Torah Portion Chayei Sarah / Porzione di Torah Chayei Sarah

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

chayei-sarah-illustr

Welcome to this week’s Torah study, which is called Chayei Sarah (Life of Sarah).

Please join with us as we study the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world this Shabbat (Saturday). We know you will be blessed by this Parasha (Torah portion) as it highlights how we can live lives worthy of leaving a legacy for future generations.

CHAYEI SARAH (Life of Sarah)

Torah Portion: Genesis 23:1-25:18

Haftarah (Prophetic) Portion: 1 Kings 1:1-31

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): 1 Peter 3:1-7; 1 Corinthians 15:50-57

“And the life of Sarah [Chayei Sarah] was a hundred and seven and twenty years; these were the years of the life of Sarah.” (Genesis 23:1)

Although the title of this week’s Parasha, Chayei Sarah (חַיֵּי שָׂרָה), means Life of Sarah, it initially focuses on her death. This corresponds with the Judaic thought that it is the awareness of death that gives more meaning to life.

Sarah is the only woman in the Bible to have a Parasha named after her. What an honor! All the other Biblical characters that Parashot are named after are men: Balak, Pinchas, Korach, Noach and Yitro. This underscores how important the matriarch Sarah is to our faith.

Sarah dies in Kiryat Arba (Hebron), and her funeral is the first to be recorded in the Torah.

Hebron

Above are the tombs of Sarah and Abraham in Hebron, otherwise known in ancient times as Kiryat Arba

Sarah’s Obedience Is Rewarded

Last week’s Parasha (Vayera) ended with Abraham’s ultimate test, the binding and near sacrifice of his beloved son, Isaac (Yitzchak); but God provided an adult male ram for a sacrifice instead. One must wonder what went through the mind of Isaac’s mother, Sarah.

Did she even know for what purpose Abraham departed with their son? Did she worry that her joy, her reason for laughter, Yitzchak, may not return home alive to her?

Scripture does not address this; however, in the Brit Chadashah (New Testament), we do read of Sarah’s radical obedience to her husband as an example of faith and courage that women of God are encouraged to emulate: “For this is the way the holy women of the past who put their hope in God used to adorn themselves. They submitted themselves to their own husbands, like Sarah, who obeyed Abraham and called him her lord. You are her daughters if you do what is right and do not give way to fear.” (1 Peter 3:5-6)

Sarah demonstrated this radical obedience to her husband, first by leaving everything behind, including her home and family, to follow Abraham to a new land. She did not know where they were going and had to live inside a tent in the desert like a stranger.

In order to protect her husband, she even agreed twice to enter a foreign king’s harem where she could have potentially been greatly harmed and defiled. Still, even in this, she obeyed her husband.

God rewarded Sarah’s obedience and did indeed rescue her from Pharaoh’s and King Abimelech’s harems. Clearly it was God who did not allow the King of Gerar to touch Sarah:  “And God said to him in a dream, ‘Yes, I know that you did this in the integrity of your heart. For I also withheld you from sinning against Me; therefore, I did not let you touch her.’” (Genesis 20:6)

There is only one way that Sarah could have walked in such radical obedience, and that is through absolute faith and trust in God. She may not have trusted her imperfect husband who was willing to sacrifice his wife to save his own skin, but she trusted God to protect and preserve her from all evil.

Many believe that Sarah lacked faith when she gave her servant Hagar to Abraham in order to raise up children for him. Jewish tradition, however, holds that Sarah was convinced that God would be true to His promise to bring forth nations through Abraham, and that she was acting in faith.

Hagar was not just any servant, either. Sarah personally trained her in faith. Moreover, it is quite possible that she was Pharaoh’s daughter.

The fact that Hagar conceived (and Sarah did not) caused Hagar to think that she was more spiritual and, therefore, more blessed than Sarah. In her pride, she exalted herself over Sarah.

When the three angels visited Abraham, Sarah understood that the child of promise would come through her.

Bearing Fruit in Our Latter Years

“They shall still bring forth fruit in old age; they shall be vigorous and flourishing.” (Psalm 92:14)

Sarah’s giving birth to Isaac in her old age shows us that we are not expected to idly sit in our rocking chairs as we reach our golden years; we can remain vital and active.

Both Abraham and Sarah achieved significant accomplishments, not in their youth, but in the last years of their life.

This is in keeping with an old Jewish saying, “At 40 one is fit for discernment, at 50 for counsel, at 80 for special strength.”

Caleb is an example of this. He was one of only two people out of a generation of millions to enter the Promised Land, and he asked for a mountain to conquer at 85-years-old!

“And now, here I am this day, eighty-five years old. As yet I am as strong this day as on the day that Moses sent me; just as my strength was then, so now is my strength for war, both for going out and for coming in. Now therefore, give me this mountain of which the Lord spoke in that day.” (Joshua 14:10-12)

josh14-mountain

Although it has become politically incorrect to ask a woman her age, Scripture does not hesitate to reveal Sarah’s age at her death.

The numerical value of the opening term of this Parasha (vayih’yu [וַיִּהְיוּ֙and was) adds up to the sum of 37, which is the same as the difference between the age of Sarah when she gave birth to Isaac at 90 years old and her death at 127.

These 37 years were surely some of the best years of Sarah’s life as she raised the child that she and Abraham had hoped and prayed for most of their adult lives.

The Torah shows Sarah as her husband’s partner in life and his equal. In Jewish oral tradition, they are both considered to have been excellent teachers in their own right, with Sarah teaching the women and Abraham teaching the men. She completely shared Abraham’s journey with God in a spirit of faith, courage, and if necessary, self-sacrifice.

She endured being uprooted from her native land, being barren (considered a curse in Middle Eastern culture) until the age of 90, being held captive, and being exposed to the advances of foreign kings (twice).

Through it all, she remained faithful to God, to her husband, and to her calling.

Obviously, Sarah was a beautiful woman. So beautiful, in fact, that Abraham resorted to calling her his sister to protect himself from the gangs of marauding soldiers who might be tempted to kill him in order to take his wife.

Even though Sarah was, in fact, his half-sister, this still did not justify the deception that put his wife’s honor at risk. How did Sarah endure so many difficult trials in her lifetime?

It was through her optimism and inner tranquility that comes only with faith in God that Sarah was able to deal with such adversity. This was likely part of her appeal and power.

The Bible tells us that we have need of endurance also: “For you have need of endurance, so that when you have done the will of God you may receive what is promised.” (Hebrews 10:36)

Behind Every Great Man

“Who can find a virtuous wife [eshet chayil]? For her worth is far above rubies. The heart of her husband safely trusts her; so, he will have no lack of gain.” (Proverbs 31:10-11)

It has often been said that behind every great man is a great woman. Sarah takes this one step further. She is the Biblical model of the Godly woman behind the Godly man.

She showed herself to be the great woman who helped ensure the successful continuation of Abraham’s dynasty.

The life of Sarah is not about her death, therefore, but about her legacy. Abraham ensures that her legacy continues by setting in motion the finding of a wife for Yitzhak (Isaac).

For that reason, as this Parasha continues, the story becomes more about Isaac’s life, and less about Abraham.

Rabbi J. B. Soloveitchik wrote, “Without Sarah, Avraham takes leave of the world stage.”

A good part of this Parasha centers on how Abraham’s servant located a proper wife for Isaac.

He essentially chose a kind-hearted woman who was capable of decisive, compassionate, Godly action. She was a woman who would take the time to help a stranger and his animals.

She was also the kind of woman who, once she knew God’s purposes, would not hesitate to act immediately. As soon as she knew that God had selected her to be Isaac’s wife, she did not let another day pass in fulfilling that destiny, though family members sought to give her an excuse to delay her leaving.

Abraham’s marriage to Sarah and Isaac’s marriage to Rivkah (Rebecca) reveal that a partner’s spiritual qualities are far more important than their physical attributes (although beauty and attention to appearance obviously helps).

Abraham's servant looking for a wife for Isaac

God has a plan for us. May we use the wisdom of God to understand that our choice of a life partner will affect how we fulfill our calling and subsequently, the legacy that we leave.

To prepare to leave such a legacy, may we choose partners prayerfully, praying for them even before we meet them. And may we base our decisions about whom we will marry on spiritual qualities, on whether a potential partner possesses the beautiful inner characteristics of God’s chesed (lovingkindness and mercy), grace, selflessness, and benevolence toward all.

For those of us who are already married, we can pray as couples that God will use us to accomplish His purposes. We can be the kind of partner that helps our spouse walk in his or her destiny. As well, we should pray that God will give our children a sense of His purpose for their lives.

God worked in the lives of Abraham and Isaac to bring them a suitable partner through whom He would bring forth Israel. This reminds us that God has a grand plan in which the life of each individual plays a role.

He is still working in the same manner that he was during the time of Abraham, Sarah, Isaac, and Rebecca, not only to accomplish His purposes for the Jewish people, but for each of us.

His eye is on every detail of our lives, and He wants us to partner with Him in His purposes.

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

To watch a video of the sermon in English and Italian, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

 

Benvenuti allo studio della Torah di questa settimana, chiamata Chayei Sarah (Vita di Sarah).

 

Vi preghiamo di unirvi a noi nello studio della porzione della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo questo Shabbat (Sabato). Sappiamo che sarete benedetti da questa Parasha (porzione di Torah) poiché essa mette in evidenza come possiamo vivere vite degne lasciando un’eredità alle generazioni future.

 

CHAYEI SARAH (Vita di Sarah) 

Porzione di Torah: Genesi 23:1-25:18 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): 1 Re 1:1-31 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): 1 Pietro 3:1-7; 1 Corinzi 15:50-57

 

“E la vita di Sarah [Chayei Sarah] era un centinaio e sette e venti anni; questi erano gli anni della vita di Sara.” (Genesi 23:1)

 

Anche se il titolo della Parasha di questa settimana è Chayei Sarah ((חַיֵּי שָׂרָה, essa intende puntare alla vita di Sarah, mentre si concentra inizialmente sulla sua morte. Ciò proviene dal giudaismo secondo cui la consapevolezza della morte dà più senso alla vita. Sarah è l’unica donna nella Bibbia ad avere una Parasha a suo nome. Che onore! Tutti gli altri personaggi biblici delle Parashot prendono il nome da uomini: Balak, Pinchas, Korach, Noach e Yitro. Questo sottolinea quanto sia importante la matriarca Sarah alla nostra fede. Sarah muore a Kiryat Arba, e il suo funerale è il primo ad essere registrato nella Torah. 

 

L’Obbedienza di Sarah è Premiata 

 

La Parasha della settimana scorsa (Vayera) si è conclusa con l’ultima prova di Abramo, il sacrificio del suo amato figlio, Isacco (Yitzchak); Dio ha provveduto un ariete adulto come sacrificio al posto di suo figlio. Bisogna chiedersi che cosa sia passato nella mente della madre di Isacco, Sarah. Se si sia chiesta lo scopo per il quale Abrahamo partì con il loro figlio? Temeva forse che la sua gioia, la sua ragione della sua risata, Yitzchak, non potesse più tornare a casa sua vivo? La Scrittura non affronta questo argomento; tuttavia, nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento), leggiamo dell’obbedienza radicale di Sarah al marito come esempio di fede e coraggio che le donne di Dio sono incoraggiate ad emulare: “Così infatti si adornavano una volta le sante donne che speravano in Dio, stando sottomesse ai loro mariti come Sara che ubbidiva ad Abrahamo, chiamandolo signore, di essa voi siete divenute figlie, se fate il bene e non vi lasciate prendere da alcun spavento” (1 Pietro 3:5-6)

 

Sarah ha dimostrato questa obbedienza radicale al marito, prima lasciando tutto alle spalle, tra cui la sua casa e la famiglia, per seguire Abramo in una nuova terra. Non sapeva dove stavano andando e doveva vivere all’interno di una tenda nel deserto come una straniera. Al fine di proteggere il marito, ha anche accettato due volte di entrare in un harem di un re straniero, dove lei avrebbe potuto essere violentata. Ancora, anche in questo, ha obbedito al marito. Dio ha premiato l’obbedienza di Sarah e le ha salvato la vita dagli harem del Faraone e del re Abimilech. Chiaramente era Dio che non ha permesso al re di Gerar di toccare Sarah: “DIO gli disse nel sogno: ‘Si, lo so che hai fatto questo nell’integrità del tuo cuore e ti ho quindi impedito dal peccare contro di me; per questo non ti ho permesso di toccarla.’” (Genesi 20:6)

C’è solo un modo in cui Sarah poteva camminare in una tale obbedienza radicale, e con una fede assoluta in Dio. Può non avere avuto fiducia in suo marito, disposto a sacrificare sua moglie per salvare la propria pelle, ma si fidava di Dio che la proteggeva e preservava da ogni male. Molti credono che Sarah non abbia avuto fede quando ha dato la sua serva Agar ad Abramo, al fine di far nascere figli per lui. La tradizione Ebraica, però, ritiene che Sarah fosse convinta che Dio fosse fedele alla sua promessa di far avanzare le nazioni attraverso Abramo e che lei stesse agendo in fede.

Hagar non era solo una serva. Sarah la aveva formata personalmente nella fede. Inoltre, ella si crede fosse la figlia del Faraone. Il fatto che Hagar abbia concepito (e Sara non lo avesse ancora fatto) ha portato Agar a pensare che lei era più spirituale e, più benedetta di Sarah. Nel suo orgoglio, ella si era esaltata su Sarah. Quando i tre angeli hanno visitato Abrahamo, Sarah capì che il bambino della promessa sarebbe venuto attraverso lei.

Adonai Porta Frutto nei Nostri Anni Maturi

“Porteranno ancora frutto nella vecchiaia e saranno prosperi e verdeggianti.”  (Salmo 92:14)

Sarah da cui nasce Isacco nella sua vecchiaia ci mostra che non ci dobbiamo aspettare di stare seduti sulle nostre sedie a dondolo quando raggiungeremo i nostri anni d’oro; possiamo restare vitali e attivi. Sia Abrahamo che Sarah hanno realizzato significativi successi, ma non nella loro giovinezza, bensì negli ultimi anni della loro vita. Questo è in linea con un vecchio detto Ebraico: “A 40 uno è idoneo al discernimento, a 50 per il consiglio, a 80 per forza speciale.” Caleb è un esempio di questo. È stato una delle due persone su una generazione di milioni ad entrare nella Terra Promessa e conquistò il monte di cui l’eterno parlò a Mosè a 85 anni! 

“Ed ora ecco, l’Eterno mi ha conservato in vita, come aveva detto, questi quarantacinque anni da quando l’Eterno disse questa parola a Mosè, mentre Israele vagava nel deserto; ed ecco, oggi ho ottantacinque anni. Ma oggi sono ancora forte come lo ero il giorno in cui Mosè mi mandò; lo stesso vigore che avevo allora ce l’ho anche adesso, tanto per combattere che per andare e venire. Or dunque dammi questo monte di cui l’Eterno parlò quel giorno; poiché tu stesso udisti in quel giorno che vi erano gli Anakim e città grandi e fortificate. Se l’Eterno sarà con me, io li scaccerò come disse l’Eterno” (Giosuè 14:10-12)

Anche se è diventato politicamente scorretto chiedere a una donna della sua età, la scrittura non esita a rivelare l’età di Sarah alla sua morte. Il valore numerico del termine di questa Parasha (vayih’yu [וַיִּהְיוּ֙ ] / ed era) corrisponde alla somma di 37, che è la stessa come la differenza tra l’età di Sarah quando ha dato la nascita ad Isacco a 90 anni e la sua morte a 127. Questi 37 anni sono stati certamente i migliori anni della vita di Sarah mentre allevava il figlio che lei e Abrahamo avevano sperato di concepire e per cui pregavano per la maggior parte delle loro vite adulte. La Torah mostra Sarah come partner di suo marito nella vita e suo pari. Nella tradizione orale Ebraica, entrambi sono considerati eccellenti insegnanti a loro diritto, con Sarah che insegna alle donne e Abramo che insegna agli uomini.

Ella ha condiviso completamente il viaggio di Abramo con Dio in uno spirito di fede, coraggio e, se necessario, di auto-sacrificio. Ha sopportato di essere sradicata dalla sua terra natale, essendo sterile (considerata una maledizione nella cultura del Medio Oriente) fino all’età di 90 anni, tenuta prigioniera ed esposta alla possibile violenza di re stranieri (due volte). Attraverso tutto ciò, ella rimase fedele a Dio, al marito e alla sua chiamata. Ovviamente, Sarah era una bella donna. Così bella, infatti, che Abrahamo la chiamava sua sorella per proteggersi dalle bande di soldati che avrebbero potuto ucciderlo per prendere sua moglie.

Anche se Sarah era, infatti, sorella di Abrahamo da parte di padre, ciò non giustificava l’inganno che ha messo in pericolo l’onore di sua moglie. Come Sarah ha sopportato tante prove difficili durante la sua vita?

È stato attraverso il suo ottimismo e la tranquillità interiore che viene solo con la fede in Dio che Sarah era capace di trattare con tali avversità. Questo era probabilmente parte del suo appello e potere. La Bibbia ci dice che abbiamo bisogno anche di resistere nelle difficoltà: “Avete infatti bisogno di perseveranza affinché, fatta la volontà di Dio otteniate ciò che vi è stato promesso.” (Ebrei 10:36)

Dietro Ogni Grande Uomo 

“Chi troverà una donna forte e virtuosa [Eshet chayil]? Il suo valore è di gran lunga superiore alle perle. Il cuore di suo marito confida in lei e avrà sempre dei guadagni.” (Proverbi 31:10-11)

Si è spesso detto che dietro ogni grande uomo c’è un grande donna. Sarah prende questo ulteriore passo avanti. È il modello biblico della donna divina dietro l’uomo divino. Ha dimostrato di essere la grande donna che ha contribuito a garantire il successo della dinastia di Abrahamo. La Parasha vita di Sarah non tratta della sua morte, quindi, ma della sua eredità. Abramo assicura che la sua eredità continua mettendo in moto la ricerca di una moglie per Yitzhak (Isaac). Per questo motivo, nel continuare a leggere questa Parasha, la storia si concentra sulla vita di Isacco, e meno su quella di Abrahamo.

Il rabbino Soloveitchik ha scritto: “Senza Sarah, Abrahamo si allontana dalla scena mondiale”. Una buona parte di questa Parasha si concentra su come il servo di Abrahamo abbia trovato una moglie adeguata per Isacco. Egli ha scelto essenzialmente una donna Gentile che era capace di un’azione decisiva, compassionevole e divina. Era una donna che avrebbe impiegato del tempo per aiutare uno straniero ei suoi animali. Era anche una specie di donna che, una volta conosciuti gli scopi di Dio, non avrebbe esitato ad agire immediatamente. Appena seppe che Dio l’aveva scelta per essere la moglie di Isacco, non lasciò passare un altro giorno per soddisfare quel destino, anche se i membri della famiglia cercavano di darle una scusa per ritardare l’incontro.

Il matrimonio di Abrahamo e di Sarah e quello di Isaac e Rivkah (Rebecca) rivelano che le qualità spirituali di un partner sono molto più importanti dei loro attributi fisici (anche se la bellezza e l’attenzione all’aspetto ovviamente aiuta). Dio ha un piano per noi. Possiamo usare la saggezza di Dio per capire che la nostra scelta di un partner di vita influirà su come compiamo la nostra chiamata e, successivamente, l’eredità che avremo portato con noi e trasferito alle future generazioni. Per prepararsi a lasciare una tale eredità, possiamo scegliere i partner in preghiera, pregando per loro, anche prima di incontrarli. E possiamo basare le nostre decisioni su chi sposeremo sulle qualità spirituali, se un potenziale partner possiede le bellissime caratteristiche interne di Dio: Chesed (benevolenza e la misericordia), la grazia, l’altruismo e la benevolenza verso tutti.

Per quelli di noi che sono già sposati, possiamo pregare per la nostra coppia e che Dio ci usi per realizzare i suoi scopi. Possiamo essere il tipo di partner che aiuta il cammino del nostro sposo nel suo destino. Inoltre, dobbiamo pregare che Dio darà ai nostri figli il senso del suo scopo per la loro vita. Dio ha lavorato nella vita di Abramo e Isacco per portargli un partner adatto attraverso il quale avrebbe portato Israele. Ciò ci ricorda che Dio ha un grande piano in cui le vite di ogni individuo svolgono un ruolo. Sta ancora lavorando nello stesso modo in cui era durante l’epoca di Abramo, di Sarah, di Isacco e di Rebecca, non solo per compiere i suoi scopi per il popolo Ebraico, ma per ognuno di noi. Il suo occhio è su ogni dettaglio della nostra vita, e vuole che troviamo conforto con Lui nei suoi scopi.

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

Per vedere un video del sermone in inglese e in italiano, clicca sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s