Torah Portion Noach / Porzione di Torah Noach

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

Noach

Welcome to Parasha Noach (Noah), this week’s Torah portion.

This is the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service. We invite you to read along with us; we know you will be blessed as you rediscover the importance of covenant and unity!

Parasha Noach (Noah / Rest)

Torah Portion: Genesis 6:9-11:32

Haftarah (Prophetic) Portion: Isaiah 54:1-55:5

Brit Chadashah (New Covenant/Testament) 1 Peter 3:8-22; Matthew 24:36-46

“This is the account of Noah and his family.” (Genesis 6:9)

In last week’s Torah portion (Parasha), we restarted the cycle of the weekly study of the Word of God from the very beginning with the study by the same name: B’reisheet (In the Beginning).

This week, we continue our study in the first book of Moses with the Biblical character of Noah, the only righteous man of his generation.

“Noah was a righteous man, blameless among the people of his time, and he walked faithfully with God.” (Genesis 6:9) 

Noah: A Righteous Man

“The earth also was corrupt before God, and the earth was filled with violence. So, God looked upon the earth, and indeed it was corrupt; for all flesh had corrupted their way on the earth.” (Genesis 6:11-12)

The Hebrew Scriptures describe Noah as tzadik (צַדִּיק righteous) and tamim (תָּמִים  pure, innocent, complete and faultless).

Noah stands in contrast to the time in which he lived. Only six chapters into the Bible and the world is already filled with violence and corruption.

God vowed to destroy every person, all except Noah and his family. These six people would be miraculously saved in an ark that God instructed Noah to build.

Noah obeyed God even though he saw no evidence of the coming deluge.

For that reason, the book of Hebrews includes Noah as one of the heroes of our faith: “By faith Noah, being warned by God about things not yet seen, in reverence prepared an ark for the salvation of his household, by which he condemned the world, and became an heir of the righteousness which is according to faith.” (Hebrews 11:7)

noach-tevah

Noah’s absolute faith in God, which resulted in uncompromising obedience, was the reason he was able to truly enter a place of blessed rest.

In fact, the name Noah, or Noach in Hebrew, means rest. He was not a man who “leaned on his own understanding” of a situation, but trusted wholeheartedly in the Word of the Lord and obeyed.

We will also come to this place of peace and rest when we learn to simply trust and obey God at His Word.

Too often we try to reason everything out and make sure something makes sense or agrees with our theology before complying with God’s commands.

“Let us, therefore, make every effort to enter that rest, so that no one will perish by following their example of disobedience.” (Hebrews 4:11)

Babel

The Great Flood

“And I, behold, I do bring the flood of waters upon the earth, to destroy all flesh, wherein is the breath of life, from under heaven; everything that is in the earth shall perish.” (Genesis 6:17)

In this Parasha, God instructs Noah to build a huge ark (called a teivah תֵּבָה  in Hebrew) capable of holding at least a pair of every kind of animal. A terrible deluge of water is about to come, which would wipe out every living thing on earth except for those saved on the ark.

God’s grief over the corruption of mankind is so intense that He has decided to wipe the slate clean and establish His covenant with Noah: “I will establish My covenant with you; and you shall enter the ark, you and your sons and your wife, and your sons’ wives with you. And of every living thing of all flesh, you shall bring two of every kind into the ark, to keep them alive with you; they shall be male and female.” (Genesis 6:18-19)

Noah is not a boat builder by trade and the job is no small undertaking. He is to seal it inside and out with pitch (tar) in order that it will float on the water and keep everything dry within.

The boat requires a high standard of craftsmanship. It seems likely that God gave him a supernatural gifting and impartation of wisdom.

Not only is the boat to carry every “kind” of animal with sufficient provisions. Answers in Genesis interprets “kind” to mean that Noah brought two of each “family” of animals.  

For example, dogs, coyotes, jackals, and foxes all belong to the Canidae family. So, if this theory is true, Noah would have chosen two of these sub-species to represent the Canidae family.

The ark also has to withstand rain for 40 days and 40 nights. And even after the rain stops, another 150 days will pass before the waters recede.

Tower of Babel Ziggurat

The ark finally comes to rest on Mount Ararat.

Noah devises a method for determining when it is safe to leave the ark by observing the behavior of birds. He sends out a raven that comes back when it finds no place to rest. A week passes and he sends out a dove. It comes back as the raven did.

Later, Noah again sends out a dove, and when it returns with an olive branch, he knows the waters have dried up sufficiently to allow vegetation to begin growing again. Another week passes before Noah sends the dove again. When it doesn’t return at all, he understands it is safe to emerge from the ark.

In a scene reminiscent of Creation, God commands Noah and his family to go out and replenish the earth, to be fruitful and multiply. God again instructs the eating of green herbs and now allows humankind to eat the flesh of animals; nevertheless, God forbids the eating of blood.

God also institutes the death penalty for murder, reminding them that man has been created in God’s image and, therefore, the life of every human being is very precious. This passage is a reminder to us that when we look at others, we must see them as having been created in the image and likeness of the Almighty God.

“Whoever sheds man’s blood, by man his blood shall be shed; For in the image of God He made man.” (Genesis 9:6)

noah-rainbow

The Rainbow: The Sign of the Covenant

After Noah and his family emerge from the Ark, they sacrifice to God an offering of the clean animals carried on the Ark for that purpose.

God promises Noah that He will never again curse the earth because of the wickedness of man, and never again destroy every living, breathing creature on earth as He had done in the flood: “And the Lord smelled a soothing aroma. Then the Lord said in His heart, ‘I will never again curse the ground for man’s sake, although the imagination of man’s heart is evil from his youth; nor will I again destroy every living thing as I have done.’” (Genesis 8:21)

God sets a rainbow in the sky as a sign of the covenant (ot brit / אוֹת בְּרִית) with all people of the earth: “I set My rainbow in the cloud, and it shall be for the sign of the covenant between Me and the earth.” (Genesis 9:13)

This is not the only covenant that God has made. Other covenants were to follow, and each one comes with its own particular sign (ot). The sign of the Abrahamic covenant is circumcision of all male infants on the eighth day.

The sign of the Mosaic covenant is the keeping of the seventh-day Sabbath.

Yeshua said that the great hallmark of faith in Him, of having the Torah written inside our hearts and minds in the Brit Chadashah (New Covenant), is love: “By this everyone will know that you are My disciples, if you love one another.” (John 13:35)

The Generational Curse of Ham

After leaving the Ark, Noah plants a vineyard.

Although he is a righteous man, he becomes drunk on wine and is found by his son, Ham, passed out naked in his tent.

Noah blesses two of his sons, Shem and Yafet, because they walk in backwards and cover his nakedness; however, Noah’s son Ham is punished for dishonoring his father. This is a strong lesson for all of our children. The command to honor our mother and father comes with a promise that we will live a long and blessed life.

“Honor your father and your mother, that your days may be prolonged in the land which the LORD your God gives you.” (Exodus 20:12)

Teaching children to properly respect their parents protects their future.

Ksenophontov_noah.jpg

Although Noah’s entire family is saved physically, each one still has to choose the way of spiritual salvation, a transformation of the heart. Shem and Yafet show a right heart and right spirit, while their brother Ham shows that his heart needs to be regenerated.

This curse over Ham did not end with him, but shows that his heart needs to be regenerated, carried on down the generations.

One of Ham’s sons was Cush. His son, Nimrod, began the kingdom of Babel (modern day Iraq). Nimrod also built the wicked city of Nineveh, to which God sent Jonah to preach repentance.

We may also unknowingly carry curses upon our lives from generational sins of our family before us.

The atoning blood of Yeshua paid the price for all our sins and has the power to break these curses; however, we must receive, proclaim, and walk in the freedom we have in the Son.

the-passion-of-the-christ.jpg

The Tower of Babel was built in the land of Shinar, which is in Babylon (modern Iraq).

In Hebrew, Babel means confusion.

The people of the world unified in their goal of building the tower of Babel, but their motives were founded in control and rebellion against God. They wanted to control their destiny.

“And they said, ‘Come, let us build ourselves a city, and a tower whose top is in the heavens; let us make a name for ourselves, lest we be scattered abroad over the face of the whole earth.’” (Genesis 11:4)

To save humankind from uniting to do evil, God confuses their language.

“Come, let us go down and confuse their language so they will not understand each other.” (Genesis 11:7)

99eaa929518fdef437ec678dd17929d2--bible-scriptures-bible-art

It is ironic that the very thing they feared, being scattered and divided across all the earth, is exactly what happened to them when they attempted to secure their own future without relying on God.

“So, the LORD scattered them abroad from there over the face of all the earth, and they ceased building the city.” (Genesis 11:8)

By examining our motives in everything we do, we can see if we are attempting to be the “master of our own fate” or to “build a name for ourselves” or working to build the Kingdom of God.

All that is built with impure motives will be destroyed on the Day of Judgment.

Still, there is a principle here that we must not miss: when people come into unity of heart, mind and purpose, nothing is impossible for them!

“And the LORD said, ‘Indeed the people are one and they all have one language, and this is what they begin to do; now nothing that they propose to do will be withheld from them.’” (Genesis 11:6)

God Himself acknowledges that such unity is a powerful force.

When we submit to the tactic of divide and conquer, we succumb to weakness and defeat. That is why the enemy of our souls works overtime to cause division in churches, families, and marriages. It is in unity, rooted in righteousness and Godliness, that God commands His blessing: “Behold, how good and how pleasant it is for brethren to dwell together in unity! For there the LORD commanded the blessing, Life forevermore.” (Psalm 133:1, 3)

 Imagine what believers can accomplish when they are motivated by love and united in God’s purposes.

images

The Language of Love

What created such unity among the people of Babel? They all spoke the same language.

The only thing necessary to destroy the entire work of building the Tower of Babel was to disrupt their communication. But communication is not only based on the language or dialect we speak.

A best-selling book by Gary Chapman called The 5 Love Languages analyzes five different emotional communication preferences that connect people to each other: words of affirmation; acts of service; receiving or giving gifts; quality time; and physical touch.

Understanding these preferences can help us deepen our relationships with others in our homes, work, and daily travels.

Even more so, believers are to be uniquely connected to each other through God’s love language, which is expressed through one mind, one heart, and one spirit rooted in His Word.

This unity of mind, heart, and spirit is expressed in a famous Jewish saying: “May you be covered in the dust of your Rabbi!”

Likewise, those who follow Yeshua (Jesus), walking closely in His footsteps and sitting humbly at His feet, become covered in the dust of His sandals.

Communicating in the unity of God’s love language is one way we can identify those who are covered in the dust of Yeshua and are truly His disciples (talmidim).

untitled.png

This is how we speak God’s love language to others: We instruct, exhort, rebuke, encourage, and respond to others with the fruit of His Spirit: love, joy, peace, forbearance, kindness, goodness, faithfulness, gentleness and self-control (Galatians 5:22-23).

And this is how God speaks His love language to Israel: In Isaiah 53, He describes for them their Messiah, who will suffer for and heal them from their sins once and for all.

In the next chapter (the prophetic reading for this Shabbat), He tells them why He loves them so much, even after they have forsaken Him so many times:  “‘For this is like the days of Noah to Me, When I swore that the waters of Noah would not flood the earth again; so, I have sworn that I will not be angry with you, nor will I rebuke you. For the mountains may be removed and the hills may shake, but My loving-kindness will not be removed from you, and My covenant of peace will not be shaken,’ says the LORD who has compassion on you.” (Isaiah 54:9-10)

God so loved Israel that He sent them a righteous yet suffering servant so that a right relationship with God could be restored and eternal salvation guaranteed to those who follow Yeshua. 

While Noah saved himself and his family, Messiah Yeshua is the Savior of the world.

The Coming Judgment

Just like the flood in the days of Noah, in the end times, judgment will come suddenly (Matthew 24:36-41).

But those who know the Lord need not fear, for He will provide a safe shelter, teivah, from the raging storm of tribulation, just as He provided the ark for Noah and his family.

The prophet Isaiah wrote, “Come, my people, enter your chambers, and shut your doors behind you; Hide yourself, as it were, for a little moment, until the indignation is past.” (Isaiah 26:20)

May we emerge from the Ark of God’s shelter in the unity of faith to establish the new heavens and the new earth of peace and righteousness and justice under the rule of the Messiah, Yeshua.

destroyed-city-2a

To watch a video of the sermon in English, please click on the link below:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

 

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

Benvenuti alla Parasha (Porzione di Torah) di questa settimana chiamata Noach (Noè). Questa è la porzione della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo durante lo Shabbat (Sabato). Vi invitiamo a leggere insieme a noi; sappiamo che sarete benedetti mentre riscoprite l’importanza dell’alleanza e dell’unità nel popolo di Israele!

Parasha Noach (Noè / Riposo)

Porzione di Torah: Genesi 6:9-11:32 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 54:1-55:5 

Brit Chadashah (Nouvo Patto/Testamento): 1 Pietro 3:8-22; Matteo 24:36-46

“Questa è la discendenza di Noè.” (Genesi 6:9)

Nella parte della Torah della settimana scorsa (Parasha), abbiamo ripreso il ciclo dello studio settimanale della Parola di Dio fin dall’inizio con lo studio che prende da questo il nome: B’reshit (All’inizio). Questa settimana, continuiamo il nostro studio nel primo libro di Mosè con il personaggio biblico di Noè, l’unico uomo giusto della sua generazione.

“Noè fu uomo giusto e irreprensibile tra i suoi contemporanei. Noè camminò con DIO.” (Genesi 6:9)

Noè: Un Uomo Giusto 

“Ora la terra era corrotta davanti a DIO. e la terra era ripiena di violenza. Ora DIO guardò sulla terra ed ecco, era corrotta. perché ogni carne sulla terra aveva corrotto la sua condotta.” (Genesi 6:11-12) 

Le Scritture Bibliche descrivono Noè come Tzadik (צַדִּיק giusto) e Tamim (תָּמִים puro, innocente, completo impeccabile). Noè è in contrasto con il tempo in cui ha vissuto. Solo in sei capitoli della storia Biblica sua contemporanea nel mondo si è pieni di violenza e di corruzione. Dio ha promesso di distruggere ogni persona, tutti tranne Noè e la sua famiglia. Queste sei persone sarebbero salvate miracolosamente in un’arca che Dio istruì Noè a costruire. Noè obbedì a Dio anche se non vedeva alcuna prova del diluvio in arrivo. Per questo motivo, il libro degli Ebrei comprende Noè come uno degli eroi della nostra fede: “Per fede Noè, avvertito divinamente di cose che ancora non si vedevano e mosso da santo timore, preparò per la salvezza della sua famiglia l’arca, mediante la quale condannò il mondo e divenne erede della giustizia che si ottiene mediante la fede.” (Ebrei 11:7)

Fede assoluta di Noè in Dio, che ha provocato l’obbedienza senza compromessi, essa è stata la ragione per cui egli era in grado di entrare veramente in un luogo di riposo e di benedizione. Infatti, il nome Noè, o Noach in Ebraico, significa riposo. Non era un uomo che “si appoggiò alla propria comprensione” di una situazione, ma si fidava con tutto il suo cuore della Parola del Signore ed obbediva ad essa. Arriveremo anche in questo luogo di pace e di riposo quando impareremo semplicemente a fidarci e ad obbedire a Dio e alla Sua Parola. Troppo spesso cerchiamo di spiegare tutto ed assicurarci che qualcosa abbia senso o si accordi con la nostra teologia prima di rispettare i comandi di Dio.

“Diamoci da fare dunque per entrare in quel riposo, affinché nessuno cada seguendo lo stesso esempio di disubbidienza.” (Ebrei 4:11)

Il Grande Diluvio

“Ed ecco, io stesso sto per far venire il diluvio delle acque sulla terra, per distruggere sotto i cieli ogni carne in cui è alito di vita; tutto quello che è sulla terra morirà.” (Genesi 6:17)

In questa Parasha, Dio istruisce Noè per costruire un enorme arca (chiamata teivah תֵּבָה in Ebraico) in grado di contenere almeno una coppia di ogni specie di animali. Un terribile diluvio d’acqua sta per arrivare, che avrebbe cancellato ogni essere vivente sulla terra tranne quelli salvati nell’arca. Il dolore di Dio sulla corruzione del genere umano è così intenso che Dio ha deciso di fare tabula rasa e di stabilire il Suo nuovo patto con Noè: “Ma io stabilirò il mio patto con te e tu entrerai nell’arca: tu, i tuoi figli, la tua moglie e le mogli dei tuoi figli con te. E di tutto ciò che vive di ogni carne fanne entrare nell’arca due di ogni specie. per conservarli in vita con te; e siano maschio e femmina.” (Genesi 6:18-19) 

Noè non è un costruttore di barche per il trasporto di animali e merce e il lavoro non è un’impresa piccola. Egli deve sigillare dentro e fuori con la malta (pece) in modo che l’arca galleggi sull’acqua e si mantenga tutto asciutto all’interno. La barca richiede un alto livello di lavoro artigianale. Sembra probabile che Dio gli abbia dato un regalo sovrannaturale e un’immaginazione dalla Sua saggezza. La barca era sufficiente per trasportare ogni “tipo” di animale. La risposta in Genesi di “tipo” di animale sta a significare che Noè ha portato due di ogni “famiglia” degli animali. Ad esempio, cani, coyote, sciacalli, volpi e tutti appartengono alla famiglia dei canidi. Quindi, se questa teoria è vera, Noè avrebbe scelto due di queste sotto-specie per rappresentare la famiglia Canidae. L’arca doveva anche sopportare pioggia per 40 giorni e 40 notti. E anche quando la pioggia si sarebbe fermata, sarebbero passati altri 150 giorni prima che le acque si sarebbero abbassate. L’arca arriva finalmente sul Monte Ararat.

Noè definisce un metodo per determinare quando è sicuro lasciare l’arca osservando il comportamento degli uccelli. Egli manda fuori il corvo che ritorna quando si trova alcun posto per riposare. Una settimana passa prima che manda fuori una colomba. È tornato come il corvo ha fatto. Più tardi, Noè mandò fuori di nuovo una colomba, e quando tornò con un ramo d’ulivo, Noè seppe che le acque si erano prosciugate in una misura sufficiente per consentire alla vegetazione per iniziare di nuovo la propria crescita. Un’altra settimana passò dopodiché Noè mandò di nuovo la colomba. Quando la colomba non ritornò più da lui, egli capì che poteva uscire dall’arca in sicurezza.

In una scena che ricorda della creazione, Dio comanda Noè e la sua famiglia di uscire e riempire la terra, per essere fecondi e moltiplicarsi. Dio istruisce Noè di mangiare erbe verdi e ora permette a lui e alla sua famiglia e discendenza di mangiare la carne degli animali; comunque, Dio vieta di mangiare il sangue. Dio istituì anche la pena di morte per omicidio, ricordando loro che l’uomo è stato creato a immagine di Dio e, di conseguenza, la vita di ogni essere umano è molto preziosa. Questo passaggio è un promemoria per noi che quando guardiamo agli altri, dobbiamo vederli come essi sono stati creati a immagine e somiglianza del Dio Onnipotente.

“Chiunque spargerà il sangue di un uomo, il suo sangue sarà sparso per mezzo di un uomo, perché DIO ha fatto l’uomo a sua immagine.” (Genesi 9:6)

L’Arcobaleno: il Segno dell’Alleanza

Dopo che Noè e la sua famiglia emergono dall’Arca, essi sacrificano a Dio un’offerta degli animali puri portati nell’Arca per questo scopo. Dio promette a Noè che Egli non maledirà più la terra a causa della malvagità degli uomini, e mai più distruggerà ogni vivente, creatura sulla terra come aveva fatto nel diluvio: “E l’Eterno sentì un odore soave; così l’Eterno disse in cuor suo: ‘Io non maledirò più la terra a motivo dell’uomo, perché i disegni del cuore dell’uomo sono malvagi fin dalla sua fanciullezza; e non colpirò più ogni cosa vivente, come ho fatto.’” (Genesi  8:21)

Dio pone un arcobaleno nel cielo come un segno del patto (Brit ot / אוֹת בְּרִית) con tutti i popoli della terra: “Io pongo il mio arcobaleno nella nuvola, e servirà di segno del patto fra me e la terra.” (Genesi 9:13)

Questo non è l’unico patto che Dio ha fatto. Altri sarebbero seguiti, e ogni patto viene fornito con un suo particolare segno (ot). Il segno del patto Abramitico è la circoncisione di tutti i neonati maschi nell’ottavo giorno. Il segno del patto Mosaico è la custodia del Sabato settimo giorno. Gesù ha detto che il grande segno distintivo della fede in Lui, è di avere la Torah scritta dentro i nostri cuori e le menti, il Brit Chadashah (Nuova Alleanza), è l’amore: “Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri.” (Giovanni 13:35)

La Maledizione Generazionale di Ham

Dopo aver lasciato l’Arca, Noè pianta una vigna. Anche se è un uomo giusto, egli diventa ubriaco dal bere vino e viene trovato da suo figlio, Ham, svenuto nudo nella sua tenda. Noè benedice due dei suoi figli, Sem e Yafet, perché camminano all’indietro e coprono la sua nudità; comunque, il figlio di Noè, Ham viene punito per aver disonorato suo padre. Questo è una lezione forte per tutti i nostri figli. Il comando di onorare la nostra madre e il padre porta con sé una promessa di vita lunga e benedetta.

“Onorerai tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano lunghi sulla terra che l’Eterno, il tuo DIO ti dà.” (Esodo 20:12)

Insegnare ai bambini a rispettare adeguatamente i loro genitori protegge il loro futuro. Anche se tutta la famiglia di Noè è salvata fisicamente, ognuno deve ancora scegliere la via della salvezza spirituale, una trasformazione del cuore. Semi e Yafet mostrano un cuore giusto e uno spirito giusto, mentre il fratello Ham dimostra che il suo cuore deve essere rigenerato.

Questa maledizione contro Ham non è finita con lui, ma ha continuato per le generazioni a seguire. Uno dei figli di Ham era Cush. Suo figlio, Nimrod, iniziò il regno di Babele (l’attuale Iraq). Nimrod costruì anche la malvagia città di Ninive, a cui Dio mandò Jonah a predicare il pentimento. Possiamo anche inconsapevolmente portare maledizioni sulle nostre vite dai peccati generazionali della nostra famiglia nelle generazioni a seguire. Il sangue espiatorio di Yeshua ha pagato il prezzo per tutti i nostri peccati e ha il potere di rompere queste maledizioni; tuttavia, dobbiamo ricevere, proclamare e camminare nella libertà che abbiamo nel Figlio. La Torre di Babele fu costruita nella terra di Shinar, che è a Babilonia (Iraq moderno). In Ebraico, Babele  significa confusione. Il popolo del mondo si unì nel loro scopo di costruire la Torre di Babele, ma i loro motivi furono fondati sul controllo e sulla ribellione contro Dio. Volevano controllare il loro destino.

“E dissero: ‘Venite, costruiamoci una città e una torre la cui cima giunga fino al cielo, e facciamoci un nome, per non essere dispersi sulla faccia di tutta la terra’”. (Genesi 11:4)

Per salvare l’umanità dalle malvagità, Dio confonde il loro linguaggio.

“Vieni, scendiamo laggiù e confondiamo la loro lingua, affinché l’uno non comprenda più il parlare dell’altro.” (Genesi 11:7) 

È ironico che la stessa cosa che temevano, essere sparsi e divisi in tutta la terra, sia esattamente quello che è successo loro quando hanno tentato di assicurare il proprio futuro senza affidarsi a Dio.

“Così l’Eterno li disperse di là sulla faccia di tutta la terra, ed essi cessarono di costruire la città.” (Genesi 11:8)

Esaminando le nostre motivazioni in tutto ciò che facciamo, siamo in grado di vedere se stiamo cercando di essere “padroni del nostro destino” o di “costruire un nome per noi stessi” o lavorare per costruire il Regno di Dio. Tutto ciò che è costruito con motivi impuri sarà distrutto nel Giorno del Giudizio. Tuttavia, qui esiste un principio che non dobbiamo perdere: quando le persone entrano in unità di cuore, mente e scopo, nulla è impossibile a loro!

“E l’Eterno disse: ‘Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti la medesima lingua; e questo è quanto essi hanno cominciato a fare; ora nulla impedirà loro di condurre a termine ciò che intendono fare.’” (Genesi 11:6)

Dio stesso riconosce che tale unità è una forza potente. Quando ci sottomettiamo alla tattica della divisione e imperialismo, soccombiamo alla debolezza e alla sconfitta. È per questo che il nemico delle nostre anime lavora straordinariamente per causare divisioni in chiese, famiglie e matrimoni. È nell’unità, radicata nella giustizia e nella divinità, che Dio comanda la Sua benedizione: “Ecco, quanto è buono e quanto è piacevole, che i fratelli dimorino assieme nell’Unità! È come la rugiada dell’Hermon, che scende sui monti di Sion, perché è là che l’Eterno ha posto la benedizione, la vita in eterno.” (Salmo 133:1, 3) 

Immaginate cosa possono realizzare i credenti quando sono motivati dall’amore e uniti nella finalità di Dio.

La Lingua dell’Amore

Cosa ha creato l’unità tra la gente di Babele? Tutti parlavano la stessa lingua. L’unica cosa necessaria per distruggere l’intero lavoro di costruzione della Torre di Babele era disturbare la loro comunicazione. Ma la comunicazione non è basata solo sulla lingua o dialetto che parliamo. Il libro più venduto di Gary Chapman chiamato I 5 Linguaggi dell’Amore analizza cinque diverse preferenze di comunicazione emotiva che collegano le persone tra loro: parole di incoraggiamento; il servire gli uni gli altri; il ricevere e il fare regali; il tempo speso insieme; e il contatto fisico.

Comprendere queste preferenze può aiutarci ad approfondire i nostri rapporti con gli altri nelle nostre case, lavoro e viaggi giornalieri. A maggior ragione, i credenti devono essere collegati in modo univoco gli uni agli altri attraverso il linguaggio dell’amore di Dio, che si esprime attraverso una sola mente, un solo cuore e un solo spirito radicato nella Sua Parola. Questa unità della mente, del cuore e dello spirito è espressa in un famoso detto Ebraico: “che tu sia coperto dalla polvere del tuo rabbino!” Allo stesso modo, coloro che seguono Yeshua (Gesù), camminando attentamente nelle sue orme e seduti umilmente ai suoi piedi, diventano coperti dalla polvere dei suoi sandali. Comunicare nell’unità del linguaggio dell’amore di Dio è un modo per identificare coloro che sono coperti dalla polvere di Yeshua e sono veramente suoi discepoli (talmidim). Questo è il modo in cui parla il linguaggio dell’amore di Dio per gli altri: Noi istruiamo, esortiamo, rimproveriamo, incoraggiamo e rispondiamo agli altri con il frutto del suo Spirito: amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé (Galati 5:22-23).

E questo è il modo in cui Dio parla con linguaggio d’amore ad Israele: In Isaia 53Egli descrive per loro il loro Messia, che soffrirà per loro e che li guarirà dai loro peccati una volta per tutte. Nel prossimo capitolo (la lettura profetica di questo Shabbat), egli spiega loro perché li ama tanto, anche dopo che l’hanno abbandonato tante volte: “Per me questo infatti sarà come le acque di Noè; come giurai che le acque di Noè non avrebbero più coperto la terra, così giuro di non adirarmi più contro di te e di non minacciarti più. Anche se i monti si spostassero e i colli fossero rimossi, il mio amore non si allontanerà da te né il mio patto di pace sarà rimosso, dice l’Eterno, che ha compassione di te.” (Isaia 54:9-10).

Dio ha tanto amato Israele, che ha mandato il Suo unico figlio Yeshua (Gesù) a soffrire perché Israele potesse avere un giusto rapporto con Dio e che potesse essere restaurata, che potesse esserle donata la salvezza eterna, garantita a coloro che seguono Yeshua (Gesù). Mentre Noè ha salvato se stesso e la sua famiglia, il Messia Yeshua è il Salvatore del mondo.

Il Giudizio Finale

Proprio come l’inondazione nei giorni di Noè, nei tempi finali, il giudizio verrà improvvisamente. (Matteo 24:36-41).

Ma coloro che conoscono il Signore non temeranno, perché ad essi Egli fornirà un riparo sicuro, un teivah, dalla tempesta che infuria durante la tribolazione, così come Egli ha fornito l’arca per Noè e la sua famiglia.

Il profeta Isaia scrisse, “Va o popolo mio, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l’indignazione.” (Isaia 26:20)

Possiamo emergere dal rifugio dell’Arca di Dio nell’unità della fede per stabilire i nuovi cieli e la nuova terra di pace, di giustizia nel Suo regno. Il Regno del Messia, Yeshua Ha-Mashiach.

Per vedere un video del sermone in Italiano, clicca sul link sottostante:

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore clickate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s