Torah Portion B’RESHEET

(L’Italiano segue sotto)

Shabbat Shalom!

B Resheet

Welcome to B’resheet (In the Beginning), this week’s Parasha (Torah Portion), which will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service.

Please read along with us. We know you will be blessed as the Word of God gives you a fresh start!

B’RESHEET (In the Beginning)

Torah Portion: Genesis 1:1-6:8

Haftarah (Prophetic Portion): Isaiah 42:5-43:10

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): John 1:1-18; Revelation 22:6-21

In the beginning [B’resheetGod [Elohim] created the heavens and the earth.” (Genesis 1:1)

Isn’t it wonderful to have a fresh start? To have an opportunity to begin again?

This is the precious gift we are given each year at the completion of the fall feasts with Simchat Torah (Rejoicing in the Torah), when we start our cycle of Parashiot (Torah study portions) all over again, from the beginning.

Weekly Torah portions adopt their names from the first unique Hebrew word that appears in the reading, instead of being given a name or title from a theme in the text.

Both this first Parasha in the yearly cycle of Torah readings and the first book of the Bible take their name from the first unique word in the text, B’resheet, which means in the beginning.

In English, the book of B’resheet is called Genesis.

A Good Creation

1-god-saw-that-it-was-good.jpg

Parasha B’resheet opens with a dramatic, awe-inspiring narrative of the creation of our world.

In as few as 31 verses and 469 words, Genesis describes how God takes confusion and emptiness (tohu v’vohu תֹהוּ וָבֹהוּ) and creates a perfect, delicate balance of order and beauty.

“The earth was unformed and void [tohu v’vohu], darkness was on the face of the deep, and the Spirit of God hovered over the surface of the water.” (Genesis 1:2)

In this Parasha, the Ruach Elohim (רוּחַ אֱלֹהִים The Spirit of God) hovers over the waters (mayim) as God separates the light from the darkness and land from the water. He creates vegetation and creatures, fish of the sea and birds of the air, as well as land animals.

Adonai looks at everything He has made and declares it good; however, He is not quite finished.

On the sixth and final day of creation, God brings forth the first human, Adam (אָדָם), out of the dust of the earth (adamah אדמה).

“Then the LORD God formed man [Adam] of the dust of the ground [adamah], and breathed into his nostrils the breath of life; and man became a living soul.” (Genesis 2:7)

Notice that it takes the breath of God to transform Adam into a “living soul”, a being of flesh and blood with personality, emotions, and desires.

Contained within the name of the first “man” on earth is the Hebrew root word dam (דָם – blood). This is not a coincidence, since God tells us often that life is in the blood (Genesis 9:4; Deuteronomy 12:23; Leviticus 17:11).

Notice as well that humankind, both male and female, are created in the very image and likeness of God.

Hebrew uses the word b’tzelmo (בְּצַלְמוֹ  in His image). The Hebrew root word tzelem  (image) is used in modern Hebrew to mean taking a photograph or making a photocopy, and there is a very definite family resemblance between us and our Heavenly Abba (Dad).

“And God created man [Adam אָדָם] in His own image [b’tzelmo], in the image of God [b’tzelem Elohim] created He him; male [zachar] and female [nikeivah] He created them.” (Genesis 1:27)

In the Image of God: Creativity

One of the ways we resemble God is our capacity for creativity.

Just as God delighted in the creative process of earth and life, so is there an innate quality within each human being to also be creative, which can express itself not only as art, writing, or music but also strategic thinking, engineering, programming, etc.

But how did God create the universe? The Bible says He spoke it into existence using words. For that reason, each act of creation begins with the phrase “And God said ….”

“And God said: ‘Let there be light.’ And there was light.” (Genesis 1:3)

genesis-1-3.jpg

Although we are not gods, as some in the New Age movement claim, we have been given creative power in our words. Even the power of life and death is in the tongue! (Proverbs 18:21)

We see this principle at work when God tells the Israelites that He would give them that which they had declared with their own words. They fostered unbelief and disobedience and spoke death over themselves. The result of their faithless words was that the entire generation perished in the wilderness.

“‘As I live,’ says the Lord, ‘just as you have spoken in My hearing, so I will surely do to you; your corpses will fall in this wilderness.’” (Numbers 14:28-29)

Keeping this in mind, let us carefully guard our mouth and watch our words, for they have the power to create good things in our lives and the lives of others, or to cause destruction. (Proverbs 15:4)

Moreover, the Word of God spoken in faith is powerful and effective to create light in the darkness and order out of confusion and emptiness.

In the beginning, everything in God’s creation worked perfectly and everything made perfect sense. He had spoken all into existence in faith, hope, and love.

Six Days of Labor, One Day of Rest

After six days of actively creating, God instituted the seventh day Sabbath, a time to cease from labor and simply rest and be refreshed.

“By the seventh day God completed His work which He had done, and He rested on the seventh day from all His work which He had done. Then God blessed the seventh day and sanctified it, because in it He rested from all His work which God had created and made.” (Genesis 2:2-3)

This holy day of rest is so important that God included it in the Aseret HaDevarim (Ten Words or Commandments), chiseling these words onto the stone tablets: “Remember the Sabbath day, to keep it holy. Six days you shall labor and do all your work, but the seventh day is a Sabbath of the Lord your God; in it you shall not do any work, you or your son or your daughter, your male or your female servant or your cattle or your sojourner who stays with you. “For in six days the Lord made the heavens and the earth, the sea and all that is in them, and rested on the seventh day; therefore, the Lord blessed the Sabbath day and made it holy.” (Exodus 20:8-11)

Shabbat shalom10

“And the LORD God said: “It is not good for the man to be alone. Let Me make a well-matched helper for him.” (Genesis 2:18)

The Problem of Loneliness

When Adonai placed man in Gan Eden (the Garden of Eden), He declared that it is not good for a man to be alone.

He saw man’s need for a helper, counterpart, and companion; therefore, God put Adam into a deep sleep and took from him a rib to create a suitable partner for him.

“Adonai Elohim caused a deep sleep to fall on the man and he slept; and He took one of his ribs and closed up the flesh in its place. Adonai Elohim built the rib, which He had taken from the man, into a woman. Then He brought her to the man.” (Genesis 2:21-22)

A second century Jewish sage, Dosetai ben Yaanai, wrote that it is natural for a man to woo a woman. Why? Because he seeks for that which he has lost (his rib).

In Hebrew, a man is called ish and a womanisha, the feminine form of ish. God uses this term when He woos Israel and promises a time when Israel will regard Him with fond affection, rather than stand at arm’s length from Him, viewing Him as a stern authority figure.

“‘It will come about in that day,’ declares the LORD, ‘That you will call Me Ishi  (my Man) and will no longer call Me Ba’ali (my Master).’” (Hosea 2:16)

God wants Israel to serve Him out of love, love like that of a woman for her husband. Likewise, His love for Israel is that of a devoted, tender husband.

Furthermore, God is utterly concerned with our intimate relationships, with Him and with one another. He wants our relationships to be borne of love and devotion, not ruled through domination, control, manipulation, and coercion.

And because good relationships and preserving purity are so highly prized, Judaism has an effective method of finding mates for singles that is uncommon in the non-Jewish world.

The Jewish system of shidduchim (matchmaking) attempts to bring Jewish men and women together for the purpose of marriage. Creating a successful shidduch  (arranged match) is considered a great mitzvah (good deed) in Judaism.

Although the verse describing Chavah (Eve) has often been translated as “helper” or “helpmate,” the word used for the role of a wife in Genesis 2:18 is ezer kenegdo, which literally means a helper against him.

The medieval Torah commentator Rashi comments on this text, saying: “If he [Adam] is worthy, [she will be] a help [ezer]. If he is not worthy [she will be] against him [kenegdo] for strife.”

The word ezer means a protector, a guard, an aid, and a help. So we can understand from this text that helping a husband doesn’t means always agreeing. A woman was not created to be a yes person. There are times when she must stand in opposition to her husband if he is planning something that is ungodly or unwise.

We can look at the example of Haman’s wife in the book of Esther who tried to warn her husband that his attempts to destroy Mordechai would never succeed because he was of Jewish origin.

To his detriment, the anti-Semite Haman did not listen to his ezer kenegdo.

As well, being a wife does not mean that the woman is less important or inferior to her husband. After all, the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) is also called The HelperAnd while being the helper in Scripture connotes superiority, the addition of “kenegdo” to the word “ezer” reveals that the position of wife is a position of equality.

genesis-2_18

The Fall in the Garden

Sadly, due to a crafty serpent’s trickery, Eve sinned and Adam sinned soon after her; humankind went from grace to disgrace in a single day!

Adam blamed Eve, and Eve blamed the serpent, and men and women have been pointing the finger at one another ever since.

There, in the Garden, for the first time in human history, we see the emergence of shame. With shame came forth a fear of God’s wrath. In his utter humiliation, Adam hid among the trees, having become aware that he was naked.

From their utopian, sheltered, and innocent existence in the Garden of Eden, Adam and Eve were thrust into a cruel and unforgiving world of hardship and pain.

Being cast out of the Garden prevented them from eating from the Tree of Life in their fallen state. Doing so would have turned their temporary fallen state into an eternal fallen state.

The barred door of the Garden actually opened the door for redemption in the fullness of time.

How quickly the order and beauty of God’s creation deteriorated into moral degeneracy, even to the point of brother murdering brother (Cain and Abel).

With humankind spiritually separated from God and deciding for themselves what was good and what was evil, only six chapters into the book of B’resheet, mankind descended to such depths of evil, depravity and violence that God’s heart breaks, and He regrets ever creating mankind.

The good news, however, is that none of this came as a surprise to God. Even before the foundations of the earth were laid, God had a plan for redemption. God sent His one and only Son, Yeshua (Jesus), to pay the penalty for all of our sins.

“All inhabitants of the earth will worship the beast, all whose names have not been written in the Lamb’s book of life, the Lamb who was slain from the creation of the world.” (Revelation 13:8)

sacrificial-lamb

A New Beginning, A New Life

“By the word [davarof the LORD the heavens were made, their starry host by the breath of His mouth.” (Psalm 33:6)

The New Covenant book of Yochanan (John) echoes the Creation story. The very first word of this book is the very same first word found in this Torah portion: Be’resheet (In the Beginning): In the beginning [B’resheet] was the Word (HaDavar), and the Word was with God, and the Word was God. He was in the beginning with God. All things were made through Him, and without Him nothing was made that was made… And the Word became flesh and dwelt among us.” (John 1:1-3, 14)

Yeshua was there at the beginning, and Yochanan describes Him as the agent of creative power, the power that made everything through the spoken word (davar).

It is also through Yeshua, who is called HaDavar (the Word), that we enter into a relationship with God and our true conversation with Him begins.

When we accept Yeshua, HaDavar has a home in our hearts. This means we are born again and given a new beginning as a child of the Heavenly Father, the God of the Universe.

A New Beginning A New Life

To watch a video of the sermon in English, please click on the link below:

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Shabbat Shalom!

B’RESCITH (In Principio)

Porzione di Torah: Genesi 1:1-6:8 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Isaia 42:5-43:10 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento): Giovanni 1:1-18; Apocalisse 22:6-21

In principio [B’reshith] Dio [Elohim] ha creato i cieli e la terra” (Genesi 1:1)

Non è forse meraviglioso avere un nuovo inizio? Avere un’opportunità di ricominciare?

Questo è il prezioso dono che ci viene dato ogni anno al completamento delle feste Ebraiche con la Simchat Torah (Gioire del dono della Torah), quando iniziamo il nostro ciclo di (porzioni o studi della Torah) Parashiot da capo, fin dall’inizio.

Le porzioni settimanali della Torah adottano i loro nomi dalla prima parola Ebraica scritta nel libro che appare nella lettura, invece che trarre nome dal significato o contesto della lettura stessa. Sia questo primo Parasha nel ciclo annuale di letture della Torah che il primo libro della Bibbia prendono il nome dalla prima parola unica nel testo, B’reshith, il che significa in principio. In Italiano, il libro di B’reshith è chiamato Genesi.

Una Buona Creazione

Parasha B’reshith si apre con una narrazione drammatica e ispiratrice della creazione del nostro mondo.

In meno di 31 versi e 469 parole, la Genesi descrive come Dio trasforma la confusione e il vuoto (tohu v’vohuתֹהוּ וָבֹהוּ) e crea un perfetto, delicato equilibrio dell’ordine e della bellezza.

“La terra era informe e vuota [tohu v’vohu] e le tenebre coprivano la faccia dell’abisso; e lo Spirito di DIO aleggiava sulla superficie delle acque.” (Genesi 1:2)

In questa prima Parasha, la Ruach Elohim (רוּחַ אֱלֹהִים Lo Spirito di Dio) si sposta sopra le acque (mayim) come Dio separa la luce dalle tenebre e la terra dall’acqua. Egli crea la vegetazione e le creature, i pesci del mare e gli uccelli del cielo, così come gli animali terrestri.

Adonai guarda tutto ciò che ha fatto e lo dichiara buono; tuttavia, non è finito. Il sesto e ultimo giorno della creazione, Dio produce il primo essere umano,  Adamo (אָדָם), Dalla polvere della terra (adamah אדמה).

“Allora l’Eterno Dio formò l’uomo [Adamo] dalla polvere della terra [Adamah], gli soffiò nelle narici un alito di vita, e l’uomo divenne un essere vivente.”  Genesi 2:7)

Si noti nell’emettere il suo respiro nell’uomo, Dio trasforma Adamo in una “anima vivente”, un essere di carne e sangue, con personalità, emozioni e desideri. Contenuto nel nome del primo “uomo” sulla terra è la parola radice Ebraica diga דָם  sangue). Questa non è una coincidenza, dal momento che Dio ci dice spesso che la vita è nel sangue (Genesi 9:4; Deuteronomio 12:23; Levitico 17:11).

Si noti anche che il genere umano, sia maschile che femminile, è creato ad immagine e somiglianza di Dio.

In Ebraico usiamo la parola b’tzelmo (בְּצַלְמוֹ che significa a sua immagine). La radice Ebraica tzelem (Immagine) è stata usata nella moderna lingua Ebraica come a significare scattare una fotografia o fare una fotocopia, e non v’è una somiglianza né familiarità molto precisa tra noi e il nostro Celeste Abba (Padre).

“Così DIO creò l’uomo [Adam אָדָם ] a sua immagine [b’tzelmo]; lo creò a immagine di DIO [b’tzelem Elohim]; li creò maschio [Zachar] e femmina [nikeivah].” (Genesi 1:27)

Nell’Immagine di Dio: Creatività

Mentre non assomigliamo necessariamente a Dio nei nostri corpi fatti di polvere, noi assomigliamo a Lui nelle nostre anime e nello spirito. Uno dei modi in cui assomigliamo a Dio è la nostra capacità di creatività. Proprio come Dio si è deliziato nel processo creativo della terra e della vita, così c’è una qualità innata all’interno di ogni essere umano anche per essere creativi, che può esprimersi non solo come arte, scrittura o musica, ma anche pensiero strategico, ingegneria, programmazione, eccetera.

Ma come ha fatto Dio a creare l’universo? La Bibbia dice che Egli ha parlato usando parole. Per questo motivo ogni atto di creazione inizia con la frase “E Dio disse …”

“E Dio disse: ‘Sia la luce.’ E c’era luce.” (Genesi 1:3)

Anche se non siamo dei, come alcuni nel movimento New Age affermano, abbiamo in Lui un potere creativo nelle nostre parole. Anche il potere della vita e della morte è nella lingua! (Proverbi 18:21)

Vediamo questo principio al lavoro quando Dio dice agli Israeliti di dare loro ciò che avevano dichiarato con le proprie parole. Hanno incoraggiato l’incredulità e la disobbedienza e hanno dichiarato la morte su sé stessi. Il risultato delle loro parole inedite è che l’intera generazione è andata perduta nel deserto.

“Di’ loro: Come è vero che io vivo dice l’Eterno, io vi farò quello che ho sentito dire da voi. I vostri cadaveri cadranno in questo deserto; voi tutti che siete stati recensiti, dall’età di vent’anni in su, e che avete mormorato contro di me.” (Numeri 14:28-29)

Tenendo presente questo aspetto, controlliamo attentamente la nostra bocca e controlliamo le nostre parole, perché hanno il potere di creare buone cose nella nostra vita e nella vita degli altri, o causare distruzione. (Proverbi 15:4)

Inoltre, la Parola di Dio pronunciata nella fede è potente ed efficace per creare la luce nell’oscurità e nell’ordine fuori dalla confusione e dal vuoto. All’inizio, tutto nella creazione di Dio ha funzionato perfettamente e tutto ha avuto un perfetto senso. Egli aveva dichiarato tutto in esistenza nella fede, nella speranza e nell’amore.

Sei Giorni di Lavoro, un Giorno di Riposo

Dopo sei giorni di creazione attiva, Dio ha istituito il settimo giorno di Sabato, un tempo per cessare il lavoro e semplicemente riposarsi e trovare ristoro in Lui. 

“Pertanto il settimo giorno, DIO terminò l’opera che aveva fatto, e nel settimo giorno si riposò da tutta l’opera che aveva fatto. E DIO benedisse il settimo giorno e lo santificò, perché in esso DIO si riposò da tutta l’opera che aveva creato e fatto.” (Genesi 2:2-3) 

Questa santa giornata di riposo è così importante che Dio la ha incluso nella Aseret HaDevarim (Dieci Parole o comandamenti), scalpellando queste parole sulle tavole di pietra date a Mosè: “Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Lavorerai sei giorni e in essi farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è sabato, sacro all’Eterno, il tuo DIO; non farai in esso alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo servo, né la tua serva, né il tuo bestiame, né il forestiero che è dentro alle tue porte; poiché in sei giorni l’Eterno fece i cieli e la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, e il settimo giorno si riposò; perciò l’Eterno ha benedetto il giorno di sabato e l’ha santificato” (Esodo 20:8-11)

Il Problema della Solitudine

“Poi l’Eterno DIO disse: “Non è bene che l’uomo sia solo; io gli farò un aiuto conveniente a lui.” (Genesi 2:18)

Quando Adonai inserì l’uomo nel Gan Eden (Giardino dell’Eden), dichiarò che non è buono per un uomo essere solo. Ha visto l’esigenza dell’uomo di un aiutante, controparte e compagna; quindi, Dio ha posto Adamo in un sonno profondo e ha preso da lui una costola per creare un partner adatto per lui.

“Allora l’Eterno DIO fece cadere un profondo sonno sull’uomo, che si addormentò; e prese una delle sue costole, e rinchiuse la carne al suo posto. Poi l’Eterno DIO con la costola che aveva tolta all’uomo ne formò una donna e la condusse all’uomo.” (Genesi 2:21-22)

Un saggio Ebreo del secondo secolo, Dosetai ben Yaanai, ha scritto che è naturale che un uomo cerchi una donna. Perché? Perché cerca ciò che ha perso (la sua costola). In Ebraico, l’uomo è chiamato ish e la donna, isha, la forma femminile di ish. Dio usa questo termine quando corteggia Israele e promette un tempo in cui Israele lo vedrà con affetto, piuttosto che stare a distanza da Lui, considerandolo come una figura di autentica autorità.

“In quel giorno avverrà, dice l’Eterno, che tu mi chiamerai: “Marito mio” e non mi chiamerai più: “Mio Ba’ali (Il mio Maestro).” (Osea 2:16)

Dio vuole che Israele lo serva per amore, amore come quello di una donna per suo marito. Allo stesso modo, il Suo amore per Israele è quello di un marito devoto e affettuoso. Inoltre, Dio è estremamente preoccupato per le nostre intime relazioni, con Lui e tra noi. Vuole che i nostri rapporti siano guidati dall’amore e dalla devozione, non dominati dal dominio, dal controllo, dalla manipolazione e dalla coercizione. E poiché le buone relazioni e la purezza sono così preziose, l’Ebraismo ha un metodo efficace per trovare compagni per singoli che non è comune nel mondo non Ebraico.

Il sistema Ebraico di shidduchim (Matrimoni organizzati) tenta di portare insieme uomini e donne Ebrei allo scopo del matrimonio. Creare un’unione shidduch  (relazione organizzata) è considerata un grande mitzvah (buona azione) nell’Ebraismo. 

Anche se il versetto che descrive Chavah (Eva) la ha interpretata come “aiutante” o “compagna”, la parola usata per il ruolo di una moglie in Genesi 2:18 è ezer kenegdoche significa letteralmente aiuto contro di lui. Il commentatore medioevale di Torah Rashi commenta questo testo, dicendo: “Se egli [Adamo] è degno, [sarà] un aiuto [ezer]. Se non è degno [sarà contro di lui [kenegdo] per conflitto”.

La parola ezer significa protettore, una guardia, un aiuto, e aiutare. Quindi possiamo capire da questo testo che aiutare un marito non significa sempre accettare. Una donna non è stata creata per essere una persona che dice sempre di sì. Ci sono momenti in cui deve stare in opposizione a suo marito se questi sta progettando qualcosa di ingiusto. Possiamo vedere l’esempio della moglie di Haman nel libro di Ester che ha cercato di avvertire suo marito che i suoi tentativi di distruggere Mordechai non avrebbero mai avuto successo perché erano di origine Ebraica. A suo danno, l’Haman antisemita non ha ascoltato la sua ezer kenegdo.

Inoltre, essere moglie non significa che la donna sia meno importante o inferiore al marito. Dopo tutto, la Ruach HaKodesh (Spirito Santo) è anche chiamato  L’aiutante. E mentre è l’aiuto nella nota delle Scritture, l’aggiunta di “kenegdo” alla parola “ezer” rivela che la posizione della moglie è una posizione di uguaglianza.

La Caduta nel Giardino

Purtroppo, a causa di un inganno di un serpente, Eva ha peccato e Adamo ha peccato poco dopo di lei; l’umanità è passata dalla grazia alla vergogna in un solo giorno! Adamo ha incolpato Eva e Eva ha accusato il serpente, e da allora uomini e donne hanno puntato il dito l’un contro l’altro. Lì, nel Giardino, per la prima volta nella storia umana, vediamo l’emersione della vergogna.  La vergogna è venuta fuori dalla paura dell’ira di Dio. Nella sua totale umiliazione, Adam si nascondeva tra gli alberi, resosi conto di essere nudo. Dalla loro esistenza utopica, riparata e innocente nel Giardino dell’Eden, Adamo ed Eva sono stati spinti in un mondo crudele e indifesi davanti alle sofferenze e ai dolori. Essere cacciati dal Giardino impediva loro di mangiare dall’Albero della Vita nel loro stato. Così facendo si sarebbe trasformato il loro stato temporaneo di peccato in un stato eterno di peccato. 

La porta bloccata del Giardino ha effettivamente aperto la porta per la redenzione nella pienezza del tempo. Velocemente l’ordine e la bellezza della creazione di Dio si sono deteriorati nella degenerazione morale, fino al punto di fratello che uccide il fratello (Caino e Abele). Con l’umanità spiritualmente separata da Dio che stabilisce da sola cosa è bene per sé stessa e cosa è male senza Dio, solo nei sei capitoli del libro di B’reisheet, l’umanità è scesa a tali profondità di peccato, con depravazione e la violenza che il cuore di Dio è rotto al punto tale da rammaricarsi di avere creato l’umanità.

La buona notizia è comunque quella che nessuno di questi eventi sono stati una sorpresa per Dio. Anche prima che i fondamenti della terra venissero posati, Dio aveva un piano di redenzione. Dio ha mandato il Suo unico figlio, Yeshua (Gesù), a pagare la pena per tutti i nostri peccati.

“E l’adoreranno tutti gli abitanti della terra, i cui nomi non sono scritti nel libro della vita dell’Agnello, che è stato ucciso fin dalla fondazione del mondo” (Apocalisse 13:8).  

 

Un Nuovo Inizio, una Nuova Vita 

 

“I cieli furono fatti per mezzo della parola [Davar] dell’Eterno, e tutto il loro esercito mediante il soffio della sua bocca.” (Salmo 33:6)

 

Il libro del Nuovo Patto di Yochanan (Giovanni) echeggia la storia della Creazione. La prima parola di questo libro è la stessa prima parola trovata in questa parte di Torah: B’reshith (In Principio): Nel principio [B’reshith] era la Parola [HaDavar] e la Parola era presso Dio, e la Parola era Dio. Egli (la Parola) era nel principio con Dio. Tutte le cose sono state fatte per mezzo di lui (la Parola), e senza di lui nessuna delle cose fatte è stata fatta. E la Parola si è fatta carne ed ha abitato fra di noi, e noi abbiamo contemplato la Sua gloria, come gloria dell’unigenito proceduto dal Padre, piena di grazia e di verità” (Giovanni 1:1-3, 14) 

Yeshua era nella creazione sin dall’inizio, e Yochanan lo descrive come l’agente del potere creativo, il potere che ha fatto tutto attraverso la parola (Davar). È anche attraverso Yeshua, che è chiamato HaDavar (la Parola), che entriamo in un rapporto personale con Dio e la nostra vera conversazione con Lui inizia da qui. Quando accettiamo Yeshua (Gesù) come nostro Salvatore, HaDavar entra e trasforma i nostri cuori di pietra in cuori fatti di carne. Ciò significa che siamo nati di nuovo e che ci è stato dato un nuovo inizio come figli del Padre celeste, il Dio dell’universo.

Per vedere un video del sermone in Italiano, clicca sul link sottostante:

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore clickate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

One thought on “Torah Portion B’RESHEET

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s