Torah Portion Lech Lecha / Porzione di Torah Lech Lecha

Lech Lecha

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Welcome to Lech L’cha (Go Forth), this week’s Parasha (Torah Portion).

We know you will be blessed as you follow along with us in this portion of Torah that will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service. Enjoy!

LECH L’CHA (GO FORTH!)

Torah Portion: Genesis 12:1-17:27

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 40:27-41:16

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Matthew 1:1-17; Romans 4:1-25

“Adonai said to Abram, ‘Go forth [lech l’cha] from your country, your people and your father’s household to the land I will show you … and I will bless you.’” (Genesis 12:1-2)

Our last Torah reading, Noach (Noah), concluded with a genealogy of Shem, Noah’s son. That genealogy ended with Terah, father of Abram, Nahor and Haran. Terah took his son Abram and Abram’s wife Sarai, as well as Lot, son of Haran, who had died, out of Ur of the Chaldeans and headed toward the land of Canaan.

Instead of reaching their destination, however, they settled at Haran where Terah lived out the rest of his days.

In this week’s Parasha, at God’s command, Abram carries on with his father’s unfinished mission, to reach the land of Canaan, the name given to the Promised Land at this time.

The Covenant of God and the Promised Land

“Abram passed through the land to the place of Shechem, as far as the terebinth tree of Moreh. And the Canaanites were then in the land.” (Genesis 12:6)

Abram and his wife, Sarai, become the first settlers of the Holy Land by packing up their belongings and homesteading in Elon Moreh, near Shechem (modern day Nablus) in Israel’s heartland of Samaria.

God, the original Zionist, made an eternal promise to give the land to Abram and his offspring: “To your offspring will I give this land.” (Genesis 12:7)

At that time, the Canaanites controlled the land; nevertheless, God reassured Abram that it would one day belong to his offspring, the Jewish people.

We may see a clear correlation to the political situation in the Middle East today. 

The Palestinians have gained control of large tracts of land within Israel, which leaves many Israelis wanting to see the Promised Land divided. They believe that establishing a separate Palestinian state beside a Jewish state will create peace.

Many around the globe also think two states for two peoples is a fair solution because some of the Arabs that currently live in Israel have roots that go back several centuries. Most, however, came in a massive wave of immigration from surrounding lands in the 19th and 20th centuries.

Therefore, some wonder if the Jewish people have returned to the land in vain.

Rivers of tears and pools of blood have been shed in order to re-claim our God-given land. Did all those who risked and even sacrificed their lives to drain malaria-infested swamps, to re-plant the land, to re-build the cities, and to defend this nation against the swarms of enemies do so in vain?

Have the Jewish people survived the threat of extermination throughout 2,000 years of persecution, pogroms and inquisitions and even the Holocaust, in the lands of their exile, finally to return to their Promised Land, just to be driven out once and for all by hate-crazed, religious radicals?

Only if God breaks His covenant.

“‘Though the mountains be shaken and the hills be removed, yet My unfailing love for you will not be shaken nor My covenant of peace be removed,’ says the LORD, who has compassion on you.” (Isaiah 54:10)

God made more than a promise to Abram. In Genesis 15, God made a blood covenant with him. That covenant included giving this land to his descendants through Isaac and Jacob as an eternal inheritance: “I will establish My covenant as an everlasting covenant between Me and you and your descendants after you for the generations to come, to be your God and the God of your descendants after you. The whole land of Canaan, where you now reside as a foreigner, I will give as an everlasting possession to you and your descendants after you; and I will be their God.” (Genesis 17:7-8; also Genesis 15:5-7)

To Isaac“To you [Isaac] and your descendants I will give all these lands and will confirm the oath I swore to your father Abraham [God changed Abram’s name to Abraham in Genesis 17:5].” (Genesis 26:3)

To Jacob“I am the Lord, the God of your father Abraham and the God of Isaac. I will give you [Jacob] and your descendants the land on which you are lying. Your descendants will be like the dust of the earth, and … all peoples on earth will be blessed through you and your offspring.” (Genesis 28:13-14)

Abram did not have to do a thing to establish this covenant with God. In chapter 15 of Genesis, God alone walked through the animals that Abram offered, indicating that the covenant he cut with Abram was unconditional.

God actually caused a deep sleep to fall on Abram when He made the covenant with him, probably to emphasize that God alone is making this unconditional promise and also to prevent Abram from walking through it (Genesis 15:8-20). In ancient covenant practices, both parties would walk through the offering if it were conditional.

abramstars

With so many Scriptures declaring God’s everlasting promise, our claim to this land is not political, but by Divine right.

Of course, there is great opposition to God’s Word. The Canaanites had their weapons and allies, and so do the enemies of Israel today; both gained some temporary victories in their efforts to claim the land as their own but, ultimately, God owns the land and can give it to whomever He wishes. 

His everlasting covenant with Abram will stand.

Walking the Land as the First Hebrew

“Arise, walk in the land through its length and its width, for I give it to you.” (Genesis 13:17)

When God commanded Abram to walk the length and breadth of the land, it was not just for a little sightseeing stroll; it fulfilled a legal custom in ancient times to claim ownership of a property by walking through it. 

Egyptian and Hittite kings would regularly leave their grand palaces to take a ceremonial walk through their countryside in order to confirm their ownership of the land.

In Mesopotamia, according to ancient records, the seller of a property would lift his foot off the land and purposefully set the buyer’s foot upon it. This may further explain the cultural context of the Scripture in which God promises to give Joshua “every place the sole that his foot treads upon.”

“I will give you every place where you set your foot, as I promised Moses.” (Joshua 1:3)

Legally, then, when Abram walked the length and width of the land, he took possession of it for himself and his descendants as an eternal possession.

Talmudic rabbis (ancient rabbinic commentators of Scripture) have compared Abram’s walk through the land to a vial of perfume that only gives off scent when moved, wafting the fragrance of faith throughout the Promised Land.

Whereas Noah walked “with” God; Abram walked “before” God, paving the way for the world to come to the knowledge of faith in the one true God.

Abram had an ability to cross over borders: He not only crossed from Mesopotamia to Canaan, he courageously crossed from a world of idol worship to a world in which the one true God was worshiped, instead. The world stood on one side and he stood with truth on the other.

He crossed over into his destiny, and his descendants inherited the reward and blessing as well as the characteristic of being those who cross over.

For this reason, Abram became the first person to be called an Ivri, the one who crossed over. This word comes from the Hebrew verb la’avor (to cross over) and is transliterated into English simply as a Hebrew.

Lech Lecha, therefore, is one of the most exciting chapters in the Torah (first five books of the Bible), since it chronicles the adventures of the first Hebrew with God.

May we, too, come to this life-altering place where we “cross over” into a new, exciting adventure in our life with Him.

Abram Wins the War of the Kings

“And there was strife between the herdsmen of Abram’s livestock and the herdsmen of Lot’s livestock.” (Genesis 13:7)

In chapter 13 of Genesis, Abram and his nephew Lot have become quite wealthy. Their herds are so large that the land cannot support all of them. (Genesis 13:6)

Consequently, strife breaks out between the herdsmen of Abram and Lot, and instead of diffusing the situation, they decide to part ways.

We may perhaps see a hint of the underlying source of strife through the choice that Lot makes.

When Abram offers him first choice of the area, Lot chooses the best for himself, instead of insisting that his uncle, who has treated him much like a son, take the best.

Lot chooses the green, fertile plains of the Jordan near Sodom and Gomorrah and Abram moves on to the plains of Mamre (Hebron).

c5de1fce39fdfb1560d1d8424a73da61--abraham-and-lot-holly-bible

“And Lot lifted his eyes and saw all the plain of Jordan, that it was well watered everywhere (before the Lord destroyed Sodom and Gomorrah) like the garden of the Lord, like the land of Egypt as you go toward Zoar. Then Lot chose for himself all the plain of Jordan, and Lot journeyed east. And they separated from each other.” (Genesis 13:10-11)

Although the grass may be greener on the other side of the hill, that fact does not mean it is better, nor does it mean we should go there. Greener pastures do not guarantee that God’s blessing is there for the taking.

Soon after parting company, Lot needs Abram’s aid when four powerful kings capture all of Sodom, including Lot. Abram gathers up a small army of 318 men and frees the captives: “And he [Abram] and his servants deployed against them at night and struck them; he pursued them as far as Hobah, which is to the north of Damascus. And he brought back all the possessions; he also brought back his kinsman, Lot, with his possessions, as well as the women and the people.” (Genesis 14:15-16)

Not only did Abram reveal military prowess and valor in the War of the Kings, he also showed great self-sacrifice and kindness toward his nephew Lot. With a very small army, vastly outnumbered by the four kings and their armies, Abram risked his own life to save his nephew’s.

Such valor is demonstrated by our police officers and ordinary citizens who confront terrorists on the streets of Jerusalem.

Here in Israel, we are all mishpacha (family); therefore, just as with Abram, Israelis do not allow themselves to succumb to fear or freeze at the possible consequences of protecting civilians; instead, many rush to protect strangers at the risk of their own lives. 

Let us pray that Israelis and their leaders will be strong and of good courage, sincerely seeking God, as the end-time threat of annihilation plays out against this nation.

The Destiny of Abraham — Eternal Salvation

Parasha Lech L’cha spans Abram’s life from the age of 75 to 99.

That means he lived most of his life without really knowing his destiny, not until God revealed it to him through a covenant that led to a name change. Abraham waited again a long time before he began to see its fulfillment through a son named Isaac.

In this Parasha, God tells him, “No longer shall your name be called Abram [אַבְרָםbut your name shall be Abraham [אַבְרָהָם]; for I have made you a father of many nations [or Gentiles — אַבהֲמוֹן גּוֹיִם].” (Genesis 17:5)

With the addition of only one Hebrew letter, the letter hey (ה— Abram (exalted father) became Abraham (exalted father of a multitude of nations).

The Hebrew consonant ה is often used as an abbreviation for the name of God and is found twice in God’s personal name. So by adding this letter to Abram’s name, God added Himself as Abba Father to Abraham’s nature, character, and destiny.

By adding the letter hey to Abraham’s wife’s name, it changed from Sarai (My Princess) to Sarah (Princess of the whole world).

For this reason, it is traditionally believed that a change of name can change one’s destiny.

God did not only promise Abraham the land of Israel, but also that he would be a blessing to the nations (Genesis 12:2; 18:18; 22:17-18; 26:3-4).

Today, there are countless ways in which God fulfills this promise to Abraham through the nation of Israel. Israel’s technological, agricultural, and medical innovations and advances are helping people around the world.

But the most meaningful fulfillment of this promise is the Word of God that the Jewish people have faithfully protected and brought to the world, as well as eternal salvation through faith in Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah):

“All praise to God, the Father of our Lord Yeshua the Messiah. It is by His great mercy that we have been born again, because God raised Yeshua the Messiah from the dead. Now we live with great expectation, and we have a priceless inheritance, an inheritance that is kept in heaven for you, pure and undefiled, beyond the reach of change and decay. And through your faith, God is protecting you by His power until you receive this salvation, which is ready to be revealed on the last day for all to see.” (1 Peter 1:3-5)

God’s destiny for Abraham to become the father of a multitude of nations (even Gentile nations) is fulfilled in a significant way through Yeshua, who is a direct descendant of Abraham, Isaac and Jacob (Matthew 1:2-17).

Anyone from any tribe, tongue, or nationality who declares faith in Yeshua becomes an heir of Abraham: “There is neither Jew nor Greek, there is neither slave nor free, there is neither male nor female; for you are all one in Messiah Yeshua. And if you are Messiah’s then you are Abraham’s seed, and heirs according to the promise.” (Galatians 3:27-29)

TO WATCH A VIDEO OF THE SERMON IN ENGLISH, PLEASE CLICK ON THE LINK BELOW:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

 

 

 

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuto a Lech Lecha (Andare Avanti), la Parasha (Porzione di Torah) di questa settimana.

Sappiamo che sarete benedetti mentre leggerete con noi la Porzione della Torah che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il Culto di Shabbat (Sabato). 

LECH LECHA (ANDARE AVANTI!)

Porzione di Torah: Genesi 12:1-17:27 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 40:27-41:16 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Testamento): Matteo 1:1-17; Romani 4:1-25

“Adonai disse ad Abramo: Vattene dal tuo paese [Lech Lecha], dal tuo parentado e dalla casa di tuo padre, nel paese che io ti mostrerò. Io farò di te una grande nazione e ti benedirò e renderò grande il tuo nome e tu sarai una benedizione.’” (Genesi 12:1-2) 

La nostra ultima lettura della Torah, Noach (Noè), si conclude con una genealogia di Shem, figlio di Noè. Quella genealogia si è conclusa con Terah, padre di Abram, Nacor e Aran. Terah prese suo figlio Abramo e la moglie di Abramo Sarai, così come Lot, figlio di Aran, che era morto, uscì da Ur dei Caldei e si diresse verso la terra di Canaan.

Invece di raggiungere la loro destinazione, tuttavia, si stabilirono a Haran dove Terah viveva il resto dei suoi giorni.

Nella Parasha di questa settimana, secondo il comando datogli da Dio, Abramo porta avanti la missione non terminata da suo padre, di raggiungere la terra di Canaan, nome dato alla Terra Promessa in questo tempo.

L’Alleanza di Dio e la Terra Promessa

“Abramo attraversò il paese fino alla località di Sichem, fino alla quercia di Moreh. A quel tempo si trovavano nel paese i Cananei.” (Genesi 12:6)

Abramo e sua moglie, Sarai, diventano i primi coloni della Terra Santa dove portano i loro beni e stabiliscono la loro casa a Elon Moreh, nei pressi di Sichem (adesso Nablus) nel cuore della Samaria.

Dio, Sionista fin dalla Sua creazione del mondo, ha fatto una promessa eterna nel dare la terra di Israele ad Abramo e alla sua discendenza: “Allora l’Eterno apparve ad Abramo e disse: ‘Io darò questo paese alla tua discendenza’. Allora Abramo vi costruì un altare all’Eterno che gli era apparso” (Genesi 12:7)

A quel tempo, i Cananei controllavano la terra; tuttavia, Dio rassicurava Abramo che la terra di Israele un giorno sarebbe appartenuta alla sua prole, il popolo di Israele. Possiamo vedere una chiara correlazione con la odierna situazione politica in Medio Oriente. I Palestinesi hanno ottenuto il controllo di grandi appezzamenti di terreno all’interno di Israele, questi appezzamenti dividono la terra di Israele. I Palestinesi credono che la creazione di uno Stato Palestinese separato accanto a uno stato Ebraico creerà la pace.

Molti in tutto il mondo anche pensano che due stati per due popoli sia una soluzione equa, perché alcuni degli Arabi che attualmente vivono in Israele hanno radici antiche in queste terre. La maggior parte degli Arabi, però, è venuta in terra di Israele durante una grande immigrazione proveniente dalle terre circostanti nei secoli XIX e XX. Quindi, alcuni si chiedono se il popolo di Israele sia tornato alla propria terra invano.

Fiumi di lacrime e pozze di sangue sono state versate al fine di rivendicare la terra che il nostro Dio ci ha dato. Tutti quelli che hanno rischiato e persino sacrificato la loro vita per liberare le paludi infestate dalla malaria, per ricostituire la terra, per ricostruire le città e per difendere questa nazione contro le orde dei nemici, lo hanno fatto invano? Può essere che il popolo di Israele sia sopravvissuto alla minaccia di sterminio durante 2.000 anni di persecuzione, pogrom e inquisizioni e anche l’Olocausto, nelle terre del loro esilio, per tornare finalmente alla loro Terra Promessa, solo per essere cacciato una volta per tutti dai radicali religiosi, furiosi di odio?

Solo se Dio rompe la sua alleanza.

“‘Anche se i monti si spostassero e i colli fossero rimossi, il mio amore non si allontanerà da te né il mio patto di pace sarà rimosso, dice l’Eterno, che ha compassione di te.’” (Isaia 54:10)

Dio ha fatto più di una promessa ad Abramo. In Genesi 15, Dio ha fatto un patto di sangue con lui. Quel patto ha incluso l’attribuzione di questa terra ai suoi discendenti attraverso Isacco e Giacobbe come eredità eterna: “E stabilirò il mio patto fra me e te, e i tuoi discendenti dopo di te, di generazione in generazione; sarà un patto eterno, impegnandomi ad essere il DIO tuo e della tua discendenza dopo di te. E a te, e alla tua discendenza dopo di te, darò il paese dove abiti come straniero: tutto il paese di Canaan, in proprietà per sempre; e sarò il loro DIO.” (Genesi 17:7-8; anche Genesi 15:5-7)

A Isacco: “A voi [Isacco] soggiorna in questo paese e io sarò con te e ti benedirò, perché io darò a te e alla tua discendenza tutti questi paesi, e manterrò il giuramento che feci ad Abrahamo tuo padre [Dio cambiò il nome di Abramo ad Abramo in Genesi 17:5].” (Genesi 26:3)

A Giacobbe: “Ed ecco l’Eterno stava in cima ad essa e gli disse: ‘Io sono l’Eterno, il DIO di Abrahamo tuo padre e il DIO di Isacco; la terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza; e la tua discendenza sarà come la polvere della terra, e tu ti estenderai a ovest e a est a nord e a sud; e tutte le famiglie della terra saranno benedette in te e nella tua discendenza.” (Genesi 28:13-14)

Abramo non ha dovuto fare nulla per stabilire questo patto con Dio. Nel capitolo 15 della Genesi, Dio ha solo camminato attraverso gli animali che Abramo ha offerto a Lui, indicando che l’alleanza che Lui ha stabilito con Abramo era incondizionata. Dio ha effettivamente causato un sonno profondo nel quale Abramo è caduto quando ha fatto l’alleanza con lui, probabilmente per sottolineare che solo Dio stesse facendo questa promessa incondizionata e anche per impedire ad Abramo di camminare attraverso di essa (Genesi 15:8-20). 

Nelle antiche pratiche di alleanza, entrambe le parti sarebbero dovute passare attraverso l’offerta quale condizione del patto. Molte Scritture dichiarano la promessa eterna di Dio, la nostra pretesa di questa terra non è politica, ma la terra di Israele è nostra per diritto divino. Naturalmente, non v’è grande opposizione alla Parola di Dio. I cananei avevano le armi e gli alleati, così come oggi i nemici di Israele; entrambi hanno ottenuto alcune vittorie temporanee nel tentativo di rivendicare la terra come propria, ma, in definitiva, Dio possiede la terra e la può dare a chiunque desideri. Il suo patto eterno con Abramo rimarrà in eterno.

Camminare sulla Terra come il Primo Ebreo

“Levati, percorri il paese in lungo e in largo, perché io lo darò a te.” (Genesi 13:17)

Quando Dio ordinò ad Abramo di camminare in lungo e in largo per il paese, non era solo per fare un giretto turistico; egli ha adempiuto ad un costume giuridico in tempi antichi per reclamare la proprietà di una proprietà camminando attraverso di essa.  

I re Egiziani e Hittiti partivano regolarmente dai loro grandi palazzi per fare una passeggiata cerimoniale attraverso la loro campagna per confermare la loro proprietà della terra. In Mesopotamia, secondo antichi documenti, il venditore di un immobile avrebbe dovuto sollevare il suo piede dal suolo con il proposito di far posare il piede dell’acquirente su di essa. Ciò può spiegare ulteriormente il contesto culturale della Scrittura in cui Dio promette di dare a Giosuè “ogni parte di suolo che sarebbe stata calpestata dal suo piede”.

“Io vi ho dato ogni luogo che la pianta del vostro piede calcherà, come ho detto a Mosè.” (Giosuè 1:3)

Legalmente, quindi, quando Abramo camminava lungo la larghezza e la lunghezza della terra, egli lo prendeva in possesso per sé stesso e per i suoi discendenti come un possesso eterno. I rabbini talmudici (antichi commentatori rabbinici della Scrittura) hanno confrontato il cammino di Abramo attraverso la terra ad una fiala di profumo che emette il profumo quando viene mossa, così si diffonde il profumo della fede attraverso la Terra Promessa.

Mentre Noè camminava “con” Dio; Abramo ha camminato “avanti” a Dio, aprendo la via per il mondo a venire alla conoscenza della fede nell’unico vero Dio. Abramo aveva una capacità di attraversare i territori oltre i confini: Non solo attraversò da Mesopotamia a Canaan, egli coraggiosamente passò da un mondo di culto dell’idolo ad un mondo in cui è stato adorato il vero Dio. Il mondo rimase da un lato mentre lui ritenne la verità dall’altra parte. Ha attraversato il suo destino e i suoi discendenti hanno ereditato la ricompensa e la benedizione, nonché la caratteristica di essere quelli coloro che attraversano.

Per questa ragione, Abramo divenne la prima persona che si chiamava un Ivricolui che ha attraversato sopra del territorio. Questa parola viene dal verbo Ebraico la’avor (per attraversare) ed è traslitterato in Italiano semplicemente come un Ebreo. Lech Lecha, dunque, è uno dei capitoli più emozionanti della Torah (primi cinque libri della Bibbia), dal momento che riporta la cronaca delle avventure del primo Ebreo nella fede in Dio. Possiamo giungere in questo luogo che altera la nostra vita nel momento in cui “attraversiamo” in una nuova emozionante avventura la nostra vita con Lui.

Abramo Vince la Guerra dei Re

“Sorse perciò una contesa fra i pastori del bestiame di Abramo e i pastori del bestiame di Lot. I Cananei e i Perezei abitavano a quel tempo nel paese.”  (Genesi 13:7)

Nel capitolo 13 della Genesi, Abramo e suo nipote Lot sono diventati molto ricchi. Le loro mandrie sono così grandi che la terra non è in grado di sopportare tutti. (Genesi 13:6) Di conseguenza, la guerra inizia tra i pastori di Abramo e Lot, e invece di peggiorare la situazione, essi decidono di dividersi. Possiamo forse vedere un accenno della fonte di conflitto sottesa con la scelta che Lot fa. Quando Abramo gli offre la prima scelta della zona, Lot sceglie il meglio per sé stesso, invece di insistere sul fatto che il suo zio, che lo ha trattato come un figlio, prende il meglio. Lot sceglie le pianure verdi e fertili del Giordano vicino a Sodoma e Gomorra, e Abramo si dirige verso le pianure di Mamre (Hebron).

“Allora Lot alzò gli occhi e vide l’intera pianura del Giordano. Prima che l’Eterno avesse distrutto Sodoma e Gomorra, essa era tutta quanta irrigata fino a Tsoar, come il giardino dell’Eterno, come il paese d’Egitto. Così Lot scelse per sé tutta la pianura del Giordano e cominciò a spostare le sue tende verso oriente. Così si separarono l’uno dall’altro” (Genesi 13:10-11).

Anche se l’erba può essere più verde dall’altra parte della collina, non vuol dire che sia migliore, né significa che dovremmo andarci. I pascoli più verdi non garantiscono la benedizione di Dio. Poco dopo la separazione dallo zio, Lot ha bisogno di aiuto di Abramo quando quattro potenti re catturarono tutta Sodoma, e anche Lot. Abramo raduna un piccolo esercito di 318 uomini e libera i prigionieri: “Egli divise le sue forze contro di loro di notte, e coi suoi servi li attaccò e li inseguì fino a Hobah, che è a sinistra di Damasco. Così ricuperò tutti i beni e riportò indietro anche Lot suo fratello e i suoi beni, come pure le donne e il popolo” (Genesi 14:15-16)

Non solo Abramo ha rivelato il suo valore militare e il valore nella Guerra dei Re, ma egli ha anche mostrato grande spirito di sacrificio e bontà verso suo nipote Lot. Con un piccolo esercito, enormemente superato dai quattro re e dai loro eserciti, Abramo ha rischiato la propria vita per salvare il nipote. Questo valore è dimostrato dai nostri agenti di polizia e dai comuni cittadini che affrontano i terroristi per le strade di Gerusalemme. Qui in Israele siamo tutti mishpacha (famiglia); perciò, come per Abramo, gli Israeliani non cedono alla paura o sottomettono al blocco provocato dalle conseguenze della protezione dei civili; invece, essi corrono a proteggere gli sconosciuti a rischio della propria vita. Preghiamo che gli Israeliani e i loro dirigenti, che essi possano essere forti e coraggiosi, cercando con cuore sincero Dio, mentre incombe la minaccia finale di annientamento di questa nazione.

Il Destino di Abramo – la Salvezza Eterna

La Parasha Lech Lecha copre la vita di Abramo dai 75 ai 99 anni. Ciò significa che egli ha vissuto gran parte della sua vita senza conoscere il suo destino, non fino a quando Dio si è rivelato a lui attraverso un patto che ha portato ad un suo cambio di nome. Abraham ha aspettato ancora molto tempo prima che cominciasse a vedere la sua realizzazione attraverso un figlio di nome Isaac. 

In questa Parasha, Dio gli dice, “E non sarai più chiamato Abramo [אַבְרָם], ma il tuo nome sarà Abrahamo [אַבְרָהָם], poiché io ti faccio padre di una moltitudine di molte nazioni [o Gentili – אַב  הֲמוֹןגּוֹיִם].” (Genesi 17:5) Con l’aggiunta di una sola lettera Ebraica, la lettera hey (ה) – Abram (padre esaltato) è diventato Abrahamo (esaltato padre di una moltitudine di nazioni).

Il ה consonante Ebraico è spesso usato come abbreviazione per il nome di Dio e si trova due volte nel nome proprio di Dio. Quindi, con l’aggiunta di questa lettera al nome di Abramo, Dio stesso ha aggiunto Abbà, la natura di padre, il carattere e il destino di Abramo. Aggiungendo la lettera hey al nome della moglie di Abrahamo, il suo nome è cambiato da Sarai (La mia principessa) a Sarah (Principessa di tutto il mondo). Per questo motivo, è tradizionalmente ritenuto che un cambiamento di nome possa cambiare il proprio destino. Dio non solo promise a Abramo la terra di Israele, ma anche che sarebbe stata una benedizione per le nazioni (Genesi 12:2; 18:18; 22:17-18; 26:3-4).

Oggi, ci sono innumerevoli modi in cui Dio realizza questa promessa di Abrahamo attraverso la nazione di Israele. Innovazioni tecnologiche, agricole, e medicinali sono gli anticipi in cui Israele sta aiutando le nazioni in tutto il mondo. Ma il compimento più significativo di questa promessa è la Parola di Dio che il popolo Ebraico ha fedelmente protetto e portato al mondo, così come la salvezza eterna attraverso la fede in Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia): “Benedetto sia il Dio e Padre del Signor nostro Gesù Cristo, il quale nella sua grande misericordia ci ha rigenerati, a una viva speranza per mezzo della risurrezione di Gesù Cristo dai morti, per un’eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile, conservata nei cieli per voi che dalla potenza di Dio mediante la fede siete custoditi, per la salvezza che sarà prontamente rivelata negli ultimi tempi.” (1 Pietro 1:3-5)

Il destino di Dio per Abramo di diventare il padre di una moltitudine di nazioni (anche nazioni Gentili) si compie in modo significativo attraverso Yeshua, che è un diretto discendente di Abramo, Isacco e Giacobbe (Matteo 1:2-17). Ogni persona appartenente a qualsiasi tribù, lingua o nazionalità che dichiara la fede in Yeshua diventa erede di Abramo: “Poiché voi tutti che siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo. Non c’è né Giudeo né Greco, non c’è né schiavo né libero, non c’è né maschio né femmina, perché tutti siete uno in Cristo Gesù. Ora, se siete di Cristo, siete dunque progenie d’Abrahamo ed eredi secondo la promessa” (Galati 3:27-29).

Per vedere un video del sermone in Italiano, clicca sul link sottostante:

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore cliccate sul link sottostante:

 

 

 

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s