dio a causa della preghiera. Certo, la Bibbia chiarisce che dobbiamo essere fecondi e moltiplicarci; tuttavia, sebbene il seme sia seminato, è Dio che apre l’utero. 

“Ecco, i figli sono una eredità che viene dall’Eterno; il frutto del grembo è un premio, come frecce nella mano di un prode, così sono i figli della propria giovinezza. Beato l’uomo che ne ha la sua faretra piena! Essi non saranno confusi quando discuteranno coi loro nemici alla porta.” (Salmo 127:3-5)

Sarah, la moglie di Abramo, ha trovato la sua soluzione per la sua sterilità, ella ha suggerito una madre surrogata, Agar. Con i suoi sforzi, ha ricevuto Ismaele. Hanna, un’altra donna sterile, è andata al Tempio e ha gridato al Signore per avere un bambino e lei ha ricevuto il profeta Samuele. Rivkah non lo ha fatto, invece lei si è rivolta a suo marito che era la sua copertura spirituale per supplicare il Signore in suo favore, e Dio ha risposto alle preghiere di Isacco per il dono miracoloso di una nuova vita. Rivkah si è ritrovata incinta non solo di un bambino, ma di due gemelli, una doppia porzione!

La Primogenitura Porta Benedizioni

“I due fanciulli crebbero ed Esau divenne un esperto cacciatore, un uomo di campagna, mentre Giacobbe era un uomo tranquillo, che viveva nelle tende.” (Genesi 25:27)

I gemelli sono cresciuti con tratti caratteriali distintivi, che si riflettono nei loro nomi. Yaacov (il nome Ebraico di Giacobbe) è legato alla parola eikev e significa il tallone del piede. Era così chiamato perché ha afferrato il tallone di suo fratello alla nascita. Questo mostra la tenacia di Giacobbe a vincere il diritto di nascita e portare avanti le benedizioni spirituali che Dio ha promesso a suo padre Abramo. Esau, tuttavia, si chiamava Esau, dalla radice semitica, seir, che significa dai capelli folti. Fu anche soprannominato Adom, la parola Ebraica per rosso, dato che è nato “rosso e peloso”. Adam è anche correlato a adamah (terra) e diga (sangue), che trasmette l’amore di Esau di vivere nella terra, cacciare e di aver  sete di sangue. Mentre Giacobbe aveva una natura tranquilla e apparentemente spirituale, Esau ne aveva una carnale, come mostrato nel modo in cui egli commercia così facilmente qualcosa di valore spirituale ed eterno (il suo diritto di nascita) per qualcosa che soddisfi la sua fame fisica (una ciotola di lenticchie). Per lui, erano uguali.

“Esau disse: ‘Ecco io sto per morire; che mi giova la primogenitura?’” (Genesi 25:32)

I diritti di nascita hanno responsabilità e benedizioni. Anche se Giacobbe non era il primogenito, egli ha ricevuto grandi benedizioni conferitegli da suo padre Isacco, insieme alla responsabilità di guidare le nazioni. 

“DIO ti dia la rugiada dei cieli e la fertilità della terra e abbondanza di frumento e di vino. Ti servano i popoli e le nazioni si inchinino davanti a te. Sii padrone dei tuoi fratelli e i figli di tua madre si inchinino davanti a te. Maledetto sia chiunque ti maledice, benedetto sia chiunque ti benedice!” (Genesi 27:28-29) 

Esau, tuttavia, che è il figlio primogenito riceve maledizioni: “Isacco suo padre rispose e gli disse: ‘Ecco, la tua dimora sarà priva della fertilità della terra e della rugiada che scenderà dall’alto dei cieli. Tu vivrai della tua spada e sarai servo di tuo fratello; ma avverrà che, quando combatterai, spezzerai il suo giogo dal tuo collo.” (Genesi 27:39-40) 

Giacobbe ricevette la benedizione della primogenitura di suo padre perché era preordinata secondo la volontà di Dio che ha detto “come sta scritto: ‘Io ho amato Giacobbe e ho odiato Esau.’” (Romani 9:13)

I Discendenti delle Maledizioni Portano più Maledizioni

Proprio come la gelosia di Caino si tramutò in un complotto omicida per uccidere suo fratello Abele, così anche Esau complottò per uccidere Giacobbe, ma senza successo. Questa lotta tra i fratelli non apparve improvvisamente. Anche nell’utero di Rivkah, i ragazzi si sono spintonati l’un l’altro. Rivkah ha cercato la saggezza dal Signore, che le ha rivelato una verità che continua fino ad oggi: “E l’Eterno le disse: ‘Due nazioni sono nel tuo grembo, e due popoli separati usciranno dalle tue viscere. Uno dei due popoli sarà più forte dell’altro, e il maggiore servirà il minore. (Genesi 25:23) 

I rabbini nel corso dei secoli hanno paragonato il carattere geloso e pieno di odio di Esau alla lotta perpetua tra i discendenti di entrambi i fratelli. I discendenti di Giacobbe furono nati per obbedienza a suo padre Isacco, che gli disse di non sposare una donna Cananea, e non lo fece. Esau, d’altra parte, sposò due donne Cananee. Uno dei rampolli cananei di Esau era Amalek, che divenne un acerrimo nemico di Israele  attaccando Mosè e gli Israeliti mentre si trovava nel deserto (Esodo 17). Gli stessi hanno anche invaso Israele durante il tempo dei giudici: “Quando Israele aveva seminato, i Madianiti con gli Amalekiti e con i figli dell’est salivano contro di lui.” (Giudici 6:3)

Molti cercano di collegare la genealogia di Esau e degli Amalechiti ai moderni nemici di Israele. Mentre questo potrebbe essere accurato in una certa misura, la verità è che lo spirito di Esau e degli Amalechiti per distruggere gli eredi della benedizione è rimasto vivo in molte nazioni. Abbiamo visto questo odio nel moderno stato pre-Israele durante l’espulsione degli Ebrei dall’Inghilterra, le torture dell’Inquisizione Spagnola e il genocidio di sei milioni di Ebrei nell’Olocausto.

Abbiamo visto la sua vitalità continuare mentre le nazioni circostanti hanno invaso il neo-formato Israele moderno nel 1948, ancora nel 1967, e più recentemente con gruppi terroristici che promettono di rivendicare la terra “dal fiume al mare” per il loro diritto di nascita. Mentre metà della popolazione Ebraica è stata spazzata via negli ultimi decenni e i piani specifici per rimuoverci dalla terra circolano oggi, alla fine il Signore confermerà i Suoi voti ad Abramo, Isacco, Giacobbe e ai loro discendenti: “Ed ecco l’Eterno stava in cima ad essa e gli disse: “Io sono l’Eterno, il DIO di Abrahamo tuo padre e il DIO di Isacco; la terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza; e la tua discendenza sarà come la polvere della terra, e tu ti estenderai a ovest e a est a nord e a sud; e tutte le famiglie della terra saranno benedette in te e nella tua discendenza.” (Genesi 28:13-14) 

Coloro che attaccano i piani eterni di Dio per mezzo di Giacobbe, in realtà, mettono maledizioni sulla loro stessa terra.

Isacco pregò su Giacobbe, “Maledetto sia chiunque ti maledice, benedetto sia chiunque ti benedice!” (Genesi 27:29), e Dio ci assicura attraverso il profeta Ezechiele che questa maledizione continua a valere. 

“Poiché tu hai avuto un’antica inimicizia e hai consegnato i figli d’Israele in balìa della spada al tempo della loro calamità, quando la loro iniquità era giunta al colmo. Com’è vero che io vivo”, dice il Signore, l’Eterno, “ti riserbo per il sangue e il sangue ti inseguirà; poiché non hai odiato il sangue, il sangue ti inseguirà.” (Ezechiele 35:5-6)

L’obiettivo di questa Parasha non sono in realtà le maledizioni, ma le benedizioni. La parola Ebraica per benedetto (Baruch) è significativa in questa Parasha: su 106 versi, baruch appare ben 34 volte! Questa parola, baruch, viene da brachah (benedizione), ma con un piccolo cambiamento nella vocale, diventa breicha, a sorgente d’acqua o anche una piscina. Oggi vediamo che Dio ha mantenuto la Sua promessa di trasformare i luoghi aridi di questa terra in sorgenti e pozzi d’acqua: “Farò scaturire fiumi sulle colline brulle, e fonti in mezzo alle valli; farò del deserto un lago d’acqua e della terra arida sorgenti d’acqua.” (Isaia 41:18)

Ereditare la Benedizione

Durante la saga di Giacobbe ed Esau, una carestia venne sulla terra. Anche se Abramo andò in Egitto in cerca di cibo in periodi di carestia, il Signore istruì Isacco a rimanere.

“Allora l’Eterno gli apparve e gli disse: ‘Non scendere in Egitto; rimani nel paese che io ti dirò.’” (Genesi 26:2)  

Come Abramo, Isacco obbedì al Signore e, infatti, fu benedetto da Dio per questo.

“Soggiorna in questo paese e io sarò con te e ti benedirò, perché io darò a te e alla tua discendenza tutti questi paesi, e manterrò il giuramento che feci ad Abrahamo tuo padre.” (Genesi 26:3)

Questo ci mostra la saggezza di cercare il Signore per le soluzioni ai nostri problemi e non necessariamente ripetere ciò che nostro padre prima di noi ha fatto, o ciò che sembra la risposta logica. Dio potrebbe chiederci di rimanere fermi in una situazione in cui tutto e tutti ci stanno dicendo di uscire e velocemente! Se Dio ci sta insegnando a rimanere, allora anche in un fuoco infuocato, possiamo essere una benedizione fornendo la Sua Acqua Vivente. Mentre guardiamo le fiamme della distruzione, la gelosia e l’odio nello spirito di Esau sorgono a Gerusalemme e in Israele attraverso attacchi missilistici, pestaggi di macchine, assalti con coltelli e persino incendi dolosi, c’è la tentazione di pensare che noi qui in Israele dovremmo scappare e “scendere in Egitto” o forse negli Stati Uniti o in Canada. Ma se lo Spirito di Dio ci dice di rimanere, allora possiamo sapere che Egli ci proteggerà e stabilirà il giuramento che ha giurato ai nostri antenati di darci questa terra.

“Poiché i miei pensieri non sono i vostri pensieri né le vostre vie sono le mie vie”, dice l’Eterno. (Isaia 55:8)

Yeshua Porta l’Ultima Benedizione nella Terra Promessa

“E Isacco scavò di nuovo i pozzi di acqua che erano stati scavati al tempo di Abrahamo suo padre, e che i Filistei avevano turati dopo la morte di Abrahamo; e pose loro gli stessi nomi che aveva loro posto suo padre.” (Genesi 26:18)

Mentre Dio sperimentava la fede di Abramo, Isacco probabilmente soffrì di uno stress post traumatico derivante dall’essere legato da suo padre e quasi sacrificato a morte. Ma in questa Parasha, vediamo che Isacco è un uomo di carattere divino con una visione divina che continua a portare avanti la visione e affari di suo padre scavando di nuovo i pozzi che Abraham aveva scavato per raggiungere Beer Sheva. Perché  questi pozzi sono significativi? Essi erano fonti vitali durante la guerra in una terra aspra e arida nel deserto. Ma qui vediamo che questi buchi d’acqua vivificanti erano stati letteralmente riempiti di sporcizia. Questo può essere interpretato solo come un atto barbarico, fatto per scoraggiare e persino mettere in pericolo la vita per impedire a Isacco di accedere ai pozzi di suo padre. Vediamo lo stesso scoraggiamento dalla mancanza di acqua quando i figli di Israele si sono accampati nel deserto dopo il loro esodo dall’Egitto. Quando finalmente arrivarono a un pozzo, cantarono lodi ad Adonai: “E di là andarono a Beer, che è il pozzo di cui l’Eterno aveva detto a Mosè: ‘Raduna il popolo e io gli darò dell’acqua’. Allora Israele cantò questo cantico: ‘Sgorga, o pozzo! Cantate a lui! Il pozzo la cui acqua i principi hanno cercato che i nobili del popolo hanno scavato alla parola del legislatore, coi loro bastoni’. Poi dal deserto andarono a Mattanah!” (Numeri 21: 16-18)

Abramo aveva intenzionalmente intitolato questi pozzi a Dio per ricordare alla gente che Egli è la fonte di ogni vita. Oggi è con gioia che attingiamo ai profondi pozzi di acqua viva. 

“Voi attingerete con gioia l’acqua dalle fonti della salvezza.” (Isaia 12: 3)

Quando Yeshua ha servito la donna Samaritana al pozzo, ha dichiarato di essere il Messia ebreo. Lì si è proclamato fonte di acqua viva che conduce alla vita eterna.

“ma chi beve dell’acqua che io gli darò non avrà mai più sete in eterno; ma l’acqua che io gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che zampilla in vita eterna.” (Giovanni 4:14)

Gli ultimi eredi della benedizione sono gli eredi del Messia promesso nella Torah, Yeshua HaMashiach, che è diventato l’ultimo sacrificio per tutti coloro che credono che Lui è quella promessa. Questa salvezza è un dono gratuito che il 99% delle persone Ebree non conosce ancora perché nessuno ha mai spiegato loro come le Scritture Ebraiche rivelano Yeshua come il loro Messia promesso. Tuttavia, la Bibbia promette che in questi ultimi giorni, mentre il Tempo dei Gentili sta per concludersi, tutta Israele sarà salvata. 

“Perché non voglio, fratelli, che ignoriate questo mistero, affinché non siate presuntuosi in voi stessi, che ad Israele è avvenuto un indurimento parziale finché sarà entrata la pienezza dei gentili, e così tutto Israele sarà salvato come sta scritto: ‘Il liberatore verrà da Sion, e rimuoverà l’empietà da Giacobbe.’” (Romani 11:25-26)

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

 

Per vedere un video del sermone in inglese e in italiano, clicca sul link sottostante:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s