Sukkot Shabbat

(L’Italiano segue sotto)

Moadim L’Simcha (Appointed Times for Joy) 

and SHABBAT SHALOM!

During the weeklong festival of Sukkot (Tabernacles), the regular Parasha (Torah portion) for Shabbat is suspended, and a special Parasha pertaining to the holiday is read in synagogues around the world.

Shabbat Sukkot

Please read along with us and learn how Sukkot represents the sheltering presence of God. We know you will be blessed, especially in light of current events!

Shabbat Chol Hamoed Sukkot

Torah Portion: Exodus 33:12-34:26

Haftarah (Prophetic Portion): Numbers 29:17-25; Ezekiel 38:18-39:16

Brit Chadashah (New Covenant/Testament): Revelation 21:1-22:21; John 7:37-44

“Behold, I make a covenant: before all your people I will do marvels, such as have not been done in all the earth, nor in any nation: and all the people among whom you are shall see the work of the Lord: for it is an awesome thing that I will do with you.” (Exodus 34:10)

In this special Sukkot reading, Moses asks that God’s presence would go with Israel, and God agrees.

Encouraged by this positive response, Moses also asks to see God’s glory. Once again, God graciously complies with his request and invites Moses to ascend Mount Sinai with two newly cut stone tablets so that He can re-carve the Ten Commandments.

On the mountain, God reveals His glory to Moses in such a fearsome spectacle of power that God must protect Moses from being destroyed by it.

“There is a place near Me where you can stand on a rock. When My glory passes by, I will put you in an opening in the rock.  I will cover you with My hand until I have passed by. Then I will remove My hand. You will see My back. But My face must not be seen.” (Exodus 33:21-23)

It’s clear that Moses, having experienced the power of the presence of God, understands that His presence is more than sufficient against any threat Israel might encounter inside or outside of the Promised Land.

Gog and Magog: Challenging the Restoration of Israel

Gog and Magog

 

 

 

 

 

“This is what will happen in that day: When Gog attacks the land of Israel, My hot anger will be aroused.” (Ezekiel 38:18)

In the Haftarah (prophetic portion) for this Shabbat Chol Hamoed (intermediate day of the festival) of Sukkot, the Hebrew prophet Ezekiel describes an end-time scenario in which formidable armies from the north, under the leadership of Gog, will challenge the restoration of Israel.

Gog is a chief prince living in the land of Magog (Ezekiel 38:2). Many scholars believe Magog refers to Russia. The invading land of Gomer is often believed to be Germany.

Several lands in the coalition army are easily identifiable: Iran (Persia), Northern Sudan (ancient Ethiopia or Cush), Libya (Put), and Turkey (Togarmah).

Two years ago at this time, Russia made significant moves into the Middle East, reportedly to fight against ISIS. Last year, however, it negotiated its first “permanent” air base in the region at Khmeimim and has access to the naval base in Tartus, Syria. 

In effect, Russia has become a major military broker in the region. It is right now on the doorstep of Israel, along with Iranian forces, and they both would like to stay.

The nations mentioned in Ezekiel 38 will unite and come upon Israel “like a cloud that covers the land” for the purpose of looting the wealth that she has amassed in what was a desolate land only seventy years ago.

Yet, God will not abandon His people. He will utterly destroy the coalition forces of Gog so that all nations will come to know the holiness of the Lord (Ezekiel 38:18–23).

The forces that come against Israel will be so large in their day of defeat that Gog’s weaponry will provide fuel for Israel for seven years (Ezekiel 39:9).

“They will not need to gather wood from the fields or cut it from the forests, because they will use the weapons for fuel. And they will plunder those who plundered them and loot those who looted them, declares the Sovereign LORD.” (Ezekiel 39:10)

Moreover, so many soldiers will die in this battle that it will take seven months for Israel to bury them all and cleanse their land (Ezekiel 39:12).

Sukkot and the Protective Covering of God

Why do we read about this end-time battle during Sukkot?

According to Rabbinic tradition, this war will be waged during the month of Tishri, the month in which the holiday of Sukkot (Feast of Tabernacles) falls.

Interestingly enough, the war that is described in Ezekiel is similar to the war described in the 14th chapter of Zechariah, the Haftarah reading on the first day of Sukkot. And in Zechariah we learn that the  Gentiles who survive the war against Israel will be required to keep Sukkot annually by coming up to the Holy City of Jerusalem to worship the Lord. 

“Then the survivors from all the nations that have attacked Jerusalem will go up year after year to worship the King, the Lord Almighty, and to celebrate the Feast of Tabernacles [Sukkot]. If any of the peoples of the earth do not go up to Jerusalem to worship the King, the Lord Almighty, they will have no rain.” (Zechariah 14:16-17)

Psalm 27 presents a clear connection between Sukkot and God’s protection of Israel and those who trust in Him: “For in the day of trouble He will conceal me in His tabernacle [sukkah]; In the secret place of His tent He will hide me; He will lift me up on a rock.” (Psalm 27:5)

The word translated here as tabernacle is the Hebrew word sukkah (סכה). When evil threatens God’s people, He will hide them in His sukkah, inaccessible from the enemy on the rock of His presence.

Now that is a promise we can trust in during these last days!

The Battle of Armageddon

ESUS

“When the thousand years are over, Satan will be released from his prison, and will go out to deceive the nations in the four corners of the earth, Gog and Magog, to gather them for battle.” (Revelation 20:7-8)

Gog and Magog are also mentioned in the Brit Chadashah (New Testament) in connection with Armageddon and the final battle between the forces of good and evil.

This war with Gog and Magog is not the same war described in Ezekiel 38 but a final end-time battle after the thousand-year reign of Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah).

The Son of David, Yeshua, will come again, this time as our conquering Messiah to defeat the invading forces forever. All who have believed in their Savior, Yeshua, will inherit eternity in the New Jerusalem, a revived Garden of Eden complete with trees of life and pure living water that will be good to eat and drink forever.

Armageddon is mentioned only once in the Brit Chadashah (New Testament) in chapter 16 of the Book of Revelation.

“They are spirits of demons performing miraculous signs, and they go out to the kings of the whole world, to gather them for the battle on the great day of God Almighty…. Then they gathered the kings together to the place that in Hebrew is called Armageddon.” (Revelation 16:14, 16)

The word Armageddon is derived from Har Magedon (meaning Mountain of Megiddo) and is mentioned many times in the Tanakh (Old Testament).

Megiddo is derived from the Hebrew word gadad, meaning to penetratemuster troops together, perhaps even invade.

In this end-time invasion, we once again see Israel’s enemies mounting a war against Jerusalem. This time, however, we see the spiritual forces behind the rebellion against God: “They had as king over them the angel of the Abyss, whose name in Hebrew is Abaddon, and in Greek, Apollyon.” (Revelation 9:11)

The words Abaddon and Apollyon mean Destroyer.

And this time, God pours out on the Destroyer and all rebels the full extent of His judgment, including everlasting torment for Satan, the beast and the false prophet.

“They marched across the breadth of the earth and surrounded the camp of God’s people, the city He loves. But fire came down from heaven and devoured them. And Satan, who deceived them, was thrown into the lake of burning sulfur, where the beast and the false prophet had been thrown. They will be tormented day and night forever and ever.” (Revelation 20:9-10)

With an Outstretched Arm

As we read how God will hurl His fury against Gog with pestilence and with blood, floods, giant hailstones, fire and brimstone, it’s easy to see from this Haftarah portion that God is furious with those who come against the land of Israel (Ezekiel 38:22).

In fact, there are several parallels between God’s deliverance of Israel from Egypt long ago and His future deliverance of Israel from Gog in the end times. In both, we see that God saves and rescues Israel with a strong hand and with an outstretched arm.

The phrase with a strong hand and an outstretched arm (בְּיָ֣ד חֲ֭זָקָה וּבִזְר֣וֹעַ נְטוּיָ֑ה) has special meaning in Jewish tradition. It represents God using His power on behalf of His people. The “arm of the Lord” also represents His salvation, which in Hebrew is Yeshua.

“You brought your people Israel out of Egypt with signs and wonders, by a mighty hand and an outstretched arm and with great terror.” (Jeremiah 32:21, see also Deuteronomy 4:34; 26:8; Exodus 6:6)

As Russia expands its influence in the region and neighboring nations plot to annihilate Israel, there is certainly evidence that Ezekiel 38 is on the horizon. Yet, this Sukkot Parasha reveals that God’s Divine Sheltering Presence over Israel has not ended but will continue past the end of this age.

God is not finished with the Jewish people and Israel. This is plainly evident when we consider how Bible prophecy concerning Israel is being fulfilled during these end times before our very eyes.

The Brit Chadashah (New Covenant) also tells us that God’s plan to reach out to the nations through Israel did not end with the death and resurrection of Messiah, but continues to this day and will in the world to come: “For if their casting Yeshua [Jesus] aside means reconciliation for the world, what will their accepting Him mean? It will be life from the dead!” (Romans 11:15)

The Book of Romans promises that when the Jewish people come to know Yeshua, it will be like life from the dead for the world. 

Before this can happen, however, they must first hear the Good News of Yeshua!

“How can they call on Him unless they believe in Him? How can they believe in Him unless they hear about Him? How can they hear about Him unless someone preaches to them” (Romans 10:14)

To listen to our Shabbat service for today, please click on the link below:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

 

Moadim L’Simcha (Nominati Tempi di Gioia) e SHABBAT SHALOM!

Durante il festival settimanale di Sukkot (Festa dei Tabernacoli), la regolare Parasha (Porzione di Torah) per lo Shabbat è sospesa, e un Parasha particolare per la Festività viene letta nelle sinagoghe di tutto il mondo. Vi preghiamo di leggere con noi e imparare come Sukkot rappresenta la presenza protettiva di Dio. Sappiamo che sarete benedetti, soprattutto alla luce degli eventi attuali! 

Shabbat Chol Hamoed Sukkot 

Porzione di Torah: Esodo 33:12-34:26 

Porzione di Haftarah (Porzione Profetica): Numeri; 29:17-25 Ezechiele 38:18-39:16 

Brit Chadashah (Nuovo Patto/Nuovo Testamento): Apocalisse 21:1-22:21; Giovanni 7:37-44

“L’Eterno rispose: “Ecco, io faccio un patto: Farò davanti a tutto il popolo prodigi, che non sono ma stati fatti su tutta la terra né in alcuna nazione; e tutto il popolo in mezzo al quale ti trovi vedrà l’opera dell’Eterno, perché è tremendo ciò che io sto per fare con te.” (Esodo 34:10) 

In questa speciale lettura di Sukkot, Mosè chiede che la presenza di Dio vada con Israele e Dio ascolta la sua preghiera. Incoraggiato da questa risposta positiva, Mosè chiede anche di vedere la gloria di Dio. Ancora una volta, Dio rispetta con grazia la sua richiesta e invita Mosè ad ascendere Monte Sinai con due tavole di pietra di recente taglio in modo che possa re-incidere i Dieci comandamenti. Sulla montagna, Dio rivela la Sua gloria a Mosè in un incredibile spettacolo di potere che Dio deve proteggere Mosè dall’essere distrutto da esso.

“Quindi l’Eterno disse: “Ecco un luogo vicino a me; tu starai sulla roccia; e mentre passerà la mia gloria, io ti metterò in una fenditura della roccia e ti coprirò con la mia mano, finché io sia passato; poi ritirerò la mano e mi vedrai di spalle; ma la mia faccia non si può vedere” (Esodo 33:21-23). 

È chiaro che Mosè, dopo aver sperimentato la potenza della presenza di Dio, capisce che la Sua presenza è più che sufficiente contro qualsiasi minaccia che Israele possa incontrare dentro o fuori dalla Terra Promessa.

Gog e Magog: la Sfida di Satana Contro la Restaurazione di Israele

“Ma avverrà in quel giorno, nel giorno in cui Gog, verrà contro la terra d’Israele”, dice il Signore, l’Eterno. “che il mio furore mi salirà alle narici.”  (Ezechiele 38:18)

Nell’Aftarah (porzione profetica) di questo Shabbat Chol Hamoed (giorno intermedio della festa) di Sukkot, il profeta Ebraico Ezechiele descrive un scenario finale in cui formidabili eserciti del nord, sotto la guida di Gog, sfideranno la restaurazione di Israele. Gog è un principe che vive nella terra di Magog (Ezechiele 38: 2). Molti studiosi ritengono che Magog si riferisca alla Russia. La terra invasiva di Gomer è spesso ritenuta la Germania. Numerose terre parti dell’esercito della coalizione sono facilmente identificabili: l’Iran (Persia), il Sudan settentrionale (antica Etiopia o Cush), la Libia (Put) e la Turchia (Togarmah).

Due anni fa in questo momento, la Russia ha fatto importanti movimenti in Medio Oriente, per combattere contro l’ISIS. L’anno scorso, però , ha negoziato la sua prima base aerea “permanente” nella regione in Khmeimim e ha accesso alla base navale a Tartus, in Siria. In effetti, la Russia è diventata uno dei principali broker militari nella regione. È in questo momento alle porte di Israele, insieme con le forze Iraniane, ed entrambi vorrebbero rimanere nel territorio. 

Le nazioni menzionate in Ezechiele 38 si uniranno e scenderanno dal nord contro Israele “come una nuvola che copre il paese” ai fini di saccheggio della ricchezza che Israele ha accumulato in quello che era una terra desolata solo 70 anni fa. Dio non abbandonerà il Suo popolo. Egli distruggerà definitivamente le forze di coalizione di Gog affinché tutte le nazioni conosceranno la santità del Signore (Ezechiele 38:18-23).

Le forze che vengono contro Israele saranno così grandi nella loro giornata di sconfitta che l’arma di Gog fornirà carburante per Israele per sette anni  (Ezechiele 39:9).

“Non dovranno prendere legna dalla campagna e neppure tagliarne nelle foreste, perché faranno fuoco con quelle armi, così spoglieranno quelli che li spogliavano e prederanno quelli che li predavano”, dice il Signore, l’Eterno.” (Ezechiele 39:10)

Inoltre, tanti soldati moriranno in questa battaglia che ci vorranno sette mesi perché Israele li seppellisca tutti e purifichi la terra di Israele (Ezechiele 39:12).

Sukkot e la Copertura Protettiva di Dio

Perché leggiamo di questa battaglia della fine dei tempi durante Sukkot? Secondo la tradizione rabbinica, questa guerra sarà condotta nel corso del mese di Tishri, il mese in cui si celebra la festa di Sukkot (Festa dei Tabernacoli). È interessante notare che la guerra descritta in Ezechiele è simile alla guerra descritta nel 14mo capitolo di Zaccaria, nella lettura dell’Haftarah del primo giorno di Sukkot. E in Zaccaria impariamo che i Gentili che sopravvivranno alla guerra contro Israele saranno tenuti a mantenere ogni anno Sukkot venendo alla Santa Città di Gerusalemme per adorare il Signore. 

“E avverrà che ogni sopravvissuto di tutte le nazioni venute contro Gerusalemme salirà di anno in anno ad adorare il Re, l’Eterno degli eserciti, e a celebrare la festa delle Capanne. E avverrà che, se qualche famiglia della terra non salirà a Gerusalemme, per adorare il Re, l’Eterno degli eserciti su di essa non cadrà alcuna pioggia.” (Zaccaria 14:16-17).

Il Salmo 27 da una chiara connessione tra Sukkot e la protezione di Dio su Israele e su chi confida in Lui: “Perché nel giorno dell’avversità egli mi nasconderà nel suo tabernacolo [sukkah], mi occulterà nel luogo segreto della sua dimora, mi leverà in alto sopra una roccia.” (Salmo 27:5)

La parola tradotta qui come tabernacolo è la parola Ebraica sukkah (סכה). Quando il male minaccia il popolo di Dio, li nasconde nella Sua sukkah, inaccessibile al nemico sulla roccia della Sua presenza. Questa è una promessa in cui possiamo affidarci in questi ultimi giorni!

La Battaglia di Armageddon 

“E quando quei mille anni saranno compiuti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarle per la guerra; il loro numero sarà come la sabbia del mare” (Apocalisse 20:7-8) 

Gog e Magog sono anche menzionati nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento) in connessione con Armageddon e la battaglia finale tra le forze del bene e del male. Questa guerra con Gog e Magog non è la stessa guerra descritta in Ezechiele 38 ma una battaglia definitiva dopo il regno dei mille anni di Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia). Il Figlio di Davide, Yeshua (Gesù), verrà di nuovo, questa volta come conquistatore e Messia sconfiggendo le forze dell’invasore per sempre. Tutti coloro che hanno creduto in Lui, come Salvatore, erediteranno l’eternità nella Nuova Gerusalemme, in cui il Giardino dell’Eden rivive completo dell’albero della vita e dell’acqua pura della vita che sarà buona da mangiare e bere per sempre.

Armageddon è menzionato solo una volta nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento) nel capitolo 16 del Libro dell’Apocalisse.

“Essi infatti sono spiriti di demoni che fanno prodigi e vanno dai re della terra e del mondo intero, per radunarli per la guerra del gran giorno di Dio Onnipotente.”  (Apocalisse 16:14, 16)

La parola Armageddon è derivata da Har Magedon (Montagna di Megiddo) ed è citata più volte nel Tanakh (Antico Testamento). Megiddo deriva dalla parola Ebraica  gadad che significa penetrare, radunare le truppe insieme, forse anche  invadere. In questo tempo della fine, vediamo che i nemici di Israele iniziano una guerra contro Gerusalemme. Questa volta, tuttavia, vediamo le forze spirituali dietro la ribellione contro Dio: “E avevano per re sopra di loro l’angelo dell’abisso, il cui nome in Ebraico è Abaddon e in greco Apollion.” (Apocalisse 9:11)

Le parole Abaddon e Apollyon significano Distruttore.

E questa volta, Dio versa sul Distruttore e tutti i ribelli l’estensione del suo giudizio, incluso il tormento eterno per Satana, la bestia e il falso profeta.

“Esse si muoveranno su tutta la superficie della terra e circonderanno il campo dei santi e la diletta città. Ma dal cielo scenderà fuoco, mandato da Dio, e le divorerà. Allora il diavolo, che le ha sedotte sarà gettato nello stagno di fuoco e di zolfo, dove sono la bestia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte, nei secoli dei secoli”. (Apocalisse 20:9-10)

Con un Braccio Teso

Mentre leggiamo come Dio lancerà la sua furia contro Gog con pestilenza e con sangue, inondazioni, grandine, fuoco e zolfo, è facile vedere da questa porzione di Haftarah, che Dio è furioso con coloro che vengono contro la terra di Israele  (Ezechiele 38:22).

In realtà, ci sono diversi paralleli tra la liberazione di Dio di Israele dall’Egitto avvenuta molto tempo fa e la sua futura liberazione di Israele da Gog nei tempi finali. In entrambi, vediamo che Dio salva Israele con una mano forte e con braccio teso.

La frase con mano potente e braccio teso (בְּיָ֣ד חֲ֭זָקָה וּבִזְר֣וֹעַ נְטוּיָ֑הha uno speciale significato nella tradizione Ebraica. Esso rappresenta Dio che usa il Suo potere per conto del Suo popolo. Il “braccio del Signore” rappresenta anche la Sua Salvezza, che in Ebraico è Yeshua.

“Tu facesti uscire il tuo popolo dal paese d’Egitto con segni e prodigi, con mano potente e braccio disteso e con grande terrore.” (Geremia 32:21, vedi anche Deuteronomio 4:34, 26:8, Esodo 6:6) 

Mentre la Russia espande la sua influenza nella regione e le nazioni vicine complottano per annientare Israele, c’è certamente la prova che Ezechiele 38 è all’orizzonte. Tuttavia, questa parasha di Sukkot rivela che la Presenza divina di Salvezza di Dio su Israele non è finita, ma continuerà oltre la fine di questa epoca.

Dio non ha finito con il popolo Ebraico e Israele. Questo è chiaramente evidente quando consideriamo come le profezie della Bibbia riguardo a Israele si stanno realizzando in questi ultimi tempi sotto i nostri occhi. Anche la Brit Chadashah (Nuova Alleanza) ci dice che il piano di Dio per raggiungere le nazioni attraverso Israele non si è concluso con la morte e la risurrezione del Messia, ma esso continua ancora oggi e sarà nel mondo a venire: “Infatti, se il loro rigetto è la riconciliazione del mondo, che sarà la loro riammissione, se non la vita dai morti?” (Romani 11:15)

Il Libro dei Romani promette che quando il popolo Ebraico conoscerà Yeshua, sarà come ritorno alla vita dalla morte per il mondo. Prima che ciò possa accadere, però, Israele deve ascoltare la buona notizia di Yeshua!

“Come dunque invocheranno colui nel quale non hanno creduto? E come crederanno in colui del quale non hanno udito parlare? E come udiranno, se non c’è chi predichi” (Romani 10:14)

Per ascoltare il sermone di oggi, per favore clickate sul link sottostante:

Support Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy/Supporta Beit Shalom Congregazione Messianica, Pozzuoli, Napoli, Italia

Beit Shalom Messianic Congregation, Pozzuoli, Naples, Italy is a unique Messianic Congregation and Place of Worship for Jews in the Messiah Yeshua and gentiles with a heart for Israel, where they can find a shelter during time of persecution. Thanks for your donation that helps us to fulfil Hashem’s plan in the lives of His People in Israel and the diaspora. La Congregazione Messianica Beit Shalom, Pozzuoli, Napoli, Italia è una congregazione e luogo di culto Messianici unici per gli Ebrei nel Messia Yeshua e i Gentili con un cuore per Israele, dove possono trovare rifugio durante i periodi di persecuzione. Grazie per la tua donazione che ci aiuta a realizzare il piano di Hashem nella vita del Suo popolo in Israele e nella diaspora.

€100.00

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s